• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 20

Discussione: un libro per l'estate

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di BILBAO
    Registrato il
    02-03
    Località
    BELFAST
    Messaggi
    2.040

    un libro per l'estate

    visto che si avvicinano le ferie, visto che gli utenti di agorà sono molti e di diversa estrazione politica e visto che ogni riflessione è degna di lettura, mi pare una idea carina che ognuno, se lo vuole, consigli siu qs palestra di idee alcuni libri per una lettura estiva, impegnata, rosa, irriverente, comica......un rebelot che contenga le preferenze di chiunque ed i suggerimenti di chi ha voglia di scrivere due parole

    ecco il mio consiglio....."Storia del pensiero liberale", Badeschi, edizioni La Terza, molto interessante e per nulla palloso, anzi molto scorrevole

  2. #2
    Veterano dell'Inferno L'avatar di Born to Kill
    Registrato il
    11-02
    Località
    Marte
    Messaggi
    7.371
    "Breve storia del fascismo" di DeFelice, si trova anche all'ipercoop. E' un "riassunto" della storia del fascismo originariamente pensato per il documentario "Storia del 900", non richiede competenze storiche elevate, è di DeFelice quindi quanto di meglio si possa trovare per imparzialità.
    "Io, Fascista" di Giorgio Pisanò, in cui l'autore racconta la sua esperienza nella Repubblica Sociale, specialmente negli ultimi giorni (l'abbandono di Milano, la speranza nel ridotto alpino, la fine della RSI e l'assassinio di Mussolini) e le persecuzioni e i soprusi dell'epurazione antifascista, fino al 1948. Praticamente, il volto segreto della resistenza.
    "La voce del Duce" di Romano Canosa, tratta la storia dell'Agenzia Stefani, del suo direttore Manilo Morgagni (morto suicida all'indomani della caduta del fascismo) e delle comunicazioni radiofoniche e giornalistiche al tempo del regime, spesso superiori a quelle inglesi e americane anche per obbiettività, nonostante la propaganda (di cui era pesantemente intrisa anche la stampa alleata, non erano mica santi). Lettura abbastanza impegnata, ricca di documenti e citazioni.
    "I giorni di El Alamein" di Ugo Franzolin, edizione Settimo Sigillo (difficile da trovare...): Romanzo in cui l'autore descrive la propria partecipazione alla 2° guerra mondiale: Il dramma dei soldati italiani in Africa dopo un'inzio trionfante, il ritorno in Patria e l'8 settembre.
    "Ali d'Italia" di Giacomo Manfredi, edito da Società Editrice Barbarossa, collana Sinergie. Rappresenta la più completa biografia dell'asso Luigi Gorrini, unica Medaglia d'Oro al Valor Militare confermata dopo la caduta della RSI. Ricco di documenti tecnici, illustrazioni, foto d'epoca. La narrazione degli scontri aerei tiene incollati alla pagina. Luigi Gorrini ha combattuto in numerose località tra cui Germania, Africa, e alla difesa di Roma e Milano dalle enormi Fortezze Volanti americane, quasi sempre in inferiorità numerica e con mezzi inadeguati, i piloti italiani si distinsero per coraggio e abilità.

    Credo possano bastare




  3. #3
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    "Le rose di Atacama" di L. Sepulveda
    Economico, di facile lettura e piacevolmente leggero -pensando agli argomenti trattati-.

  4. #4
    Nothing to no one L'avatar di Toad
    Registrato il
    07-03
    Località
    Vigevano
    Messaggi
    12.470
    L'arte di Insultare-A.Schopenauer

  5. #5
    Bannato L'avatar di clemente86
    Registrato il
    10-02
    Località
    When there's no answer.
    Messaggi
    4.025
    Forse non coincide con gli argomenti dei vostri libri ma adesso sto leggendo:

    Susan a faccia in giù nella neve di Carol O'Connell

  6. #6
    aka "Music~Man" L'avatar di Valiant
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    24.562
    isabel allende - la città delle bestie.

    e il suo seguito: il regno del drago d'oro.

  7. #7
    Ex admin L'avatar di Lex
    Registrato il
    10-02
    Località
    Udine
    Messaggi
    36.677
    L'idea è buona, ma la sezione sbagliata.
    You will die, mortal


    Gli interventi di moderazione sono in rosso e grassetto. Chiarimenti a riguardo in privato.
    A causa di limiti di tempo, non risponderò a questioni relative al forum su MSN salvo in casi di reale emergenza. Se avete bisogno di contattarmi, mandatemi un mp.

  8. #8
    Halo 3 L'avatar di Krum
    Registrato il
    07-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    1.075
    la serie della torre nera a me personalmente mi ha affascinato e un genere fantasy western attual e e d e molto bello
    l autore e stephen king, ma non e orror questo libro, ve lo consgiglio
    Questo disco è un muro invalicabile, una scavatrice che abbatte un edificio, una jam session in mezzo al deserto californiano, una distorsione che resta nel cervello e non se ne va più, una vibrazione viscerale che urla la sua esistenza. Questo disco è IL disco Stoner Metal.


    --------------------------------------------------

    - = Pizza & Rock Forum = - -> Regolamento <- --- Gruppi utenti

  9. #9
    Utente L'avatar di BILBAO
    Registrato il
    02-03
    Località
    BELFAST
    Messaggi
    2.040
    Citazione Lex
    L'idea è buona, ma la sezione sbagliata.

    chiedo venia alla Legge grazie per avere posto rimedio al mio errore, visto che frequentando solo agorà pensavo potesse essere il loco giusto

    "Autobiografia di un fucilatore" Giorgio Almirante

    "33 lezioni su Lenin" Antonio Negri, detto Tony proprio il famoso Tony Negri

  10. #10
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    "Lettere contro la guerra"

    -Tiziano Terzani-

  11. #11
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335
    "Memorie del Terzo Reich" -Albert Speer
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

  12. #12
    Bannato L'avatar di GUNLUCKY
    Registrato il
    03-03
    Località
    sulle ali dell'Arcadia
    Messaggi
    9.411
    "La saga della spada delle rune" -Ann Marston

  13. #13
    daimyo di Kai L'avatar di Iladhrim84
    Registrato il
    12-02
    Località
    Castello di Yogai-jo
    Messaggi
    10.516
    Io consiglio la serie dedicata al clan giapponese degli Otori, di Llian Hearn...il primo la Leggenda degli otori, il secondo Il viaggio di Takeo ed il terzo che sta per uscire ma non so come è intitolato...è ambientato nel medioevo giapponese, tra samurai, ninja, battaglie campali e intrighi di palazzo...molto affascinante, da leggere tutto d'un fiato
    Quandi attacchi, attendi il momento giusto.
    Quando attendi, resta sospeso come il masso sul ciglio di un precipizio profondo mille metri.
    Quando arriva il momento giusto, annullati nell’attacco, come il masso che precipita nel vuoto
    .


    Suzume-no-kumo

  14. #14
    artista da strada L'avatar di Monkey Rufy
    Registrato il
    10-02
    Località
    Messaggi
    8.038
    Windhaven, un libro pieno di mare e di fresco

  15. #15
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335
    pubblico qua la recensione che ho fatto per un altro sito

    Albert Speer, “Memorie del Terzo Reich”; Oscar Storia Mondadori, €10,40


    Le “Memorie del Terzo Reich” sono un’autobiografia e insieme un’analisi del nazismo, a partire dall’ascesa di Hitler al potere fino al crollo definitivo dell’impero. Albert Speer, architetto ufficiale del regime prima, e ministro degli armamenti dopo, racconta la propria esperienza umana all’interno della cerchia degli intimi di Hitler. Tra grandiosi progetti urbanistici e intrighi di corte, catastrofi militari e attentati, la narrazione procede fino al processo di Norimberga. Grosso modo, il libro potrebbe diviso in 4 parti: la giovinezza di Speer; Speer architetto del regime; Speer ministro del Reich; la prigionia di Norimberga.
    La più grande critica che è stata mossa a Speer, riguardo all’opera in questione, è stata quella di aver completamente tralasciato l’Olocausto. In effetti, nel libro sono presenti solo pochi accenni sull’argomento, tuttavia non bisogna dimenticare che il suddetto non è un’opera storiografica, bensì autobiografica. Stando a quanto racconta Speer, non sembra assurdo pensare che egli fosse totalmente estraneo allo sterminio degli ebrei. Del resto, solo pochi intimi di Hitler, oltre che ovviamente le SS, erano realmente a conoscenza dell’ecatombe:

    “Un giorno –era forse l’estate del 1944- venne a farmi visita l’amico Karl Hanke, Gauletier della Bassa Slesia. Anni prima mi aveva parlato a lungo della guerra in Polonia e in Francia, dei morti e dei feriti, del dolore e del tormento, mostrandosi, allora, uomo profondamente sensibile e capace di compassione. Ora, però, appariva estremamente confuso. La sua voce mi giungeva incerta e spezzata dalla poltroncina di cuoio verde del mio studio, su cui sedeva. Mi diceva che se mi avessero invitato a visitare un certo campo di concentramento dell’Alta Slesia non avrei dovuto mai e poi mai dovuto aderire all’invito. Mai, per nessuna ragione. Lassù, diceva, aveva visto cose che non gli era permesso riferire e che d’altra parte non avrebbe neppure saputo descrivere.
    Non lo interrogai più a fondo. Non interrogai Himmler, non interrogai Hitler, non ne parlai neppure con gli amici più intimi. Non indagai. Non volevo sapere che cosa accadeva lassù. Credo che si trattasse di Auschwitz. Nei brevi istanti in cui Hanke mi diede questo avvertimento, tutta la mia responsabilità era tornata ad essere cosa reale. E a quegli istanti dovetti ripensare soprattutto quando, al processo di Norimberga, davanti al tribunale internazionale, mi resi conto che anch’io, in quanto membro importante del direttivo del Reich, ero corresponsabile di quanto era accaduto. Da quel momento in poi mi sentii moralmente legato, in maniera indissolubile, a quella catena di delitti, perché avevo chiuso gli occhi per paura di scoprire qualcosa che avrebbe potuto indurmi a trarre troppo gravi conseguenze. […] Di fronte a quella cecità, tutto il resto si riduce a ben poco. E a causa di questo rifiuto a vedere mi sento ancora oggi personalmente responsabile di Auschwitz.”

    Speer fu poi condannato a 20 anni di carcere, a Spandau. Tra gli accusati, non solo fu l’unico a non dichiararsi innocente per le accuse che gli venivano mosse, ma volle anche prendersi la responsabilità per i crimini del Terzo Reich:

    “E’ mio puro e semplice dovere l’essere qui [a Norimberga]. Nel dramma che ha coinvolto tutto il popolo tedesco non è lecito pensare troppo al proprio destino personale.”(lettera alla moglie del 27 ottobre 1945); “Qui non posso tenere una linea di difesa accomodante. Credo, e tu lo comprenderai, che tu e i nostri figli dovreste vergognarvi se io dimenticassi che per questo falso ideale sono caduti milioni di tedeschi.”(lettera alla moglie del marzo 1946); “non abbandonatevi all’illusione che mi batterò molto per la mia causa personale. Qui dobbiamo assumerci le nostre responsabilità, non chiedere l’elemosina.”(ai genitori, 25 aprile 1946)

    In effetti, molte erano le attenuanti di cui Speer avrebbe potuto far uso. Fu tra i primi a rendersi conto della follia dei piani di Hitler; negli ultimi mesi, riuscì a non far attuare l’ordine del Fuhrer di fare della Germania una terra bruciata, di distruggere cioè tutte quelle costruzioni necessarie alla sopravvivenza del popolo tedesco, rivelatosi indegno della vittoria, come fabbriche, ponti, uffici,ecc.; cercò di limitare al minimo le deportazioni forzate di lavoratori dai territori occupati alle fabbriche tedesche; arrivò a tentare di uccidere Hitler con un attentato, tramite l’immissione di un gas mortale, attraverso un condotto dell’aria, nel bunker della Cancelleria di Berlino, dove Hitler si era rintanato negli ultimi mesi. Tuttavia, Speer decise di non avvalersi di alcuna attenuante.




    La lettura delle Memorie ci fa rendere conto di come la Germania avesse tutte le carte in regola per vincere il conflitto: ottimi strateghi, tecnologia militare all’avanguardia e abbondanza di uomini. Bastò tuttavia un solo uomo per mandare all’aria tutti questi punti di forza: Hitler. Conformemente al suo innato dilettantismo, Hitler si intromise pesantemente nella conduzione della Seconda Guerra, soffocando totalmente l’autonomia decisionale dei suoi generali. Molti degli errori commessi dall’esercito tedesco dipesero da Hitler, il quale ordinava spostamenti di truppe deleteri e da effettuarsi nel minor tempo possibile; dichiarò guerra a Stalin, costringendo la Wermacht a combattere non solo su tre fronti (occidentale, nordafricano e orientale), ma a combattere anche su un fronte (quello russo) eccessivamente esteso, che andava da Stalingrado al Mar Nero; ogni volta che le truppe tedesche guadagnavano terreno, Hitler ordinava che esse non cedessero la posizione per nessun motivo, mandando così alla rovina interi reparti che venivano circondati e distrutti dal nemico; sbagliò nel privilegiare la produzione di bombardieri a discapito dei caccia, e la produzione dei carri armati pesanti e corazzati a discapito di quelli veloci e leggeri, e sbagliò in generale nella scelta degli equipaggiamenti delle truppe; ordinava ogni mese alle industrie quantitativi esagerati di armi e munizioni da produrre. Di fronte a queste serie di grossolani errori da principiante, molti generali arrivarono all’esasperazione. Rommel diventava sempre più pessimista, e reagiva ai discorsi strategici di Hitler con sorrisetti sdegnosi e compassionevoli, sconcertato da tanta incompetenza. Guderian, generale d’armata, arrivò a dare in escandescenze proprio in faccia ad Hitler:

    “L’armata tedesca della Curlandia era tagliata fuori senza scampo. Guderian cercò di convincere Hitler ad abbandonare la posizione sgomberando la nostra truppa. Hitler si oppose, come faceva sempre quando gli si chiedeva di consentire a un ripiegamento. Guderian, però, non cedette. Hitler si intestardì, le voci salirono di tono, e alla fine Guderian replicò a Hitler con una chiarezza che in questo ambiente apparve del tutto insolita. Infiammato, forse, dall’alcol offertogli da Oshima [ambasciatore giapponese], Guderian mollò i freni e si piazzò davanti ad Hitler- che nel frattempo si era levato dalla sedia- con occhi di fuoco e baffi realmente irti. <<E’ nostro dovere puro e semplice salvare questi uomini!>> gridò Guderian sfidando Hitler. <<Siamo ancora in tempo a portarli via!>> Eccitatissimo e profondamente irritato, Hitler gli tenne testa: <<No! Continueranno a combattere là dove si trovano! Non possiamo rinunciare a quei territori!>> E Guderian, altrettanto tenace e indignato: <<Non c’è scopo di condannare questi uomini a un sacrificio assurdo! E’ più che tempo di portarli via! Dobbiamo imbracarli subito!>>.”

    Le pagine più belle delle Memorie sono a mio avviso quelle che raccontano gli ultimi mesi prima della disfatta finale. Esse sono pregne di quella decadenza che anticipa la fine di tutti i grandi imperi. Città in rovina, folle che scappano, soldati disperati a corto di armi e munizioni, dirigenti del partito che fuggono nei propri bunker o nelle proprie residenze di campagna, contadini che ignorano l’andamento della guerra e ripongono una fiducia incondizionata nelle capacità di Hitler, industrie che cessano la propria attività sotto i bombardamenti. Il tutto vissuto in prima persona dalla voce narrante:

    “Il giorno dopo raggiungemmo Mannheim. Sembrava assolutamente senza vita, le strade erano spopolate, le case distrutte. Un povero soldato, barba incolta, uniforme logora, sulle spalle una scatola di cartone, si teneva incerto e assente al margine della strada, incarnazione della sconfitta.”

    Ma, forse, la pagina in assoluto più toccante è quella che narra il trasferimento di Speer dal castello di Kransberg, dove era tenuto in custodia da alcuni comandanti inglesi e americani, a Norimberga:

    “Una mattina, poco dopo le sei, fui svegliato bruscamente da uno dei miei ex-collaboratori. <<Alla radio>> mi disse <<hanno comunicato or ora che lei, e anche Schacht, figurano tra gli imputati al processo di Norimberga.>> […] Benché fossi accusato di gravi colpe, il personale di guardia non mi dimostrò alcun segno particolare di disprezzo o di odio. Gli americani, anzi, mi consolavano dicendo: <<Ben presto sarà assolto e dimenticherà tutto.>> Il sergente Williams aumentò le razioni di cibo perché, diceva, dovevo essere forte per il processo. Il comandante inglese, il giorno stesso in cui mi comunicata la notizia del trasferimento a Norimberga, mi invitò a fare una gita in macchina con lui. Attraversammo senza scorta i boschi del Taunus, ci stendemmo sotto un grande albero da frutta, ed egli mi raccontò della caccia all’orso nel Kashmir. Poi passeggiammo a lungo nel bosco.
    Erano belle giornate settembrine. Verso la fine del mese una jeep varcò il portone del castello. Il comandante inglese si rifiutò, sulle prime, di consegnare il suo prigioniero, e chiese conferma a Francoforte. Il sergente Williams mi diede una quantità di biscotti e mi chiese ripetutamente se non avevo bisogno di altro dal suo magazzino. Quando finalmente salii in macchina, l’intera comunità del carcere era riunita nel cortile. Tutti mi augurarono buona fortuna. Non dimenticherò mai l’espressione buona e preoccupata degli occhi del colonnello inglese in quel muto congedo.”

    Non sono un tipo romantico, detesto i sentimentalismi, ma trovo quasi commovente il fatto che, durante la Seconda Guerra Mondiale, persone di nazionalità diverse e avversarie abbiano voluto considerare Speer non un tedesco, un nazista, ma un semplice uomo che come tanti aveva vissuto da vicino uno dei più grandi drammi della nostra storia. Le “Memorie del Terzo Reich” sono un libro da non perdere, anche se non siete interessati all’argomento. Io stesso prima di leggerlo non mi interessavo né alla Seconda Guerra né al nazismo, tuttavia ne sono rimasto veramente impressionato.
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •