• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 14 di 14

Discussione: P2p

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di .TK3ss.
    Registrato il
    10-03
    Località
    Verona
    Messaggi
    53

    P2p

    Ho bisogno di una cortesia da parte di tutti quelli che hanno familiarità con questomondo: sto preparando una tesina e per informatica ho bisogno della storia del P2P, ho dercato nella rete ma purtroppo ho trovato poco niente in italiano. Avessi il tempo di tradurmi le parti in inglese sarei a cavallo ma a mio mal grado mi manca anche quello.
    Vi prego di aiutarmi se potete.

    Se non mi trovate sul forum (cossa probabile in questo periodo), potete contattarmi tramite msn: [email protected]

    Ringrazio tutti per la disponibilità

  2. #2
    Oh my iPod! L'avatar di er patata
    Registrato il
    11-02
    Località
    Bari Downtown
    Messaggi
    13.136
    ma in che senso storia del p2p?

    A volte credo di essere fin troppo nerd. Naa, never too much.
    Vuoi personalizzare l'aspetto del forum di GamesRadar? Clicca qui!
    Consortium.ru 2004 3D Motion Demo, shocking graphics. (QuickTime 60MB)

    Vuoi guadagnare soldi velocemente? Clicca qui!

  3. #3
    Hail to the Prophet L'avatar di Asriel
    Registrato il
    11-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    34.913
    Citazione er patata
    ma in che senso storia del p2p?
    già, effeti nons ei molto chiario... cmq credo che intenda la sua nascita e il suo sviluppo... ma devi fare una relazione contro o per il p2p?

  4. #4
    MGS Philosopher L'avatar di Skaven
    Registrato il
    04-03
    Messaggi
    5.527

    La rete Gnutella ed il P2P

    La rete Gnutella ed il P2P

    Le origini
    Il fenomeno è abbastanza recente. Napster era stata denunciata dalla RIAA e MPAA per violazione del copyright, dopo che aveva posto una pietra miliare nella storia dello share. Era appena il marzo del 2000 ed i programmatori della Nullsoft, una divisione di AOL, i produttori del noto WinAmp, annunciarono di aver creato un programma, Gnutella, per la condivisione di files, le cui prospettive erano quelle di diventare un Napster ben più potente. Il programma ebbe al contrario una breve vita perché AOL si affretto’ a chiuderne immediatamente lo sviluppo in quanto avrebbe posto la società in conflitto con alcune case discografiche a cui la stessa AOL era legata.

    In realtà, Gnutella è stato solo l’inizio: nuovi client furono elaborati da più parti potenziandone le funzionalità e le possibilità. Il prodotto era freeware e quindi furono molti quelli che lo scaricarono o ebbero la possibilità di scaricarlo da vari siti internet che badarono a reclamizzarlo e a diffonderlo fra gli appassionati del settore. Gnutella insieme ai suoi cloni cominciarono a colloquiare fra di loro utilizzando le specifiche del protocollo Gnutella e tutti insieme contribuirono a formare lo Gnutella Network (gNet)

    Le caratteristiche della rete Gnutella

    Tra il sofware Gnutella ed un browser per internet c’è una differenza sostanziale. Quando un computer è connesso nel World Wide Web, lo è per un solo computer alla volta: se un utente visita www.swzone.it non può essere contemporaneamente su www.msn.it (a meno che non apra un’ altra istanza del suo Browser).Nella rete Gnutella un client è connesso contemporaneamente con molti altri client del Network e tutte le informazioni ricevute vengono gestite in modo simultaneo.

    Ciascun computer che fa parte del Gnutella Network è connesso agli altri computer (peer) e ciascun di questi peer è connesso a molti altri computer. Questo processo può continuare, almeno in teoria, all’infinito. Se un utente è connesso a 4 computer e ciascuno di questi è connesso ancora ad altri 4 computer, in totale il primo utente riesce a connettersi a 4+4*4=20 computer. In questo caso i messaggi effettuano 2 “hops” (salti) nel Network; si dice in questo modo che il TTL (“time sto live”) di quell’utente è uguale a 2.
    Ampliando l’esempio precedente ad un TTL di 3, il numero totale dei computer diventerà 4 + 4*4*4 =84. Il numero totale dei computer crescerà in modo esponenziale con l’incremento del TTL e in questo modo, almeno teoricamente, si riuscirebbe a raggiungere qualsiasi computer nella rete.

    Ciò che è importante sottolineare è che Gnutella non è un sito Web, né contiene siti Web. Gnutella è un protocollo per Network, che definisce in che modo i computer possono colloquiare fra di loro in un Network decentralizzato ed i client Gnutella sono il mezzo per realizzare questo.

    Ma veniamo ad un punto estremamente importante: chiunque voglia mettere in condivisione qualcosa lo può fare liberamente utilizzando i software creati. Gnutella, a differenza di altri Network, è un sistema decentralizzato, ossia ciascun utente non ha bisogno di nessun intermediario e di nessuna “centrale”, come invece avveniva con Napster. In Gnutella ciascuno può decidere autonomamente di scollegarsi senza recare pregiudizio al collegamento degli altri: semplicemente viene “saltato” nel collegamento. Quando si parla di condivisione si parla quasi sempre in termini di files musicali e fra questi in particolar modo gli MP3. In realtà nella rete Gnutella si possono condividere tutti i tipi di files. Una cosa tuttavia è da tenere bene a mente: non infrangere le regole del copyright e della proprietà intellettuale.

    I modelli di rete

    Contrariamente ad altri sistemi per la condivisione di files, come Napster, Gnutella è un “open-protocol” e permette di realizzare immediatamente tutte le modifiche che i partecipanti vogliono in qualsiasi momento immettere.

    Due sono i modelli principali che permettono la condivisione:

    * il modello centralizzato, come quello che utilizzava Napster
    * quello decentralizzato, che usa Gnutella.

    Il primo modello (centralizzato di Napster) è costituito da un server centrale che regola il traffico tra tutti gli utenti. Il server centrale mantiene, oltre i dati degli utenti registrati, anche l’elenco dei files che gli stessi hanno dichiarato di condividere. Ogni qualvolta l’utente si connette o disconnette dal Network i dati vengono aggiornati sul server del Network.



    Rete centralizzata (Napster)

    Quando un utente effettua una ricerca su un file, il server provvede a creare un elenco dei files che corrispondono alla richiesta, sulla base di quelli che sono stati dichiarati in condivisione da tutti gli utenti registrati. L’elenco viene sottoposto all’utente il quale decide “quale scaricare”. Viene quindi aperto un link tcp/ip diretto tra l’utente ed il “possessore” del file e il download inizia senza l’intervento del server. Da evidenziare che i files risiedono mai sul server centrale.

    E’ indubbio che ci siano dei vantaggi:

    * minor banda necessaria per la ricerca: le ricerche vengono effettuate presso il server centrale
    * maggior banda possibile per il download: una volta scelto il file da scaricare tutta la banda viene riservata allo scaricamento del file
    * le ricerche sono sempre ampie e complete: il server centrale mantiene un elenco aggiornato di tutti i files condivisi, anche se l’aggiornamento è solo periodico
    * un vantaggio/svantaggio è che tutti gli utenti devono essere registrati: vantaggio, perché così le ricerche sono le più complete possibile in quanto le ricerche raggiungono tutti gli utenti che hanno effettuato il log-on, svantaggio perché il sistema risulta vulnerabile a problematiche di natura legale
    * il sistema è vulnerabile anche dal punto di vista tecnico in quanto la “caduta” del server centrale implica automaticamente la “non disponibilità” del servizio

    Il secondo modello (decentralizzato di Gnutella) funziona invece così:


    Rete decentralizzata (Gnutella)

    A differenza del precedente, il Network di Gnutella non necessita di un server centrale che tenga nota dei files degli utenti.

    Per mettere in condivisione i sui files un utente A che è provvisto di un servent Gnutella (servent è un termine che indica che il software permette al programma di essere contemporaneamente server e client) per accedere al Network. Il computer A verrà messo in contatto con un altro computer B anch’esso equipaggiato con un client Gnutella. A comunica a B che è “vivo” (alive). B a sua volta comunica agli altri computers ai quali è similarmente connesso, ad esempio C-D-E-F, che A è alive. La stessa informazione è data da ciascuno degli altri computer sul modello precedente. Il processo potrebbe continuare all’infinito anche se in realtà il “time to live” (TTL) come indicato sopra ne determina la fine, anche in automatico, in quanto molti servent rifiutano i messaggi da quelli che hanno un TTL troppo elevato.

    Una volta che A ha annunciato di essere alive, può effettuare le sue ricerche nelle cartelle messe in condivisione dagli utenti del Network. A questo punto la ricerca viene comunicata a B e quindi a C-D-E-F, e così di seguito. Supponiamo che il file richiesto sia posseduto da D: questo allora trasmette i dati sul file (nome, dimensioni, ecc) all’indietro fino al computer che aveva effettuato la ricerca. Il risultato apparirà sul display del computer A e se questo deciderà di scaricare il file, il download avverrà direttamente fra i due computer A e D.

    Come visto il vantaggio della rete Gnutella sono:

    *
    non è necessario alcun server centrale e in caso di caduta di un servent la rete non cade, semplicemente lo si “salta” nella connessione
    * a differenza di quanto succedeva con Napster, è possibile ricercare qualsiasi tipo di file
    * i messaggi sono trasmessi in modo decentralizzato, ed anche se uno o più utenti si disconnettono, comunque il messaggio, attraverso altri servent, giunge lo stesso a destinazione

    Le prospettive future

    Oggi si è giunti ad un nuovo modello di rete decentralizzata, quella con la presenza di superpeer (FastTrack e WinMX) o ultrapeer (nella rete Gnutella con LimeWire e presto con BearShare e Gnucleus).


    Rete Decentralizzata-Centralizzata
    con Ultrapeer o Superpeer

    In sostanza all’interno della rete ci sono dei servent che, per la loro potenza, acquisiscono la qualifica di server decentralizzato; a questi servent fanno capo molti peer che gli inviano i loro messaggi e che da questo sono propagati nella rete. Nella rete FastTrack e WinMX ci sono dei superpeer “fissi” che contengono il database degli utenti registrati (vulnerabilità legale del Network) e svolgono anche l’azione di cui sopra, ma anche dei superpeer creati, con apposite regole, all’interno della rete degli utenti. Tutti insieme contribuiscono a potenziare e ad alleggerire l’azione di ricerca, specialmente per quanto riguarda i servent con connessione più lenta (modem). E’ per questo che molti utenti prediligono questa forma di modello in quanto l’intervento nel processo di ricerca è notevolmente facilitato e la gran parte della banda può essere destinata al download in quanto il colloquio col Network è limitato di molto dall’attività del superpeer. A questi vantaggi si aggiunge il fatto che la rete è composta da molti utenti e quindi le ricerche possono vantare un più vasto share. Sono questi I motivi per cui client come Morpheus, KaZaA, Grokster e WinMX sono assai popolari fra tanti utenti.

    Nella rete Gnutella invece non ci sono superpeer fissi, ma solo degli ultrapeer che svolgono comunque quell’azione di convogliamento e propagazione dei messaggi. Questa sembra la giusta strada per la rete Gnutella: se pure è possibile il propagarsi all’infinito dei messaggi è pure anche vero che l’algoritmo che ne è alla base conduce inevitabilmente ad un overflow e gli ultrapeer sembrano la giusta soluzione.

    A questo di aggiunge un vantaggio che col passare dei giorni, a giudicare dalle notizie allarmanti che sempre più spesso affollano le riviste ed i siti internet del settore, diventa sempre più importante: la rete Gnutella è una rete decentralizzata, libera e sopratutto priva di quella vulnerabilità legale che rappresenta una spada di Damocle sulla sopravvivenza della rete FastTrack/WinMX. Inevitabilmente queste reti saranno fagocitate dagli stessi problemi che costrinsero alla chiusura Napster.

    Per chi volesse approfondire l’argomento consiglio:

    * il sito del servent LimeWire (www.limewire.com)
    * il sito del servent BearShare ( www.bearshare.com )
    * il sito del servent Gnucleus ( www.gnucleus.net ) che è open-source
    * il sito OpenP2P.com ( openp2p.com ) ricco di articoli tecnici

  5. #5
    Utente L'avatar di .TK3ss.
    Registrato il
    10-03
    Località
    Verona
    Messaggi
    53
    Dovrei fare una cosa un po' imparziale
    come diceva Asriel la nascita e lo sviluppo del p2p! Vi ringrazio tantissimo

  6. #6
    Utente L'avatar di .TK3ss.
    Registrato il
    10-03
    Località
    Verona
    Messaggi
    53
    ah, grazie anche a te Skaven!

  7. #7
    MGS Philosopher L'avatar di Skaven
    Registrato il
    04-03
    Messaggi
    5.527
    Citazione .TK3ss.
    ah, grazie anche a te Skaven!
    di nulla!
    Il messaggio che hai inserito è troppo corto. Per favore, allunga il messaggio almeno a 10 caratteri.

  8. #8
    Bannato L'avatar di Piccio87
    Registrato il
    09-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    5.351
    chiedilo ad Urbani

  9. #9
    Utente L'avatar di .TK3ss.
    Registrato il
    10-03
    Località
    Verona
    Messaggi
    53
    Citazione Skaven
    di nulla!
    Il messaggio che hai inserito è troppo corto. Per favore, allunga il messaggio almeno a 10 caratteri.
    Scusa non sono un assiduo frequentatore del forum , per il poco tempo e perché sono spesso fuori casa, perché devo allungare il messaggio?

  10. #10
    Cowboy in Love L'avatar di Loto.Nero
    Registrato il
    05-04
    Località
    Roma
    Messaggi
    7.109
    Citazione Piccio87
    chiedilo ad Urbani

    (10 Caratteri)
    lotonero.deviantart.com // stefanobroli.it

    Citazione Tuco Benedicto Pacifico
    Ciao, sono il sarcasmo, vuoi essere mio amico?

  11. #11
    Figlio di puttana L'avatar di Emptiness
    Registrato il
    07-03
    Località
    Abruzzo, Avezzano
    Messaggi
    4.451
    Citazione .TK3ss.
    Scusa non sono un assiduo frequentatore del forum , per il poco tempo e perché sono spesso fuori casa, perché devo allungare il messaggio?
    Tranquillo, è un messaggio che il forum ti invia quando il tuo messaggio non raggiunge quota 10 caratteri. Skaven ha semplicemente aggiunto quella frase per superare i 10 caratteri.

  12. #12
    MGS Philosopher L'avatar di Skaven
    Registrato il
    04-03
    Messaggi
    5.527
    Citazione Emptiness
    Tranquillo, è un messaggio che il forum ti invia quando il tuo messaggio non raggiunge quota 10 caratteri. Skaven ha semplicemente aggiunto quella frase per superare i 10 caratteri.
    ma LOL!

  13. #13
    Utente L'avatar di .TK3ss.
    Registrato il
    10-03
    Località
    Verona
    Messaggi
    53
    Cosmico

    dieci caratteri

  14. #14
    Utente L'avatar di .TK3ss.
    Registrato il
    10-03
    Località
    Verona
    Messaggi
    53
    Qualcuno gioca a CS?

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •