• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Kameo: Elements of Power

Cambio titolo
  1. #1
    Primo della nuova Triade L'avatar di Tsuby2002
    Registrato il
    10-02
    Località
    Trieste
    Messaggi
    14.331

    Esclamazione Kameo: Elements of Power

    Kameo: Elements of Power non è soltanto la nuova, attesissima produzione di casa Rare dopo i buoni risultati conseguiti con StarFox Adventures. Il promettente Action RPG in arrivo l'anno prossimo su Xbox costituisce infatti anche una svolta essenziale nel panorama ludico dell'ancor giovane console Microsoft, il segno lampante che al fattore quantità i dipartimenti di Redmond preferiscono ora privilegiare la ricerca della qualità, tanto sul fronte del supporto quanto sul piano delle politiche di sviluppo.
    Tra le molte credenziali annoverate dagli ex sviluppatori Nintendo, artefici di alcuni recenti capolavori nonchè proprietari di franchise popolarissimi, manca infatti all'appello la voce "fecondità", considerando i continui ritardi nella pubblicazione dei titoli, le reiterate defezioni che hanno afflitto il team durante gli anni passati e la lunghissima gestazione di qualche progetto in cantiere. Circostanze evidentemente capaci di scalfire il solido legame col vecchio partner, insieme alle deludenti vendite del pur meritevole Conker's Bad Fur Day. Menzionando il nuovo gioco partorito dai creatori di Banjo Kazooie e Perfect Dark, il pensiero corre quindi inevitabilmente al recente passaggio di proprietà della software house nelle mani di Bill Gates, autentico "colpo di mercato" costato 395 milioni di dollari a seguito di un susseguirsi ininterrotto voci e illazioni. Appare ancora oggi impossibile prevedere se Kameo: Elements Of Power rappresenterà per la piattaforma americana quel che Goldeneye è stato per il nero 64 bit made in Kyoto, o se il gioco riuscirà a replicare gli incassi del sorprendente Diddy Kong Racing; certamente il video mostrato nel corso dell'edizione europea di X02 accresce ulteriormente un'attesa spasmodica risalente ormai ai primi annunci diramati diciotto mesi fa...

    DA NINTENDO GAMECUBE A XBOX
    Stando alle insistenti dichiarazioni dei portavoce Rare, il materiale fotografico e i brevi filmati diffusi durante la manifestazione spagnola proverrebero interamente da kit di sviluppo Xbox, su cui i lavori sono iniziati già da qualche tempo. Eppure il passaggio dall'hardware GameCube non sembra aver generato cambiamenti estetici rilevanti, nonostante il limitato margine di tempo concesso agli sviluppatori per effettuare la parziale "conversione" e le profonde differenze nell'architettura delle due console.I programmatori promettono comunque un'ottimizzazione del codice secondo le caratteristiche della piattaforma Microsoft, il che farebbe sperare pure nel supporto alla connettività online appena introdotta sul territorio statunitense e in arrivo qui da noi a marzo 2003, con nuovi bonus o livelli aggiuntivi da scaricare. Curioso il destino del team inglese, costretto a cambiare sistema in corsa anche nel mezzo della lavorazione di StarFox Adventures, ma forse abituato ormai a eseguire operazioni così "traumatiche"; altrettanto imprevedibile la scelta di sfornare cosecutivamente due giochi di ruolo sulla falsariga di The Legend Of Zelda: Ocarina Of Time, dopo una lunga e fruttuosa militanza nel genere platform. Auguriamoci comunque che l'esperienza accumulata con l'ultima uscita Nintendo possa garantire a Kameo: Elements of Power un ennesimo salto di qualità tecnico e strutturale.

    KAMEO: GOTTA CATCH'EM ALL!
    Del capolavoro firmato Shigeru Miyamoto il gioco sembra rievocare le meccaniche principali, il tono generale decisamente fiabesco, il peso relativo assegnato alla componente narrativa in favore di una più spiccata propensione "action", oltre alla comoda visuale esterna, temporaneamente sostituibile tramite azzeccate soggettive in prima persona. Inoltre si evidenziano la presenza massiccia di rompicapo, l'ottimo character design dei "boss", la grafica coloratissima e "cartoonesca". Eppure la saga di Zelda non costituisce l'unico motivo ispiratore del titolo, ricco di spunti e contenuti assimilabili alla serie Monster Rancher o a Pokémon, se non addirittura derivati dal vecchio Sabrewulf (uscito per Commodore 64 quando Rare si chiamava ancora Ultimate, e ormai prossimo a un ritorno di fuoco su GameBoy Advance). Per risolvere gli enigmi introdotti nell'avventura e sconfiggere i nemici lungo il percorso, Kameo dovrà infatti catturare e addestrare oltre sessanta creature reperibili in locazioni nascoste o più semplicemente esposte alla luce del sole; ciascuna appare caratterizzata da particolari poteri e abilità utili a effettuare trasformazioni in nuove "entità" o a colpire i rivali di turno utlizzando il mostro selezionato come un proiettile. I cuccioli reperiti guadagnano inoltre gradi d'esperienza scanditi da cambiamenti nell'aspetto e nelle prestazioni sulla base del loro impiego e della permanenza all'interno del nostro "arsenale". Le immagini visionate testimoniano per esempio l'evoluzione iniziale del piccolo Koo in un troll chiamato Cling capace di sollevare oggetti e attaccare a distanza ravvicinata, nonchè la mutazione successiva nel temibile Blaze, un figuro poco rassicurante con il vizio di lanciar bombe.

    JET FORCE KAMEO
    Assolutamente singolare e promettente risulta poi la fase di "caccia" degli animaletti sparsi per i livelli, simile a una pesca accompagnata da vibrazioni del joypad in una sorta di brillante omaggio a Luigi's Mansion: mediante uno strano bastone colorato in grado di emettere singolari bolle di sapone, potremo infatti imprigionare e di seguito immobilizzare il nostro bersaglio, che verrà ritratto con tanto di caratteristiche peculiari e relativo modello wireframe su un piccolo display posizionato nella parte superiore dello schermo. Le caratteristiche introdotte non finiscono qui, cominciando dalla possibilità di librarsi in volo, spiccare balzi incredibili o diventare temporaneamente invulnerabili sempre grazie all'ausilio dei mostri collezionati. I primi annunci riferiscono inoltre di puzzle elaborati e ben congegnati, sicuramente più impegnativi di quelli introdotti nel recente StarFox Adventures, pensato forse per un bacino d'utenza di etá sensibilmente inferiore. I combattimenti real time condiranno infine l'azione con un pizzico di frenesia e concitazione, assistiti da un comportamento definito "intelligente" della telecamera virtuale: auguriamoci solo che il dosaggio degli ingredienti sia calibrato sapientemente senza fastidiosi punti morti o frequenti cali di tensione, replicando efficacemente la magia degli illustri predecessori.
    A uno sguardo attento il marchio di fabbrica Rare sembrerebbe evincersi anche dal look della protagonista principale, una graziosa fatina elfica dotata di orecchie appuntite, copiosi orecchini stile "zingara" ed esili ali trasparenti, con un aspetto complessivo del tutto affine ai personaggi del dimenticato Jet Force Gemini.

    "... E SE TI MANCANO GLI INGREDIENTI, CON KAMEO SON BELLI E PRONTI"
    Infranto in corcostanze misteriose l'incantesimo che lo teneva imprigionato entro sei pietre elementali, il terribile Thorn (perfido sovrano della bellicosa tribù troll) sembra ora deciso a ricostituire il suo vecchio regime di terrore eliminando innanzitutto i nemici di sempre, gli odiati elfi della foresta. Pessime notizie per la dolce Kameo, futura erede al trono destinata ad affrontare l'acerrimo rivale: per liberare il mondo dallo spettro di una nuova guerra occorre infatti ricostituire l'antico sortilegio e intrappolare il mostro negli amuleti del fuoco, dell'acqua, del vento, della terra, del ghiaccio e dell'aria, ora disseminati lungo terre lontane... talmente vaste da rendere la componente esplorativa davvero determinante nel gioco, forte di un background ancora più esteso del pur imponente Hyrule.Nonostante lo stadio ancora prematuro della programmazione, il primo titolo Xbox firmato Rare presenta un impianto visivo già strepitoso tanto nell'elaborazione dei modelli poligonali quanto nella confezione dei fondali, senza dimenticare orrizzonti che si estendono a perdita d'occhio e texture dettagliatissime in alta risoluzione. Le animazioni rappresentano attualmente il punto forte del prodotto per fluidità e impatto coreografico, a condire un comparto grafico realizzato con una vena quasi artistica.
    Le informazioni e il materiale fotografico disponibile prospettano in definitiva un probabile "best seller" e un esordio col botto per la nuova avventura "americana" dello storico team inglese. Le uniche perplessità rimangono legate a un impianto complessivo certamente non rivoluzionario, forse troppo ricalcato sull'esempio dei mostri sacri più volte citati nel corso dell'anteprima. Considerando però il nome dello sviluppatore, le chance di essere smentiti dai fatti restano sicuramente numerosissime...
    Sto guardando: Knight Rider 2008, Heroes Villains, Smallville S8, Californication S2, Prison Break S4, Fringe, 90210, Stargate Atlantis S4

    Sto aspettando: Stargate Universe, Lost S5, Life in Mars US

    ma anche film.. Max Payne (14 novembre '08), Star Trek (8 maggio '09), Fast & Furious 4 (5 giugno '09), Transformers: Revenge of the fallen (26 giugno 09), Robocop (2010), Spiderman 4 (Maggio 2011)

  2. #2
    Utente L'avatar di Stiwy
    Registrato il
    11-02
    Messaggi
    1.596

    Re: Kameo: Elements of Power

    Inviato da Tsuby2002
    Kameo: Elements of Power non è soltanto la nuova, attesissima produzione di casa Rare dopo i buoni risultati conseguiti con StarFox Adventures. Il promettente Action RPG in arrivo l'anno prossimo su Xbox costituisce infatti anche una svolta essenziale nel panorama ludico dell'ancor giovane console Microsoft, il segno lampante che al fattore quantità i dipartimenti di Redmond preferiscono ora privilegiare la ricerca della qualità, tanto sul fronte del supporto quanto sul piano delle politiche di sviluppo.
    Tra le molte credenziali annoverate dagli ex sviluppatori Nintendo, artefici di alcuni recenti capolavori nonchè proprietari di franchise popolarissimi, manca infatti all'appello la voce "fecondità", considerando i continui ritardi nella pubblicazione dei titoli, le reiterate defezioni che hanno afflitto il team durante gli anni passati e la lunghissima gestazione di qualche progetto in cantiere. Circostanze evidentemente capaci di scalfire il solido legame col vecchio partner, insieme alle deludenti vendite del pur meritevole Conker's Bad Fur Day. Menzionando il nuovo gioco partorito dai creatori di Banjo Kazooie e Perfect Dark, il pensiero corre quindi inevitabilmente al recente passaggio di proprietà della software house nelle mani di Bill Gates, autentico "colpo di mercato" costato 395 milioni di dollari a seguito di un susseguirsi ininterrotto voci e illazioni. Appare ancora oggi impossibile prevedere se Kameo: Elements Of Power rappresenterà per la piattaforma americana quel che Goldeneye è stato per il nero 64 bit made in Kyoto, o se il gioco riuscirà a replicare gli incassi del sorprendente Diddy Kong Racing; certamente il video mostrato nel corso dell'edizione europea di X02 accresce ulteriormente un'attesa spasmodica risalente ormai ai primi annunci diramati diciotto mesi fa...

    DA NINTENDO GAMECUBE A XBOX
    Stando alle insistenti dichiarazioni dei portavoce Rare, il materiale fotografico e i brevi filmati diffusi durante la manifestazione spagnola proverrebero interamente da kit di sviluppo Xbox, su cui i lavori sono iniziati già da qualche tempo. Eppure il passaggio dall'hardware GameCube non sembra aver generato cambiamenti estetici rilevanti, nonostante il limitato margine di tempo concesso agli sviluppatori per effettuare la parziale "conversione" e le profonde differenze nell'architettura delle due console.I programmatori promettono comunque un'ottimizzazione del codice secondo le caratteristiche della piattaforma Microsoft, il che farebbe sperare pure nel supporto alla connettività online appena introdotta sul territorio statunitense e in arrivo qui da noi a marzo 2003, con nuovi bonus o livelli aggiuntivi da scaricare. Curioso il destino del team inglese, costretto a cambiare sistema in corsa anche nel mezzo della lavorazione di StarFox Adventures, ma forse abituato ormai a eseguire operazioni così "traumatiche"; altrettanto imprevedibile la scelta di sfornare cosecutivamente due giochi di ruolo sulla falsariga di The Legend Of Zelda: Ocarina Of Time, dopo una lunga e fruttuosa militanza nel genere platform. Auguriamoci comunque che l'esperienza accumulata con l'ultima uscita Nintendo possa garantire a Kameo: Elements of Power un ennesimo salto di qualità tecnico e strutturale.

    KAMEO: GOTTA CATCH'EM ALL!
    Del capolavoro firmato Shigeru Miyamoto il gioco sembra rievocare le meccaniche principali, il tono generale decisamente fiabesco, il peso relativo assegnato alla componente narrativa in favore di una più spiccata propensione "action", oltre alla comoda visuale esterna, temporaneamente sostituibile tramite azzeccate soggettive in prima persona. Inoltre si evidenziano la presenza massiccia di rompicapo, l'ottimo character design dei "boss", la grafica coloratissima e "cartoonesca". Eppure la saga di Zelda non costituisce l'unico motivo ispiratore del titolo, ricco di spunti e contenuti assimilabili alla serie Monster Rancher o a Pokémon, se non addirittura derivati dal vecchio Sabrewulf (uscito per Commodore 64 quando Rare si chiamava ancora Ultimate, e ormai prossimo a un ritorno di fuoco su GameBoy Advance). Per risolvere gli enigmi introdotti nell'avventura e sconfiggere i nemici lungo il percorso, Kameo dovrà infatti catturare e addestrare oltre sessanta creature reperibili in locazioni nascoste o più semplicemente esposte alla luce del sole; ciascuna appare caratterizzata da particolari poteri e abilità utili a effettuare trasformazioni in nuove "entità" o a colpire i rivali di turno utlizzando il mostro selezionato come un proiettile. I cuccioli reperiti guadagnano inoltre gradi d'esperienza scanditi da cambiamenti nell'aspetto e nelle prestazioni sulla base del loro impiego e della permanenza all'interno del nostro "arsenale". Le immagini visionate testimoniano per esempio l'evoluzione iniziale del piccolo Koo in un troll chiamato Cling capace di sollevare oggetti e attaccare a distanza ravvicinata, nonchè la mutazione successiva nel temibile Blaze, un figuro poco rassicurante con il vizio di lanciar bombe.

    JET FORCE KAMEO
    Assolutamente singolare e promettente risulta poi la fase di "caccia" degli animaletti sparsi per i livelli, simile a una pesca accompagnata da vibrazioni del joypad in una sorta di brillante omaggio a Luigi's Mansion: mediante uno strano bastone colorato in grado di emettere singolari bolle di sapone, potremo infatti imprigionare e di seguito immobilizzare il nostro bersaglio, che verrà ritratto con tanto di caratteristiche peculiari e relativo modello wireframe su un piccolo display posizionato nella parte superiore dello schermo. Le caratteristiche introdotte non finiscono qui, cominciando dalla possibilità di librarsi in volo, spiccare balzi incredibili o diventare temporaneamente invulnerabili sempre grazie all'ausilio dei mostri collezionati. I primi annunci riferiscono inoltre di puzzle elaborati e ben congegnati, sicuramente più impegnativi di quelli introdotti nel recente StarFox Adventures, pensato forse per un bacino d'utenza di etá sensibilmente inferiore. I combattimenti real time condiranno infine l'azione con un pizzico di frenesia e concitazione, assistiti da un comportamento definito "intelligente" della telecamera virtuale: auguriamoci solo che il dosaggio degli ingredienti sia calibrato sapientemente senza fastidiosi punti morti o frequenti cali di tensione, replicando efficacemente la magia degli illustri predecessori.
    A uno sguardo attento il marchio di fabbrica Rare sembrerebbe evincersi anche dal look della protagonista principale, una graziosa fatina elfica dotata di orecchie appuntite, copiosi orecchini stile "zingara" ed esili ali trasparenti, con un aspetto complessivo del tutto affine ai personaggi del dimenticato Jet Force Gemini.

    "... E SE TI MANCANO GLI INGREDIENTI, CON KAMEO SON BELLI E PRONTI"
    Infranto in corcostanze misteriose l'incantesimo che lo teneva imprigionato entro sei pietre elementali, il terribile Thorn (perfido sovrano della bellicosa tribù troll) sembra ora deciso a ricostituire il suo vecchio regime di terrore eliminando innanzitutto i nemici di sempre, gli odiati elfi della foresta. Pessime notizie per la dolce Kameo, futura erede al trono destinata ad affrontare l'acerrimo rivale: per liberare il mondo dallo spettro di una nuova guerra occorre infatti ricostituire l'antico sortilegio e intrappolare il mostro negli amuleti del fuoco, dell'acqua, del vento, della terra, del ghiaccio e dell'aria, ora disseminati lungo terre lontane... talmente vaste da rendere la componente esplorativa davvero determinante nel gioco, forte di un background ancora più esteso del pur imponente Hyrule.Nonostante lo stadio ancora prematuro della programmazione, il primo titolo Xbox firmato Rare presenta un impianto visivo già strepitoso tanto nell'elaborazione dei modelli poligonali quanto nella confezione dei fondali, senza dimenticare orrizzonti che si estendono a perdita d'occhio e texture dettagliatissime in alta risoluzione. Le animazioni rappresentano attualmente il punto forte del prodotto per fluidità e impatto coreografico, a condire un comparto grafico realizzato con una vena quasi artistica.
    Le informazioni e il materiale fotografico disponibile prospettano in definitiva un probabile "best seller" e un esordio col botto per la nuova avventura "americana" dello storico team inglese. Le uniche perplessità rimangono legate a un impianto complessivo certamente non rivoluzionario, forse troppo ricalcato sull'esempio dei mostri sacri più volte citati nel corso dell'anteprima. Considerando però il nome dello sviluppatore, le chance di essere smentiti dai fatti restano sicuramente numerosissime...
    devo essere sincero: secondo me questo Kameo non sarà un successone.............e poi io odio i personaggi di videogiochi che sono fogure femminili.......non ci stanno!!!

    (vedete?? anche quando parlo della grande X sono sincero.....perchè io dico sempre la verità)

  3. #3
    Bozzolo L'avatar di BaoaB
    Registrato il
    10-02
    Località
    Tolentino
    Messaggi
    3.929

    Re: Kameo: Elements of Power

    Inviato da Tsuby2002
    Kameo: Elements of Power non è soltanto la nuova, attesissima produzione di casa Rare dopo i buoni risultati conseguiti con StarFox Adventures. Il promettente Action RPG in arrivo l'anno prossimo su Xbox costituisce infatti anche una svolta essenziale nel panorama ludico dell'ancor giovane console Microsoft, il segno lampante che al fattore quantità i dipartimenti di Redmond preferiscono ora privilegiare la ricerca della qualità, tanto sul fronte del supporto quanto sul piano delle politiche di sviluppo.
    Tra le molte credenziali annoverate dagli ex sviluppatori Nintendo, artefici di alcuni recenti capolavori nonchè proprietari di franchise popolarissimi, manca infatti all'appello la voce "fecondità", considerando i continui ritardi nella pubblicazione dei titoli, le reiterate defezioni che hanno afflitto il team durante gli anni passati e la lunghissima gestazione di qualche progetto in cantiere. Circostanze evidentemente capaci di scalfire il solido legame col vecchio partner, insieme alle deludenti vendite del pur meritevole Conker's Bad Fur Day. Menzionando il nuovo gioco partorito dai creatori di Banjo Kazooie e Perfect Dark, il pensiero corre quindi inevitabilmente al recente passaggio di proprietà della software house nelle mani di Bill Gates, autentico "colpo di mercato" costato 395 milioni di dollari a seguito di un susseguirsi ininterrotto voci e illazioni. Appare ancora oggi impossibile prevedere se Kameo: Elements Of Power rappresenterà per la piattaforma americana quel che Goldeneye è stato per il nero 64 bit made in Kyoto, o se il gioco riuscirà a replicare gli incassi del sorprendente Diddy Kong Racing; certamente il video mostrato nel corso dell'edizione europea di X02 accresce ulteriormente un'attesa spasmodica risalente ormai ai primi annunci diramati diciotto mesi fa...

    DA NINTENDO GAMECUBE A XBOX
    Stando alle insistenti dichiarazioni dei portavoce Rare, il materiale fotografico e i brevi filmati diffusi durante la manifestazione spagnola proverrebero interamente da kit di sviluppo Xbox, su cui i lavori sono iniziati già da qualche tempo. Eppure il passaggio dall'hardware GameCube non sembra aver generato cambiamenti estetici rilevanti, nonostante il limitato margine di tempo concesso agli sviluppatori per effettuare la parziale "conversione" e le profonde differenze nell'architettura delle due console.I programmatori promettono comunque un'ottimizzazione del codice secondo le caratteristiche della piattaforma Microsoft, il che farebbe sperare pure nel supporto alla connettività online appena introdotta sul territorio statunitense e in arrivo qui da noi a marzo 2003, con nuovi bonus o livelli aggiuntivi da scaricare. Curioso il destino del team inglese, costretto a cambiare sistema in corsa anche nel mezzo della lavorazione di StarFox Adventures, ma forse abituato ormai a eseguire operazioni così "traumatiche"; altrettanto imprevedibile la scelta di sfornare cosecutivamente due giochi di ruolo sulla falsariga di The Legend Of Zelda: Ocarina Of Time, dopo una lunga e fruttuosa militanza nel genere platform. Auguriamoci comunque che l'esperienza accumulata con l'ultima uscita Nintendo possa garantire a Kameo: Elements of Power un ennesimo salto di qualità tecnico e strutturale.

    KAMEO: GOTTA CATCH'EM ALL!
    Del capolavoro firmato Shigeru Miyamoto il gioco sembra rievocare le meccaniche principali, il tono generale decisamente fiabesco, il peso relativo assegnato alla componente narrativa in favore di una più spiccata propensione "action", oltre alla comoda visuale esterna, temporaneamente sostituibile tramite azzeccate soggettive in prima persona. Inoltre si evidenziano la presenza massiccia di rompicapo, l'ottimo character design dei "boss", la grafica coloratissima e "cartoonesca". Eppure la saga di Zelda non costituisce l'unico motivo ispiratore del titolo, ricco di spunti e contenuti assimilabili alla serie Monster Rancher o a Pokémon, se non addirittura derivati dal vecchio Sabrewulf (uscito per Commodore 64 quando Rare si chiamava ancora Ultimate, e ormai prossimo a un ritorno di fuoco su GameBoy Advance). Per risolvere gli enigmi introdotti nell'avventura e sconfiggere i nemici lungo il percorso, Kameo dovrà infatti catturare e addestrare oltre sessanta creature reperibili in locazioni nascoste o più semplicemente esposte alla luce del sole; ciascuna appare caratterizzata da particolari poteri e abilità utili a effettuare trasformazioni in nuove "entità" o a colpire i rivali di turno utlizzando il mostro selezionato come un proiettile. I cuccioli reperiti guadagnano inoltre gradi d'esperienza scanditi da cambiamenti nell'aspetto e nelle prestazioni sulla base del loro impiego e della permanenza all'interno del nostro "arsenale". Le immagini visionate testimoniano per esempio l'evoluzione iniziale del piccolo Koo in un troll chiamato Cling capace di sollevare oggetti e attaccare a distanza ravvicinata, nonchè la mutazione successiva nel temibile Blaze, un figuro poco rassicurante con il vizio di lanciar bombe.

    JET FORCE KAMEO
    Assolutamente singolare e promettente risulta poi la fase di "caccia" degli animaletti sparsi per i livelli, simile a una pesca accompagnata da vibrazioni del joypad in una sorta di brillante omaggio a Luigi's Mansion: mediante uno strano bastone colorato in grado di emettere singolari bolle di sapone, potremo infatti imprigionare e di seguito immobilizzare il nostro bersaglio, che verrà ritratto con tanto di caratteristiche peculiari e relativo modello wireframe su un piccolo display posizionato nella parte superiore dello schermo. Le caratteristiche introdotte non finiscono qui, cominciando dalla possibilità di librarsi in volo, spiccare balzi incredibili o diventare temporaneamente invulnerabili sempre grazie all'ausilio dei mostri collezionati. I primi annunci riferiscono inoltre di puzzle elaborati e ben congegnati, sicuramente più impegnativi di quelli introdotti nel recente StarFox Adventures, pensato forse per un bacino d'utenza di etá sensibilmente inferiore. I combattimenti real time condiranno infine l'azione con un pizzico di frenesia e concitazione, assistiti da un comportamento definito "intelligente" della telecamera virtuale: auguriamoci solo che il dosaggio degli ingredienti sia calibrato sapientemente senza fastidiosi punti morti o frequenti cali di tensione, replicando efficacemente la magia degli illustri predecessori.
    A uno sguardo attento il marchio di fabbrica Rare sembrerebbe evincersi anche dal look della protagonista principale, una graziosa fatina elfica dotata di orecchie appuntite, copiosi orecchini stile "zingara" ed esili ali trasparenti, con un aspetto complessivo del tutto affine ai personaggi del dimenticato Jet Force Gemini.

    "... E SE TI MANCANO GLI INGREDIENTI, CON KAMEO SON BELLI E PRONTI"
    Infranto in corcostanze misteriose l'incantesimo che lo teneva imprigionato entro sei pietre elementali, il terribile Thorn (perfido sovrano della bellicosa tribù troll) sembra ora deciso a ricostituire il suo vecchio regime di terrore eliminando innanzitutto i nemici di sempre, gli odiati elfi della foresta. Pessime notizie per la dolce Kameo, futura erede al trono destinata ad affrontare l'acerrimo rivale: per liberare il mondo dallo spettro di una nuova guerra occorre infatti ricostituire l'antico sortilegio e intrappolare il mostro negli amuleti del fuoco, dell'acqua, del vento, della terra, del ghiaccio e dell'aria, ora disseminati lungo terre lontane... talmente vaste da rendere la componente esplorativa davvero determinante nel gioco, forte di un background ancora più esteso del pur imponente Hyrule.Nonostante lo stadio ancora prematuro della programmazione, il primo titolo Xbox firmato Rare presenta un impianto visivo già strepitoso tanto nell'elaborazione dei modelli poligonali quanto nella confezione dei fondali, senza dimenticare orrizzonti che si estendono a perdita d'occhio e texture dettagliatissime in alta risoluzione. Le animazioni rappresentano attualmente il punto forte del prodotto per fluidità e impatto coreografico, a condire un comparto grafico realizzato con una vena quasi artistica.
    Le informazioni e il materiale fotografico disponibile prospettano in definitiva un probabile "best seller" e un esordio col botto per la nuova avventura "americana" dello storico team inglese. Le uniche perplessità rimangono legate a un impianto complessivo certamente non rivoluzionario, forse troppo ricalcato sull'esempio dei mostri sacri più volte citati nel corso dell'anteprima. Considerando però il nome dello sviluppatore, le chance di essere smentiti dai fatti restano sicuramente numerosissime...
    Nun me va de leggemme tutto sto popò dde robba......chi mi può riassumere tutto , per favore?
    Chitarristi, date un'occhiata qui e datemi una mano!

    - Now Listening: Punk Ska(zzone) ^^ | A.A.V.V.
    -

  4. #4
    Premier di Prussia L'avatar di 8Squall7
    Registrato il
    10-02
    Località
    Albion
    Messaggi
    2.827
    Io e Stiwy abbiamo super gi+ gli stessi gusti siamo daccordo su Blinx ed anche su Kameo... odio le protagoniste femminili..NON CI STANNO!!!!
    PS2 e XBOX RULEEEEEZZZ
    FABLE: The power to become a legend


    PADRINO DELLA MAFIA PRUSSIANA

    MOLTI SI SARANNO CHIESTI PERCHE' NON POSTO, BEH, STO GIOCAMDPO A ULTIMA ONLINE, QUINDI CAPITE, LA SUA BELLEZZA RAPISCE CHI GIOCA, QUINDI NON SO' QUANDO E SE TORNERO',CIAO RAGA.

  5. #5
    Utente L'avatar di Stiwy
    Registrato il
    11-02
    Messaggi
    1.596
    Inviato da 8Squall7
    Io e Stiwy abbiamo super gi+ gli stessi gusti siamo daccordo su Blinx ed anche su Kameo... odio le protagoniste femminili..NON CI STANNO!!!!
    ehehe mi fa piacere che la pensi come me!!! ad esempio tomb raider secondo me non si meritava nè di essere programmato, nè di aver fatto fare quello schifosissimo film............perchè nn risparmiavano stì soldi su altrei giochi almeno????(

  6. #6
    DIURNO
    Ospite
    Inviato da Stiwy
    ehehe mi fa piacere che la pensi come me!!! ad esempio tomb raider secondo me non si meritava nè di essere programmato, nè di aver fatto fare quello schifosissimo film............perchè nn risparmiavano stì soldi su altrei giochi almeno????(

    quoto pienamente

  7. #7
    Bozzolo L'avatar di BaoaB
    Registrato il
    10-02
    Località
    Tolentino
    Messaggi
    3.929
    Inviato da Stiwy
    ehehe mi fa piacere che la pensi come me!!! ad esempio tomb raider secondo me non si meritava nè di essere programmato, nè di aver fatto fare quello schifosissimo film............perchè nn risparmiavano stì soldi su altrei giochi almeno????(
    Assolutamente contrario.......a me piaceva Tomb Raider proprio perchè era originale, per la prima volta abbiamo trovato una bella ragazza a fare le stesse cose dei avventurieri maschi......poi era un'ottima scusa per rifarsi gli occhi:9 :9
    Chitarristi, date un'occhiata qui e datemi una mano!

    - Now Listening: Punk Ska(zzone) ^^ | A.A.V.V.
    -

  8. #8
    Utente L'avatar di Stiwy
    Registrato il
    11-02
    Messaggi
    1.596
    Inviato da BaoaB
    Assolutamente contrario.......a me piaceva Tomb Raider proprio perchè era originale, per la prima volta abbiamo trovato una bella ragazza a fare le stesse cose dei avventurieri maschi......poi era un'ottima scusa per rifarsi gli occhi:9 :9
    ci sono una marea di altri modi, molto più efficaci per rifarsi gli occhi.......

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •