• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: 2 anni fa moriva Signorini

Cambio titolo
  1. #1
    Genova e' solo genoa L'avatar di FossaDeiGrifoni
    Registrato il
    01-04
    Località
    Genova
    Messaggi
    4.143

    2 anni fa moriva Signorini

    Fonte sito ufficiale del genoa

    Il 6 novembre di due anni fa se ne andava il Grande Capitano e oggi la sua scomparsa è ricordata dai messaggi che albergano sui siti Internet, dove i tifosi sono soliti travasare il proprio amore verso il Vecchio Balordo. Il Genoa lo ha fatto con un po’ di anticipo a inizio stagione, allorchè il campo di allenamento è stato intitolato a Gianluca, grazie a un atto di sensibilità firmato dal presidente Enrico Preziosi. Ben prima era stato deciso che la sua maglia, la Numero 6, fosse ritirata per sempre. Gesti di grande delicatezza e riconoscenza, nei riguardi di un giocatore eletto a proprio simbolo dalla Gradinata Nord, uno spirito-guida per le doti di lealtà e coraggio che ha profuso in campo e nella vita di tutti i giorni. Una vita affrontata con la fascia di capitano al braccio, anche quando la Sclerosi Laterale Amiotrofica, il terribile male che se l’è portato via all’età di 42 anni, ha iniziato ad avvolgere il suo corpo nella morsa di un destino infame, combattuto a testa alta cavalcando un mare di difficoltà e di sofferenza.

    Gianluca per sempre nei nostri cuori



    Ultima modifica di FossaDeiGrifoni; 6-11-2004 alle 17:21:28

  2. #2
    Mod of the Year 2009 L'avatar di Steee
    Registrato il
    11-03
    Località
    Milano / Boston
    Messaggi
    20.457
    Mi spiace, ma dovevi fare 2 topic?

  3. #3
    Genova e' solo genoa L'avatar di FossaDeiGrifoni
    Registrato il
    01-04
    Località
    Genova
    Messaggi
    4.143
    Non l'ho fatto apposta l'altro topic l'ho cancellato

  4. #4
    .: Solo Perugia :. L'avatar di CARROT_89
    Registrato il
    03-03
    Località
    Perugia
    Messaggi
    8.927
    Si, mi dispiace, è una malattia rara e per averla si deve avere proprio una sfiga pazzesca, che purtroppo colpì anche mio nonno. Poi per vari motivi dico che mi sarebbe piaciuto aprire un topic il 30 settembre sull'anniversario della morte di Renato Curi (al quale è tutt'ora intitolato lo stadio di Perugia): ecco una breve storia e delle foto tratte da ac-perugia.com :

    E' il 30 ottobre 1977.
    Allo stadio di Pian di Massiano, davanti a circa quarantamila spettatori, si schierano le seguenti formazioni:
    Perugia:
    Grassi, Nappi, Dall'Oro, Frosio, Zecchini, Amenta, Bagni, Curi, Novellino, Vannini, Speggiorin (12 Malizia, 13 Matteoni, 14 Scarpa)
    Allenatore Castagner
    Juventus:
    Zoff, Cuccureddu, Gentile, Furino, Morini, Scirea, Causio, Tardelli, Boninsegna, Benetti, Bettega (12 Marchese, 13 Cabrini, 14 Virdis)
    Allenatore Trapattoni
    Arbitro: Menegali di Roma.

    Il tempo non promette nulla di buono, a quindici minuti dalla fine del primo tempo si scatena un temporale tremendo.
    Renato Curi, subisce, in un contrasto con Causio, un leggero infortunio, esce qualche minuto dal campo e poi rientrerà.
    Intanto seguita la pioggia battente, c'è l'intervallo e si inizia il secondo tempo.
    Furino sta battendo un fallo laterale, è il 5° minuto. Renato Curi cade a terra, è solo, non si alzerà più.
    Bettega e Morini sono i primi ad accorgersene e chiedono aiuto rivolti verso la panchina del Perugia. Accorrono insieme al massaggiatore Renzo Luchini, il prof. Tomassini, Palomba e il Mister. La presenza di Castagner dentro il rettangolo di gioco è cosa rara e denota la gravità della situazione.
    Adagiato subito su di una barella, Renato prende la via degli spogliatoi[...].
    Dopo un'ora di falliti tentativi di rianimazione, i medici debbono arrendersi: Renato non ce l'ha fatta.
    "Il cadavere che giace supino sul tavolo della sala settoria, indossa maglietta rossa con righe bianche e rosse al collo e ai polsi, recante sul retro il numero 8 di colore bianco e sul davanti, a sinistra, l'immagine del grifo, canottiera di cotone con maniche corte...", un'immagine, un ricordo terribile e commovente.




    RICORDI
    Renato Curi approda a Perugia nella stagione 1974-75 e fa parte della formazione che regala la serie A alla squadra perugina per la prima volta nella sua storia.
    A scoprire il giovane talento fu uno dei personaggi più importanti della storia del Perugia calcio: Ilario Castagner, che di Renato scrive così:"Ti ricordi Renato quando ci siamo incontrati? Mi sorridesti e mi chiedesti: 'Che ci fai qui in Sardegna con la 24 ore e l'ombrello?'.
    Era il maggio del 1973. A Bergamo si giocava Atalanta-Vicenza per la permanenza in serie A. Mi avevano detto: 'Vai a Sassari a vedere Torres-Giulianova'. A Bergamo pioveva ed io avevo l'ombrello. Un'ora di aereo e l'ombrello non serviva più: era una cosa ridicola con quel sole che spaccava le pietre.
    Ero stato mandato per vedere un tuo compagno, invece io mi entusiasmai per te. Rimasi impressionato dal tuo splendido tocco di palla, dai tuoi movimenti rapidi e brevi, dal tuo modo di giocare senza pallone, dalla tua decisione nei contrasti, dalla tua progressione -palla al piede a testa alta-, dalle tue pennellate ai compagni. Ero rimasto colpito dal tuo genio calcistico. Tu vincesti la partita. Per me invece fu una delle più brutte giornate della mia vita: l'Atalanta era retrocessa in serie B.
    'Glielo porto io l'ombrello', mi dicesti col tuo sorriso di sempre, cercando di rincuorarmi. Ci siamo ritrovati insieme dopo un anno qui a Perugia. Ti sei innamorato della città; hai fatto amicizia con le persone che ti stavano vicino. Qui hai cercato il tuo mondo con Clelia e Sabrina. 'Come si sta bene a Perugia', mi dicevi continuamente.
    Sei stato una delle colonne portanti del nostro Perugia, artefice primo di tante giornate felici. Ti ricordi Renato: 'Vai sulla palla, ti dicevo, sui calci d'angolo avversari, la diagonale di difesa, doppia il compagno, scala le marcature...'. E tu con lo sguardo sempre sereno pronto a sacrificarti. Ti ricordi Renato: 'Voglio rientrare con la Juve', mi dicevi, poi la tua speranza si velò di tristezza per la botta presa durante l'allenamento di Spello.
    'Ce la faccio lo stesso' mi dicesti. Il provino felice di sabato ti aveva rasserenato. E domenica mattina 30 ottobre: 'Sto benissimo mister, voglio giocare, sento che oggi farò una grande partita'. Fuori intanto cominciava a piovere.
    Negli spogliatoi di Pian di Massiano stavi preparando il tuo grande rientro. A Bergamo si giocava Atalanta-Vicenza.
    Sei entrato in campo con il tuo solito sorriso. La pioggia diventava sempre più prepotente e tu sei caduto senza un gemito. Avevo dimenticato l'ombrello. Perdonami Renato se non sono riuscito a proteggerti.
    Ci hai lasciato col tuo solito sorriso. Ognuno di noi ha il diritto di scegliere come vivere e come morire.
    Per tutto ciò che hai fatto, per tutto ciò che eri, avresti meritato la Nazionale. Ora però sono sicuro che avrai un posto fisso nella Nazionale del Cielo".




  5. #5
    Bannato L'avatar di Firenze
    Registrato il
    10-04
    Località
    Firenze!!!
    Messaggi
    677
    Mi dispiace

  6. #6
    Youll'never walk alone L'avatar di I.R.ish
    Registrato il
    02-04
    Messaggi
    6.884
    Ciao Gianluca,salutaci Chicco
    ANNARELLA UNA DI NOI

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •