• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Ridge Racers - PSP (Recensione)

Cambio titolo
  1. #1
    4 8 15 16 23 42 L'avatar di Andy1986
    Registrato il
    10-02
    Località
    Bellinzona [CH]
    Messaggi
    8.582

    Ridge Racers - PSP (Recensione)

    Nel lontano 1995 Sony lanciò sul mercato la console che avrebbe poi cambiato l’intera industria videoludica: PlayStation. Tra il vasto parco titoli che accompagnò quella che sarebbe poi diventata una console storica, spiccava Ridge Racer, racing game che puntava a contrastare l’egemonia nel campo dei giochi di guida arcade di Virtua Racing di SEGA. Sia gli utenti PSX che quelli da sala rimasero veramente impressionati dal gioco Namco, tanto che da quel dì Ridge Racer diventò una sorta di mostro sacro della guida arcade, entrando di diritto nella storia dei videogiochi. Cinque anni più tardi, ossia nel 2000, il colosso giapponese mise in commercio l’attesissima PlayStation 2, che lasciò a bocca aperta milioni di appassionati. La console sembrava avere delle potenzialità elevatissime, ma i giochi che ne accompagnarono l’uscita non parevano essere all’altezza dell’hardware messo a loro disposizione, tranne due titoli che si rivelarono particolarmente brillanti: SSX e, appunto, Ridge Racer V. Ancora una volta il gioco di corse Namco ha accompagnato a braccetto l’uscita di una console Sony. E quindi, come da tradizione, anche in occasione del lancio di PlayStation Portable, Ridge Racers ha presenziato la line-up iniziale della console. Sostanzialmente, questo episodio di Ridge Racers non è un nuovo gioco, ma si presenta come una sorta di enciclopedia della serie. Infatti, come può suggerire la “s” alla fine di “Ridge Racers”, questo capitolo raccoglie tutte le auto e tutti i tracciati presenti nei Ridge Racer precedenti, naturalmente adattate alla potenza del nuovo hardware. Il gioco potrebbe anche essere visto come una versione auto celebrativa da parte di Namco…

    A tutti oramai è nota la potenza di PSP, ma vi posso assicurare che chiunque che non abbia potuto ammirare la console accesa dal vivo, non può rendersi minimamente conto della spettacolarità dello schermo lcd. Un esempio perfetto delle sue potenzialità lo sa dare il fantastico filmato introduttivo di RRs con protagonista la bella Reiko ed una delle auto incluse nel gioco. In questo preciso istante c’è solo una parola che passa per la testa del possessore della console: “spettacolo”. Come di consueto, prima di accedere al menù vero e proprio, non può mancare il classico giochino retrò, ed in questo caso è toccato a Rally–X, un vecchio titolo datato 1980. Il fine è quello di raggiungere una serie di check point senza essere catturati dalle auto avversarie. In altre parole ci troviamo di fronte ad un pac-man in chiave automobilistica. È consigliabile spendere qualche minuto in questo mini gioco per arrivare almeno al punteggio di 50.000 punti e ottenere così un auto speciale che potrà esservi utile con il proseguimento del gioco.

    La modalità “World Tour” rappresenta il vero fulcro di RRs. Dovrete svolgere una serie di gare in tracciati sparsi per il globo, le quali sono divise in tre categorie (Basic, Pro ed Ex), che diventano attivabili man mano che si progredisce. Di norma le competizioni sono suddivise in tornei dalla durata variabile, dalla lunghezza di tre giri. Gareggerete contro undici agguerriti avversari e, per qualificarvi al round successivo, dovrete giocoforza entrare nelle prime tre posizioni. Con l’avvicinarsi della fine del torneo le condizioni di vittoria si faranno sempre più restrittive, lasciandovi per finire come unica possibilità la vittoria. Come sempre RRs propone uno stile di guida completamente arcade, contraddistinto da derapate al limite dell’impossibile ed una velocità pazzesca. La chiave che consente di arrivare alla vittoria è sostanzialmente l’anticipazione delle curve ed il corretto sfruttamento delle bombole nitro. Sono infatti disponibili fino a tre contenitori nitro, che vengono progressivamente riempiti ad ogni derapata, come spesso accade in parecchi giochi di guida arcade degli ultimi tempi. Differentemente a quanto accade, ad esempio, nell’ottimo Burnout 3, qui non si ha la facoltà di scegliere la quantità di nitro da consumare, ma una volta attivato il boost quest’ultimo si arresterà solo nel momento in cui la bombola si esaurirà. È quindi necessario utilizzare queste cariche con raziocinio, sfruttando i rettilinei ed evitando di accelerare oltremisura alla vigilia di una curva insidiosa. Bisogna però anche segnalare che, se anticipata a dovere, è possibile affrontare anche la più complicata delle svolte con una velocità oltre i 300 km/h. Il controllo dell’autovettura può avvenire sia con la croce direzionale, sia con lo stick analogico, il quale garantisce una maggiore precisione. L’utilizzo delle bombole nitro è invece affidato al tasto dorsale “R”.

    Come affermato in precedenza, la modalità World Tour divide le sue competizioni in tre categorie ben definite. Nella prima è praticamente impossibile farsi sfuggire il primo posto vista la velocità ridotta delle auto e la lentezza disarmante degli avversari. Se questa sezione serve più che altro a familiarizzare con il gioco, e consente anche alle persone meno abili di prendere confidenza con i controlli, nella classe “PRO” le auto iniziano a diventare più veloci, gli avversari più agguerriti e le corse più frenetiche. Nonostante ciò, per un giocatore medio il raggiungimento della prima posizione in tutte le gare è poco più di una formalità, e quindi anche questa sezione fila liscia come l’olio. E qui inizia a nascere un briciolo di timore e delusione, visto che si sente la fine del gioco soffiare sul proprio collo. Fortunatamente a questo punto la modalità EX apre i battenti, e da questo momento in avanti il gioco necessita una lettura diversa da quella fatta in passato: le auto avversarie scheggiano oltremodo schizzando sul manto stradale, gli avversari diventano particolarmente battaglieri e quelli che prima erano delle semplici cunette ora si rivelano dei veri e propri trampolini di lancio. Ed è proprio qui che il vero divertimento ha inizio: qui si inizia a sudare le vittorie, che senza la scelta della vettura più adatta rimangono un lontano miraggio. Peccato che tutto questo avvenga nelle parti conclusive del gioco, intaccando, e non di poco, la longevità del titolo.

    Ogni qualvolta otterrete un successo in uno dei vari tornei, riceverete in premio una nuova autovettura utile nelle gare successive. Quest’ultime sono divise in sei classi differenti, a seconda della loro potenza, alle quali si aggiunge una classe speciale, in cui troviamo quattro vetture fantascientifiche dalla velocità inaudita. Nel gioco sono contenute tutte le piste che hanno fatto la storia di Ridge Racer, le quali corrispondo a dodici che, con le loro varianti al contrario, danno un totale di ben 24 tracciati disponibili. Le ambientazioni di quest’ultimi spaziano dalle spiagge con tanto di tramonto all’orizzonte a delle metropoli ultratecnologiche con grattacieli futuristici, che possono vagamente ricordare i tracciati di Wipeout Pure.

    Graficamente il titolo non può che lasciare letteralmente a bocca aperta. La potenza di PSP è oramai nota a tutti ma l’aspetto grafico di RRs è comunque impressionante. Osservare i modelli delle automobili girare su se stesse mentre si cambia il colore della carrozzeria mediante il tasto “select” è un vero spettacolo per gli occhi. Quando poi la gara ha inizio, e lo speaker scandisce il conto alla rovescia verso l’inizio della contesa, ci si trova dinnanzi uno spettacolo senza precedenti. Esteticamente il gioco si avvicina moltissimo a Ridge Racer V (PS2), ed in alcuni aspetti risulta addirittura superiore. Sostanzialmente, in questo campo non ci sono particolari difetti, anche perché non sono ancora ben note le vere potenzialità di PSP, e quindi sarebbe azzardato lodare più del dovuto il comparto grafico di RRs che resta comunque veramente spettacolare. Sarebbe interessante confrontare il gioco con altri prodotti dello stesso genere, per verificare effettivamente se RRs offre una grafica realmente degna di PSP o se quest’ultima è in grado di dare ancora di più, ma questo è un argomento che potrà essere trattato solo in un prossimo futuro. Una piccolissima pecca in questo campo è dovuta ad una leggerezza dello schermo di PSP, che a volte si trova in difficoltà nel passare direttamente dal colore nero a quello bianco. I giocatori più assidui potrebbero notare che in alcuni tracciati dove, a causa dei raggi di sole che vengono riflessi sulla strada, quest’ultima risulta particolarmente chiara, e lo sfrecciare dei pneumatici (neri) produce una scia rossastra proprio dovuta a questo difettuccio dello schermo. Sono in ogni modo pronto a scommettere che se non ve lo avesse indicato Ludus nessuno di voi se ne sarebbe accorto.

    Come accade per tutti gli altri giochi PSP, l’ausilio delle apposite cuffie è indispensabile ai fini di gustare al meglio l’audio stereo di RRs. Come per tutti gli altri aspetti del gioco anche le tracce audio ripercorrono la storia della serie, e sono quindi presenti alcuni brani storici, con l’aggiunta di altri inediti o remixati. Tirando le somme il numero dei sottofondi audio che vi accompagneranno mentre sfrecciate a folle velocità è veramente elevato. Inoltre all’inizio di ogni corsa sarà possibile selezionare la traccia desiderata, oppure pre-impostare i brani in relazione ad un certo circuito, grazie ad un’apposita voce del menù opzioni. Come nelle altre edizioni è ancora presente lo speaker durante le gare, che commenterà i fatti salienti, e questo, nella versione USA del gioco, completamente in italiano.

    GLOBALE - 8
    Ridge Racer è senz’ombra di dubbio uno dei migliori racing game arcade mai apparsi su una console portatile, e sinceramente la concorrenza non è particolarmente agguerrita su altre piattaforme. Tecnicamente impressionante, risulta buono in ogni aspetto, ma pecca leggermente in longevità vista la non elevata difficoltà.

    GRAFICA - 9
    Davvero il massimo che ci si potrebbe aspettare. Sia i modelli delle auto che i tracciati in cui sfrecciano sono realizzati in maniera incredibile, e in alcuni aspetti la grafica di RRs risulta addirittura superiore alla controparte per PlayStation2 (Ridge Racer V). Spettacolo

    AUDIO - 8
    Tutte le tracce storiche delle serie più qualcuna inedita rendono il comparto audio di RRs di buon livello. È in ogni modo necessario l’utilizzo delle cuffiette per poter gustare a fondo i brani contenuti nel prodotto

    GIOCABILITÀ - 8
    Il Re dei giochi di guida arcade ripropone il suo classico modo di concepire le corse: derapate fuori da ogni immaginazione unite ad una velocità frenetica. Il tutto si traduce in qualcosa di estremamente gratificante

    DURATA - 7
    La modalità “World Tour” è composta da un gran numero di gare, ma la maggior parte contraddistinte da una facilità di vittoria disarmante. I giocatori con un minimo di esperienza non impiegheranno molto a portare a termine il gioco.

    PREGI
    La grafica è veramente molto curata, l’audio è di buon livello e sono presenti tutti i tracciati storici della serie.

    DIFETTI
    Purtroppo la vera ed unica pecca di questo gioco è la difficoltà delle sfide proposte, veramente troppo bassa. Di conseguenza la longevità del titolo ne risente fortemente.

    Andrea Branca [Ludus.it]

  2. #2
    Utente
    Registrato il
    01-05
    Messaggi
    248
    Molto bene
    Come sempre, del resto

  3. #3
    B A N --------- K A I L'avatar di lorepere
    Registrato il
    09-04
    Messaggi
    7.843
    condivido ottima rece...........che voglia che hai però
    comunque il confronto io lo ho fatto con nfs e rr vince alla stragrande.........mannaggià che l'ho venduto che me lo sarei tenuto e smazzato nfs..

    rr è per me il meglio al momento per psp

  4. #4
    4 8 15 16 23 42 L'avatar di Andy1986
    Registrato il
    10-02
    Località
    Bellinzona [CH]
    Messaggi
    8.582
    gia', NFS non mi ha mai convinto...
    A parte il fatto che non mi piacciono nemmeno le versioni PS2... ma questo e' un altro discorso...

  5. #5
    B A N --------- K A I L'avatar di lorepere
    Registrato il
    09-04
    Messaggi
    7.843
    Citazione Andy1986
    gia', NFS non mi ha mai convinto...
    A parte il fatto che non mi piacciono nemmeno le versioni PS2... ma questo e' un altro discorso...
    mah, nfs per ps2 mi è piaciuto, pensavo fosse di pari livello, invece graficamente è veramente nà chiavica, mentre il gioco in sè è carino..............però da psp voglio grafica migliore, non sto gioco a mò di cellulare

  6. #6
    4 8 15 16 23 42 L'avatar di Andy1986
    Registrato il
    10-02
    Località
    Bellinzona [CH]
    Messaggi
    8.582
    beh, questo e' chiaro...
    da psp ci si attende sempre una grafica ad ottimi livelli, anche perchè questo campo deve essere il punto di forza per battere la concorrenza...

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •