• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 20

Discussione: Curiosita' Gt4

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di granfigo
    Registrato il
    05-05
    Località
    Pescara
    Messaggi
    437

    Cool Curiosita' Gt4

    Salve a tuttiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!
    Sono nuovo del forum e sono un grandissimo appassionato del mitico GT4 .
    vorrei sapere qualcosa:
    Chi sà dirmi l' auto più veloce di GT4? Io ho la TOYOTA MINOLTA , è una delle più veloci ?

    Poi sapete dirmi come si supera la prova a chamonix della PATENTE S? Sto veramente perdendo la testa!

    Spero che risponderete.

  2. #2
    Utente L'avatar di Skyline85
    Registrato il
    03-05
    Località
    Vice(nza)
    Messaggi
    11.586
    intanto benvenuto .......
    sono un super appasionato di gt ma non ho il 4 quindi non ti posso consigliare..ti dico solo porta pazienza che questa sera qualcuno ti risponde alla sera ce' piu' gente ...ciao


  3. #3
    fire's dragon L'avatar di vanette73
    Registrato il
    10-04
    Messaggi
    382
    questa è una "guida" alla patente s:



    14. Patente S
    Primo test, giro a tempo: correrete su un circuito di cui avete già visto vari tratti, usando un’auto da corsa: i freni saranno particolarmente potenti. Attenzione alle traiettorie, cercate di ricordare le sezioni che avete già affrontato nei test precedenti. La vostra velocità massima dipenderà nei rettilinei dal modo in cui avete affrontato le curve precedenti, quindi tenete sempre a mente velocità di entrata ed uscita, e le traiettorie.
    Secondo test, giro a tempo: un giro completo su un percorso italiano, lo avete già visto più volte. Le numerose curve strette vi metteranno alla prova, ma se pensate ad uscita-ingresso-uscita troverete un ritmo adeguato. Provate a ricordare come si comportava l’auto pilota su questo tracciato.
    Terzo test, giro a tempo: affronterete un tracciato che non avete mai visto in precedenza, molto tecnico in alcune sezioni, con delle “S” e delle curve con apice verso il fondo, quindi state attenti. Guiderete inoltre un veicolo particolare, saranno messe alla prova tutte le vostre abilità. La parte più importante del tracciato è la serie di curve dopo il tunnel: non concentratevi su una singola curva, pensate all’intero tratto come a una sezione unica. Dovrete frenare sul rettilineo mentre ancora siete in salita, poi dopo la curva ci sarà un altro rettilineo, e una curva a destra che dovrete affrontare in modo simile. Non siate troppo aggressivi su questo tracciato o ne pagherete le conseguenze.
    Quarto test, giro a tempo: correrete su un circuito italiano; dopo la parte in salita, che vi porta fino in cima all’isola, vi si presenterà un lungo tratto in discesa. Il disegno generale del tracciato può essere riassunto in: una manciata di rettilinei collegati da curve. La velocità di uscita da queste determinerà le vostre prestazioni globali. Nella prima parte del percorso, in salita, avrete più sottosterzo del normale a causa della perdita di peso sulle ruote anteriori. Frenate a fondo per trasferire peso sull’avantreno prima di sterzare nella direzione voluta. Nella seconda parte, in discesa, frenate su traiettorie rettilinee, se frenate sterzando alterete l’assetto del mezzo.
    Quinto test, giro a tempo: benvenuti a Seattle, anche questo è un tracciato che non avete ancora visto, un percorso cittadino con parecchie curve difficili una dietro l’altra, quindi siate certi di memorizzare il disegno generale del percorso prima di affrontarlo. Dovrete frenare circa 200 metri prima della prima curva dopo l’inizio; il rettilineo in salita conduce a una curva cieca ad angolo retto, dovrete iniziare a frenare prima che la curva sia visibile. Ci sono poi due punti in cui vi staccherete dal suolo, il tracciato si allarga in questa zona, fate quindi uso dell’intera sua ampiezza. Usate i cordoli che si trovnao in quasi tutte le curve, vi aiuteranno a mantenere le traiettorie adatte.
    Sesto test, giro a tempo: qui guiderete sulla neve e sul ghiaccio. Anche se si tratta di un percorso breve come lunghezza, è abbastanza impegnativo a causa delle superfici su cui correrete. Accelerare è forse più difficile che frenare, siate gentili con il gas. Controllate attentamente le derapate in curva.
    Settimo test, giro a tempo: altro percorso che avete incontrato in precedenza. La parte fondamentale è una sezione subito dopo il tunnel, la superficie nella prima curva è scivolosa, quindi attenti al sottosterzo. Nel tunnel successivo tenetevi a destra, portatevi gradualmente a sinistra. Tagliate il bordo giallo all’uscita e acquisite più velocità possibile per il rettilineo. Ci sarà una stretta curva cieca poi, ma se trovate la traiettoria ideale potrete mantenere alta la velocità.
    Ottavo test, giro a tempo: eccovi nel bel mezzo di Tokio. Questo lungo tracciato non presenta complessivamente grandi difficoltà, dunque le traiettorie sono fondamentali per mantenere alta velocità. Uno dei punti cruciali è identificare il punto di frenata per la prima curva, iniziate a frenare poco prima di arrivare al cartello dei 100 metri. Poi ci sarà una sezione ovale, state all’interno, sul cordolo; la velocità attraverso l’ultima curva sotto al cavalcavia è anch’essa importante. State attenti a non andar troppo veloci in alcune parti del tracciato, e siate certi di utilizzare il più possibile i cordoli: così facendo otterrete tempi migliori, non solo qui ma sulla maggior parte dei percorsi.
    Pausa caffé: una corsa speciale, dovrete colpire ognuno dei 50 coni; non sarete squalificati se colpirete i muri, ma risulterà in una perdita di tempo, quindi cercate di evitarlo. Potete anche usare la retromarcia in questa prova, non ha importanza, basta che abbattiate i coni. Cercate di identificare il percorso migliore per risparmiare tempo.
    Nono test, giro a tempo: bentornati a El Capitan, di cui avete già visto varie sezioni. Ricordatevi dei cambiamenti in latezza; la parte fondamentale è quella subito dopo la prima curva a destra. Attenti al sottosterzo, e anche alla prima curva cieca dopo il tunnel, siate pronti per questa quando non sarà ancora visibile. Ci saranno parti del tracciato in cui vedrete rocce e ghiaia sui bordi, l’aderenza qui sarà scarsa, evitate se possibile ogni genere di irregolarità.
    Decimo test, giro a tempo: un circuito su sterrato di tre kilometri e mezzo. Ci saranno molte curve in cui dovrete derapare, quindi è fondamentale che manteniate il controllo della vettura per stabilire un buon tempo.
    Undicesimo test, giro a tempo: nuovamente nelle strade parigine. Anche se questa è uan corsa relativamente semplice, ci sono numerose chicane nelle sezioni aperte: è importante quindi rallentare adeguatamente in queste zone; siccome le prestazioni del veicolo sono elevate, dovrete valutare correttamente i migliori punti per iniziare a frenare. Ci sono inoltre alcune irregolarità nel fondo stradale, quindi sestate sui lati esterni sperimenterete sottosterzo. In Place de la Concorde troverete partenza e traguardo. Pensate all’intero circuito, mentre vi preparate ad affrontarlo.
    Dodicesimo test, giro a tempo: la vostra gara contro il cronometro ha luogo in Giappone, a Suzuka; userete un’auto che corre nel campionato giapponese. Troverete molte curve famose, su questo tracciato, e avrete bisogno di tutte le vostre capacità per ottenere un buon tempo. Non potete concentrarvi sulle singole curve, dovete sempre programmare almeno una o due curve successive, per stabilire le migliori traiettorie e ottenere la miglior velocità.
    Tredicesimo test, giro a tempo: correrete in un popolare circuito californiano, dal disegno unico. Dopo la partenza, affronterete una ripida salita, è difficile vedere la strada qui, con angoli ciechi a bizzeffe, e punti scivolosi in cui perderete trazione, procedete con cautela. Circa a metà del tracciato, inizierete a scendere, ed incontrerete poi una serie di lente curve, stabilire un buon ritmo sarà importante in questa zona. Utilizzerete una vettura da corsa, inutile dire forse che il controllo della velocità è vitale.
    Quattordicesimo test, giro a tempo: rieccovi a Chamonix, e riecco neve e ghiaccio. Anche se a inizio tracciato c’è poca neve, la trazione e l’aderenza sono scarse; se state sull’esterno del percorso, molto probabilmente perderete il controllo a causa della differenza di superficie su cui si trovano le ruote. Nel tunnel evitate la neve al suolo, siate delicati con l’acceleratore e dovreste cavarvela. Ci sono molti punti in cui l’assetto del veicolo subirà variazioni, quindi cercate di non essere troppo aggressivi per non perdere aderenza.
    Quindicesimo test, giro a tempo: lo sfondo è il noto circuito internazionale di Le Mans. La corsa è divisa in tre sezioni ad alta velocità. La prima e più lunga, il rettilineo Mulsanne, ha due chicane, ma la più complicata è il rettilineo che conduca alla curva di Indianapolis. Qui il tracciato è più stretto, quindi dovrete stare molto attenti alla traiettoria o finirete fuori. Non state troppo sui cordoli. La sezione interna del tracciato ha variazioni in altezza con curve difficili a vedersi, ci sono inoltre curve su un pianoro subito dopo una ripida salita. Ricordate di mantenere il peso sull’avantreno per evitare sottosterzo.
    Sedicesimo e ultimo test, giro a tempo: ancora il Nurburgring, è la vostra ultima sfida. Fate uso di tutte le vostre abilità. Dopo aver attraversato il ponte vicino alla partenza, incontrerete una sezione ad alta velocità dove le traiettorie dovranno essere molto precise. Poi segue una parte tecnica, usate i cordoli. Cercate di effettuare cambiamenti leggeri nelle traiettorie invece che bruschi, per ottenere miglior velocità.
    Taty'73

  4. #4
    fire's dragon L'avatar di vanette73
    Registrato il
    10-04
    Messaggi
    382
    e queste sono le caratteristiche tecniche di auto,sospensioni,motori ecc...
    potrebbero essere utili!


    3. Tipi di veicolo
    Forward Rear: Motore anteriore, trazione posteriore. Molti dei veicoli più potenti, come la Viper, la Corvette e la Mazda RX-7 usano questo assetto. Ha alcuni vantaggi: le ruote anteriori beneficiano del peso del motore, utile sterzando. Dato che la trazione è posteriore, la stessa accelerazione fornisce un vantaggio relativo all’aderenza delle ruote motrici. Esistono però anche svantaggi: durante curve strette, troppo gas può facilmente mandare in derapata il veicolo, a causa del sovrasterzo.

    Forward Forward: Motore anteriore, trazione anteriore. La popolarità di questo assetto è un fenomeno relativamente nuovo. Anche se molti veicoli di fascia alta comunque non lo usano, ha comunque dei vantaggi. È particolarmente indicato per chi sia nuovo alle corse, e dato che è comune sui veicoli meno costosi, è ottimo per i principianti in Gran Turismo, visto che le auto costano. Il peso del motore sulle ruote motrici rende questo genere di veicoli molto controllabile, non ci si deve preoccupare di perdita di peso sulle ruote motrici e la trazione resta ottimale, si riduce inoltre la possibilità di derapate indesiderate. Gli svantaggi, si evidenziano in accelerazione. In tale fase il peso si sposta verso le ruote posteriori, che però non sono responsabili dell’accelerazione, dunque si spreca potenziale. Inoltre le ruote anteriori perono leggermente aderenza, e dunque l’accelerazione risulta parzialmente ridotta. I veicoli di questo tipo, infine, tendono a sottosterzare in curva. Siccome le ruote posteriori non offrono alcuna spinta, sono essenzialmente trascinate. Durante una curva, questo “peso morto” impedisce parzialmente il mantenimento della traiettoria desiderata.

    Middle Rear: Motore centrale, trazione posteriore. Una scelta di design utilizzata su alcune auto esotiche, incluse la Acura NSX e la Opel Speedster. Ha alcuni vantaggi. Il posizionamento centrale dl motore consente un buon equilibrio del peso, di cui beneficiano sia le ruote anteriori che posteriori, anche se sulle posteriori grava il peso maggiore, cosa che si dimostra utile in accelerazione all’uscita delle curve. Un altro elemento di vantaggio è il fatto che esiste sempre del peso sul posteriore in curva, dunque si riduce il rischio di derapate indesiderate e si aumenta il controllo del veicolo. Anche se questo genere di veicoli ha comunque la tendenza a sovrasterzare, tale tendenza è inferiore a quella di veicoli FR.

    Rear Rear: Motore posteriore, trazione posteriore. Non sono molte le macchine con questo assetto, ma quelle poche sono interessanti (Porsche, ad esempio). Hanno alcuni dei vantaggi di quelle con motore centrale, ma esistono ancora differenze, che rendono evidenti gli svantaggi di questa soluzione. Questi veicoli sono eccellenti in accelerazione, ma continuano ad avere una tendenza al sovrasterzo, inoltre la pressione sulle gomme posteriori comporta rapido consumo, che può divenire un problema.

    4WD: Quattro ruote motrici. In quasi tutti i casi il motore è sul lato anteriore del veicolo. Questa soluzione offre notevoli vantaggi, e forse nessuno svantaggio, sono ottime auto per l’inizio e a livello intermedio. Veicoli come la Subaru STi e la Mitsubishi GTO sono adatti a livello intermedio e alto, facili da controllare per guidatori inesperti. Ciò che rende vantaggiosi questi mezzi è il fatto che tutte le ruote hanno azione sulla spinta del veicolo, il che lo rende più controllabile in curva e fornisce vantaggi dove avere trazione è un problema, ad esempio fuori strada. Mentre un veicolo normale potrebbe facilmente perdere accelerazione, ciò non avviene o comunque avviene in misura notevolmente inferiore con un veicolo di questo tipo.

    4. Motore e trasmissione
    Installare un nuovo turbo nel vostro veicolo può drasticamente migliorare la potenza, fornendovene in esubero. Mentre le prestazioni aggiuntive saranno sicuramente una bella cosa da avere, esistono però delle conseguenze a cui bisogna prepararsi, per ottenerne il meglio. Dato che il turbo entra in azione ad alti RPM, i veicoli che fanno affidamento su un turbo sono tipicamente più deboli a regimi bassi. Questa debolezza con gli RPM bassi può tradursi in tempi di accelerazione superiori, specialmente dopo le curve. Ciò rende importante considerare la possibilità di innalzare la spinta fornita dall’accelerazione con ogni mezzo possibile, e cambiare le impostazioni del veicolo in modo tale da migliorare l’accelerazione del veicolo anche a bassi RPM; dovreste anche regolare il cambio in modo che il motore continui a fornire alti RPM per il turbo: è vostro interesse che non scendano mai troppo cambiando, per ottenere il meglio.
    Scegliere la completa personalizzazione della trasmissione vi consentirà di alterare i rapporti tra le marce del cambio. Questo cambiamento influisce su due cose: accelerazione, e velocità massima. Stringere il rapporto in linea generale migliorerà l’accelerazione, tuttavia si tradurrà anche in una riduzione di velocità massima; viceversa, usare marce più lunghe consentirà velocità massime superiori, ma allungherà il tempo di accelerazione. Per la maggior parte dei veicoli, non esiste una singola impostazione migliore in assoluto, dovrete quindi calibrare attentamente le cose prima delle corse, scoprendo quale sia la soluzione migliore per voi. Per tracciati con molte curve, forse vorrete puntare sul miglioramento dell’accelerazione, visto che mirare ad un’alta velocità massima che non avreste il modo e il tempo di raggiungere non sarebbe molto sensato. In percorsi con rettilinei, come il Circuite de la Sarthe e la Fuji Speedway, vorrete invece migliorare la massima velocità massima ottenibile dal vostro mezzo. In ogni caso, dovrete comunque ricordare che l’accelerazione in uscita anche da poche curve non dovrà esser troppo sacrificata: trovate un equilibrio. Non dimenticate in ogni caso il fattore turbo: quando regolate il cambio, cercate quindi di mantenere alti RPM, per non ridurne l’efficacia in accelerazione.

    5. Sospensioni

    Quando passerete alle impostazioni da corsa, potrete regolare la durezza delle sospensioni del vostro mezzo, il che influisce sul modo in cui il vostro veicolo reagisce alla strada. Irrigidire le sospensioni generalmente migliorerà la risposta in curva, visto che stabilizza il veicolo; tuttavia, irrigidirle troppo renderà meno stabile il veicolo su sterrati e simili, dunque è importante considerare il tipo di corsa che dovrete affrontare prima di agire su questi parametri. Se correte su asfalto potete irrigidire le sospensioni, se affronterete un percorso con molti sbalzi e cambiamenti, come Laguna Seca, o fuori strada, sospensioni più morbide potrebbero essere più indicate.

    Anche l’altezza è importante: su superfici in asfalto vorrete probabilmente ridurla per ridurre l’effetto di attrito dell’aria ad altà velocità, massimizzando le prestazioni, mentre su sterrati e simili vorrete aumentare l’altezza, per evitare che il veicolo tocchi su tratti accidentati o sconnessi o in curva, facendovi perdere il controllo.

    Non agirete molto in genere sul fattore di assorbimento degli ammortizzatori, anche se alcune auto potrebbero in parte beneficiarne. Ammorbidendo gli ammortizzatori, incrementerete l’aderenza del veicolo in uscita dalle curve, cosa utile per veicoli leggeri che perdono trazione in accelerazione, uscendo dalle curve; tuttavia, esagerare può influire negativamente sulla manovrabilità del mezzo: il veicolo reagirà troppo alle sollecitazioni del fondo su cui si trova, facendovi perdere il controllo. Questo è uno dei motivi per cui in genere non si agisce su questo fattore, a meno che non vi sia una reale necessità.

    6. Ruote e altro
    Mentre non avete molta scelta quando si tratta di percorsi fuori strada (vi ridurrete a scegliere tra gomme da neve o da terra), la scelta che effettuerete per percorsi su asfalto sarà importante. Gomme più morbide aumenteranno considerevolmente la presa, migliorando accelerazione e trazione in curva; per corse brevi, non esiste alcun fattore negativo determinato da questa scelta. Tuttavia, le gomme morbide hanno il difetto di consumarsi rapidamente: quindi su corse più lunghe comportano soste frequenti per sostituzione, il che su corse oltre i cinque giri, in particoalre gare endurance, rende consigliabile scegliere gomme più dure.
    Potete anche regolare la forza dei freni su fronte e retro, separatamente. Se incrementate la forza di frenata sull’avantreno, la vostra macchina tenderà maggiormente a sottosterzare, potete agire in tal senso per bilanciare l’effetto di sovrasterzo di veicoli FR (motore anteriore, trazione posteriore). Viceversa, aumentare la frenata sul posteriore aumenta l’effetto di sovrasterzo, il che potrebbe in alcuni casi rendersi vantaggioso, specialmente in corse fuori strada, per derapate controllate.
    Incrementare la spinta aerodinamica verso il basso, consente una maggiore trazione dovuta alla migliorata aderenza delle gomme. Ciò migliora la stabilità del veicolo. Tuttavia, influisce anche sulle prestazioni complessive: il peso risultante, maggiore, ridurrà parzialmente la velocità in rettilineo, inoltre se accentuata sulla parte anteriore tale spinta può generare una tendenza al sovrasterzo (e viceversa se massimizzata sulla parte posteriore). Per fare cambiamenti in tal senso, è fondamentale considerare il rapporto tra posizione del motore e tipo di trazione del veicolo che guiderete.

    7. Consigli generali
    Potrete affrontare il gioco in modalità A-Spec (quella in cui avete il totale controllo del mezzo) e B-Spec (il mezzo è controllato dall’intelligenza artificiale, su cui influite tramite diverse opzioni, determinando ad esempio il modo in cui l’intelligenza artificiale deve condurre il veicolo), è possibile passare da una modalità all’altra durante i pit stop.
    Esercitarsi nella modalità di prova è un ottimo modo per imparare a conoscere a fondo i percorsi. L’unico svantaggio è che non avrete alcun mezzo reale per sapere se state andando bene o meno, visto che non ci sono avversari con cui competere; tuttavia, esiste un rimedio. Prima di iniziare una prova a tempo, iniziate la corsa in modalità B-Spec. Ciò vi consentirà di verificare le prestazioni dell’intelligenza artificiale; uscendo dalla modalità B-Spec e passando a quella A-Spec, a questo punto avrete un termine di riferimento. La modalità B-Spec può tornarvi utile in altre occasioni: se sapete che potete vincere facilmente un evento, passate a questa modalità, aumentate la velocità della corsa e rilassatevi, mentre ottenete la vittoria.
    Anche se non ogni circuito vi consentirà di farlo, potrete spesso battere i vostri avversari semplicemente utilizzando maggior potenza; se avete problemi a vincere una determinata gara, tornate a circuiti precedenti, vincete abbastanza denaro, usatelo per montare turbo migliori sul vostro veicolo. Anche se non sarete piloti eccezionali, avrete a questo punto potenza sufficiente a superare i vostri avversari. Un altro modo per aumentare la potenza del veicolo, soprattutto se si tratta di un’auto usata o vinta in premio, è cambiare olio come prima cosa. Tenete d’occhio gli HP, se iniziano a scendere dopo qualche tempo un cambio d’olio è la soluzione più rapida per ottenere un miglioramento istantaneo.
    Quando iniziate il gioco, avete una somma piuttosto ridotta da spendere per il vostro mezzo. Potete effettuare i test per le patenti per ottenere denaro, ma se volete iniziare subito a correre vorrete comprare un mezzo con quel che avete. Il miglior affare che potete realizzare, è acquistare una Mitsubishi Lancer Evolution GSR ’92, la troverete nel primo settore dedicato alle auto usate. Ha il vantaggio non trascurabile di essere un veicolo a quattro ruote motrici. Inoltre se avete un salvataggio di Gran Turismo 3 sulla memory card potete trasferire fino a 100.000 crediti a Gran Turismo 4, all’inizio.
    Un altro modo per accumulare rapidamente una fortuna è competere in eventi che abbiano in premio auto costose. Potete poi vendere tali veicoli, competere nuovamente in quell’evento per guadagnare altro denaro, e così via. Un’ottimo evento per questo tipo di tattica è a livello facile il Rally della Costa di Amalfi. Due semplici corse, molto rapide, che si vincono facilmente con un veicolo come la Mitsubishi Lancer Evolution GSR ’92 già citata.
    I vostri avversari, inoltre, vengono scelti casualmente all’inizio di una corsa: se quindi vi trovate ad affrontare piloti troppo forti, potete semplicemente uscire dalla corsa e ricaricarla per trovare nuovi avversari più semplici da sconfiggere.
    Quando acquistate un veicolo, tenete sempre a mente la sua destinazione d’uso. Se volete comprare una macchina giapponese per correre in eventi giapponesi, cercate un veicolo che soddisfi anche requisiti per eventi fuori dal Giappone. Se riuscite a focalizzare le vostre spese in modo tale da ottenere veicoli che possono risultare utili anche in altre situazioni, massimizzerete i benefici che potete ottenere acquistando una vettura. Ad esempio cercate veicoli giapponesi a quattro ruote motrici, o tedeschi, con un boxer.
    I test per le patenti costituiscono forse l’aspetto più difficile del gioco: fortunatamente, il gioco stesso prevede un’opzione per rendervi le cose più agevoli. Quando scegliete un test, selezionate la seconda opzione invece di mettervi direttamente alla guida, potrete far da spettatori e osservare una dimostrazione di quel che vi aspetta.
    Taty'73

  5. #5
    Game Tag: caccorutto L'avatar di busdriver
    Registrato il
    08-04
    Località
    Sul bus
    Messaggi
    523
    Ciao ben arrivato, io la massima velocità l' ho raggiunta con la Chapparal del 1970.

    430 kmh sul circuito di prova ovale
    Costa 1200000 crediti e vola come un aereo nel senso letterale del termine, se devi andare dritto e tutto ok, se ci sono le curve... .
    Fammi sapere!!!
    Codice Wii: 1175-9548-4506-8925
    Codice amico Mario Kart: 1161-0171-1865

  6. #6
    Dottore......della mutua L'avatar di charizard
    Registrato il
    08-04
    Messaggi
    150
    oh odiatemi ma ve lo devo dire.........ho preso tutti bronzi nella patente S (nn sono il top dei guidatori, quindi.....), ma mi metto a fare la prova di chamonix, tiro 20 bestemmie ma appena riesco a concludere un giro.........parte la musica trionfale! MEDAGLIA D'ORO! sono rimasto a bocca aperta davanti alla tv per 10 minuti buoni! nn so proprio come abbia fatto.......
    la firma superava i limiti di peso imposti dal regolamento

  7. #7
    Game Tag: caccorutto L'avatar di busdriver
    Registrato il
    08-04
    Località
    Sul bus
    Messaggi
    523
    Citazione charizard
    oh odiatemi ma ve lo devo dire.........ho preso tutti bronzi nella patente S (nn sono il top dei guidatori, quindi.....), ma mi metto a fare la prova di chamonix, tiro 20 bestemmie ma appena riesco a concludere un giro.........parte la musica trionfale! MEDAGLIA D'ORO! sono rimasto a bocca aperta davanti alla tv per 10 minuti buoni! nn so proprio come abbia fatto.......
    E' successo anche a me, ed è uno dei 3 ori che ho conquistato !
    Non te la prendere l' importante è il risultato !!!
    Codice Wii: 1175-9548-4506-8925
    Codice amico Mario Kart: 1161-0171-1865

  8. #8
    JUVENTINO PIU' CHE MAI L'avatar di lance74
    Registrato il
    03-03
    Località
    I'm LOST
    Messaggi
    2.399
    Citazione granfigo
    Salve a tuttiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!
    Sono nuovo del forum e sono un grandissimo appassionato del mitico GT4 .
    vorrei sapere qualcosa:
    Chi sà dirmi l' auto più veloce di GT4? Io ho la TOYOTA MINOLTA , è una delle più veloci ?

    Poi sapete dirmi come si supera la prova a chamonix della PATENTE S? Sto veramente perdendo la testa!

    Spero che risponderete.
    Se stai parlando del bronzo basta arrivare in fondo senza forzare soprattuto nei tornanti nella neve devi rallentare quando la macchina è diritta e poi farli in seconda piano piano all'interno molto stretto,ti sconsiglio la prima perchè è facile andare in testacoda,vedrai è più semplice di quel che sembri,ti dico solo che ho preso tutti ori nella varie patenti(per me la cosa più divertente del gioco,insieme alle missioni,comprese le maledette n.23 e n.34)e questa è la prova più facile della speciale per prenderlo.

    P.S.naturalmente consiglio a tutti il cambio manuale per staccare tempi da record

  9. #9
    Illuso L'avatar di SicK
    Registrato il
    02-05
    Località
    Lugano
    Messaggi
    2.204
    Citazione busdriver
    Ciao ben arrivato, io la massima velocità l' ho raggiunta con la Chapparal del 1970.

    430 kmh sul circuito di prova ovale
    Costa 1200000 crediti e vola come un aereo nel senso letterale del termine, se devi andare dritto e tutto ok, se ci sono le curve... .
    Fammi sapere!!!
    con la R90 (nisssan) io ho fatto 443.9 km/h sul quel circuito...
    l'auto la trovi al 690 giorno circa nelle auto usate...insieme alla gtone e altre 2 auto...

  10. #10
    TwentyYears L'avatar di Super Tidus
    Registrato il
    05-04
    Località
    Roma
    Messaggi
    8.564

    Lampadina

    Citazione SicK
    con la R90 (nisssan) io ho fatto 443.9 km/h sul quel circuito...
    l'auto la trovi al 690 giorno circa nelle auto usate...insieme alla gtone e altre 2 auto...
    La RCP90 intendi? io c'e l'ho ma nn mi raggiunge i 443 all'ora l'hai modificata??
    CASE: Phanteks P400S Black Window w/ Led Strips
    CPU: Intel Core i5 3570k w/ Cooler Master 212 EVO @ 4.2 Ghz
    GPU: XFX RX 480 GTR 8 GB @ 1360 Mhz
    RAM:
    Corsair Vengeance 8GB (4X2) 1600 Mhz CL 9
    MOTHERBOARD:
    AsRock Z77 Pro3
    ALI:
    Corsair RM650x Fully Modular
    MONITOR
    : AOC G2460PF FreeSync 144hz FullHD
    SSD: ​Samsung 850EVO 250GB

  11. #11
    TwentyYears L'avatar di Super Tidus
    Registrato il
    05-04
    Località
    Roma
    Messaggi
    8.564
    Citazione SicK
    con la R90 (nisssan) io ho fatto 443.9 km/h sul quel circuito...
    l'auto la trovi al 690 giorno circa nelle auto usate...insieme alla gtone e altre 2 auto...
    Davvero??? al 690 giorno.....no nn ci posso credere ma costano di meno giusto quanto??
    CASE: Phanteks P400S Black Window w/ Led Strips
    CPU: Intel Core i5 3570k w/ Cooler Master 212 EVO @ 4.2 Ghz
    GPU: XFX RX 480 GTR 8 GB @ 1360 Mhz
    RAM:
    Corsair Vengeance 8GB (4X2) 1600 Mhz CL 9
    MOTHERBOARD:
    AsRock Z77 Pro3
    ALI:
    Corsair RM650x Fully Modular
    MONITOR
    : AOC G2460PF FreeSync 144hz FullHD
    SSD: ​Samsung 850EVO 250GB

  12. #12
    Illuso L'avatar di SicK
    Registrato il
    02-05
    Località
    Lugano
    Messaggi
    2.204
    la r90 costa 1.299.000 credo
    la gtone 2.999.000 circa..

  13. #13
    TwentyYears L'avatar di Super Tidus
    Registrato il
    05-04
    Località
    Roma
    Messaggi
    8.564

    Freccia

    Citazione SicK
    la r90 costa 1.299.000 credo
    la gtone 2.999.000 circa..
    non può essere io sono al 890 giorno sono andato a controllare ma niente di quello che hai detto
    CASE: Phanteks P400S Black Window w/ Led Strips
    CPU: Intel Core i5 3570k w/ Cooler Master 212 EVO @ 4.2 Ghz
    GPU: XFX RX 480 GTR 8 GB @ 1360 Mhz
    RAM:
    Corsair Vengeance 8GB (4X2) 1600 Mhz CL 9
    MOTHERBOARD:
    AsRock Z77 Pro3
    ALI:
    Corsair RM650x Fully Modular
    MONITOR
    : AOC G2460PF FreeSync 144hz FullHD
    SSD: ​Samsung 850EVO 250GB

  14. #14
    Illuso L'avatar di SicK
    Registrato il
    02-05
    Località
    Lugano
    Messaggi
    2.204
    mi disp...cmq era poco prima del 700 giorno....io sapevo ke cera qualkosa in quei giorni e mentre stavo facendo una serie di gare sn sucito e ho controllato...era tra il 690 e il 700...poi non so se dipende dai giorni...

  15. #15
    TwentyYears L'avatar di Super Tidus
    Registrato il
    05-04
    Località
    Roma
    Messaggi
    8.564
    Citazione SicK
    mi disp...cmq era poco prima del 700 giorno....io sapevo ke cera qualkosa in quei giorni e mentre stavo facendo una serie di gare sn sucito e ho controllato...era tra il 690 e il 700...poi non so se dipende dai giorni...
    Intendi dire che questa cosa si verifica in 1 giorno solo ??
    CASE: Phanteks P400S Black Window w/ Led Strips
    CPU: Intel Core i5 3570k w/ Cooler Master 212 EVO @ 4.2 Ghz
    GPU: XFX RX 480 GTR 8 GB @ 1360 Mhz
    RAM:
    Corsair Vengeance 8GB (4X2) 1600 Mhz CL 9
    MOTHERBOARD:
    AsRock Z77 Pro3
    ALI:
    Corsair RM650x Fully Modular
    MONITOR
    : AOC G2460PF FreeSync 144hz FullHD
    SSD: ​Samsung 850EVO 250GB

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •