• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Ora Aragones rischia il posto...

Cambio titolo
  1. #1
    Why are you leaving? L'avatar di Jesmond
    Registrato il
    12-03
    Località
    Casatenovo (LC)
    Messaggi
    5.086

    Freccia Ora Aragones rischia il posto...

    Si fa sempre più incerta la posizione di Luis Aragones alla guida della nazionale spagnola: dopo la condanna pressoché unanime della stampa e dell’opinione pubblica internazionale, cui non ha fatto eco quella locale, anche la federazione spagnola, pur tardivamente, ha deciso di muoversi in direzione contraria al ct, avendo avviato un procedimento disciplinare nei suoi confronti. Naturalmente la motivazione va ricercata nei commenti razzisti rivolti indirettamente dal tecnico al giocatore dell’Arsenal Thierry Henry, nell’atto di “motivare” un proprio giocatore.

    La federazione in un primo momento aveva deciso di tutelare il ruolo e l’immagine del navigato commissario tecnico, ma dopo l’intervento perentorio del presidente della commissione anti-violenza spagnola Angel Maria Villar si è deciso di cambiare totalmente rotta. Allo stato attuale delle cose, Aragones è ufficialmente sotto inchiesta per incitazione al razzismo e, se riconosciuto colpevole, potrebbe essere multato per una somma pari a circa 30.000 euro, rischiando anche la revoca della licenza. Inoltre, secondo alcune indiscrezioni, Aragones potrebbe comunque presentare le dimissioni nel caso in cui venisse multato per le sue affermazioni.

    Il fattaccio che ha fatto discutere una nazione intera per settimane, scomodando vescovi e politici, e che sicuramente è costato l'immagine a un uomo che a 65 anni può considerarsi un simbolo del calcio spagnolo, ha preso forma durante un apparentemente innocuo siparietto tra un attaccante in cerca di una “scossa” e il suo saggio allenatore.

    Il giocatore “motivato” è il giovane bomber Reyes, tra l'altro di origine gitana. La frase, irripetibile, si riferisce al colore della pelle del suo più noto compagno di squadra all'Arsenal, Thierry Henry. La cornice, un allenamento della selezione iberica prima della gara di qualificazione ai Mondiali 2006 contro il Belgio. I testimoni, dei giornalisti che sono “dove non dovrebbero essere”, per dirla con il ct, ossia a bordo campo, pronti a captare la fase incriminata. Il contesto è quella di una nazione che non è nuova a manifestazioni razziste consumate negli stadi: gli ultimi a farne le spese sono stati i calciatori inglesi di colore insultati nel corso di una trasferta al Bernabeu tra le due nazionali maggiori. Senza contare Eto'o, pezzo da novanta del Barcellona di Rjikaard, preso di mira dalla tifoseria del Getafe per il colore della sua pelle, oltre che per la precisione sotto porta.

    Risulta dunque comprensibile lo stato di allerta che si crea nel momento in cui filtra la notizia che anche un totem del calcio spagnolo come Aragones, una figura da sempre ritenuta paterna e positiva anche se talvolta un po' ruvida, faccia uso di una simile terminologia. Un modo di motivare forse non razzista alla radice il suo, ma sicuramente eccessivo e inopportuno e che, una volta diventato notizia, rischia di tramutarsi in un “ipse dixit” pericoloso per un popolo già border line...
    Citazione Clavus Visualizza Messaggio
    all'ultimo.....
    Vergognati culone.....
    Non ho parole......

  2. #2
    Inzallanuto innamorato L'avatar di Rafael
    Registrato il
    10-02
    Località
    Da nessuna parte
    Messaggi
    18.236
    In Spagna è sempre stato così
    E le cose non cambieranno,sono tristemente sicuro che la gente non cambierà idea

    Anche perchè vedere un giocatore di colore più bravo di loro li fa rosicare e non riuscendo a rispondergli con il calcio,lo insultano come possono
    Preferisco il silenzio ora, sono stanco di questo mondo, di questa gente, di essere invischiato nel groviglio delle loro vite. Dicono di aver lavorato tanto per aver costruito il paradiso per poi scoprire che è popolato di orrori. Forse il mondo non viene creato, forse niente viene creato. Un orologio senza orologiaio. E' troppo tardi. E' sempre stato e sarà sempre troppo tardi.

  3. #3
    Utente L'avatar di Diddy
    Registrato il
    12-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    16.707
    Ma cosa ha detto precisamente?

  4. #4
    Utente L'avatar di ItalianShady
    Registrato il
    07-04
    Località
    The Deep South (Calabria)
    Messaggi
    481
    Citazione Diddy
    Ma cosa ha detto precisamente?
    Ha dato del negro di m***a a Henry... più che giuste la revoca della licenza e la multa.

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •