• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 11 di 11

Discussione: Consumismo

Cambio titolo
  1. #1
    Io mento sempre. L'avatar di Artemisia
    Registrato il
    01-04
    Località
    Nikogaku
    Messaggi
    9.242

    Consumismo

    Vi propongo un mio scritto.

    LA BATTAGLIA DI OGNI GIORNO
    L'economia, purtroppo, gira con me.

    L'Italia è una repubblica fondata sul lavoro, certo. Ma nonostante questa frase sia di una grammatica ineccepibile e di un unico et preciso senso logico, da alcuni può esser vista come una delle più grandi bugie moderne. Di contraddizioni e paradossi per quanto riguarda il lavoro gli esempi che abbiamo davanti agli occhi ogni giorno si sprecano, così come abbondano per ciò che esso comporta e ci impone: il consumismo.
    Esempio più vicino a tutti, la ardua impresa della scelta al supermercato. Da qualche anno a questa parte, come se i problemi esistenziali dell'uomo o la sempre più seria situazione mondiale non fossero abbastanza, a complicarci la vita ci si mettono pure i negozi, con la loro interminabile possibilità di scelta, con i loro prodotti, i loro marchi, la loro inquietante abbondanza. Tutti di fronte ad un bivio forzato fra scelta e costrizione opteremmo per la prima, ma oggi la scelta si sta lentamente trasformando in un'imposizione, una forzatura nei confronti della quale ci sentiamo sempre più impotenti. Non a caso dagli USA ci arriva un libro ("Paradox of choice") che ci invita a ragionare sulle scelte che siamo costretti ad affrontare nei supermercati, nei negozi, mettendo in luce le ormai già evidenti difficoltà che comportano. In pochi ormai sanno mantenere il sangue freddo davanti agli scaffali; in pochi vanno al negozio con le idee chiare, decisi e irremovibili sulle scelte da conseguire; in pochi sanno ormai cosa vogliono, cosa serve loro e cosa di cui invece possono fare a meno: fare la spesa oggi, o fare shopping, significa perdere del tempo, tanto, ma mettere anche a rischio la propria psiche, come spiega il libro.
    La scelta è un diritto inviolabile per tutti, naturalmente, ma sono certo che saremmo pronti a farne benissimo a meno al supermercato.

    Voi che ne pensate?
    Rifuggo dall'amore,
    nell'ombra,
    in cerca della morte.

  2. #2
    Bannato L'avatar di x-max
    Registrato il
    10-02
    Località
    Bar Zucchi
    Messaggi
    14.023
    ma sei un maschio o una femmina?

    cmq il supermercato è utilissimo, non credo potremmo farne a meno a passare 4 ore a girarci il paese negozio alimentare x negozio alimentare.

  3. #3
    Io mento sempre. L'avatar di Artemisia
    Registrato il
    01-04
    Località
    Nikogaku
    Messaggi
    9.242
    x-max

    ma sei un maschio o una femmina?

    cmq il supermercato è utilissimo, non credo potremmo farne a meno a passare 4 ore a girarci il paese negozio alimentare x negozio alimentare.
    Mi sa che non hai afferrato il nodo della questione....
    Certo che il supermercato è utilissimo, fondamentale, ma il problema sta nel fatto che il consumismo è arrivato a dei livelli esasperanti ormai.... Ciò che ho scritto l'ho fatto elaborando un articolo di giornale, prendendo un po' qua e un po' là.
    Rifuggo dall'amore,
    nell'ombra,
    in cerca della morte.

  4. #4
    Bannato L'avatar di x-max
    Registrato il
    10-02
    Località
    Bar Zucchi
    Messaggi
    14.023
    Artemisia


    Certo che il supermercato è utilissimo, fondamentale, ma il problema sta nel fatto che il consumismo è arrivato a dei livelli esasperanti ormai....
    io mi ci trovo benissimo, altro che esasperanti

  5. #5
    Molotov
    Ospite

    Re: Consumismo

    Artemisia

    Vi propongo un mio scritto.

    LA BATTAGLIA DI OGNI GIORNO
    L'economia, purtroppo, gira con me.

    L'Italia è una repubblica fondata sul lavoro, certo. Ma nonostante questa frase sia di una grammatica ineccepibile e di un unico et preciso senso logico, da alcuni può esser vista come una delle più grandi bugie moderne. Di contraddizioni e paradossi per quanto riguarda il lavoro gli esempi che abbiamo davanti agli occhi ogni giorno si sprecano, così come abbondano per ciò che esso comporta e ci impone: il consumismo.
    Esempio più vicino a tutti, la ardua impresa della scelta al supermercato. Da qualche anno a questa parte, come se i problemi esistenziali dell'uomo o la sempre più seria situazione mondiale non fossero abbastanza, a complicarci la vita ci si mettono pure i negozi, con la loro interminabile possibilità di scelta, con i loro prodotti, i loro marchi, la loro inquietante abbondanza. Tutti di fronte ad un bivio forzato fra scelta e costrizione opteremmo per la prima, ma oggi la scelta si sta lentamente trasformando in un'imposizione, una forzatura nei confronti della quale ci sentiamo sempre più impotenti. Non a caso dagli USA ci arriva un libro ("Paradox of choice") che ci invita a ragionare sulle scelte che siamo costretti ad affrontare nei supermercati, nei negozi, mettendo in luce le ormai già evidenti difficoltà che comportano. In pochi ormai sanno mantenere il sangue freddo davanti agli scaffali; in pochi vanno al negozio con le idee chiare, decisi e irremovibili sulle scelte da conseguire; in pochi sanno ormai cosa vogliono, cosa serve loro e cosa di cui invece possono fare a meno: fare la spesa oggi, o fare shopping, significa perdere del tempo, tanto, ma mettere anche a rischio la propria psiche, come spiega il libro.
    La scelta è un diritto inviolabile per tutti, naturalmente, ma sono certo che saremmo pronti a farne benissimo a meno al supermercato.

    Voi che ne pensate?
    be' sn daccordo cn te..... (io le poke volte ke vado al supermercato butto tutto dentro al carrello e poi alla cassa m accorgo d nn aver preso GNente d ciò ke mi serviva, così butto tutto nel carrello d quello dietro d me ) ma penso ke il consumismo nn abbia cme terreno sl i supermercati....

  6. #6
    God® L'avatar di JCD_90
    Registrato il
    09-03
    Località
    Brescia
    Messaggi
    4.940

    Re: Re: Consumismo

    [[*Molotov*]]

    be' sn daccordo cn te..... (io le poke volte ke vado al supermercato butto tutto dentro al carrello e poi alla cassa m accorgo d nn aver preso GNente d ciò ke mi serviva, così butto tutto nel carrello d quello dietro d me ) ma penso ke il consumismo nn abbia cme terreno sl i supermercati....
    giusto il consumismo nn è solo nei suprmercati ma sopratutto nei supermercati

    Prossimi game:
    -Borderlands
    -Bulletstorm
    -Vampire: masquarade
    -Crysis
    -Far Cry 2
    -Gears of wars
    -Spiderman: shattered dimension

  7. #7
    watta fuck! L'avatar di magic_luca
    Registrato il
    08-03
    Località
    Rome, Green Hill
    Messaggi
    12.704
    w il supermarket...come ha detto x-max non posso passare le ore in giro per la città....vado la e trovo tutto!

  8. #8
    artista da strada L'avatar di Monkey Rufy
    Registrato il
    10-02
    Località
    Messaggi
    8.038
    fondamentalmente sono d'accordo. Il consumismo è una brutta bestia che divora tutti e non risparmia nessuno.
    Il supermercato è una grande invenzione: trovi tutto e ti sposti poco. Purtroppo è la pubblicità che lo rovina. Oramai non si sa nemmeno più leggere i dati nutritivi di un prodotto, si va attraverso la memoria: se vedi un prodotto che magari costa meno e ha più "merce", valori nutritivi migliori e meno schifezze dentro ; e poi vedi un altro prodotto che hai sentito alla pubblicità...
    prenderai quello della pubblicità, sbattendotene del profitto energetico e di tutte quelle tabelle importanti che sempre meno persone sanno leggere.
    Comunque sono andato fuori traccia :-D
    Ciao

  9. #9
    Io mento sempre. L'avatar di Artemisia
    Registrato il
    01-04
    Località
    Nikogaku
    Messaggi
    9.242
    Il problema è che si trova troppo. Il libro che ho accennato è scritto da un professore di una università, psicologo: viene detto che la troppa scelta finisce per rendere nervosi e aggressivi i compratori, si ribadisce il concetto del "meno è meglio" e il fatto che per prendere una bottiglia d'olio abbiamo davanti 40 tipi diversi dello stesso. Dovete poi tener conto che queste descrizioni coinvolgono persone adulte, già stressate dal lavoro, che anche quando devono fare la spesa, si trovano troppe possibilità, quindi maggior stress.
    Rifuggo dall'amore,
    nell'ombra,
    in cerca della morte.

  10. #10
    Bannato L'avatar di x-max
    Registrato il
    10-02
    Località
    Bar Zucchi
    Messaggi
    14.023
    Artemisia

    Il problema è che si trova troppo. Il libro che ho accennato è scritto da un professore di una università, psicologo: viene detto che la troppa scelta finisce per rendere nervosi e aggressivi i compratori, si ribadisce il concetto del "meno è meglio" e il fatto che per prendere una bottiglia d'olio abbiamo davanti 40 tipi diversi dello stesso. Dovete poi tener conto che queste descrizioni coinvolgono persone adulte, già stressate dal lavoro, che anche quando devono fare la spesa, si trovano troppe possibilità, quindi maggior stress.
    faniente, mi piace avere tanta possibilità di scelta.

  11. #11
    Io mento sempre. L'avatar di Artemisia
    Registrato il
    01-04
    Località
    Nikogaku
    Messaggi
    9.242
    x-max

    faniente, mi piace avere tanta possibilità di scelta.
    Certo, per alcuni può essere così.
    Rifuggo dall'amore,
    nell'ombra,
    in cerca della morte.

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •