• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 15

Discussione: L'ottopermille

Cambio titolo
  1. #1

    L'ottopermille

    Riflettevo sulle polemiche scatenate dal senatùr e mi sono chiesto: come funziona sto' ottopermille?
    Chiedendo in giro molti mi hanno risposto: beh guarda, sulla dichiarazione delle tasse devi indicare a chi vuoi destinare l'ottopermille.
    E se non ci scrivo niente? Se non voglio dare niente alla Chiesa e agli altri soggetti?
    Va allo Stato - mi è stato risposto.

    Siccome non ero affatto convinto di questa risposta, ho fatto u n pò di ricerche in giro e...beh, le cose stanno abbastanza diversamente e il meccanismo è molto più complicato (e io direi anche "truffaldino") di come l'hanno spiegato...

    Ecco come funziona il tutto (perso da questo sito: http://www.uaar.it/documenti/laicita/12.html


    COSA SIGNIFICA «OTTO PER MILLE»?
    Con il Concordato del 1929 lo stato italiano si impegnò a pagare direttamente lo stipendio al clero cattolico, con il meccanismo della «congrua». Ritenendolo datato, nell’ambito delle trattative per il «nuovo» Concordato si decise un nuovo meccanismo di finanziamento alla Chiesa cattolica, solo in apparenza più democratico e trasparente in quanto allargato alle altre religioni: lo stato decideva di devolvere l’8 per mille dell’intero gettito IRPEF alla Chiesa cattolica (per scopi religiosi o caritativi) o alle altre confessioni o allo stato stesso (per scopi sociali o assistenziali), in base alle opzioni espresse dai contribuenti sulla dichiarazione dei redditi.
    IL TESTO DELLA LEGGE
    L’otto per mille è normato dalla legge 222/85.
    Clicca qui per il testo completo.

    COME FUNZIONA IL MECCANISMO?
    Ogni cittadino che presenta la dichiarazione dei redditi può scegliere la destinazione dell’8 per mille del gettito IRPEF tra sette opzioni: Stato, Chiesa cattolica, Unione Chiese cristiane avventiste del 7° giorno, Assemblee di Dio in Italia, Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi, Chiesa Evangelica Luterana in Italia, Unione Comunità Ebraiche Italiane.
    In realtà nessuno destina il proprio gettito: il meccanismo assomiglia di più ad un gigantesco sondaggio d’opinione, al termine del quale si «contano» le scelte, si calcolano le percentuali ottenute da ogni soggetto, ed in base a queste percentuali vengono poi ripartiti i fondi.

    Come se non bastasse, la mancata formulazione di un’opzione non viene presa in considerazione: l’intero gettito viene ripartito in base alle sole scelte espresse.

    Alcune confessioni, più coerentemente, lasciano allo stato le quote non attribuite, limitandosi a prelevare solo quelli relativi ad opzioni esplicite a loro favore: cosa che NON fa la chiesa cattolica, ottenendo un finanziamento quasi triplo rispetto ai consensi espliciti ottenuti a suo favore.


    ECCO PERCHÉ È IMPORTANTE COMPILARE QUESTA SEZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI.
    Qualora il contribuente non sia tenuto alla presentazione della dichiarazione, può comunque effettuare ugualmente la scelta della destinazione dell’8 per mille consegnando il modello in una busta chiusa agli enti preposti alla raccolta (poste, banche etc...).

    LA DISTRIBUZIONE DEL GETTITO
    IL Ministero delle Finanze, già restio a fornire statistiche in merito (comunica i dati alle sole confessioni religiose, che ne danno notizia con estrema riluttanza), è peraltro estremamente lento nel diffondere i dati. Le ultime comunicazioni ufficiali e definitive si riferiscono incredibilmente alle dichiarazioni dei redditi del 1998 (redditi 1997).
    Questa la distribuzione:

    83,36%
    Chiesa Cattolica
    13,36%
    Stato
    1,33%
    Valdesi
    0,63%
    Comunità Ebraiche
    0,50%
    Assemblee di Dio in Italia
    0,44%
    Avventisti del settimo giorno
    0,38%
    Luterani


    Va notato che, in tale occasione, su oltre trenta milioni di contribuenti solamente il 39,21% ha espresso un’opzione.

    Le confessioni che partecipano al meccanismo diffondono peraltro, periodicamente, qualche informazione più aggiornata, benché parziale. La Chiesa cattolica, ad esempio, ha sostenuto recentemente che le firme a suo favore sono salite all’86,58% delle scelte espresse, guardandosi bene, però, dal comunicare la percentuale delle scelte inespresse. Per dare un’idea dell’enormità della cifra corrisposta, la Conferenza Episcopale ha disposto nel 2002 di contributi per 908,3 milioni di Euro.

    COME VENGONO SPESI QUESTI SOLDI?
    CHIESA CATTOLICA
    Nato come meccanismo per garantire il sostentamento del clero, tale voce è diventata, percentualmente, sempre meno rilevante (il 38% del totale). Parrebbe infatti che la Chiesa cattolica prediliga destinare i fondi ricevuti dallo Stato alle cosiddette "esigenze di culto" (42%): finanziamenti alla catechesi, ai tribunali ecclesiastici, e alla costruzione di nuove chiese, manutenzione dei propri immobili e gestione del proprio patrimonio. Ovvio che non vedremo mai alcuno spot su queste tematiche: ai tanto strombazzati aiuti al terzo mondo, cui è dedicata quasi tutta la pubblicità cattolica, va guarda caso solo l’8% del gettito. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.sovvenire.it.

    STATO
    Le modalità di ripartizione dei suoi fondi sono dettagliatamente illustrate nel nostro sito. Lo Stato è l’unico competitore per l’otto per mille che rifiuta di farsi pubblicità. Il Governo dedica alla gestione dei fondi di pertinenza statale una sezione del suo sito internet.

    CHIESA VALDESE
    Rifiuta di destinare i fondi ottenuti alle esigenze di culto ed al sostentamento del clero. Per maggiori informazioni vai su www.chiesavaldese.org.

    LUTERANI
    Una parte dei fondi viene utilizzata per il sostentamento dei pastori. Per maggiori informazioni vai su www.elki.it/opm/opm.html.

    COMUNITÀ EBRAICHE
    I fondi non sono destinati ai rabbini, ma in gran parte alla manutenzione delle sinagoghe. Per maggiori informazioni vai su www.ucei.it/ottopermille.

    CHIESE AVVENTISTE
    Rifiuta anch’esse di destinare i fondi ottenuti alle esigenze di culto ed al sostentamento del clero. Per maggiori informazioni vai su ottopermille.avventisti.org.

    ASSEMBLEE DI DIO
    I fondi sono destinati esclusivamente alle missioni ed alla beneficienza. Per maggiori informazioni vai su www.adi-it.org.
    PERCHÉ ABROGARE IL MECCANISMO?
    perché il meccanismo doveva essere basato sulla volontarietà, ma la ripartizione delle scelte inespresse vìola, di fatto, questo principio;

    perché è un finanziamento a fondo perso a favore di confessioni religiose che si dovrebbero autofinanziare. Soprattutto nel caso della Chiesa cattolica, gran parte di questi contributi non ha alcuna utilità sociale;

    perché è una partita truccata: a differenza delle confessioni religiose, lo stato italiano non fa alcuna pubblicità per sé e non informa su come destina questi fondi. Quando nel 1996 il ministro Livia Turco propose di destinare i fondi di competenza statale all’infanzia svantaggiata, il «cassiere» della Conferenza Episcopale Italiana Nicora reagì duramente, sostenendo che «lo stato non deve fare concorrenza scorretta nei confronti della Chiesa»;

    perché è una partita a cui non tutti possono giocare: sono ammesse solo le confessioni sottoscrittrici di un’Intesa con lo Stato. Ecco perché la Chiesa, attraverso i parlamentari cattolici, blocca l’accordo (già sottoscritto) con i Testimoni di Geova ed impedisce l’avvio di trattative con gli islamici: i fedeli di queste religioni, ben disciplinati, grazie al meccanismo delle scelte inespresse porterebbero alle loro gerarchie una contribuzione ben superiore alla loro percentuale reale, con un danno valutabile in centinaia di milioni di Euro per la Chiesa cattolica.

    perché è un meccanismo non chiaro, che trae in inganno non solo il semplice cittadino ma anche la persona colta. Un giornalista Rai ha dovuto addirittura scusarsi in diretta per la sua non conoscenza del meccanismo;

    perché lo stato, erogando questi finanziamenti, è costretto a cercarsi altre entrate con nuove forme di tassazione della popolazione.
    MA SI PUÒ ABROGARE? O NON PAGARE? E COME?
    L’Associazione per lo sbattezzo ha lanciato da diversi anni un’iniziativa per l’obiezione fiscale: maggiori informazioni sul loro sito.
    L’UAAR ha anch’essa più volte criticato e chiesto modifiche alla normativa: resta il fatto che un cambiamento è fattibile solo attraverso una modifica della legge.

    ALTRI CONTRIBUTI STATALI ALLA RELIGIONE CATTOLICA
    sempre con la dichiarazione dei redditi, è possibile dedurre dal proprio reddito versamenti alle chiese fino all’ammontare di due milioni; in proposito, rileviamo come il numero di offerte per il sostentamento dei sacerdoti sia calato, negli ultimi nove anni, del 14%, con conseguenti minori entrate del 18%;

    pagamento pensioni al clero: un fondo speciale dal disavanzo perennemente in rosso. Fortunatamente, con la Finanziaria 2000 si è intervenuti almeno su questi, innalzando a 68 anni l’età pensionabile ed aumentando i contributi a carico dei sacerdoti;

    esenzione fiscale totale, comprese imposte su successioni e donazioni, per le parrocchie e gli enti ecclesiastici;

    pagamenti degli stipendi agli insegnanti di religione, nominati dai vescovi: incidono per più di 1000 miliardi (di Lire) sul bilancio statale;

    finanziamenti alle scuole cattoliche;

    in varie regioni, parte degli oneri di urbanizzazione a disposizione dei comuni deve essere destinata agli «edifici di culto».
    Non solo. Recentemente sono state stipulate intese ad hoc tra diverse Giunte e Conferenze episcopali regionali che hanno riguardato anche i beni culturali ed ecclesiastici, il turismo religioso e la retribuzione del personale ecclesiastico presente negli ospedali.

    contributi agli oratorî: concessi da diverse regioni, nel maggio 2001 sono stati presentati due disegni di legge (identici) da parte di alcuni parlamentari dell’UDC. Nel luglio 2003 tali testi, dopo alcune modifiche, sono diventati legge. Contro il provvedimento si sono espressi ben pochi parlamentari: tra i contrari Tiziana Valpiana, la cui dichiarazione di voto contrario alla Camera dei deputati contiene importanti dichiarazioni sulla necessità di una effettiva parità tra credenti e non credenti.


    Per farla breve, anche chi non p credente (come me) "paga" per permettere ai sacerdoti di avere la pensione o finanzia le scuole cattoliche (che tra le altre cose ora ricevono pingui contributi statali tolti alle scuole pubbliche).

    Cosa ne penso? L'ottopermille è un meccanismo truffaldino senza alcun dubbio e mentre le confessioni che rifiutano i finanziamenti in eccesso riescono a salvare la faccia, la Chiesa cattolica non perde occasione per dimostrare la sua ipocrisia (considerando che solo l'8% del "bottino" finisce per finanziare tutte quelle lodevoli attività mostrate nelle pubblicità).

    Un altro buon motivo che nel futuro prossimo mi trasformerà in un evasore fiscale...

  2. #2
    Depresso L'avatar di bonovox2003
    Registrato il
    08-03
    Località
    Torvaianica, Pomezia (RM)
    Messaggi
    850

    Re: L'ottopermille

    medius


    Un altro buon motivo che nel futuro prossimo mi trasformerà in un evasore fiscale...
    L'ultimo che l'ha fatto è diventato presidente del consiglio ...
    attento ...
    [MOVE]J. Lennon : " La vita è ciò che passa mentre fai progetti per il futuro " Che Guevara : " Siate sempre capaci di sentire nel profondo dei vostri cuori ogni ingiustizia compiuta in ogni parte del mondo " A.A.A Cercasi ragazza amante dei gruppi sotto citati , di roma o dintorni , carina , simpatica , che abbia idee politiche vicino alla sinistra , intelligente , timida , simpatica ed allegra .... Mandate un MP [/MOVE]
    [MOVE]U2QUEENPINK FLOYDLED ZEPPELINDEEP PURPLE[/MOVE]

  3. #3
    FVCG
    Registrato il
    03-03
    Località
    Torino
    Messaggi
    7.861
    se devo pagare lo pagherò






    P.S cloro al clero ghghghgh

  4. #4
    Ritornato. L'avatar di Gutek
    Registrato il
    01-04
    Località
    Il tuo pc, tra non molto.
    Messaggi
    917
    Io l'otto per mille lo destino a me stesso.
    Lex
    questo si intende con off topic, non il fatto che su un topic sui telefonini uno possa mettersi a parlare della mungitura delle mucche

  5. #5
    Πολύτρουπος L'avatar di Hobbit83
    Registrato il
    04-03
    Località
    Stadio Romeo Neri, Rimini
    Messaggi
    3.172
    Sono anni che discuto su sto tema. L'8 per mille è una truffa organizzata dallo stato ai danni di se stesso e in favore della burocrazia cattolica.

    Fra
    3 sono i Re, il 3° era chiamato non ti scordar di me, perchè metteva foto giganti del suo viso: rimase incastrato nel suo proprio sorriso...

  6. #6
    Utente L'avatar di Foo Fighter
    Registrato il
    11-03
    Località
    Polonia
    Messaggi
    13.117
    8000
    La vita sinistra tra i rovi dell'umana disperazione, i prescelti conoscono...perchè non di disperazione si sopravvive, ma di forza si vive...


  7. #7
    101 Airborne L'avatar di maverick84
    Registrato il
    12-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    10.571
    Hobbit83

    Sono anni che discuto su sto tema. L'8 per mille è una truffa organizzata dallo stato ai danni di se stesso e in favore della burocrazia cattolica.

    Fra
    Una parte dei soldi in questione serve alla Chiesa per favorire quelle opere di aiuto(missioni nel terzo mondo)che hanno dato finora ottimi risultati.

    Purtroppo questa "parte" è davvero piccola rispetto al ricavo totale.
    "I fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti"
    Ennio Flaiano


  8. #8
    Utente L'avatar di cerberus
    Registrato il
    01-03
    Località
    Salaria Sport Village
    Messaggi
    18.301
    maverick84

    Una parte dei soldi in questione serve alla Chiesa per favorire quelle opere di aiuto(missioni nel terzo mondo)che hanno dato finora ottimi risultati.

    Purtroppo questa "parte" è davvero piccola rispetto al ricavo totale.
    Piccola si... ma sempre maggiore di quella che verrebbe utilizzata in modo inteligente dalla stato...
    Engineers do it better
    "Lo scienziato non studia la natura perché è utile, ma perché ne prova piacere e ne prova piacere perché è bella. Se la natura non fosse bella, non varrebbe la pena studiarla e la vita non varrebbe la pena di essere vissuta”.( Henri Poincaré )
    "Scientists discover the world that exists; engineers create the world that never was."

  9. #9
    Πολύτρουπος L'avatar di Hobbit83
    Registrato il
    04-03
    Località
    Stadio Romeo Neri, Rimini
    Messaggi
    3.172
    maverick84

    Una parte dei soldi in questione serve alla Chiesa per favorire quelle opere di aiuto(missioni nel terzo mondo)che hanno dato finora ottimi risultati.

    Purtroppo questa "parte" è davvero piccola rispetto al ricavo totale.
    E io su questo sono d'accordissimo con te. Infatti in un altro tread dicev che l'8 per mille "così come è concepito" è una truffa, e lo dicevo perchè non si impongono determinati usi di queste enormi somme, si permette ai vari enti di incamerare cifre che si potrebbe dire che non gli erano destinate, non si permette ai testimoni di geova o agli islamici di usufruirne ecc.

    Fra
    3 sono i Re, il 3° era chiamato non ti scordar di me, perchè metteva foto giganti del suo viso: rimase incastrato nel suo proprio sorriso...

  10. #10
    Se io do in beneficenza 100 euro, mi aspetto che chi li riceve li usi tutti e 100, non solo 8...

  11. #11
    Utente L'avatar di valerik
    Registrato il
    12-02
    Località
    COSENZA!!!!
    Messaggi
    232
    con i patti lateranensi l'italia vendette il proprio onore alla chiesa... io nn penso che negli altri paesi cattolici ci sia un 8x1000, cose che avvengono solo qui in italia... ora dico, io sono ateo, xke devo pagare questa tassa alla chiesa cattolica con la quale nn ho niente da spartire? sono felice x le missioni umanistiche che fà e se potrei(cosa che farò andando nei balcani quest'estate) aiuterei pure io! ma la chiesa sappiamo tutti che è piena di soldi... xkè nn li usa?

  12. #12
    chi ti dice che non li usa?
    Papi e vescovi devono pur mangiare no?...meglio se lo fanno in residenze principesche e con posate d'argento...

  13. #13
    Agente Segreto L'avatar di Lisa
    Registrato il
    04-03
    Località
    Springfield
    Messaggi
    258
    La mia opinione sull'otto per mille è che non sarebbe neppure tanto male, sempre se vi fosse la libertà di non poterlo dare, questo otto per mille. Con questo sistema della redistribuzione, potrebbero anche evitare di mettere le scelte, tanto va quasi tutto alla Chiesa lo stesso, al di là delle opzioni...

    Senza contare il fatto che ci vorrebbe anche una maggiore informazione, completa come quella postata qui, dove ti spiega come la Chiesa spende davvero questi soldi e con quali percentuali li destina dove dice di destinarli... perchè mi sembra a dir poco doveroso far sapere alla gente dove finisce davvero il suo otto per mille, quanto, in che percentuale e a chi, in modo da permetterci di fare una scelta vera, e non fittizia come quella di adesso.

    In sintesi, non sono contraria più di tanto all'otto per mille in sè, ma per come è gestito adesso assolutamente sì, il modo in cui avviene la redistribuzione, un modo che di fatto non tiene conto delle nostre scelte (per non parlare di quelle non espresse), lede la libertà di chi non vuole finanziare la Chiesa (o anche le altre confessioni... anche se a loro di fatto non va quasi niente), cosa perfettamente legittima ma che purtroppo così non viene consentita.
    Non permettere mai che la morale ti impedisca di fare ciò che è giusto.
    Tratto da "Cronache dalla Galassia" (di Isaac Asimov)

    Abitua il tuo intelletto al dubbio e il tuo cuore alla tolleranza.
    G. C. Lichtenberg

  14. #14
    Condivido il pensiero di Lisa e aggiungo che la Chiesa non è assolutamente trasparente nei suoi bilanci (anzi!): passi che voglia mantenere il segreto sulle sue entrate (legittimo, nessuno li obbliga a svelare i loro conti segreti in Svizzera e in altri paradisi fiscali) ma penso di avere il diritto di sapere dove vanno a finire i miei soldi.

    Purtroppo abbiamo una classe politica (e purtroppo anche un'opinione pubblica) che preferisce indignarsi piuttosto che ragionare con la propria testa...

  15. #15
    Agente Segreto L'avatar di Lisa
    Registrato il
    04-03
    Località
    Springfield
    Messaggi
    258
    Ripensandoci, comunque, ritengo che l'otto per mille sia proprio un male in sè, al di là di come è gestito, per un semplicissimo motivo: a che diavolo serve l'otto per mille? Se una persona vuole dare soldi alla Chiesa, può darne quanti ne vuole di tasca propria, tramite donazioni, offerte... insomma, non vedo perchè lo Stato debba assumersi l'onere di aggiungere questa ulteriore forma di finanziamento (perché comunque, sia che sia volontaria o no, ben fatta o mal fatta, comporta sempre comunque una diminuzione degli introiti destinati allo Stato…), quando in realtà la Chiesa può essere finanziata benissimo in tanti modi per conto proprio... la Chiesa, che se la finanzino i cattolici per conto loro, se ci tengono, altrimenti niente.

    E purtroppo invece accade proprio l’inverso, se pensiamo che invece lo Stato, oltre all’otto per mille, dà molti altri soldi alla Chiesa, in qualità ad esempio di pensioni (notare che però il clero è completamente esentato da tasse), stipendi agli insegnanti di religioni, finanziamenti alle scuole cattoliche ed agli oratori… e tutto questo, come già detto, è un di più rispetto all’otto per mille. Un di più veramente ingiusto, vergognoso e francamente pure illegale, secondo me… perché se l’otto per mille è comunque una cosa esplicita, qui si parla invece delle nostre tasse, dei tributi che tutti i cittadini, a quanto mi risulta, sono costretti a pagare al fine di far funzionare lo Stato, e non per mantenere od arricchire il clero.

    Infine, non mi pare proprio che, anche togliendo l’otto per mille, la Chiesa rischierebbe di morire di fame, anzi…
    Inannzitutto, è certo che, con o senza otto per mille, bisogna eliminare tutti i finanziamenti ulteriori, quei “di più” che non hanno proprio nessuna ragione d’essere.
    Riguardo all’otto per mille invece, come già detto, sarebbe molto meglio e molto più corretto che la Chiesa venisse finanziata direttamente da chi è interessato, donando pure tutto ciò che vuole ma facendolo in modo autonomo e per conto suo (come del resto già si può fare e viene fatto… e così altri soldi in più si aggiungono ai già citati finanziamenti), senza mettere in mezzo lo Stato come intermediario, il quale non centra nulla in tutto questo e soprattutto non è di alcuna utilità (se non a danneggiare lo Stato stesso e, per come è gestito l’otto per mille adesso, ad arricchire la Chiesa con soldi non suoi).
    Non permettere mai che la morale ti impedisca di fare ciò che è giusto.
    Tratto da "Cronache dalla Galassia" (di Isaac Asimov)

    Abitua il tuo intelletto al dubbio e il tuo cuore alla tolleranza.
    G. C. Lichtenberg

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •