• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 29

Discussione: Dazi alla Cina

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di Nicoer
    Registrato il
    01-05
    Località
    BÈRGHEM
    Messaggi
    1.402

    Dazi alla Cina

    siccome avete detto nell'atro 3d di aprirne uno nuovo: eccolo qua!
    continuiamo su qua la discussione, ovvero: cosa ne pensate dei dazi alla Cina

  2. #2
    Utente L'avatar di pasquale7bellezze
    Registrato il
    05-03
    Località
    Torino
    Messaggi
    11.760
    Citazione Nicoer
    siccome avete detto nell'atro 3d di aprirne uno nuovo: eccolo qua!
    continuiamo su qua la discussione, ovvero: cosa ne pensate dei dazi alla Cina
    Potrebbe essere una mossa a nostro vantaggio contro il mercato scorretto cinese, di copia e contraffazione, che invade il nostro mercato in maniera non corretta, distruggendo quindi la pura concorrenza. La Cina infatti guadagna su ciò per i facili mantenimenti della manodopera (a prezzi bassi), di materiale facilmente ricavabile e il mantenimento delle macchine ereditate dall'Occidente (macchine che in gran parte delle industrie, sono di vecchia data, quindi per il nostro mercato obsolete; ma continuano a fare il loro lavoro). Alcuni infatti credono sia un modo, quello del dazio, di frenare questa invasione scorretta ed incentivare un mercato più leale: spero sia così, non mi sembra neanche giusto mantenere in vita il nostro di mercato escludendo quello degli altri, ritornando così ad un vecchio protezionismo.
    Mr. Prodi non li ha voluti a suo tempo da presidente della commissione europea qui in Italia (e per Francia e G.B invece?), ed ora siamo a questo punto.

  3. #3
    Paladino del Nord
    Ospite
    Il ministro del Welfare Roberto Maroni ha centrato perfettamente il problema in materia di dazi e misure di protezione per affrontare la crisi del settore tessile: “Il compito del governo è fare di tutto. Non si può dire questa è una competenza europea, ce ne laviamo le mani; se l'Europa non fa, faccia il governo italiano, anche se non può. Ci beccheremo una procedura di infrazione dalla Ue, come per gli aiuti alle imprese, ma almeno solleveremo il problema a Bruxelles”.

    Il tema dei dazi doganali contro la concorrenza sleale cinese (e tra poco arriverà anche quella indiana...) è entrato in ogni discussione della politica italiana. Ma come sempre chi lo aveva sollevato tre anni or sono prendendosi critiche da ogni direzione fu Umberto Bossi (e con lui Giulio Tremonti) che con lungimiranza vide nella Cina il problema per le nostre piccole e medie imprese, il cuore pulsante dell’economia padana, e di conseguenza italiana. Il libero mercato e la concorrenza vanno bene, ma non smisurati e senza regole: quando la concorrenza diviene sleale, il mercato ha il dovere di porre rimedio, punendo chi va fuorilegge e proteggendo chi lavora onestamente e si vede scavalcato da chi produce in condizioni igienico-sanitarie disastrose, pagando una miseria materie prime e dipendenti, in un paese dove sindacati e diritto di sciopero non sanno nemmeno cosa siano. E così le nostre Pmi sono state aggredite dal gigante cinese, costringendo numerosi imprenditori a chiudere ed a licenziare i propri lavoratori.

    Dove sono gli intellettuali e i paladini dei diritti civili di ogni schieramento? Perché non dicono nulla sulle condizioni sociali in Cina? Perché non hanno raccolto la proposta dell’introduzione dei dazi, provocando così negli ultimi anni numerosi licenziamenti?

    Cgil, Cisl, Uil, sinistra, dove siete? Questi sono i difensori dei lavoratori? No, sono i leccapiedi del grande capitale! Della Fiat, di Montezemolo e compagnia: il grande capitale che licenzia gli operai nei nostri territori per delocalizzare la produzione in Cina (o in Turchia, vedi proprio la Fiat) dove i salari dei dipendenti ed i costi di produzione sono infinitamente minori rispetto ai nostri standard. E’ vergognoso come i difensori dei lavoratori stanno permettendo la chiusura delle Pmi padane.

    E al governo? Nessuno dei centralisti conservatori muove un dito. Tutti capaci di rinnovare il contratto degli statali, tutti bravi a parlare di competitività, di ricerca, di migliorare nelle tecnologie: ma sanno cosa vuol dire gestire e lavorare in un’azienda? Sanno cosa vuol dire concorrenza sleale? Hanno mai lavorato seriamente nel mercato globale di oggi? La risposta è no, ma si inventano economisti, difendono le grandi lobbies (e i baracconi come Fiat & C.) e delle Pmi e degli operai non interessa niente a nessuno.

    Intanto le più grandi economie del mondo, dagli Usa alla Russia passando per la stessa Cina, hanno introdotto negli ultimi tempi molti dazi (o chiamati in altri modi, ma sempre dazi rimangono): e i risultati delle loro economie in costante crescita sono sotto gli occhi di tutti.

    Urge pertanto attuare misure di protezione, sia qui sia in Europa, senza polemiche sterili.

    La precedente Commissione Europea, quella a guida di Romano Prodi (che ora invece definisce i dazi una misura inutile, antistorica e medievale…), aveva già posto 58 misure antidumping su prodotti derivanti dalla concorrenza sleale e 33 superdazi su prodotti cinesi. Ora invece è passato dall’altra parte della barricata, il voltagabbana Mortadella.


    La lentezza burocratica europea è sotto gli occhi di tutti, la nuova Commissione si deve perciò attivare al più presto perché nuove misure servono per dare respiro alle nostre economie, schiacciate sempre più dalle concorrenze sleali.


    Serve un piano di grandi investimenti (controlli alle dogane, incentivi e aiuti alle imprese, tagli alle tasse per le Pmi), ma anche e soprattutto un provvedimento urgente, che doveva essere già realtà da molto tempo, ossia i dazi doganali su tutte le merci cinesi (e non solo) che invadono il nostro mercato e provocano una concorrenza sleale insopportabile contro le nostre indifese aziende.



    Ciao

  4. #4
    Inuyasha89
    Ospite
    Citazione Nicoer
    siccome avete detto nell'atro 3d di aprirne uno nuovo: eccolo qua!
    continuiamo su qua la discussione, ovvero: cosa ne pensate dei dazi alla Cina
    Ma in cosa consistono questi dazi?

  5. #5
    Utente L'avatar di Nicoer
    Registrato il
    01-05
    Località
    BÈRGHEM
    Messaggi
    1.402
    Citazione Paladino del Nord
    Il ministro del Welfare Roberto Maroni ha centrato perfettamente il problema in materia di dazi e misure di protezione per affrontare la crisi del settore tessile: “Il compito del governo è fare di tutto. Non si può dire questa è una competenza europea, ce ne laviamo le mani; se l'Europa non fa, faccia il governo italiano, anche se non può. Ci beccheremo una procedura di infrazione dalla Ue, come per gli aiuti alle imprese, ma almeno solleveremo il problema a Bruxelles”.

    Il tema dei dazi doganali contro la concorrenza sleale cinese (e tra poco arriverà anche quella indiana...) è entrato in ogni discussione della politica italiana. Ma come sempre chi lo aveva sollevato tre anni or sono prendendosi critiche da ogni direzione fu Umberto Bossi (e con lui Giulio Tremonti) che con lungimiranza vide nella Cina il problema per le nostre piccole e medie imprese, il cuore pulsante dell’economia padana, e di conseguenza italiana. Il libero mercato e la concorrenza vanno bene, ma non smisurati e senza regole: quando la concorrenza diviene sleale, il mercato ha il dovere di porre rimedio, punendo chi va fuorilegge e proteggendo chi lavora onestamente e si vede scavalcato da chi produce in condizioni igienico-sanitarie disastrose, pagando una miseria materie prime e dipendenti, in un paese dove sindacati e diritto di sciopero non sanno nemmeno cosa siano. E così le nostre Pmi sono state aggredite dal gigante cinese, costringendo numerosi imprenditori a chiudere ed a licenziare i propri lavoratori.

    Dove sono gli intellettuali e i paladini dei diritti civili di ogni schieramento? Perché non dicono nulla sulle condizioni sociali in Cina? Perché non hanno raccolto la proposta dell’introduzione dei dazi, provocando così negli ultimi anni numerosi licenziamenti?

    Cgil, Cisl, Uil, sinistra, dove siete? Questi sono i difensori dei lavoratori? No, sono i leccapiedi del grande capitale! Della Fiat, di Montezemolo e compagnia: il grande capitale che licenzia gli operai nei nostri territori per delocalizzare la produzione in Cina (o in Turchia, vedi proprio la Fiat) dove i salari dei dipendenti ed i costi di produzione sono infinitamente minori rispetto ai nostri standard. E’ vergognoso come i difensori dei lavoratori stanno permettendo la chiusura delle Pmi padane.

    E al governo? Nessuno dei centralisti conservatori muove un dito. Tutti capaci di rinnovare il contratto degli statali, tutti bravi a parlare di competitività, di ricerca, di migliorare nelle tecnologie: ma sanno cosa vuol dire gestire e lavorare in un’azienda? Sanno cosa vuol dire concorrenza sleale? Hanno mai lavorato seriamente nel mercato globale di oggi? La risposta è no, ma si inventano economisti, difendono le grandi lobbies (e i baracconi come Fiat & C.) e delle Pmi e degli operai non interessa niente a nessuno.

    Intanto le più grandi economie del mondo, dagli Usa alla Russia passando per la stessa Cina, hanno introdotto negli ultimi tempi molti dazi (o chiamati in altri modi, ma sempre dazi rimangono): e i risultati delle loro economie in costante crescita sono sotto gli occhi di tutti.

    Urge pertanto attuare misure di protezione, sia qui sia in Europa, senza polemiche sterili.

    La precedente Commissione Europea, quella a guida di Romano Prodi (che ora invece definisce i dazi una misura inutile, antistorica e medievale…), aveva già posto 58 misure antidumping su prodotti derivanti dalla concorrenza sleale e 33 superdazi su prodotti cinesi. Ora invece è passato dall’altra parte della barricata, il voltagabbana Mortadella.


    La lentezza burocratica europea è sotto gli occhi di tutti, la nuova Commissione si deve perciò attivare al più presto perché nuove misure servono per dare respiro alle nostre economie, schiacciate sempre più dalle concorrenze sleali.


    Serve un piano di grandi investimenti (controlli alle dogane, incentivi e aiuti alle imprese, tagli alle tasse per le Pmi), ma anche e soprattutto un provvedimento urgente, che doveva essere già realtà da molto tempo, ossia i dazi doganali su tutte le merci cinesi (e non solo) che invadono il nostro mercato e provocano una concorrenza sleale insopportabile contro le nostre indifese aziende.



    Ciao
    DEVO quotarti!
    quello che mi sta + sul c.a.zzo sono i partiti della sinistra che sono bravi a far vedere che loro rispettano i diritti umani e appoggiano gli operai e poi in realtà non fanno niente! Predicano bene e razzolano male! Se nn ci svegliamo adesso e se nn li mettiamo subito tra qualche anno ci ritroveremo in una crisi enorme e poi voglio vedere se nn danno ragione a Bossi a sui dazi!

  6. #6
    Paladino del Nord
    Ospite
    Citazione Nicoer
    se nn li mettiamo subito tra qualche anno ci ritroveremo in una crisi enorme e poi voglio vedere se nn danno ragione a Bossi a sui dazi!
    Ahimè, siamo già in crisi.

    Fino a che i sindacati non difenderanno i lavoratori, e al governo si penserà più agli statali e ai forestali, addio competitività e pmi.


    Ciao

  7. #7
    Mera 87 L'avatar di Zeus
    Registrato il
    12-02
    Località
    Mera's House
    Messaggi
    1.295
    Citazione Inuyasha89
    Ma in cosa consistono questi dazi?
    leggi quello che hanno replyato e capirai.

  8. #8
    Utente L'avatar di Nicoer
    Registrato il
    01-05
    Località
    BÈRGHEM
    Messaggi
    1.402
    Citazione Zeus
    leggi quello che hanno replyato e capirai.
    ^^ ... cmq la tua posizione?

  9. #9
    Utente L'avatar di Kyle Lionheart
    Registrato il
    10-04
    Località
    Terra di Mezzo
    Messaggi
    1.147
    Citazione Inuyasha89
    Ma in cosa consistono questi dazi?
    consistono nel fatto che alla merce cinese, per poter entrare in territorio italiano, viene applicata una tassa che ne aumenta il prezzo finale sul mercato...rendendo quindi più conveniente la roba italiana che normalmente non lo sarebbe.

    è una buona soluzione per i momenti di crisi, ma imho va vista unicamente come un provvedimento di durata limitata, che dia la possibilità all'industria italiana di migliorare, diventare più competitiva e reggere il confronto con i cinesi senza "trucchi". Ma non deve diventare un incentivo alla pigrizia per i produttori italiani...

  10. #10
    Utente L'avatar di Nicoer
    Registrato il
    01-05
    Località
    BÈRGHEM
    Messaggi
    1.402
    Citazione Kyle Lionheart
    consistono nel fatto che alla merce cinese, per poter entrare in territorio italiano, viene applicata una tassa che ne aumenta il prezzo finale sul mercato...rendendo quindi più conveniente la roba italiana che normalmente non lo sarebbe.

    è una buona soluzione per i momenti di crisi, ma imho va vista unicamente come un provvedimento di durata limitata, che dia la possibilità all'industria italiana di migliorare, diventare più competitiva e reggere il confronto con i cinesi senza "trucchi". Ma non deve diventare un incentivo alla pigrizia per i produttori italiani...
    il problema è che è l'industria cinese che si deve adeguare, nn quella italiana! E l'industria italiana non potrà mai essere competitiva come quella cinese xkè sono i cinesi che usano i cosìddetti "trucchi"... x questo secondo me bisogna mettere i dazi e questi dovranno restare fino a quando l'industria cinese si adeguerà alle norme "civili" di lavoro (cioè nn sottopaghi gli operai ecc. ecc. ...)

  11. #11
    Utente L'avatar di Kyle Lionheart
    Registrato il
    10-04
    Località
    Terra di Mezzo
    Messaggi
    1.147
    Citazione Nicoer
    il problema è che è l'industria cinese che si deve adeguare, nn quella italiana! E l'industria italiana non potrà mai essere competitiva come quella cinese xkè sono i cinesi che usano i cosìddetti "trucchi"... x questo secondo me bisogna mettere i dazi e questi dovranno restare fino a quando l'industria cinese si adeguerà alle norme "civili" di lavoro (cioè nn sottopaghi gli operai ecc. ecc. ...)
    ma certo, diamo sempre la colpa agli altri

    La Cina ha trovato un equilibrio che le permette di produrre in modo economico ed efficiente...non cambierà certo sistema per favorire gli altri.

    Siamo noi che non siamo abbastanza sviluppati, la gente di qui non si accontenta...ma non parlo dei poveri operai, che per forza di cose pretendono stipendi più alti per poter sopravvivere...parlo di chi sta' sopra, che alza artificiosamente i prezzi per puro profitto personale(pensate al passaggio Lira-Euro...i prezzi sono quasi raddoppiati senza che ci fosse un reale motivo). è logico che qui tutto costi più caro se l'atteggiamento rimane quello di adesso 8(

  12. #12
    Utente L'avatar di Nicoer
    Registrato il
    01-05
    Località
    BÈRGHEM
    Messaggi
    1.402
    Citazione Kyle Lionheart
    ma certo, diamo sempre la colpa agli altri

    La Cina ha trovato un equilibrio che le permette di produrre in modo economico ed efficiente...non cambierà certo sistema per favorire gli altri.

    Siamo noi che non siamo abbastanza sviluppati, la gente di qui non si accontenta...ma non parlo dei poveri operai, che per forza di cose pretendono stipendi più alti per poter sopravvivere...parlo di chi sta' sopra, che alza artificiosamente i prezzi per puro profitto personale(pensate al passaggio Lira-Euro...i prezzi sono quasi raddoppiati senza che ci fosse un reale motivo). è logico che qui tutto costi più caro se l'atteggiamento rimane quello di adesso 8(
    su questo ti do ragione!^^

  13. #13
    Utente L'avatar di Nicoer
    Registrato il
    01-05
    Località
    BÈRGHEM
    Messaggi
    1.402
    Citazione Kyle Lionheart
    ma certo, diamo sempre la colpa agli altri

    La Cina ha trovato un equilibrio che le permette di produrre in modo economico ed efficiente...non cambierà certo sistema per favorire gli altri.

    Siamo noi che non siamo abbastanza sviluppati, la gente di qui non si accontenta...ma non parlo dei poveri operai, che per forza di cose pretendono stipendi più alti per poter sopravvivere...parlo di chi sta' sopra, che alza artificiosamente i prezzi per puro profitto personale(pensate al passaggio Lira-Euro...i prezzi sono quasi raddoppiati senza che ci fosse un reale motivo). è logico che qui tutto costi più caro se l'atteggiamento rimane quello di adesso 8(
    sovrebbero essere i cinesi che si devono svegliare! e cmq se nn mettiamo i dazi rischiamo di sprofondare in una crisi gravissima, senza precedenti: le medie e piccole imprese fallirebbero quasi tutte e le grandi sposterebbero la loro produzione in cina così qua nn ci sarà più lavoro e, di conseguenza, nn ci saranno + soldi neanke per acquistare la merce "vantaggiosa" (io nn direi proprio...) che viene importata dalla cina...

  14. #14
    Le magicien L'avatar di LOCA86
    Registrato il
    11-04
    Località
    Bèrghem/Bergamo(svizzera)
    Messaggi
    3.725
    favorevolissimo.
    bella la firma(da bergamasco puro sangue)
    domani tutti a votare

  15. #15
    Utente L'avatar di Nicoer
    Registrato il
    01-05
    Località
    BÈRGHEM
    Messaggi
    1.402
    Citazione LOCA86
    favorevolissimo.
    bella la firma(da bergamasco puro sangue)
    domani tutti a votare
    ^^ brao!
    EDIT: io purtroppo nn ho ancora la facoltà di votare...
    Ultima modifica di Nicoer; 3-04-2005 alle 01:00:43

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •