• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 16

Discussione: [La confessione del banchiere americano ]

Cambio titolo
  1. #1
    Totti...Il Dio del Calcio L'avatar di Phantom_Cell
    Registrato il
    04-04
    Località
    Curva Sud
    Messaggi
    3.151

    KO [La confessione del banchiere americano ]

    Che un banchiere intitoli le sue memorie “Confessioni di un sicario dell’economia” è già clamoroso. Ma ciò che il banchiere John Perkins rivela nel suo libro, “Confessions of an economic hit man” (1) è spaventoso: racconta di essere stato arruolato dal governo Usa allo scopo di risucchiare a favore degli Stati Uniti le ricchezze di paesi poveri, e ciò “attraverso manipolazioni economiche, tradimenti, frodi”, attentati e guerre. Le rivelazioni di Perkins gettano una luce del tutto nuova anche sulle motivazioni dell’invasione dell’Irak.
    John Perkins dice di essere stato reclutato quando era ancora studente, negli anni ’60, dalla National Security Agency (NSA), l’entità più segreta degli Stati Uniti, e poi inserito dalla stessa NSA in una ditta finanziaria privata. Lo scopo: “Per non coinvolgere il governo nel caso venissimo colti sul fatto”. Quale fatto? Abbastanza semplice. Come capo economista della ditta privata Chas. T. Main di Boston con 2 mila impiegati, Perkins decideva la concessione di prestiti ad altri paesi. Prestiti che dovevano essere “molto più grossi di quel che quei paesi potessero mai ripianare: per esempio un miliardo di dollari a stati come l’Indonesia e l’Ecuador”. La condizione connessa con il prestito era che in massima parte venisse usato per contratti con grandi imprese americane di costruzioni e infrastrutture, come la Halliburton e la Bechtel (strutture petrolifere). Queste ditte costruivano dunque reti elettriche, porti e strade nel paese indebitato; il denaro prestato tornava dunque in Usa, e finiva nelle tasche delle classi privilegiate locali, che partecipavano all’impresa. Al paese, e ai suoi poveri, restava lo schiacciante servizio del debito, il ripagamento delle quote di capitale più gli interessi. L’Ecuador, dice Perkins, è oggi costretto a destinare oltre metà del suo prodotto lordo – cioè di tutta la ricchezza che produce – per il servizio dei debiti contratti con gli Usa.

    Ma questo è solo il primo passo. Gli Usa, indebitando quei paesi, vogliono in realtà “renderli loro schiavi”, dice Perkins. All’Ecuador, non più in grado di ripagare, Washington chiede di cedere parti della foresta amazzonica ecuadoriana per farla sfruttare da imprese americane. E’ questa la logica imperiale.
    Tra i massimi successi dei “sicari economici”, Perkins rievoca l’accordo riservato fra gli Usa e la monarchia saudita ai tempi della prima crisi petrolifera negli anni ’70. Per gli Stati Uniti, era necessario tramutare il rincaro del greggio da sciagura a opportunità. La famiglia dei Saud, del resto, affogava nei petrodollari: le fu proposto di investirli in titoli Usa e in grandi opere. La Bechtel (chi scrive fu in Arabia all’epoca e può testimoniarlo) ricoprì il reame desertico di nuove città e di impianti di raffinazione per lo più inutili; la famiglia Saud accettò di mantenere il greggio entro limiti di prezzo desiderabili per gli Usa, in cambio dell’assicurazione americana che Washington avrebbe sostenuto il loro potere per sempre. “E’ questo il motivo primo della prima guerra all’Irak”, dice Perkins, e dell’intreccio privilegiato di affari e finanza tra i sauditi e i Bush.
    Secondo Perkins, gli Usa cercarono di ripetere l’accordo con Saddam Hussein, “ma lui non c’è stato”. Da qui la sua rovina.

    Perché, dice Perkins, “quando noi sicari economici falliamo il bersaglio, entrano in gioco gli sciacalli. Sono gli uomini della Cia, che cercano di fomentare un golpe; se nemmeno questo funziona, ricorrono all’assassinio. Ma nel caso dell’Irak, gli sciacalli non sono riusciti ad arrivare a Saddam: lui aveva delle controfigure, la sua guardia era troppo attenta. Perciò si è decisa la terza soluzione: la guerra”.
    Perkins ha conosciuto personalmente Omar Torrijos, il generale e dittatore di Panama degli anni ’70, morto in un incidente aereo nel ’78. Torrijos fu ucciso, spiega Perkins, perché aveva stilato un accordo coi giapponesi per la costruzione di un secondo canale di panama, ed aveva ottenuto dall’Onu nel 1973 una risoluzione che obbligava gli Usa a restituire alla sovranità panamense il vecchio Canale. Le multinazionali americane “erano estremamente arrabbiate con Torrijos”. Per questo scopo, quando Reagan divenne presidente, gli furono fatti scegliere come ministri due alti funzionari della Bechtel, Caspar Weinberger alla Difesa e George Schultz – il che rivela molto sul ripugnante potere degli affari nella politica Usa – per costringere Torrijos con le m minacce a rompere i negoziati coi giapponesi (che stavano soffiando alla Bechtel l’affare del secolo) e di rinnovare il trattato del Canale di panama, riconsegnandolo agli americani. Torrijos rimase sulle sue posizioni: furono mandati in azione gli “sciacalli”. L’aereo di Torrijos, dice Perkins, cadde per un magnetofono che era stato riempito di esplosivo.
    La stessa fine di Enrico Mattei.
    Conclude Perkins: il denaro che gli Usa adoperano per indebitare i paesi poveri non è neppure denaro americano. Sono la Banca Mondiale e il Fondo Monetario a fornirlo, e a fornire ai poveri la corda per impiccarsi.


    Discutiamone
    “…in questa squadra si combatte per un centimetro, in questa squadra massacriamo di fatica noi stessi e tutti quelli intorno a noi, per un centimetro, ci difendiamo con le unghie e con i denti per un centimetro, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei centimetri il totale allora farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta..la differenza tra vivere e morire..e voglio dirvi una cosa: in ogni scontro è colui il quale è disposto a morire che guadagnerà un centimetro e io so che se potrò avere un’esistenza appagante sarà perché sono ancora disposto a battermi e a morire per quel centimetro…la nostra vita è tutta lì…in questo consiste, è in quei dieci centimetri davanti alla faccia, ma io non posso obbligarvi a lottare..dovete guardare il compagno che avete accanto, guardarlo negli occhi..io scommetto che ci vedrete un uomo determinato a guadagnare terreno con voi, che ci vedrete un uomo che si sacrificherà volentieri per questa squadra consapevole del fatto che quando sarà il momento voi farete lo stesso per lui..questo è essere una squadra signori miei..perciò o noi risorgiamo adesso come collettivo, o saremo annientati, individualmente…è il football ragazzi…è tutto qui…….allora….che cosa volete fare?!”

  2. #2
    Distruggi Community L'avatar di fulminato
    Registrato il
    02-04
    Località
    Maestro errante deL'OTU
    Messaggi
    26.243
    E' la scopereta dell'acqua calda purtroppo.
    "Per il resto la serie TES cesserà di interessare quando Fulminato smetterà di fare errori di battitura nei suoi post"
    Dark_Angel83
    "Physics is like sex: sure, it may give some practical results, but that's not why we do it."
    Richard P. Feynman
    "A mathematician is a blind man in a dark room looking for a black cat which isn't there."
    Charles R Darwin
    "Una nuova verità scientifica non si impone perché i suoi detrattori via via l'accettano, ma perché questi mano mano muoiono, e nel contempo sorge una nuova generazione in grado di accettarla."
    Max Planck

  3. #3
    Gaseous Snake
    Ospite
    Questa sono cose di cui si parlava già da anni...

    Ora però che è uscito questo libro c'è una fonte migliore.

    A parte tutto, non credo che le cose cambieranno mai...

  4. #4
    Inuyasha89
    Ospite
    Che schifo! C'è da vergognarsi!

  5. #5
    Gaseous Snake
    Ospite
    Citazione Inuyasha89
    Che schifo! C'è da vergognarsi!
    Evidentemente non si vergognano, anche perchè quello che hanno fatto è completamente legale. È da bastardi, certo, ma è legale.

  6. #6
    Supergiovane L'avatar di Grande_Puffo
    Registrato il
    08-04
    Località
    Casciago (VA)
    Messaggi
    1.176
    C'era bisogno di 'sto libro x sapere ciò?!
    EmiDomina

  7. #7
    Neo-Atlantideo L'avatar di Marcus85
    Registrato il
    12-02
    Località
    Toronto (ON) - Canada
    Messaggi
    8.360
    Ne ero a conoscenza da diverso tempo di questa "confessione". Non è nulla di nuovo, il colonialismo informale non è storia recente. A suo modo è un meccanismo di straordinaria efficienza. Chiaramente l'articolo valuta solo un aspetto di una problematica nella quale neppure i paesi europei, Italia inclusa, giocano un ruolo di secondo piano, ed il ruolo dell'Agip nelle guerre civili in Congo ne è una testimonianza palese.

  8. #8
    Πολύτρουπος L'avatar di Hobbit83
    Registrato il
    04-03
    Località
    Stadio Romeo Neri, Rimini
    Messaggi
    3.172
    Citazione Marcus85
    Ne ero a conoscenza da diverso tempo di questa "confessione". Non è nulla di nuovo, il colonialismo informale non è storia recente. A suo modo è un meccanismo di straordinaria efficienza. Chiaramente l'articolo valuta solo un aspetto di una problematica nella quale neppure i paesi europei, Italia inclusa, giocano un ruolo di secondo piano, ed il ruolo dell'Agip nelle guerre civili in Congo ne è una testimonianza palese.
    Il fatto che l'ENI sia protagonista di sta cosa non me la giustifica affatto, però.

    Fra
    3 sono i Re, il 3° era chiamato non ti scordar di me, perchè metteva foto giganti del suo viso: rimase incastrato nel suo proprio sorriso...

  9. #9
    Inno alla gioia L'avatar di IL CONTE
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    23.307
    Citazione Gaseus Snake
    Evidentemente non si vergognano, anche perchè quello che hanno fatto è completamente legale. È da bastardi, certo, ma è legale.
    Come andare short dopo il crollo delle torri o l'attentato a madrid.

  10. #10
    Utente L'avatar di Devil 87
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    15.530
    Ha dell'inumano questo, ma non possimo sapere quali dimensioni avesse questo "progetto", bisogna sempre essere terra-terra in questi casi
    Si vive per scoprire nuova bellezza, di solito tanta quanta se ne dimentica.

    - Half Devil -

  11. #11
    Supremo Comandante Asgard L'avatar di Vorador
    Registrato il
    01-04
    Messaggi
    3.667
    Io aggiungerei il nome di un altro banchiere di questo tipo: MICHELE SINDONA
    Winston Churchill ha detto:
    Bizzarro popolo gli italiani. Un giorno 45 milioni di fascisti. Il giorno successivo 45 milioni tra antifascisti e partigiani. Eppure questi 90 milioni di italiani non risultano dai censimenti.

  12. #12
    Πολύτρουπος L'avatar di Hobbit83
    Registrato il
    04-03
    Località
    Stadio Romeo Neri, Rimini
    Messaggi
    3.172
    Citazione IL CONTE
    Come andare short dopo il crollo delle torri o l'attentato a madrid.
    Andare short????
    What does it mean?
    3 sono i Re, il 3° era chiamato non ti scordar di me, perchè metteva foto giganti del suo viso: rimase incastrato nel suo proprio sorriso...

  13. #13
    Utente L'avatar di cerberus
    Registrato il
    01-03
    Località
    Salaria Sport Village
    Messaggi
    18.301
    Scremando un poco la "rivelazione" ( che non aggiunge nulla a quello che già si sà ) rimane una politica economica riprovevole...
    Le piccole concessioni all'immaginazione gliele perdoniamo... in fondo tutti dobbiamo campare, e l'irak tira ( e in fondo la ricostruzione regge ).
    Engineers do it better
    "Lo scienziato non studia la natura perché è utile, ma perché ne prova piacere e ne prova piacere perché è bella. Se la natura non fosse bella, non varrebbe la pena studiarla e la vita non varrebbe la pena di essere vissuta”.( Henri Poincaré )
    "Scientists discover the world that exists; engineers create the world that never was."

  14. #14
    Ogni lasciata è persa L'avatar di iMaX
    Registrato il
    05-03
    Località
    : àtilacoL
    Messaggi
    26.783
    un libro così può essere scritto da chiunque...c'è anche chi ha scritto che l'uomo non è mai andato sulla luna..

    poi non si sa mai come vanno le cose, magari è vero...
    Amici,
    per questioni di tempo mi è impossibile controllare contemporaneamente tutte le sezioni del forum.

    Per qualsiasi necessità Vi invito caldamente a:

    • Usare il tasto "Segnala"
    • Citarmi/Quotarmi all'interno delle discussioni
    • Inviarmi un MP

    Grazie!

  15. #15
    Utente L'avatar di Hallo
    Registrato il
    02-05
    Località
    caverne
    Messaggi
    14.117
    probabilmente c'è una base di verità. terrificante ma purtroppo ineluttabile. è l'impero.
    chi balla è spesso considerato pazzo da chi non può sentire la musica.

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •