• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 59

Discussione: Musica e Politica

Cambio titolo
  1. #1
    Bannato
    Registrato il
    06-03
    Località
    Varese
    Messaggi
    2.180

    Musica e Politica

    Ho pensato di scrivere questo thread, dopo che una persona, chiedendomi che musica ascoltavo, quando ho risposto "Rock", questa mi ha detto "...allora sei comunista..."
    Non solo di questo vorrei parlare... ovvero, anche di quei gruppi ( numerosi in italia) che nelle canzoni inseriscono testi, messaggi inneggianti ad una ideologia politica ( per di piu il comunismo)
    Vorrei chiedere anche la vostra opinione a proposito della mia esperienza:
    siamo giunti ad un punto tale che una persona che ascolta un certo genere di musica, deve essere etichettato in questo o in quell'altro modo? ( scusate se il pensiero è un po' contorto)
    Secondo me la musica dovrebbe essere una cosa completamente libera e svincolata da qualsiasi altro elemento.. politico o qlsiasi cosa sia.
    ditemi cosa ne pensate!
    grazie 1000 per la risposta!

  2. #2
    Ex ***** VIPz Estathé L'avatar di nicjedi
    Registrato il
    12-02
    Località
    non vivo
    Messaggi
    16.148
    Ehh..alla gente piace etichettare, catalogare, e depositare....purtroppo non possiamo esimerci da qualche cretino che etichetta pure la musica...

    Edit: io ascolto classica, rock, metal, qualche gruppo pop, musica leggera, un po' di ska e qualche gruppo demenziale....cosa sono?

    Ciao

    Nicola
    "La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci"
    "Non lasciare mai che la morale ti impedisca di fare la cosa giusta"
    "La disumanità del computer sta nel fatto che, una volta programmato e messo in funzione, si comporta in maniera perfettamente onesta."
    "fare molte cose alla volta significa non farne bene nessuna"


  3. #3
    101 Airborne L'avatar di maverick84
    Registrato il
    12-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    10.571
    La musica politicizzata mi fa schifo
    "I fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti"
    Ennio Flaiano


  4. #4
    Neo Mod L'avatar di Darth Threepwood
    Registrato il
    10-02
    Località
    DosBox/WinUAE
    Messaggi
    12.851
    Citazione maverick84
    La musica politicizzata mi fa schifo
    A me no.. ad esempio.. l'inno della defunta URSS è bellissimo

    cmq sono cazzate.. cioè.. è una cassata etichettare qualcuno secondo il suo genere musicale preferito
    www.beppegrillo.it - Il blog di Beppe Grillo. | Wikipedia, l'enciclopedia libera.

    Citazione cc84ars
    ecco, questi sono i tipici interventi bossi-fini

  5. #5
    101 Airborne L'avatar di maverick84
    Registrato il
    12-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    10.571
    Citazione Darth Threepwood
    A me no.. ad esempio.. l'inno della defunta URSS è bellissimo
    beh anche l'inno degli Usa è bellissimo
    "I fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti"
    Ennio Flaiano


  6. #6
    Utente L'avatar di cerberus
    Registrato il
    01-03
    Località
    Salaria Sport Village
    Messaggi
    18.301
    Mmmm... non ho nulla da ridire se un artista esprime le proprie idee politiche in una canzone...
    ne mi pongo il problema di essere etichettato...
    mi girano un pò gli zebedei quando quei presunti luoghi di scambio culturale e di libera espressione chiamati centri sociali sbattono la porta in faccia a te ( e chi se ne frega ) e al tuo gruppo ( qui qualcosa te ne frega ) in quanto non dotato di tessera del partito...
    Engineers do it better
    "Lo scienziato non studia la natura perché è utile, ma perché ne prova piacere e ne prova piacere perché è bella. Se la natura non fosse bella, non varrebbe la pena studiarla e la vita non varrebbe la pena di essere vissuta”.( Henri Poincaré )
    "Scientists discover the world that exists; engineers create the world that never was."

  7. #7
    Blue L'avatar di kokkina
    Registrato il
    08-03
    Messaggi
    2.783
    La musica spesso viene contagiata dal pensiero dell'autore.. e questo anche quando i testi delle canzoni non sono nettamente politicizzanti.
    Imagine non la collocheresti politicamente? Sinistra.
    eppure rimane una bellissima canzone.

  8. #8
    Ozzy Osbourne
    Ospite
    Sinceramente la musica politicizzata fino all'eccesso non riesco ad ascoltarla.

  9. #9
    vuole solo la juveh!1!1!! L'avatar di Vulcan Raven
    Registrato il
    03-03
    Località
    un puntino in prov. NA
    Messaggi
    31.891
    mah, io ascolto rock, punk, qualunque-cosa-abbia-una-chitarra-elettrica-e-una-batteria-e-che-non-sia-metallo
    e se mi chiamano comunista sgarrano. e di parecchio.

  10. #10
    aka "Music~Man" L'avatar di Valiant
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    24.562
    ascolto principalmente rock, ma non disdegno decine di altri generi. Mi piacciono i rage against the machine (che erano notoriamente un gruppo comunista, anzi, di più!), ma mi piacciono esclusivamente per la musica, non per i testi. e spesso i testi non li prendo nemmeno in considerazione. Quando ascolto musica ascolto musica, non propaganda politica.


    PS: comunque la musica è uno dei più efficienti mezzi di comunicazione e di trasmissione di idee,perciò è normale che sia strumentalizzata (anche se è una parola poco adatta) ai fini propagandistici.

  11. #11
    Poliphilus L'avatar di kyuss
    Registrato il
    06-03
    Località
    Monza
    Messaggi
    9.500
    Citazione Valiant
    ascolto principalmente rock, ma non disdegno decine di altri generi. Mi piacciono i rage against the machine (che erano notoriamente un gruppo comunista, anzi, di più!), ma mi piacciono esclusivamente per la musica, non per i testi. e spesso i testi non li prendo nemmeno in considerazione. Quando ascolto musica ascolto musica, non propaganda politica.


    PS: comunque la musica è uno dei più efficienti mezzi di comunicazione e di trasmissione di idee,perciò è normale che sia strumentalizzata (anche se è una parola poco adatta) ai fini propagandistici.


    Beh, io sono proprio agli antipodi rispetto all'ideologia comunista, però a volte mi trovo d'accordo con spezzoni dei loro testi, senza contare che sono stati un gruppo molto importante nella mia crescita musicale.
    Per il resto sono d'accordissimo con Ozza. Gruppi come MCR (è per fare un esempio) proprio non li concepisco. Stessa cosa vale per i gruppi di estrema destra.

  12. #12
    Utente L'avatar di Enavar
    Registrato il
    05-04
    Località
    Roma
    Messaggi
    1.026
    Citazione ^_Supergiovane_^
    quando ho risposto "Rock", questa mi ha detto "...allora sei comunista..."
    E' una generalizzazione, ma nasconde un principio di verità.
    La musica come la conosciamo oggi ha radici ben precise da cui non si può prescindere.
    Gli anni '20-'40 hanno portato il jazz e il blues, musica inventata dagli afroamericani, che certo di destra non erano.
    Gli anni '50 anno portato il rock'n'roll, musica nata come puro divertimento, ed è abbastanza logico visto che dopo anni e anni di guerre mondiali la gente si voleva un po' svagare.
    Gli anni '60 sono alla base della nostra cultura musicale.
    E' logico (credo per tutti) che l'origine è negli anni '60-'70 dell'America. In quel periodo c'era la guerra in Vietnam, c'era la contestazione pacifista, hippy, fricchettona o come la volete chiamare.
    C'erano personaggi come Bob Dylan, John Lennon (qualcuno ha citato Imagine), Jimi Hendrix, i Creedence, Neil Young, Cat Stevens, Joan Baez, Janis Joplin, tutte persone "contestatrici".
    Da che mondo e mondo, il potere viene spesso identificato con la cultura di destra. La rivoluzione, la ribellione, la contestazione, sono generalmente identificate come di sinistra (il che non vuol dire "comuniste", questa sì che è una banalizzazione!!).
    Il rock anni '70-'80 nasce sia ideologicamente che musicalmente da questo modo di pensare.
    Per anni la cultura musicale è stata la voce di "chi contesta" ossia degli artisti di sinistra. Non mi stupisce minimamente, quindi, che il rock, venga banalmente etichettato come comunista. (tra parentesi, lo stesso discorso si potrebbe fare per la letteratura e la satira).

    Sono d'accordo con voi che si tratta di etichette. Che la musica può essere goduta al meglio anche senza testi politicizzati. Ma dimenticare cosa hanno significato quegli anni mi sembra un po' come nascondere la testa sotto la sabbia, forse per paura di ammettere che artisticamente la sinistra ha sempre prodotto di più della destra.

    Io personalmente me ne frego, visto che adoro i Led Zeppelin, che di musica politicizzata non hanno scritto un caz°o. Però credo che i testi politici (Lennon e Dylan per primi) siano dei bei testi e delle belle musiche sia per chi è di destra sia per chi è di sinistra. Sono testi che chiunque può apprezzare, indipendentemente dallo schieramento politico. Non farlo non significa essere fedeli al proprio credo politico, significa essere musicalmente ottusi.

    Enavar dixit.

  13. #13
    TheCalsipher L'avatar di Kalozzo
    Registrato il
    10-02
    Località
    Su e giù
    Messaggi
    4.601
    Se una canzone mi piace, me ne sbatto del fatto che sia politicizzata o meno.
    L'unica cosa che può infastidirmi è l'intenzione dell'autore di usare la musica per fare propaganda.

  14. #14
    Neo-Atlantideo L'avatar di Marcus85
    Registrato il
    12-02
    Località
    Toronto (ON) - Canada
    Messaggi
    8.360
    Esatto, la propaganda, indipendentemente dallo schieramento politico che nè è promotore è qualcosa che dovrebbe essere assente dal campo musicale, rimanendo invece nel campo più prettamente politico. Sono d'accordo che la musica possa rendere più incisivo un messaggio politico, anche positivo, ma scadere nella propganda è sempre negativo, di qualunque tipo esso sia. Comunque quoto pienamente Enavar.

  15. #15
    MGS Philosopher L'avatar di Skaven
    Registrato il
    04-03
    Messaggi
    5.527
    Citazione ^_Supergiovane_^
    Ho pensato di scrivere questo thread, dopo che una persona, chiedendomi che musica ascoltavo, quando ho risposto "Rock", questa mi ha detto "...allora sei comunista..."
    Non solo di questo vorrei parlare... ovvero, anche di quei gruppi ( numerosi in italia) che nelle canzoni inseriscono testi, messaggi inneggianti ad una ideologia politica ( per di piu il comunismo)
    Vorrei chiedere anche la vostra opinione a proposito della mia esperienza:
    siamo giunti ad un punto tale che una persona che ascolta un certo genere di musica, deve essere etichettato in questo o in quell'altro modo? ( scusate se il pensiero è un po' contorto)
    Secondo me la musica dovrebbe essere una cosa completamente libera e svincolata da qualsiasi altro elemento.. politico o qlsiasi cosa sia.
    ditemi cosa ne pensate!
    grazie 1000 per la risposta!
    quella persona era un idiota

Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •