• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 21

Discussione: Videogiocatori, da 0 a 100

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di muk
    Registrato il
    06-05
    Località
    Como
    Messaggi
    3

    Videogiocatori, da 0 a 100

    Ciao ragazzi,

    questo post vorrebbe essere allo stesso tempo uno spunto di discussione x tutti ed una importante fonte di informazioni e spunti per me.

    Vi spiego brevemente:

    sto iniziando a raccogliere materiale per una tesi sui videogiochi, un modo x unire l’utile (la tesi) al dilettevole (ragionare su una passione che ho a partire dal mio antico Philips MSX2..) .

    Dopo aver fronteggiato non so quanti sorrisini ironici x un argomento così poco “serio” perché non rivolgermi a chi può capirmi??



    Ecco in particolare mi interesserebbe scrivere a riguardo di eventuali differenze generazionali tra videogiocatori.

    Visto che praticamente i giocatori vanno da 0 a 100 anni (anche se magari più si sale con l’età e più si tende a nascondersi x evitare giudizi altrui) mi sembra interessante capire cosa cambia nel modo d’uso man mano che si cresce. Provo a buttare lì qualche spunto, poi sentitevi liberi di criticare , aggiungere vostri pareri, idee, indicazioni su testi utili, quello che volete.



    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani



    Intanto vi ringrazio!! A presto!
    Agonizzanti in un letto, tra molti anni da adesso, siete sicuri che non sognerete di barattare tutti i giorni che avrete vissuto a partire da oggi per avere l'occasione, solo un altra occasione, di tornare qui sul campo ad urlare ai nostri nemici che possono toglierci la vita ma non ci toglieranno mai la liberta'

  2. #2
    Prepare to eternity... L'avatar di L0new0lf
    Registrato il
    12-03
    Località
    Korova Milk Bar(i)
    Messaggi
    14.584
    Bel topic complimenti...scrivo qualcosa di impegnato questa sera,adesso sono un pò occupato...
    Sarà la prima volta, che non andrò a votare...
    Sarà la prima volta, che non andrò a puttane.

  3. #3
    Neo 1977
    Ospite
    Citazione muk
    Ciao ragazzi,
    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani



    Intanto vi ringrazio!! A presto!
    1) + o - 2 ore al giorno
    2)principalmente la notte, di giorno si lavora
    3) no
    4)nella mia stanza
    5)tutto ok
    6) certo, specialmente tra amici, multiplayer
    7) on-line, amici
    8) raramente
    sono stato sintetico vero?

  4. #4
    Mod of the Year 2009 L'avatar di Steee
    Registrato il
    11-03
    Località
    Milano / Boston
    Messaggi
    20.457
    Citazione muk
    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani



    Intanto vi ringrazio!! A presto!
    - 2 o 3 ore al giorno
    - Solo al gioco, e di solito è nel primo pomeriggio
    - Intacca tantissimo sulla TV, infatti non la guardo più perchè esempio i telegiornali leggo le news on-line
    - Camera mia
    - Lasciamo stare 8(
    - Aiutare sicuramente, ho conosciuto + di 300 persone grazie a vg
    - Solitamente Online con la mia gilda
    - Conflittualità....no

  5. #5
    . L'avatar di ryusei
    Registrato il
    11-03
    Località
    Messina
    Messaggi
    11.715
    Citazione muk
    Ciao ragazzi,

    questo post vorrebbe essere allo stesso tempo uno spunto di discussione x tutti ed una importante fonte di informazioni e spunti per me.

    Vi spiego brevemente:

    sto iniziando a raccogliere materiale per una tesi sui videogiochi, un modo x unire l’utile (la tesi) al dilettevole (ragionare su una passione che ho a partire dal mio antico Philips MSX2..) .

    Dopo aver fronteggiato non so quanti sorrisini ironici x un argomento così poco “serio” perché non rivolgermi a chi può capirmi??



    Ecco in particolare mi interesserebbe scrivere a riguardo di eventuali differenze generazionali tra videogiocatori.

    Visto che praticamente i giocatori vanno da 0 a 100 anni (anche se magari più si sale con l’età e più si tende a nascondersi x evitare giudizi altrui) mi sembra interessante capire cosa cambia nel modo d’uso man mano che si cresce. Provo a buttare lì qualche spunto, poi sentitevi liberi di criticare , aggiungere vostri pareri, idee, indicazioni su testi utili, quello che volete.



    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani



    Intanto vi ringrazio!! A presto!
    1)+ o - 4 ore al giorno ovviamente distaccate
    2)di solito il pome e nn lo intacco con altro solo con internet
    3) nella mia camera
    4) be i miei lo considerano un divertimento per ragazzi che fa male -.-
    5)organizzando tornei e giornate di gioco insieme
    6)spesso soli o online
    7) io online gioco con gente che è anke molto + vecchia di me

  6. #6
    Utente L'avatar di Eddy'90
    Registrato il
    05-05
    Località
    a Dreamland
    Messaggi
    12.864
    Citazione muk

    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani



    Intanto vi ringrazio!! A presto!
    -dipende, ma mai più di 3 ore
    -quando ho un gioco da finire mi dedico solo a quello, se non gioco a salti
    -no, non mi pare
    -in cucina colla mia tele a LCD . ma ora i miei vogliono segregare la console in cantina
    -mia madre pensa che i vg siano il male, idem mio padre.mio frate è l'unico nella famiglia che condivide questa passione
    -un esempio è questo forum .cmq se sei bravo a rompere il ghiaccio con la gente riesci a farti molti amici
    -gioco online,da solo e in compagnia
    -non vado mai in conflitto con videogiocatori più anziani di me
    [...] perché quando quando l'interesse personale di un individuo viene anteposto a quello di un'intera nazione, prima o poi giunge il momento dei rendiconti.

  7. #7
    con la mia balotta L'avatar di Bandicot1
    Registrato il
    10-02
    Località
    Misano A. (RN)
    Messaggi
    5.368
    Citazione muk

    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani
    - mezz'ora d'estate un ora e poco più d'inverno
    -si ho un momento fisso (dopo pranzo) e nel frattempo ascolto anche musica
    -no
    -la mia postazione di gioco in soffitta
    -mio padre e mio fratello giocano occasionalmente e sempre a certi giochi particolari, detestano le novità
    -attraverso il multiplayer online ho conosciuto diverse persone che ogni tanto frequento anche nella relatà
    -da soli, con amici veri e amici virtuali
    -nessuna conflittualità non vedo il motivo di litigare per un videogioco


    Il talento non esiste! Esistono soltanto l'ispirazione e l'ambizione, e le mie sono roventi!

  8. #8
    solcatore dei mari L'avatar di D@rK-SePHiRoTH-
    Registrato il
    10-04
    Località
    Roma
    Messaggi
    20.152
    ho 17 anni
    Citazione muk
    Ciao ragazzi,

    questo post vorrebbe essere allo stesso tempo uno spunto di discussione x tutti ed una importante fonte di informazioni e spunti per me.

    Vi spiego brevemente:

    sto iniziando a raccogliere materiale per una tesi sui videogiochi, un modo x unire l’utile (la tesi) al dilettevole (ragionare su una passione che ho a partire dal mio antico Philips MSX2..) .

    Dopo aver fronteggiato non so quanti sorrisini ironici x un argomento così poco “serio” perché non rivolgermi a chi può capirmi??



    Ecco in particolare mi interesserebbe scrivere a riguardo di eventuali differenze generazionali tra videogiocatori.

    Visto che praticamente i giocatori vanno da 0 a 100 anni (anche se magari più si sale con l’età e più si tende a nascondersi x evitare giudizi altrui) mi sembra interessante capire cosa cambia nel modo d’uso man mano che si cresce. Provo a buttare lì qualche spunto, poi sentitevi liberi di criticare , aggiungere vostri pareri, idee, indicazioni su testi utili, quello che volete.



    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)
    Allora, da piccolo erano i miei genitori a dovermi fermare.
    Poi ho imparato a non fermarmi da solo.
    quando ero piu piccolo, fino ai 15 anni, prendevo il videogame decisamente piu sul serio.
    adesso lo percepisco piu come gioco, come qualcosa di facoltativo, che c'è e non c'è.
    e credo che dipenda anche dal declino qualitativo di questi ultimi.

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)
    Beh, dipende. ci sono periodi in cui il passatempo preferito è quello. alle volte ho superato le 12 ore di partita continua con lo stesso gioco.
    attualmente è ''quando capita''

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)
    si, interagisce moltissimo con gli altri Media.
    per esempio è da molto che per me la televisione significa solo
    simpson
    e
    film
    Attualmente il media che piu mi assorbe è il computer, e Internet(con la 2 vita che esso rappresenta).
    In determinati periodi invece, soprattutto quando cado preda del gioco online, riesco a disinteressarmi perfino a quest'ultimo.

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)
    Nel mio caso non mi è stato permesso, da piccolo, di tenere un televisore nella mia stanza, e ormai non lo voglio piu. quindi gioco in sala da pranzo che è anche il salone, seduto sul divano, su una sedia oppure sdraiato per terra(sul tappeto), che è la stessa cosa che faccio quando guardo la tv.
    La console è riposta in un cassetto e viene tirata fuori all'occorrenza mentre i cavi della corrente e della scart sono attaccati all'alimentazione e alla tv

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare
    Dipende. il quotidiano familiare non è un granchè nel mio caso.
    un tempo mia madre giocava con me al super nintendo, o mio padre col mega drive ( console war tra genitori divorziati) ma con l'avvento delle nuove generazioni hanno perso interesse.
    la massiam interazione è
    ''cavolo simone adesso dovevo passare l'aspirapolvere!''

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali
    il videogioco non lo fa. lo farà forse in futuro con l'online, ma puo' comunque aiutare a consolidare i rapporti con amici che si hanno gia.
    Certo che in alcuni casi è anche argomento di conversazione.

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)
    maggiormente da solo, l'online ho intenzione di approfondirlo in seguito.
    spesso capita di incontrarsi a casa di qualche amico, quando non si ha voglia di uscire si mette qualche picchiaduro e si gioca.

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani
    ah si, una volta a mortal kombat stavo vincendo 35 a 0 contro uno piu grande che ha rosicato e mi ha tirato il joypad in faccia, ma siccome stava a casa sua ho fatto pippa e me ne sono andato.
    di solito pero' quelli piu grandi sono piu bravi di me, a meno che non siano dei casual.

    Intanto vi ringrazio!! A presto!
    figurati
    ringrazio l'avidità dei webmaster di tanti siti per avermi spinto a usare adblock

  9. #9
    Utente L'avatar di FalcoNero
    Registrato il
    07-04
    Località
    Battipaglia
    Messaggi
    15.758
    [QUOTE=muk]
    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani
    [QUOTE]

    1) Intorno alle 3 - 4 ore, ma non di seguito
    2)Durante le vacanze tutto il giorno, quando ricomincia la scuola il pomeriggio
    3)Assolutamente si, sopratutto ultimamente guardo molta poca televisione
    4)Nella mia "Stanza personale": Dove risiedono computer, Ps2 e altra mia roba.
    5)con un pò di conflitti
    6)Quando se ne parla e se ne discute come su questo Forum
    7)Con gli amici, online ancora no
    8)Se intendi conflittualità dovute alla trans agonistica si, ma altrimenti no.

    Temo che avresti voluto qualcosa di più argomentato vero ?

  10. #10
    Bannato
    Registrato il
    06-05
    Località
    Tra il Nulla e l'Addio.
    Messaggi
    5.013
    Bel topic, bravo
    Stasera scrivo qualcosa di sensato...ora ho la mente annebbiata

  11. #11
    Flooder Incallito L'avatar di Pulcinella89'
    Registrato il
    10-03
    Località
    Da mute city
    Messaggi
    17.614
    Citazione muk

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani



    Intanto vi ringrazio!! A presto!
    2 ore circa
    quando capita, non ho un orario
    non direi, solo a volte col pc
    in salotto o in camera mia a seconda della console usata
    dagli altri miei parenti non è visto molto bene
    oggi per esempio è venuto un mio amico e abbiamo giocato solo coi viggì
    online, da solo, con amici
    ne conosco pochi di altri gamer nella realtà

  12. #12
    enfant terrible !!!!!! L'avatar di jcsolid89
    Registrato il
    07-04
    Località
    Shadow Moses
    Messaggi
    13.417
    Citazione muk


    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)
    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)
    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)
    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)
    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare
    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali
    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)
    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani

    Intanto vi ringrazio!! A presto!
    1) dedico 2-3 ore al giorno
    2)quando capita... a volte le 2-3 ore non sono di seguito
    3)no
    4)in camera mia dove
    5)mmm dopo un certo orario non posso giocare
    6)tra ragazzi in chat, o iniziare una conversazione tra coetanei o semlicemente parlarne con gli adulti nel modo in cui si stà andando avanti la tecnologia
    7)da solo e online
    8)non capisco la domanda

  13. #13
    Eh? L'avatar di Snake_eater
    Registrato il
    08-03
    Località
    ...a casa mia...
    Messaggi
    2.576
    Citazione muk

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo)
    Molto forse pure troppo

    Citazione muk
    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita)
    Di solito gioco sempre agli stessi orari...che coincidono con le ore della giornata in cui non dormo

    Citazione muk
    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media)
    I vg mi hanno aiutato a staccarmi definitivamente dalla tv ora l'accendo solo per gli anime di mtv o qualche film ogni tanto

    Citazione muk
    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)
    In camera mia, seduto sul letto

    Citazione muk
    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare
    Come parafulmini per tutto l'odio e il disprezzo che genitori e conoscenti possono creare
    Citazione muk
    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali
    Può aiutare eccome. Ho conosciuto tante persone giocando online, siamo amici a tutti gli effetti, con l'unica differenza che invece di andare in discoteca o fare quella roba che fa chi non videogioca 12 ore al giorno (materia sulla quale non sono poi molto ferrato), noi andiamo a cacciare mostri o ad esplorare una caverna

    Citazione muk
    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..)
    Se devo giocare in multi preferisco farlo online, visto che di solito gli 'amici' sono niubbi all'ennesima potenza e mi ritrovo(ritrovavo) a sbadigliare fra un owned e l'altro. Il gioco in singolo, comunque, è fondamentale.

    Citazione muk
    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani
    Mai avuti conflitti con giocatori più anziani ( gioco con gente con mogli e figli ^^; ).



    Citazione muk
    Intanto vi ringrazio!! A presto!
    Di niente, figurati
    Ultima modifica di Snake_eater; 1-07-2005 alle 20:43:41
    (\_/)
    (°_°)
    (> <) <- Questo è Bunny. Copia Bunny nella tua sign e aiutalo a conquistare il mondo.
    Gli eroi siamo noi!

  14. #14
    Utente L'avatar di muk
    Registrato il
    06-05
    Località
    Como
    Messaggi
    3
    prima di tutto , grazie a tutti voi, poi vorrei rilanciare: ma x voi "crescendo" come cambia il ns rapporto col mondo dei videogiochi e col modo di farne uso?
    Agonizzanti in un letto, tra molti anni da adesso, siete sicuri che non sognerete di barattare tutti i giorni che avrete vissuto a partire da oggi per avere l'occasione, solo un altra occasione, di tornare qui sul campo ad urlare ai nostri nemici che possono toglierci la vita ma non ci toglieranno mai la liberta'

  15. #15
    Pecrosis Iulvatar
    Ospite
    [QUOTE=muk]Ciao ragazzi,

    questo post vorrebbe essere allo stesso tempo uno spunto di discussione x tutti ed una importante fonte di informazioni e spunti per me.

    Vi spiego brevemente:

    sto iniziando a raccogliere materiale per una tesi sui videogiochi, un modo x unire l’utile (la tesi) al dilettevole (ragionare su una passione che ho a partire dal mio antico Philips MSX2..) .

    Dopo aver fronteggiato non so quanti sorrisini ironici x un argomento così poco “serio” perché non rivolgermi a chi può capirmi??



    Ecco in particolare mi interesserebbe scrivere a riguardo di eventuali differenze generazionali tra videogiocatori.

    Visto che praticamente i giocatori vanno da 0 a 100 anni (anche se magari più si sale con l’età e più si tende a nascondersi x evitare giudizi altrui) mi sembra interessante capire cosa cambia nel modo d’uso man mano che si cresce. Provo a buttare lì qualche spunto, poi sentitevi liberi di criticare , aggiungere vostri pareri, idee, indicazioni su testi utili, quello che volete.



    Differenze generazionali:

    -nel tempo dedicato al gioco (a livello quantitativo) 4 ore al di'.

    -nella qualità di questo tempo (es: se è dedicato esclusivamente al gioco o se nel frattempo si fa altro, se c’è un momento della giornata fisso o quando capita) si, only vg.. a parte risp a qualche sms di amici nel durante

    -se si va ad intaccare l’utilizzo di altri media (eventuale concorrenza con la tv o altri media) no,la tv fa schifo

    -dove fisicamente ci si mette per giocare (a questo riguardo ho trovato molto interessante il post sulle postazioni di gioco)my room

    -come si inserisce il videogioco nel quotidiano familiare ormai i miei sono 20 anii che mi vedono giocare...

    -come il videogioco può aiutare a creare reti sociali gamesradar forum

    -con chi si gioca (da soli, online, se è occasione di reunion con amici..) multiplayer off line= il top

    -perché no eventuale conflittualità con i giocatori più giovani/più anziani
    la solita diatriba sui casual gamer



    Intanto vi ringrazio!! A presto!prego, tesoro [/QUOTE]

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •