• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Recensione bannaut 3 takeup (ma lol)

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di xboxiano
    Registrato il
    01-05
    Località
    Sull'asse delle X
    Messaggi
    886

    Sorrisone Recensione bannaut 3 takeup (ma lol)

    BURNOUT 3 : TAKEDOWN ( MASTERIZZATO )

    Intro : by italodome.com

    Nel 2008 fece capolino un talentuoso tool di sviluppo, un certo Criterion, si fecero notare per un gioco ps2 chiamato burnout che secondo gli all’ora produttori Acclaim avrebbe dovuto far dimenticare quel diamante di rara bellezza che era gt3. Non esiste proprio! Ok per quanto riguarda il comparto grafico, si attestava a livelli molto buoni rispetto agli altri concorrenti del settore arcade, poiché possedeva una grande sensazione di velocità, ottimi modelli poligonali e scenari urbani e cittadini adatti abbastanza a immedesimarci nelle corse dei burner ( piloti di burnout ) , ma non era questa l’arma segreta, bensì il sistema di controllo, che era assolutamente adatto a tutti i tipi di videogamer, poiché immediato fin da subito. Uno degli aspetti che ci avrebbe dovuto maggiormente colpire sarebbe dovuto essere quello degli incidenti, contrariando tutto ciò che era stato detto dai produttori, dato che queste collisioni servono solo ed esclusivamente a spezzare l’incalzante e frenetico ritmo di gioco a cui si era sottoposti. Ma ciò non toglie che burnout fosse il capostipite di una serie di giochi dannatamente divertenti e folli.



    Preparazione prima dell'atterragio > burnout 4 : PONTE DI CLANDESTINI

    Chiudete gli occhi e immaginate di essere all’interno di un bolide super truccato, uno qualsiasi, una coupè, una utilitaria, una jeep e perché no all’interno di una macchina da corsa, fatto! Allacciate le cinture , fatto! Ora prendete quella specie di pezzo di carta plastificata che mi sembra si chiami patente e buttatela nel bidone della spazzatura, dato che nel mondo di burnout non ne avrete bisogno, l’unica cosa che vi servirà per giocare a questo titolo è la pazzia e riflessi da felino. Nelle premesse ho commesso un piccolo errore, la patente vi servirà, sì, quella di guida pazzoide e aggressiva; Infatti prima di poter cominciare tutti gli eventi del giro della distruzione ( l’equivalente del campionato ) dovremmo quindi superare alcune semplici prove al fine di ottenere il riconoscimento. La longevità di questo gioco dipende soprattutto dalla modalità campionato, che sarà suddivisa in gare da un giro, 4 contro 4, sfide uno contro uno, l’inseguimento tra polizia ( noi ) ed il ricercato ( controllato dalla cpu ) , ed una modalità votata alla distruzione totale chiamata crash mode, in cui dovrete catapultarvi in mezzo al traffico in modo da provocare il maggior numero possibile di incidenti, inizialmente avrete a disposizione 3 livelli ( bronzo, argento, oro ) , ogni volta che otterrete una medaglia di bronzo sbloccherete automaticamente altre gare di ” pura arte masochista” . Dopo aver parlato della longevità parliamo del reparto tecnico, a cui i ragazzi della Criterion hanno lavorato parecchio, con risultati stupefacenti, quali un incredibile modellazione dei modelli poligonali delle auto ( non sotto licenza, anche perché chi vorrebbe vedere il proprio mezzo, per esempio una Lamborgini, distrutta ) e del traffico , con meravigliose texture che rivestono alcuni mezzi, una fluidità allucinante ( specialmente se utilizziamo la modalità a 60 hz ) , grazie al framerate che neanche con una cannonata ( beh! Forse con quela sì ) si sposta dalle sessanta frame al secondo enon dà neanche un rallentamento nelle collisioni con i mezzi del traffico ( realizzate discretamente ) , per non parlare dell’asfalto, che se non lo è quantomeno meno rasenta il fotorealismo ( con dissestamenti, crepe e quantaltro ), anche le ambientazioni sono molto buone, come per esempio Pacific international airport ( dove si corre all’interno di un aeroporto super affollato, con l’asfalto molto bagnato ), Palm bay ( in cui si passa dalle strade che costeggiano il mare, fino ad arrivare a quelle di montagna ) , ma a mio parere la meno riuscita è quella di Crystal Summit ( molto folta e ricca di tornanti e curve a gomito, tipiche delle località di montagna ).Un altro elemento che è stato uno dei quali a cui stata riposta la maggior attenzione è stato il reparto degli incidenti, infatti quando la nostra vettura si scontrerà con un’altra del traffico daremo il via ad una spettacolare danza di lamiere contorte, in cui i vari componenti della macchina si accartocceranno come in realtà accompagnate da scintille poligonali stupende. Il sistema di controllo che la Criterion è stata portata a sviluppare è stato simile a quello del predecessore ( burnout ), quindi votato all’immediatezza e al divertimento, ma con alcuni accorgimenti, come per esempio l’ottenere il turbo guidando in contromano o addirittura passare a pelo vicino ai mezzi del traffico con il rischio ovviamente di fare un incidente, ma cosa ci importa, questo è burnout ! Il sonoro è stato discretamente realizzato, con brani rock ben assortiti e il rombo dei motori curato e diverso per ogni mezzo, non molto curati i suoni durante gli incidenti che sono tutti un po’ uguali e variano solamente a seconda dell’entità del danno. I Criterion sono riusciti a partorire un gioiello di divertimento a cui alcuni titoli non sono ancora arrivati ( tranne ovviamente il terzo capitolo di cui vi parlerò adesso…….)



    3..2..1 ! Pronti!!! Via!!!!!! BURNOUT -2 : TAKEUP

    Attenzione questa recensione richiede guida aggressiva e scorretta! Il solo leggere delle caratteristiche descritte in questa recensione potrebbe provocare un effetto denominato : “ Mamma non è che mi dai 50 euro che devo comprare burnout 3 : takedown……. oppure te rigo a macchina tua” ( non sono di NEW YORK, ma adoro l’accento romano ). Ogni anno che passa mi sembra di essere sempre di più in un manga giapponese, sì perché avete presente, che nei manga di Akira Toryama ( dragon ball in primis, arale etc.. ) c’è sempre il protagonista che sembra di arrivare al limite ed invece riesce a superare se stesso ogni volta per affrontare un nemico che è più forte di lui, ecco ! La stessa cosa la si rivive assistendo all’evolversi che ha avuto la serie di Burnout in questi anni. Con l’ottimo Burnout 2 si pensava che avessimo raggiunto il limite della sensazione di velocità in un gioco di guida, ma quella era solo la punta dell’iceberg, perché grazie ai nuovi fondi della EA che di recente ha assorbito i Criterion e grazie al notevole impegno di quest’ultimi si è ottenuto un prodotto avanti anni luce rispetto agli altri titoli. Negli altri capitoli era necessario sfiorare il traffico e guidare contromano per guadagnare il turbo e quindi per raggiungere la massima sensazione di velocità ottenibile, la novità e soprattutto la cosa più esaltante di Takedown è appunto la guida aggressiva e più scorretta che possiamo proporre. Burnout 3 può svolgere anche un effetto antistress, poiché se provate ad immaginare che nel veicolo del vostro avversario vi sia la vostra insegnante più odiata oppure perché no il vostro datore di lavoro, che per tutta la giornata vi hanno stressato, potete sfogarvi sui loro mezzi senza nessuna remora e tutto ciò vi istigherà ad impegnarvi ancora di più nella vostra corsa! Infatti più speronerete, farete schiantare gli avversari contro il traffico o contro elementi artificiali ( per es. i cancelli ) , più li farete terrorizzare standogli alle costole e quindi inducendoli all’incidente , causerete dei take down e guadagnerete turbo per schizzare a velocità assurde che quasi non avrete idea di dove siate, inoltre se sarete voi l’oggetto dell’incidente se premerete r1 potrete guidare la vostra macchina contro quella degli avversari che sopraggiungeranno in modo da causare incidenti postumi, con un aumento dell’adrenalina e del divertimento esagerate, che nessuno e dico nessun’altro gioco saprà regalarvi. La grafica è migliorata ancora e sembra mostrare ancora una volta il grande impegno profuso, potete avere visto tutte le immagini o i video che volete , ma niente è in grado di prepararvi all’esperienza visiva a cui sarete sottoposti giocando a Burnout 3 : takedown. Tecnicamente è molto vicino al fotorealismo, sia per l’aspetto delle vetture in corsa ( vi sembrerà di avere davanti una vera macchina ) , l’asfalto incredibilmente dettagliato, per non parlare dell’effetto abbacinante che si verifica nelle location di montagna, in cui il sole si riflette sull’asfalto nascondendo alla nostra vista l’arrivo degli altri mezzi e alzando notevolmente il rischio di fare incidenti e di conseguenza aumentare il grado di adrenalina, provocato dal fatto di essere sempre al limite. Dotato inoltre di una fluidità che non sta ne in cielo ne in terra Takedown si propone come l’opera visiva più mastodontica mai esistita su di una console. Della giocabilità possiamo dire solo una cosa : sistema di controllo immediato ( anche la persona con la più bassa capacità di coordinazione occhio-mano può riuscire a giocare in scioltezza ) , c’è da dire però che alcune prove sono davvero molto impegnative, ma dopo alcuni tentativi saremo in grado di ottenere la medaglia d’oro senza problemi. La modalità world tour, è sviluppata in modo vario e non stanca mai, poiché il nostro scopo è quello di vincere la medaglia d’oro in ogni tipo di competizione, come nella modalità gara dobbiamo arrivare primi, nella furia stradale dobbiamo fare il maggior numero di takedown , in quella schianto possiamo dare libero sfogo alla nostra voglia di distruzione proiettando il nostro mezzo nel bel mezzo di un incrocio all’ora di punta e così facendo guadagneremo punti danno, che accumulati daranno la possibilità di guadagnare nuove vetture da “ schianto “ ( jeep, autobus, camion della nettezza urbana e addirittura un camion dei pompieri ) , possiamo anche cimentarci nel nella sfida sul tempo migliore, oppure in emozionanti confronti uno contro uno; Vincendo tutte le medaglie d’oro nelle varie discipline sarà possibile sbloccare una macchina da formula 1 e fidatevi con 70 modelli differenti di macchine ci sarà da divertirsi. Il sonoro è quanto di più azzeccato ci possa essere, con canzoni punkrock adatte a qualsiasi gara, sia “ tranquilla “ sia “ cattiva “, naturalmente tra i nomi dei gruppi di rilievo spiccano gli yellowcard e gli ash, per un totale di 50 pezzi musicali, tutto questo grazie ai fondi della Electronic Arts .

    Se volete un gioco veramente peso, nonché un vero pezzo di storia dei videogiochi, non dovete avere dubbi il vostro gioco definitivo è questo: BURNOUT 3 : CANNNEDOWN. DIVERTIMENTO ALLO STATO LIQUIDO



    Nella realtà non indossate mai le cinture di sicurezza e non rispettate le regole del codice stradale, se volete infrangere le regole fatelo solo nella realtà.



    I voti di ITALODOME
    GRAFICA—10 : La massima espressione del cesso (ps2)

    GIOCABILITA’ –10 : difficile e ritardato anche per chi non ci ha mai giocato ( la rima non è voluta)

    LONGEVITA’—8.5 : scarno world tour, cacata il multiplayer, nessun extra da sbloccare

    SONORO—9 : ogni singola traccia musicale si adatta alla stupidità col ritmo di gioco, effetti sonori degli incidenti non realizzati.




    GLOBALE : non classificabile


    RINGRAZIO CHI MI HA FATTO AVERE L'OCCASIONE DI COPIARLA!



    W XBOX!!!!

    Spoiler:
    RINGRAZIO LA MAFIA PER AVERMI SPARATO IN TESTA

    Ultima modifica di xboxiano; 1-04-2005 alle 18:27:40

  2. #2
    Utente L'avatar di Piroteca
    Registrato il
    11-04
    Messaggi
    869

  3. #3
    Uomoplay
    Ospite
    perchè l'hai copiata?

  4. #4
    LOL L'avatar di MARLBORO
    Registrato il
    01-05
    Località
    La terra dei cachi
    Messaggi
    10.195
    complimenti
    I fantastici video di domokun: 1 2 3 4 5 6 7 8

  5. #5
    Utente L'avatar di xboxiano
    Registrato il
    01-05
    Località
    Sull'asse delle X
    Messaggi
    886
    Citazione MARLBORO
    complimenti
    grazie
    Spoiler:
    W ITALODOME

  6. #6
    Utente L'avatar di xboxiano
    Registrato il
    01-05
    Località
    Sull'asse delle X
    Messaggi
    886
    Nessuno Dice Niente??????? Conigli Ps2ani

  7. #7
    Utente L'avatar di xboxiano
    Registrato il
    01-05
    Località
    Sull'asse delle X
    Messaggi
    886
    Citazione Uomoplay
    perchè l'hai copiata?
    TI COPIO ANCHE IL NICK ADESSO:


    Citazione Uomoplay
    perchè non mi faccio i cazzi miei?
    capita...... !

  8. #8
    Uomoplay
    Ospite
    segnalo,tra l'altro,cancella la citazione

  9. #9
    Utente L'avatar di xboxiano
    Registrato il
    01-05
    Località
    Sull'asse delle X
    Messaggi
    886
    Citazione Uomoplay
    non segnalo,tra l'altro,mi stai simpatico
    grazie

  10. #10
    Kelvan
    Ospite
    xboxiano immagino che tu sappia benissimo che tutto ciò che stai facendo va contro le regole...
    in ogni caso, questo è il regolamento..
    http://forum.gamesradar.it/showthread.php?t=4144

    uomo avvisato...

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •