• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Ran di Akira Kurosawa

Cambio titolo
  1. #1
    Bannato L'avatar di Eclipse
    Registrato il
    02-04
    Località
    C++atania
    Messaggi
    5.745

    Ok! Ran di Akira Kurosawa

    E' un film uscito parecchio tempo fa, ieri l'ho rivisto su vhs (in attesa di trovare il dvd!) e non ha però perso nulla del suo fascino.
    Il film si svolge nel giappone feudale, ai tempi degli shogun.

    da http://cinema.castlerock.it/review.php/id=725
    "ll vecchio feudatario Hidetora Ichimonji, dopo aver spartito l’impero fra i suoi tre figli, assiste impotente al suo sfacelo per opera dei due fratelli maggiori, assetati di potere, impazzisce e va incontro a un destino crudele e ingrato in un mondo dove non c'è più speranza per un vecchio pazzo come lui.

    Come è abbastanza facile intuire, quest'opera di Akira Kurosawa, uscita nel 1985, nominata a quattro Oscar ma vincitrice solo per i costumi, assorbe molto dalle tragedie di Shakespeare (la trama è praticamente quasi uguale a quella del Re Lear). Il maestro giapponese racconta quietamente e attraverso una progressione narrativa che dà corpo alla rassegnazione pietosa di chi sa già come andrà a finire, la vicenda che porterà alla autodistruzione del protagonista. La parola "ran" sta per caos, ed è proprio questa sensazione di estremo disordine che si insinua nella mente del vecchio Hidetora allorché viene ripudiato dai figli e costretto dagli eventi a fuggire, e a vagare. In questo suo peregrinare è doveroso riscontrare l'importanza dell'elemento catartico che conduce alla finale comprensione del tutto, come motivo centrale e livello di lettura più esterno di un film complesso come quello del quale ci stiamo occupando.

    Kurosawa dimostra in questa pellicola di avere una perfetta conoscenza dei mezzi cinematografici più efficaci per rendere al meglio il messaggio di estrema grandiosità del male e della perfidia dell'uomo che, lo stesso autore, ci vuole lanciare attraverso la caratterizzazione dei suoi personaggi, peraltro ottima. Per questo motivo alterna alcune scene estremamente statiche ad altre di "estasi del movimento", per arrivare finanche a "passaggi di silenzio" che non possono far altro che rendere ancora più onore alla già peculiare maestosità della messa in scena.
    Davvero eccezionali le prove attoriali di tutti gli interpreti principali, che incarnano perfettamente i mille volti della disfatta umana di Hidetora Ichimonji, contro un mondo che sembra non volerlo più. Il tutto è ottimamente coadiuvato dall'apporto del sonoro, mai troppo invadente, ma sempre teso a sottolineare l'inclinazione drammatica delle sequenze senza soggiogarle ma anzi arricchendole di nuovi significati e possibilità di lettura. Del resto Kurosawa amava dire che il cinema non è solo immagine, ma il prodotto della moltiplicazione tra immagine e suono, e questa crediamo che sia la migliore dimostrazione del suo pensiero.

    Uno dei più bei film storici degli anni Ottanta, da rivalutare, o da scoprire per chi ancora non conosce bene il cinema di un grande maestro come Akira Kurosawa."

    La recensione parla soltanto della vicenda principale, quella che vede Hidetora, diventato pazzo, viaggiare senza meta per il suo regno, accudito solo dal suo buffone di corte che gli sta accanto solamente per deriderlo ancora di più, quasi si fossero invertite le parti.

    Oltre questa vicenda e la guerra fraticida della casa Ichimonji però vi sono molte altre vicende parallele, come quella di Kaede, figlia di un nemico di Hidetora e andata in moglie al figlio primogenito dello Shogun.
    Alla morte del marito, per mano del fratello, Kaede inizia una lunga vendetta che la vedrà sedurre il secondo figlio di Hidetora, cacciarne e far uccidere la moglie e tentare pure di assassinare il suo nuovo amante per vendicare il padre ucciso da Hidetora e il marito.

    Un film dalle tinte forti, pessimista e cupo ma spettacolare e glorioso al tempo stesso.








    Ultima modifica di Eclipse; 11-03-2005 alle 08:42:47

  2. #2
    Be Attitude for Gains L'avatar di Spiritmonger
    Registrato il
    11-02
    Località
    Vergate sul Membro
    Messaggi
    3.088
    Di Kurosawa ho visto solo i 7 Samurai, questo prima o poi me lo vedo
    O_____ro_e__Accia_i_o_e_____Sang__u
    |e_T__|___|_|___|_|r|_|id|im|__|en|
    |__sio|n.a|l|e__|N|el_|lo_S-|pa|zi|
    |_____|o__|_|_|3|_|_|!|__|__|_____|
    IveGot|_|ABikeYouCanRideItIfYouLike

  3. #3
    Diurno L'avatar di Lydser
    Registrato il
    01-03
    Località
    Ragusa
    Messaggi
    18.932
    io invece ho visto solo questo di kulosaiwa,bello,cercherò di vedermi i 7 samurai

  4. #4
    Io SO! Tu impara, quindi L'avatar di iamalfaandomega
    Registrato il
    10-02
    Località
    Varese
    Messaggi
    14.008
    I vecchi lavori di Kurosawa in bianco e nero si trovano facilmente in dvd, anche a meno di 10€. Li consiglio tutti, dal primo all'ultimo.
    I am Alpha and Omega, the Beginning and the End, the First and the Last

    Né dei, né giganti

  5. #5
    Bannato L'avatar di Medioman
    Registrato il
    10-02
    Località
    Red Light District
    Messaggi
    18.432
    Ho visto solo i 7 samurai e mi è piaciuto un casino, un capolavoro. Presto recupererò anche gli altri.

  6. #6
    Io SO! Tu impara, quindi L'avatar di iamalfaandomega
    Registrato il
    10-02
    Località
    Varese
    Messaggi
    14.008
    Pigliatevi Vivere. Storia di un impiegato comunale malato terminale di cancro allo stomaco che decide di realizzare un parco giochi per bambini. Se riuscite a vedere la figura di lui sotto la neve, sull'altalena, e a non piangere, siete pronti per la carriera di torturatore
    I am Alpha and Omega, the Beginning and the End, the First and the Last

    Né dei, né giganti

  7. #7
    Utente
    Registrato il
    06-03
    Messaggi
    1.787
    gran bel film Ran. Nient'altro da dire, d'altronde su Kurosawa è gia stato detto di tutto...
    IT'S NICE TO BE IMPORTANT BUT
    IT'S MORE IMPORTANT TO BE NICE

  8. #8
    Oltremodo sconveniente L'avatar di pity
    Registrato il
    11-03
    Località
    Napoli
    Messaggi
    32.108
    Citazione Alexy
    gran bel film Ran. Nient'altro da dire, d'altronde su Kurosawa è gia stato detto di tutto...
    d'accordo a metà. di kurosawa su questo forum ad esempio non si parla mai. il numero di risposte che ha ricevuto questo thread la dice lunga. senza nessuna vena di polemica (o forse un pizzichino) dico che se fosse stato un thread su "jackie brown" avrebbe ricevuto almeno 3 o 4 pagine di risposte.
    propongo di organizzare un comitato pro kurosawa che diffonda il suo verbo su movie radar
    Dice che c'è rimasto sulo 'o mare | Io sono la gomma, tu la colla

  9. #9
    L'illogica allegria L'avatar di Kratos
    Registrato il
    07-03
    Messaggi
    2.988
    un gran bel film Ran, eccezzionale l'attore che interpreta Hidetora. molto belle anche le scene di battaglia.
    però non ho mai capito la scena finale |:

  10. #10
    La Nausèe
    Registrato il
    11-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    8.518
    Proprio ieri ho visto un cofanetto con 5 ,credo, dividdì di Kurosawa !

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •