• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 5 1234 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 62

Discussione: La malattia del calcio

Cambio titolo
  1. #1
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307

    La malattia del calcio

    Pieroni è saltato, ha perso (o avrà salvato qualcosa, ma poco importa). Si è fatto anche la galera e adesso vuole parlare.

    Qui se iniziano a parlare (e la magistratura inizia a indagare) succede uno scandalo pari a tangentopoli.

    Nell'ambiente tutti sanno, ma nessuno parla. Perche dovrebbero farlo? Si arricchiscono, hanno potere. Parlano i perdenti, come Pieroni.


    Moggi da l'impressione di essere mafioso, della serie...meglio averlo per amico che nemico. Se la metà delle affermazioni di Pieroni fossero vere, ci sarebbe da chiamare l'esercito


    L'articolo è lungo, ma se vogliamo intavolare una discussione seria sul calcio dovete leggerlo.

    I problemi sono tanti: dalla designazione degli arbitri, dalla successione in lega, dal conflitto di interessi, dall'evasione fiscale etc....
















    Parla Pieroni, l'ex numero 1 dell'Ancona ormai fallito
    53 giorni di carcere e un nemico: "Moggi me l'ha giurata"
    "Ho fatto soldi nel calcio sporco
    ma il peggiore non sono io"
    "Tutto cominciò col Perugia-Juve del 2000..."

    di CORRADO ZUNINO




    PERUGIA - La cyclette cromata è al centro del salotto dell'attico al centro di Perugia, otto pile di documenti sono sul tavolo d'antiquario. Il ragionier Ermanno Pieroni, 59 anni, arbitro a quindici, segretario particolare del senatore Francesco Merloni a ventinove, direttore sportivo del calcio a trentatré, nelle stagioni '80 e '90 è stato il miglior piazzista di giocatori sconosciuti: 32 ragazzi scoperti nelle periferie d'Italia, fatti crescere e quindi venduti in serie A per 140 miliardi di vecchie lire. Hidetoshi Nakata, il talent scout Pieroni lo è andato a prelevare addirittura a Tokyo, poi l'ha ceduto alla Roma di Sensi per 60 miliardi. Schillaci lo vendette alla Juventus di Boniperti, Protti al Bari di Matarrese, Marchegiani al Brescia che era un ragazzino. "Dalla Promozione alla serie B ho vinto dodici campionati", dice Pieroni con quella tigna un po' arrogante che gli ha regalato nemici in tutte le piazze che ha frequentato. E aggiunge: "Ho vissuto in un calcio corrotto, ma ho fatto il dieci per cento di quello che ho visto, a tutti i livelli. Ho pagato stipendi in nero, ho evaso le tasse, ma per questo ho fatto 53 giorni di carcere, 110 giorni di domiciliari. E la sera dell'arresto sono andato in ospedale con 43 agenti intorno".

    Già. Ermanno Pieroni è imputato in sette inchieste tra Ancona e Taranto: truffa ai danni dello Stato e bancarotta, sono le accuse. La bancarotta è quella dell'Ancona calcio spa, undici agosto del 2004. Da due settimane è un uomo libero, solo a Perugia: non può lasciare la città. E dal suo attico con cyclette in cromo e faldoni appilati parla con "Repubblica". "Il pubblico ministero Irene Bilotta mi accusa di aver fatto fallire l'Ancona e di aver portato via 12 milioni di euro dalle casse del club - inizia - dimostrerò che non ho preso un soldo e che io, come Sensi e Moratti, in una squadra di calcio ci ho messo i miei averi. Per me, a differenza di Sensi e Moratti, erano però i risparmi di quarant'anni di lavoro. Due milioni accumulati in una banca di Montecarlo e cinque appartamenti: ho perso tutto".

    L'arbitro di C fattosi presidente di serie A è convinto di essere finito in galera per un accordo tra il calcio e la politica. Segna su fogli di block notes nomi, li incrocia disegnando frecce. L'avversario più cinico, racconta, è stato Luciano Moggi, direttore generale della Juventus. Pieroni lo chiama il pescecane. Poi c'è "la cupola di Ancona". Intende una cordata di imprenditori locali che mai ha sopportato il ragioniere di Jesi alla guida del club che fu del potente Longarini. Il terzo schieramento nemico è l'Alleanza nazionale "che ruota attorno alla Maceratese". Infine, "un gruppo di potere all'interno della Federazione". Pieroni sostiene che le garanzie economiche offerte nel corso dell'ultima ricapitalizzazione dell'Ancona calcio - un credito Iva di 13 milioni di euro periziato dal tribunale - non sono state accettate per scelta politica: "Mi hanno negato l'iscrizione al campionato di serie B e hanno sancito la fine della mia società. Dopo tre anni di scandali impuniti il calcio doveva dare qualcuno in pasto all'opinione pubblica - dice - eccolo, il più debole. E poi hanno voluto tutelare i fratelli Zappacosta, alti dirigenti Coni accusati di aver portato via dall'Ancona un milione e mezzo di euro". I fratelli Zappacosta sono sotto processo, stesso pm, per appropriazione indebita.

    "Se devo ricostruire chi me l'ha fatta pagare, Moggi è in cima ai pensieri". Lo scontro tra i due prende corpo il 14 maggio del 2000 quando il Perugia di Mazzone, in una domenica folle di diluvi e sospensioni, batte 1-0 la Juventus e le nega lo scudetto. La Juventus di Lippi e di Moggi. Pieroni racconta: "Il martedì che precede la gara mi avvicina il presidente Gaucci, un uomo per cui ho lavorato tanto e che mi ha fatto ricco, un presidente generoso che viaggia con gioielli e tagli da 500 euro nei tasconi del Mercedes, ama fare regali lui. "Pieroni", mi dice Gaucci, "se contro la Juve non giochiamo alla morte e non vinciamo metterò in discussione il nostro rapporto, passato, presente, futuro". La Lazio non poteva perdere lo scudetto a Perugia per due anni di seguito. Avrei scoperto in seguito che Capitalia, già nel consiglio di amministrazione della Lazio, nel Duemila aveva già in pegno tutte le azioni del Perugia".

    La Juventus? "Ricordo una strana telefonata. Il venerdì, era Francesco Cimminelli". L'amministratore del Torino? "Lui, imprenditore dell'indotto Fiat, vicino alla Juventus e a Luciano Moggi. Cimminelli voleva vedermi con urgenza, aveva da propormi un incarico al Torino. Gli dissi di aspettare Perugia-Juventus". Domenica 14 maggio gli umbri si giocano tutto, nonostante siano già salvi, e una Juve senza gambe perde il campionato. "Moggi non me l'ha mai perdonato". Spiega Pieroni: "Il martedì raggiunsi Cimminelli nel suo ufficio di Borgaro Torinese, alla Ergom. Mi offrì un contratto di tre anni, tre miliardi netti. Firmai e in pochi giorni la stampa sportiva locale montò una dura campagna contro di me. Puntuale arrivò la contestazione degli ultrà: in settemila sotto la sede contro il sottoscritto. Credo siano stati aizzati. Una settimana e Cimminelli si fece vivo: "Pieroni, non se ne fa nulla - mi disse - qui c'è un'incompatibilità ambientale". Avevo un contratto firmato e la Lega di Franco Carraro fece finta di non sapere. Per riparare il danno il patron del Torino mi offrì 600 milioni, li avrei investiti sull'Ancona. Quello che ho sempre sospettato, e cioè l'intervento di Moggi sulla dirigenza granata come ritorsione per Perugia-Juventus, è diventato un elemento del processo in corso ad Ancona. L'avvocato Maglione, dirigente di calcio, lo ha dichiarato al pm: "Pieroni al Torino è stato bruciato da Moggi"".

    Il primo sgarbo è agli atti, ma il direttore sportivo di provincia ricorda quindici occasioni di scontro con il direttore generale Juve. "Nella primavera 2002", una per tutte, "entrai in rotta di collisione con il figlio Alessandro sulla campagna acquisti. Io lavoravo per l'Ancona in serie B, Moggi junior procurava giocatori alla Ternana. "Se mi tocchi questa squadra", gli dissi, "ti porto dal pm Guariniello". Lui: "Lascia stare i tribunali, abbiamo conoscenze importanti, possiamo farti molto male"".

    Pieroni vuole spiegare chi è, oggi, Luciano Moggi. "Riesce a controllare attraverso suoi uomini otto squadre di serie A", assicura. "In queste settimane sta facendo pressioni per entrare nella Roma: vuole togliere di mezzo il direttore sportivo Franco Baldini per sostituirlo con Mariano Fabiani, oggi al Messina. Ha messo alla Lazio un "ds" fedele, Gabriele Martino. E ci sono suoi fidati all'interno di società apparentemente nemiche come la Fiorentina di Della Valle. Ha uomini - non solo rapporti stretti, uomini - in venti club tra serie B e C. Attraverso la Gea World presieduta dal figlio, duecento tra giocatori e allenatori sotto contratto, condiziona nemici e amici. Calciatori, dirigenti, qualche presidente. È storia di queste settimane: il Siena, penultimo in classifica, ha fatto il miglior mercato d'inverno. Ha preso sei uomini di peso, persino un difensore di prima fila della Juventus, Tudor, fin lì negato a tutti. Che cosa è successo? La Gea è riuscita a far cacciare Gigi Simoni, un gentiluomo del calcio italiano, per mettere in panchina un suo assistito, Luigi De Canio. Simoni si è sempre rifiutato di entrare nel parco Gea e ora paga. Moggi, sa, è riuscito a far litigare lo storico direttore sportivo del Siena, Nelso Ricci, con il presidente De Luca: la storia del rinnovo del contratto del brasiliano Taddei. Quindi, ha piazzato al suo posto il fido Perinetti, uno che di Moggi conosce tutti i segreti. Sono pronto a scommettere: Taddei a giugno finisce alla Juventus o alla Roma. Chiedete ai procuratori Canovi e Morabito come la Gea mette sotto contratto i giocatori. Li blandisce: "Se vieni con noi ti facciamo arrivare in nazionale". Poi li spaventa. Senta Grabbi, una promessa della Juventus, uno che con la Ternana in serie B ha fatto ventidue gol. Disse no a Moggi junior perché non voleva abbandonare il procuratore che l'aveva fatto crescere e adesso è a spasso".
    Padre manager e figlio procuratore, continua il racconto Pieroni, hanno sferrato l'attacco frontale la scorsa estate: "Ero con l'acqua alla gola e hanno tentato di portare l'Ancona sotto la loro ala. Erano quotidianamente informati dall'ex amministratore delegato, Vincenzo D'Ambrosio, e dal direttore sportivo Pietro Tomei. Agiscono così, ti sfiancano e ti sfilano la società. Tentai di rabbonirli prendendo in prestito un attaccante del giro Gea, Jardel, un pacco brasiliano in sovrappeso di 15 chili, 650 mila euro tra prestito e ingaggio". Di lui, ad Ancona, si ricorda la bellissima moglie. "Non è bastato. D'Ambrosio incontrò a mia insaputa Alessandro Moggi a Milano. E poi offrì all'antiquario vicentino Corona - l'imprenditore che aveva in mano la garanzia Iva da 13 milioni - un milione e 200 mila euro per comprare la sua quota in società: in contanti, tutti stipati in una valigia. Corona rifiutò".

    Nel calcio Luciano Moggi fa quello che vuole, chiude Pieroni. "Con me si è vantato di suggerire soluzioni all'attuale presidente federale, Carraro, tutti i giorni. Ha messo in pensione Picchio De Sisti e Aldo Agroppi, allenatori ostili. Il prossimo obiettivo è zittire Boniek, uno che alla Domenica sportiva ama dire la verità. Dal suo periodo trascorso a Torino ha ereditato amici decisivi: uno è il veterinario Pierluigi Pairetto, designatore degli arbitri. Oggi Moggi ha amicizie in tutti i gradi della Federcalcio: infatti non viene mai interrogato, deferito, punito". Ecco: "È un uomo vendicativo, ha contribuito a rovinare questo bel calcio e a distruggere Ermanno Pieroni".

  2. #2
    Il Cattivo L'avatar di dado88
    Registrato il
    09-03
    Località
    Abruzzo - Età: 20
    Messaggi
    8.030
    COme hai detto tu: se dice la verità, ci sarebbe da chiamare l'esercito.
    Ma dubito che quello che ha detto sia vero.
    bah

  3. #3
    Mod of the Year 2007 L'avatar di paler
    Registrato il
    07-04
    Località
    Roma
    Messaggi
    41.230
    io sinceramente sarei dalla parte di ki nn parla...nn fraintendete...nn vorrei rovinare la reputazione gia scadente del calcio italiano...ma anke dell'Italia in se...

  4. #4
    Incancellabile L'avatar di Leopor
    Registrato il
    11-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    45.960
    se parlano tutti crolla tutto...

  5. #5
    io rullo °D° L'avatar di Mario&LuigiTheBest
    Registrato il
    09-04
    Località
    sotto il letto
    Messaggi
    272
    pieroni è un brutto porco schifoso che nn ha fatto altro che danneggiare le società di cui era presidente(tra cui la mia amata ancona8( )...io nn lo constringevo a solo 5 mesi arresti domiciliari.le sue sono tutte ca**ate x pararsi il c**o. guarda come ci ha ridotti..dalla seria A giustamente lasciata dato che avevamo una squadra di medda siamo passati alla C2..che vergogna...!

  6. #6
    Il Cattivo L'avatar di dado88
    Registrato il
    09-03
    Località
    Abruzzo - Età: 20
    Messaggi
    8.030
    Altro esempio: Della Valle, oggi, ha smentito le dichiarazioni di Zoff, dicendo che "il calcio non c'entra nulla con la politica".
    bah

  7. #7
    Tifoso Azzurro L'avatar di Glaciale
    Registrato il
    10-02
    Località
    Napoli
    Messaggi
    16.126
    letto.Praticamente Moggi è il mafioso del calcio,decide tutto,comanda tutto,beh spero ke gli organi competenti (nn quelli comandati da Moggi)aprino un inchiesta,perchè adesso ci sono prove
    De Laurentiis:"Lavezzi è il loco, nel senso che rende pazzi gli altri".

  8. #8
    Il Cattivo L'avatar di dado88
    Registrato il
    09-03
    Località
    Abruzzo - Età: 20
    Messaggi
    8.030
    Citazione Glaciale
    letto.Praticamente Moggi è il mafioso del calcio,decide tutto,comanda tutto,beh spero ke gli organi competenti (nn quelli comandati da Moggi)aprino un inchiesta,perchè adesso ci sono prove
    Non è una prova. Sono dichiarazioni. Chi ti dice che siano vere? Mah...
    bah

  9. #9
    Incancellabile L'avatar di Leopor
    Registrato il
    11-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    45.960
    Citazione dado88
    Non è una prova. Sono dichiarazioni. Chi ti dice che siano vere? Mah...
    Secondo me sono vere,solo che deve anche dimostrare anche con delle prove la realtà delle sue parole

  10. #10
    Tifoso Azzurro L'avatar di Glaciale
    Registrato il
    10-02
    Località
    Napoli
    Messaggi
    16.126
    Citazione dado88
    Non è una prova. Sono dichiarazioni. Chi ti dice che siano vere? Mah...
    Pieroni ha le prove,ora si deve indagare
    De Laurentiis:"Lavezzi è il loco, nel senso che rende pazzi gli altri".

  11. #11
    ♥ 07.03.09 ♥ L'avatar di Ceck the sound
    Registrato il
    06-03
    Località
    Jesolo beach.
    Messaggi
    33.493
    Citazione Glaciale
    letto.Praticamente Moggi è il mafioso del calcio,decide tutto,comanda tutto,beh spero ke gli organi competenti (nn quelli comandati da Moggi)aprino un inchiesta,perchè adesso ci sono prove
    Infatti, se cio è vero tutti i dubbi diventerebbero verità, e questo punto non si tratterebbe piu di "semplici chiacchere" tra tifosi. Sarebbe veramente uno scandalo. Io, personalmente, immaginavo che Moggi la sapesse lunga, ma non fino a questo punto.

  12. #12
    Il Cattivo L'avatar di dado88
    Registrato il
    09-03
    Località
    Abruzzo - Età: 20
    Messaggi
    8.030
    Citazione Leopor
    Secondo me sono vere,solo che deve anche dimostrare anche con delle prove la realtà delle sue parole
    Mah. Pieroni non è un tizio raccomandabile, anzi.
    Personalmente non mi fido.
    Se quei fatti erano veri, Moggi starebbe già in galera.
    bah

  13. #13
    Il Cattivo L'avatar di dado88
    Registrato il
    09-03
    Località
    Abruzzo - Età: 20
    Messaggi
    8.030
    L'unico vero indizio, per la verità, è la GEA.
    bah

  14. #14
    Utente L'avatar di Salvos86
    Registrato il
    11-04
    Località
    dall'universo intero
    Messaggi
    526
    ma... giro molto complesso però molto veritiero... se è come dice pieroni non esiste più il vero calcio, ma ormai quando girano i soldi tutto è corrotto, non c'è niente da fare, e le vittime siamo noi tifosi... mah... moggi è un mafioso del calcio e questo lo si sapeva... se riesce pieroni a cpnfermare quello che ha rilasciato con dei fatti, cioè documenti e registrazioni, ci sarà veramente un grande scandalo!
    Qui non si muore mai

  15. #15
    I Want to Believe L'avatar di Propagator91
    Registrato il
    06-04
    Località
    Milano
    Messaggi
    11.616
    spero ke nn abbia ragione se no è la fine del calcio
    All lies lead to the truth


    - AMOR FATI -


    Risks are possibilities

Pag 1 di 5 1234 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •