• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Dimissioni e disoccupazione [AIUTO!]

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di Sephiroth11
    Registrato il
    04-06
    Località
    Clifoto
    Messaggi
    1.977

    Dimissioni e disoccupazione [AIUTO!]

    Salve a tutti vi spiego un attimo la situazione: da 4 anni a questa parte lavoro come commesso in un negozio per mettere da parte dei soldi per avviare un progetto personale. Finalmente il gruzzolo messo da parte è abbastanza ma il problema è che per poter cominciare a vedere qualche solido (e quindi sopravvivere ) avrò bisogno almeno di 6-7 mesi e quindi bisogno della disoccupazione. Continuare con questo lavoro non è fattibile (questo progetto mi impiegherebbe tutta la giornata e non potrei fare altro) ma non voglio nemmeno usare la tattica “smetto di venire a lavoro finché non sono costretti a licenziarmi per prendere la disoccupazione” (un po’ per i colleghi che si troverebbero inizialmente nei casini un po’ perché la cosa andrebbe a macchiare il CV). La mia idea sarebbe questa: dimettersi da questo lavoro e cercare (lo sto già facendo) un part-time anche da pochi mesi (2-3) e chiedere la disoccupazione una volta finito il contratto determinato. Ora la mia domanda è: facendo ciò sarebbe tutto in regola? La disoccupazione la prenderei piena? E per quanti mesi? Questo cambio di lavori potrebbe avere qualche ripercussione?
    Se incontri Dio, digli di lasciarci in pace!



  2. #2
    Stiamo lavorando per voi L'avatar di floop
    Registrato il
    12-04
    Località
    Reggio Calabria
    Messaggi
    90.905
    ma sto contratto non scade mai, intendo quello da commesso di ora?

  3. #3
    Guerriero di Innos L'avatar di chepe
    Registrato il
    07-04
    Località
    Modena
    Messaggi
    6.436
    Citazione Sephiroth11 Visualizza Messaggio
    Salve a tutti vi spiego un attimo la situazione: da 4 anni a questa parte lavoro come commesso in un negozio per mettere da parte dei soldi per avviare un progetto personale. Finalmente il gruzzolo messo da parte è abbastanza ma il problema è che per poter cominciare a vedere qualche solido (e quindi sopravvivere ) avrò bisogno almeno di 6-7 mesi e quindi bisogno della disoccupazione. Continuare con questo lavoro non è fattibile (questo progetto mi impiegherebbe tutta la giornata e non potrei fare altro) ma non voglio nemmeno usare la tattica “smetto di venire a lavoro finché non sono costretti a licenziarmi per prendere la disoccupazione” (un po’ per i colleghi che si troverebbero inizialmente nei casini un po’ perché la cosa andrebbe a macchiare il CV). La mia idea sarebbe questa: dimettersi da questo lavoro e cercare (lo sto già facendo) un part-time anche da pochi mesi (2-3) e chiedere la disoccupazione una volta finito il contratto determinato. Ora la mia domanda è: facendo ciò sarebbe tutto in regola? La disoccupazione la prenderei piena? E per quanti mesi? Questo cambio di lavori potrebbe avere qualche ripercussione?
    premesso che io non ho mai lavorato nel settore privato e quindi non sono aggiornatissimo, ma se ti dimetti volontariamente non ti spetta alcuna indennità, a meno che non cambi qualcosa se dovessero approvare questi fantomatici redditi di cittadinanza. Un part time successivo di 2/3 mesi non cambierebbe un cazzo, da quello che so devi avere almeno 12 mesi lavorati in modo continuativo negli ultimi 3 anni per accedere a indennità: quelli precedenti te li bruci con le dimissioni. Dovrebbe funzionare così, poi ripeto che non sono un autorità in materia.
    ''USI A OBBEDIR TACENDO E TACENDO MORIR''
    5° BTG. CARABINIERI EMILIA-ROMAGNA

  4. #4
    Utente L'avatar di Sephiroth11
    Registrato il
    04-06
    Località
    Clifoto
    Messaggi
    1.977
    Citazione floop Visualizza Messaggio
    ma sto contratto non scade mai, intendo quello da commesso di ora?
    No, ho un contratto a tempo indeterminato.. so che di sto periodo è una follia lasciare un lavoro a tempo indeterminato, ma questo non è il lavoro che voglio fare.
    Se incontri Dio, digli di lasciarci in pace!



  5. #5
    Utente L'avatar di Sephiroth11
    Registrato il
    04-06
    Località
    Clifoto
    Messaggi
    1.977
    Nessuno sa darmi una risposta certa riguardo la mia domanda?
    Se incontri Dio, digli di lasciarci in pace!



  6. #6
    Io, abbreviazione di Dio L'avatar di Micheal Taggart
    Registrato il
    03-06
    Località
    Iperuranio
    Messaggi
    94.139
    Citazione chepe Visualizza Messaggio
    premesso che io non ho mai lavorato nel settore privato e quindi non sono aggiornatissimo, ma se ti dimetti volontariamente non ti spetta alcuna indennità, a meno che non cambi qualcosa se dovessero approvare questi fantomatici redditi di cittadinanza. Un part time successivo di 2/3 mesi non cambierebbe un cazzo, da quello che so devi avere almeno 12 mesi lavorati in modo continuativo negli ultimi 3 anni per accedere a indennità: quelli precedenti te li bruci con le dimissioni. Dovrebbe funzionare così, poi ripeto che non sono un autorità in materia.
    Non è vero chepe, non ti bruci niente con le dimissioni.

    Un mio amico ha fatto proprio quello che chiede l'op. Lavorava fisso in uno studio di progettazione, ha dato le dimissioni, si è fatto assumere in un supermercato per 2-3 mesi, si è fatto lasciare a casa, profit. Disoccupazione piena e partenza per l'Australia

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •