• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 76

Discussione: The Elder Scrolls II: Daggerfall

Cambio titolo
  1. #1
    samtam90
    Ospite

    The Elder Scrolls II: Daggerfall

    Finalmente mi sono deciso a postarla

    ------



    Non è certo facile scrivere una recensione su un gioco come Daggerfall, come non è facile scrivere una soluzione (la recensione è più semplice però, ndr). Certamente questo gioco non può essere considerato come un RPG ordinario, sia per la sua mole che per il suo particolare tipo di gioco. Giocando ad Arena (la felicità arrivò a mille quando Bethesda lo rilasciò freeware) mi si presentava davanti un mondo enorme, interamente esplorabile in ogni sua parte, anche la più piccola. Tamriel era veramente interessante. Se si pensa inoltre che Arena comprendeva oltre 400 città e moltissime dungeon, si riesce a capire come Bethesda abbia da sempre voluto creare un mondo "gigante" e così anche più credibile. Quando scari...ehm, trovai Daggerfall mi resi conto che non avevo di fronte tutto il mondo di Tamriel nella sua interezza, ma solamente una parte (la regione di Iliac Bay, a nord-ovest). La cosa sorprendente è che il territorio esplorabile è più grande di quello di quello di Arena! Le locazioni (tra città, templi, case e dungeon) sono migliaia e per viaggiare a piedi per raggiungere due punti estremi impiegherete dei giorni di tempo reale! Dopo questa breve introduzione a quello che definirei "un meraviglioso mondo alternativo" procediamo con la canonica recensione esaminando i vari punti di Daggerfall. Per semplicità, li divido in tre parti: aspetto grafico-sonoro, giocabilità, longevità.

    Per esaminare più approfonditamente la grafica del secondo capitolo di Elder Scrolls, prendiamo come esempio la grafica del primo capitolo, Arena. I dungeon in Arena non erano poi granchè, soprattutto per il fatto che ci ritrovavamo a combattere in dei corridoi abbastanza squallidi che si assomigliavano molto tra loro. Le variazioni c'erano, indubbiamente, ma nel complesso non mi erano piaciuti poi tanto. Miglioriamo con le città. Gli edifici erano realizzati discretamente bene, mentre gli interni erano veramente ben realizzati. I PNG erano bidimensionali, ma erano comunque discreti (anche se senza personalità, ma di questo parleremo in seguito). Per la grafica di Daggerfall, comincio ad esaminare l'aspetto peggiore: i PNG. Sono sempre 2d, ma ci sono delle differenze: i PNG negli interni (quindi taverne, gilde, negozi, ma anche dungeon) sono assolutamente immobili e sembrano figurine attaccate allo schermo. Quelli all'esterno (quindi tutti quelli a cui potete chiedere informazioni) sono migliori graficamente, sia per l'animazione che per la realizzazione. I Mostri sono realizzati decisamente meglio dei personaggi non giocanti, sono più dettagliati (per quanto possibile) e anche più "realistici". Per quanto riguarda le ambientazioni 3D, devo dire che è stato fatto un buon lavoro. I dungeon sono stati migliorati, non solo più solo corridoi piatti, ma troviamo anche imponenti scalinate, livelli subacquei e molto altro. Nonostante la varietà non sia poi eccessiva, i sotterranei sono decisamente migliori. Lo stesso vale per le città, non solo per il miglioramento architettonico degli edifici (decisamente più credibili), ma anche per gli interni, che risultano essere decisamente più curati che in passato. Per quanto riguarda il sonoro, gli effetti sono veramente ben riusciti, soprattutto i rumori dei mostri. Anche il rumore dell'apertura delle porte risulta essere decisamente credibile. La cosa abbastanza noiosa è l'"Halt!" delle guardie che dobbiamo sorbirci in continuazione quando commettiamo qualche reato. Le musiche delle città sono generalmente ben composte e piacevoli (anche se alcune risultano essere abbastanza ripetitive). Il tema dei dungeon è stupendo: crea un atmosfera unica e vi farà salire l'angoscia di trovarvi un mostro davanti. Probabilmente è la musica migliore di tutto il gioco. E adesso, finalmente, ho terminato l'analisi dell'aspetto estetico e posso andare più a fondo con le parti meglio riuscite di Daggerfall: giocabilità e longevità.

    Partiamo dall'inizio: la creazione del personaggio. Qui avete varie scelte, tra cui determinare una classe con delle domande oppure sceglierne una già impostata o ancora potete creare una vostra classe, completamente personalizzata (la tanto desiderata classe "custom") dove potete impostare a vostro piacimento abilità principali, secondarie. Adesso vi starete chiedendo: ma dove sono finiti i punti esperienza? In Daggerfall aumenterete il vostro livello esercitando le vostre abilità, per cui un abbinamento sbagliato può farvi impiegare moltissimo tempo anche per salire di un solo livello. Potete anche personalizzare vantaggi e svantaggi del vostro personaggio e la reputazione con varie fazioni. La creazione del personaggio è molto complessa e curata in ogni minimo particolare. Quando avrete terminato, vi ritroverete nel primo dungeon del gioco con un equipaggiamento abbastanza scarso (dipende) e dovrete farvi strada fino all'uscita. Naturalmente c'è un motivo del risveglio in un posto tanto angusto: il caro Impero di Tamriel vi ha due incarichi. Il primo è scoprire perché il defunto re di Daggerfall (Lysandus) terrorizza gli abitanti della città con la sua legione di spettri tutte le notti. Il secondo è scoprire dove sia finita una certa lettera (non voglio anticiparvi di pi&#249. Daggerfall presenta un tutorial (cosa abbastanza rara nei GDR) che guida il giocatore nei suoi primi passi e attraverso il dungeon, spiegando le nozioni più basilari del gioco. Quando affronterete il primo nemico del gioco (un topo, sai che difficoltà, ndr) dovrete utilizzare il singolare sistema di combattimento del gioco (usato anche in Arena) basato sullo scuotimento del mouse. Adesso, però, come muoverete il mouse individuerà non solo la direzione, ma anche l'intensità e la possibilità di colpire di un attacco (un affondo ha più possibilità di colpire, ma causa un danno minore). E' in questi primi scontri che si impara veramente a combattere. Proprio per questo, c'è da dire che la difficoltà degli scontri in Daggerfall è decisamente ben calibrata: aumentando di livello, anche i mostri saranno più potenti. Scoprirete inoltre altri mostri mano a mano che progredirete e diventerete sempre più forti. I vostri primi nemici sono animali e scheletri, ma ai livelli più alti dovrete affrontare ben più pericolosi daedra, vampiri e lich (anche qui ci sono le eccezioni: un simpatico bug, molto raro, fa sì che i daedra lord compaiano ai livelli più bassi. Sai che felicità vedere morire il proprio personaggio con un colpo, ndr). Tanto per dare un infarinata ai neofiti di Daggerfall, i daedra sono praticamente dei demoni. E' quando uscirete da questo primo dungeon che la vastità del gioco sì presenterà nella sua interezza: dando un'occhiata al menu del Fast Travel (Viaggio Rapido) vi troverete davanti un numero spropositato di locazioni (migliaia, come dicevo prima). Le città che troverete hanno moltissimi negozi, gilde e taverne dovete potete entrare e soddisfare tutti i vostri bisogni. Potete diventare membri di molte fazioni (le gilde, inoltre, offrono vari servizi a seconda del vostro grado) e riceverne i privilegi, ma diventerete nemici di altre. Ogni gilda ha le proprie caratteristiche, le proprie amicizie e i propri nemici, proprio come accade nella vita reale, dove la reputazione e fondamentale. Questo ci porta inoltre a descrivere due degli aspetti principali di questo enorme gioco: la reputazione e le quest. Quello che pensa di voi la gente è fondamentale: non potete vivere dove tutti vi odiano, anche perchè le guardie vi daranno la caccia per arrestarvi. Le offese non saranno dimenticate, così come i crimini che commetterete. In Daggerfall, le fazioni (o semplicemente persone) che pensano qualcosa di voi sono centinaia, per cui dovete stare attenti a ciò che fate, perchè la vostra reputazione può compromettervi per sempre. Tanto per fare un esempio: avete accettato una missione in cui dovete recuperare una ricerca per la Gilda dei Maghi. Voi eseguite l'incarico, e quando state per consegnarla vi arriva una lettera dalla Fratellanza Oscura che vi chiede la ricerca. A seconda delle vostre azioni, la reputazione di una fazione (in questo caso la Gilda dei Maghi) si alzerà, mentre quella di un'altra (Fratellanza Oscura) si abbasserà, a volte irrimediabilmente. Questo meccanismo è molto più complesso di come l'ho descritto io: spesso la vostra reputazione si alzerà indirettamente anche con altri gruppi perchè sono alleati della fazione che avete favorito. Un altro aspetto legato a ciò che la gente pensa di voi è quello che fate per loro: le quest. Nel gioco, per progredire, dovrete compiere delle missioni per i PNG, per le gilde e per la Main Quest che vi è stata affidata. Considerando i mod ufficiali e non ufficiali e i compiti della Main Quest, le missioni totali che potete svolgere sono circa 300. Se poi considerate che un feature del gioco è la randomizzazione delle missioni (non vi troverete quasi mai ad affrontare due missioni identiche perchè il gioco randomizza gli eventi che le compongono), allora avrete da giocare per molto, molto tempo. Le quest sono poi abbastanza varie: dallo scortare qualcuno, a ritrovare degli oggetti, a sorvegliare qualcosa e molto altro ancora. Il binomio quest-dungeon che si viene a creare in molti GDR è valido anche in Daggerfall: per il 60% delle quest dovrete avventurarvi in un dungeon e compiere la vostra missione tra mille pericoli.

    Prima ho parlato dei dungeon riferendomi all'aspetto estetico, mentre adesso li esaminiamo dal punto di vista del gameplay. C'è da premettere una cosa riguardo alla lunghezza: Privateer's Hold (il dungeon iniziale) e i vari cimiteri (i puntini rossi sulla mappa del Fast Travel) rappresentano delle eccezioni. Il resto dei dungeon è molto più lungo ed intricato. C'è poi da fare una divisione tra dungeon della Main Quest (Main Dungeon, MD da ora in poi) e dungeon delle quest secondarie (QD, da ora in poi). I MD non sono random, ma sono creati direttamente e sono uguali ogni volta. I QD sono invece random e sono creati dal gioco casualmente ad ogni partita (avevo letto che vengono creati prendendo parti di MD, ma non so se sia vero). Questo significa, di conseguenza, che i dungeon principali hanno una lunghezza ben definita (in parole povere, sono per lo più enormi) mentre i dungeon secondari possono essere da medio-lunghi a lunghissimi. Naturalmente ci sono i metodi per orientarsi all'interno di essi (ma questo dovrete scoprirlo da voi). Nonostante siano intricatissimi, i dungeon restano comunque divertenti e, soprattutto, necessari. C'è da dire un'altra cosa di Daggerfall, fino ad ora leggermente accennata: la trama è puramente accessoria. Potete seguirla a vostro piacimento e fare tutto ciò che volete, dall'essere un paladino della giustizia all'essere un ladro senza scrupoli. In Daggerfall, l'unico limite è la vostra fantasia. Grazie all'enorme libertà di cui si dispone, questo gioco è un eden per i veri RPGisti. Proprio per questo i neofiti potrebbero volere qualcosa di diverso. Quanto alla longevità, penso lo abbiate già capito dal resto della recensione: solo per compiere la missione principale impiegherete un minimo di 50-60 ore di gioco concentrandovi principalmente su quella. Se a questo aggiungete poi tutte le quest secondarie, le gilde a cui unirsi, le cose da vedere, moltissime altre possibilità come comprare barche, case, creare incantesimi e diventare vampiri o licantropi con conseguente stravolgimento della vita sociale, questo gioco vi durerà per sempre. Non ho poi nominato i sessanta tipi di nemici da affrontare, i tantissimi incantesimi di cui si può disporre e molto altro ancora che scritto qui riempirebbe una pagina intera. La ciliegina sulla torta è poi l'atmosfera incredibile che Daggerfall crea nei suoi dungeon, grazie a musiche e suoni angoscianti ed altri elementi (come i tavoli per le torture che conferiscono a questo gioco un atmosfera unica. Grazie a una struttura flessibilissima, una longevità da paura e un meccanismo di gioco ottimo, Daggerfall è e resterà per sempre uno dei migliori RPG mai realizzati. E, per quanto mi riguarda, la saga di Elder Scrolls è a tutt'oggi la serie di RPG migliore mai apparsa su computer.

    P.S. Non tutto è rose e fiori. Uno dei pochi difetti del gioco sono i bug, il cui numero è abbastanza elevato. E' stato comunque ridotto grazie alle patch successive e alla patch 2.13, la più recente.

    PRO
    + Libertà assoluta
    + Longevità mostruosa
    + Meccanismo di gioco eccezionale
    + Realistico
    + Tante possibilità e cose da fare
    + Atmosfera eccezionale

    CONTRO
    - Grafica datata
    - Bug, bug e ancora bug
    - Difficile per i neofiti

    PAGELLA

    GRAFICA: 7
    Si poteva fare di meglio, ma grazie al 3d non è tutto da buttare via

    SONORO: 8
    Se le musiche fossero meno ripetitive avrebbe preso 9. Contribuisce a creare l'atmosfera e,in generale, il sonoro è piacevole da ascoltare

    TRAMA: 10
    Eccezionale. Al contrario della trama lineare di Arena, Daggerfall ha una trama complicata, con vari finali possibili, complotti, guerre e molto altro ancora!!

    GIOCABILITA': 10
    Basta sapere che è una delle parti pià riuscite del gioco? I bug non riescono a schiodarla dal 10.

    LONGEVITA': 10
    Qui non c'è bisogno di commentare. Basta la recensione.

    COMMENTO FINALE
    Uno dei migliori RPG della storia. Se cercate un gioco di ruolo non-lineare, basato sui vostri piaceri personali e con una longevità mostruosa giocate a Daggerfall (se lo trovate) e non ve ne pentirete!

    VOTO GLOBALE: 97%

    Daggerfall VS Morrowind
    Un confronto diretto tra Arena e Daggerfall mi sembrava abbastanza superfluo, in quanto il secondo capitolo è una naturale evoluzione del primo. Per quanto riguarda il confronto con Morrowind, questo ha invece un senso, dal momento che l'esperienza di gioco offerta dai due titoli è molto, e sottilineo molto, diversa. Non pretendo di stabilire un vincitore tra i due, dal momento che i pareri sono molto personali e variano indiscutibilmente. In ogni caso, ci tengo ad offrire un quadro dei due giochi mettendo a confronto somiglianze e dibattendo sui vari aspetti.

    Per quanto riguarda la grafica, c'è poco da discutere: Morrowind prevale indiscutibilmente. La grafica di Morro è anni luce avanti a quella di Daggerfall, niente da dire su questo. Sul sonoro c'è invece da discutere: nonostante le musiche esterne di Morrowind siano decisamente più ispirate di quelle di Daggerfall e più "epiche", su altri temi, come quello dei dungeon, daggerfall è decisamente vincitore.

    Sul discorso giocabilità, ognuno ha pregi e difetti. Sul fattore controlli il vincitore è Morrowind, presentando un sistema di controllo più immediato con un inventario più pratico. Su un cosa, comunque, Morrowind perde decisamente punti: il diario. Non solo è poco pratico, ma inoltre le missioni non vengono aggiornate e spesso dovrete sfogliare decine e decine di pagine, mentre in Daggerfall ogni missione viene eliminata quando completata. Territorio e libertà: il vincitore è Daggerfall. L'isoletta di Vvanderfell, per quanto più varia e "densa" delle lande di Daggerfall, non può competere con le centinaia e centinaia di locazioni esplorabili nel secondo capitolo. Viaggiare tra una città e l'altra può essere noioso, ma non è divertente terminare di esplorare il territorio del gioco in mezz'ora. Dungeon: anche qui Daggerfall prevale, sia perchè in Morrowind l'atmosfera è stata ridotta all'osso, sia perchè i sotterranei risultano essere troppo piccoli e semplificati. I dungeon di Daggerfall possono essere intricati, certo, ma almeno c'è soddisfazione ad esplorarli. Quanto all'atmosfera, nel secondo capitolo capirete il signifacto della parola "terrore", mentre in Morro la cosa più spaventosa è dover fronteggiare u daedra a mani nude (lol ). I PNG in Morrowind non sono neanche un decimo di quelli presenti in Daggerfall, ma sono anche leggermente più interessanti. Per gli "extra" c'è poco da dire: entrambi ne sono pieni. Dallo spell maker alla possibilità di creare pozioni, dagli innumerevoli libri da leggere al vampirismo e mannarismo.

    Sulla longevità, dipende dal parere personale. Io preferisco di gran lunga Daggerfall, sia perchè le quest sono infinite, sia perchè i tipi possibili sono circa 300, maggiori del numero di quest in Morrowind. In Daggerfall ci sono anche pià gilde: una ventina, anche se le differenze tra alcune non sono sostanziali. Quanto a trama, Dagg. surclassa Morro su ogni aspetto, presentando una storia più interessante, variegata e immersiva, con sette finali possibili e almeno il doppio della lunghezza (la Main Quest di Morro si termina tranquillamente in 30 ore, mentre in Daggerfall sarete fortunati se la finirete in 60). La randomizzazione puù piacere e non piacere: se vi piace, Daggerfall è certamente il migliore. Morrowind, però, ha un grande asso nella manica: i plugin, che aggiungono innumerevoli aspetti al gioco.

    In sostanza, non si può decretare un vincitore assoluto. Ognuno dei due giochi prevale su certi aspetti e perde su altri, creando l'impossibilità di dichiarare il migliore gioco della saga TES. Personalmente, continuo a preferire Daggerfall, sia per la sua mole, sia per il suo cuore, sia per il mantenimento di molti schemi tradizionali che purtroppo sono andati perduti in Morrowind.

    EDIT: Perchè ho modificato il voto dopo tanto tempo? Perchè grazie all'aggiunta di molti plugin ho potuto riscoprire Morrowind, più bello che mai. E adesso il commento veramente finale, anche a costo di ripetermi: come sottolineo più volte nella recensione, l'esperienza offerta dai due giochi è estremamente diversa: Daggerfall tende a spiazzare con le dimensioni, sia del mondo che delle quest, e punta molto anche sull'atmosfera, assolutamente una delle migliori caratteristiche del gioco. Morrowind, invece, grazie ai plugin offre la possibilità di fare cose che in altri giochi sarebbero impossibile ed offre un'esperienza di gioco molto più profonda e "viva" di quella offerta da quasi tutti gli altri RPG, considerando inoltre che è probabilmente l'unico gioco (anche se Daggerfall ci va molto vicino) a permettere al giocatore di vivere una vera e propria vita virtuale, nel senso più stretto del termine. Quindi, alla fine, sono entrambi giochi da avere e soprattutto da giocare fino alla follia. Non ci sono scuse per lasciarsi sfuggire queste due pietre miliari della storia dei videogiochi, che hanno fatto la storia degli RPG e costituiscono ancora oggi, assieme (e anche con il loro mai dimenticato progenitore Arena) il paragone irragiungibile per qualsiasi nuovo GDR, gli unici giochi del genere che sono veramente giunti vicino alla perfezione. E scusate se è poco.

    Daggerfall: 97%
    Morrowind: 97%

    Link utili:

    Beginner's Guide to Daggerfall La migliore guida esistente su Daggerfall. (clicca QUI per scaricarla)

    Unofficial Elder Scrolls Page (UESP) Contenuti introvabili per uno dei migliori siti della rete sul secondo capitolo di Elder Scrolls.

    Daggerfall Crossroads Un discreto sito con varie informazioni.

    An Enthusiast's Guide Contiene il bestiario, l'elenco completo delle malattie e qualche informazione introvabile. Da visitare.

    Compatibilità:

    Dos: Gira tranquillamente.
    Windows 95/98/2000/ME: Sul 95/98 gira, sugli altri due non lo so.
    Windows XP: Installate DosBox 0.63, andate su dosbox.conf e andate all'ultima riga. sotto [autorun] scrivete:
    mount c: c:\(cartella di Daggerfall)
    c:
    fall.exe z.cfg

    Così girerà sicuramente. Settate il suono (gli effetti sonori non saranno il massimo) e giocate!
    Ultima modifica di samtam90; 21-01-2006 alle 19:49:14

  2. #2
    Bannato L'avatar di asso
    Registrato il
    11-04
    Messaggi
    3.787
    ben fatta complimenti
    ti do un 4

  3. #3
    Hai mica msn per caso?
    La violenza l'ultimo rifugio degli incapaci
    Isaac Asimov

  4. #4
    samtam90
    Ospite
    Citazione Grand Admiral Thrawn
    Hai mica msn per caso?
    perch?

  5. #5
    Virtute e Canoscenza L'avatar di Kassa
    Registrato il
    10-03
    Localit
    Bologna
    Messaggi
    3.968
    stupenda! 5!

  6. #6
    Denton L'avatar di Berserker86
    Registrato il
    07-04
    Localit
    Rubacava
    Messaggi
    4.554
    Davvero un 'ottima recensione. 5 stelle!

  7. #7
    samtam90
    Ospite
    grazie a tutti!

    Ci ho proprio messo il cuore in questa recensione!

  8. #8
    Utente
    Registrato il
    03-05
    Messaggi
    3.217
    Perfetta 5!

  9. #9
    samtam90
    Ospite
    wow! non avevo mai ricevuto un 5!

    grazie a tutti!

  10. #10
    Utente L'avatar di Sababa
    Registrato il
    10-02
    Localit
    Imola
    Messaggi
    5.158
    Ti do un 5 anch'io.
    Oltre alla completezza della recensione, mi hai fatto venire voglia di cercare pi informazioni su questa saga di giochi che non mi aveva mai attirato (morrowind non girerebbe sul mio "PC" nemmeno a pregarlo in turco)
    Non che daggerfall esiste anche in italiano, vero?
    Ho poca voglia di passare la met del tempo di gioco col dizionario in mano


  11. #11
    samtam90
    Ospite
    Citazione Sababa
    Ti do un 5 anch'io.
    Oltre alla completezza della recensione, mi hai fatto venire voglia di cercare pi informazioni su questa saga di giochi che non mi aveva mai attirato (morrowind non girerebbe sul mio "PC" nemmeno a pregarlo in turco)
    Non che daggerfall esiste anche in italiano, vero?
    Ho poca voglia di passare la met del tempo di gioco col dizionario in mano
    Magari fosse in italiano. Gli avrei dato 100%. Il progetto di traduzione esiste (www.idr.altervista.org) ma ormai in fase di stallo. Se vuoi trovare Daggerfall, l'unico metodo comprarlo, perch prima era reperibile anche sulla rete (dove lo trovai con fortuna a suo tempo) ma poi il sito che lo hostava morto, quindi adesso introvabile.

  12. #12
    Utente L'avatar di Sababa
    Registrato il
    10-02
    Localit
    Imola
    Messaggi
    5.158
    Citazione samtam90
    Magari fosse in italiano. Gli avrei dato 100%. Il progetto di traduzione esiste (www.idr.altervista.org) ma ormai in fase di stallo. Se vuoi trovare Daggerfall, l'unico metodo comprarlo, perch prima era reperibile anche sulla rete (dove lo trovai con fortuna a suo tempo) ma poi il sito che lo hostava morto, quindi adesso introvabile.
    Gi, ho letto il loro forum.
    Volendo i file che hanno messo nella sezione "file tradotti" si possono installare per avere almeno una parte del gioco in italiano?


  13. #13
    samtam90
    Ospite
    Citazione Sababa
    Gi, ho letto il loro forum.
    Volendo i file che hanno messo nella sezione "file tradotti" si possono installare per avere almeno una parte del gioco in italiano?
    S, ma purtroppo la parte tradotta minima. Le uniche quest completamente tradotta sono il tutorial e alcune missioni dei guerrieri (o cavalieri?).

  14. #14
    Uomoplay
    Ospite
    molto bella 5/5

  15. #15
    Hey Cruel World... L'avatar di Dark Avalanche
    Registrato il
    09-03
    Localit
    Bologna
    Messaggi
    16.808
    Citazione samtam90
    perch?
    se quello che penso io (ovvero passar... ehm, parlare di daggerfall ) ci sono anch'io ...

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •