• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Eddie.

Cambio titolo
  1. #1
    Lisergic Acid Dietylamide
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rieti
    Messaggi
    8.047

    Occhiolino Eddie.

    mi pare lecito parlarne !!! eddie eccovi tutta la storia...mi verrà un crampo alla mano per scriverla ... diciamo che uso un copia/incolla sono sincero ^^ !:

    E' impossibile pensare agli Iron Maiden senza pensare alla faccia grottesca e muscolosa del loro alter-ego collettivo Eddie. Eddie fa parte degli Iron Maiden tanto quanto il tuoneggiante suono di guerra creato dalla loro musica. Ma questo mostro che ricorda freddie Krueguer, senza pelle, come un personaggio uscito da un film di Clive Barker, ha una sua propria storia, e fa per gli irreparabilmente brutti quello che Andy Wharol ha fatto le scatolette di minestra Campbell



    C'era una volta una donna che diede alla luce un bimbo, che però nacque con la sola testa.Nonostane questo tenue difetto di nascita i genitori gli volevano un casino di bene , e gli regalavano un sacco di cappelli e maschere. il giorno del suo sedicesimo ocmpleanno i genitori incontrarono un medico che assicurò di regalare un corpo ad eddie .Eddie The 'Ead (Eddie, La testa) se ne stava seduto accanto al caminetto, quando arrivò suo padre. "Figlio mio," gli disse, "Oggi è un giorno speciale. E' il tuo compleanno, e abbiamo una sorpresa per te."
    "Oh, no,"disse Eddie, "Non un altro cappello!" e scappò [COME????] momentaneamente di casa.
    Come tutti gli orrori, Eddie ha creato una primitiva catena di evoluzione; la spettinata incarnazione che oggi compare sulle T-shirts, sulle copertine e sui
    posters del gruppo, è ben lontana dalla faccia relativamente dolce che si materializzò negli anni Settanta.
    Dave Beasley ,un vecchio amico del gruppo, fu il responsabile dell'organizzazione degli spettacolari stage show dei Maiden. Soprannominato Dave 'Lights' per la sua esperienza nel campo dell'effetto luci, aveva idee molto ambiziose a dispetto dello scarzo badget a sua disposizione. Così il primo tentativo dei Maiden di adornare il palco con qualcosa di più che non vernice e posters, fu quello di avere dietro di loro il nome del gruppo, evidenziato con lampadine, e incoronato da una maschera, ottenuta senza permesso da una scuola d'arte.

    Presto battezzata Eddie The 'Ead, questa immagine di tormento e minaccia fu la prima di una serie di migliaia di rappresentazioni delle varie avventure che corsero parallele alla carriera degli Iron Maiden. In seguito la bidimensionale e relativamente semplice maschera, ebbe un corpo, che spesso appariva in palco col gruppo, fino al punto di dominare completamente la scena, come nella tourneè mondiale del 1988. Il secondo Eddie era una testa più grande e più sofisticata, i cui occhi si accendevano, e dalla sua bocca uscivano nuvole di fumo, senza che Eddie si preoccupasse dei pericoli di fumare senza un corpo. Infatti quando il gruppo suonò in un festival in Belgio nel 1980, il fumo venne pompato con tale veemenza che Eddie fece un volo attraverso il palco.

    Il saltellare su e giù su un moncone di collo non è un modo dignitoso di viaggiare per un futuro divo dell'orrore, c'era bisogno di un corpo. Il Dottor Frankestein che dipinse il resto di Eddie fu l'artista Derek Riggs. Nel cervello fertile di Riggs le idee cominciavano a crearsi, prima di concretizzarsi nei suoi disegni. I ragazzi vennero messi in contatto con Rigg dal loro manager Rod Smallwood, un uomo fatto con la tempera dello Yorkshire, che sa sempre ottenere quello che vuole, quando vuole. Un giorno, nell1980, Smallwood si trovò a parlare di copertine con un A&R della EMI. Sul muro c'era un poster disegnato da Derek Rigg.

    Eddie comprare come un presagio maligno sulla copertina del singolo del 1980 'Running Free'. La scena rappresenta un rocchettaro dai capelli lunghi, che corre per un vicolo illuminato da un lampione. Dietro di lui si trova una figura emaciata, una massa di capelli che sventolano come una nuvola di fumo, da un'ombra dove dovrebbe esserci una faccia

    Facendo riferimento alle lampade che gli illuminavano gli occhi negli anni settanta, Eddie guarda dalle sue orbite luminescenti la fuga della sua vittima. Nel cammino di un gruppo, un'pò di polemica può andare molto in là. I Sex Pistols avrebbero fatto qualsiasi cosa per turbare la delicata sensibilità delle istituzioni, fino al punto di navigare su una barca a remi nel tamigi, il giorno del Giubile d'Argento della Regina, stannarzando la loro versione di 'God Save The Queen'. I Frankie Goes To Holliwood non arrivarono da nessuna parte finchè 'Relax' non fu censurata. I Maiden si unirono al carrozzone... Anche se non avevano nessuna intenzione di procurarsi pubblicità da quattro soldi, la
    pubblicità arrivò grazie allo sfacciato Eddie. Sulla copertina del secondo singolo 'Sanctuary', Eddie armato di coltello, sta in piedi su un'immagine di Margaret Thatcher sdraiata al suolo. Ancora una volta la scena si svolge in un vicolo buio, in un bassifondo pervaso da uno spirito maligno. La thatcher come vittima, vista da molti come una forte polemica, strettamente politica, non era che uno scherzo, un'ironia, impregnata più di arroganza che di altro. Margaret Thatcher, durante la sua visita in Russia impressionò a tal punto i comunisti vecchio stampo, che la videro così sicura e decisa, che fu soprannominata la 'Iron Lady' - specialmente dopo che vecchio footage televisivo la mostrò in divisa militare dentro un carro armato. Nella copertina del disco, porta una sciarpa degli Iron Maiden. Se si prende tutto in
    considerazione ci si accorge che la copertina di 'Sanctuary' è più un duello sul significato del titolo stesso che non una frecciata politica. Ovviamente le cose furono ingigantite a non finire dai rotocalchi e dalle camicie inamidate del governo. 'E' UN DELITTO', scrivevano i pecoroni del quotidiano Daily Mirror, riproducendo le cose in modo sproporzionato. Parole come 'disonore' e 'oltraggio' uscirono dalle bocche dei Tory come le feci del deretano di un toro. Ma questo non impedì al disco di vendere bene, ovviamente, anche con la famigerata copertina, in secondo tempo censurata. La Thatcher ebbe la rivincita con 'Women In Uniform', il singolo successivo, dove due formose virago, se ne stanno nascoste armate di mitra, pronte ad assalire il povero Eddie. Ma nessun articolo venne scritto in protesta dell'imminente fine di Eddie. Il che sta a significare che non c'è giustizia in questo mondo.... ecco le due copertine :
    Eddie contro Mrs. Thatcher


    Eddie uccide Mrs. Thatcher
    (Sanctuary)

    Il termine alter-ego, che abbiamo usato sopra, non potrebbe essere più adatto. Gli Iron Maiden di per se sono forse i ragazzi più simpatici e accattivanti che potresti augurarti di incontrare. Anche se la loro immagine come uomini di famiglia rimane privata, è certamente un dato di fatto, che sia allontana così estremamente dalla tipica immagine dei macho del Rock. Mi viene in mente la storia del Dottor Jekill e Mister Hyde. Mentre i singoli membri del gruppo sono visti come come i benigni ambasciatori del mondo Rock nei loro viaggi per il mondo, Eddie rappresenta la diplomazia di un dito medio alzato durante un convegno delle superpotenze sulla pace.
    Quando Eddie visitò l'Australia nel 1982, sfoggiava una scure e un coltello, sulle magliette della tourneè, con sullo sfondo carcasse di animali morti, presumibilmente canguri. In Canada nel 1983, venne raffigurato mentre trascinava un riluttante alce tra la neve. Per il disco Maiden Japan, del 1981 Eddie agita una spada da Samurai, e non credo che stesse per preparare il sushi. Non c'è limite alle capacità di Eddie, si è avventurato in terre dove nessun
    uomo si è mai recato, e ha affrontato le più oscure paure di tenti. Nella copertina del 1982, quella di ' The Number Of The Beast' è Eddie che muove le corde dell'immagine di Satana. Eddie ride, il fuoco divampa dalla sua mano sinistra, mentre muove il diavolo con la destra. Sulla copertina di 'Run To The Hills' Eddie è nel mezzo di una questione discutibile.
    La leggenda di Dedalo e Icaro, riceve il trattamento di Eddie sulla copertina di 'Flight Of Icarus'. Nella storia originale, Icaro, nel suo tentativo di volare, si costruisce ali di cera. Ma come dice la leggenda, vola troppo in alto, troppo vicino al sole, così le sue ali si sciolgono e lui cade verso la morte. La versione dei Maiden è leggermente diversa, nel senso che Icaro è raffigurato con le ali in fiamme, ed un Eddie tutto soddisfatto vola via con le sue ali di pipistrello, impugnando un lancia-fiamme!
    Sembra che Eddie sia esistito fin dalla preistoria, e che fosse venerato dagli dèi egizi, e nella copertina dell'album 'Powerslave' lo vediamo sotto forma di un Dio, in un monumento con una sfinge. Eddie ha partecipato a varie

    guerre, ad esempio sulla copertina di ' The Trooper' è vestito come un soldato della fanteria Inglese, che uccide tutti quelli che lo ostacolano. E' un pilota con tanto di elmetto su uno Spitfire sulla copertina 'Aces High' con bombardieri che precipitano dietro di lui. Il tema della seconda guerra mondiale arriva fino ai Novanta, dove la copertina del singolo 'Tailgunner', tratto dal loro ultimo epico 'No Prayer For The Dying', vede il nostro amico che debella fuori dal cielo, dalla coda di un bombardiere Lancaster.
    Gli Iron Maiden Sono sempre stati dotati di un fiero patriottismo, sempre orgogliosi della loro nazionalità britannica. Troppo spesso gruppi si sono vergognati delle loro radici inglesi, ed hanno guardato all'America come fonte di maggiore ispirazione. Eddie ti farebbe ha pezzettini, se gli suggerissi come quando Nail Armstrong ha piantato le stelle e strisce sulla luna, per l'America. Tale nazionalismo può essere frainteso, come i neo-fascisti degli oscuri gruppi fascisti dello U.K. che usavano la Union Jack come marchio. Gli Iron Maiden e quello che rappresentano - un gruppo di simpatici ragazzi che suonano un Rock divertente - sono troppo lontani.

    La vita di Eddie non è stata però tutta rose e fiori. Nonostante i suoi exploit l'abbiamo visto molestare alci, essere venerato e combattere nemici, ci sono stati momenti meno piacevoli.
    L'album 'Piece Of Mind' ha visto Eddie incatenato e con una camicia di forza in una cella imbottita, capelli tosati, un pezzo di metallo conficcato nel cranio, gli avanzi di una tentata lobotomia. La copertina di 'Seventh Son Of A Seventh Son' rivela un Eddie sospeso al di sopra del mare artico, richiamandosi a visioni dantesche del fiume delle anime all'inferno.

    A Eddie manca la parte superiore della testa, così coem gran parte del corpo, che ha dovuto aspettare per tanto tempo, la sua spina dorsale spezzata, naviga nell'acqua. Per 'The Clairvoyant' la maggior parte della testa sparisce e l'attenzione è concentrata sul mistrioso 'Terzo Occhio'. Visto che la decimazione del suo corpo non bastava, gli stessi Iron Maiden decisero di uccidere Eddie, in palco, al Wastfalenhalle a Dortmund, alla fine della tourneè 'World Piece'. Ma Eddie è più che capace di ritornare all'aldilà. Le T-Shirts della tourneè di 'Powerslave' mostrano un Eddie mummificato - ma vivo. GLi Egiziani hanno seppellito il morto, ma sembra che Eddie sia tornato.

    Oh, e non dimentichiamoci Eddie come Babbo Natale, ma vorreste davvero vedervelo scendere dalla cappa del camino?
    Ovunque il mini-uragano che chiamano Iron Maiden suoni, ci sarà sempre la presenza furtiva e minacciosa di Eddie. Sia che sia in palco con la Band (anche se venne censurato dalla BBC anni fa, per un'apparizione al programma musucale 'Top Of The Pops', in caso che spaventasse i telespettatori), o che cammini dietro di loro sotto forma di un Robot gigante radiocomandato, l'unica certezza è che lui ci sarà sicuramente.
    Una volta Rod Smallwood riassunse il contributo di Eddie alla storia degli Iron Maiden in poche parole. Quando gli venne chiesto se Eddie sarebbe comparso in palco per la torneè 'No Prayer For The Diyng', accenno un sorriso e rispose con un tono inequivocabile:
    "Ma certo! Non sarebbe uno spettacolo dei Maiden senza Eddie, no?..."
    No, non credo che lo sarebbe....











    Se non capite qualcosa , avvisatemi ^^ se avete bisogno di img per capire meglio ditemelo. magari la storia è un po' sballata , certo andrebbe vissuta cn gli album degli iron maiden , e non è stata tutto un copia/incolla vi dirò che metà l'ho scritta io ^^

    Up the iron , eddie the beast!!!
    "...la medicina è la più diffusa delle malattie ereditarie"
    -D. Pennac-

  2. #2
    Utentente
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    21.598

    Re: Eddie.

    Inviato da Pisolone

    Up the iron
    Non era la frase che usava sempre un certo Clodoveo?

  3. #3
    Lisergic Acid Dietylamide
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rieti
    Messaggi
    8.047

    Re: Re: Eddie.

    Inviato da falk
    Non era la frase che usava sempre un certo Clodoveo?
    uaz uaz nn mi far ricordare la fregatra che m'avete fatto 'ssstardi !
    "...la medicina è la più diffusa delle malattie ereditarie"
    -D. Pennac-

  4. #4
    Utentente
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    21.598

    Re: Re: Re: Eddie.

    Inviato da Pisolone
    uaz uaz nn mi far ricordare la fregatra che m'avete fatto 'ssstardi !
    Ahah te lo rinfaccerò vita naturaldurante!

  5. #5
    Lisergic Acid Dietylamide
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rieti
    Messaggi
    8.047

    Re: Re: Re: Re: Eddie.

    Inviato da falk
    Ahah te lo rinfaccerò vita naturaldurante!
    sssstardo[al cubo!] ^^
    "...la medicina è la più diffusa delle malattie ereditarie"
    -D. Pennac-

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •