• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 32

Discussione: "Il Foro"

Cambio titolo
  1. #1
    Io mento sempre. L'avatar di Artemisia
    Registrato il
    01-04
    Località
    Nikogaku
    Messaggi
    9.242

    "Il Foro"

    Reciprocamente benvenuti.

    Un'idea nata circa un anno fa, abbandonata poco tempo dopo ma ripresa di recente. Questo il semplice percorso del progetto, ora finalmente in piedi, a cui stiamo lavorando da qualche settimana a questa parte. Un periodico d'informazione alla portata di tutti, che si permetterà di trattare, per quanto concerne la bravura dei suoi artefici, avvenimenti, fatti e notizie che alimentano giorno per giorno il caro forum. Utile a coloro che di GR non ne fanno una vera e propria dimora fissa, curioso per i frequentatori più assidui.
    Un'introduzione al tutto mi sembrava doverosa farla, sia per venirvi incontro spiegandovi lo scopo del giornale, sia per una sorta di "obbligo professionale", comunque per niente sgradito. Poche et concise righe credo bastino a fare da antipasto alla portata principale, ad un impegno concreto che stiamo tutti cercando di mantenere nel migliore dei modi, magari unendo l'utile al dilettevole senza rischiare che il lavoro diventi qualcosa di noioso o pesante.

    Buona lettura.

    La Direttrice, Artemisia.
    Rifuggo dall'amore,
    nell'ombra,
    in cerca della morte.

  2. #2
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429
    NUMERO I
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:28:38

  3. #3
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 1

    Agorà, per discussioni più impegnate
    E l'utenza si domanda, quanto sono impegnate queste discussioni?

    Tempo di critiche per la sezione agoranense di Games Radar Forum che ancora una volta si è trovata ad affrontare pesanti accuse in merito alla serietà dei suoi post.
    Queste sono emerse in particolare dalla sezione "il forum del forum", che ricordiamo fungere da ponte fra utenti del forum e staff del medesimo (CnN).
    Stando alla testimonianza di alcuni utenti le radici del fenomeno sarebbero da ricercare principalmente nel provvedimento preso mesi fa che portò alla chiusura della sezione nota col nome di Dailyrando, patria dell' off topic, ora riaperta sotto altra gestione. A seguito della chiusura di Dailyrando alcuni utenti avrebbero preso di mira Agorà col tentativo di trasformarla in sezione di off topic (CnN).
    Pare questa la ragione principale della presenza di un elevato numero di discussioni prive di filo logico, oltre i limiti del regolamento, squisitamente non agoranensi e prontamente chiuse dai Moderatori di sezione.
    Le conseguenze del fenomeno sono note a tutti: necessità di una maggiore severità nella moderazione, numerosi post inappropriati lockati, nonché un incremento nel numero di ban. (crf.ad es. CnN CnN CnN )
    Fortunatamente un' utenza seria che pur con opinioni personali spesso spiccatamente in opposizione, riesce ad intavolare e portare avanti discussioni costruttive, e' ancora massicciamente presente come testimoniato dall'esistenza di attivissimi thread spazianti dalla religione all'arte, e dall' attualità ai problemi quotidiani, passando attraverso la riflessione sui mille misteri del comportamento umano (crf. a titolo di esempio CnN CnN CnN CnN CnN CnN CnN CnN ).
    E' l'utenza a svolgere il ruolo di protagonista in ogni sezione ed Agorà di questo e' l'esempio più sublime. I contenuti e i toni delle discussioni non vengono imposti ma democraticamente scelti dagli utenti, ognuno dei quali deve assumersi la responsabilità di contribuire al benessere di una comunità seria e matura.

    Beatrice
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:23:33

  4. #4
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 1

    Gennaio 2005
    Il nuovo anno di Anime & Manga

    L’inizio del nuovo anno è stato felicemente accolto… da un utente, forse da due, infatti, fino al 6 (giorno del mio rientro tra l'altro) questa sezione del forum è rimasta completamente deserta. Ma sta accadendo un preoccupante fatto, la sezione è stata travolta da una inspiegabile ondata di nuovi topic, prevalentemente aperti da utenti di recente iscrizione, che ne hanno fatti decadere altri, come il Dragon Ball Fan Club (sul quale non ho mai postato ma mi sembrava fosse importante per il resto della sezione), l’Accademia di Nasuto, il thread di Yu-Gi-Oh e quello di Hunter X Hunter. La New Baroque Works sta evidentemente passando un periodo di secca, il famoso gruppo da un thread al giorno viene uppato sì e no da un post ogni dodici ore.
    Al contrario la sezione delle ragazze manga, nonostante siamo rimasti pochi utenti, sta rinascendo, soprattutto grazie al grande hiei 88, che ci sommerge di wallpaper e immagini varie, penso proprio che il titolo di “IMPERATORE POSTA-IMMAGINI” verrà presto perso da Axel-knoldge. Per quanto ne sò dell’Accademia Torre Della Zanna, non la vedo più vitale ed espansiva come una volta, speriamo che Zoro Dalle 3 Spade sappia riportare il 3d ai vecchii fasti, magari introducendo nuove idee. Termino manifestando il mio interesse verso lo Shaman Fight, il recente 3d-GDR, speriamo riesca a trovare il suo posto in mezzo a tutta la sezione.

    Celsius
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:23:38

  5. #5
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 1

    Le Nostre Foto
    Storia di una rinascita

    Nella sotto-sezione Final Fantasy è nato un topic che voleva essere un rinnovamento di uno identico aperto tempo fa, ma che ha fatto la stessa fine…

    Sezione Final Fantasy, Forum di Gamesradar – Pochi giorni dopo l’inizio dell’anno nuovo, più precisamente il 9/01/05, un Utente di “vecchia data” di Gamesradar decide di aprire, in un orario alquanto strano e inusuale, un topic che cercherà di rendere ancora più uniti gli utenti della suddetta sezione. Il nickname dell’Utente in questione è Gidan35 registratosi nell’Ottobre del 2002 e che “vanta” oltre 7000 messaggi. Ecco una breve intervista fatta per conoscerlo meglio:

    D: Fai parte di qualche gruppo come Bufalieri e Garden di Balamb?
    R: No, una volta creai un forum apposta per i bufalieri e lo amministravo io. Si fece anche un torneo di bufale. Però sinceramente su GR sto bene anche senza appartenere a nessun gruppo

    D: Quali utenti conosci meglio?
    R: KujaTrance11, Artemisia, Alex1234, AuronOmega, Glenn, Robus2, Gidan24, Kelvan, Superstiw

    D: Sei da sempre nella sezione FF?
    R: si, da Aprile del 2002, ai tempi della prima versione del forum

    D: Cosa ti ha spinto ad aprire questo Topic?
    R: Mi ricordo che qualcuno lo aveva fatto prima di me e allora ho detto:
    “visto che è una cosa carina, perchè non rifarne uno organizzato meglio?”

    D: Puoi raccontarci un po’ della tua vita privata?
    R: Ehm… ho 14 anni, sono un metallaro da 2 anni e mezzo. Attualmente non ho la fidanzata e credo che per un po’ rimarrò da solo per divertirmi un po’ di più con gli amici

    Quel “qualcuno” a cui si riferisce Gidan35 è Squall!!! A cui, a suo dire, venne chiuso il Topic per flood.
    Il primo a postare la sua foto, a parte Gidan35, è stato Ans-Kr, molto conosciuto per la sua abilità nel trovare immagini di Final Fantasy a velocità impressionante, oltre per la sua capacità di creare minifilmati davvero ben fatti.
    Alexd87, amante dell’Horror (a giudicare dalla firma e dall’avatar), posta, in accordo con Anarky, la foto di quest’ultimo. Lord Narva posta una sua immagine in cui sembra indicare apposta colui che la guarda. Il primo a postare foto di “annata” è Squall – Leonhart; attualmente ha circa venti anni, ma la foto che inserisce si riferisce a circa cinque anni prima in cui a inserito un simpatico “pensiero” in cui vede Squall “sbarazzarsi” di Rinoa!
    Glenn, invece, ci indirizza nel suo profilo essendo, come lui stesso ammette, svogliato; ma basta voltare pagina per trovarne due nuove foto che causano un grande “sforzo”. Ma mentre il topic, prende una buona strada, c’è già qualcuno che pensa in male e, udite udite, è proprio Gidan35 che crede che presto il Thread verrà chiuso ma, allo stesso tempo, chiede di esprimere i primi commenti sulle foto.
    Squall – Leonheart continua a postare foto in pose molto”sciolte” mentre Alexed87, amante anche di Britney Spears, invia al Thread le sue immagini.
    Finalmente, senza alcun preavviso, Explorer, migliore componente dei Bufalieri, inserisce due sue immagini in cui è ritratto con la maglia dell’Inter. Rasolo 1985, ci fa notare una piccola differenza di corporatura…alquanto notevole. Anche io (eh si, cosa volete farci) inserisco la mia foto facendo notare un particolare nato da uno spiacevole incidente: e piovono commenti e risate. Purtroppo alcuni utenti non sono capaci di inserire foto, ma chi lo sa fare, si presta volontario finché Gidan35, oltre ad introdurre un’utile lista nel primo messaggio in cui compaiono le foto fino allora inserite, immette il suo indirizzo e-mail affinché possa postare lui le immagini di altri utenti. Si sente, purtroppo, l’assenza di una foto di Artemisia, forse la più amata e conosciuta in tutta la Sezione, che non riesce a inserire una sua immagine in nessun modo. LadySephirot, a insaputa di molti, è una cosplayer davvero divertente… è così che si presenta a noi tutti. Yuna’90, alquanto diffide
    nte, non nasconde di aver paura a postare alcune sue foto e forse, anche se esagera con la storia dei pedofili, non le si possono dare tutti i torti… in fondo si tratta di internet. Anche hauzer, fiero militare, inserisce la sua foto che lo ritrae in tutta la sua possanza. Anche Galadriel, dopo un po’ di problemi dovuti al pc, riesce ad inserire, grazie a Gidan35, la sua foto, ricevendo una miriade di complimenti seguita anche da *Shiva* che, attraverso Anarky, immette una sua foto di due anni prima. Finalmente, anche Yuna’90 si decide a postare, ma non sa come fare….le vengono dedicate quattro pagine circa per aiutarla e, alla fine, la manda a Gidan35 che non la posterà mai! Qui nasce il primo mistero…perché Gidan35 non ha postato? Non gli è arrivata la foto? Non l’ha vista? Non l’ha postata volutamente? Questo resterà un mistero per tutti; infatti, ancora oggi, non ha dato spiegazioni. Anche dark willow, amichevolmente chiamata zia, decide di postare e, in pochi secondi,
    il gioco è fatto! Una posa spiritosa e allegra. Anche *simo*love*FF**, sorella di Ans-kr (dapprima creduta suo fake, ma ingiustamente) e ottima ricercatrice di immagini (buon sangue non mente) decide, dopo un po’ di titubanza a postare…hauzer e Dark Titan, non sapendo che fossero fratelli, insistevano nel dire che *Simo* amava Ans-kr, ma lei, invece, chiedeva solo se noi notavamo differenze. Anche nobu, seguito a ruota da Snake FOXHOUND, immette foto scherzose e divertenti…ma da allora si farà vedere pochissimo.
    Dopo 650 post, il Thread viene automaticamente “chiuso” secondo le direttive di Games Radar.
    Inizia così il “secondo capitolo” o il “primo seguito” che dir si voglia, del Thread creato da Gidan35, che non si aspettava di certo questo successo.
    Tra un post e l’altro iniziano ad accendersi piccolissime discussioni scherzose ma che non da tutti vengono accolte come tali…sono solo piccoli segni premonitori.
    Ma c’è ancora qualcuno che ci tiene al topic e continua postare foto come EdivaD 91 ed eternfantasy. Si continua a far complimenti e piccole “gare” di bellezza che si fondano secondo i commenti degli altri utenti, mentre molti diventano irrequieti per la mancanza di Gidan35 che dovrebbe postare alcune foto. Al suo posto è Marko che aggiorna la lista delle foto, anche se con difficoltà.
    Purtroppo, quello che dai moderatori di Final Fantasy verrà successivamente chiamato ingiustamente flame, parte a causa mia e di Dark Titan…è l’inizio della fine!
    Infatti due nostri post sembrano infastidire Yuna’90 e Galadriel che, giustamente, si arrabbiamo per motivi vari…sfortunatamente ero assente quando tutto stava succedendo, altrimenti avrei chiarito prima non causando la chiusura del Topic dovuta, comunque, anche all’eccessivo flood che si stava sviluppando. Si dice che si sta formando un’alleanza contro il sottoscritto ma il tutto viene chiarito tramite Messaggi Personali (ottima funzione di Games Radar). Il Thread viene anche usato come una piccola chat dato che alcuni utenti lasciano messaggi come: “ci vediamo domani”, “io vado a dormire, ciao” ecc.. e tutto questo non gioca a favore del topic. Altro spunto, seppur minimo, di flame vi è tra la piccola discussione nata tra Gidan35 e hauzer.
    Il thread viene chiuso e un altro capitolo della sezione di Final Fantasy se ne và con esso senza nemmeno essere completato per mancanza di foto di alcuni utenti come Artemisia e Yuna’90.
    Ma la “comunità” di Final Fantasy non si arrende e, dimenticate le inimicizie, si fa sentire… i leoni vengono feriti, ma ruggiscono ancora. Pochi giorni dopo la chiusura del Topic, Thorin apre nella sezione Forum del Forum, un topic intitolato: “Possiamo? [Foto FF]” dove si richiede la riapertura del Thread oggetto di questo articolo. Pochi minuti e il topic si affolla tanto da diventare, ben presto, una discussione “calda”. Partecipano la maggior parte degli utenti, parte una catena di MP per far si che altri utenti di Final Fantasy, si accorgano della discussione, molti proclamano un proprio “Mea Culpa”. Si fa notare ai moderatori e a Gorman, avvertito da un’e-mail inviata da me in rappresentanza degli utenti intervenuti, che il flame era inesistente e che era tutto sistemato tra noi utenti. Intervengono spontaneamente alcuni utenti “esterni” alla sezione come Kronos e $tr33t che invitano i moderatori a ripensarci e a dare un’altra opportunità a questa sezione.
    Purtroppo i moderatori sono irremovibili e chiudono il topic dicendo che non è il caso, che era Off-Topic e che, nell’ormai mitico Thread “Garden di Balamb”, gli utenti avevano dato l’impressione che non ci si poteva fidare di loro. La comunità di Final Fantasy viene nuovamente danneggiata ma è solo una ferita passeggera. Il Thread che poteva unire gli utenti ancor di più, è stato chiuso ma la Sezione va avanti. Forza Final Fantasy!

    Madc
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:24:00

  6. #6
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 1

    Riflesso


    La Filosofia
    Strumento di verità nelle mani dell’uomo o ammasso di inutili ideologie?

    Sul ruolo che la filosofia occupa nella vita dell’uomo esistono continue, e sempre irrisolte, discussioni, accompagnate spesse volte da un giro di dibattiti che partono dal coinvolgere il più grande studioso di lettere classiche fino al ragazzo di I Liceo Classico, che vi si imbatte per la prima volta ponderatamente.
    Da un lato prevale un sentimento di enorme considerazione e rispetto per questa materia, che ha accompagnato l’uomo, civilmente evoluto, e che ha radici nella più remota antichità, dall’altro permane invece un’ opinione di indifferenza, velata da un distacco principalmente dovuto alla superficiale considerazione di come studiare questo o quel filosofo risulti inutile, nonché complicato. Come potrebbe aiutarmi nella vita pratica, infatti, un filosofo (Platone, tanto per citarne uno...) che pone il suo pensiero al di là della sua stessa realtà? Come potrei dare fiducia a una corrente di pensiero che congettura astrazioni apparentemente fuori dalla mentalità realistica che ognuno di noi può avere, addirittura arrivando ad ipotizzare che i principi e i fondamenti di tutte le cose (gli Archetipi, le Idee) risiedano nell’Iperuranio e quindi al di fuori di esse stesse? Già, l’Iperuranio... Quella dimensione estremamente intangibile che al solo nominarla fa venire in mente più un concetto astrologico, che filosofico... Ma giusto per continuare sulla stessa linea, che dire dell’utopia dello Stato perfetto (sempre di Platone), basato sulla Repubblica dei giusti e degli onesti, avente a fondamento una società che si occupa incessantemente di politica, la quale inoltre (...meraviglia delle meraviglie...) riesce a farlo anche onestamente...!
    Insomma, a prima vista sembrerebbe davvero una gabbia di matti...
    Eppure, c’è qualcosa che va oltre questa apparente ermeticità, qualcosa che supera quella foschia di immotivata incomprensione, e ciò è strettamente legato alla definizione stessa che si dà della filosofia e del filosofo.
    Questi due termini, provenienti dal greco antico, sono a loro volta composti da altri due lemmi: fìlos (= amico) e sophèin (= saggezza, sapienza). Tradotti letteralmente verrebbero dunque a significare rispettivamente “cultore della saggezza” e “amico della sapienza”. Chiarita l’etimologia, la prima cosa che viene solitamente fatta è quella di descrivere cosa sia la filosofia, di cosa si occupi, che utilità aveva nel mondo classico, che ruolo sociale impersonava il sapiens ecc... Questo, a mio avviso, costituisce già una sorta di “assurdo”, in quanto si cerca di definire rigidamente un movimento di pensiero che di rigido, al suo interno, non ha assolutamente nulla. La “sapienza” non potrà mai essere unica e inflessibile, come può esserlo un dio, ma verrà sempre costituita da una pluralità di significati. E questa pluralità di significati deve essere filtrata dalla nostra mente in via estremamente personale. Inoltre la filosofia non ha mai obbligato nessuno a
    convertirsi o a farsi seguire (al contrario invece di quello che è stato per le religioni monoteiste, ma qui rischierei di divagare...), non si è mai addossata prepotentemente la responsabilità di condizionare la vita dell’uomo comune, ne allo stesso tempo se n’è mai allontanata. La filosofia è semplicemente un procedimento razionale che si esprime in milioni di correnti di pensiero, milioni di interpretazioni e lo stesso nome con cui la si pronuncia non la cataloga, ma in un certo senso giustifica la sua poliedricità.
    Poche righe fa eravamo in tema di “paradossi” e di “personalità”, e ciò che molto spesso viene addotto come critica nei confronti del ragionamento che ho appena esplicato è proprio questo:
    Come è possibile concepire personalmente una dottrina che ha proprio come fondamento l’inflessibile parola del filosofo che vi è a capo?
    Ebbene, qui le cose si complicano davvero. È estremamente difficile, infatti, descrivere ciò che avviene nel nostro animo e nella nostra psiche nel momento in cui ci troviamo di fronte a tale fenomeno. Ciò che va tenuto a mente è che si va ben al di là del piano puramente nozionistico. Non si tratta perciò di imparare le date di nascita e di morte di quel preciso filosofo, di ostinarsi a ripetere insensatamente le stesse sue parole, per renderle poi un “insipido” motivo di vanto, o ancora di credere di possedere un sapere ampio e completo, ma in realtà costruito biecamente da parole che per noi sono “vuote”. Si tratta di qualcos’altro: la filosofia non può e non deve coinvolgere la parte mnemonica di noi stessi, ma la sfera intellettuale, razionale (e, perché no, anche sentimentale se credete nella filosofia dell’amore) della nostra interiorità. Deve arrivare a toccare il nostro cuore, in accordo con la nostra mente, e creare così un’armonia di essere e di vita.
    I concetti di apatìa, di atarassìa, di aphasìa (per citarne alcuni tra i più famosi) ci rimarranno per sempre impressi e, anche se ci dimenticheremo il loro nome, saranno continuamente parte di noi. Studiare a fondo un filosofo e più in generale la filosofia può svelare più vie di quanto possa fare la religione e tutto concorrerà sempre e comunque a farci riflettere un po’ di più, a farci comprendere una parte (seppur piccolissima) del nostro paradossale mondo.
    Come avrete certamente capito non ho scritto questo articolo per discutere obiettivamente di filosofia, ma per esprimervi la mia personale considerazione nei confronti di questa materia che giudico estremamente interessante, nonché molto gradevole. Forse non vi sarà ben chiaro cosa volevo comunicarvi o forse non condividete una sola delle argomentazioni che ho proposto, ma quello che spero di aver trasmesso è la profonda stima che nutro per un’attività che oltre a coinvolgere il nostro intelletto coinvolge anche la parte più sublime che un uomo possa possedere: la capacità di astrarre l’irreale.
    Mi congedo citandovi ciò che il caro Cicerone disse a proposito di questa materia nelle sue Tusculanae Disputationes:

    “Ac philosophĭa quidem tantum abest ut proinde ac de hominum est vita merita laudetur, ut a plerisque neglecta, a multis etiam vituperetur”.

    Eppure si è tanto lontani dal lodare la filosofia in proporzione ai meriti che essa ha nei riguardi della vita umana che essa, anzi, è trascurata dai più e da molti biasimata.

    Mauro-k
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:24:00

  7. #7
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429
    NUMERO II
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:28:01

  8. #8
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 2

    LE COMPETENZE IN MONDOCOMPUTER
    Uno sguardo d’insieme

    L'utente medio, aprendo la sezione mondocomputer, si ritrova davanti a ben tre tipologie differenti di argomenti.
    La prima, più classica se vogliamo, raggruppa tutti i topic impostati su una matrice quasi sondaggistica, e permettono all'utente di esprimere preferenze riguardo un preciso videogioco, dispositivo o servizio.
    La seconda è la classica e diffusa discussione riguardante un argomento specifico, come per esempio, topic riguardanti le nuove uscite nel campo videoludico. La terza invece, è costituita da tutti quei thread di richieste d'aiuto.
    Ebbene è proprio quest'ultima categoria delle tre, ad essere la più problematica e la meno produttiva.
    Inutile negarlo. Basta puntare i nostri browser su mondocomputer, cercare tutti quei topic dove si accenna a una richiesta d'aiuto e valutarne l'esito.
    Questi topic richiedono competenza nella risposta. Pertanto, non ricevono replies immediati, in quanto non sempre qualcuno esperto del tema trattato, è presente.
    Il topic quindi nella maggior parte dei casi, scivola inesorabilmente in seconda pagina e viene ignorato, senza che la richiesta di aiuto venga accolta per tempo e con dovuta competenza.
    Una pratica che alcuni utenti esercitano è quella dell'UP. Per ovviare all'inconveniente della condanna alla seconda pagina, l'utente stesso posta un messaggio casuale che riporta il topic in alto, sperando di poter beneficiare dello sguardo di qualche utente capace a risolvere il problema. Purtroppo pratiche come questa sono vietate dal regolamento.
    Stesso ragionamento si può fare con chi apre tanti topic cloni nella speranza che uno resti nella "zona di maggior consultazione" e riceva i dovuti consigli.
    Ma nella maggior parte dei casi, i topic decadono.
    Il problema è generato da più fattori quali ad esempio l'esperienza informatica dell'utenza che risponde alla richiesta di aiuto (CNN1, CNN2) ed anche l'incredibile dinamicità della sezione, che predilige topic di più facile consultazione e di temi maggiormente accessibili, come i videogiochi.
    Possibili soluzioni? Poche.
    Le richieste di aiuto non resterebbero inascoltate se potessero disporre di una sezione a sè stante curata da persone con una certa abilità plurisettoriale, ma come soluzione si presenta piuttosto complessa da attuare.
    Una contromisura efficace però, potrebbe essere un aumento dei post visibili all'interno della sezione, per ritardare il decadimento a pagina 2 di richieste di aiuto perfettamente legittime e necessarie.
    Ma prima di tutto, a mio avviso, sono anche gli stessi utenti a poter far qualcosa. I problemi presentati dovranno essere descritti in modo minuzioso per facilitare un intervento mirato alla necessità.
    Sarebbe inoltre un gesto altamente apprezzabile se chi possiede conoscenze sufficienti per rispondere in modo intelligente, fosse disponibile a metterle "in sharing", in condivisione.
    E' sempre possibile per ognuno di noi dare un contributo enorme al miglioramento delle sezioni che frequentiamo.

    Deeder
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 15:00:40

  9. #9
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 2

    E’ POSSIBILE VIAGGIARE NEL TEMPO?
    Quando Agorà ospita discussioni da fantascienza

    Atmosfere alla X-Files nelle maggiori discussioni agoranensi di questa settimana. Di particolare interesse il settore definibile paranormale, come emerso nel topic sulle ragioni dell’impossibilità di viaggiare nel tempo (CnN) aperto da XilouX che in soli tre giorni ha raggiunto le vette di più di 160 messaggi postati.

    Ma cosa significa “viaggiare nel tempo”? Esiste veramente la possibilità di costruire la favolosa “macchina del tempo”, oppure il passato e’ irrimediabilmente perduto? Forse si potrebbe uscire dal nostro tempo e rientrare in un altro luogo. Le ipotesi di infiniti universi paralleli o di un universo a infinite dimensioni sono solamente mera fantascienza?

    Una possibilità sarebbe quella di spostarsi nel tempo a bordo di un veicolo spaziale: l’astronave partita dalla Terra attuale, si porta in un punto dello spazio per il quale sia stato calcolato con certezza l’assenza di corpi celesti nel momento passato in cui si vuole approdare, quindi compiere il balzo temporale tornando sulla Terra nell’anno prestabilito Cosi, ad esempio ci si potrebbe portare a metà strada fra la Terra e la Luna, tornare indietro nel tempo per approdare sulla Terra migliaia di anni fa.
    Alcuni appassionati di Ufo sostengono che questa potrebbe essere una buona spiegazione per alcuni oggetti non identificati, i quali sarebbero veicoli mandati indietro a studiarci dai nostri discendenti che vivono nel futuro.
    Si tratta di fantascienza, ma il suo fascino e’ decisamente enorme, tanto da coinvolgere anche molti scienziati, alcuni dei quali sono giunti alla conclusione che i viaggi temporali dovrebbero essere fattibili e che si possa addirittura costruire una “temponave”. L’inconveniente però è che tali viaggi sarebbero a senso unico, senza la possibilità di tornare nel presente (ne vedremo di seguito la spiegazione parlando dei Buchi Neri).
    Nel caso in cui si riuscisse a superare la velocità della luce, si tornerebbe indietro nel tempo, oppure questo si fermerebbe, raggiungendo i 300.000km orari? Ma soprattutto, possiamo raggiungere la velocità limite accelerando un corpo? Accelerare un corpo fino alla velocità limite costa energia infinita, in quanto la massa del corpo accelerato aumenta proporzionalmente con la velocità fino a divergere, e per poter compiere un lavoro su una massa infinita è necessario utilizzare un'energia infinita .
    Alcuni scienziati affermano che un Buco Nero potrebbe fungere da "cunicolo" o passaggio per un'altra regione dell'universo, offrendo la possibilità di viaggiare nello spazio-tempo, consapevoli pero che tutto ciò è molto improbabile. Non sappiamo con certezza se esistono i Buchi Neri e tanto meno sappiamo se essi siano attraversabili, ma se riuscissimo ad attraversarle che cosa succederebbe? Ipotizziamo di tuffarci in un buco nero e supponiamo di poter rimanere in vita tanto da poter osservare una sorta di scomposizione del nostro corpo in particelle elementari, ebbene secondo alcune teorie le nostre particelle verranno poi diffuse dal processo di evaporazione del Buco Nero o in un universo parallelo o da qualche altra parte del nostro universo.
    I problemi di sopravvivenza per un ipotetico astronauta entrato in un Buco Nero sono causati essenzialmente dal fatto che una volta giunto in prossimità del Buco, il corpo dell'astronauta sarà soggetto a forze gravitazionali molto diverse tra i piedi e la testa. Pertanto, ad un certo punto, le sue estremità inferiori si troveranno molto più vicine al centro del Buco Nero(e quindi soggette a un'accelerazione maggiore) rispetto alla testa, e di conseguenza su di esse verrà esercitata una forza gravitazionale molto maggiore. Per questo motivo l'esploratore verrà "stirato" come uno spaghetto, e la cosa non gli lascerà molto scampo!
    Se riuscisse ad uscire a fare capolino con la testa oltre l’altra estremità, quello che potrebbe presentarsi ai suoi occhi per molti scienziati sarebbe un "altro" universo, del tutto speculare al nostro, dove però la freccia del tempo è invertita. Sfortunatamente all’avventuriero non sarà permesso accedervi, come nemmeno potrà tornare nel suo universo, ma rimarrà semplicemente imbrigliato in questa regione confusa dove le frecce del tempo si scontrano, e sarà inesorabilmente condotto verso il Buco Nera nel quale si dissolverà nel nulla senza tempo.

    E’ indubbiamente difficile comprendere questi concetti e astrarre teorie dalle nostre percezioni in quanto i nostri sensi non sono fatti in modo da percepire più di quella parte di realtà necessaria alla sopravvivenza della specie. Ma l’interesse per argomenti come viaggi temporali e universi paralleli e’ riconosciuto e diffuso.
    D’altronde la mente e la psiche umana sono avide di conoscere anche tutta quella parte della realtà universale che non cade sotto i sensi materiali.

    Beatrice
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:22:42

  10. #10
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 2

    "Da una notte di sport a vent'anni di spettacolo"
    Cresce la febbre per il wrestling. Calcio: bianco e nero, difetti e pregi, sempre seguito su GR.

    Storie di un uomo con grandi baffi gialli che si strappa una maglietta gialla e rossa davanti a migliaia di flash. Storie di un uomo normale, che alza un gigante francese e lo schiaccia al suolo. Storie di un uomo e della sua camminata, storie di un uomo che un giorno ebbe una visione. Storie di vent’anni fa, storie che si ripetono anche oggi. E’ il fenomeno del wrestling, una “situazione mediatica” sempre più in ascesa in questo periodo. Televisione, gadget, critiche e polemiche (quelle non mancano mai), ma anche storie di bambini che si affezionano ai loro miti immaginari, uomini muscolosi che si fanno male per il nostro solo divertimento. Il wrestling è uno sport-spettacolo che sta prendendo il cuore e l’attenzione di più di un appassionato, dall’adulto nostalgico al bambino incuriosito. E, quale spaccato, ritratto, della gioventù italiana, anche il forum di Gamesradar è influenzato da questo fenomeno, un piccolo alito di vento prima, fresca brezza poi e vediamo dove questa brezza ci porterà. Da un primo nucleo di appassionati, adesso la fame di notizie, curiosità, aneddoti va estendendosi in una buona parte degli utenti di GR, affamati di sport e spettacolo. Chissà che con il proliferare di minuti di wrestling nel palinsesto delle TV nazionali, (in chiaro) il fenomeno non aumenti. E magari un giorno rivedremo l’uomo dai baffi biondi, ancora una volta sul ring a farci emozionare, a dirci che anche una persona normale, reale, può farlo.

    Ma non solo il wrestling è in ascesa: la polemica infatti sulla corruzione, le falsità, le ipocrisie del calcio continua ad aumentare in termini di topic e thread aperti.
    Forse il popolo gi GR si sente truffato dal moderno calcio? O forse è opera di pochi sobillatori che dal loro piccolo pulpito televisivo scagliano l’anatema contro qualsiasi cosa vada contro i loro personali gusti? Forse non vedono la serietà che si cela dietro quelle poche società vincenti, in un calcio dove fa sempre più comodo urlare, che dimostrare pacatamente il proprio valore, economico, culturale, o tattico, tecnico.
    Il calcio, in ogni caso, è veramente lo sport più amato, tra gli sportivi. Che si parli di gol, di personali gusti, di partite surreali o di “piccoli talent scout crescono”, il calcio sembra sempre lo sport più amato dagli italiani, pur con le sue polemiche, e i suoi difetti, che, tuttavia, rischiano di compromettere miseramente quanto di onorevole resta nel calcio, quei pochi valori che dobbiamo cercare ancora di preservare.

    Piccole isole felici sono invece il basket, forte di un solido fan club, di uno “zoccolo duro” di appassionati. Anche questo sport è in rapida crescita, forse per merito dell’argento alle Olimpiadi di Atene, forse merito di un campionato italiano salito ancora (se possibile, anzi probabilissimo) di livello, forse merito di giovani come Gigli, come Mancinelli, di cui nessuno vuole perdersi il definitivo exploit, in prospettiva NBA. Oppure è il fascino intatto del torneo più appassionante del mondo della pallacanestro, la National Basketball Association, rimane sogno e meta di qualsiasi giocatore e appassionato. Non mancano però le discussioni a livello sociale.

    Discorso a parte, ultimo, ma non meno importante, merita la questione dei fan club: quest’anno sono proliferati ancor più che in passato i fan club delle maggiori squadre di calcio della nostra prima divisione. Dapprima sembravano solo ritrovi banali, sulla scia di un fantomatico Bar Sport, ma sembra che ora il fenomeno si sia standardizzato, o almeno stabilizzato. Ma mi sembra, in ogni caso, meritevole dare spazio ai fan club delle squadre meno importanti, come il Lecce, che, personalmente, ritengo la squadra più spettacolare d’Italia, oltre che vivaio fecondissimo. O come il Cagliari, guidato da uno splendido “vecchietto” del nostro calcio, Gianfranco Zola, che in Inghilterra sembra aver trovato l’elisir di lunga vita, e da un sorprendente binomio, Esposito – Langella. Da oggi anche gli abitanti di GR sardi o salentini potranno trovare più facilmente un’area di sosta, chiamiamola così, sul nostro forum.

    Roy
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:22:35

  11. #11
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 2

    Il Garden di Balamb
    Crollo e ascesa di un mito

    Un mitico thread che ha segnato un’epoca della sezione Final Fantasy, è stato chiuso; la sua riapertura riuscirà a segnare anch’essa una nuova era?

    Sezione Final Fantasy, Forum di Gamesradar – Sono ormai circa due settimane o più che il Garden di Balamb, thread simbolo della sezione di Final Fantasy, è stato chiuso per flood ma ricapitoliamo brevemente la storia di questo topic.
    Il Topic venne aperto tempo fa da Artemisia con lo scopo di aiutare tutti i giocatori meno esperti in Final Fantast VIII, capitolo molto amato e apprezzato secondo quanto si nota nei sondaggi.
    Il Garden, poi, si ingrandisce e diventa un piccolo luogo di incontro dove si svolgono battaglie e test per crescere di “livello SeeD”. A poco a poco, il thread diventa un gdr a tutti gli effetti e necessita di più spazio che il Forum di Gamesradar non è in grado di dare. Infatti, viene aperto un forum di supporto dove si svolge la maggior parte della “vita” dei partecipanti, che comprende anche un giornalino per tenere informati i vari studenti degli avvenimenti recenti.
    Ma Artemisia non riesce a sopportare tutto il lavoro che le viene imposto essendo lei stessa Preside e annuncia che forse lascerà il Garden. Molti temono nella sua chiusura in mancanza di Artemisia, mentre alcuni si fanno avanti prematuramente per diventare presidi. Artemisia lascia il Garden e questo cade nello scompiglio e nel flood finché i moderatori prendono la decisione di chiuderlo.
    Pochi giorni dopo un utente che cercava di entrare a far parte del garden, apre un thread con la speranza di riportare alla luce il Garden. L’utente in questione è Berto88 e, armato di speranza e supporto di altri utenti, porta avanti il progetto.
    Sono giorni pieni di lavoro per lui e me che ci sentiamo spesso in MSN per organizzare il tutto e per proporre delle novità che non rendano il nuovo Garden una fotocopia di quello vecchio.
    Vengono introdotte nuove regole e sistemate quelle vecchie, vengono inserite misure anti-flood e sotto-giochi come quelli presenti nel Garden di Final Fantasy VIII. Il lavoro è tanto e le pagine di post si susseguono ad un ritmo impressionante tanto da arrivare al suo primo seguito. Qui si introducono le ultime innovazioni e vengono pianificate, con precisione quasi maniacale, gli ultimi aspetti riguardanti la ormai prossima riapertura del Garden. Nel secondo “capitolo” si procede con la divisione del lavoro e vengono formati alcuni gruppi in modo tale da non addossare tutta la responsabilità al Preside. Vi sono le votazioni tramite MP e si formano così le “squadre” addette all’aiuto degli inesperti in fatto di carte, un comitato disciplinare, vice presidi, assistenti e il Preside stesso.
    Il giorno 26/01/05 il neo preside Thorin apre i battenti del nuovo Garden che avrà lo stesso nome del vecchio come forma di ricordo e profondo rispetto. Che sia la svolta che la sezione aspettava? Che questo Garden raggiunga lo splendore del vecchio? Non si sanno dare risposte a queste ed altre risposte e per questo motivo, non ci resta che aspettare.

    Madc
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:23:01

  12. #12
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 2

    Fra un'Accademia e l'altra, una semi-novità per gli estetisti del fumetto made in Japan.

    E' la volta di "Anime e Manga". La sezione vede la nascita di un topic che ormai ha piantato solide radici in altri quartieri del forum, quali la frequentatissima "Di che Sony sei?", ovvero la "Fabbrica firme e avatar manga e anime". Quasi tutti noi facciamo massima attenzione alla firma, vogliamo, in qualche modo, che sia la prima per simpatia, bellezza, che riesca a farci ricordare anche ad una rapida occhiata di un novizio. Per il mondo dei videogiochi quest'idea, oltre ad essere nata parecchio tempo fa, è stata fin dai primissimi giorni molto apprezzata, soprattutto dai giocatori più accaniti, i quali hanno potuto trovare pago il loro desiderio di inserire in firma un chiaro riferimento ai loro beniamini videoludici o titoli per consolle preferiti. Quasi alla pari dei giochi, anche i manga riscuotono grandissimo interesse all'interno del forum, ma, nonostante questo, ancora a nessuno era venuto in mente di trasportare la "Fabbrica" nell'apposita sezione. A nessuno tranne che a Matt'92. Subito grandi consensi, approvazioni e offerte di collaborazione per il nuovo esperimento del quartiere nipponico; anche i vari mangofili sparsi per il forum infatti potranno finalmente saziare la loro voglia di firme o avatar ispirati ai loro fumetti preferiti.
    Procede implacabile, infine, il dominio assoluto delle varie Accademie, Scuole od Organizzazioni ispirate alle originali, atte a riprodurre su monitor le avventure degli eroi dei manga da cui prendono spunto. L'ultimo arrivato in famiglia è l'"Esercito dei Falchi Bianchi", GdR ispirato al capolavoro di Kentaro Miura, Berserk, ideato dall'utente Cloud strife 3223. Consigliato ai soli amanti del genere.

    Artemisia
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 15:15:21

  13. #13
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 2

    Riflesso


    Assolo

    Ogni volta che mi ritrovo da solo penso. Penso quasi sempre. La mia vita, i miei affetti, il mio passato, il mio futuro: strumenti attraverso i quali rievoco quelli che sono stati per me i migliori momenti vissuti. Non riesco a godermi il presente. La mia mente è costantemente prioettata verso queste due dimensioni così antitetche. Mi ritrovo a pensare a cio che avverrà e inizio a sentirmi confuso e dubbioso (ma guarda che novità...). Pensare troppo certe volte fa male, ti fa montare la rabbia dentro anche quando sei la persona più pacifica della terra o è capace di convincerti che il tuo nemico va amato, va ammirato, va apprezzato, perchè su questo mondo siamo tutti sulla stessa barca e non ha senso crearsi ulteriori difficoltà rispetto a quelle che già di per sè càpitano. Ambiguità. Profonda ambiguità. Si arriva addirittura ad essere sicuri di essere incerti o di essere perplessi sulla propria sicurezza. Devo o non devo chiederglielo? Riuscirò o non riuscirò a farlo? L’amo
    o non l’amo?
    Si procede così, per ore e ore, immersi nei dubbi che affiorano insieme ad una noia di vivere insopprimibile, fino a quando un evento o una casualità ci liberano dalla nostra rete di pensieri. Quando ci si risveglia si è certi in compenso di una sola cosa: che bisogna agire. Basta progettare piani che non hanno una base, basta fantasticare su un avvenimeto che non capiterà mai; bisogna avere polso. La maggior parte delle volte però rimane una semplice parola, inaridita di ogni significato, una sorta pensiero appena abbozzato che non prenderà mai forma. Così si continua la propria esistenza per sola “inerzia”, virando la propria rotta ogni qual volta si individui una difficoltà, dato che si è privi della convinzione di potercela fare. Semplici momenti. Istanti della propria vita che scorrono, che si sovrappongono e che producono effetti a catena tali da poter peggiorare o migliorare la nostra situazione. E’ tuttto talamente imprevedibile! Non ci posso fare niente IO! Ma dato c
    he il giorno successivo porterà comunque qualcosa di nuovo, bisogna crederci, e sta a noi cogliere questa chance, sfruttandola e trasformandola nella nostra felicità. Un nuovo sport, un vecchio amico ritrovato, una ragazza di cui non sappiamo nemmeno il nome che però ci sorride sempre... Sono tante le opportunità, davvero tante. E così, magari, si è di nuovo felici, di nuovo raggianti, tando da cogliere solo gli aspetti più positivi e da non aver più timore di noi stessi, tanto che la verifica di latino, che tanto ci preoccupava, ora non fa altro che stimolare la nostra volontà e non vediamo l’ora di affrontarla e di superarla, con la magnifica convinzione di poter vincere.
    Nulla è perenne, dall’altro canto. Tutto è un continuo fluire di stati d’animo, positivi e negativi, aspettati ed inaspettati e ci si ritroverà nuovamente a parlare con la propria anima, domandandogli, senza avere risposta, perchè ciò che di così magnifico stava succedendo nella nostra vita si sia sgretolato senza alcuna ombra di preavviso. Come ho detto prima non si troverà alcuna risposta, a meno che non si abbia una inossidabile fede in Dio. Scavare dentro di sè, mentre si soffre, non può che farci soffrire ulteriormente; confidare di trovare un conforto nella più fredda individualità è un’utopia. “Arriveranno giorni migliori...” si sospira amaramente e, mentre ci struggiamo, non facciamo nulla per rialzarci. Rimaniamo ciechi di fronte alla felicità e pigri di fronte alla possibilità di rivivere, quasi immobilizzati da un peso che non riusciamo a sollevare, ma che in realtà non è più pesante di quanto lo è la nostra paura di combattere.
    “Queste sono solo seghe mentali...” si conclude amaramente. Il risultato è che si sta ancora peggio.
    Avete mai provato, per sfogarvi, a scrivere mentre piangete o mentre la rabbia vi rode il cuore? Non dico di sedersi alla scivania, tutti perfettini, e di scrivere il tema per l’insegnate di italiano, con virgole e accenti collocati correttamente: semplicemente provare a far scorrere il proprio polso, lasciando che sia lui a guidarci...
    Avete anche mai provato a rileggere ciò che avete scritto?
    Io vi ho sempre trovato la parte di me che non conoscevo e di cui a volte ho paura. Mai avevo visto scritti insieme tanti luoghi comuni, così insensati all’apparenza (cosa che magari starete pensando di questo stesso articolo) eppure così sofferti... Nondimeno non potevo negare di essere io ad averlo scritto, non potevo negare di essere io ad aver sofferto per una cosa di cui ora, magari, non serbo alcun ricordo. Ma soprattutto, non potevo negare di essere stato io a trasformarmi da raggiante in malinconico. Non sono un ragazzo molto ottimista, ma proprio nei momenti di maggior tristezza mi chiedo a che cosa possa giovare diventare ancora più cinici e diffidenti nei confronti del prossimo, partendo dal presupposto che alla mia età è in gran parte il contatto con gli altri a concedermi la felicità maggiore. Perchè sto male quando so che tutto in realtà è superabile? E perchè riconosco questa fobia in tutti gli adolescenti che ho finora conosciuto? Forse si ha paura di rimanere
    tutti delusi, forse di essere ingannati o semplicemente si intuisce che uscire allo scoperto non potrebbe far altro che danneggiarci maggiormente. E così ci si chiude. Ma su quale convinzione ci basiamo? Su quale verità assoluta? Tutto è in movimento e quindi non può generarsi solo ed unicamente “male”... Ci dovrà pur essere una parte di “buono”... Ma il timore ritorna: quando davvero io sarò di nuovo felice, cosa mi salverà dal non ritornare alla miseria di prima, nella povertà di adesso? A cosa posso aggrapparmi? Ma ancora una volta non si troverà risposta... E paradossalmente, quando ci porremo questi interrogativi, si rischierà di ridiventare infelici anche quando in realtà felici si è, oppure, quando si soffre, di accrescere la propria ansia nei confronti di una realtà che sembra molto più imponente dei nostri mezzi.
    Tutto continuerà lungo questa strada.
    Forse solo il sorriso di un amico ci potrà far ridestare. Forse una sua battuta o un suo complimento. E dentro di noi lo ringrazieremo e sentiremo di essere di nuovo “felici”. Non sappiamo per quanto. L’importante è riuscire ad alzarci di nuovo.

    Mauro-k
    Ultima modifica di WarriorXP; 29-01-2005 alle 14:25:38

  14. #14
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429
    NUMERO III

  15. #15
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429

    Numero 3

    “GR Profile Background”

    Cari lettori, ben trovati.
    Al via questa settimana una nuova rubrica dal titolo “GR Profile Background” che si pone come obbiettivo quello di introdurre e per quanto possibile approfondire la conoscenza di alcuni fra i più illustri e famosi personaggi che hanno fatto la storia di Games Radar.

    Ad inaugurare il nuovo spazio ad essi dedicato l’intervista con l’Amministratore Lex che gentilmente si e’ prestato a rispondere alle nostre domande.


    Trasposizione originale dell’intervista a Lex del 2/2/2005 via msn :


    Salve Lex, sono Beatrice, inviata del periodico “Il Foro”, molto piacere.
    Anzitutto vorrei ringraziarti a nome di tutta la redazione per il contributo che stai dando al giornale e a tutti i suoi lettori con questa intervista.
    Bene se non hai obiezioni inizierei con le domande.


    Piacere mio, signorina. Spero che grazie all'esperienza che ho maturato in questi anni di presenza sul forum possa contribuire a chiarire i dubbi e le perplessità che ancora molti hanno sul suo funzionamento.

    Parliamo di Games Radar, del tuo debutto nel Forum e del percorso che ti ha visto protagonista dapprima come utente per arrivare col tempo alla massima carica, quella di Amministratore.

    D: Come sei venuto a conoscenza di Games Radar?
    R: Si parla del lontano 2001, quando il sito si chiamava ancora Dailyradar e il forum era stato appena aperto. Ero iscritto da qualche tempo a un forum di videogiochi, un giorno lessi il messaggio di un utente che informava dell'apertura di un nuovo forum presso un famoso sito di vg. Il nome e il link erano stati censurati dai moderatori, così io mandai una mail all'utente per avere più informazioni e mi venne dato l'indirizzo di Dailyradar.
    Spinto dalla curiosità e dalla voglia di trovare nuovi spunti di discussione mi iscrissi il giorno stesso e comincia a frequentare il forum, via via sempre più assiduamente.

    D: Cosi sei stato utente anche tu.. Se potessi fare una fotografia del tuo profilo di allora, come ti descriveresti?
    R: Avevo 4 anni meno di adesso ed ero alle mie prima esperienze coi forum su Internet. Si può dire che vivevo il forum con maggior curiosità e spensieratezza.

    D: Questo significa grande partecipazione alla vita del Forum, giusto?
    R: Beh, postavo abbastanza, ma non ero comunque il tipo che si lasciava andare molto a chiacchiere e battute.

    D: Questo lascia trasparire che il tuo essere a prima vista freddo e staccante negli interventi sia parte della tua personalità, dico bene?
    R:
    Sì, come ho sempre affermato la serietà è parte della mia natura, non posso farci niente.

    D: Per molti utenti sei un autentico mito, mentre altri ti odiano proprio.. La causa di ciò potrebbe essere proprio questo tuo mostrare uno stile a tratti diplomaticamente rigido?
    R:
    Sono il primo a essere consapevole che il mio carattere non mi permette di suscitare grandi simpatie ma, come ho detto, sono fatto così. Inoltre il ruolo che ricopro, di grande responsabilità, mi impone di mantenere un comportamento serio e corretto in ogni occasione, altrimenti ne andrebbe della mia stessa credibilità sul forum. Non credo comunque di essere un "mito" per nessuno, al più ci può essere qualcuno che ammira e rispetta il ruolo che ricopro.

    D: Avresti immaginato all’inizio di questa avventura che la tua carriera ti portasse al ruolo che ricopri oggi?
    R:
    No, quando mi sono iscritto al forum non pensavo minimamente alla possibilità di essere moderatore. E quando fui nominato da Gorman non immaginavo che avrei raggiunto un ruolo sempre più alto.

    D: Sei praticamente l’utente più “anziano” del Forum. Hai assistito ai principali cambiamenti di esso. Che giudizio ne dai?
    R:
    Il forum è cresciuto in maniera impressionante da quando è nato. All'inizio c'erano poche centinaia di utenti, e l'intero forum non arrivava a 100000 messaggi. Era un ambiente diverso, più amichevole e confidenziale se vogliamo, ma non certo l'età dell'oro che molti favoleggiano. Mi ricordo molti flame, lamer e flooder che imperversavano nei periodi di assenza dei moderatori.
    Adesso il forum è incredibilmente grande, abbiamo quasi 4 milioni di post e 35000 iscritti. Si sono formate tante sottocomunità, che in certi casi si considerano come dei piccoli forum a parte. Questo rende il forum molto più dispersivo, sicuramente, però amplia enormemente le possibilità di discussione.

    D: Ti andrebbe di raccontare un aneddoto divertente o comunque particolarmente significativo che ti da visto protagonista nel corso di questi anni?
    R:
    Beh, a volte il mio ruolo mi espone ad attacchi da parte degli altri utenti, spesso dettati dall'invidia. Senza citare gli innumerevoli insulti che mi sono stati rivolti, mi ha fatto ridere un utente che mi segnalò per flood, con tanto di tono arrogante e minaccioso, per un paio di topic che avevo aperto su Dailyrando all'incirca un anno prima.

    D: Ci sono o ci sono mai stati momenti in cui ti viene il desiderio di lasciare la carica e le responsabilità ad essa connesse?
    R:
    A volte, quando si viene sommersi dalle polemiche e dalle ingiurie, viene da pensare:”ma chi me l'ha fatto fare?". Però si tratta di momenti, finora non ho mai valutato concretamente l'ipotesi di abbandonare il forum.

    Una domanda dai toni più leggeri, più una curiosità che altro..
    D:
    Gli avatar e la firma cosa rappresentano? E cosa c’e’ dietro alla celeberrima scritta “You will die, mortal”?
    R: I miei due avatar rappresentano due creature del popolare gioco di ruolo Dungeons&Dragons. Quello che uso attualmente è Bahamut, la divinità dei draghi buoni, mentre il precedente è il Tarrasque, una creatura molto temuta dagli avventurieri in quanto immortale.
    La firma è niente altro che la citazione di un famoso videogioco.




    Ora che abbiamo decisamente rotto il ghiaccio, tralasciamo per un attimo il piano professionale per conoscere il Lex diciamo, più umano..

    D: Sempre riguardo a Games Radar.. In questi anni hai sicuramente avuto a che fare con numerose persone. Hai stretto qualche legame vero di amicizia?
    R:
    Sì, più di uno. Se così non fosse non sarei rimasto per anni su questo forum.

    D: Credi nell’amicizia in rete quindi.
    R:
    Sicuramente.

    D: E all’amore nato on line?
    R:
    Penso che si possa essere attratti da una persona conosciuta online, ma affinché la cosa abbia seguito è necessario conoscersi anche di persona prima o poi.

    D: In generale, qual è il tuo rapporto con internet e col suo mondo virtuale?
    R:
    Ultimamente si è raffreddato un po', dopo tanti anni gli stimoli si sono un po' esauriti ed è difficile trovare situazioni nuove. In generale comunque ritengo la rete un mezzo di comunicazione ricchissimo di potenzialità e apprezzo moltissimo la possibilità di poter entrare in contatto con molte persone superando le barriere che normalmente ci ostacolano nella vita reale.

    D: Se avessi a disposizione tre aggettivi per descrivere te stesso, quali useresti?
    R:
    Riservato, serio, riflessivo

    D: Il valore più importante?
    R:
    La fiducia

    Un ultima domanda, Lex.
    D: Lascia libera la fantasia per qualche istante.. Come ti vedi fra 10 anni?
    R:
    Con un lavoro che mi piace e con ancora la voglia di giocare e divertirmi, spero.




    Non mi resta che augurartelo di cuore.

    E con questa finestra aperta sul futuro si conclude il nostro spazio dedicato a uno dei più grandi personaggi della storia di Games Radar.
    Grazie Lex per il tempo e la disponibilità. Ti aspettiamo come lettore privilegiato del nuovo numero de “Il Foro”, intanto buon ritorno al Pannello di Amministrazione!.


    R: Grazie a voi per lo spazio che avete voluto dedicarmi, buona fortuna per il vostro giornale.


    Per questa settimana è tutto amici. Sperando che la rubrica abbia catturato il vostro interesse e contribuito a dare risposta a qualche piccola curiosità, la Vicedirettrice Beatrice vi ringrazia e vi da appuntamento alla prossima, con un'altra entusiasmante intervista…
    Chi sarà il personaggio designato?...



    Beatrice
    (Un ringraziamento particolare a Deeder per la collaborazione alla realizzazione dell’articolo.)

Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •