• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: - Critiche - Articolo sull'I.A. [GMC di Gennaio]

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di Marko
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    37.168

    Sorriso - Critiche - Articolo sull'I.A. [GMC di Gennaio]

    Secondo me lo speciale sull'Intelligenza Artificiale nel mondo videoludico poteva essere uno spunto molto interessante ma secondo me è stato sviluppato male.
    Ho gradito molto lo speciale sull'Anti Aliasing poiché oltre a parlare in generale di questa tecnica, delle schede video, ecc. mostrava anche il funzionamento dei relativi algoritmi su schede come la Parhelia, sulle nVidia e sulle ATI offrendo grande conoscenza dell'AA.
    Purtroppo non ho visto le stesse spiegazioni sull'articolo dell'I.A.
    La parte principale del testo parla solo vagamente dell'Intelligenza Artificiale facendo riferimento ad astruse tecniche per creare ai bot di Quake (sparatutto esempio) un'abilità di ragionamento pari alle cellule neurali basata sul "Impara dagli errori" (e cioé da quando gli umani ti massacrano) ma, sinceramente, ora ne so quanto prima.
    Avrei voluto leggere ben altro, per esempio cosa fa uno sviluppatore per creare da zero un I.A., che codice usa, le varie forme di codice, qualche esempio di un I.A. di bassissimo livello, una parte più approfondita su come si è sviluppata questa conoscenza (benché qualche lieve accenno sia già presente), qualche nozione di base sul funzionamento di questa tecnica e affini.
    Queste critiche sono assolutamente costruttive e lungi dall'essere considerate insulti, mi raccomando.
    Solo mi sento un po' deluso da un articolo basato su un argomento che definire interessante è dire poco.

  2. #2
    Ex admin L'avatar di Lex
    Registrato il
    10-02
    Località
    Udine
    Messaggi
    36.677
    Non ho letto l'articolo, però mi sento comunque in dovere di spezzare una lancia a favore della redazione. L'IA è un argomento alquanto complesso, che di solito viene affrontato a livello di università, e non credo che in poche pagine sia possibile spiegarne i concetti base arrivando anche a pubblicare esempi di codice.
    Ultima modifica di Lex; 28-12-2002 alle 01:44:31
    You will die, mortal


    Gli interventi di moderazione sono in rosso e grassetto. Chiarimenti a riguardo in privato.
    A causa di limiti di tempo, non risponderò a questioni relative al forum su MSN salvo in casi di reale emergenza. Se avete bisogno di contattarmi, mandatemi un mp.

  3. #3
    Utente L'avatar di gorman
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    14.627
    Personalmente a me l'articolo è piaciuto. E non poco... comunque non credo sarà l'ultimo che dedicheremo all'argomento, ci sarà tempo per approfondimenti ulteriori. Anche se Lex dice bene quando afferma che realizzare un articolo divulgativo, che non sembri una tesi universitaria, su un argomento di questo genere... beh, è davvero difficile.

    Attendo altri commenti. E... la mia non è una difesa d'ufficio, a me l'articolo è piaciuto davvero!
    Gorman Twitter
    Ci sono cose che il tempo non può accomodare,
    ferite talmente profonde che lasciano il segno…

  4. #4
    Mr. Google L'avatar di FbeShox
    Registrato il
    10-02
    Località
    Ruvo di Puglia
    Messaggi
    8.660
    mi avete incuriosito... spero che domani gmc sia in edicola!!!
    Niente spam in firma. Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

  5. #5
    Utente L'avatar di Marko
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    37.168
    Beh, se è davvero così difficile creare un articolo del genere, pazienza, ho solo detto cosa pensavo
    Il punto è che, una volta letto l'articolo, avrei voluto sapere qualcosa di più su come funziona l'intelligenza artificiale e livello pratico e cosa fanno esattamente gli sviluppatori.
    Sarà per un'altra volta

  6. #6
    Utente L'avatar di Vincenzo Beretta
    Registrato il
    10-02
    Località
    Milano
    Messaggi
    457
    Inviato da Marko
    Secondo me lo speciale sull'Intelligenza Artificiale nel mondo videoludico poteva essere uno spunto molto interessante ma secondo me è stato sviluppato male.
    Ho gradito molto lo speciale sull'Anti Aliasing poiché oltre a parlare in generale di questa tecnica, delle schede video, ecc. mostrava anche il funzionamento dei relativi algoritmi su schede come la Parhelia, sulle nVidia e sulle ATI offrendo grande conoscenza dell'AA.
    Purtroppo non ho visto le stesse spiegazioni sull'articolo dell'I.A.
    Posso assicurarti che non e' un caso

    Quando iniziai a interessarmi all'IA non fu per i giochi, ma perche', qualche anno fa, mi sembrava un argomento interessante per un scriverci un "Nathan Never" o un "Martin Mystere". Cosi' acquistai un paio di libri tecnici che parlavano dell'argomento partendo proprio dalle "basi" (ipotizzando cioe' che chi li leggeva non ne sapesse proprio nulla).

    Beh, posso assicurarti che, in entrambi i casi, gia' a pagina 10 il discorso si era fatto * complicatissimo *, e aveva iniziato a coinvolgere modelli logici e matematici, algoritmi e altre discipline matematiche e informatiche sicuramente affascinanti, ma molto "fredde" e in ogni caso non riconducibili all'interesse di un fumetto o di un articolo divulgativo (come invece puo' accadere per molti aspetti del mondo naturale, della biologia, dell'astronomia e cosi' via - cio' di cui campa "Quark" insomma )

    Se vuoi un esempio di questo approccio tecnico-formale all'IA ti consiglio di sfogliare, magari in una libreria scientifica, "Intelligenza Artificiale" di Elaine Rich e Kevin Knight (ed. McGraw Hill), che e' proprio uno dei testi che iniziano a parlare dell'IA partendo dalle basi (e che ho letto quasi tutto) - e vedrai come il discorso si fa ben presto estremamente tecnico e complesso.

    Poi, nella primavera dell'anno scorso, durante un viaggio negli Stati Uniti, scoprii che esisteva un secondo approccio al problema, che potremmo definire piu' "filosofico"; ovvero una corrente di ricerca che cercava innanzitutto di comprendere come funzionassero gli schemi di pensiero delle creature viventi, sia a livello biologico che a livello di organizzazione delle informazioni - e quindi di utilizzare tali schemi per creare modelli di IA. Questo secondo approccio al problema, sebbene sfiori soltanto l'aspetto materiale della "programmazione" dell'IA, e' molto piu' interessante per il grande pubblico, e tocca non solo problemi intellettuali e filosofici insospettati ma - cosa davvvero affascinante - che tutti possiamo riscontrare nella vita quotidiana (come i meccanismi di apprendimento).

    Purtroppo i testi che ho acquistato e letto sull'argomento sono per ora tutti in inglese, e sinceramente non ho idea se ne esistano edizioni italiane. Essi includono "Mind Children" di Hans Moravec (la base per "A.I." di Kubrick e Spielberg), "Beyond Humanity: CyberEvolution and Future Minds" di Gregory S. Paul e Earl D. Cox, "Darwin Among the Machines" di George B. Dyson, e, il piu' bello secondo me, "The Age of Spiritual Machines", di Ray Kurzwell (io li acquistai negli Stati Uniti, ma in ogni caso, sono tutti reperibili su Amazon, per esempio a http://www.amazon.com/exec/obidos/tg...books&n=507846).

    Cosi', una volta venutami l'idea di fare un'articolo sull'IA per GMC ho scelto questo secondo approccio - che mi sembrava, almeno qui da noi, fresco e innovativo. Se potessi tornare indietro sul testo pubblicato, probabilmente aggiungerei un box in cui spiego come un articolo strettamente tecnico sull'IA sarebbe risultato estremamente complesso, e consiglierei magari al lettore interessato di dare un occhiata al sopracitato "Intelligenza Artificiale" della Rich e di Knight. Ma preparati a trovarti di fronte a MOLTI numeri, schemi e diagrammi fin da pag. 1 ^_^

    Ciao!

    Vince

  7. #7
    Utente L'avatar di Marko
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    37.168
    Grazie infinite per tutti i chiarimenti e i consigli

  8. #8
    Fiero di essere TERRONE L'avatar di Peppigno
    Registrato il
    10-02
    Località
    Nel paese delle puttanone
    Messaggi
    39.071
    Creare una IA da zero è molto difficile e complicato... poi spiegarlo in poche pagine mi sembra una cosa (quasi) impossibile

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •