• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 53

Discussione: Olimpiadi Basket

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di SuperFra
    Registrato il
    07-04
    Località
    Dalle parti di Treviso...
    Messaggi
    475

    Occhiolino Olimpiadi Basket


    Secondo voi il Dream Team, conquisterà l'oro? Io tifo per l'Argentina ...e chiaramente, x l'Italia...

  2. #2
    Utente
    Registrato il
    12-02
    Località
    Parma
    Messaggi
    2.568
    Penso che ci siano poche chance per gli altri sopratutto dopo la batosta di Indianapolis, xro non è detto....

  3. #3
    Utente L'avatar di Drakon
    Registrato il
    04-04
    Messaggi
    375
    il dream team... fa paura..... direi il 78% loro 20% Argentina 2% italia..

  4. #4
    viaggiatore temporale L'avatar di 1bennett4
    Registrato il
    06-04
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3.034
    I dodici per le Olimpiadi di Atene


    Carlo Recalcati, ct della Nazionale di basket, ha completato l'elenco dei giocatori che rappresenteranno l'Italia ai prossimi Giochi Olimpici di Atene 2004.

    Michele Mian e Nikola Radulovic si aggiungono ai già scelti Gianluca Basile, Massimo Bulleri, Roberto Chiacig, Luca Garri, Giacomo Galanda, Denis Marconato, Gianmarco Pozzecco, Alex Righetti, Rodolfo Rombaldoni, Matteo Soragna.

    I giocatori ai Giochi Olimpici di Atene vestiranno i seguenti numeri:

    4 Nikola Radulovic
    5 Gianluca Basile
    6 Giacomo Galanda (capitano)
    7 Matteo Soragna
    8 Denis Marconato
    9 Gianmarco Pozzecco
    10 Alex Righetti
    11 Rodolfo Rombaldoni
    12 Massimo BUlleri
    13 Michele Mian
    14 Roberto Chiacig
    15 Luca Garri

    I giocatori per aggiudicarsi i numeri di maglia hanno partecipato ad un'asta.
    Il ricavato dell'asta è stato di 48mila euro e come già per lo scorso anno saranno devoluti in beneficenza.

    Dopo l'odierna gara con gli Stati Uniti, la Nazionale italiana si trasferirà a Reggio Calabria dove parteciperà al Torneo Internazionale 'Enzo Micali' con Brasile, Angola ed Australia.
    L'atleta Stefano Mancinelli rimane aggregato alla Nazionale. L'atleta Alessandro Abbio, una volta in Italia, è autorizzato a lasciare il raduno

  5. #5
    viaggiatore temporale L'avatar di 1bennett4
    Registrato il
    06-04
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3.034
    Italia, emozioni col Dream Team


    «Sono Larry Brown, e sono l'allenatore della Nazionale americana». Alle prime parole del coach statunitense, gli oltre duecento militari in Germania presenti alla Koln Arena scoppiano in un boato: conoscono bene Larry Brown e godono del fatto che l'intero allenamento del quasi Dream Team sia stato tutto per loro. Larry Brown, ceduto il microfono al suo assistente Gregg Popovich, si concede alle domande parlando del match con l'Italia di oggi quasi fosse un coach europeo. «Noi non siamo una squadra - spiega il ct degli Usa -. Ho un gruppo di ragazzi che sta provando a diventare una squadra. Il tempo è poco e spero che questo torneo in Germania e poi quello a Belgrado gli faccia capire quanto sia migliorata la pallacanestro europea nel tempo. La Nazionale italiana? Per noi è un test importante - ammette diplomaticamente -. Lo scorso anno ha battuto la Francia e poi era a Sydney dove, posso dirlo, era molto ben allenata». Il che, tradotto dal gergo degli allenatori, significa che Brown della nostra selezione conosce poco o nulla. Più onesto, con il suo berretto da baseball in testa, rigorosamente al contrario, Allen Iverson, il play dei Philadelphia Sixers: «Non conosco nulla dell'Italia e della Germania. Non li ho mai viste giocare. Se vinceremo? Beh, nella pallacanestro non puoi essere sicuro di nulla». Carlo Recalcati, ct azzurro, non si lascia impressionare: «Anche per noi - osserva - la gara con gli Stati Uniti è un test. È una partita che può rientrare in un periodo di preparazione e sono contento che ci giochiamo contro proprio adesso. Però devo dire che è una gara a sè. È bello esserci - prosegue Carlo Recalcati, che con gli Usa ha avuto a che fare da giocatore alle Olimpiadi di Montreal '76 e Messico '68 - ma non chiedetemi dei giocatori americani perché in questo periodo della preparazione sono molto più concentrato sul formare la nostra squadra che nel pensare alle altre». Usa-Italia, il match in programma stasera alle 20 a Colonia, sarà trasmesso in diretta da Sport Italia.

  6. #6
    frisbi L'avatar di Jakill
    Registrato il
    02-03
    Località
    Varese
    Messaggi
    1.174
    Ma dove cavolo è Sport Italia? Non voglio perdermelaaa
    Baggy Software Web Site

  7. #7
    Big man L'avatar di MagnusPinus
    Registrato il
    10-02
    Località
    Cuneo
    Messaggi
    4.670
    *********o recalcati...Portare uno sfigato come Radulovic invece che Mancinelli è un delitto..Sparati!
    "I'm sure he's fun for the fans to watch," Spurs coach Gregg Popovich said of Ginobili, "but he takes a month off my life each game."
    Tony Parker comments on Gary Payton:Tonight... let's say, I was driving a yellow school bus. I drove Gary Payton to school. I was the driver, he was the passenger..."

  8. #8
    viaggiatore temporale L'avatar di 1bennett4
    Registrato il
    06-04
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3.034
    Oggi gli azzurri sfideranno il Dream Team, accolto a Colonia dai soldati americani. Ma potrebbe essere anche il giorno della scelta dei due esclusi per Atene.

    Forse non sarebbe giusto chiamarlo Dream Team perché quello di Barcellona 1992 resta unico e probabilmente ineguagliabile. Eppure la nazionale statunitense, che martedì alle 20 affronterà l'Italia (diretta su SportItalia) davanti ai quasi ventimila della KölnArena, è una vera corazzata, una parata di campioni a cui è umanamente impossibile trovare dei difetti. Per gli azzurri si tratta della seconda occasione di misurarsi contro lo squadrone a stelle e strisce da quando è composto da stelle Nba anziché da collegiali di belle speranze. Nel 2000, a Sydney, finì 93-61 e i sogni italiani di ben figurare svanirono dopo metà gara: "Giocammo bene per un tempo - ricorda il capitano Jack Galanda, uno dei veterani olimpici - poi calammo di concentrazione e gli americani presero il largo".
    Chi non si fa coinvolgere troppo dall'atmosfera dell'evento è il c.t. Carlo Recalcati, che candidamente ammette: "Penso di essere l'unico a non sapere neanche l'esatta composizione della loro squadra. Finora ho pensato soprattutto alle avversarie che troveremo ad Atene, comunque ben venga questa amichevole, così se dovesse capitare di sfidare gli Stati Uniti all'Olimpiade almeno la squadra non si farà travolgere dall'emozione". Altri tempi quando Recalcati giocatore sfidò gli Usa a Città del Messico: "Di loro conoscevamo solo JoJo White e tre atleti che avevano fatto i Mondiali militari, non sapevamo neanche chi fosse Spencer Haywood". A Casa Italia si avvicina il momento della verità: con tutta probabilità domani Recalcati comunicherà i nomi dei due esclusi dalla rassegna olimpica. I ballottaggi sono tra Abbio e Mian e tra Mancinelli e Radulovic.
    Nel ruolo di guardia appare favorito Mian e nel caso il c.t. potrebbe concedere a "Picchio" un'ultima passerella azzurra come giusto ringraziamento per la serietà e l'impegno profusi dal giocatore nel corso della carriera azzurra. Molto più complicata la seconda scelta con Mancinelli che si fa preferire per i mezzi atletici, mentre Radulovic è sicuramente più pericoloso in attacco, anche se in queste ultime uscite di preparazione non ha decisamente giocato all'altezza dei suoi mezzi.
    Intanto il Dream Team è arrivato a Colonia domenica sera e nel primo pomeriggio di lunedì ha effettuato allenamento in terra tedesca alla presenza di qualche centinaio di rappresentanti delle Forze Armate statunitensi di stanza in Germania. La sessione si è conclusa con un cinque contro cinque a metà campo, spesso interrotto da Larry Brown per istruzioni tecniche, alcuni esercizi di tiro e qualche schiacciata in libertà con Lamar Odom e LeBron James a elettrizzare i presenti.
    Alla fine il tecnico dei Detroit Pistons si è rivolto ai militari presenti e prima di coinvolgerne qualcuno in gare di tiro coi giocatori ha pronunciato un discorso breve, ma molto sentito: "Sappiamo bene quanto difficile e importante sia il vostro lavoro e sappiamo quanto l'uniforme significhi per voi. Vi assicurò che sarà la stessa cosa per noi e ogni volta che indosseremo le maglie con la scritta Usa state certi che faremo di tutto per onorarla".

  9. #9
    Utente L'avatar di SuperFra
    Registrato il
    07-04
    Località
    Dalle parti di Treviso...
    Messaggi
    475
    Sport italia è dovunque, in tutte le tv credo! A me è comparso da solo! Cerca nei canali vari della tua tv!

  10. #10
    viaggiatore temporale L'avatar di 1bennett4
    Registrato il
    06-04
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3.034
    Dream team.Parlano i protagonisti


    Larry Brown
    Traduzione
    Si è parlato molto della sua relazione con Allen Iverson e la punizione
    subita contro Porto Rico...
    "E' una cosa passata, è arrivato in ritardo. E' una cosa finita dopo cinque minuti. Amo il ragazzo, è un grande giocatore ed è il capitano della nostra squadra con Tim Duncan. Sarà in quintetto nella prossima partita e anche gli altri due (James e Stoudemire, ndr) hanno imparato la lezione. Dobbiamo imparare a rispettarci e diventare una squadra: per me è finito tutto e ora occupiamoci delle prossime due partite".
    Voleva essere una lezione?
    "No, volevo solo che fossimo una squadra".
    E la loro reazione?
    "Sono stati grandi, sono tornati il giorno successivo pronti a giocare e allenarsi. Sono uomini, sanno come vanno le cose. Questo non è uno sport individuale, la nostra sfida più grande è quella di diventare una squadra: loro lo sanno e vogliono riuscirci. E' tutto".
    Preoccupato per avere solo un vero lungo?
    "No, abbiamo ragazzi molto duri. La mia unica preoccupazione è avere poco tempo a disposizione, avere una squadra giovane e molti ragazzi che non hanno mai giocato competizioni internazionali e non sono abituati alle regole. Altri che non si rendono conto di quanto forti siano le altre squadre, ma io lo so e Tim Duncan lo sa e anche Allen: dovremo farlo capire a tutti".
    Quello che è successo a Indianapolis è un avvertimento?
    "Se non lo è stato avrebbe dovuto esserlo. Comunque è stata una buona cosa, ora so quanto sia importante per i ragazzi stranieri giocare in nazionale. Abbiamo una squadra forte e molti di questi ragazzi saranno il futuro della nostra Lega. Penso che queste amichevoli serviranno ai ragazzi a capire quanto dura sarà la nostra strada"
    Ha già fatto scouting delle avversarie?
    "No, non ancora".
    E gli assenti?
    "Avevano buone ragioni. C'era chi aveva paura per la sicurezza, chi si è sposato, chi ha avuto figli, chi era infortunato. Sono deluso perché la scorsa estate eravamo una grande squadra. Saremmo stati più preparati, ma questi giovani avranno l'onore di fare parte di questa squadra e di dimostrare di averlo meritato".
    E' un onore anche per lei?
    "Sì, lo è fare parte di Usa Basketball in qualsiasi modo".
    Che differenza c'è tra allenare la Nazionale e una squadra di club?
    "Nessuna, è lo stesso. Non ho lo stesso tempo, ma alleno nello stesso modo e mi diverto altrettanto".
    Carlos Boozer
    Traduz.
    Pronto per la sfida con la Germania?
    ”Facciamo un passo per volta: prima dobbiamo affrontare l’Italia e poi penseremo alla Germania che ha una superstar come Dirk Nowitizki”.
    Ha qualche consiglio da dare a LeBron James?
    ”No, non saprei. Non posso dare consigli, diciamo che ognuno deve raccoglierli da solo”
    Cosa pensa dello scandalo Balco negli Stati Uniti?
    ”E’ una situazione dura, penso di non essere nella posizione di poterne parlare”
    Come affrontate da questo punto di vista l’Olimpiade voi atleti statunitensi?
    ”Siamo pronti, è una brutta storia quella che sta succedendo. Saremo tutti puliti e ognuno dovrà concentrarsi su quello che deve fare e continuare così”
    E puntare all’oro?
    ”Assolutamente, raggiungere l’oro”
    I vostri avversari più temibili?
    ”Non saprei, ci sono molte formazioni valide e dovremo essere pronti ad affrontarle tutte”.
    Le regole internazionali: ha paura delle infrazioni di passi?
    ”Sto imparando, sono così diverse, gli arbitri sanzionano cose diverse e ne concedono altre. Bisogna adeguarsi e speriamo che non ci fischino troppe infrazioni di passi”.
    Avete lavorato nello specifico sulle regole visto che a Indianapolis sono state così importanti?
    ”Sì, ci siamo allenati molto con l’aiuto di alcuni arbitri. Abbiamo provato ad abituarci a situazioni che nella Nba sono legali e a livello internazionale no”.
    Giocherete anche a zona?
    “Non lo so, dipenderà dalle circostanze delle partite”
    Avete paura circa il possibile impatto delle difese a zona?
    ”No, non abbiamo paura per nulla. Ci stiamo preparando…”

    Allen Iverson
    Traduz.
    Come paragoni questo Dream team ai precedenti?
    "Atletici, giovani, forse non siamo grandi tiratori e dobbiamo andare vicino a canestro e prendere tiri facili".
    Vedi debolezze in questa squadra?
    “No, non ne vedo alcuna”.
    Cosa ne pensi della sfida con la Cina di Yao Ming?
    ”Non saprei cosa dire, conosco solo Yao Ming e nessun suo compagno. Ma so che ogni squadra che affronteremo cercherà di batterci. Lo accettiamo e non vediamo l’ora perché nella vita non c’è nulla di meglio che una sfida e questa sarà una sfida: noi siamo pronti”.
    Sei leader in campo e anche nello spogliatoio. Come procede il lavoro?
    ”Potrebbe andare meglio, ma potrebbe anche andare peggio: dobbiamo lavorare ogni giorno, non essere egoisti e migliorare come squadra. Abbiamo atletismo e velocità come nessun altro, ma bisognerà saper giocare insieme come un’unità a prescindere dalle abilità atletiche, lasciare l’uno contro da parte ed essere squadra, così saremo imbattibili”.
    Cosa significa per te questa Olimpiade?
    “E’ importante. E’ qualcosa che volevo per me, per il Paese, per i miei compagni, la mia famiglia, i miei amici, per tutti i compagni e gli allenatori che ho avuto perché senza di loro non sarei mai arrivato qui. Se vinceremo una medaglia, la porterò a tutti quelli che mi hanno portato fin qui”.

    Richard Jefferson
    Traduz.
    Per i Nets le perdite di Martin e forse di Kidd sono gravissime...
    "Kenyon Martin è una grave perdita, ma non ci possiamo fare nulla: non si può piangere, disperarsi, è la legge del basket e del business. I Chicago Bulls non si sono ancora ripresi dalla perdita di Jordan, Pippen e Jackson; noi speriamo di impiegarci di meno"
    Un giudizio su Larry Brown come allenatore ?
    "E' un buon allenatore, è un insegnante. E' più simile a un allenatore di college che dei pro, cerca di renderti un giocatore migliore e non si preoccupa molto di chi tu sia, vuole solo riuscire a migliorarti".
    Stephon Marbury
    Traduz.
    E L’Italia? Notizie sull’Italia?
    ”No, penso che ci daranno questa sera uno scouting report e all’allenamento di domani vedremo un video”.
    E’ il tuo primo viaggio oltreoceano?
    “No, non è il primo, ho già giocato gli Junior Olympics prima dell’Olimpiade in Grecia”.
    Cosa sai delle altre avversarie che affronterete prima di Atene?
    ”Beh, sarà dura perché saremo in posti abbastanza diversi da quelli a cui siamo abituati…”
    C'è pressione su di voi per vincere l’oro?
    ”No, non c’è pressione”
    Cosa dovete fare per migliorare verso Atene?
    ”Continuare a lavorare come una squadra, l’amalgama è il nostro debole perché dobbiamo assemblarci in poco tempo. Non ci siamo allenati per diverso tempo e ora dobbiano tutti lavorare per un nuovo allenatore, con un gioco nuovo”.
    Come ti senti a giocare per Larry Brown?
    ”Sto imparando molto”.
    Lamar Odom
    Traduz.
    "La gente mi ha stupito. Una grande accoglienza, sono stupito dal sistema educativo, tutti qui parlano in inglese..."
    Come gestisce la pressione che c'è su di voi?
    "Non c'è pressione. La pressione ce l'hanno questi ragazzi in tribuna
    (militari americani, ndr), vanno in Iraq, si svegliano in un altro paese con un fucile in spalla, combattendo in guerra: loro sì che hanno la vera pressione. Noi giochiamo a basket, è qualcosa che amiamo e anche se tutti si aspettano che vinciamo sempre, ma in confronto a quello che fanno questi ragazzi ogni giorno è poca cosa".
    Contento di essere andato ai Lakers?
    "E' una grande opportunità per me, giocare al fianco di Kobe Bryant che è uno dei più forti giocatori nella Nba. I Lakers sono come i New York Yankees, una delle migliori franchigie nello sport di oggi".
    Con Kobe come andrà?
    "Io cerco sempre di passare la palla prima e dopo di tirare. Spero che Kobe faccia 40, 50 punti di media. Più lui segna e più avremo chance di vincere"
    Cosa conosce della Germania?
    "Dirk Nowitzki"
    Che voto gli dà?
    "A+ (il massimo del sistema americano, ndr). E' una superstar, un All
    Star da 4-5 anni, un grande giocatore"
    Lo marcherà?
    "Dipende da che ruolo giocherà. Se ala, probabilmente sì"
    Come è essere allenati da Larry Brown?
    "E' un grande insegnante, in questo periodo siamo tutti studenti con insegnati come Larry Brown, Gregg Popovich e Roy Williams. E' una grande cosa essere qui e imparare il gioco da gente come loro".
    Dispiaciuto di lasciare Dwayne Wade a Miami dopo una grande stagione?
    "Il basket è un business, va capito. Meglio che sia capitato in estate che in inverno durante una trasferta. Ho già vissuto a Los Angeles, per me è una grande opportunità".
    Meglio Miami o Los Angeles?
    "Sono di New York, scelgo New York, ma sono comunque fortunato".
    Quale è la vostra debolezza maggiore?
    "Non ammetterei mai una nostra debolezza per non esporci. Diciamo che abbiamo dei pregi come essere giovani, atletici, possiamo mettere pressione sulla palla, alzare il ritmo con la nostra versatilità, la nostra velocità e la nostra statura".
    Ti aspetti molte difese a zona?
    "Penso che molte squadre cercheranno di costringerci a tirare da fuori, ma sono convinto che a nostra volta metteremo molta pressione in difesa in modo che la nostra difesa diventi al tempo stesso il nostro attacco. Se riusciremo ad aumentare i ritmi penso andrà tutto bene".

    Emeka Okafor
    Traduz.
    Come è fare parte di questo Dream Team?
    “MI sento bene, sto imparando molte cose. E' un buon modo per entrare nella Nba".
    Sentite la pressione? Indianapolis è stata un delusione e nessun Dream team ha mai perso alle Olimpiadi…
    ”Indianapolis è stato il passato, noi siamo il presente. Siamo qui, staimo lavorando duro e dobbiamo soltanto rimanere concentrati sull’obiettivo”.
    Ci sono molte squadre come Argentina e Lituania che metteranno molta pressione su di voi: come pensate di affrontarle?
    ”Giocheremo duro, nessuno ci darà via libera senza combattere e questo è divertente. Ce lo aspettiamo e saremo pronti, sarà divertente”.
    Mi aspettate molta difesa a zona?
    ”Ci aspettiamo molto di tutto. Le squadre europee hanno grande agonismo e sono molto disciplinate”
    Le regole Fiba?
    ”Essenzialmente il gioco è lo stesso, si tratta solo di un paio di regole minori a cui fare l’abitudine.”

  11. #11
    viaggiatore temporale L'avatar di 1bennett4
    Registrato il
    06-04
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3.034
    inizia la partita!

    FORZA AZZURRI!!!!!!

  12. #12
    viaggiatore temporale L'avatar di 1bennett4
    Registrato il
    06-04
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3.034
    Italia +5 Dopo 8 Minuti!!!!!!

    11-16

  13. #13
    viaggiatore temporale L'avatar di 1bennett4
    Registrato il
    06-04
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3.034
    FINE PRIMO QUARTO


    USA-ITALIA=14-23!!!!!!!!!

  14. #14
    frisbi L'avatar di Jakill
    Registrato il
    02-03
    Località
    Varese
    Messaggi
    1.174
    23-14 italia dopo il 1° quarto!!!
    Baggy Software Web Site

  15. #15
    Utente L'avatar di vegetto
    Registrato il
    09-03
    Località
    roma
    Messaggi
    4.988
    rega non credo al risultato


Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •