Shrek 2 [english version]
Di Lugli Andrea

  • Developer Luxoflux Corp.
  • Publisher TDK Mediactive
  • Genere Action, Adventure
  • Release Date May 04, 2004
  • Multiplayer assente




GRAFICA: 7

La grafica si mantiene per tutto il corso delle nostre scorribande su livelli medio-alti. La trasposizione digitale di tutti i personaggi che hanno preso parte nel film è ottima. Peccato che venga persa atmosfera rispetto al film.



SONORO: 7

Come ogni tie-in che si rispetti la colonna sonora marca profondamente le caratteristiche del film da cui è tratto, il che non è assolutamente un male.



GIOCABILITA’: 5

Libertà nulla, prevedibilità delle azioni dei nostri nemici, un sistema di controllo troppo semplificato a discapito della funzionalità sono tutti elementi che minano la godibilità dell’avventura. A volte la frustrazione è davvero dietro l’angolo.



LONGEVITA’: 6

A causa di una forte linearità nella narrazione e di poche azioni da noi effettuabili la meccanica di gioco si mostra ripetitiva e monotona fin dalle prime ore di gioco. Probabilmente questo titolo verrà abbandonato dopo sole alcune giornate.



GLOBALE: 6

Shrek, Fiona e molti altri personaggi che hanno trovato posto nel film faranno la loro comparsa anche nel videogioco. La possibilità di utilizzare più personaggi per proseguire nel gioco tutti con caratteristiche diverse aumenta quel poco di longevità presente. La doppiatura effettuata dallo stesso cast del film si mantiene su ottimi regimi e la trama non è da meno.

L’eccessiva monotonia e prevedibilità dell’azione rende l’intera esperienza potenzialmente frustante.





PREGI:

L’umorismo di “Ciuchino” ci accompagnerà per tutte le nostre avventure. Troveremo tutti i personaggi che hanno preso parte al film.



DIFETTI:

Poche sono le azioni fruibili all’interno del gioco e prevedibili le risposte dell’intelligenza artificiale alle nostre sollecitazioni. Il gioco appare monotono sin dalle prime ore.





RECENSIONE:



In concomitanza all’uscita del secondo film dedicato a Shrek, e a tutti i personaggi che popolano le fiabe con le quali siamo cresciuti, possiamo trovare in vendita Shrek 2 il videogioco.

Come ogni tie-in che si rispetti, i punti di forza di questo gioco sono chiaramente identificabili in una trama con delle solide basi giustificate nel film, un vasto numero di personaggi presenti in entrambe le opere e un audio degno di hollywood.

Le scelte stilistiche che accompagnano questi elementi sono generalmente di buona qualità.

Texture definite, buon numero di poligoni su ogni personaggio ed esenzione da bug grafici; la grafica di shrek 2 è buona e gira fluidamente anche su macchine con qualche acciacco sulle spalle.

Con un Athlon XP 1700 +, 512 Mb di memoria RAM e una scheda grafica Radeon 9600 il gioco è pienamente godibile al massimo dei dettagli senza subire nessun rallentamento nemmeno nelle scene più concitate.

I problemi sono nel sistema di controllo, nel gameplay e nella meccanica di gioco.

Se da una parte le scene di intermezzo e le animazioni sono all’altezza della situazione, il sistema di controllo è troppo semplificato e offre ben poche possibilità d’azione al nostro personaggio. Ci ritroveremo dunque costretti a dover utilizzare poche azioni che ripeteremo nel tempo trovando il gioco monotono fin dalle sue prime ore.

I giocatori che si troveranno infastiditi dal sistema di controllo semplicistico quasi sicuramente cercheranno di velocizzare le azioni e di trovare delle scappatoie alle inutili animazioni esplicative del gioco. Purtroppo la stessa meccanica ci obbliga a rallentare in presenza di un qualunque elemento interattivo come: ragnatele (ci daranno la forza per eseguire un potente salto), tubi (è possibile arrampicarsi su di essi), scale, items di ogni genere e altro. Sarà sempre necessario eseguire le azioni con calma altrimenti molte volte esse falliranno per un scorretto allineamento tra noi e l’oggetto.

Appare chiaro dunque che la frustrazione in Shrek 2 e la possibilità di ritrovarsi a compiere una decina di volte lo stesso passo è alta. Questo non è dovuto a nostri errori, ma ad un sistema di controllo lento, ripetitivo e mal calibrato.

Gli amanti dei film interattivi saranno sicuramente compiaciuti al sapere che la trama, pur essendo ricca di dettagli e di colpi di scena, offre ben poca libertà al giocatore che si ritroverà a percorrere sentieri obbligati a raccogliere i vari oggetti, uccidere le persone che si metteranno fra noi e l’obiettivo, e premere pulsanti che andranno ad aprire porte.

Queste saranno le azioni che potremo effettuare noi, tutte le altre sono determinate nelle varie scene d’animazione.

Purtroppo però noi non siamo qui a recensire un film interattivo, ma un videogioco.

Per cercare di offrire uno spiraglio di longevità è stato introdotto un distributore automatico di magie. Il menù che ci permetterà di scegliere la pozione da acquistare è semplice e ben realizzato, sia come usabilità che come grafica.

Per variare l’azione potremo quindi acquistare queste pozioni (una decina in tutto che spaziano tra l’elisir d’amore alla pozione per rimpicciolirci) e usarle contro i vari ladri e contadini che troveremo.

Altro elemento a sfavore del gioco è una scarsa cura nella realizzazione degli scenari aperti che appaiono piatti e privi di interesse; al contrario quelli interni offriranno molti elementi visivi e una caratterizzazione più curata.

Ad alleviare le nostre sofferenze Luxoflux ha posto particolare attenzione al comprato sonoro.

Musiche incantate e piene di atmosfera riusciranno a sopperire alla mancanza grafica trasportandoci all’interno della palude degli orchi, del castello del re, delle fiabe classiche.

Il doppiaggio inglese è stupendo, eseguito probabilmente dagli stessi doppiatori del film originale.

Avremo costantemente l’umorismo sarcastico e demenziale di “Ciuchino” (l’asino) e le sue lotte con Shrek che ci accompagneranno in quasi ogni intermezzo proprio come accade nel film.

L’unico punto debole sono alcuni effetti audio poco realistici o eccessivamente piatti che messi a confronto con i restanti sono una percentuale irrilevante.



In definitiva riusciremo a goderci pienamente solo qualche giornata per lasciare abbandonato subito dopo Shrek 2 nello scaffale assieme a tutti gli altri videogiochi.

Il titolo lo consigliamo agli appassionati del film, ai più giovani oppure ai giocatori che cercano un sistema di controllo semplice senza troppe complicazioni, ma per le persone abituate a simulatori e gestionali che cercano nell’adventure delle ore di svago, il titolo viene fortemente sconsigliato.


Copyright by Andrea Lugli and Ludus.it