• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 51

Discussione: [DIF] Il confine fra terrorismo e guerriglia

Cambio titolo
  1. #1
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884

    [DIF] Il confine fra terrorismo e guerriglia

    Com'è noto, una recente sentenza del Gup di Milano, dottoressa Forleo, ha mandati assolti tre imputati islamici arrestati in precedenza per atti in concorso per scopi terroristici. In uno Stato di diritto e democratico la l'autonomia del giudice è sovrana ed è anche imperativo che la funzione di polizia e giudiziaria siano caratterizzate da un'azione preventiva piuttosto che punitiva. E' però altrettanto lecito il diritto di ciascun cittadino di esprimere un proprio pensiero e anche un proprio parere su una sentenza penale, fermo restando che comunque deve essere accettata e applicata senza discussione.
    Per quanto reso noto dagli organi di informazione, il magistrato ammette che la sentenza "è stata sofferta e maturata nel pieno rispetto della legge". Queste posizioni e convinzioni vanno assolutamente rispettate, ma un'attenta valutazione di fatti - almeno per quanto noto e effettuata anche sulla base di conoscenze professionali specifiche di chi scrive - porta a porsi alcuni interrogativi. Non in ultimo se le conclusioni del giudizio penale sono derivate solo dalla valutazione del contenuto della documentazione prodotta dagli inquirenti e con un approccio puramente tecnico sotto il profilo giuridico o piuttosto si sia arrivati alle conclusioni considerando anche altri aspetti, forse ancora più rilevanti delle stesse prove.

    Primo fra tutti il contenuto del Diritto Internazionale Bellico quando definisce il riconoscimento del "combattente" come tale e per cui è imposto ai belligeranti l'assoluto rispetto delle Convenzioni di Ginevra. In primo luogo i distintivi di appartenenza e l'uniforme, intesa non semplicemente come divisa militare, ma come "abito uguale a tutti e contraddistinto da particolari segni distintivi comuni e palesi". Quanto sta avvenendo in Iraq - e che la dottoressa Forleo sembra definire guerriglia - non appare invece conforme a questi vincoli internazionalmente riconosciuti. Infatti, almeno di qualche isolata eccezione, in Iraq a oggi sono pochi gli elementi comuni che hanno permesso di connotare chi "combatte la guerriglia". Volti mascherati da una sciarpa nera che di per sé già cancella alcune garanzie previste dalle Convenzioni sul rispetto del combattente e possesso dei machete utilizzati per decapitare e sgozzare i prigionieri. Forse tutto ciò è un'espressione di guerriglia moderna che solo pochi conoscono e accettano unicamente facendo riferimento a personalissime convinzioni e non certo con il riscontro di normativa giuridica nazionale ed internazionale.

    La guerriglia rappresenta il diritto politico e giuridico di contrastare qualsiasi atto contro il proprio Stato sovrano e contro il proprio territorio con il ricorso anche all'uso delle armi. Non si può però accettare che si tratti di guerriglia quando chi la gestisce non appartiene allo Stato e al territorio che si vuole riscattare, altrimenti il mondo sarebbe in mano ai mercenari. I capi di Al Ansar e della stessa componente di Al Qaeda che in questo momento operano in Iraq portando avanti quella che attraverso la recente sentenza veniamo a scoprire essere guerriglia, non sono irachena. La maggior parte di costoro e che in questo momento esercitano il management della resistenza, sono giordani, sudanesi, arabi. Mercenari, quindi, della lotta armata che nulla hanno a che fare con azioni di guerriglia intese come resistenza contro l'invasore e che peraltro dovrebbero offendere coloro che in passato e in tempi recenti hanno fatto la Resistenza.

    Peraltro questi guerriglieri fino a oggi non hanno combattuto applicando le più elementari regole del diritto umanitario e del diritto internazionale distilguendo - per quanto possibile in un'azione bellica - il soldato dal civile. Costoro hanno invece colpito quasi sempre indiscriminatamente e nella maggior parte dei casi scegliendo come target proprio i civili con lo scopo di seminare malcontento, terrore e indeterminatezza fra la popolazione. Questo è terrorismo e non è guerriglia.

    Non ultimi, alcuni aspetti tecnici. Chi impiega autobombe ricorre a mezzi usati per scopi terroristici che nulla hanno in comune con le armi normalmente utilizzate da coloro che invece scelgono di combattere per affermare principi e diritti. Chi viene addestrato a preparare ordigni del genere non è formato con lo scopo di farne un soldato, ma per creare un tecnico del terrore. Possono essere costoro considerati guerriglieri? Una domanda che forse doveva entrare a far parte di quelle le cui risposte hanno portato a "una sentenza sofferta e in piena coscienza".

    Quindi, quale sia il confine fra l'azione terroristica e la guerriglia è difficile da determinare esattamente ed è assolutamente impossibile farlo compiutamente e "in piena coscienza" se non vengono valutati tutti i parametri che concorrono a configurare il problema. Primi fra tutti il tipo di attori sul campo. Chi essi siano, come combattono, quali regole applichino, quale "etica della battaglia li contraddistingue" sono gli elementi fondamentali per capire e quindi pronunciare giudizi sullo scopo della loro azione e sulla natura di quello che è a base del loro comportamento. E' altresì fondamentale valutare i mezzi utilizzati per attuare la lotta armata. I pacchi esplosivi, le autobombe, le cinture esplosive dei kamikaze non possono sicuramente essere considerati come armi fra quelle riconosciute lecite in campo internazionale dalle diverse Convenzioni e Protocolli. E infine la natura degli obiettivi contro cui l'azione armata viene finalizzata. Se si tratta di obiettivi militari e quindi "leciti" o piuttosto di entità che di militare non hanno nulla, come ad esempio le sedi della nascente polizia irachena.

    In buona sostanza non può essere definita un'azione di guerriglia quella che coinvolge gli stessi cittadini, che invece nella guerriglia dovrebbero individuare l'azione risolutiva per riconquistare la propria indipendenza nazionale e riaffermare la sovranità del proprio Stato. Il popolo che si reca nel venerdì di preghiera in Moschea dovrebbe poterlo fare in assoluta sicurezza e garantito da coloro che dicono di fare resistenza armata. Costoro sembrano invece rappresentare il target preferito di chi agisce in maniera terroristica, qualcuno dei quali forse arruolato e inviato in battaglia proprio da chi la sentenza italiana ha assolto.

    Forse approfondendo questi parametri potrebbero sorgere ragionevoli dubbi sulla opportunità di valutare come lecite le azioni di chi agisce per incrementare il bacino di reclutamento per azioni che invece sono assolutamente terroristiche. Confondere il terrorismo con la guerriglia non giova a nessuno e non è segno di democrazia e garantismo inteso come rivalutazione di uno Stato di diritto, ma concorre invece a diminuire le condizioni della sicurezza nazionale e mondiale e non incrementa l'azione preventiva, che invece dovrebbe rappresentare lo scopo prioritario e di elevata valenza sociale e morale a base di ogni azione di polizia e giudiziaria.


    -------------------------------------------------------------------

    Qua potete trovare l'articolo

    L'ho postato per chiarire che la "resistenza" irachena non è lecita, e poi sulla questione dei presunti terroristi assolti pochi giorni fa.


  2. #2
    Πολύτρουπος L'avatar di Hobbit83
    Registrato il
    04-03
    Località
    Stadio Romeo Neri, Rimini
    Messaggi
    3.172
    Neanche i partigiani Italiani o i Maquis francesi erano tutti in divisa, ciò non toglie che la loro fosse guerriglia, Jack. Tu puoi dire con assoluta certezza che chi ha decapitato gli ostaggi era dello stesso gruppo dei processati?

    Fra
    3 sono i Re, il 3° era chiamato non ti scordar di me, perchè metteva foto giganti del suo viso: rimase incastrato nel suo proprio sorriso...

  3. #3
    Utente L'avatar di Bejelit
    Registrato il
    05-04
    Messaggi
    872
    Citazione Hobbit83
    Neanche i partigiani Italiani o i Maquis francesi erano tutti in divisa, ciò non toglie che la loro fosse guerriglia, Jack. Tu puoi dire con assoluta certezza che chi ha decapitato gli ostaggi era dello stesso gruppo dei processati?

    Fra
    Infatti.
    E sfatiamo anche il mito dei "combattenti stranieri", sono una piccola parte.

    nulla, non lo trovo -.-
    Ultima modifica di Bejelit; 28-01-2005 alle 18:33:34

  4. #4
    FVCG
    Registrato il
    03-03
    Località
    Torino
    Messaggi
    7.861
    In Iraq la Resistenza esiste ove si colpiscono le istituzioni del provvisorio (e, temo, futuro) governo fantoccio Iracheno e ove si colpiscono gli eserciti invasori della coalizione. Ma quando si colpisce il proprio popolo, indiscriminatamente, è stupidità.
    Bisogna colpire l'imperialismo, non il proprio popolo.

  5. #5
    Verso il domani L'avatar di Luck134
    Registrato il
    10-02
    Località
    Genova
    Messaggi
    14.768
    A prescindere che quelli fossero guerriglieri o terroristi la scelta dei giudici è stata pazza ed anti patriotica: in Iraq vi sono truppe italiane che rischiano davanti alla più "onorevole" guerriglia.

  6. #6
    Citazione Luck134
    A prescindere che quelli fossero guerriglieri o terroristi la scelta dei giudici è stata pazza ed anti patriotica: in Iraq vi sono truppe italiane che rischiano davanti alla più "onorevole" guerriglia.
    Fortunatamente la legge, almeno in teoria, non si piega all'interesse nazionale.
    "Il sonno della ragione genera mostri"

  7. #7
    Redattore L'avatar di pape
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.791
    Citazione Jack89
    L'ho postato per chiarire che la "resistenza" irachena non è lecita, e poi sulla questione dei presunti terroristi assolti pochi giorni fa.
    Che non sia lecita è un'interpretazione, non un dato di fatto. Non è stato nemmeno lecito l'attacco da parte degl USA, ma questo sembra venire facilmente dimenticato.

    Pape

  8. #8
    Payable On Death L'avatar di Unknown
    Registrato il
    10-02
    Località
    Monsummano Terme (PT)
    Messaggi
    2.030
    eh sì, ha ragione Cossiga...per certa gente è meglio il Tennis che la legge...

    ...non ce la faccio a sopportare una sentenza come questa, chissà, se il figlio della dottoressa Forleo fosse in Iraq come soldato forse sarebbe stata diversa...ma è meglio non pensarci, no? la legge non si deve piegare all'interesse nazionale, come ha detto Melchior, e neanche a quello privato...

    ...basterebbe un minimo di buon senso...

    HOBBIT83 HA DETTO:
    Neanche i partigiani Italiani o i Maquis francesi erano tutti in divisa, ciò non toglie che la loro fosse guerriglia, Jack. Tu puoi dire con assoluta certezza che chi ha decapitato gli ostaggi era dello stesso gruppo dei processati?

    Nessun partigiano che mi risulti ha mai messo bombe negli edifici civili degli italiani...sarà che io a quei tempi non c'ero, ma anche la storia della divisa secondo me non regge.
    I Partigiani andavano contro i Nazisti = Guerriglia
    I Kamikaze di Al-Qaeda vanno contro gli Iraqeni = Terrorismo

    a me sembra piuttosto semplice

    clicca sull'userbar qui sopra per accedere al mio sito...si può fare pubblicità su gamesradar ???



    Sparo minchiate in verde e corsivo . Chiarimenti non ne do.

  9. #9
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307
    Citazione Hobbit83
    Neanche i partigiani Italiani o i Maquis francesi erano tutti in divisa, ciò non toglie che la loro fosse guerriglia, Jack. Tu puoi dire con assoluta certezza che chi ha decapitato gli ostaggi era dello stesso gruppo dei processati?

    Fra

    Non c'entra solo le decapitazioni, il fenomeno è più vasto. Ed è difficile affermare dove finisce il terrorismo ed inizia la guerriglia o Resistenza. E' difficile ammettere che esista una "resistenza", almeno intesa in senso europeo.

    Cmq dovreste leggere più attentamente l'articolo, perche Ansar al Islam è composta da stranieri. Per la Gup Ansar al Islam non fa parte del terrorismo internazionale anche se il suo capo aveva contatti sia con saddam che con Bin laden.

  10. #10
    Utente L'avatar di Bejelit
    Registrato il
    05-04
    Messaggi
    872
    Citazione Unknown
    eh sì, ha ragione Cossiga...per certa gente è meglio il Tennis che la legge...

    ...non ce la faccio a sopportare una sentenza come questa, chissà, se il figlio della dottoressa Forleo fosse in Iraq come soldato forse sarebbe stata diversa...ma è meglio non pensarci, no? la legge non si deve piegare all'interesse nazionale, come ha detto Melchior, e neanche a quello privato...

    ...basterebbe un minimo di buon senso...

    HOBBIT83 HA DETTO:
    Neanche i partigiani Italiani o i Maquis francesi erano tutti in divisa, ciò non toglie che la loro fosse guerriglia, Jack. Tu puoi dire con assoluta certezza che chi ha decapitato gli ostaggi era dello stesso gruppo dei processati?

    Nessun partigiano che mi risulti ha mai messo bombe negli edifici civili degli italiani...sarà che io a quei tempi non c'ero, ma anche la storia della divisa secondo me non regge.
    I Partigiani andavano contro i Nazisti = Guerriglia
    I Kamikaze di Al-Qaeda vanno contro gli Iraqeni = Terrorismo

    a me sembra piuttosto semplice
    Non ho capito, stai dicendo che tutti quelli che combattono in irak sono terroristi?

  11. #11
    Redattore L'avatar di pape
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.791
    Citazione IL CONTE
    Per la Gup Ansar al Islam non fa parte del terrorismo internazionale anche se il suo capo aveva contatti sia con saddam che con Bin laden.
    Beh, anche la famiglia bush aveva rapporti con entrambi i signori in questione, se è per questo ^_^.
    Purtroppo ora come ora è difficile tracciare la linea di demarcazione fra resistenza e terrorismo puro, soprattutto in un paese come l'Iraq, dilaniato da una guerra interna anche fra gli iracheni stessi.
    E non si può stabilire che si tratta di terrorismo solamente in base alle modalità di guerriglia: un paese tanto allo sbando non può che far sorgere la necessità di nuove tattiche di combattimento, molte delle quali necessariamente folli ed esagerate, visto anche che i pochi mezzi a disposizione del popolo non permettono di affrontare direttamente gli invasori. Certo, fra i lottatori si annidano guerrieri e una buona parte di terroristi, come come dividere le due "scuole di pensieo"? è per forza di cose il libero arbitrio del GUP a dover stabilire quale sia l'una e quale l'altra... e non si arriverà mai a una conclusione che metta tutti d'accordo. Qualcuno sarà sempre scontento della sentenza, altri la accetteranno... ma dubito si possa parlare di ragioni o di torti tanto semplicemente

    Pape

  12. #12
    Utente L'avatar di cerberus
    Registrato il
    01-03
    Località
    Salaria Sport Village
    Messaggi
    18.301
    Sono un pò tutte distinzioni di lana caprina...
    lecito, illecito... guerriglia, resistenza, terrorismo... chi spera di codificarle in un prontuario buono per tutte le occasioni è quantomeno ingenuo...

    Il problema è molto semplice, lineare... loro assoldano uomini per ammazzare nostri connazionali -> noi gli omaggiamo di un lungo soggiorno nel regio carcere di San Vittore... e se una lacrima segnerà il viso del "diritto" ... pace...
    Engineers do it better
    "Lo scienziato non studia la natura perché è utile, ma perché ne prova piacere e ne prova piacere perché è bella. Se la natura non fosse bella, non varrebbe la pena studiarla e la vita non varrebbe la pena di essere vissuta”.( Henri Poincaré )
    "Scientists discover the world that exists; engineers create the world that never was."

  13. #13
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307
    Citazione pape
    Beh, anche la famiglia bush aveva rapporti con entrambi i signori in questione, se è per questo ^_^.
    Purtroppo ora come ora è difficile tracciare la linea di demarcazione fra resistenza e terrorismo puro, soprattutto in un paese come l'Iraq, dilaniato da una guerra interna anche fra gli iracheni stessi.
    E non si può stabilire che si tratta di terrorismo solamente in base alle modalità di guerriglia: un paese tanto allo sbando non può che far sorgere la necessità di nuove tattiche di combattimento, molte delle quali necessariamente folli ed esagerate, visto anche che i pochi mezzi a disposizione del popolo non permettono di affrontare direttamente gli invasori. Certo, fra i lottatori si annidano guerrieri e una buona parte di terroristi, come come dividere le due "scuole di pensieo"? è per forza di cose il libero arbitrio del GUP a dover stabilire quale sia l'una e quale l'altra... e non si arriverà mai a una conclusione che metta tutti d'accordo. Qualcuno sarà sempre scontento della sentenza, altri la accetteranno... ma dubito si possa parlare di ragioni o di torti tanto semplicemente

    Pape
    Si ma ha detto una sonora cazzata su Ansar Al Islam, qui non si scappa!

  14. #14
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307
    Citazione Melchior
    Fortunatamente la legge, almeno in teoria, non si piega all'interesse nazionale.

    Sembra quasi che tu sia felice...come ha titolato "liberazione"

    GRAZIE GIUDICE FORLEO

  15. #15
    Bannato L'avatar di Dredd
    Registrato il
    04-03
    Messaggi
    1.543
    La guerriglia è un tipo di combattimento che prevede gli scontri tra piccole unità composte da pochi uomini, in qualunque zona e con qualunque condizione. Il terrorismo comprende invece una serie di atti che prevedono non lo scontro diretto su un campo di battaglia, ma bensì l'uccisione del nemico, sia esso militare o civile, mediante attacchi dinamitardi in modo subdolo e nascosto. Quindi Guerriglia e Terrorismo sono 2 cose molto diverse; e sono nello stesso rapporto in cui è la battaglia campale tra 2 eserciti in una pianura e il terrorismo stesso.

Pag 1 di 4 1234 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •