• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 77

Discussione: L'angolo dello scrittore provetto.

Cambio titolo
  1. #1
    Mines L'avatar di The Matrix
    Registrato il
    04-03
    Località
    Rapallo (GE)
    Messaggi
    13.504

    L'angolo dello scrittore provetto.

    Avete scritto racconti di vario genere? Se sì, pubblicateli qui, così li commenteremo insieme. Comincio io con uno dei più recenti , che ammetto io per primo...fa un po' schifo, è da migliorare :

    Era lì, me lo ricordo ancora come fossero passati pochi istanti. Era seduta al terzo banco alla mia destra, non molto lontano, così riuscivo ad osservarla. Dio, l?avrei osservata per ore! Frequentavamo lo stesso corso di arte, anzi, anche se ad essere sincero io non sono molto bravo nel disegno?me la cavo, ma non ho una dote naturale, ero là solo per lei.
    Lei naturalmente non se lo immaginava neppure, conosceva a malapena il mio nome e avevamo parlato raramente, e di cose frivole. Lo so, mi stavo facendo del male da solo, ma al pensiero di non vederla anche solo quelle poche ore al giorno mi faceva stare male?dovevo sentirmi vicino a lei.
    Mi ricordo che era una mattinata di gennaio inoltrato, una giornata molto fredda,mi ricordo che ero arrivato leggermente in ritardo a lezione, e quindi quando arrivai in aula lei era già lì, al suo posto, che faceva scivolare la matita sul foglio con una naturalezza e una maestria invidiabili, ed era bellissima, con la testa leggermente inclinata verso destra, rivolta verso di me, con i capelli bruni che baciati dal sole filtrante dalle finestre le ricadevano sulle spalle?e poi gli occhi?Dio che occhi magnifici! Quanto l?amavo! Non mi ricordo quanto tempo passai ad osservarla, ad immaginare di abbracciarla e di sfiorarle le labbra anche solo con il respiro, so solo che ad un certo punto la voce del professore arrivò dura e rauca da un punto non ben definito del mio cervello sommerso da tali pensieri ? Signor Costa, quanto pensa ancora di rimanere lì a non far niente? Io non conosco le motivazioni che l?hanno indotta a venir qui, ma se vuole rimanerci le consiglio di applicarsi, da ora in avanti. E ora, per piacere fuori dalla mia aula? . Ma che vada al diavolo, non si interrompono così i pensieri di un innamorato.
    Mentre mi stavo alzando per uscire dalla classe, il mio occhio cadde istintivamente sul foglio su cui stava disegnando il mio angelo, era bravissima, mi ricordo che stava disegnando un paesaggio stupendo, con laghi e montagne. In ogni disegno riusciva a metterci tutto il suo amore, poiché era la sua passione più profonda?quanto ho sognato di essere quel foglio?quanto ho desiderato che disegnasse i suo pensieri su di me, indelebili e pieni di caldo amore?
    Quella mattina decisi quindi di andarmene, rimanere lì mi faceva solo che soffrire, anche se era l?unico modo che conoscevo per sentirmi meglio?sì, so che può sembrare un paradosso, ma sono masochista , che volete che vi dica?
    Una volta per strada guardai l?orologio, e mi accorsi che era tutto sommato abbastanza presto, così decisi di andare a prendere un cafè al bar lì vicino per poi tornare davanti alla scuola all?ora di uscita per poter dare un ultimo sguardo al mio amore.
    Entrato nel locale salutai la proprietaria , una cara amica di infanzia, che quando ero ancora in fasce mi accudiva al posto della mia sciagurata madre, dato che mio padre ci abbandonò non appena seppe che mamma era gravida, ed ella non poteva stare a casa poiché servivano soldi per andare avanti?ma la scusa non reggeva il motivo per il quale ogni sera usciva di casa vestita quasi da prostituta?solo dio sa cosa diavolo faceva, e io personalmente non me lo voglio neanche immaginare.
    Fatto sta che ci scambiammo qualche saluto di circostanza ?Allora, come va a scuola? Come non sei a lezione?? Mah, le solite robe, le risposi, colpa del professore che è matto come un cavallo. Già? ma in realtà sapevo che ero io ad essere matto?matto di quella ragazza che con tutto me stesso bramavo.
    Presi il mio cafè in silenzio, quando mi chiese ?Allora , come va con le ragazze? Qualche novità?? e io per girare intorno all?argomento buttai lì un ?come al solito? e decisi che era meglio tagliare il discorso. Così pagai e uscii.
    Mancavano almeno ancora due ore al suono della campana, così decisi che potevo concedermi una passeggiata per il centro della città.
    Girovagai per negozi e negozi, immaginando di farlo insieme a lei, di aiutarla a fare shopping, o che so io? ero veramente innamorato perso.
    Tornai dopo il mio giro in città dinnanzi all?istituto, e attesi di vederla uscire.
    Sì?eccola! Era lei! Quasi quasi vado a salutarla, massì , perché no! Stavo per avvicinarmi , avevo il cuore in gola e la bocca arsa, non sapevo cosa le avrei detto, ma di sicuro dovevo parlarle una volta per tutte.
    Stavo per darle il saluto, quando comparve un giovane più grande di me e di lei di almeno un paio d?anni che si avvicinò al mio amore. Vidi che si diedero un bacio sulla guancia e si avviarono verso la periferia della città a piedi, cosicché decisi di seguirli?ero a dir poco adirato e confuso! Li seguii per qualche centinaio di metri, quando vidi che lui le appoggiò una mano sulla natica sinistra??sto gran bastardo!
    Stavo per esplodere?giuro che se quello si fosse voltato verso di me probabilmente lo avrei ucciso.
    Camminarono ancora un po?, fino a che svoltarono in un vicolo.
    Una volta raggiunti, mi si raggelò il sangue nelle vene?Lui era lì , su di lei, con i pantaloni calati e la stava baciando e palpando ovunque, lei emanava piccoli gemiti, ed era semi svestita. Non so quale scintilla mi scattò nel cervello in quel momento, ma corsi verso di lui, e lo afferrai, mi ricordo che lo buttai a terra con tutta la mia forza, e comincia a riempirlo di pugni, fino a che per terra vidi una pietra?l?afferrai e lo colpii ripetutamente, avevo le mie mani sporche del suo sangue, e lei piangeva.
    Mi fermai, e le chiesi se stesse bene, ma mi prese a schiaffi e urlò spaventata?Le dissi che l?avevo salvata, e lei mi rispose fra le lacrime che lui l?aveva pagata per questo e che a lei servivano soldi perché non ne riceveva da sua madre per i suo vizi.
    La odiai?improvvisamente tutto l?amore che provavo per lei si trasformo nella nemesi per eccellenza, l?odio.
    Scappai da quel luogo di infamia, lasciai i corsi d?arte e di lei non ne volli più sapere.
    Ora quel ragazzo che ho picchiato lo vedo ogni tanto?fa il bidello in una scuola elementare, e usa l?autobus per andare al lavoro, dato che per colpa mia è rimasto invalido.
    Questa storia mi ha insegnato molto, e non so cosa mi riserverà il futuro, ma una cosa è certa : Quando arriverà non rimarrò abbagliato dal suo fascino.


    scusate per la punteggiatura, ma è un errore di GR quando copio un documento da Word.

    A voi la parola
    La tua firma supera il limite massimo di altezza (158 pixel). Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

  2. #2
    Mines L'avatar di The Matrix
    Registrato il
    04-03
    Località
    Rapallo (GE)
    Messaggi
    13.504
    caspita quanta gente
    La tua firma supera il limite massimo di altezza (158 pixel). Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

  3. #3
    Utente L'avatar di Sav
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    3.637
    Davvero ben scritto. Non c'è che dire.
    Che storia! Molto coinvolgente, ma che fine tragica! Chissà come si sarà sentito male il protagonista nell'essere cacciato dal suo angelo!!
    Al solo pensiero rabbrividisco!
    Tornando al giudizio... complimentoni ! Magari fossi bravo come te a scrivere storie.
    Spesso ho sognato di scriverne una, ma io mi oriento più sul fantasy... è solo che manco so come diamine iniziare!!!

  4. #4
    Mines L'avatar di The Matrix
    Registrato il
    04-03
    Località
    Rapallo (GE)
    Messaggi
    13.504
    Grazie Sav.

    Ah, anche io sto scrivendo un libro fantasy
    La tua firma supera il limite massimo di altezza (158 pixel). Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

  5. #5
    Bannato L'avatar di Zahk
    Registrato il
    09-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    6.024
    scrivo di continuo

    attualmente sto scrivendo anch'io un fantasy, anche se ho progetti piu interessanti a proposito di uno storico e di un horror

    i fantasy mi sembrano tutti banali

  6. #6
    Mines L'avatar di The Matrix
    Registrato il
    04-03
    Località
    Rapallo (GE)
    Messaggi
    13.504
    Citazione Zahk
    scrivo di continuo

    attualmente sto scrivendo anch'io un fantasy, anche se ho progetti piu interessanti a proposito di uno storico e di un horror

    i fantasy mi sembrano tutti banali
    magari posta qualche frammento, sono curioso
    La tua firma supera il limite massimo di altezza (158 pixel). Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

  7. #7
    Io sono...LA LEGGE L'avatar di belfagor800
    Registrato il
    05-03
    Messaggi
    787
    Io non ho mai molto tempo per scrivere comunque ne avevo iniziano uno però il mio str.... computer si è impallato e via al formattone... libro addio! Era un gran fantasy sicuramente migliore a molti di quelli delle librerie
    Firma rimossa perchè contenente spam, vietato dal Regolamento.
    fear_the_spear[ITA]

  8. #8
    Not quite my tempo L'avatar di Sephiroth'88
    Registrato il
    10-04
    Località
    The Twilight Zone
    Messaggi
    23.010
    Anche a me piace scrivere, soprattutto storie fantasy-futuristiche!!!

    Se volete vi posto il primo capitolo (avverto però che è un pò lungo!!!).

  9. #9
    Mines L'avatar di The Matrix
    Registrato il
    04-03
    Località
    Rapallo (GE)
    Messaggi
    13.504
    Citazione Sephiroth'88
    Anche a me piace scrivere, soprattutto storie fantasy-futuristiche!!!

    Se volete vi posto il primo capitolo (avverto però che è un pò lungo!!!).
    il topic è qui per questo. Vai,posta
    La tua firma supera il limite massimo di altezza (158 pixel). Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

  10. #10
    Not quite my tempo L'avatar di Sephiroth'88
    Registrato il
    10-04
    Località
    The Twilight Zone
    Messaggi
    23.010
    Ecco qua!!! Scusate ma a me piace di più scrivere con dialoghi aperti (mi perdonate per questo vero)!!!
    Apocalypse Trilogy
    Part 1

    Change Life



    Capitolo 1
    Introduzione


    Molte profezie narrate su questa terra sono andate perdute. Una tra queste narra di alcuni avvenimenti che uniranno insieme angeli, demoni e uomini al fine dell’avvento dell’apocalisse e della distruzione della Terra.

    Letteralmente la profezia dice questo: nell’anno 2033, duemila anni dopo la resurrezione di Cristo, un uomo otterrà il suo stesso potere di vivere anche dopo la morte ma si manifesterà solo se accadrà un avvenimento che lo sconvolgerà. Se quanto è narrato accadrà allora sarà impossibile impedire l’avvenuta dell’apocalisse.



    Capitolo 2
    La Resurrezione


    Un uomo sta guidando una macchina di notte in una strada buia e deserta.

    Uomo:- Dannazione!!! Proprio oggi dovevo fare così tardi.

    L’uomo preme l’acceleratore più forte.

    La macchina gira una curva e si ritrova davanti un camion, per la paura l’uomo sbanda e riesce a fermare la macchina poco prima che poteva cadere nel dirupo sottostante.

    Subito dopo la macchina si spegne. L’uomo tenta di farla ripartire ma è tutto inutile.

    Uomo:- Adesso anche questa!!! Non bastava fare tardi, doveva anche fermarsi la macchina!!!

    L’uomo prende il cellulare e guarda se c’è campo.

    Uomo:- Di bene in meglio!!! Anche il cellulare è inutilizzabile.

    L’uomo appoggia il cellulare sul sedile a fianco e scende dalla macchina. Appena sceso vede una forte luce bianca che si avvicina sempre di più a lui fino ad avvolgerlo completamente.

    La luce proveniva dal camion di prima, che aveva girato per vedere cos’era successo alla macchina che stava per investire.

    Dal camion scende un uomo.

    Uomo 2:- Oh mio Dio!!!



    ***


    L’uomo investito si risveglia in una grande stanza bianca piena di persone vestite come lui, in pratica con una lunga giacca bianca che arriva fino ai piedi con cappuccio; tutti sono seduti per terra e tengono il cappuccio sulla testa in modo che non si veda la faccia. L’unico punto in cui non si trovano delle persone è davanti ad una grande porta, anche quella bianca.

    La persona accanto inizia a parlargli

    Sconosciuto:- Benvenuto. Vedo che anche tu sei morto abbastanza giovane. Io sono qui da non so quanto tempo ad aspettare il giudizio.

    Uomo:- Giudizio? Che giudizio?

    Sconosciuto:- Vedi quella porta? Dall’altra parte c’è il Giudicatore o meglio chi ti dice se devi andare nel paradiso o nell’inferno. L’ordine di giudicare gli è stato dato da Dio. E poi quelle due persone vicino alla porta sono angeli, anche se non si vedono le ali; c’è ne sono due anche dall’altra parte.

    In effetti, ai lati della porta ci sono due persone in piedi con delle lunghe lance in mano.

    Sconosciuto:- Ora vai, è il tuo turno.

    Uomo:- Ma sono appena…

    Sconosciuto:- Non importa. Ora tocca a te.

    L’uomo si alza e si dirige verso la porta. Gli angeli gli sbarrano la strada con le lance.

    Angeli:- Identificazione.

    Uomo:- Vincent Woodruff.

    Angeli:- Prego.

    Gli angeli ritraggono le lance ed aprono la porta.

    Vincent entra dentro e vede che la stanza è identica a quell’altra per grandezza e colore ma, invece che esserci persone, in questa c’è una grande scrivania con sopra decine di pile di fogli che nascondo anche la persona che si trova dietro.

    Voce:- Tu dovresti essere Vincent Woodruff.

    Vincent intuisce che quella voce è del Giudicatore.

    Vincent:- Sì, esatto.

    Giudicatore:- Vediamo la tua scheda. Mmmh, sembra che la tua vita non sia proprio pura. Hai imprecato molte volte, ma a questo si può passare sopra. Il problema è il tradimento; a quanto vedo hai tradito tua moglie più di una volta. Ora voglio chiederti una cosa, tu ti sei sposato in chiesa?

    Vincent:- Sì.

    Giudicatore:- Sai che cos’è la promessa di matrimonio?

    Vincent non risponde.

    Giudicatore:- Vincent così non funziona. Quando io faccio una domanda voglio anche una risposta. Capito?

    Vincent non risponde anche questa volta.

    Giudicatore:- Allora hai proprio voglia di farmi perdere il controllo. Non ti preoccupare, io non m’arrabbio facilmente. Però voglio una tua risposta, allora sai cosa significa quella promessa.

    Vincent:- Sì.

    Giudicatore.- Io non direi proprio. In ogni caso che tu lo conosca o no andrai all’inferno. Mi dispiace Vincent.

    Vincent:- Ah ah ah. Non scherziamo, dopo che ho vissuto una vita schifosa sulla Terra dovrei anche andare all’inferno. Non diciamo sciocchezze.

    Giudicatore:- Io non sto scherzando Vincent.

    Vincent:- Perché me lo dici tu non andrò sicuramente all’inferno.

    Giudicatore:- Ora basta Vincent. Guardie portatelo al confine dell’inferno.

    Le guardie afferrano Vincent.

    Vincent:- Lasciatemi.

    Le guardie non mollano la presa.

    Vincent:- HO DETTO CHE MI DOVETE LASCIARE!!!

    Intorno a Vincent si forma un’aura e poco dopo lui svanisce.

    Giudicatore:- Dannazione!!! Era lui il predestinato. Come ho fatto a non accorgermene? Ora non è più possibile fermare l’apocalisse.

    Poco dopo una botta data sulla scrivania rimbomba per tutta la stanza.



    ***


    Intanto un uomo si risveglia nella propria camera da letto, accanto a lui c’è una donna.

    Donna:- Tesoro, che ti succede?

    Uomo:- Niente, vado a bere un bicchiere d’acqua.

    Pochi secondi dopo l’uomo ritorna nella stanza con un coltello in mano e pugnala la donna alle spalle.

    La donna si gira e tossisce del sangue sul cuscino.

    L’uomo da un’altra pugnalata al cuore della donna.

    L’uomo se ne va prendendo le chiavi della macchina.

    Uomo:- Certo che questo corpo fa proprio schifo!!! In ogni caso dovrò accontentarmi.

    L’uomo, entrato nel garage, mette in moto la macchina.

    Uomo:- Da questo momento entra in azione Vincent, colui che è riuscito a scappare dall’inferno.

    L’uomo accelera e se né per la strada.

  11. #11
    Not quite my tempo L'avatar di Sephiroth'88
    Registrato il
    10-04
    Località
    The Twilight Zone
    Messaggi
    23.010
    Scusatemi epr come è venuto ma ho soltanto copiato e incollato (poi gli spazi li ha fatti da solo) ed anche per l'ortografia!!!

  12. #12
    Not quite my tempo L'avatar di Sephiroth'88
    Registrato il
    10-04
    Località
    The Twilight Zone
    Messaggi
    23.010
    Citazione The Matrix
    il topic è qui per questo. Vai,posta
    L'hai letta? Ti prego risp. presto che devo staccare!!!

  13. #13
    Mines L'avatar di The Matrix
    Registrato il
    04-03
    Località
    Rapallo (GE)
    Messaggi
    13.504
    Citazione Sephiroth'88
    L'hai letta? Ti prego risp. presto che devo staccare!!!
    l'ho letta.
    Sempre quasi un testo teatrale o un copione delle battute che un libro, dovresti essere più descrittivo e dilungarti di più sull'ambiente e sui personaggi.
    Devi cercare di ricreare nella mente del lettore ciò che tu hai in mente.
    Non è facile.
    La tua firma supera il limite massimo di altezza (158 pixel). Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

  14. #14
    Not quite my tempo L'avatar di Sephiroth'88
    Registrato il
    10-04
    Località
    The Twilight Zone
    Messaggi
    23.010
    Citazione The Matrix
    l'ho letta.
    Sempre quasi un testo teatrale o un copione delle battute che un libro, dovresti essere più descrittivo e dilungarti di più sull'ambiente e sui personaggi.
    Devi cercare di ricreare nella mente del lettore ciò che tu hai in mente.
    Non è facile.

    Ma è troppo difficile!!!
    Comunque farne un testo teatrale, o meglio sceneggiatura, è quasi volontario!!!
    Come storia come ti sembra? Se vorrete continuerò a postarla più avanti!!!

  15. #15
    Mines L'avatar di The Matrix
    Registrato il
    04-03
    Località
    Rapallo (GE)
    Messaggi
    13.504
    Citazione Sephiroth'88

    Ma è troppo difficile!!!
    Comunque farne un testo teatrale, o meglio sceneggiatura, è quasi volontario!!!
    Come storia come ti sembra? Se vorrete continuerò a postarla più avanti!!!
    l'idea è buona.
    Continua a postare, sono curioso di vedere come si evolve
    La tua firma supera il limite massimo di altezza (158 pixel). Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •