• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizza Risultati Sondaggio: Condividete il dareinismo sociale e le ragioni che ne sono alla base?

Partecipanti
28. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Si

    11 39,29%
  • No

    17 60,71%
Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 47

Discussione: Darwinismo sociale

Cambio titolo
  1. #1
    Neo-Atlantideo L'avatar di Marcus85
    Registrato il
    12-02
    LocalitÓ
    Toronto (ON) - Canada
    Messaggi
    8.360

    Darwinismo sociale

    Per Darwinismo sociale, almeno nell'accezione moderna, si intende un'applicazione all'ambito sociale/politico della legge darwiniana della sopravvivenza delle specie. In base a tale legge a sopravvivere in natura Ŕ l'individuo (o, nel caso specifico del darwinismo sociale, il gruppo umano) pi¨ adatto (survival of the fittest), da non confondere, semplicisticamente con il pi¨ forte, se non in senso lato. Tale "forza" non Ŕ infatti, nella societÓ umana, di tipo fisico, ma essenzialmente di 3 tipi:
    -economica (derivante dal controllo di beni)
    -politica (derivante dalla facoltÓ all'uso del potere coercitivo)
    -ideologica (basata su presupposti ideologici)

    Di queste, nella societÓ moderna, dopo il tramonto delle grandi ideologia, l'ultima ha perso larga parte del proprio significato, a vantaggio delle due precedenti, intrinsecamente correlate.

    A livello di politica estera il darwinismo sociale implica che le nazioni pi¨ ricche (che, sulla base della corrispondenza intrinseca denaro=armi=potere, detengono una posizione di forza) competano con le altri, pi¨ deboli, nel controllo delle risorse economiche (tutti quei beni disponibili in misura qulaitativamente o quantitativamente inferiore rispetto al fabbisogno). Chiaramente, questa posizione di forza delle prime si traduce nell'accaparrarsi un quantitativo quantitativamente e qualitativamente superiore di tali risorse.

    Tutto ci˛ si riflette nella presente situazione , che vede i paesi ricchi detenere il 90% delle risorse disponibili, a fronte del 10% detenuto dai paesi poveri, mentre il divario, in termini di benessere e aspettativa di vita tra il paese pi¨ ricco ed il paese pi¨ povero si Ŕ incommensurabilmente ampliato.

    Il Darwinismo sociale nega categoricamente che un ribaltamento sia possibile, cosý come che una ridistribuzione delle risorse sia possibile. Nel fare tale constatazione oggettiva si rifÓ all'algoritmo di Malthus, secondo il quale a fronte di risorse stazionarie, o che crescono lentamente, si ha una crescita esponenziale della popolazione nel lungo periodo. Il risultato: le risorse sono insufficienti a sopperire ai fabbisogni dell'intera popolazione mondiale (come di qualsiasi societÓ, nello specifico), pertanto sono gli stati pi¨ ricchi e pi¨ forti ad imporsi in tale lotta, secondo un processo che ha avuto origine sino dai primordi della vita sulla terra e che ha dominato l'intero corso della storia umana.

    Cosa ne pensate? Condividete o meno il darwinismo sociale e le ragioni che ne sono alla base?
    (per favore, no flame e niente accuse gratuite di nazismo e altro)

  2. #2
    Molotov
    Ospite
    Non lo condivido affatto e credo in primis che le Nazioni dovrebbero aiutarsi reciprocamente, in secundis che il mondo dovrebbe adottare Linux come sistema operativo universale.

  3. #3
    Neo Mod L'avatar di Darth Threepwood
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    DosBox/WinUAE
    Messaggi
    12.851
    Non vedo come non si possa tirare in ballo il nazismo, visto che Hitler stava applicando proprio questa.. cosa.
    Ovviamente tutto ci˛ mi schifa.
    www.beppegrillo.it - Il blog di Beppe Grillo. | Wikipedia, l'enciclopedia libera.

    Citazione cc84ars
    ecco, questi sono i tipici interventi bossi-fini

  4. #4
    EX-TER-MI-NA-TE! L'avatar di lord mark 87
    Registrato il
    01-03
    LocalitÓ
    Legen-wait for it-DARY
    Messaggi
    51.381
    nn condivido

    gli animali hanno certe caratteristiche che gli permettono di difendersi e di sopravvivere nel mondo.

    le caratteristiche che permettono all'uomo la sopravvivenza sono:

    -l'intelligenza
    -lo spirito di gruppo

    infatti l'uomo intelligente Ŕ quello che sa adattarsi (ipoteticamente) in ogni situazione e pu˛ migliorare la qualitÓ della sua vita con una serie di idee

    l'uomo per˛ nn pu˛ fare tutto da solo, e quindi ecco che subentra il gruppo, cioŔ l'insieme di persone che uniscono le proprie capacitÓ x realizzare grandi progetti, e quindi x sopravvivere, migliorando in continuazione la loro qualitÓ della vita.

    purtroppo per˛ Ŕ un mondo crudele (pieno di terroristi, assassini, spacciatori, malviventi ecc...), perci˛ x far sopravvivere l'intera popolazione mondiale si dovrÓ collaborare TUTTI, nn solo gli occidentali

    anche xkŔ ricordiamo che nn ci sarebbero I + FORTI se nn ci fossero I + DEBOLI, e se i + deboli spariscono...

  5. #5
    Neo-Atlantideo L'avatar di Marcus85
    Registrato il
    12-02
    LocalitÓ
    Toronto (ON) - Canada
    Messaggi
    8.360
    Citazione Darth Threepwood
    Non vedo come non si possa tirare in ballo il nazismo, visto che Hitler stava applicando proprio questa.. cosa.
    Ovviamente tutto ci˛ mi schifa.
    Quella era un'applicazione travisata di quella che Ŕ invece una teoria scientifica. Quella di Hitler fu una folle estremizzazione. Ricorda come il darwinismo sociale sia un processo naturale, per quanto coinvolga societÓ umane, per tanto ogni forzatura indotta Ŕ indebita. Ricorda poi come il darwinismo sociale si rifaccia al controllo delle risorse, una qustione che, se mai fosse stata in gioco nella questione ebraica, lo era solamente nella mente malata di Hitler. Non confondere genocidi politici con il darwinsimo sociale, che Ŕ un fenomeno naturale, privo di connotazioni politiche.

  6. #6
    Verso il domani L'avatar di Luck134
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    Genova
    Messaggi
    14.768
    Pienamente d'accordo con il darwinismo sociale e ribatto con un: o noi o loro.

  7. #7
    Neo Mod L'avatar di Darth Threepwood
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    DosBox/WinUAE
    Messaggi
    12.851
    Ok, lasciamo perdere Adolf, c'Ŕ poco da dire cmq: la teoria in sŔ Ŕ RAZZISTA, anti-democratica e anti-egualitaria.
    Ed io sono razzista, anti-democratico e anti-egualitario? no, per questo schifo questa teoria.
    www.beppegrillo.it - Il blog di Beppe Grillo. | Wikipedia, l'enciclopedia libera.

    Citazione cc84ars
    ecco, questi sono i tipici interventi bossi-fini

  8. #8
    Utente L'avatar di Devil 87
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    15.530
    Visto che AgorÓ sforna ancora argomenti interessanti? Personalmente preferirei parlare della buona vecchia selezione naturale che Ŕ sconfitta dalla tecnologia e dell'affermarsi in ogni specie del ceppo pi¨ debole a causa dell'intervento dell'uomo. In ogni caso questa teoria mi sembra un dato di fatto, non una possibilitÓ, ovviamente ha i suoi pro e contro, ma chi pretende un mondo diverso Ŕ un povero idealista senza speranze, ora, nell'immediato futuro e probabilmente in quello pi¨ prossimo la situazione Ŕ questa e niente e nessuno potrÓ cambiarla (chissÓ, forse una terza guerra mondiale?) quindi Ŕ necessario adattarci, non combattere.

    Ovviamente non voto il sonaggio perchÚ non ne ho motivo alla luce di quanto dico
    Si vive per scoprire nuova bellezza, di solito tanta quanta se ne dimentica.

    - Half Devil -

  9. #9
    Citazione Darth Threepwood
    Ok, lasciamo perdere Adolf, c'Ŕ poco da dire cmq: la teoria in sŔ Ŕ RAZZISTA, anti-democratica e anti-egualitaria.
    Ed io sono razzista, anti-democratico e anti-egualitario? no, per questo schifo questa teoria.
    Ah, mi hai risparmiato la fatica di dirlo.
    Quoto.
    "Il sonno della ragione genera mostri"

  10. #10
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    LocalitÓ
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Solo in minima parte. Ho votato no.


  11. #11
    Old Member L'avatar di Nagdorf
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    Padova
    Messaggi
    922
    Non condivido come ideaologia di base, ma mi pare una teoria visibile -nella sua connotazione moderna- nel mondo d'oggi

    Quit Msg: Sono fin troppo consapevole del fatto che si vive in un'epoca in cui solo gli ottusi sono presi sul serio, e io vivo nel terrore di non essere frainteso

  12. #12
    Utente L'avatar di Guo Jia
    Registrato il
    08-03
    LocalitÓ
    Parigi, 1794.
    Messaggi
    5.600
    Il darwinismo sociale Ŕ, forse, la pi¨ patetica e ridicola fra tutte le giustificazioni mai trovate dall'uomo per perseguire i propri interessi.

    Innanzitutto, Ŕ interessante notare come venga applicata una legge "naturale" sulla societÓ umana, che di "naturale" dovrebbe avere ben poco.
    L'uomo Ŕ ben pi¨ di un animale: Ŕ in grado di pensare, Ŕ in grado di vedere al di lÓ dei propri egoistici interessi, Ŕ in grado di distinguere il bene dal male (anche se non esiste una distinzione netta).
    L'uomo, in quanto Uomo, Ŕ pi¨ che in grado di controllare il proprio istinto, in favore dei propri ideali o delle proprie convinzioni.
    La stessa societÓ umana Ŕ ben diversa da quella animale, e non si basa sull'istinto (come nel caso delle formiche e delle api), ma sulla ragione, sulla volontÓ di cooperazione comune.

    In quanto uomini, non dobbiamo sottostare alle leggi della natura, bensý a quelle della fisica e della chimica.
    Ormai, la razza umana Ŕ addirittura in grado di riprodursi e di controllare la propria velocitÓ di riproduzione (rispettivamente, attraverso la clonazione/fecondazione assistita e i metodi anticoncezionali)... ma, nonostante tutto, non siamo ancora in grado da svincolarsi dalla pi¨ banale delle "leggi naturali", la vecchia "legge del pi¨ forte"?

    La realtÓ, visibile agli occhi di tutti, Ŕ che l'uomo tende ad essere egoista.
    Pur non essendo un istinto incontrollabile - ricordo che nessun istinto dell'uomo Ŕ veramente incontrollabile, neppure quello di sopravvivenza -, fa comunque parte della nostra natura.
    Quando si tratta di perseguire i propri interessi, l'uomo non ha mai avuto problemi a uccidere, distruggere, sfruttare... e a trovare giustificazioni.

    Storicamente parlando, gli esempi sono innumerevoli:
    PerchŔ sono state indette le Crociate?
    PerchŔ Ŕ nato l'illuminismo?
    PerchŔ il nazionalismo?
    PerchŔ l'imperialismo?
    PerchŔ l'antisemitismo?
    PerchŔ il darwinismo sociale?

    Sono passati millenni, ma il meccanismo Ŕ lo stesso: ideologie create "su misura" (Ŕ proprio il caso di dirlo) per tenere buoni gli uomini "normali"... o la massa, se preferite.
    Che questa sia composta da contadini, operai o cittadini, non ha importanza.

    GiÓ, perchŔ l'uomo Ŕ in grado di credere in un ideale, specie se viene mostrato come condivisibile dal punto di vista morale.

    Nel caso del Darwinismo sociale, la "giustificazione morale" ha due facce:
    1. "E'una legge della natura, un comportamento del tutto naturale";
    2. "Non abbiamo scelta, o noi o loro. Mors tua, vita mea".
    Per quanto riguarda la prima, ho giÓ espresso la mia opinione pi¨ in alto.
    La seconda, invece, Ŕ ben pi¨ preoccupante...

    E'indubbio che le risorse del globo siano limitate, ed Ŕ altrettanto indubbio che queste ultime siano sfruttate da una stretta minoranza della popolazione mondiale.
    Questa Ŕ la situazione... a questo punto, chiunque abbia un minimo di umanitÓ si dovrebbe rendere conto del fatto che siamo noi ad essere dalla parte del torto: noi siamo i "ricchi", noi viviamo con un tenore di vita insostenibile per lo sviluppo globale.
    Siamo esseri umani noi, cosý come sono esseri umani gli abitanti del Brasile, del Congo, dell'Afghanistan e dell'India... non abbiamo alcun diritto di considerarci "superiori", nŔ di dire "fatti loro".
    Ma, se anche lo sfruttamento dei Paesi poveri fosse l'unico modo per sopravvivere... per quale ragione dovremmo essere noi ad arrogarci egoisticamente il diritto alla sopravvivenza?

    L'uomo Ŕ arrivato dove si trova ora grazie alla sua capacitÓ di collaborare con i propri simili per raggiungere obiettivi comuni... questo "istinto di gruppo", purtroppo, Ŕ tuttora limitato a gruppi di singoli Stati o di singole culture.
    Se una situazione simile poteva definirsi accettabile nel Medioevo, non lo Ŕ pi¨ nell'era della globalizzazione.
    Oggi, nel ventunesimo secolo, dovremmo considerarci tutti come facenti parte di un'unica cultura, di un unica nazione, di un unico popolo di esseri umani... in caso contrario, Ŕ evidente che ci sarÓ sempre spazio per razzismo e antiegualitarismo, con tutte le conseguenze del caso (e con conseguenti aberrazioni ideologiche, come il sopracitato Darwinismo sociale ).
    Mi rendo conto di aver sfiorato il patetismo in queste ultime righe, ma temo che la situazione sia questa.
    Ultima modifica di Guo Jia; 1-10-2004 alle 19:12:03 Motivo: orrore ortografico :\
    "Quanti gioielli dormono sepolti nell'oblio e nelle tenebre, lontano dalle zappe e dalle sonde; quanti fiori effondono il profumo, dolce come un segreto, con rimpianto, nelle solitudini profonde." - Charles Baudelaire

    "Bonaire preferisce concentrarsi sull'ondeggiare delle onde piuttosto che su quello delle mie tette." - The legend of Alundra

    http://www.youtube.com/user/heita3 - ecco un genio.

  13. #13
    Guardian (R)Esitente L'avatar di Il¨vatar85
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    Unione Europea
    Messaggi
    19.797
    Non condivido affatto. La legge di natura non ha diritti, cosa che una specie superiore come la nostra pu˛ permettersi di avere, a causa dell'assenza del problema della sopravvivenza della specie. Al contrario l'applicazione radicale della legge di natura ad opera della nostra specie avrebbe degli effetti incontrollati, mancando nella natura un elemento che controbilanci la nostra sempre magiore supremazia.

    Questo Ŕ ci˛ che penso

    Moderazione in rosso e grassetto. Chiarimenti in privato.
    öEsisteva Eru, lĺUno, che in Arda Ŕ chiamato Il¨vatar; ed egli cre˛ per primi gli Ainur, i Santi, rampolli del suo pensiero, ed essi erano con lui prima che ogni altro fosse creato."
    Prologo de "Il Silmarillion" di J.R.R.Tolkien.
    My PCs Configuration - Il mio Blog
    C'hanno insegnato la meraviglia verso la gente che ruba il pane
    ora sappiamo che Ŕ un delitto il non rubare quando si ha fame
    ora sappiamo che Ŕ un delitto il non rubare quando si ha fame.
    Per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti
    per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti.

  14. #14
    Neo Mod L'avatar di Darth Threepwood
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    DosBox/WinUAE
    Messaggi
    12.851
    Ottima analisi Guo
    www.beppegrillo.it - Il blog di Beppe Grillo. | Wikipedia, l'enciclopedia libera.

    Citazione cc84ars
    ecco, questi sono i tipici interventi bossi-fini

  15. #15
    Guardian (R)Esitente L'avatar di Il¨vatar85
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    Unione Europea
    Messaggi
    19.797
    Citazione Guo Jia
    [Cut]
    Condivido

    Moderazione in rosso e grassetto. Chiarimenti in privato.
    öEsisteva Eru, lĺUno, che in Arda Ŕ chiamato Il¨vatar; ed egli cre˛ per primi gli Ainur, i Santi, rampolli del suo pensiero, ed essi erano con lui prima che ogni altro fosse creato."
    Prologo de "Il Silmarillion" di J.R.R.Tolkien.
    My PCs Configuration - Il mio Blog
    C'hanno insegnato la meraviglia verso la gente che ruba il pane
    ora sappiamo che Ŕ un delitto il non rubare quando si ha fame
    ora sappiamo che Ŕ un delitto il non rubare quando si ha fame.
    Per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti
    per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti.

Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •