• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 48

Discussione: I problemi della terra

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di kaekko
    Registrato il
    07-04
    Località
    [12311,68,1243,52,809234]
    Messaggi
    669

    I problemi della terra

    Il nostro pianeta si trova sicuramente un una fase molto critica. La nostra Madre Terra ha molti più problemi di quanto i potenti della terra attraverso i media ci fanno sapere. Basterebbe solamente che uno dei problemi del pianeta arrivasse al suo apice (cosa che accadrà tra pochi anni) che sarebbe la fine, o quasi, per tutti noi.
    Per esempio Jaques Cousteau dichiarò che i mari della terra stavano morendo. All'inizio nessuno lo prese sul serio, ma quando nel 1990 ci si rese conto che il mare Mediterraneo era morto all'85%. L'Oceano Atlantico non versava in condizioni molto migliori, solo il pacifico stava un po’ meglio ma solo perché ha una massa di acqua nettamente superiore.

    Se i mari e gli oceani dovessero morire morirebbero con loro il plancton e il fitoplancton, che oltre ad essere alla base della catena alimentare marina, sono anche le principali fonti di ossigeno del pianeta.

    Il famoso buco dell'Ozono, che come sappiamo tale sostanza fa da filtro ai raggi ultravioletti prodotti dal sole. Il direttore del programma delle Nazioni Unite ha definito tale catastrofe come uno dei maggiori pericoli che gravano sull'umanità. La distruzione dello strato di ozono, si sta verificando ad un livello come mai prima d'ora. Le zone ora interessate sono molto superiori a quello che gli scienziati avessero previsto. Il livello di ozono sull'Europa è stato distrutto secondo una percentuale che va dal 10 al 20 per cento.

    Per non parlare dei disboscamenti, dell'inquinamento atmosferico, inquinamento chimico e radioattivo del terreno in molte parti del pianeta. Come potete vedere, e come sapete sicuramente tutti i nostri problemi sono veramente notevoli. Della serie chi più ne ha più ne metta.

    Secondo Drunvalo, se fosse possibile tornare sul pianeta fra pochi anni, a livello tridimensionale ci troveremmo davanti un pianeta morto.

  2. #2
    Eh? L'avatar di Snake_eater
    Registrato il
    08-03
    Località
    ...a casa mia...
    Messaggi
    2.576
    Bene o male l'uomo se l'è voluta...
    (\_/)
    (°_°)
    (> <) <- Questo è Bunny. Copia Bunny nella tua sign e aiutalo a conquistare il mondo.
    Gli eroi siamo noi!

  3. #3
    Dota2BetaTester L'avatar di Kel'Thuzad
    Registrato il
    09-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    4.170
    i dati sugli oceani e sull'ozono sono totalmente fuorvianti oltre ad essere sballati

    il plancton non c'entra una sega con l'ossigeno

    Il pianeta andrà incontro a una mutazione a livello dell'idrosfera, non diventerà un deserto , questo a causa dell'effetto serra , il primo principale problema di gaia

  4. #4
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    I problemi ce li siamo cercati.


  5. #5
    Neo-Atlantideo L'avatar di Marcus85
    Registrato il
    12-02
    Località
    Toronto (ON) - Canada
    Messaggi
    8.360
    Non esiste alcuna prova o testimonianza scientifica che l'effetto serra sia stato causato dall'inquinamento prodotto dall'uomo. Come le glaciazioni, è semplicemente un fenomeno ciclico, che si ripete periodicamente allo scopo di riequilibrare il clima. Es: ipotizziamo che la temperatura media della Terra possa variare da 0 a 10 (sono cifre del tutto indicative) Tra questi estremi 5 è il punto di equilibrio. Se, a causa di una qualsiasi catastrofe o sconvolgimento (vedi eruzioni vulcaniche intense, meteoriti et similia bella) andasse a 0, si assisterebbe ad una reazione opposta e contraria (es: tornerebbe a 8). Prima di tronare all'equilibrio ( 5 ) dovrà però ancora compiere oscillazioni in un senso o nell'altro (es: tronerà a 2, poi a 7,5, quindi andrà a 3 e poi a 7 ) e così via sino al ripristino dell'equilibrio. Maggiore è la portata del cataclisma maggiore è la durata delle oscillazioni...e non si parla di qualche anno o di qualche secolo ma di decine di migliaia di anni. Storicamente, alle ere glaciali si sono sempre alternati periodi di effetto serra oggi inimmaginabili. Anche oggi, sebbene queste glaciazioni non raggiungano più la portata di migliaia di anni fa, continuano ad avvenire: l'ultima fu alla fine dell '800, quando letteralmente si parlò di anni senza estate. Oggi stiamo semplicemente assistendo alla reazione, uguale e contraria a questo evento: un forte effetto serra con aumento delle temperature medie anche significativo. E a questo punto spero che nessuno voglia dire che le glaciazioni ( quelle dei Mammut per intendersi) siano colpa dell'uomo.. sono fenomeni ciclici e del tutto natuarli. La differenza è che oggi, con le attualis trumentazioni, possiamo meglio capacitarcene rispetto agli antichi ( per la cronaca, dall'analisi dei ghiacci della groenlandia, è emerso che la temperatura media terrestre raggiunse un picco, tuttora ineguagliato, proprio sotto l'impero romano, quando certamente non c'erano nè raffinerie di petrolio nè rifiuti chimici ad inquinare l'ambiente). Non sarà certo qualche fumo nell'atmosfera in definitiva a rendere la terra inabitabile, come qualche allarmista vuole farci credere,senza considerare che anche grazie alle gentili attenzioni di qualche ambientalista nei prossimi anni l'Europa si avvierà sempre più verso il diventare un centro di servizi, a vantaggio di Cina e India, che ridendo e scherzando in un solo anno inquinano quasi quanto tutte le industrie europee non sarebbero in grado di fare in oltre 10 anni.

  6. #6
    Dota2BetaTester L'avatar di Kel'Thuzad
    Registrato il
    09-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    4.170
    Citazione Marcus85
    Non esiste alcuna prova o testimonianza scientifica che l'effetto serra sia stato causato dall'inquinamento prodotto dall'uomo. Come le glaciazioni, è semplicemente un fenomeno ciclico, che si ripete periodicamente allo scopo di riequilibrare il clima. Es: ipotizziamo che la temperatura media della Terra possa variare da 0 a 10 (sono cifre del tutto indicative) Tra questi estremi 5 è il punto di equilibrio. Se, a causa di una qualsiasi catastrofe o sconvolgimento (vedi eruzioni vulcaniche intense, meteoriti et similia bella) andasse a 0, si assisterebbe ad una reazione opposta e contraria (es: tornerebbe a 8). Prima di tronare all'equilibrio ( 5 ) dovrà però ancora compiere oscillazioni in un senso o nell'altro (es: tronerà a 2, poi a 7,5, quindi andrà a 3 e poi a 7 ) e così via sino al ripristino dell'equilibrio. Maggiore è la portata del cataclisma maggiore è la durata delle oscillazioni...e non si parla di qualche anno o di qualche secolo ma di decine di migliaia di anni. Storicamente, alle ere glaciali si sono sempre alternati periodi di effetto serra oggi inimmaginabili. Anche oggi, sebbene queste glaciazioni non raggiungano più la portata di migliaia di anni fa, continuano ad avvenire: l'ultima fu alla fine dell '800, quando letteralmente si parlò di anni senza estate. Oggi stiamo semplicemente assistendo alla reazione, uguale e contraria a questo evento: un forte effetto serra con aumento delle temperature medie anche significativo. E a questo punto spero che nessuno voglia dire che le glaciazioni ( quelle dei Mammut per intendersi) siano colpa dell'uomo.. sono fenomeni ciclici e del tutto natuarli. La differenza è che oggi, con le attualis trumentazioni, possiamo meglio capacitarcene rispetto agli antichi ( per la cronaca, dall'analisi dei ghiacci della groenlandia, è emerso che la temperatura media terrestre raggiunse un picco, tuttora ineguagliato, proprio sotto l'impero romano, quando certamente non c'erano nè raffinerie di petrolio nè rifiuti chimici ad inquinare l'ambiente). Non sarà certo qualche fumo nell'atmosfera in definitiva a rendere la terra inabitabile, come qualche allarmista vuole farci credere,senza considerare che anche grazie alle gentili attenzioni di qualche ambientalista nei prossimi anni l'Europa si avvierà sempre più verso il diventare un centro di servizi, a vantaggio di Cina e India, che ridendo e scherzando in un solo anno inquinano quasi quanto tutte le industrie europee non sarebbero in grado di fare in oltre 10 anni.
    sò perfettamente che l'effetto serra è un fenomeno naturale , del pianeta , anzi è uno dei fenomeni indispensabili per la vita ...ma gaia è un sistema vivo , se tu oggi immetti nell'atmosfera 10 milioni di miliardi di metri cubi di anidride carbonica nell'atmosfera e altri gas che sfaldano lo strato di ozono , domani ne subirai le conseguenze in termini di RIEQUILIBRIO del pianeta , nessuno ha mai detto che la Terra morirà , ma il sistema si riequilibrerà da solo portandoci quasi sicuramente all'estinzione

  7. #7
    Hail to the Prophet L'avatar di Asriel
    Registrato il
    11-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    34.913
    non credo proprio che l'uomo si estinguerà... abbiamo raggiunto un livello di tecnlogia tale da permetterci di vivere anche se il pianeta fosse un immenso deserto...

  8. #8
    Was ist das? L'avatar di Eyedol
    Registrato il
    09-03
    Località
    Reparto psichiatrico
    Messaggi
    8.950
    Citazione Marcus85
    Non esiste alcuna prova o testimonianza scientifica che l'effetto serra sia stato causato dall'inquinamento prodotto dall'uomo. Come le glaciazioni, è semplicemente un fenomeno ciclico, che si ripete periodicamente allo scopo di riequilibrare il clima. Es: ipotizziamo che la temperatura media della Terra possa variare da 0 a 10 (sono cifre del tutto indicative) Tra questi estremi 5 è il punto di equilibrio. Se, a causa di una qualsiasi catastrofe o sconvolgimento (vedi eruzioni vulcaniche intense, meteoriti et similia bella) andasse a 0, si assisterebbe ad una reazione opposta e contraria (es: tornerebbe a 8). Prima di tronare all'equilibrio ( 5 ) dovrà però ancora compiere oscillazioni in un senso o nell'altro (es: tronerà a 2, poi a 7,5, quindi andrà a 3 e poi a 7 ) e così via sino al ripristino dell'equilibrio. Maggiore è la portata del cataclisma maggiore è la durata delle oscillazioni...e non si parla di qualche anno o di qualche secolo ma di decine di migliaia di anni. Storicamente, alle ere glaciali si sono sempre alternati periodi di effetto serra oggi inimmaginabili. Anche oggi, sebbene queste glaciazioni non raggiungano più la portata di migliaia di anni fa, continuano ad avvenire: l'ultima fu alla fine dell '800, quando letteralmente si parlò di anni senza estate. Oggi stiamo semplicemente assistendo alla reazione, uguale e contraria a questo evento: un forte effetto serra con aumento delle temperature medie anche significativo. E a questo punto spero che nessuno voglia dire che le glaciazioni ( quelle dei Mammut per intendersi) siano colpa dell'uomo.. sono fenomeni ciclici e del tutto natuarli. La differenza è che oggi, con le attualis trumentazioni, possiamo meglio capacitarcene rispetto agli antichi ( per la cronaca, dall'analisi dei ghiacci della groenlandia, è emerso che la temperatura media terrestre raggiunse un picco, tuttora ineguagliato, proprio sotto l'impero romano, quando certamente non c'erano nè raffinerie di petrolio nè rifiuti chimici ad inquinare l'ambiente). Non sarà certo qualche fumo nell'atmosfera in definitiva a rendere la terra inabitabile, come qualche allarmista vuole farci credere,senza considerare che anche grazie alle gentili attenzioni di qualche ambientalista nei prossimi anni l'Europa si avvierà sempre più verso il diventare un centro di servizi, a vantaggio di Cina e India, che ridendo e scherzando in un solo anno inquinano quasi quanto tutte le industrie europee non sarebbero in grado di fare in oltre 10 anni.
    Anche il mio vecchio prof di chimica, in una lunga chiaccherata, mi aveva illustrato questo tipo di informazione...in effetti la cosa fa pensare, per quale motivo cercano di allarmare la popolazione se l'uomo ben poco conta in queste catastrofi naturali? bof...

  9. #9
    Dota2BetaTester L'avatar di Kel'Thuzad
    Registrato il
    09-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    4.170
    Citazione Asriel
    non credo proprio che l'uomo si estinguerà... abbiamo raggiunto un livello di tecnlogia tale da permetterci di vivere anche se il pianeta fosse un immenso deserto...
    siete fissati con questo deserto

    guarda 2 sole parole : tutto l'opposto

  10. #10
    Was ist das? L'avatar di Eyedol
    Registrato il
    09-03
    Località
    Reparto psichiatrico
    Messaggi
    8.950
    Citazione Asriel
    non credo proprio che l'uomo si estinguerà... abbiamo raggiunto un livello di tecnlogia tale da permetterci di vivere anche se il pianeta fosse un immenso deserto...

    Ehm...su questo nutro qualche dubbio...

  11. #11
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307
    Citazione Eyedol
    Anche il mio vecchio prof di chimica, in una lunga chiaccherata, mi aveva illustrato questo tipo di informazione...in effetti la cosa fa pensare, per quale motivo cercano di allarmare la popolazione se l'uomo ben poco conta in queste catastrofi naturali? bof...
    Catastrofismo. Negli anni 70 pseudoscienziati facevano previsioni apocalittiche che si sono rivelate infondate.

    Un pò come il nucleare: per colpa di Chernobyl e della demagogia ci tocca comprare l'energia, anziche produrla in casa. Avevamo già degli impianti per produrre

  12. #12
    aka "Music~Man" L'avatar di Valiant
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    24.562
    le oscillazzioni sono un fenomeno base dell'ecologia, glaciazioni...effetto serra...tutto ok, ma noi sulla terra ci dobbiamo (e vogliamo) vivere. L'uomo dovrebbe cercare il modo di creare quell'equilibrio stabile che ci consentirà di vivere su un pianeta "ordinato" per migliaia di anni....

  13. #13
    Was ist das? L'avatar di Eyedol
    Registrato il
    09-03
    Località
    Reparto psichiatrico
    Messaggi
    8.950
    Mmmm, in ogni caso immagino che sotto sotto ci siano complotti economici. (ovviamente non ne ho le prove, ma gira e rigira si incappa sempre nello stesso argomento)

  14. #14
    Dota2BetaTester L'avatar di Kel'Thuzad
    Registrato il
    09-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    4.170
    Citazione IL CONTE
    Catastrofismo. Negli anni 70 pseudoscienziati facevano previsioni apocalittiche che si sono rivelate infondate.

    Un pò come il nucleare: per colpa di Chernobyl e della demagogia ci tocca comprare l'energia, anziche produrla in casa. Avevamo già degli impianti per produrre
    sì , questo ha portato a una fuga di cervelli italiani che avevano il " know-how" su delle centrali nucleari supersicure ad acqua ...

    dall'altra parte dell'adriatico a 200 km abbiamo le centrali della croazia che versano in condizioni disastrose

  15. #15
    artista da strada L'avatar di Monkey Rufy
    Registrato il
    10-02
    Località
    Messaggi
    8.038
    con la responsabilità che c'e' in italia è stato molto meglio che la centrale qui non ci fosse

Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •