• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 5 1234 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 69

Discussione: Apocalisse di videogioco e vita.

Cambio titolo
  1. #1
    Pecrosis Iulvatar
    Ospite

    Apocalisse di videogioco e vita.

    Arriva un momento in cui due diverse dimensioni vengono a collidere l'una con l'altra.
    i poli opposti si attraggono, non puo' esistere il bene senza il male, ed il bianco senza il nero. ma ne siamo davvero sicuri? io no. esistono sfumature di grigio, esistono i compromessi. lo stesso concetto di male e di bene risulta essere un po' un fuoco fatuo, poiche' nessuno e' in grado oggettivamente di definire quando una cosa e' sbagliata e quano e' giusta.
    cosi', noi, miseri mortali, continuiamo a vivere nell' autoconvinzione che questi luoghi comuni esistano pur sospettando che in realta' non sia cosi'.
    che paura.
    cosa facciamo dunque? una cosa tanto semplice e soprattutto normale per la nostra natura: continuiamo a vivere accavallando gambe, stili di vita, interessi, hobby, opinioni, idee, abitudini e concetti che sulla carta non potrebbero coesistere ma che noi riusciamo ad ammalgamare gli uni con gli altri attraverso mille e piu' sotterfugi. Ah, pecrame , pecrame...
    Ma non finisce qui.
    Voi vi starete chiedendo cosa c'entra tutto cio' con i videogiochi.....
    Molto piu' di cio' che pensate.
    Vi faccio alcuni esempi:
    consumismo:
    esistono persone che lo condannano a priori ed in maniera violenta, inneggiando al ritorno delle piccole cose ed evidenziando quanto stupido esso sia con un occhio di riguardo per coloro che invece sanno comprendere quali siano i veri "valori" della vita.
    ok, fino a qui il parere di questa pesrona puo' essere condivisa o meno.... ma cosa succede quando la stessa persona arriva a casa, dal babbo, si fa dare la mancetta (in vari casi spropositata, soprattutto al giorno d'oggi), esce con gli amici e un po' di dighe, va a bere in qualche pub come un pazzo (anche piu' del dovuto), esce, va in un negozio di vesiti, si compra indumenti che costano il prodotto interno lordo del burundi per cm di stoffa e poi magari quando arriva a casa discute a tavola del male del consumismo?
    niente di strano.
    si parla spesso di chi predica in un modo e poi razzola nell'altro, ma fidatevi: e' la prassi.
    nessuno, e ripeto nessuno di noi sara' mai in grado di concepire e portare avanti, dimostrandolo con i fatti un totalitarismo mentale senza compromessi.
    E qui viene ad essere toccato, se vogliamo, l'argomento videogiochi.
    non credo di sbagliare , quando affermo che probabilmente (come nel mio caso) , esssi rappresentino un elemento cardine fondamentale della vita di alcuni di noi.
    puo' essere davvero possibile tutto cio'?
    possiamo affermarlo?
    forse no.
    perche' l'oscuro manto del dubbio tutto ottenebra, ivi compresa questo mio ultimo pensiero.
    Voglio dire: se ci pensate, quando siamo li', di fronte al monitor, (e qui parlo dei giocatori piu' "hardcore" credo), spira, hyrule, midgar, il regno dei funghi, ryo hayabusa, ryu, ken, e soci dentro di noi esistono veramente.
    non prendetemi per pazzo, ma continuate a leggere: a prescindere dall'immersivita' del gioco in questione o dalla predisposizione del videogiocatore nel lasciarsi coinvolgere da esso, credo che davvero vi sia una trasposizione mentale del nostro io verso una realta' altenativa,o sbaglio?
    e poi , se ci pensate, ryu e ken, zelda e mario, pur essendo meri cumuli di pixel in un certo senso ESISTONo, se no, io di cosa sto parlando? il fatto che siano tangibili o meno e' relativo. voglio dire:la felicita' la tocchiamo? no, eppure "esiste".
    e da cio' si arriva al succo finale del discorso:

    non prendete alla leggera la contrapposizione tra videogioco e vita reale.
    leggo spesso di gente che si chiede quanto importanti essi siano rispetto altri elementi del vissuto "reale", e la mia risposta e' TANTO... altrimenti non se ne parlerebbe. Anche i videogiochi ESISTONO, e dobbiamo prenderne atto davvero. e non esiste un giusto peso da dare alla cosa, poiche' tutto e' relativo , per ciascuno di noi, basti vedere l'esempio di prima, ovvero il tizio consumista che condanna il consumismo (ecco il perche' di quella "parentesi iniziale"!).
    Voi che ne pensate?
    Spero di non avervi annoiato o imparanoiato, ma penso che sia davvero il momento di giungere a questa tappa della nostra carriera di videogiocatori, perche' se davvero credete nel videogioco, allora esso credera' in voi, e tutto assumera' una dimensione diversa, dimensione che magari non avete mai notao perche' esso era rispetto a voi troppo vicino o troppo lontano.

  2. #2
    δώρο επουράνιος L'avatar di gardos
    Registrato il
    11-02
    Localit
    Milano
    Messaggi
    9.867
    che voglia...
    The best lack all conviction, while the worst
    Are full of passionate intensity
    .





  3. #3
    Utente L'avatar di FalcoNero
    Registrato il
    07-04
    Localit
    Battipaglia
    Messaggi
    15.758
    Molto filosofico da parte di uno che vive nella tazza del cesso.

  4. #4
    Pecrosis Iulvatar
    Ospite
    Citazione FalcoNero
    Molto filosofico da parte di uno che vive nella tazza del cesso.
    un luogo dove si pensa molto.
    cmq non mi hai risp.

  5. #5
    Pecrosis Iulvatar
    Ospite
    Citazione gardos
    che voglia...
    di fare cosa?
    o-ho!
    se ci pensi oggi pomeriggio potresti essere ares, ma forse no.
    sai chi sei?
    puoi essere oiu' di una persona?
    col vg si, ma forse non solo.

  6. #6
    Neo 1977
    Ospite
    Citazione Pecrosis Iulvatar
    Arriva un momento in cui due diverse dimensioni vengono a collidere l'una con l'altra.
    i poli opposti si attraggono, non puo' esistere il bene senza il male, ed il bianco senza il nero. ma ne siamo davvero sicuri? io no. esistono sfumature di grigio, esistono i compromessi. lo stesso concetto di male e di bene risulta essere un po' un fuoco fatuo, poiche' nessuno e' in grado oggettivamente di definire quando una cosa e' sbagliata e quano e' giusta.
    cosi', noi, miseri mortali, continuiamo a vivere nell' autoconvinzione che questi luoghi comuni esistano pur sospettando che in realta' non sia cosi'.
    che paura.
    cosa facciamo dunque? una cosa tanto semplice e soprattutto normale per la nostra natura: continuiamo a vivere accavallando gambe, stili di vita, interessi, hobby, opinioni, idee, abitudini e concetti che sulla carta non potrebbero coesistere ma che noi riusciamo ad ammalgamare gli uni con gli altri attraverso mille e piu' sotterfugi. Ah, pecrame , pecrame...
    Ma non finisce qui.
    Voi vi starete chiedendo cosa c'entra tutto cio' con i videogiochi.....
    Molto piu' di cio' che pensate.
    Vi faccio alcuni esempi:
    consumismo:
    esistono persone che lo condannano a priori ed in maniera violenta, inneggiando al ritorno delle piccole cose ed evidenziando quanto stupido esso sia con un occhio di riguardo per coloro che invece sanno comprendere quali siano i veri "valori" della vita.
    ok, fino a qui il parere di questa pesrona puo' essere condivisa o meno.... ma cosa succede quando la stessa persona arriva a casa, dal babbo, si fa dare la mancetta (in vari casi spropositata, soprattutto al giorno d'oggi), esce con gli amici e un po' di dighe, va a bere in qualche pub come un pazzo (anche piu' del dovuto), esce, va in un negozio di vesiti, si compra indumenti che costano il prodotto interno lordo del burundi per cm di stoffa e poi magari quando arriva a casa discute a tavola del male del consumismo?
    niente di strano.
    si parla spesso di chi predica in un modo e poi razzola nell'altro, ma fidatevi: e' la prassi.
    nessuno, e ripeto nessuno di noi sara' mai in grado di concepire e portare avanti, dimostrandolo con i fatti un totalitarismo mentale senza compromessi.
    E qui viene ad essere toccato, se vogliamo, l'argomento videogiochi.
    non credo di sbagliare , quando affermo che probabilmente (come nel mio caso) , esssi rappresentino un elemento cardine fondamentale della vita di alcuni di noi.
    puo' essere davvero possibile tutto cio'?
    possiamo affermarlo?
    forse no.
    perche' l'oscuro manto del dubbio tutto ottenebra, ivi compresa questo mio ultimo pensiero.
    Voglio dire: se ci pensate, quando siamo li', di fronte al monitor, (e qui parlo dei giocatori piu' "hardcore" credo), spira, hyrule, midgar, il regno dei funghi, ryo hayabusa, ryu, ken, e soci dentro di noi esistono veramente.
    non prendetemi per pazzo, ma continuate a leggere: a prescindere dall'immersivita' del gioco in questione o dalla predisposizione del videogiocatore nel lasciarsi coinvolgere da esso, credo che davvero vi sia una trasposizione mentale del nostro io verso una realta' altenativa,o sbaglio?
    e poi , se ci pensate, ryu e ken, zelda e mario, pur essendo meri cumuli di pixel in un certo senso ESISTONo, se no, io di cosa sto parlando? il fatto che siano tangibili o meno e' relativo. voglio dire:la felicita' la tocchiamo? no, eppure "esiste".
    e da cio' si arriva al succo finale del discorso:

    non prendete alla leggera la contrapposizione tra videogioco e vita reale.
    leggo spesso di gente che si chiede quanto importanti essi siano rispetto altri elementi del vissuto "reale", e la mia risposta e' TANTO... altrimenti non se ne parlerebbe. Anche i videogiochi ESISTONO, e dobbiamo prenderne atto davvero. e non esiste un giusto peso da dare alla cosa, poiche' tutto e' relativo , per ciascuno di noi, basti vedere l'esempio di prima, ovvero il tizio consumista che condanna il consumismo (ecco il perche' di quella "parentesi iniziale"!).
    Voi che ne pensate?
    Spero di non avervi annoiato o imparanoiato, ma penso che sia davvero il momento di giungere a questa tappa della nostra carriera di videogiocatori, perche' se davvero credete nel videogioco, allora esso credera' in voi, e tutto assumera' una dimensione diversa, dimensione che magari non avete mai notao perche' esso era rispetto a voi troppo vicino o troppo lontano.
    ESISTONO, eccome se esistono! ci fanno ridere, arrabbiare, emozionare, ci accompagnano nella vita di ogno giorno, ci fanno stringere nuove amicizie, queste sono cose che solo noi videogiocatori possiamo comprendere

  7. #7
    Pecrosis Iulvatar
    Ospite
    Citazione Neo 1977
    ESISTONO, eccome se esistono! ci fanno ridere, arrabbiare, emozionare, ci accompagnano nella vita di ogno giorno, ci fanno stringere nuove amicizie, queste sono cose che solo noi videogiocatori possiamo comprendere
    questa la metto in firma.. col tuo permesso.

  8. #8
    Neo 1977
    Ospite
    Citazione Pecrosis Iulvatar
    questa la metto in firma.. col tuo permesso.

  9. #9
    Neo 1977
    Ospite
    Citazione Pecrosis Iulvatar
    questa la metto in firma.. col tuo permesso.
    secondo me non tutti comprendono questa importanza, ed un vero peccato, ci limitiamo a criticare la grafica...ecc

  10. #10
    Pecrosis Iulvatar
    Ospite
    e' un si?

  11. #11
    Neo 1977
    Ospite
    Citazione Pecrosis Iulvatar
    e' un si?
    si

  12. #12
    Pecrosis Iulvatar
    Ospite
    Citazione Neo 1977
    si
    grazie. mi fa piacere vedere che c'e' gente che capisce.
    lo scarso (PER ORA) n di risp mi fa pensare che il mio post sia trroppo difficile o elaborato o che i videogamer pensino poco.
    spero di essere smentito nelle ore a venire.

  13. #13
    Aaah, stop your dreamin' L'avatar di AuronOmega
    Registrato il
    10-02
    Localit
    Parma
    Messaggi
    18.435
    Su molti punti sono d'accordo per te. Dopotutto le persone vivono di emozioni, sentimenti, e spesso non importa se per stimolare questi elementi interagiscano con qualcosa di immateriale. Ad esempio, i libri: anche se possono essere toccati, il contenuto qualcosa di immateriale, concepito diversamente da persona a persona. Per me non c' nulla di male ad appassionarsi ai vg. Per quanto possano essere considerati inconcreti, possono offrire emozioni pi vere di quelle passate con gente stupida o egoista.




    Now! This is it! Now is the time to choose! Die and be free of pain or live and fight your sorrow! Now is the time to shape your stories! Your fate is in your hands!

    I'm just a musical prostitute, my dear!

  14. #14
    Neo 1977
    Ospite
    Citazione Pecrosis Iulvatar
    grazie. mi fa piacere vedere che c'e' gente che capisce.
    lo scarso (PER ORA) n di risp mi fa pensare che il mio post sia trroppo difficile o elaborato o che i videogamer pensino poco.
    spero di essere smentito nelle ore a venire.
    speriamo, speriamo....forse non lo leggono xch lo vedono troppo lungo....( il post ), sarebbe bello confrontarsi con tanti altri x capire il tutto... ma purtroppo...

  15. #15
    Neo 1977
    Ospite
    Citazione AuronOmega
    Su molti punti sono d'accordo per te. Dopotutto le persone vivono di emozioni, sentimenti, e spesso non importa se per stimolare questi elementi interagiscano con qualcosa di immateriale. Ad esempio, i libri: anche se possono essere toccati, il contenuto qualcosa di immateriale, concepito diversamente da persona a persona. Per me non c' nulla di male ad appassionarsi ai vg. Per quanto possano essere considerati inconcreti, possono offrire emozioni pi vere di quelle passate con gente stupida o egoista.
    il punto qproprio questo: sono inconcreti? x loro si, ma x noi?

Pag 1 di 5 1234 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •