• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 5 1234 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 70

Discussione: Iraq: e ora come la mettiamo? (risultati elezione e richieste Sciiti)

Cambio titolo
  1. #1
    Verso il domani L'avatar di Luck134
    Registrato il
    10-02
    Località
    Genova
    Messaggi
    14.768

    Iraq: e ora come la mettiamo? (risultati elezione e richieste Sciiti)

    Prima di iniziare a leggere dovete riflettere su questo: l'onestà americana nei risultati in cui NON hanno fatto alcun briglio elettorale anche se ne avevano la possibilità...

    DA PANORAMA: Largamente vittoriosi nelle urne del voto, gli sciiti hanno proclamato che il Corano e la sharja, la legge islamica, devono essere l'unica fonte di diritto per il futuro ordinamento giuridico dell'Iraq. Una dichiarazione che pesa come un macigno sul processo di democratizzazione della società irachena e sulla laicità dello Stato che dovrà prendere forma nei prossimi mesi. Ad aggavare la situazione anche l'appoggio del grande ayatollah Alì Sistani, considerato figura pragmatica e prudente, se non un vero e proprio moderato.

    Forti dei risultati delle elezioni del 30 dicembre, che per quanto ancora provisori attribuiscono loro una massiccia vittoria, gli sciiti iracheni alzano il tiro e chiedono che l'Islam sia l'unica fonte della legislazione nella futura Costituzione del Paese.

    MODELLO IRAN
    Una mossa a sorpresa, non solo perché questa pretesa che sembra dare il via alla creazione di uno stato confessionale sul modello dell’Iran non solo è stata compiuta per conto e nel nome delle istituzioni ufficiali della comunità di gran lunga maggioritaria nel Paese, ma anche e soprattutto in quanto vi si è associato la massima autorità spirituale sciita irachena, il grande ayatollah Ali al-Sistani, considerato figura pragmatica e prudente, se non un vero e proprio moderato.

    A parlare è infatti lo sceicco Ibrahim Ibrahimi, rappresentante del grande ayatollah Mohammad Ishaq al-Fayad, uno dei cinque componenti della Marja al-Taqlid (in lingua araba Fonti dell'Emulazione): il supremo consiglio dei dotti sciiti a capo del quale c'è lo stesso Sistani, quale primus inter pares. E Al Sistani, che in un primo momento era stato indicato da Ibrahimi come d'accordo sulla richiesta, ha poi fatto sapere attraverso un proprio portavoce di appoggiarla completamente.

    "Tutti gli ulema (teologi), i marjiaa (punti di riferimento religiosi) e la maggioranza del popolo iracheno chiedono all'Assemblea nazionale di fare in modo che l'Islam sia nella Costituzione permanente la fonte della legislazione e di rifiutare qualsiasi legge contraria all'Islam", riporta il comunicato diffuso nella città santa sciita di Najaf sheikh Ibrahim Ibrahimi, portavoce del Grande ayatollah Ishaq Al-Fayad.

    SCONTATA VITTORIA DI SISTANI
    Secondo i dati provvisori resi noti fino ad ora, l'Alleanza degli iracheni uniti, il ragruppamento sciita appoggiato dal grande ayatollah Ali Sistani, ha ottenuto in base allo spoglio del 35 per cento dei seggi il 67 per cento dei voti.
    Al secondo posto, con il 17,5 per cento, c'è il partito del premier Iyad Allawi, anche lui sciita ma di impostazione laica.
    Ma sin dall'indomani del voto il risultato era scontato, tanto che Abdul Aziz al Hakim, il religioso alla guida del primo gruppo politico iracheno, il Consiglio supremo sciita della rivoluzione islamica in Iraq (Sciri) aveva affermato che l'Alleanza "ha conseguito una vittoria travolgente".
    Secondo alcune previsioni dovrebbero ottenere tra i 100 e 150 seggi dei 275 che formeranno la futura Assemblea, che avrà il compito di redigere la Carta Costituzionale del nuovo Iraq.
    Che ha questo punto rischia di non essere più così democratico come in Occidente si sperava e ipotizzava.

    La questione della legge islamica nella Cosituzione era già stata sollevata lo scorso anno e aveva causato pesanti frizioni, di cui fu protagonista tra gli altri il leader religioso radicale sciita Moqtada Sadr, quando il Consiglio di governo provvisorio elaborò una Carta in base alla quale si sono poi tenute le elezioni del 30 gennaio.
    La formula di compromesso infine approvata afferma che "l'Islam è la religione di Stato e deve essere considerata una fonte di legislazione. Nessuna legge che contraddica i precetti universalmente riconosciuti dell'Islam può essere accettata".
    Il grande ayatollah Ali Sistani, massima figura spirituale sciita irachena, non si è ufficialmente pronunciato in merito.
    Alle elezioni non si è candidato e non ha votato, affermando di non poterlo fare essendo nato in Iran, 73 anni fa. Tuttavia, il suo volto era su migliaia di poster elettorali e in molti ora affermano che la sua "benedizione" della lista dell' Alleanza è stata fondamentale per la vittoria.

    AYATOLLAH VUOLE L'ISLAM NELLA LEGISLAZIONE
    Secondo alcune fonti, anche lui esige che l'Islam sia la fonte della legislazione.
    Un esperto politico iracheno citato oggi dalla Afp ritiene che con ogni probabilità, Sistani "non si impegnerà direttamente nell'elaborazione del testo (della Costituzione) o nel funzionamento dell'Assemblea nazionale, ma certamente farà sapere, anche pubblicamente, se giudica che ci sono delle cose inaccettabili".
    Evidentemente lo stà già facendo, visto che il comunicato diffuso oggi a Najaf è stato elaborato da due dei quattro grandi ayatollah che guidano la marjayia sciita irachena.
    I quattro religiosi sono: Ali Sistani, Mohammad Ishaq Al-Fayd, Bashir Al-Najafi e Mohammad Said Hakim. Un quinto grande ayatollah, Kazem Al Hairi, risiede in Iran.
    La loro posizione, espressa nel comunicato, è chiarissima: "Mettiamo in guardia i responsabili contro una separazione tra Stato e religione, in quanto ciò è completamente rifiutato dagli ulema e dai marjiaa. Non accetteremo alcun compromesso su tale questione".

    ORIGINARI DI NAJAF
    Al pari di Sistani e di Fayad, tutti i componenti della Marja vivono nella città santa sciita di Najaf, a sud-est di Baghdad, con la sola eccezione dell'ayatollah Kazem al-Hairi,il quale risiede in Iran.
    Ma c’è stato un grande travaso negli ultimi trent’anni tra élite sciita irachena e iraniana. Lo stesso Sistani era in esilio all'epoca del regime di Saddam Hussein in Iran.
    Mentre l’ayatollah Ali Khamenei, massima guida spirituale iraniana dopo la morte di Khomeini e presidente della Repubblica sciita a Teheran, ha studiato nella scuola coranica di Najaf, in Iraq, seconda città santa per tutti gli sciiti dopo la Mecca.
    Gli altri prelati facenti parte del gran consiglio sono l'ayatollah Bashir al-Najafi e l'ayatollah Mohammad Said Hakim, alla guida del primo gruppo politico iracheno, il Consiglio supremo sciita della rivoluzione islamica in Iraq (lo Sciri).

    CONCLUSIONI(MIE): La maggioranza del popolo iracheno vuole una teocrazia (che comporta, per forza, una simil dittatura come in Iran controllata dagli Ayatollah) a scapito della democrazia. E come la prenderanno a Washington, a cui si deve l'onestà dei risultati, quando a Bagdad ci sarà nuovamente un dittatura... anti americana? Colpo di stato con nuova guerra?.

  2. #2
    Utente
    Registrato il
    09-04
    Messaggi
    1.105

  3. #3
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    La situazione si complica, spero in una svolta, ovvero che venga abbandonata l'idea di inserire nella costituzione l'Islam.


  4. #4
    Verso il domani L'avatar di Luck134
    Registrato il
    10-02
    Località
    Genova
    Messaggi
    14.768
    Citazione Jack89
    La situazione si complica, spero in una svolta, ovvero che venga abbandonata l'idea di inserire nella costituzione l'Islam.
    Lo escludo, gli Sciiti in questo sono irremovibili (Al Sistani, guarda caso, è iraniano e molti Ayatollah durante "l'era Saddam" erano a Teheran...).

  5. #5
    Redattore L'avatar di pape
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.791
    Citazione Jack89
    La situazione si complica, spero in una svolta, ovvero che venga abbandonata l'idea di inserire nella costituzione l'Islam.
    Non ne vedo il motivo: "gli abbiamo" dato la libertà, e loro hanno scelto. O facciamo un'altra guerra per convincerli che l'Islam è brutto e cattivo? Direi che le idee d iBush non fanno altro che smontarsi man mano che i fatti si succedono.

    Pape

  6. #6
    Distruggi Community L'avatar di fulminato
    Registrato il
    02-04
    Località
    Maestro errante deL'OTU
    Messaggi
    26.244
    Se metteranno le firme sui contratti giusti agli USA (o almeno alla piccola partee che conta degli usa) non gli importa un fico secco di cosa suceda alla popolazione irakena
    "Per il resto la serie TES cesserà di interessare quando Fulminato smetterà di fare errori di battitura nei suoi post"
    Dark_Angel83
    "Physics is like sex: sure, it may give some practical results, but that's not why we do it."
    Richard P. Feynman
    "A mathematician is a blind man in a dark room looking for a black cat which isn't there."
    Charles R Darwin
    "Una nuova verità scientifica non si impone perché i suoi detrattori via via l'accettano, ma perché questi mano mano muoiono, e nel contempo sorge una nuova generazione in grado di accettarla."
    Max Planck

  7. #7
    C'thulhu fhtagn!
    Registrato il
    07-04
    Località
    The Threshold
    Messaggi
    19.230
    Vogliono la teocrazia? Bene, ma poi non vengano a piangere dai cattivi occidentali. In altre parole, vogliono la bicicletta, poi pedalino.



  8. #8
    (un po' meno) cattivo L'avatar di L33T
    Registrato il
    10-02
    Località
    Ovunque e in nessun luogo
    Messaggi
    3.908
    Dunque avremo un iraq democratico e illiberale. Che sia di lezione a chi, sostenendo Bush, pensa che la libertà si possa imporre come si impone un sistema di governo.
    Es ist nichts schrecklicher als eine tätige Unwissenheit.

  9. #9
    Utente
    Registrato il
    09-04
    Messaggi
    1.105
    Citazione Dauntless
    Vogliono la teocrazia? Bene, ma poi non vengano a piangere dai cattivi occidentali. In altre parole, vogliono la bicicletta, poi pedalino.
    Pedaleranno fin troppo bene insieme a Teheran...

  10. #10
    C'thulhu fhtagn!
    Registrato il
    07-04
    Località
    The Threshold
    Messaggi
    19.230
    Citazione Noble Vampire
    Pedaleranno fin troppo bene insieme a Teheran...
    Se Teheran continua su quella linea pedaleranno insieme sotto l'inverno nucleare molto probabilmente



  11. #11
    Utente L'avatar di cerberus
    Registrato il
    01-03
    Località
    Salaria Sport Village
    Messaggi
    18.301
    Sono liberi di scegliersi lo stato che meglio si adatta ai loro gusti e alle loro esigenze...
    Engineers do it better
    "Lo scienziato non studia la natura perché è utile, ma perché ne prova piacere e ne prova piacere perché è bella. Se la natura non fosse bella, non varrebbe la pena studiarla e la vita non varrebbe la pena di essere vissuta”.( Henri Poincaré )
    "Scientists discover the world that exists; engineers create the world that never was."

  12. #12
    Prevedibile.
    I possibile risultati di questa elezione erano due: un'altro Saddam, espressione della volontà degli USA, o una teocrazia e conseguente avvicinamento all'Iran.
    Io l'avevo detto.
    "Il sonno della ragione genera mostri"

  13. #13
    AttrattoreStrano
    Ospite
    Citazione Melchior
    Prevedibile.
    I possibile risultati di questa elezione erano due: un'altro Saddam, espressione della volontà degli USA, o una teocrazia e conseguente avvicinamento all'Iran.
    Io l'avevo detto.
    azzo, hai pure tu la sfera di cristallo come la mia?
    anche la tua funziona solo con Bush vero?

  14. #14
    Verso il domani L'avatar di Luck134
    Registrato il
    10-02
    Località
    Genova
    Messaggi
    14.768
    Citazione Melchior
    Prevedibile.
    I possibile risultati di questa elezione erano due: un'altro Saddam, espressione della volontà degli USA, o una teocrazia e conseguente avvicinamento all'Iran.
    Io l'avevo detto.
    Considerando che Allawi ha preso solo il 17.5%, direi la seconda.

    L'Iraq sarà subordinato all'Iran, uno "schiavo" in pratica.

  15. #15
    Citazione Luck134
    Considerando che Allawi ha preso solo il 17.5%, direi la seconda.

    L'Iraq sarà subordinato all'Iran, uno "schiavo" in pratica.
    Riportavo una cosa che avevo detto tempo fa.
    Ormai mi sembra ovvio che sia la seconda.
    "Il sonno della ragione genera mostri"

Pag 1 di 5 1234 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •