Games

Dissidia Final Fantasy NT – Recensione

In parte brawler, a tratti gioco di ruolo e, ancora, un picchiaduro a squadre decisamente tecnico: ecco la ricetta di Team Ninja Koei Tecmo per Dissidia Final Fantasy NT. Se già le sessioni beta svoltesi negli ultimi mesi avevano convinto, il prodotto finale conferma le prime impressioni: è sicuramente un titolo che merita attenzione anche dai giocatori che non hanno mai ceduto al fascino della saga di Square Enix. Aldilà dell’indubbio appeal esercitato da così tanti protagonisti di quella che è una delle serie storiche del panorama videoludico Dissidia Final Fantasy NT ha molto da offrire, a cominciare dalla trama che regge la storia dietro al gioco. Insomma, parliamoci chiaro: è fan service, è palese, ma è un fan service che funziona e convince!

Dissidia final Fantasy NT

Cercando di evitare nocumentosi spoiler, parliamo velocemente della storia. Le cose stanno più o meno così: tutti gli eroi (e gli antagonisti, ovviamente), sicuri di aver compiuto il loro dovere nelle terre di Cosmos, vengono richiamati improvvisamente indietro da una nuova divinitàMateria. I nostri eroi ascoltano l’appello di questa entità e accettano di schierarsi contro Spiritus. Assurto al ruolo che prima era di Chaos, questa entità ha raccolto accanto a se tutti i “cattivi” dell’universo di Final Fantasy e sarà compito degli eroi, riuniti sotto il vessillo di Materia, porre un freno alla distruzione che minaccia quelle terre. Progredendo nella campagna, però, ci si accorge che forse non tutto è come sembra e che non tutti gli amici sono tali.

Come ci era stato mostrato in fase beta per progredire nella campagna di Dissidia Final Fantasy NT sarà necessario utilizzare particolari oggetti chiamati Memoriae. Combattendo faremo salire di livello il nostro personaggio, garantendoci così l’accesso alle preziose Memoriae e quindi ai successivi capitoli della storia. Questa sarà narrata in modo abbastanza passivo, preferendo filmatisessioni di gameplay: non picchierete molto durante la campagna, ma ogni duello sarà una vera sfida, al termine della quale avrete il vostro premio: scoprire la verità dietro le macchinazioni di MateriaSpiritus.

Archiviata la componente narrativa è il momento di passare ad argomenti più tecnici. Rompiamo il ghiaccio parlando del gameplaytecnicoprofondofrenetico quanto basta riesce a fondere al meglio le caratteristiche di generi apparentemente agli antipodi tra loro per ottenere un mix molto interessante. La componente strategica del gioco si palesa già durante la selezione del personaggio: i ventotto combattenti sono divisi in classi, ognuna con le sue peculiaritàpunti di forzatalloni d’Achille. Avranno spazio personaggi specializzati nel causare danno e distruzione tra le fila nemiche, gli Assaltatori, che a fronte di una capacità offensiva e difensiva elevate sono particolarmente lenti nei movimenti e vulnerabili alle alterazioni di stato. Troviamo poi i Tiratori, combattenti specializzati perlopiù in arti arcane e che attaccano dalla distanza; mediamente veloci, bastano però pochi fendenti per stracciarli come un giornalino. Ci sono poi gli Specialisti, guerrieri che possono contare su abilità uniche in grado, se padroneggiate, di capovolgere le sorti di una battaglia. Non hanno un ruolo ben definito sul campo di battaglia, ma averne uno in squadra (se gestito a dovere) è sempre un sollievo, fidatevi! Rimangono gli Assassini, personaggi veloci e caratterizzati da uno stile di combattimento che ricorda da vicino le tecniche della guerriglia: avvicinarsi, colpire velocemente e sgusciare via come anguille. Come i Tiratori, anche gli Assassini non saranno particolarmente resistenti.

Dissidia final Fantasy NT

Il combat system, abbastanza articolato, si basa sull’utilizzo di due tipi di attacco: gli attacchi HP e gli attacchi Audacia. Gli attacchi Audacia, quando a segno, andranno ad incrementare la potenza dei nostri attacchi HP e, nel frattempo, a limitare la potenza di quelli dei nostri avversari. Koei TecmoTeam Ninja in questo caso sembrano aver fatto centro, ponendo l’accento del combattimento non sull’esecuzione di combo interminabili ma più sulla tecnica e sulla conoscenza del proprio personaggio. Non c’è spazio per il button mashing, non in Dissidia Final Fantasy NT.

Le modalità di gioco, non molte in realtà, risultano divertenti e abbastanza varie da non annoiare. Ovviamente la parte del leone la fa il combattimento PVP online. Le modalità di gioco sono treCaccia Al NucleoIncursioniScontro. La prima, una sorta di variante del classico capture the flag, premia specialmente i team che prediligono la pianificazione dello scontro e di fatto differisce dai vari cattura la bandiera per un paio di particolari: i giocatori dovranno distruggere un nucleo avversario, difendendo al contempo il proprio. Questi nuclei sono avvolti da una sorta di campo di forza che, se presidiato da un difensore, rende il nucleo virtualmente indistruttibile. Il gioco di squadra è quindi essenziale per allontanare gli avversari dai nuclei e quindi liberarsi la strada per raggiungere la vittoria. Le Incursioni altro non sono che la trasposizione su PlayStation 4 dell’offerta arcade di Dissidia Final Fantasy NT. Si tratta di una serie di sei scontri, una serie di match PvP contro una squadra guidata dalla CPU e di difficoltà crescente, che se superati garantiranno ai giocatori delle ricompense sottoforma di Guilpunti esperienzaMemoriaeTesori.

Parlando di Tesori una piccola digressione è d’obbligo: come ricorderete durante l’ultima beta era apparsa una nuova sezione nei menu di Dissidia Final Fantasy NT. Denominata Negozio, inaccessibile durante l’ultima fase di test, aveva scatenato la fantasia e le preoccupazioni dei giocatori riguardo l’introduzione di microtransazioni nel titolo. Ebbene, possiamo confermare che non ci sono meccanismi di questo tipo in Dissidia Final Fantasy NT e che ogni oggetto, acquistabile peraltro tramite i Guil, sarà semplicemente un orpello estetico che non andrà ad intaccare il gameplay.

Dissidia final Fantasy NT

Tecnicamente il gioco convince: tutto, dal comparto grafico alle musiche, è ben curato. Animazioni fluide, texture ben definite, un framerate solido anche nelle situazioni più concitate e ottimi effetti di luce e particellari sono i fiori all’occhiello di Dissidia Final Fantasy NT e rendono ogni scontro una esplosione di colori ed effetti speciali decisamente appagante. A questo si assomma l’impatto delle colonne sonore tratte dai diversi capitoli di Final Fantasy che ,ascoltate mentre si combatte in alcune delle più iconiche aree viste nelle varie iterazioni della saga, fomentano gli animi e risultano l’accompagnamento musicale perfetto per i frenetici duelli. Purtroppo, a fronte di tutto il buono che si può trovare, le magagne ci sono e per Dissidia Final Fantasy NT il problema è il comparto online. Il netcode è, senza giri di parole, imbarazzante e causa continue disconnessioni involontariecatastrofici casi di lag e, purtroppo, il matchmaking è anch’esso problematico: lento, apparentemente del tutto randomico e spesso fallimentare. Fortunatamente si tratta, almeno in questo caso, di cose che possono essere risolte col tempo da Ichiro Hazama e il suo team, ma in un titolo che fa comunque degli scontri online una parte importante dell’offerta questa è una cosa abbastanza grave.

In conclusione Dissidia Final Fantasy NT è forse il sogno di ogni fan della saga di Square Enix. Un roster di tutto rispetto, una storia che riesce ad essere logicagodibile anche per chi non ha mai seguito a fondo tutte le vicende dei diversi capitoli di Final Fantasy e un gameplay profondo ed articolato sono tutti punti di forza di un titolo che propone una nuova visione di picchiaduro. Ovviamente, come già detto, sarebbe stato facile scadere nel mero fan service senza aggiungere nulla all’offerta, forse anche più sicuro per Team NinjaKoei Tecmo, che sono però riuscite a creare un’esperienza di gioco tecnicamente (quasi) ineccepibile e in grado di dare grandi soddisfazioni.