• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 15

Discussione: La Mia vita a Fable.... (spoiler inside)

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di RinoGattuso
    Registrato il
    03-03
    Messaggi
    53

    La Mia vita a Fable.... (spoiler inside)

    Salve a tutti, mi chiamo Rickmo (non chiedetemi perchè i miei genitori mi hanno chiamato così....anzi non menzionate proprio i miei genitori).
    Sono nato in un piccolo villaggio e la mia vita procedeva serena, quando un giorno la mia esistenza è cambiata radicalmente.
    Un gruppo di briganti ha messo a ferro e fuoco il mio villaggio e ucciso mio padre, l'uomo che mi aveva insegnato tutto (o meglio quasi tutto) e rapito mia sorella.
    Ero distrutto e pensavo di non avere più futuro, quando ecco arrivare un uomo, strano, uno così non l'avevo mai visto nella mia giovane vita e ne sono rimasto affascinato. Aveva una tunica rossa e degli strani segni in faccia....gli occhi di ghiaccio. Beh, fatto sta che mi ha salvato la vita portandomi nella gilda degli eroi dove il maestro della gilda mi ha insegnato cose utilissime per il mio futuro e per la mia esistenza.
    Mi sono diplimato a pieni voti grazie proprio a l'uomo che anni prima mi aveva salvato, Dedalo. Mi sono sentito orgoglioso e pieno di entusiasmo, anche perchè mi sono diplomato proprio con la mia compagna di gilda. Lei si chiama Sussurro, insieme abbiamo condiviso gioie e dolori, successi e frustrazioni ma alla fine ce l'abbiamo fatta. La cosa strana è che lei nutriva e nutre tuttora verso di me una sorta di dualismo che io non sento, o almeno non sentivo fino ad allora.
    Il giornio della mia prima missione ero davvero eccitato, ero prontissimo, avevo lucidato la mia arma e mi ero preparato con gli esercizi di meditazione che ero solito fare con Sussurro....
    Mi fu affidato un compito in realtà tutt'altro che eccitante, uccidere delle vespe che stavano massacrando gli abitanti dei terreni confinanti la gilda. Andai comunque pieno di coraggio e di buona volontà verso la mia avventura, e vinsi, distrussi tutte le api e quando la popolazione mi applaudì mi si riempì il cuore di orgoglio. Finalmente qualcuno mi considerava davvero un eroe.
    Per festeggiare decisi di andare in una taverna a bere un pochino e conobbi tanta simpatica gente e mi divertì molto. Quello era lo spirito che sentivo più mio, ero un burlone, non prendevo le cose molto sul serio, facevo apprezzamenti a tutte le ragazze, mi ubriacavo, facevo scherzi ai paesani, insomma stavo davvero bene.
    Feci altre missioni e durante una di queste mi imbattei in teppista che stava insultando un pover uomo solo perchè vestito di stracci e maleodorante. Aiutai quest'ultimo e mi venne in mente che come il mio eroe Dedalo anch'io potevo salvare delle persone, come il mio maetro di Gilda avrei agito nel bene della comunità e sarei stato un vero eroe. Certo, le ragazze le corteggiavo lo stesso, niente di serio per adesso si intende e qualche volta bevevo un po' troppo, ma lo spirito sentivo che era cambiato, ero pronto a tutto...o almeno così credevo.
    Pensavo fosse una missione come trante altre, dovevo scortare dei mercanti attraverso delle caverne e delle paludi, dovevo fare in modo che arrivassero vivi dalle loro famiglie. L'ambiente era totalmente diverso da quello visto fino a quel momento. Alberi morti, acqua salmastra, squallore e tristezza. I mercanti temevano qul posto, lo trovavano orribile...io no. Per me era bellissimo. Ero affascinato e completamente preso da quello che mi circondava, quasi non mi interessasse se i mercanti venivano colpiti da alcuni briganti, ma in me c'era ancora un barlume di ragione e sconfissi tutti fino a quando non raggiunsi una porta. Una strana porta con un volto di piera, questa mi parlò, e mi propose una sfida, non potevo che accettare, ero come in trance, quello che mi circondava mi infondeva coraggio e decisi di accettare.
    Quella decisione ha totalmente cambiato la mia vita.
    Mi propose di uccidere tutti i suoi guardiani, in cambio avrei avuto una ricompensa. Durante il combattimento non pensavo neanche a quella ricompensa, l'odore del sangue, il sudore, le urla straziate dei nemici mi caricava e mi dava serenità nello stesso momento. Vinsi, e la porta si aprì. Trovai uno scrigno e dentro c'era un abito della volontà oscuro. Lo misi e mi sentì una persona nuova, tutti i pensieri, i dubbi si cancellarono e una verità molto chiara e limpida si impresse a fuoco nella mia mente....la malvagità era sempre stata dentro di me, andava solo rivelata. Adesso sto per cominciare una nuova vita, voglio che il caos regni sovrano sulle MIE terre, voglio essere temuto, rispettato e odiato, non avrò pietà per i disobbedienti e per i deboli. Non che non mi interessi niente di mia sorella, anzi la volgio trovare. Per Ucciderla. E' l'unico legame che ho con la mia vecchia vita e non voglio più averne. Detto tra noi potrei anche unirmi a una banda di briganti come quella che ha massacrato il mio villaggio, mi piacerebbe che altri bambini come lo fui io possano sentirsi liberi di esprimere quella malvagità che so essere in tutti noi.
    Chissa se Dedalo, quello che fino a poco fa era il mio eroe sarebbe fiero di me....glielo chiederò....al suo cadavere.
    Ultima modifica di RinoGattuso; 23-10-2004 alle 17:00:45

  2. #2
    hot for teacher L'avatar di Manonthemoon
    Registrato il
    01-04
    Località
    La Terra, temporaneamente
    Messaggi
    763
    Citazione RinoGattuso
    Salve a tutti, mi chiamo Rickmo (non chiedetemi perchè i miei genitori mi hanno chiamato così....anzi non menzionate proprio i miei genitori).
    Sono nato in un piccolo villaggio e la mia vita procedeva serena, quando un giorno la mia esistenza è cambiata radicalmente.
    Un gruppo di briganti ha messo a ferro e fuoco il mio villaggio e ucciso mio padre, l'uomo che mi aveva insegnato tutto (o meglio quasi tutto) e rapito mia sorella.
    Ero distrutto e pensavo di non avere più futuro, quando ecco arrivare un uomo, strano, uno così non l'avevo mai visto nella mia giovane vita e ne sono rimasto affascinato. Aveva una tunica rossa e degli strani segni in faccia....gli occhi di ghiaccio. Beh, fatto sta che mi ha salvato la vita portandomi nella gilda degli eroi dove il maestro della gilda mi ha insegnato cose utilissime per il mio futuro e per la mia esistenza.
    Mi sono diplimato a pieni voti grazie proprio a l'uomo che anni prima mi aveva salvato, Dedalo. Mi sono sentito orgoglioso e pieno di entusiasmo, anche perchè mi sono diplomato proprio con la mia compagna di gilda. Lei si chiama Sussurro, insieme abbiamo condiviso gioie e dolori, successi e frustrazioni ma alla fine ce l'abbiamo fatta. La cosa strana è che lei nutriva e nutre tuttora verso di me una sorta di dualismo che io non sento, o almeno non sentivo fino ad allora.
    Il giornio della mia prima missione ero davvero eccitato, ero prontissimo, avevo lucidato la mia arma e mi ero preparato con gli esercizi di meditazione che ero solito fare con Sussurro....
    Mi fu affidato un compito in realtà tutt'altro che eccitante, uccidere delle vespe che stavano massacrando gli abitanti dei terreni confinanti la gilda. Andai comunque pieno di coraggio e di buona volontà verso la mia avventura, e vinsi, distrussi tutte le api e quando la popolazione mi applaudì mi si riempì il cuore di orgoglio. Finalmente qualcuno mi considerava davvero un eroe.
    Per festeggiare decisi di andare in una taverna a bere un pochino e conobbi tanta simpatica gente e mi divertì molto. Quello era lo spirito che sentivo più mio, ero un burlone, non prendevo le cose molto sul serio, facevo apprezzamenti a tutte le ragazze, mi ubriacavo, facevo scherzi ai paesani, insomma stavo davvero bene.
    Feci altre missioni e durante una di queste mi imbattei in teppista che stava insultando un pover uomo solo perchè vestito di stracci e maleodorante. Aiutai quest'ultimo e mi venne in mente che come il mio eroe Dedalo anch'io potevo salvare delle persone, come il mio maetro di Gilda avrei agito nel bene della comunità e sarei stato un vero eroe. Certo, le ragazze le corteggiavo lo stesso, niente di serio per adesso si intende e qualche volta bevevo un po' troppo, ma lo spirito sentivo che era cambiato, ero pronto a tutto...o almeno così credevo.
    Pensavo fosse una missione come trante altre, dovevo scortare dei mercanti attraverso delle caverne e delle paludi, dovevo fare in modo che arrivassero vivi dalle loro famiglie. L'ambiente era totalmente diverso da quello visto fino a quel momento. Alberi morti, acqua salmastra, squallore e tristezza. I mercanti temevano qul posto, lo trovavano orribile...io no. Per me era bellissimo. Ero affascinato e completamente preso da quello che mi circondava, quasi non mi interessasse se i mercanti venivano colpiti da alcuni briganti, ma in me c'era ancora un barlume di ragione e sconfissi tutti fino a quando non raggiunsi una porta. Una strana porta con un volto di piera, questa mi parlò, e mi propose una sfida, non potevo che accettare, ero come in trance, quello che mi circondava mi infondeva coraggio e decisi di accettare.
    Quella decisione ha totalmente cambiato la mia vita.
    Mi propose di uccidere tutti i suoi guardiani, in cambio avrei avuto una ricompensa. Durante il combattimento non pensavo neanche a quella ricompensa, l'odore del sangue, il sudore, le urla straziate dei nemici mi caricava e mi dava serenità nello stesso momento. Vinsi, e la porta si aprì. Trovai uno scrigno e dentro c'era un abito della volontà oscuro. Lo misi e mi sentì una persona nuova, tutti i pensieri, i dubbi si cancellarono e una verità molto chiara e limpida si impresse a fuoco nella mia mente....la malvagità era sempre stata dentro di me, andava solo rivelata. Adesso sto per cominciare una nuova vita, voglio che il caos regni sovrano sulle MIE terre, voglio essere temuto, rispettato e odiato, non avrò pietà per i disobbedienti e per i deboli. Non che non mi interessi niente di mia sorella, anzi la volgio trovare. Per Ucciderla. E' l'unico legame che ho con la mia vecchia vita e non voglio più averne. Detto tra noi potrei anche unirmi a una banda di briganti come quella che ha massacrato il mio villaggio, mi piacerebbe che altri bambini come lo fui io possano sentirsi liberi di esprimere quella malvagità che so essere in tutti noi.
    Chissa se Dedalo, quello che fino a poco fa era il mio eroe sarebbe fiero di me....glielo chiederò....al suo cadavere.
    Spoilerare no? Mabbaff

  3. #3
    DIURNO
    Ospite
    qua si parla di libertà di qua e di la ma mi pare che tutti fanno le stesse cose.....

  4. #4
    Utente L'avatar di RinoGattuso
    Registrato il
    03-03
    Messaggi
    53
    considera che è da poco che sto giocando, la prima quest di addestramento nella gilda (che ha occupato la maggior parte del tempo) è molto lineare, è il dopo che cambia....

  5. #5
    TheDesignersRepublic L'avatar di Marcello"xbox only"Brasol
    Registrato il
    01-04
    Località
    boh^^
    Messaggi
    3.480
    io non sono ancora riuscito ad aprire quella porta._.

  6. #6
    Utente L'avatar di Furious Angel
    Registrato il
    07-03
    Località
    Udine
    Messaggi
    13.794
    Citazione DIURNO
    qua si parla di libertà di qua e di la ma mi pare che tutti fanno le stesse cose.....
    Fable è tutt'altro che libero.

  7. #7
    DIURNO
    Ospite
    Citazione Furious Angel
    Fable è tutt'altro che libero.

    quindi la libertà di fable sta solo nel modo in cui uno può sviluppare il proprio pg?

  8. #8
    Citazione DIURNO
    quindi la libertà di fable sta solo nel modo in cui uno può sviluppare il proprio pg?
    si, ma dato ke si può diversificare, ogni partita sarà diversa ... perlo +, il bello dovrebbe essere il cazzeggio, e il passeggio... crandosi una storia tipo quella di ringo.. . il gioco non è brutto.. solo ke non ho i soldi, e mi sto dannando

  9. #9
    Utente L'avatar di Furious Angel
    Registrato il
    07-03
    Località
    Udine
    Messaggi
    13.794
    Citazione DIURNO
    quindi la libertà di fable sta solo nel modo in cui uno può sviluppare il proprio pg?
    Più o meno. Anche li è piuttosto guidato. Diciamo che la libertà sta in quello tu crei nella tua mente attorno al personaggio. Ma non è propriamente un male...

  10. #10
    Troppo Juventino L'avatar di Squall87[ThErEaL]
    Registrato il
    08-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    21.608
    Citazione DIURNO
    qua si parla di libertà di qua e di la ma mi pare che tutti fanno le stesse cose.....

    Rispetto agli altri giochi dello stesso genere ti dà sicuramente più libertà, a come avevate tutti interpretato Fable ci sarebbero voluto 400 DVD per contenere tutte quelle informazioni e variabili.

  11. #11
    bicioboi
    Ospite
    Citazione RinoGattuso
    Salve a tutti, mi chiamo Rickmo (non chiedetemi perchè i miei genitori mi hanno chiamato così....anzi non menzionate proprio i miei genitori).
    Sono nato in un piccolo villaggio e la mia vita procedeva serena, quando un giorno la mia esistenza è cambiata radicalmente.
    Un gruppo di briganti ha messo a ferro e fuoco il mio villaggio e ucciso mio padre, l'uomo che mi aveva insegnato tutto (o meglio quasi tutto) e rapito mia sorella.
    Ero distrutto e pensavo di non avere più futuro, quando ecco arrivare un uomo, strano, uno così non l'avevo mai visto nella mia giovane vita e ne sono rimasto affascinato. Aveva una tunica rossa e degli strani segni in faccia....gli occhi di ghiaccio. Beh, fatto sta che mi ha salvato la vita portandomi nella gilda degli eroi dove il maestro della gilda mi ha insegnato cose utilissime per il mio futuro e per la mia esistenza.
    Mi sono diplimato a pieni voti grazie proprio a l'uomo che anni prima mi aveva salvato, Dedalo. Mi sono sentito orgoglioso e pieno di entusiasmo, anche perchè mi sono diplomato proprio con la mia compagna di gilda. Lei si chiama Sussurro, insieme abbiamo condiviso gioie e dolori, successi e frustrazioni ma alla fine ce l'abbiamo fatta. La cosa strana è che lei nutriva e nutre tuttora verso di me una sorta di dualismo che io non sento, o almeno non sentivo fino ad allora.
    Il giornio della mia prima missione ero davvero eccitato, ero prontissimo, avevo lucidato la mia arma e mi ero preparato con gli esercizi di meditazione che ero solito fare con Sussurro....
    Mi fu affidato un compito in realtà tutt'altro che eccitante, uccidere delle vespe che stavano massacrando gli abitanti dei terreni confinanti la gilda. Andai comunque pieno di coraggio e di buona volontà verso la mia avventura, e vinsi, distrussi tutte le api e quando la popolazione mi applaudì mi si riempì il cuore di orgoglio. Finalmente qualcuno mi considerava davvero un eroe.
    Per festeggiare decisi di andare in una taverna a bere un pochino e conobbi tanta simpatica gente e mi divertì molto. Quello era lo spirito che sentivo più mio, ero un burlone, non prendevo le cose molto sul serio, facevo apprezzamenti a tutte le ragazze, mi ubriacavo, facevo scherzi ai paesani, insomma stavo davvero bene.
    Feci altre missioni e durante una di queste mi imbattei in teppista che stava insultando un pover uomo solo perchè vestito di stracci e maleodorante. Aiutai quest'ultimo e mi venne in mente che come il mio eroe Dedalo anch'io potevo salvare delle persone, come il mio maetro di Gilda avrei agito nel bene della comunità e sarei stato un vero eroe. Certo, le ragazze le corteggiavo lo stesso, niente di serio per adesso si intende e qualche volta bevevo un po' troppo, ma lo spirito sentivo che era cambiato, ero pronto a tutto...o almeno così credevo.
    Pensavo fosse una missione come trante altre, dovevo scortare dei mercanti attraverso delle caverne e delle paludi, dovevo fare in modo che arrivassero vivi dalle loro famiglie. L'ambiente era totalmente diverso da quello visto fino a quel momento. Alberi morti, acqua salmastra, squallore e tristezza. I mercanti temevano qul posto, lo trovavano orribile...io no. Per me era bellissimo. Ero affascinato e completamente preso da quello che mi circondava, quasi non mi interessasse se i mercanti venivano colpiti da alcuni briganti, ma in me c'era ancora un barlume di ragione e sconfissi tutti fino a quando non raggiunsi una porta. Una strana porta con un volto di piera, questa mi parlò, e mi propose una sfida, non potevo che accettare, ero come in trance, quello che mi circondava mi infondeva coraggio e decisi di accettare.
    Quella decisione ha totalmente cambiato la mia vita.
    Mi propose di uccidere tutti i suoi guardiani, in cambio avrei avuto una ricompensa. Durante il combattimento non pensavo neanche a quella ricompensa, l'odore del sangue, il sudore, le urla straziate dei nemici mi caricava e mi dava serenità nello stesso momento. Vinsi, e la porta si aprì. Trovai uno scrigno e dentro c'era un abito della volontà oscuro. Lo misi e mi sentì una persona nuova, tutti i pensieri, i dubbi si cancellarono e una verità molto chiara e limpida si impresse a fuoco nella mia mente....la malvagità era sempre stata dentro di me, andava solo rivelata. Adesso sto per cominciare una nuova vita, voglio che il caos regni sovrano sulle MIE terre, voglio essere temuto, rispettato e odiato, non avrò pietà per i disobbedienti e per i deboli. Non che non mi interessi niente di mia sorella, anzi la volgio trovare. Per Ucciderla. E' l'unico legame che ho con la mia vecchia vita e non voglio più averne. Detto tra noi potrei anche unirmi a una banda di briganti come quella che ha massacrato il mio villaggio, mi piacerebbe che altri bambini come lo fui io possano sentirsi liberi di esprimere quella malvagità che so essere in tutti noi.
    Chissa se Dedalo, quello che fino a poco fa era il mio eroe sarebbe fiero di me....glielo chiederò....al suo cadavere.


    Ecco ora che mi hai detto tutta la storia non ho più voglia di comprarmelo.
    Che questo peso ti rimanga per sempre sulla coscienza.

  12. #12
    TheDesignersRepublic L'avatar di Marcello"xbox only"Brasol
    Registrato il
    01-04
    Località
    boh^^
    Messaggi
    3.480
    Citazione bicioboi
    Ecco ora che mi hai detto tutta la storia non ho più voglia di comprarmelo.
    Che questo peso ti rimanga per sempre sulla coscienza.


    non ha detto nulla.......apparte che dedalo muore.......credo..

  13. #13
    Utente L'avatar di RinoGattuso
    Registrato il
    03-03
    Messaggi
    53
    Citazione Marcello"xbox only"Brasol
    non ha detto nulla.......apparte che dedalo muore.......credo..
    Ah, muore? Grazie....mi hai rovinato il gioco.....

  14. #14
    sospicius old man L'avatar di Nemesis Gorin
    Registrato il
    06-04
    Località
    Dark Side of the Moon
    Messaggi
    346
    Citazione RinoGattuso
    Salve a tutti, mi chiamo Rickmo (non chiedetemi perchè i miei genitori mi hanno chiamato così....anzi non menzionate proprio i miei genitori).
    Sono nato in un piccolo villaggio e la mia vita procedeva serena, quando un giorno la mia esistenza è cambiata radicalmente.
    Un gruppo di briganti ha messo a ferro e fuoco il mio villaggio e ucciso mio padre, l'uomo che mi aveva insegnato tutto (o meglio quasi tutto) e rapito mia sorella.
    Ero distrutto e pensavo di non avere più futuro, quando ecco arrivare un uomo, strano, uno così non l'avevo mai visto nella mia giovane vita e ne sono rimasto affascinato. Aveva una tunica rossa e degli strani segni in faccia....gli occhi di ghiaccio. Beh, fatto sta che mi ha salvato la vita portandomi nella gilda degli eroi dove il maestro della gilda mi ha insegnato cose utilissime per il mio futuro e per la mia esistenza.
    Mi sono diplimato a pieni voti grazie proprio a l'uomo che anni prima mi aveva salvato, Dedalo. Mi sono sentito orgoglioso e pieno di entusiasmo, anche perchè mi sono diplomato proprio con la mia compagna di gilda. Lei si chiama Sussurro, insieme abbiamo condiviso gioie e dolori, successi e frustrazioni ma alla fine ce l'abbiamo fatta. La cosa strana è che lei nutriva e nutre tuttora verso di me una sorta di dualismo che io non sento, o almeno non sentivo fino ad allora.
    Il giornio della mia prima missione ero davvero eccitato, ero prontissimo, avevo lucidato la mia arma e mi ero preparato con gli esercizi di meditazione che ero solito fare con Sussurro....
    Mi fu affidato un compito in realtà tutt'altro che eccitante, uccidere delle vespe che stavano massacrando gli abitanti dei terreni confinanti la gilda. Andai comunque pieno di coraggio e di buona volontà verso la mia avventura, e vinsi, distrussi tutte le api e quando la popolazione mi applaudì mi si riempì il cuore di orgoglio. Finalmente qualcuno mi considerava davvero un eroe.
    Per festeggiare decisi di andare in una taverna a bere un pochino e conobbi tanta simpatica gente e mi divertì molto. Quello era lo spirito che sentivo più mio, ero un burlone, non prendevo le cose molto sul serio, facevo apprezzamenti a tutte le ragazze, mi ubriacavo, facevo scherzi ai paesani, insomma stavo davvero bene.
    Feci altre missioni e durante una di queste mi imbattei in teppista che stava insultando un pover uomo solo perchè vestito di stracci e maleodorante. Aiutai quest'ultimo e mi venne in mente che come il mio eroe Dedalo anch'io potevo salvare delle persone, come il mio maetro di Gilda avrei agito nel bene della comunità e sarei stato un vero eroe. Certo, le ragazze le corteggiavo lo stesso, niente di serio per adesso si intende e qualche volta bevevo un po' troppo, ma lo spirito sentivo che era cambiato, ero pronto a tutto...o almeno così credevo.
    Pensavo fosse una missione come trante altre, dovevo scortare dei mercanti attraverso delle caverne e delle paludi, dovevo fare in modo che arrivassero vivi dalle loro famiglie. L'ambiente era totalmente diverso da quello visto fino a quel momento. Alberi morti, acqua salmastra, squallore e tristezza. I mercanti temevano qul posto, lo trovavano orribile...io no. Per me era bellissimo. Ero affascinato e completamente preso da quello che mi circondava, quasi non mi interessasse se i mercanti venivano colpiti da alcuni briganti, ma in me c'era ancora un barlume di ragione e sconfissi tutti fino a quando non raggiunsi una porta. Una strana porta con un volto di piera, questa mi parlò, e mi propose una sfida, non potevo che accettare, ero come in trance, quello che mi circondava mi infondeva coraggio e decisi di accettare.
    Quella decisione ha totalmente cambiato la mia vita.
    Mi propose di uccidere tutti i suoi guardiani, in cambio avrei avuto una ricompensa. Durante il combattimento non pensavo neanche a quella ricompensa, l'odore del sangue, il sudore, le urla straziate dei nemici mi caricava e mi dava serenità nello stesso momento. Vinsi, e la porta si aprì. Trovai uno scrigno e dentro c'era un abito della volontà oscuro. Lo misi e mi sentì una persona nuova, tutti i pensieri, i dubbi si cancellarono e una verità molto chiara e limpida si impresse a fuoco nella mia mente....la malvagità era sempre stata dentro di me, andava solo rivelata. Adesso sto per cominciare una nuova vita, voglio che il caos regni sovrano sulle MIE terre, voglio essere temuto, rispettato e odiato, non avrò pietà per i disobbedienti e per i deboli. Non che non mi interessi niente di mia sorella, anzi la volgio trovare. Per Ucciderla. E' l'unico legame che ho con la mia vecchia vita e non voglio più averne. Detto tra noi potrei anche unirmi a una banda di briganti come quella che ha massacrato il mio villaggio, mi piacerebbe che altri bambini come lo fui io possano sentirsi liberi di esprimere quella malvagità che so essere in tutti noi.
    Chissa se Dedalo, quello che fino a poco fa era il mio eroe sarebbe fiero di me....glielo chiederò....al suo cadavere.
    un messaggio imbottito di informazioni interessantissime
    peraltro potevi spoilerare
    Citazione Barbich
    la vogliamo smettere di usare "ghei" come insulto? E' come se io per insultarti ti dessi del "fattone". Si fa per dire, è MOLTO peggio. Veramente, se proprio vuoi insultare qualcuno, dagli della cacca. La cacca non si offende e non ne puoi turbare la sensibilità. I gay invece hanno tutti i diritti ad offendersi. Se un giorno diventerai gay lo capirai, e non ti piacerà.

    B.

  15. #15
    Utente L'avatar di Zio
    Registrato il
    03-03
    Messaggi
    26.113
    Visto che molti si sono lamentati ho modificato il titolo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •