• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: [PS2] Recensione Shadow Hearts: Covenant NTSC/USA

Cambio titolo
  1. #1
    _Sesshomaru_
    Ospite

    [PS2] Recensione Shadow Hearts: Covenant NTSC/USA

    000
    Ultima modifica di _Sesshomaru_; 7-05-2007 alle 21:49:35

  2. #2
    Bannato L'avatar di Zart
    Registrato il
    11-02
    Località
    Zibello PR
    Messaggi
    7.632
    Cercherò di procurarmelo anche se i suoi precedenti (Shadow Hearts 1 e, dello stesso team, Koudleka) non mi hanno appassionato.

  3. #3
    _Sesshomaru_
    Ospite
    Non è più il team di sviluppo Sachnot ma i Nautilus studio una branca distaccatasi dal vecchio team della Square, a curare Shadow Hearts è per questo che è migliorato a dismisura

  4. #4
    Bannato L'avatar di Zart
    Registrato il
    11-02
    Località
    Zibello PR
    Messaggi
    7.632
    Ah non sapevo del cambio di team. Grazie dell'info. (In Europa verrà portato ancora da Midway?)

  5. #5
    _Sesshomaru_
    Ospite
    Si certo. L'uscita prevista è per il giorno 12 di questo mese, cioè venerdì.

    Jya Ne!

  6. #6
    samtam90
    Ospite
    Citazione _Sesshomaru_
    Se siete amanti degli RPG per console e non siete shiavi/succubi della serie Final Fantasy, o se siete poco aperti di mentalità, vi informo molto orgogliosamente che non esiste solo la Square-Enix nel vasto parco giochi sviluppati per PS2. Non è facile riuscire a farsi notare in un settore che alcuni vedono strapopolato di Square-Enix e di "con la partecipazione di".
    Shadow Hearts: Covenant prende la tradizionale formula dei giochi salva-il-mondo basati a turni, butta via ogni traccia di pretenziosità, sostituendola con un suo darkstyle e humor personale e
    bizzarro che difficilmente riuscireste a trovare in altri GDR, e sfrutta in maniera incredibile un originale gruppo di personaggi, che svariano da Geppetto alla "principessina" Anastasia, in una coinvolgente avventura. Il gioco è un grande esempio di realizzazione esemplare del genere.

    *Può anche esserci una guerra mondiale in corso, ma non pensateci--I demoni dominano indisturbati, spetta a voi porre fine alla loro egemonia!

    Il gioco inizia circa sei mesi dopo gli eventi narrati nel primo Shadow Hearts, con la Prima Guerra Mondiale che stà lentamente guadagnando terreno e con focolai di guerra che spuntano lungo tutta l'Europa. Il FMV introduttivo ha un taglio prettamente cinematografico, coinvolgente come pochi altri, per darvi un'idea userei il nome Vagrant Story, anche se i due prodotti sono gestiti in maniera diversa, ma non divaghiamo troppo. Karin Koenig, un ufficiale della armata tedesca, viene inviata con la sua squadra a prendere il controllo del sonnolento e tranquillo villaggio di Domremy. Subito dopo il loro arrivo, Karin e le sue forze vengono costretti a rifugiarsi nella cappella del villaggio da un oscuro demone alato. Il mostro è in realtà un giovane uomo chiamato Yuri Hyuga (l'antieroe protagonista del primo Shadow hearts), che ha il potere di assumere la forma di svariate creature(Fusion) e che stà proteggendo il paese dall'invasione. Non disposti ad abbassarsi ad accettare la sconfitta, dopo poco tempo i tedeschi rimandano nuovamente indietro Karin, insieme con un misterioso cardinale chiamato Nicholai, armato di un artefatto sacro. L'artefatto usato in battaglia pone una maledizione su Yuri, privandolo di tutte le abilità di trasformazione che aveva acquisito, che rappresentavano il suo considerevole potere, e rendendolo "innocuo". Come si verrà a scoprire, l'attacco contro Yuri era parte di un piano elaborato da una società segreta chiamata "Sapientes Gladio"(base al Vaticano), che, come ogni altra rispettabile società segreta, non sta progettando nulla di buono. Quando il villagio viene in seguito distrutto, Karin diserta l'arme per unirsi a Yuri per poter scoprire cosa esattamente sta pianificando la "Sapientes Gladio" e come liberare Yuri dalla sua maledizione. Imperdibile la scena di intermezzo di Parigi dove Karin cambia i suoi indumenti e...

    *Combatti contro Demoni Oscuri, adepti di magia maligna, e gatti!

    Non preoccupatevi più di tanto, ben presto Yuri acquisirà nuovamente le sue Fusion. Il graveyard (cimitero) non sarà più una palla al piede come nel primo capitolo di questa avventura. Tutto ciò suona adeguatamente sinistro, e lo è. Shadow Hearts: Covenant è pieno di misticismo oscuro, riti antichi, demoni, e piani per dominare il mondo. E' anche pieno di tocchi di assurdo come Joachim, un vampiro che fà il lottatore [wrestler] professionista, che combatte con una casella postale enorme quando non è nella forma di pipistrello. Ad un certo punto del gioco, il vostro gruppo viene attirato in una villa su una lussureggiante isola, dove dovrete scontrarvi con un feroce mostro "speciale" che capita essere un gigantesco, vaporoso gatto rosa(). Yuri di tanto in tanto racconterà gli eventi passati e accompagnerà i suoi discorsi tetri con delle fotografie dell'azione simili alle figurine adesive di quando eravamo bambini, demoni ridotti a oggetti a forma di globo malamente ricoperti di graffiti e con zanne sproporzionate. Questo non vuol dire che il gioco si rivela essere stile commedia--i vari eventi oscuri e le disparate atrocità sono presi abbastanza seriamente dai personaggi coinvolti--ma il tutto è addolcito da un discreto quantitativo di humor irriverente. Mentre i vari scherzi, doppi-sensi, e pause cariche di significato sono qualche volta duri [da digerire], ci sono una abbondanza di momenti genuinamente divertenti che arricchiscono l'esperienza [di gioco], dandogli un fascino che manca a molti RPG dalla trama profonda.

    *Morire o Sopravvivere grazie all'anello del giudizio, in qualsiasi caso vi divertite un mondo
    nell'usarlo.

    Quando gli incontri, casuali e non, vi costringono alla battaglia, vi troverete alle prese con un sistema basato su turni in cui i vostri personaggi si alterneranno con i nemici in funzione della loro velocità. Ogni qualvolta sceglierete una azione per uno qualsiasi dei vostri quattro membri del gruppo, sia essa l'eseguire un attacco fisico, il lanciare un incantesimo, l'utilizzare una abilità speciale, o anche solo l'usare un oggetto, apparirà un disco chiamato Anello del Giudizio(Judgement Ring). Una lancetta inizierà a ruotare nel disco , e dovrete premere al momento giusto il pulsante mentre la lancetta attraversa le sezioni colorate che sono presenti. Colpite tutto correttamente, e la vostra azione avrà successo. Spesso sarà presente una zona extra rossa sul confine esterno di una zona colorata che vi garantirà un bonus se la colpite--l'attacco causerà più danni, gli oggetti cureranno più del normale, e così via. La contropartita è che queste zone rosse richiedono precisione e una temporizzazione attenta per essere colpite, e se le mancate, la vostra mossa terminerà prematuramente, se non, a volte, fallirà completamente. Riuscire ad inanellare e centrare tutte queste zone così è la parte più coinvoilgente del sistema dell'Anello del Giudizio(AnG da ora), che si porta al di fuori della pratica GDR tradizionale di selezionare una azione e quindi rimettersi seduti a guardare il vostro personaggio portarla a termine. Ma c'è ancora di più. É anche possibile aggiungere oggetti agli AnG dei singoli componenti del gruppo per aggiungergli vari effetti--è possibile aggiungere una ulteriore zona da colpire, aumentare le dimensioni delle zone, aumentare il danno (decrementando tuttavia la dimensione delle aree), e così via. Per i deboli di cuore e meno abili con le dita, è perfino possibile porre i personaggi nella modalità "anello automatico", che consentirà loro di compiere le loro mosse senza che voi dobbiate fare un beneamato nulla. Tuttavia ciò diminuirà la quantità di danni inflitta, oltre a non essere altrettanto divertente. Il sistema può essere difficile da padroneggiare, ma una volta che vi ci sarete abituati, c'è una certa cadenza nell'uso dell'AnG che ve lo farà sembrare quasi un gioco basato sul ritmo. Padroneggiatene la temporizzazione, e perfino la più piccola delle zone critiche verrà colpita dalla vostra pressione dei tasti con un risultato soddisfacente. È un gran sistema, e un modo eccellente per combinare l'andatura misurata dei sistemi basati su turni con un elemento di interattività che richieda una attenta concentrazione. Una volta che avrete preso la mano con le basi, potrete provare gli attacchi combinati(Combo Trial), che richiedono di muovere i personaggi vicini gli uni agli altri e quindi fargli eseguire una serie di attacchi a catena. Per ogni sequenza di tale catena correttamente completata, otterrete dei bonus "combo", e se riuscirete ad eseguire una combo a quattro, sarete addirittura in grado di eseguire un potente attacco magico come mossa finale. Ogni personaggio è controllato da uno dei quattro pulsanti sul vostro controller, e il pulsante richiesto [per l'azione] verrà mostrato lampeggiante non appena terminerete uno dei turni movimento, prima di passare ad un altro personaggio. Se non riuscirete premere il corretto pulsante, o se fallirete una qualsiasi delle pressioni richieste durante la vostra mossa, la combo fallirà, e tutti quelli rimasti nella sequenza perderanno il loro turno. Si tratta ovviamente di una scommessa, ma è una scommessa che può premiare molto quando si affrontano mostri potenti o boss di fine livello, anche se non dovessero essere dei gatti .
    Padroneggiare l'AnG si rivela importante anche fuori dal campo di battaglia. Potrete ottenere sconti nei negozi di oggetti grazie a tale controllo, oppure incrementare il prezzo di vendita dei vostri oggetti ottenendo dei ricarichi percentuali extra. Queste cose sono opzionali, tuttavia forniscono dei bonus interessanti per coloro che imparano a controllare l'anello.

    *Questo gioco occupa una piccola e divertente nicchia tutta sua.

    In Shadow Hearts: Covenant girerete il mondo, spendendo un sacco di tempo girovagando tra aree della Vecchia Europa e, successivamente, del Giappone e dell'Est. I posti che visiterete sono ricchi di carattere e dettagli, da locazioni barocche con sale illuminate dal sole e dai colori vivaci nonché piene di piante, ad accoglienti villaggi costieri, fino ai confini oscuri e ingombri di una vecchia prigione. Onestamente le città tendono ad essere piuttosto piccole, con solo poche aree visitabili, ma sono comunque messe assieme bene, con numerose fessure ove possono nascondersi oggetti interessanti. Yuri e i suoi compagni trasudano stile e movimenti fluidi, dall'avizzito vecchio burattinaio Gepetto [sic.], all'azzimato lupo bianco Blanca, fino allo sgargiante, ultraentusiastico Joachim. Per far avanzare la storia, il gioco mescola animazioni accompagnate da immagini fisse ed ottenute tramite lo stesso motore di gioco ad intermezzi con delle belle animazioni generate al computer, con un risultato complessivo molto apprezzabile. Il gioco offre alcuni grandi pezzi musicali che sono al contempo indimenticabili e stimolanti, facendo un buon uso di parti vocali inquietanti e di veloci motivi di violino. È raro avere un motivo di accompagnamento per la battaglia che non secchi di essere ascoltato le innumerevoli volte che vi servirà durante il vostro viaggio, ma Shadow Hearts vi riesce, insieme con un tema principale coinvolgente e altri pezzi musicali leggeri perfettamente adatti alle aree che visiterete. Il lavoro svolto dai doppiatori è ottimo(usati molti doppiatori di FFX, per esempio Karin è doppiata dalla stessa doppiatrice di Yuna), soprattutto se si pensa ad alcuni dei dialoghi più strani che gli attori hanno dovuto affrontare, anche se il parlato nel gioco non è molto in evidenza.

    Conclusioni?

    Covenant comprende una avventura che occupa ben due dischi dvd (circa 50 ore) che è facilmente
    estendibile con tutti gli oggetti bonus da collezionare, mosse speciali da imparare, armi da
    ottenere, sidequest e locazioni da visitare. Anche se non esplorerete tutti gli angoli e le fessure, Shadow Hearts: Covenant è e rimane un gran gioco che ogni fan del genere del gioco di ruolo probabilmente apprezzerà; il suo stile, il suo humor, e il suo sistema di battaglia realizzato in maniera impeccabile lo mette ben in evidenza in un mondo popolato da cloni di Final Fantasy & C.
    Molto buona. Come recensione è sopra la media, ma manca quel tocco di classe che fa arrivare al 4.5 o al 5.

    4/5

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •