• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 27

Discussione: [DIF] Elezioni e lezioni dall'Iraq

Cambio titolo
  1. #1
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884

    [DIF] Elezioni e lezioni dall'Iraq

    Il popolo iracheno si è recato in massa alle urne e il contingente “Antica Babilonia” potrà contare dai prossimi giorni sull’importante rinforzo di tre elicotteri da combattimento Mangusta: due fatti importanti e certo positivi che però impongono riflessioni circa le valutazioni e le polemiche che li hanno preceduti e accompagnati.
    Benché i dati sulle elezioni siano ancora provvisori appare evidente che la stragrande maggioranza del popolo iracheno (almeno il 70%) si è recata con entusiasmo alle urne sfidando le autobomba, i kamikaze e i cecchini di Zarqawi e dei seguaci di Saddam Hussein.
    Come previsto, un minore afflusso si è registrato nel “triangolo sunnita” ma da quelle parti i combattimenti quotidiani, il boicottaggio dei maggiori partiti locali, il sostegno di parte della popolazione alla causa della guerriglia e soprattutto la paura diffusa hanno sconsigliato molti dal recarsi alle urne.
    Un voto che rappresenta un’inequivocabile vittoria per gli anglo-americani, che non hanno mai nascosto il progetto di esportazione della democrazia per sconfiggere il terrorismo, ma anche per gli italiani che da diciotto mesi presidiano la provincia del Dhiqar dove hanno garantito la sicurezza sia con la presenza militare sia con l’addestramento impartito alle forze locali.
    Di fronte all’evidente riuscita delle elezioni destano sconcerto i commenti di parte della sinistra che continua arbitrariamente a parlare di “occupazione “ e “resistenza” dimostrando uno stato confusionale che non fa certo onore alla politica di un paese avanzato come l’Italia.


    L’occupazione militare in Iraq è di fatto terminata in giugno con l’assunzione dei poteri da parte del governo di Iyad Allawi e, se non bastasse, tutti i partiti (comunisti iracheni in testa) dopo le elezioni hanno chiesto agli alleati di non abbandonare il paese.
    Certo i soliti intellettuali da salotto ora prevedono lo scoppio di una guerra civile in Iraq, ovviamente per colpa di Bush e Berlusconi, ma non c’è da preoccuparsi. Si tratta degli stessi che dimostrando rare doti d’indovini avevano previsto la disfatta americana in Afghanistan nel 2001, l’olocausto chimico-biologico nell’operazione Iraqi Freedom e la sconfitta di Bush alle presidenziali grazie ad una maggiore partecipazione al voto da parte del popolo statunitense…..
    Insomma, pur non avendo azzeccato un pronostico possiamo stare certi che continueranno a pontificare con il solito insopportabile atteggiamento di superiorità intellettuale tipico di quella sinistra che non ha ancora digerito il crollo del Muro di Berlino.
    Quanto alla “resistenza” irachena, l’antiamericanismo ha talmente accecato menti e cuori da spingere qualcuno ad azzardare un paragone tra Zarqawi e i partigiani italiani del 1943-45 cui ha giustamente fatto seguito la protesta dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.
    L’ideologia inebria, acceca e nel tentativo di difendere ben oltre i limiti del buon gusto la causa della “resistenza” irachena c’è persino chi si è inventato bande islamiche al soldo della CIA che sarebbero responsabili dei sequestri di alcuni giornalisti, ovviamente quelli di sinistra e pacifisti.


    Parte dell’opposizione italiana dovrebbe andare a lezione di democrazia dal popolo iracheno come hanno scoperto anche Piero Fassino e la parte moderata del centrosinistra, che a fatica cercano di raddrizzare il timone proponendo una seria riflessione autocritica sulla vicenda irachena. Un compito difficile, soprattutto ora che le esigenze elettorali impongono di compattare il centro-sinistra. Ed ecco quindi che Romano Prodi, tanto per far contenti tutti i pezzi della GAD, si appella con tempismo e originalità ad un intervento dell’ONU in Iraq !
    Il Palazzo di Vetro con la Risoluzione 1546 ha già benedetto da tempo le elezioni e la forza multinazionale sotto il comando statunitense anche perché non si troverebbero paesi diversi da quelli che già vi schierano contingenti pronti ad offrire caschi blu per l'Iraq. E poi a Baghdad non vogliono truppe di nazionalità diversa da quelle presenti, né tanto meno soldati di paesi arabi mentre i funzionari dell'ONU hanno così paura di recarsi a Baghdad che per le elezioni sono giunti in Iraq appena una trentina di osservatori, un decimo di quelli inviati nella piccolissima, ma più esotica e certo meno pericolosa, Timor Est.
    Lo stato confusionale dell’opposizione rende ancora più inspiegabile l’atteggiamento del Ministero della Difesa sulla vicenda degli elicotteri Mangusta.
    A dicembre il ministro Antonio Martino smentì le indiscrezioni di alcuni media (tra i quali Analisi Difesa) circa l’imminente invio degli elicotteri da combattimento. Poi, dopo la polemica scoppiata in seguito alla morte del maresciallo Simone Cola, fonti ufficiali e persino alcuni generali non più in servizio dichiararono che i Mangusta in Iraq non servivano mentre veniva sottolineato che la richiesta di invio degli elicotteri non era stata sottoposta al ministro, il quale però non si è recato alle Camere a rispondere alle interrogazioni di un’opposizione certo pacifista ma che per opportunismo si era”innamorata” degli A-129.
    Infine, il colpo di scena dell’annuncio televisivo di Martino dell’imminente invio degli elicotteri a Tallil. Uno scoop per “Porta a Porta”, ma alle dichiarazioni non hanno fatto seguito comunicati stampa ufficiali della Difesa che precisassero i dettagli dell’operazione facendo sorgere ironicamente ma legittimamente il dubbio che Bruno Vespa fosse stato nominato capo dell’ufficio stampa del Ministero della Difesa.
    I lettori ben sanno quale sia la nostra opinione su questo tema ma è evidente che la gestione politica e mediatica dell’intera questione lascia aperti molti dubbi così come ha destato sconcerto la sospensione dell’imbarco dei giornalisti sui voli militari diretti a Tallil poche settimane prima delle elezioni irachene.
    La Farnesina aveva sconsigliato la stampa a inviare reporter in Iraq per i rischi connessi ad attentati e rapimenti ma, come hanno dimostrato anche i fatti di questi ultimi giorni, i giornalisti “embedded” con il contingente “Antica Babilonia” rischiano certo di meno di quanti si muovono da soli per l’Iraq e in ogni caso i rischi fanno parte anche del nostro mestiere.
    La stampa italiana non ha potuto seguire le elezioni nel Dhiqar privando il nostro contingente di una visibilità importante proprio nel giorno che dava un concreto senso compiuto ad una missione difficile che è costata all’Italia tanti sforzi, vittime, sacrifici e denaro.
    Inoltre, poiché i quotidiani Corriere della Sera e Repubblica mantengono corrispondenti fissi a “Camp Mittica”, la direttiva ha finito per favorire indirettamente i due maggiori quotidiani italiani.


    Al di là di questo aspetto resta comunque il dubbio che si sia voluta evitare la presenza dei media in un momento potenzialmente esplosivo come le elezioni che sono state seguite in massa dalla stampa internazionale nonostante Zarqawi avesse promesso terrore e morte.
    D’altra parte ormai siamo consapevoli della paura che dilaga negli ambienti politici italiani di fronte alla guerra e infatti retorica vuole che le operazioni oltremare siano tutte “missioni di pace”, i militari che vi prendono parte divengano “soldati di pace” e i caduti “eroi di pace” anche se caduti ed eroi non sono la stessa cosa, almeno per il vocabolario della lingua italiana.
    Anche i media hanno voluto adeguarsi a queste "note di linguaggio", come si è visto con il sequestro di Giuliana Sgrena, l’inviata del Manifesto che negli appelli per la sua liberazione è stata definita una “giornalista di pace” che i terroristi dovrebbero liberare immediatamente perché è sempre stata contraria alla guerra e nei suoi articoli ha sempre condannato l’invasione anglo-americana dell’Iraq.
    E se i terroristi catturassero un reporter di una testata con posizioni diverse? Sarebbe un sequestro giusto o giustificabile?
    Invece di inventare ridicole definizioni “politicamente corrette”, che si addicono più a una militanza ideologica ormai anacronistica che al giornalismo, non sarebbe meglio riflettere sulla necessità di dotare di scorte professionali i reporter che si muovono da soli in aree di guerra come fanno già da tempo i media anglosassoni ?

    ---------------------------------------------------------------------

    Questo è un editoriale scritto da Gianandrea Gaiani, un esperto di strategia militare e direttore di una delle più importanti riviste nel settore della difesa e della sicurezza. Secondo me Gaiani è davvero un ottimo giornalista, e il suo editoriale fa un analisi corretta e reale delle elezioni e del panorama politico italiano nei confronti della guerra in Iraq. E' lunghetto, ma merita di essere letto. L'articolo lo potete trovare qui.


  2. #2
    Bannato L'avatar di Eclipse
    Registrato il
    02-04
    Località
    C++atania
    Messaggi
    5.745
    è molto molto molto di parte... altro che bravo giornalista..

  3. #3
    Verso il domani L'avatar di Luck134
    Registrato il
    10-02
    Località
    Genova
    Messaggi
    14.768
    Se Zarqawi è intelligente (e se conta veramente qualcosa in Iraq) farà in modo di favorire la salita al potere degli Sciiti. Comunque aspetterei a dire che è una vittoria degli Stati Uniti: gli Ayatollah non vedono l'ora di applicare la Sharia.

  4. #4
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Citazione Eclipse
    è molto molto molto di parte... altro che bravo giornalista..
    Assolutamente no, dice soltanto cose vere. Voi di sinistra continuate a negare, ma cercate di leggere con uno sguardo più imparziale, sono dati inopinabili


  5. #5
    Fidek! L'avatar di RoBoEt
    Registrato il
    08-04
    Località
    ovunque e in nessun luogo
    Messaggi
    1.140
    Citazione Jack89
    Assolutamente no, dice soltanto cose vere. Voi di sinistra continuate a negare, ma cercate di leggere con uno sguardo più imparziale, sono dati inopinabili
    io sono di sinistra e ritengo l'articolo veritiero, comunque tu non generalizzare eh
    "un uomo può amare l'umanità immensamente ma non poter sopportare il contatto con gli altri uomini"
    da "I fratelli karamazov"
    "C'è solo
    una persona che può decidere del mio destino e quella persona sono io"
    da "Quarto potere"
    "sub nomine pacis bellum latet"
    ovvero:
    "sotto il nome di pace è nascosta la guerra"


  6. #6
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Citazione RoBoEt
    io sono di sinistra e ritengo l'articolo veritiero, comunque tu non generalizzare eh
    BRAVO!!!

    Con la mia affermazione di negare intendo quelli accaniti di sinistra e i politici che fanno parte della GAD


  7. #7
    Utente L'avatar di costanet
    Registrato il
    10-03
    Messaggi
    4.463
    Riporto un mio post sull'argomento di qualche giorno fa con la precisazione che ora le stime della percentuale votanti sono sotto il 50%.

    Non credo, comunque che si debba enfatizzare troppo il discorso elezioni in Iraq alla luce di alcune considerazioni difficilmente contestabili.

    E' difficile parlare compiutamente di elezioni libere e democratiche dal momento che si sono svolte sotto occupazione, con una presenza militare straniera.

    Sono troppi i dubbi su vari dati, sulla reale entità della partecipazione al voto, (appena chiusi i seggi, subito si è annunciata la partecipazione del 72 per cento della popolazione, velocemente ridotto al 57 per cento, due giorni dopo). Inoltre un'elezione non si giudica dall'inquadramento di una fila di persone ad un seggio ma soprattutto da i dati sulla percentuale di popolazione iscritta nelle liste elettorali e a questo proposito l'ONU conferma
    che non esiste alcun registro elettorale e manca perfino un elenco completo degli elettori.

    E la cartina di tornasole ce l'abbiamo da un dato interessante, dal numero degli esiliati iracheni che, sapendo cosa vuole dire una libera elezione solo in 265.000 hanno votato su 4 milioni.

    E che elezioni possono essere se fino al giorno prima non si conoscono le liste dei candidati, l'ubicazione dei seggi oppure le trstimonianze di gente che votava con documenti di altre persone, gruppi di elettori che entravano tutti assieme nel segreto della cabina.

    La stampa araba riferisce che dei 5500 seggi sparsi nel Paese, solo 5, sempre gli stessi, sono stati mostrati ai media per foto e riprese Tv e se volessimo ironizzare, il vedere lunghe file di donne vestite di nero fa pensare alla bellissima scenetta con Toto' e Peppino che, vestiti e mascherati da banditi alla ku klux klan giravano dietro un muretto in modo tale che, pur essendo solo in due, simulavano di essere una intera banda di rapitori , poichè ogni volta ognino dei due passando dietro al muretto, si metteva dietro l'altro.
    Sto giocando: Uncharted waters Gioco su:PS3

  8. #8
    Fidek! L'avatar di RoBoEt
    Registrato il
    08-04
    Località
    ovunque e in nessun luogo
    Messaggi
    1.140
    Citazione Jack89
    BRAVO!!!

    Con la mia affermazione di negare intendo quelli accaniti di sinistra e i politici che fanno parte della GAD
    no sputtare un tentativo di far fronte comune contro il berlusca, è anche vero però che alcuni politici della gad sono degli ex di democrazia cristiana, come è vero anche dall'altra parte.
    "un uomo può amare l'umanità immensamente ma non poter sopportare il contatto con gli altri uomini"
    da "I fratelli karamazov"
    "C'è solo
    una persona che può decidere del mio destino e quella persona sono io"
    da "Quarto potere"
    "sub nomine pacis bellum latet"
    ovvero:
    "sotto il nome di pace è nascosta la guerra"


  9. #9
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Come primissime elezioni è comunque un risultato soddisfacente. Certo, le prossime (quanto dura una legislatura in Iraq? ) saranno certamente migliori, e così via. D'altronde puoi renderti conto che era una situazione davvero drammatica. Comunque è vero, non bisogna enfatizzare troppo sulle elezioni, ma non puoi negare che comunque si tratta di una modesta vittoria sul terrorismo.

    E comunque l'articolo non si limita ad enfatizzare, ma propone critiche e spunti di discussione interessanti.


  10. #10
    Verso il domani L'avatar di Luck134
    Registrato il
    10-02
    Località
    Genova
    Messaggi
    14.768
    Ci sono già i risultati definitivi?

  11. #11
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Citazione Luck134
    Ci sono già i risultati definitivi?
    Credo di no, ma saranno scontati.


  12. #12
    Utente L'avatar di costanet
    Registrato il
    10-03
    Messaggi
    4.463
    Citazione Jack89
    Come primissime elezioni è comunque un risultato soddisfacente. Certo, le prossime (quanto dura una legislatura in Iraq? ) saranno certamente migliori, e così via. D'altronde puoi renderti conto che era una situazione davvero drammatica. Comunque è vero, non bisogna enfatizzare troppo sulle elezioni, ma non puoi negare che comunque si tratta di una modesta vittoria sul terrorismo.
    Direi che su questo si può certamente essere d'accordo, non vogliamo negare l'importanza di elezioni in quel paese. sarà comuqnue interessante vedere il proseguo dello spoglio. C'è infatti uno fenomeno strano.
    Fino al 6.2.l'Alleanza Unita Irachena è il partito che pare aver stravinto le elezioni e aveva ricevuto l'esplicita benedizione di Sistani. E l’Alleanza Unita dovrebbe aver ottenuto in base allo spoglio del 35 per cento dei seggi il 67 per cento dei voti. Al secondo posto, con il 17,5 per cento, c'è il partito del premier Iyad Allawi, anche lui sciita ma di impostazione laica.

    Ma dopo la sparata sulla Nuova Costituzione che loro ritengono dovrebbe essere modellata sul Corano non sono da escludere "sorprese" sull'esito che ora pare scontato. Se noti, infatti, da allora non sono più filtrate molte noztizie a riguardo. Staremo a vedere.
    Ultima modifica di costanet; 9-02-2005 alle 14:17:05
    Sto giocando: Uncharted waters Gioco su:PS3

  13. #13
    Verso il domani L'avatar di Luck134
    Registrato il
    10-02
    Località
    Genova
    Messaggi
    14.768
    Citazione Jack89
    Credo di no, ma saranno scontati.
    Beh, non proprio. In molti(ssimi) si sarebbero aspettati brogli ed invece gli Sciiti hanno una stragrande maggioranza, oltre il 65%, ed il partito di Allawi appena intorno al 15%.

  14. #14
    Verso il domani L'avatar di Luck134
    Registrato il
    10-02
    Località
    Genova
    Messaggi
    14.768
    Citazione costanet
    Direi che su questo si può certamente essere d'accordo, non vogliamo negare l'importanza di elezioni in quel paese. sarà comuqnue interessante vedere il proseguo dello spoglio. C'è infatti uno fenomeno strano.
    Fino al 6.2.l'Alleanza Unita Irachena è il partito che pare aver stravinto le elezioni e aveva ricevuto l'esplicita benedizione di Sistani. E l’Alleanza Unita dovrebbe aver ottenuto in base allo spoglio del 35 per cento dei seggi il 67 per cento dei voti. Al secondo posto, con il 17,5 per cento, c'è il partito del premier Iyad Allawi, anche lui sciita ma di impostazione laica.

    Ma dopo la sparata sulla Nuova Costituzione che loro ritengono dovrebbe essere modellata sul Corano non sono da escludere "sorprese" sull'esito che ora pare scontato. Se noti, infatti, da allora non sono più filtrate molte noztizie a riguardo. Staremo a vedere.
    Non possono cambiare risultati, ci sarebbe uno scandalo. Al massimo, se vogliono fare qualche broglio, l'AU può passare dal 67 al 62-63 e Allawi dal 17 a 19-20%. Ma ormai credo che i rusultati saranno quelli.

  15. #15
    Utente L'avatar di costanet
    Registrato il
    10-03
    Messaggi
    4.463
    Comunque per informazione e senza polemiche sarebbe opportuno ricordare il famoso "protocollo Vietnam" facendo ovviamete gli scongiuri del caso.

    Il 4 settembre 1967 il New York Times ha pubblicato la storia vivace e celebrativa delle elezioni presidenziali organizzate da regime fantoccio Sud Vietnamita mentre imperversava la guerra. Il titolo: “Stati Uniti incoraggiati dal voto in Vietnam - I funzionari parlano di un'affluenza dell'83 per cento malgrado il terrore scatenato dai Vietcong per impaurire gli elettori”. L'elezione riuscita - insisteva il New York Times - “premia il presidente Johnson che vede in questo risultato il punto chiave di una politica impegnata a incoraggiare la normalizzazione costituzionale”.

    Poi sappiamo tutti cosa è successo.
    Sto giocando: Uncharted waters Gioco su:PS3

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •