• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: Il Codice da Vinci

Cambio titolo
  1. #1
    . L'avatar di Sandopep
    Registrato il
    12-03
    Località
    Napoli
    Messaggi
    9.761

    Il Codice da Vinci

    per Natale ho avuto sto libro... lo sto leggendo...
    E bellissimo, enigmatico e misterioso.... bello bello bello.... qualcuno di voi l'ha letto?

  2. #2
    Traveller L'avatar di LordElius
    Registrato il
    08-04
    Località
    Tra Bergamo e Bologna
    Messaggi
    3.751
    No lo devo leggere a breve...appena finisco "Lo Scudo di Talos" che ci hanno dato per la scuola penso che prenderò quello...

  3. #3
    -_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_- L'avatar di Vash the stampede
    Registrato il
    04-03
    Località
    dove capita
    Messaggi
    2.982
    Non un librone ma divertente

  4. #4
    ice age is coming L'avatar di klaus
    Registrato il
    11-04
    Località
    sezione anime e manga
    Messaggi
    2.291
    Citazione LordElius
    No lo devo leggere a breve...appena finisco "Lo Scudo di Talos" che ci hanno dato per la scuola penso che prenderò quello...
    bello lo scudo di talos.

    cmq anche il codice da vinci è un bel libro perche fa riflettere molto sula propria fede religiosa
    <----

  5. #5
    Domatore di Capesante L'avatar di BVZM
    Registrato il
    11-04
    Località
    Entroterra veneziano
    Messaggi
    315

    KO

    Citazione Sandopep
    per Natale ho avuto sto libro... lo sto leggendo...
    E bellissimo, enigmatico e misterioso.... bello bello bello.... qualcuno di voi l'ha letto?
    Io l'ho letto, e sì, devo dire che in effetti si fa elggere e le ambientazioni sono carine.
    Bisogna però stabilire una cosa.
    E' un'americanata, e riposta un sacco di inesattezze.
    Leggete questo articolo di Umberto Eco sui Templari.
    Eco qui tratta in parte anche "Il codice Da Vinci", e devo dire che sono esattamente il linea col suo pensiero:

    Templari attendibili

    L'ordine venne sciolto da Clemente V all'inizio del XIV secolo. Da allora chiunque può rifondarlo così come può dichiararsi sommo sacerdote di Iside e Osiride

    Fate nascere un ordine monastico-cavalleresco, fatelo diventare straordinariamente potente sia militarmente che economicamente. Trovate un re che voglia sbarazzarsi di quello che è ormai diventato uno Stato nello Stato. Individuate gli inquisitori adatti, che sappiano raccogliere voci sparse e comporle in un mosaico terribile: un complotto, crimini immondi, innominabili eresie, corruzione e una buona dose di omosessualità. Arrestate e torturate i sospetti. Chi ammette e si pente avrà salva la vita, chi si dichiara innocente finirà sul patibolo. I primi a legittimare la costruzione inquisitoriale saranno le vittime, specie se innocenti. Infine, incamerate gli immensi beni dell'Ordine. Questo fondamentalmente ci insegna il processo intentato ai cavalieri Templari da Filippo il Bello.

    Segue la storia del mito templare. Immaginate che molti siano rimasti scossi da questo processo e, oltre ad avvertirne l'ingiustizia, come accadde persino a Dante, siano rimasti affascinati dalle dottrine segrete attribuite ai Templari e colpiti dal fatto che la maggior parte dei cavalieri non fosse perita sul rogo e allo scioglimento dell'ordine si fosse come dissolta. All'interpretazione scettica (con la paura che si erano presa, hanno cercato di rifarsi una vita altrove, in silenzio) si può opporre l'interpretazione occultistica e romanzesca: sono entrati in clandestinità, ci sono attivamente restati per sette secoli, Essi sono ancora tra noi.

    Niente è più facile che trovare un libro sui Templari. L'unico inconveniente è che nel 90 per cento dei casi (mi correggo, 99) si tratta di bufale, perché nessun argomento ha mai maggiormente ispirato le mezze calzette di tutti i tempi e di tutti i paesi quanto la vicenda templare. E via con la continua rinascita dei Templari, con la loro costante presenza dietro le quinte della Storia, tra sette gnostiche, confraternite sataniche, spiritisti, ordini pitagorici, rosacrociani, illuminati massoni e Priorato di Sion. Talora la bufala è così smaccata, come nel caso de 'Il santo Graal' di Baigent, Leigh e Lincoln (Mondadori, 1982), che l'evidente e spregiudicata malafede degli autori consente almeno al lettore dotato di buon senso di leggere l'opera come divertente esempio di fantastoria. Come sta avvenendo ora con il 'Codice Da Vinci', che scopiazza e rielabora tutta la letteratura precedente. Ma stiamo attenti, perché migliaia di lettori creduli vanno poi a visitare il teatro di un'altra bufala storica, il paesino di Rennes-le-Château.

    L'unico modo per riconoscere se un libro sui Templari è serio è controllare se finisce col 1314, data in cui il loro Gran Maestro viene bruciato sul rogo. Tra i libri che si arrestano a quella data era uscito da Einaudi nel 1991 'I Templari' di Peter Partner.

    Ora il Mulino pubblica 'I templari' di Barbara Frale, una studiosa che ha dedicato anni di lavoro e altre opere a questo argomento. Sono meno di 200 pagine, e si leggono con gusto. Ricchissima la bibliografia (seria). Barbara Frale non si scandalizza troppo per certi aspetti successivi del mito templare, anzi ne vede con qualche simpatia certi svolgimenti romanzeschi (ai quali dedica però solo due paginette conclusive), ma solo perché possono suscitare nuove serie ricerche su tanti aspetti ancora oscuri della 'vera' storia dei templari. Per esempio c'era davvero un rapporto tra i Templari e il culto del Graal? Non si può escludere, visto che persino un loro contemporaneo, Wolfram von Eschenbach, ne favoleggiava. Ma osserverei che i poeti, teste Orazio, sono autorizzati a fantasticare, e uno studioso del prossimo millennio che trovasse un film d'oggi che attribuisce a tale Indiana Jones la scoperta dell'Arca dell'Alleanza non avrebbe ragioni per trarre da questa divertente invenzione alcuna conclusione storiograficamente corretta.

    Quanto al fatto che però l'antica vicenda non sia ancora del tutto chiara, Barbara Frale accenna ad alcune sue recenti scoperte in archivi vaticani che indurrebbero a vedere in modo nuovo il ruolo della chiesa nel processo. Ma, per lo sconforto di chi ancora oggi esibisce talora un biglietto da visita che lo qualifica come Templare, ricorda che Clemente V, al momento della sospensione dell'ordine, aveva messo fuorilegge qualsiasi tentativo di ripristinarlo senza il consenso pontificio, lanciando addirittura la scomunica contro chiunque utilizzasse il nome e i segni distintivi del Tempio. D'altra parte, nel 1780, argomenti del genere usava Joseph de Maistre per liquidare i neotemplaristi dei tempi suoi. L'ordine templare esisteva in quanto riconosciuto dalla Chiesa e dai vari Stati europei, e come tale è stato formalmente disciolto all'inizio del XIV secolo. Punto. Da quel momento, visto che nessuno ne possiede più il copyright, ciascuno ha il diritto di rifondarlo, nello stesso senso in cui chiunque può dichiararsi sommo sacerdote di Iside e Osiride, e al governo egiziano la cosa non fa né caldo né freddo

    Quindi, se posso permettermi, si legga pure il Codice da Vinci, (io l'ho letto volentieri, e ho anche già acquistato Angeli e demoni, dello stesso autore), ma non si perda mai di vista il fatto che si tratta solo di un piacevole romanzetto.
    L'unica cosa che ho trovato abbastanza attendibile è "il passaggio" sul Concilio di Nicea e sul criterio con cui furono sanciti i vangeli ufficiali e la religione cristiana tutta.
    Quella sì fu una bella bufala.
    Ultima modifica di BVZM; 1-01-2005 alle 22:18:36

  6. #6
    ±*Tidus*± 9.999
    Ospite
    Lo sto leggendo. Non male, mi ha appassionato

  7. #7
    Utente L'avatar di Aragorn_x
    Registrato il
    03-03
    Messaggi
    545
    anche io l'ho avuto per natale

    bel libro, divorato nei giorni di nullafacenza

  8. #8
    . L'avatar di Sandopep
    Registrato il
    12-03
    Località
    Napoli
    Messaggi
    9.761
    Ormai mi mancano un ottantina di pagine....

  9. #9
    Domatore di Capesante L'avatar di BVZM
    Registrato il
    11-04
    Località
    Entroterra veneziano
    Messaggi
    315
    Sì però ragazzi.
    Ora, io sono l'ultimo arrivato qui, ma se dobbiamo aprire un topic per dire quanto pagine ci mancano da leggere di un libro... non so se vale la pena.
    Qualche commento? Qualche critica.
    QUi si parla di libri, non di matematica....
    Sbaglio?

  10. #10
    Oligomainerol Uòter L'avatar di Cicciopalla
    Registrato il
    12-02
    Località
    Firenze
    Messaggi
    3.166
    Lo sto leggendo adsso. Molto, molto bello. Non mi manca molto ormai. Scorre bene ed è molto interessante.

  11. #11
    I wanna get laid L'avatar di Xegros
    Registrato il
    06-03
    Località
    Callisto [Jupiter]
    Messaggi
    1.416
    io lo sto leggendo in inglese, davvero bello.
    La tua firma supera il limite massimo di altezza (158 pixel). Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

  12. #12
    . L'avatar di Sandopep
    Registrato il
    12-03
    Località
    Napoli
    Messaggi
    9.761
    Citazione Xegros
    io lo sto leggendo in inglese, davvero bello.
    L'ho finito!!! E' davvero molto bello e fa riflettere molto
    Cmq se sai bene l'inglese credo che sia molto più bello

  13. #13
    Mora Nera L'avatar di Aleskj
    Registrato il
    09-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    15.101
    Citazione LordElius
    No lo devo leggere a breve...appena finisco "Lo Scudo di Talos" che ci hanno dato per la scuola penso che prenderò quello...
    Bello lo scudo di Talos l'ho letto in seconda media,cmq il codice da vinci lo inizio appena finisci Misery di Stephen King.

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •