• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Sfogo di un ragazzo che non trova la pace sentimentale

Cambio titolo
  1. #1
    Ultimate burino siculo L'avatar di Saiyamond
    Registrato il
    10-02
    Località
    UE
    Messaggi
    10.724

    Sfogo di un ragazzo che non trova la pace sentimentale

    Sì, lo so, sarà l'ennessimo thread che parla di ragazze, conquiste e cose del genere, e qlcn potrebbe dire: "Ma scrivi in quelli già aperti!!!" Una volta lo facevo, clo risultato che gli altri continuavano la loro discussione già aperta senza cagarmi di striscio... Quindi ho deciso di aprirne uno nuovo e di raccontarvi la storia dei miei ultimi anni... "E a noi che ***** ce ne fotte?" potreste dire. "Cambiate thread!" vi rispondo. A tutti quelli interessati a sentire la storia di un povero ragazzo perennemente sconfitto dalle avversità sentimentali, ecco qui.

    La mia vita cominciò il 26 Dicembre 2002, durante un campeggio con alcuni ragazzi della mia parrocchia. Prima non vivevo, semplicemente "esistevo". Passavo le giornate a studiare e/o giocare alla PSone-PS2-GameBoy vari. Presenza di ragazze: 0 più assoluto, tranne alla quinta elementare dove stavo per riuscire a conquistare una bambina di nome Giulia. Ma le elementari finirono e la persi di vista. Le medie... gli anni peggiori della mia vita, così pure i primi due delle superiori. Frequentavo un gruppo parrocchiale, ma era formato da scaglioni e gentaglia che farei bene a dimenticare e che mi hanno fatto soffrire tantissimo. Nella mia classe, le femmine c'erano, ma si sentivano grandi ed erano tutte messe cn gente più grande o più "spacchiosa". Gli amici della classe c'erano, ma avevano una comitiva che io non conoscevo, e non mi andava di uscire con loro. Mi rimanevano 3 o 4 amici con cui passare il mio tempo libero, ma di questi 2 sono partiti al Nord perchè i loro padri lavoravano alla marina ed erano costretti a traslocare spesso. Rischiavo di restare da solo. Nel Settembre 2002 cominciò il terzo anno: con la classe, niente di nuovo. Col quel gruppo parrocchiale (ACG), invece, vi furono diverse novità. La gente era cambiata, e il gruppo era composto da persone meno montate e più umili. Gente in gamba e simpatica.
    La mia vita cominciò il 26 Dicembre 2002: ebbe inizio il mio primo campeggio invernale, con quel gruppo parrocchiale, l'ACG, e conobbi molto meglio i nuovi arrivati di quel gruppo. Una su tutte, una ragazza di cui mi innamorai follemente per la sua dolcezza, il suo bell'aspetto e per i suoi aspetti a volte infantili: Francesca S. Quell'incontro mi sconvolse la vita, e mi fece aprire gli occhi: la vita bisogna viverla e godersela! Da allora nulla fu come prima. Per questo dico che la mia vita cominciò il 26 Dicembre 2002. Purtroppo questa ragazza era già fidanzata con uno più grande, e lei si lamentava con me che lui non voleva fare l'amore con lei ma voleva aspettare. Eravamo diventati piuttosto intimi. Tutto questo mi fece avvicinare a colui che sarebbe diventato il mio migliore amico: Alessandro. Veniva anche lui all'ACG, ed era compagno di classe di Francesca S (una classe del Liceo Classico; siccome la mia scuola, lo Scientifico, è nello stesso plesso, li vedevo spesso) e nacque una gran bella amicizia. Poi, scoprì una triste verità: anche lui voleva Francesca S. Eravamo, a nostra insaputa, rivali. Ma tanto, Fra era messo con quello, e quindi potevamo scordarcela. Passavano i mesi, i quali furono un'escaletion di divertimento e piacere con gli amici dellACG. Uscivamo sempre insieme (tranne Francesca S, che usciva col suo boy) e a poco a poco mi innamorai di un'altra ragazza del gruppo, Francesca B. All'inizio mi sembrava di essere ricambiato da questa, mi faceva sempre gli squilli e messaggiavamo spesso. Ma poi scoprì che a lei piaceva un altro, un ragazzo sempre dell'ACG che era pure un mio compagno di classe, Stefano. Io ero molto amico con lui, ma lui mi considerava solo come compagno di scuola e basta. Per questo neppure si rese conto che anch'io volevo Fra B. Tra Stefano e Fra B nacque presto una profonda amicizia, e io ero certo che presta ci sarebbe stato dell'altro tra loro.
    Arrivò l'estate (siamo nel 2003). Ancora a quel punto della mia vita non avevo mai baciato una ragazza (avevo 16 anni). Nonostante avessi trovato un bel gruppo d'amici, l'ACG, la mancanza di una ragazza che mi ricambiasse si sentiva. Tutte quelle che io volevo, avevano già il cuore impegnato. Mi sentivo una m*rda, perchè non riuscivo farmi volere dalle ragazze che mi piacevano. Poi partì con i miei genitori per un villaggio estivo. E lì, l'incredibile avvenne: tutte le ragazze erano pazze di me!!! Pazzesco!!! A stento riuscivo a crederci, ed era una cosa che mi entusiasmava tantissimo. Alla fine, scelsi quella che si dichiarò per prima: e, guarda gli scherzi del destino, il suo nome era Francesca!!! Incredibile, eh? Era proprio un nome che mi perseguitava, quello. Passai una settimana bellissima, insieme a lei. Si era pure formato un bel gruppo di amici. Mi presi il numero di cellulare di tutti/e, e, quando la settimana finì, promisi che un giorno sarei venuti a trovarli a casa loro, Palermo. La mia Francesca, purtroppo, era dell'Abruzzo, e non la rividi mai più. Tornato a casa, mi sentivo più gasato che mai, ed ero convinto che ora avrei spaccato il mondo. Tutte quelle che mi volevano del villaggio mi tempestavano di messaggi e squilli, in particolare 2: Marika, la più brutta, e Taty, una bellissima ragazza russa adottata da una coppia di Palermo. Ribadii loro la mia promessa: un giorno sarei andato a trovarle a Palermo, dove abitavano. Pochi giorni dopo del mio ritorno, cominciò il campeggio estivo 2003, con il gruppo dell'ACG. Raccontai tutte le mie "avventure", e fui quasi acclamato come un eroe, ma le mie ore di gloria stavano per terminare...

    Questa è la prima parte della storia della mia vita... Purtroppo ora devo lasciarvi, ma appena posso continuerò a scrivere il resto. Siamo arrivati all'estate 2003...
    Mi ricollegherò verso le 6 e mezza, spero di trovare qualche commento!!
    #tilltheend

  2. #2
    Giullare scherzoso L'avatar di the.jester
    Registrato il
    10-04
    Località
    Terra
    Messaggi
    3.407
    Citazione Saiyamond
    Sì, lo so, sarà l'ennessimo thread che parla di ragazze, conquiste e cose del genere, e qlcn potrebbe dire: "Ma scrivi in quelli già aperti!!!" Una volta lo facevo, clo risultato che gli altri continuavano la loro discussione già aperta senza cagarmi di striscio... Quindi ho deciso di aprirne uno nuovo e di raccontarvi la storia dei miei ultimi anni... "E a noi che ***** ce ne fotte?" potreste dire. "Cambiate thread!" vi rispondo. A tutti quelli interessati a sentire la storia di un povero ragazzo perennemente sconfitto dalle avversità sentimentali, ecco qui.

    La mia vita cominciò il 26 Dicembre 2002, durante un campeggio con alcuni ragazzi della mia parrocchia. Prima non vivevo, semplicemente "esistevo". Passavo le giornate a studiare e/o giocare alla PSone-PS2-GameBoy vari. Presenza di ragazze: 0 più assoluto, tranne alla quinta elementare dove stavo per riuscire a conquistare una bambina di nome Giulia. Ma le elementari finirono e la persi di vista. Le medie... gli anni peggiori della mia vita, così pure i primi due delle superiori. Frequentavo un gruppo parrocchiale, ma era formato da scaglioni e gentaglia che farei bene a dimenticare e che mi hanno fatto soffrire tantissimo. Nella mia classe, le femmine c'erano, ma si sentivano grandi ed erano tutte messe cn gente più grande o più "spacchiosa". Gli amici della classe c'erano, ma avevano una comitiva che io non conoscevo, e non mi andava di uscire con loro. Mi rimanevano 3 o 4 amici con cui passare il mio tempo libero, ma di questi 2 sono partiti al Nord perchè i loro padri lavoravano alla marina ed erano costretti a traslocare spesso. Rischiavo di restare da solo. Nel Settembre 2002 cominciò il terzo anno: con la classe, niente di nuovo. Col quel gruppo parrocchiale (ACG), invece, vi furono diverse novità. La gente era cambiata, e il gruppo era composto da persone meno montate e più umili. Gente in gamba e simpatica.
    La mia vita cominciò il 26 Dicembre 2002: ebbe inizio il mio primo campeggio invernale, con quel gruppo parrocchiale, l'ACG, e conobbi molto meglio i nuovi arrivati di quel gruppo. Una su tutte, una ragazza di cui mi innamorai follemente per la sua dolcezza, il suo bell'aspetto e per i suoi aspetti a volte infantili: Francesca S. Quell'incontro mi sconvolse la vita, e mi fece aprire gli occhi: la vita bisogna viverla e godersela! Da allora nulla fu come prima. Per questo dico che la mia vita cominciò il 26 Dicembre 2002. Purtroppo questa ragazza era già fidanzata con uno più grande, e lei si lamentava con me che lui non voleva fare l'amore con lei ma voleva aspettare. Eravamo diventati piuttosto intimi. Tutto questo mi fece avvicinare a colui che sarebbe diventato il mio migliore amico: Alessandro. Veniva anche lui all'ACG, ed era compagno di classe di Francesca S (una classe del Liceo Classico; siccome la mia scuola, lo Scientifico, è nello stesso plesso, li vedevo spesso) e nacque una gran bella amicizia. Poi, scoprì una triste verità: anche lui voleva Francesca S. Eravamo, a nostra insaputa, rivali. Ma tanto, Fra era messo con quello, e quindi potevamo scordarcela. Passavano i mesi, i quali furono un'escaletion di divertimento e piacere con gli amici dellACG. Uscivamo sempre insieme (tranne Francesca S, che usciva col suo boy) e a poco a poco mi innamorai di un'altra ragazza del gruppo, Francesca B. All'inizio mi sembrava di essere ricambiato da questa, mi faceva sempre gli squilli e messaggiavamo spesso. Ma poi scoprì che a lei piaceva un altro, un ragazzo sempre dell'ACG che era pure un mio compagno di classe, Stefano. Io ero molto amico con lui, ma lui mi considerava solo come compagno di scuola e basta. Per questo neppure si rese conto che anch'io volevo Fra B. Tra Stefano e Fra B nacque presto una profonda amicizia, e io ero certo che presta ci sarebbe stato dell'altro tra loro.
    Arrivò l'estate (siamo nel 2003). Ancora a quel punto della mia vita non avevo mai baciato una ragazza (avevo 16 anni). Nonostante avessi trovato un bel gruppo d'amici, l'ACG, la mancanza di una ragazza che mi ricambiasse si sentiva. Tutte quelle che io volevo, avevano già il cuore impegnato. Mi sentivo una m*rda, perchè non riuscivo farmi volere dalle ragazze che mi piacevano. Poi partì con i miei genitori per un villaggio estivo. E lì, l'incredibile avvenne: tutte le ragazze erano pazze di me!!! Pazzesco!!! A stento riuscivo a crederci, ed era una cosa che mi entusiasmava tantissimo. Alla fine, scelsi quella che si dichiarò per prima: e, guarda gli scherzi del destino, il suo nome era Francesca!!! Incredibile, eh? Era proprio un nome che mi perseguitava, quello. Passai una settimana bellissima, insieme a lei. Si era pure formato un bel gruppo di amici. Mi presi il numero di cellulare di tutti/e, e, quando la settimana finì, promisi che un giorno sarei venuti a trovarli a casa loro, Palermo. La mia Francesca, purtroppo, era dell'Abruzzo, e non la rividi mai più. Tornato a casa, mi sentivo più gasato che mai, ed ero convinto che ora avrei spaccato il mondo. Tutte quelle che mi volevano del villaggio mi tempestavano di messaggi e squilli, in particolare 2: Marika, la più brutta, e Taty, una bellissima ragazza russa adottata da una coppia di Palermo. Ribadii loro la mia promessa: un giorno sarei andato a trovarle a Palermo, dove abitavano. Pochi giorni dopo del mio ritorno, cominciò il campeggio estivo 2003, con il gruppo dell'ACG. Raccontai tutte le mie "avventure", e fui quasi acclamato come un eroe, ma le mie ore di gloria stavano per terminare...

    Questa è la prima parte della storia della mia vita... Purtroppo ora devo lasciarvi, ma appena posso continuerò a scrivere il resto. Siamo arrivati all'estate 2003...
    Mi ricollegherò verso le 6 e mezza, spero di trovare qualche commento!!
    Per ora non mi sembri messo molto male...voglio dire, c'è di peggio








  3. #3
    No more play? L'avatar di Celsius
    Registrato il
    08-04
    Messaggi
    4.376
    Citazione the.jester
    Per ora non mi sembri messo molto male...voglio dire, c'è di peggio
    mi riassumi la sua biografia x favore?

  4. #4
    101 Airborne L'avatar di maverick84
    Registrato il
    12-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    10.571
    Purtroppo devi scrivere qui,lasciare aperto questo significherebbe che tutti possiamo aprire topic per parlare delle nostre storie sentimentali generando cosi tanta confusione.
    Grazie della compresione.
    "I fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti"
    Ennio Flaiano


Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •