• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 31

Discussione: Il Paese cambia

Cambio titolo
  1. #1
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884

    Il Paese cambia

    Ecco, in sintesi, la nuova Costituzione votata dal Senato:


    PARLAMENTO: E' composto dalla Camera dei deputati e dal Senato federale.

    DEPUTATI E SENATORI, UN TAGLIO ALL'ORGANICO: Si riduce il numero dei parlamentari (di circa il 23 per cento). I deputati scendono da 630 a 500, i senatori da 315 a 252. Restano 18 (ma saranno tutti deputati) i parlamentari eletti dagli italiani all'estero.

    I DEPUTATI A VITA: prendono il posto dei senatori a vita e scendono da cinque a tre.

    UNA VENTATA DI GIOVENTU': Si abbassa il limite d'età per poter varcare i portoni dei palazzo della politica: basterà aver compiuto 21 anni (ora ne servono 25) per entrare a Montecitorio e 25 (invece di 40) a palazzo Madama.

    SENATO FEDERALE: La 'Camera alta' è forse il luogo dove il restyling istituzionale è maggiormente visibile. I senatori saranno eletti in ciascuna regione contestualmente ai rispettivi consigli. Ogni regione dovrà eleggere almeno sei senatori (ma a Molise e Val d'Aosta ne spettano rispettivamente due e uno). Ai lavori del Senato partecipano, ma senza poter votare, rappresentanti delle regioni e delle autonomie locali.

    LA DURATA DELLA LEGISLATURA: La Camera è eletta per 5 anni. I senatori eletti in ciascuna regione restano in carica fino alla data della proclamazione del nuovo consiglio regionale.

    ALLE OPPOSIZIONI LE COMMISSIONI DI GARANZIA: Esponenti dei gruppi di opposizione presiederanno le commissioni o i comitati con compiti di ispettivi, di controllo e di garanzia.

    CAMBIA L'ITER DELLE LEGGI: Sparisce il bicameralismo perfetto che ha funzionato fino ad oggi. La Camera esamina le leggi su materie riservate allo Stato (ad esempio politica estera, difesa, giustizia, ecc.) Il Senato ha 30 giorni (15 se si tratta di decreti) per proporre modifiche, ma la parola definitiva spetta a Montecitorio.

    Il Senato esamina leggi che riguardano le materie concorrenti, cioè quelle riservate sia allo Stato che alle Regioni. La Camera puo' proporre modifiche ma e' il Senato ad avere la parola definitiva.

    PER ALCUNE MATERIE UN CAMMINO AD HOC: Alcune questioni quali la determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni che riguardano i diritti civili e sociali (che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale), Senato e Camera legiferano alla pari. Se non trovano l'accordo entra i campo una terza assemblea, una commissione mista i cui 60 componenti sono indicati dai presidenti delle due Camere.

    LA DEVOLUTION: Alle regioni viene affidata la legislazione ''esclusiva'' per quanto riguarda l'assistenza e l'organizzazione sanitaria, l'organizzazione scolastica, la gestione degli istituti scolastici e di formazione, la definizione della parte dei programmi scolastici e formativi di interesse specifico della regione, la polizia amministrativa regionale e locale.

    CLAUSOLA DI INTERESSE NAZIONALE: Il governo puo' bloccare una legge regionale se ritiene che pregiudichi l'interesse nazionale: invita la regione a cancellarla ma se la risposta e' negativa sottopone la questione al Parlamento in seduta comune che ha 15 giorni di tempo per annullarla.

    REFERENDUM CONFERMATIVO SEMPRE POSSIBILE: Il referendum sulle leggi costituzionali sara' sempre possibile anche quando i testi vengono approvati dal entrambe le Camere con un'ampia maggioranza nella seconda votazione (i due terzi dei componenti).

    UN PRESIDENTE GIOVANE: Al Quirinale potrà entrare anche chi ha solo 40 anni. (oggi ne servono 50). Resta sempre in carica 7 anni.

    I POTERI DEL QUIRINALE: Il presidente della Repubblica rappresenta la nazione, e' garante della Costituzione e dell'unita' federale della Repubblica. E' eletto da un'assemblea formata da deputati, senatori, presidenti delle Regioni, e da due delegati per ciascun consiglio regionale. Il capo dello Stato, rispetto ad oggi, perde qualche potere. Il piu' importante: quello di sciogliere le Camere e di dare l'incarico di formare il governo. Puo' inviare messaggi alle Camere, promulga le leggi, nomina i funzionari dello Stato, i presidenti delle Authority e del Cnel, comanda le forze armate, presiede il Csm e ne nomina il vicepresidente, puo' concedere la grazia,

    IL PREMIER: E' la figura centrale del governo . I suoi poteri aumentano notevolmente. Non ha piu' bisogno della fiducia della Camera per insediarsi (ma solo un voto sul programma). La sua legittimazione avviene al momento dell'elezione, che e' di fatto una elezione diretta. I candidati premier si collegano con i candidati alla Camera (oppure con una o piu' liste di candidati a deputati). Sulla base del risultato elettorale il Capo dello Stato deve nominare premier il candidato della coalizione vincente. Il premier e' un vero capo del governo, determina (e non piu' dirige) la politica dell'esecutivo e ha il potere di nomina e revoca dei ministri e di sciogliere la Camera.

    SFIDUCIA COSTRUTTIVA E NORMA ANTIRIBALTONE: Se il premier decide di sciogliere la Camera, i deputati della maggioranza possono reagire presentando una mozione di sfiducia che deve indicare anche il nome del nuovo premier. Per salvarsi dalla sfiducia, il premier non potra' contare sul voto delle opposizioni: se si verificasse un caso del genere sarebbe costretto ugualmente alle dimissioni. Dunque sono impossibili i ''ribaltoni'', cioe' i cambi di maggioranza durante la legislatura.

    IL CSM: I componenti del Consiglio superiore della magistratura vengono eletti per i due terzi dai magistrati, per un sesto dalla Camera e per un sesto dal Senato federale.

    LA CORTE COSTITUZIONALE: I giudici che la compongono sono sempre 15 ma salgono da cinque a sette quelli di nomina parlamentare: quattro ne nomina il Senato federale e tre la Camera. Il presidente della Repubblica ne nomina altri quattro (uno in meno di oggi), mentre gli ultimi quattro sono indicati dai magistrati.

    IL TIMING, RIFORMA A REGIME: Una parte della riforma entrera' in vigore subito dopo il referendum: eleggibilita' e immunita' dei parlamentari, eta' per il Quirinale, Authority (che entrano cosi' in Costituzione),federalismo, interesse nazionale. Una seconda parte andra' in vigore solo a partire dal 2011: Senato federale, iter delle leggi, nuovi poteri del presidente della Repubblica, premierato. Un'ultima parte della riforma andra' in vigore ancora piu' tardi, nel 2016 (5 anni dopo l'elezione del primo Senato Federale): riduzione dei parlamentari, eta' per essere eletti alla Camera, contestualita' tra elezione del Senato federale e dei consigli regionali.


  2. #2
    Utente L'avatar di Guo Jia
    Registrato il
    08-03
    Località
    Parigi, 1794.
    Messaggi
    5.600
    Non mi piace.

    L'accentramento del potere nelle mani del premier è, secondo me, una pessima idea. A prescindere da chi sia effettivamente il premier.
    "Quanti gioielli dormono sepolti nell'oblio e nelle tenebre, lontano dalle zappe e dalle sonde; quanti fiori effondono il profumo, dolce come un segreto, con rimpianto, nelle solitudini profonde." - Charles Baudelaire

    "Bonaire preferisce concentrarsi sull'ondeggiare delle onde piuttosto che su quello delle mie tette." - The legend of Alundra

    http://www.youtube.com/user/heita3 - ecco un genio.

  3. #3
    Angelo Dalle Dodici Ali L'avatar di ninja
    Registrato il
    01-03
    Località
    casa mia :bonk:
    Messaggi
    4.782
    nn so perche ma nn mi convince per niente, sopratutto l'abbassamento di eta
    La tua firma supera il limite massimo di altezza (158 pixel). Ti invitiamo a leggere il regolamento per non ripetere l'errore.

  4. #4
    Bello e dannato L'avatar di El Gugliauser
    Registrato il
    03-03
    Località
    Torino
    Messaggi
    6.831
    Citazione Jack89
    DEPUTATI E SENATORI, UN TAGLIO ALL'ORGANICO: Si riduce il numero dei parlamentari (di circa il 23 per cento). I deputati scendono da 630 a 500, i senatori da 315 a 252. Restano 18 (ma saranno tutti deputati) i parlamentari eletti dagli italiani all'estero.
    Ottimo.

    Citazione Jack89
    I DEPUTATI A VITA: prendono il posto dei senatori a vita e scendono da cinque a tre.
    Buono

    Citazione Jack89
    SENATO FEDERALE: La 'Camera alta' è forse il luogo dove il restyling istituzionale è maggiormente visibile. I senatori saranno eletti in ciascuna regione contestualmente ai rispettivi consigli. Ogni regione dovrà eleggere almeno sei senatori (ma a Molise e Val d'Aosta ne spettano rispettivamente due e uno). Ai lavori del Senato partecipano, ma senza poter votare, rappresentanti delle regioni e delle autonomie locali.
    Ottimo.


    Citazione Jack89
    ALLE OPPOSIZIONI LE COMMISSIONI DI GARANZIA: Esponenti dei gruppi di opposizione presiederanno le commissioni o i comitati con compiti di ispettivi, di controllo e di garanzia.
    In teoria ottimo, in pratica fin troppa grazia visto che e' uno strumento per mettere i bastoni fra le ruote a piacimento...

    Citazione Jack89
    CAMBIA L'ITER DELLE LEGGI: Sparisce il bicameralismo perfetto che ha funzionato fino ad oggi. La Camera esamina le leggi su materie riservate allo Stato (ad esempio politica estera, difesa, giustizia, ecc.) Il Senato ha 30 giorni (15 se si tratta di decreti) per proporre modifiche, ma la parola definitiva spetta a Montecitorio.
    Ottimo, maggiore snellezza ed efficienza. Un doppione inutile in meno.


    Citazione Jack89
    LA DEVOLUTION: Alle regioni viene affidata la legislazione ''esclusiva'' per quanto riguarda l'assistenza e l'organizzazione sanitaria, l'organizzazione scolastica, la gestione degli istituti scolastici e di formazione, la definizione della parte dei programmi scolastici e formativi di interesse specifico della regione, la polizia amministrativa regionale e locale.
    Sulla carta ottimo, ma dipende da chi andra' a governare nelle regioni...



    Citazione Jack89
    IL PREMIER: E' la figura centrale del governo . I suoi poteri aumentano notevolmente. Non ha piu' bisogno della fiducia della Camera per insediarsi (ma solo un voto sul programma). La sua legittimazione avviene al momento dell'elezione, che e' di fatto una elezione diretta.
    Mi sembra la migliore espressione della democrazia...

    Citazione Jack89
    SFIDUCIA COSTRUTTIVA E NORMA ANTIRIBALTONE: Se il premier decide di sciogliere la Camera, i deputati della maggioranza possono reagire presentando una mozione di sfiducia che deve indicare anche il nome del nuovo premier. Per salvarsi dalla sfiducia, il premier non potra' contare sul voto delle opposizioni: se si verificasse un caso del genere sarebbe costretto ugualmente alle dimissioni. Dunque sono impossibili i ''ribaltoni'', cioe' i cambi di maggioranza durante la legislatura.
    Ottimo, garanzia di maggiore stabilita'


    Nel complesso, direi che quelli che oggi protestano sventolando il tricolore in aula stanno solo cercando di buttare fumo negli occhi... Non c'e' niente di scandaloso o irrispettoso della democrazia, in queste modifiche.

  5. #5
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Ecco la mia opinione:

    1) No comment

    2) Finalmente si riduce l'organico delle camere, ci sono paesi più grandi del nostro che ne hanno un numero assai inferiore. Soprattutto avremo meno gente sul groppone da mantenere con i soldi dei cittadini. La riduzione non è tale da avere effetti che vanno contro la democrazia.

    3) Il titolo di Senatore (in futuro Deputato) a vita secondo me è una pura onoreficenza formale, priva di alcun reale valore e peso politico. Ridurne il numero è senz'altro un fattore positivo, tanto non serviva a niente.

    4) Ottima cosa questo "lifting" allo scenario politico, non è per forza detto che solamente i senior godano di una certa saggezza e maturità mentale, ci sono molti giovani davvero validi, a volte perfino di più rispetto a qualche politico già in la con gli anni. Comunque l'età minima non è infantile, quindi giusta riduzione di età.

    5) Ottima cosa, le Regioni eleggono direttamente i Senatori, che arrivano al Senato Federale pienamente consapevoli dei singoli problemi presenti in tutte le Regioni, che però possono essere comuni a tutti.

    6) La durata credo sia giusta.

    7) Ottima cosa, l'Opposizione potrà meglio vigilare l'operato del Governo, secondo me questa è una mossa molto democratica.

    8) Finalmente, credo che l'Italia sia l'unico paese al mondo in cui era in vigore il bicameralismo perfetto (o comunque uno dei pochi). Finalmente le leggi verranno approvate più in fretta, tuttavia se sono fatte male potranno comunque essere "bloccate" per eventuali modifiche dal Senato.

    9) Ottima idea quella di differenziare le leggi, e decidere in alcuni casi particolarmente importanti di tornare a mettere sullo stesso piano Camera e Senato.

    10) Ottima idea anche questa, più autonomia alle regioni, si è potuto da sempre constatare che il federalismo è una forma di potere molto valida. Solamente le Regioni sono a conoscenza dei singoli problemi locali, e solo le Regioni sanno come risolverli al meglio. Buona l'idea di differenziare il programma scolastico, rendendolo più personalizzato (quindi fatto apposta) per una determinata Regione. Stessa cosa per le forze dell'ordine.

    11) Semplice precauzione democratica.

    12) Anche qua, meglio essere cauti sulle modifiche costituzionali.

    13) Vedi punto 4, un ringiovinamento è sempre positivo.

    14) Al capo dello Stato verranno tolti alcuni poteri, ma non ditemi che prima di queste modifiche fosse una figura particolarmente potente. Mantiene comunque compiti di rilievo.

    15) Uno dei punti chiave e maggiormente criticato dall'utenza di sinistra, che precipitosamente e banalmente ha definito da "dittatore" la nuova figura del Premier. Ciò accade in Paesi come Francia e Germania, non ditemi che sono dittature. Velocizzerà l'entrata in vigore della nuova legislatura e comunque sarà sempre possibile fare ricorso.

    16) Ottima cosa, si eviterà periodi di congelamento nello sviluppo e mantenimento dello Stato e ritardi dei programmi inutili, come è successo durante la legislatura precedente.

    17) Buona cosa, è bene che la maggior parte dei membri venga eletta dai loro stessi colleghi, mentre una piccola parte è giusto che venga eletta dalle Camere, per mantenere un certo pluralismo.

    18) Visto aumenta il numero dei membri eletti dal senato federale, significa che in modo indiretto è ogni singola regione che li elegge, e secondo me è una buona cosa.

    19) Bisogna avere pazienza.....


    Per concludere non vedo come non si possa essere contenti di questo importante cambiamento, che ha lo scopo di rendere più democratico (maggior potere alle singole regioni) ed efficiente (maggiore velocità nell'approvazione delle leggi, delle elezioni e dell'entrata in vigore della legislatura, membri più giovani alle camere e al quirinale) il nostro Paese. Non si può stare per secoli con lo stesso sistema risalente a quasi 60 anni fa, bisognava dare una svolta. Il federalismo (come lo si può vedere da Stati Uniti e Germania) è un modello democratico, valido ed efficiente.


  6. #6
    Bannato L'avatar di Beltazor
    Registrato il
    10-02
    Località
    Monoloculo con garage.
    Messaggi
    18.959
    non ci capisco nulla non si fa prima a mettere al governo un supercomputer ?

  7. #7
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Citazione Beltazor
    non ci capisco nulla non si fa prima a mettere al governo un supercomputer ?
    No comment

    Se non ci capisci nulla non è colpa mia, ed evita di postare commenti del genere


  8. #8
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Citazione Guo Jia
    Non mi piace.

    L'accentramento del potere nelle mani del premier è, secondo me, una pessima idea. A prescindere da chi sia effettivamente il premier.
    La riforma si suddivide essenzialmente su 19 punti, non solo su uno. Come fa a non piacerti tutto? Sii ragionevole, dai.....

    Comunque non si tratta di un accentramento profondo, e comunque ha gli stessi identici poteri del Presidente della Repubblica Francese e del Cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, non mi sembra che siano in vigore dei regimi in Francia e Germania.


  9. #9
    Utente L'avatar di Guo Jia
    Registrato il
    08-03
    Località
    Parigi, 1794.
    Messaggi
    5.600
    Citazione Jack89
    15) Uno dei punti chiave e maggiormente criticato dall'utenza di sinistra, che precipitosamente e banalmente ha definito da "dittatore" la nuova figura del Premier. Ciò accade in Paesi come Francia e Germania, non ditemi che sono dittature. Velocizzerà l'entrata in vigore della nuova legislatura e comunque sarà sempre possibile fare ricorso.
    Ovviamente il premier non diventerà un dittatore, altrimenti la riforma non sarebbe mai stata approvata.
    Però, dare troppo potere nelle mani di una sola persona è comunque rischioso... una persona eletta dal popolo, per carità, ma la cosa non mi tranquillizza affatto.

    Ci sono parecchie cose buone in questa nuova Costituzione (per quello che ne può capire un profano della politica come il sottoscritto), ma la faccenda del premier, ripeto, non mi piace.
    "Quanti gioielli dormono sepolti nell'oblio e nelle tenebre, lontano dalle zappe e dalle sonde; quanti fiori effondono il profumo, dolce come un segreto, con rimpianto, nelle solitudini profonde." - Charles Baudelaire

    "Bonaire preferisce concentrarsi sull'ondeggiare delle onde piuttosto che su quello delle mie tette." - The legend of Alundra

    http://www.youtube.com/user/heita3 - ecco un genio.

  10. #10
    Bannato L'avatar di Beltazor
    Registrato il
    10-02
    Località
    Monoloculo con garage.
    Messaggi
    18.959
    Citazione Jack89
    No comment

    Se non ci capisci nulla non è colpa mia, ed evita di postare commenti del genere
    agli ordini helferdersimpaticocomeibrufolisulculo...

  11. #11
    Utente L'avatar di Guo Jia
    Registrato il
    08-03
    Località
    Parigi, 1794.
    Messaggi
    5.600
    Citazione Jack89
    La riforma si suddivide essenzialmente su 19 punti, non solo su uno. Come fa a non piacerti tutto? Sii ragionevole, dai.....

    Comunque non si tratta di un accentramento profondo, e comunque ha gli stessi identici poteri del Presidente della Repubblica Francese e del Cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, non mi sembra che siano in vigore dei regimi in Francia e Germania.
    Ehm... il punto che ho commentato non mi piace, ed è quello che mi interessa maggiormente.
    Forse sono stato ambiguo dicendo "non mi piace"... era riferito al punto 15, comunque, e non a tutto.

    I governi di Francia e Germania sono adatti a Francia e Germania, l'Italia è diversa sotto molti punti di vista.
    Non esiste una matrice perfetta di governo da applicare universalmente.
    E, in Italia, non credo sia il caso di dare più potere al premier.


    Se evitassi di infarcire il post di smilie provocatori sarebbe più interessante discutere con te... non ti pare? ^^
    "Quanti gioielli dormono sepolti nell'oblio e nelle tenebre, lontano dalle zappe e dalle sonde; quanti fiori effondono il profumo, dolce come un segreto, con rimpianto, nelle solitudini profonde." - Charles Baudelaire

    "Bonaire preferisce concentrarsi sull'ondeggiare delle onde piuttosto che su quello delle mie tette." - The legend of Alundra

    http://www.youtube.com/user/heita3 - ecco un genio.

  12. #12
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884


  13. #13
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Citazione Guo Jia
    Ehm... il punto che ho commentato non mi piace, ed è quello che mi interessa maggiormente.
    Forse sono stato ambiguo dicendo "non mi piace"... era riferito al punto 15, comunque, e non a tutto.
    Questione risolta.

    Citazione Guo Jia
    I governi di Francia e Germania sono adatti a Francia e Germania, l'Italia è diversa sotto molti punti di vista.
    Non esiste una matrice perfetta di governo da applicare universalmente.
    E, in Italia, non credo sia il caso di dare più potere al premier.
    Ovvio che sono due realtà diverse, però diventeremo molto molto simili alla Germania, dove vige un ordinamento statale pressochè uguale a quello che entrerà in vigore da noi. A parte la popolazione e le tradizioni, credo sia più che legittimo approntare dei confronti, perchè stiamo discutendo sul punto 15 relativo ai poteri del premier, e stiamo confrontando la stessa cosa in altri paesi, quindi penso si possa fare.


    Citazione Guo Jia
    Se evitassi di infarcire il post di smilie provocatori sarebbe più interessante discutere con te... non ti pare? ^^
    Non sono provocatori...comunque scusa. |)


  14. #14
    Paladino del Nord
    Ospite
    1. La riforma nel complesso è buona.

    2. Troppo poco federalismo, ma è pur sempre qualcosa. Quella che manca e che serve al più presto è il federalismo fiscale, con cui gli enti locali terranno il 80/90% delle tasse dei cittadini (e quindi anche le competenze legislative) e allo stato andrà molto poco (per le poche materie che gli rimarranno), e un altro po' per il fondo perequativo.

    3. Mancano ancora due passaggi, e gli sgambetti di destra e sinistra sono sempre dietro l'angolo.

    4. La devolution viene limitata tantissimo da quell'odiosa forma dell'interesse nazionale inserita dagli anali centralisti e assistenzialisti.

    5. Manca il diritto, elementare di ogni democrazia, di secessione (o autodeterminazione, chiamatelo come volete).

    6. La riforma verrà affossata dal referendum (la sinistra fa il suo gioco, anali e democristiani faranno finta di essere favorevoli nel nord, per poi tornare centralisti nel sud) e i numeri sì/no daranno la veritiera immagine di un paese spaccato e diviso in due (non politicamente...)


    Ciao



    Svizzera e Austria vicine geograficamente, ma ancora lontanissime costituzionalmente...

  15. #15
    101 Airborne L'avatar di maverick84
    Registrato il
    12-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    10.571
    Beltazor,sei pregato di non scrivere messaggi inutili.
    "I fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti"
    Ennio Flaiano


Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •