• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 43

Discussione: Recensione storica del primo MGS

Cambio titolo
  1. #1
    MGS Lover L'avatar di Meryl89
    Registrato il
    03-03
    Località
    Villacidro (CA)
    Messaggi
    689

    Ok! Recensione storica del primo MGS

    By Meryl

    METAL GEAR SOLID

    Adesso lo guardiamo da lontano, è superato, ormai. La grafica ci fa un po’ sorridere, ora sappiamo che Solid Snake ama la barba incolta e ha gli occhi verdi. Eppure l’ inizio di tutto non fu Outer Heaven, tanto meno sul Tanker Discovery, dove per la prima volta abbiamo visto il vero volto in 3D del nostro eroe. L’ inizio di tutto fu Shadow Moses. Era il 1997, su questo Metal Gear si diceva di tutto, sembrava che dopo il suo avvento tutti gli altri videogames dovessero divenire insulsi. Ed in un certo senso fu così. «Sarà il gioco del 1998» recitavano le riviste dell’ epoca, roba di oramai un millennio fa. Mai alcuna frase fu più sensata. Alla fine il benedetto Tactical Espionage Action Metal Gear Solid vide la luce. Ed il mondo dovette inchinarsi innanzi al genio di un uomo dell’ Est. Questa volta non era il grande Hironobu Sakaguchi che aveva già stupito tutti col suo Final Fantasy VII, no. Era l’ impareggiabile maestro Hideo Kojima. Mettiamo le cose in chiaro: Metal Gear Solid non fu un caso videoludico. Fu un evento nella storia dei videogames. Un evento unico. Rivoluzionò il modo di concepire l’ idea di videogame nel mondo, divenne il punto di riferimento di tutti coloro che inutilmente cercarono di imitarlo e fece nascere un genere: lo stealth game. Venne imitato spudoratamente, palesemente copiato dalla 989 Studio col suo Syphon Filter, ma nessuno osò mai nemmeno avvicinarsi al suo intoccabile trono. Fu con Metal Gear Solid che il mito di Solid Snake assunse un vorticoso livello mondiale. Il nostro eroe, dopo Zanzibar Land, si ritirò a vivere in Alaska. Ma una nuova crisi mondiale non attendeva nient’ altro, e Snake è costretto stretto ad accettare una disperata missione: un gruppo militare chiamato Fox - Hound ha subito una rivoluzione terroristica e, dopo essersi impadronito del centro di stoccaggio nucleare sull’ isola di Shadow Moses, in Alaska, minaccia di lanciare un missile se le sue richieste non verranno accolte dalla Casa Bianca. Ma cosa vogliono i terroristi? Questi richiedono 1 miliardo di dollari e il DNA di Big Boss, il più grande soldato del XX Secolo. Inoltrate le richieste, i terroristi concedono un ultimatum di 24 ore alle autorità Statunitensi, o colpiranno, attraverso il carro armato bipede con capacità nucleare chiamato Metal Gear REX, un missile atomico in un punto non meglio precisato del pianeta. I tempi sono disperati e Snake deve compiere della azioni disperate: il suo compito è quello di penetrare nella base, liberare i due ostaggi dei terroristi, Donald Anderson e Kenneth Baker, e, una volta verificate le reali capacità di lancio dei nemici, dovrà fermarli. In più, il suo comandante, il Colonnello Roy Campbell, chiede a Snake un favore personale: salvare sua nipote Meryl Silverburgh, prigioniera dei terroristi e recluta del corpo speciale Next Generation. Tutto qui? Assolutamente no: quanto appena detto è solamente la punta dell’ iceberg che costituisce la trama di Metal Gear Solid. Chi si aggira per la base passando da parte con una spada il torace dei terroristi? E perché i personaggi di lusso vengono stroncati proprio davanti a Snake da un apparente infarto? E com’è possibile che il capo dei terroristi, Liquid Snake, sia assolutamente identico a Solid? Mentre il mistero s’ infittisce e la trama prosegue all’ ombra di tradimenti e di colpi di scena a dir poco drammatici, il giocatore rimane commosso dalla bellezza e dallo spessore di ogni singolo personaggio. Perché Metal Gear ha un enorme pregio: nessun personaggio fa parte del cast per caso. L’ intreccio delle storie dei protagonisti è tanto profondo da mettere i brividi. Personaggi del genere non possono non restare nel cuore di ogni singolo videogiocatore. Solid Snake, l’ eroe solitario e risoluto che porta dentro sé un rimorso incredibile; Meryl Silverburgh, figlia di un soldato morto sul campo di battaglia, disposta a tutto pur di capire suo padre; Hal Emmerich, ingegnere capo del progetto REX, costretto a lavorare sul terribile carro armato bipede e dalla famiglia distrutta proprio dalle armi nucleari. Per quanto riguarda, invece, il gameplay, la natura di gioco principale è, ovviamente, quella che tende più al pensiero che all’ agire. Metal Gear Solid, infatti, non è uno spara - tutto, ma un Tactical Espionage Action, come dice il titolo stesso, cioè un videogame che in sé comprende la tattica, lo spionaggio e l’ azione. Di conseguenza, la natura di gioco predilige che Solid Snake eviti il contatto diretto con i nemici che, una volta individuato il nostro soldato, faranno scattare l’ allarme e convocheranno rinforzi. L’ allerta dura poche decine di secondi nel caso riusciate a nascondervi a dovere dopo esservi fatti scoprire, mentre perdurerà fino a quando non ucciderete tutti i nemici se rimarrete in bella vista innanzi agli occhi dei terroristi. Tuttavia, nonostante, come detto, la natura di gioco prediliga lo stealth, il giocatore è totalmente libero di scegliere secondo quale istinto agire, andando anche a cercare il contatto diretto col nemico per poi infiltrarsi solo dopo aver eliminato tutti i terroristi di pattuglia. La libertà che in MGS vige nella scelta dell’ agire perdura anche durante gli scontri con i boss, vale a dire gli elementi più importanti dei terroristi, anche questi, così come gli alleati, caratterizzati ottimamente: Liquid Snake, spietato comandante assetato di vendetta contro Solid; Revolver Ocelot, terribile pistolero russo dalle spiccate capacità di tortura; Vulcan Raven, enorme sciamano dall’ animo ironico e dall’ intaccabile codice d’ onore; Sniper Wolf, mortale e bellissima tiratrice scelta di nazionalità curda; Psycho Mantis, russo sfigurato in volto dai poteri psico - cinetici. Ogni avversario ha la sua strategia di battaglia che può essere piegata secondo quella che noi prediligiamo: parlando dell’ ultimo scontro con Vulcan Raven, per esempio, si può scegliere tra diverse strategie: possiamo minare i corridoio con delle Claymore o con del C4 sperando che il gigante caschi nella trappola, possiamo lanciargli contro dei missili Nikita teleguidati in maniera tale da sorprenderlo alle spalle oppure colpirlo, come fosse un aereo, con i missili Stinger. La giocabilità, quindi, lascia una libertà prima d’ allora mai vista nel mondo dei videogames. Inoltre, come se tutto questo non bastasse, il gioco offre anche due finali alternativi, visualizzabili a seconda di una scelta del giocatore in una scena all’ esatta metà della storia. Una volta terminato il gioco, sarà possibile salvare la partita per poi iniziarne un’ altra con, nell’ equipaggiamento, i bonus appena ottenuti. Ovviamente, finali differenti uguali a bonus differenti. Con una storia unica nel mondo dei videogames, dei personaggi capaci di divenire indiscussi idoli di ispirazione, delle esperienze di gioco a dir poco irripetibili, un sonoro eccellente, un doppiaggio in italiano (esatto, proprio come un film, senza il bisogno di dover sempre leggere i fastidiosi sottotitoli) non sempre ottimo ma comunque prevalentemente di buon livello, un’ ambientazione unica disegnata dal maestro Shinkawa, un’ intreccio coi precedenti capitoli, non conosciutissimi, che Kojima è riuscito ugualmente a far comprendere, un finale eccezionale, una modalità di addestramento mai vista prima e un sistema di contatto coi superiori a dir poco originale, MGS rimane ancora, dopo tanti anni, sulla cima dell’ Olimpo dei videogames. Metal Gear Solid non è un videogame: è un sogno eterno.



    GRAFICA 8
    LONGEVITA' 8
    GIOCABILITA' 9
    SONORO 10
    STORIA 10
    GLOBALE 10+

    Il miglior gioco mai creato. Nemmeno il rinnovo di TTS è riuscito a replicarne l’ unicità. Un mito che rimane nella storia e nell’ anima.



    Meryl

  2. #2
    Bannato L'avatar di Broly Ssj
    Registrato il
    06-05
    Località
    Rimini
    Messaggi
    457
    Citazione Meryl89
    By Meryl

    METAL GEAR SOLID

    Adesso lo guardiamo da lontano, è superato, ormai. La grafica ci fa un po’ sorridere, ora sappiamo che Solid Snake ama la barba incolta e ha gli occhi verdi. Eppure l’ inizio di tutto non fu Outer Heaven, tanto meno sul Tanker Discovery, dove per la prima volta abbiamo visto il vero volto in 3D del nostro eroe. L’ inizio di tutto fu Shadow Moses. Era il 1997, su questo Metal Gear si diceva di tutto, sembrava che dopo il suo avvento tutti gli altri videogames dovessero divenire insulsi. Ed in un certo senso fu così. «Sarà il gioco del 1998» recitavano le riviste dell’ epoca, roba di oramai un millennio fa. Mai alcuna frase fu più sensata. Alla fine il benedetto Tactical Espionage Action Metal Gear Solid vide la luce. Ed il mondo dovette inchinarsi innanzi al genio di un uomo dell’ Est. Questa volta non era il grande Hironobu Sakaguchi che aveva già stupito tutti col suo Final Fantasy VII, no. Era l’ impareggiabile maestro Hideo Kojima. Mettiamo le cose in chiaro: Metal Gear Solid non fu un caso videoludico. Fu un evento nella storia dei videogames. Un evento unico. Rivoluzionò il modo di concepire l’ idea di videogame nel mondo, divenne il punto di riferimento di tutti coloro che inutilmente cercarono di imitarlo e fece nascere un genere: lo stealth game. Venne imitato spudoratamente, palesemente copiato dalla 989 Studio col suo Syphon Filter, ma nessuno osò mai nemmeno avvicinarsi al suo intoccabile trono. Fu con Metal Gear Solid che il mito di Solid Snake assunse un vorticoso livello mondiale. Il nostro eroe, dopo Zanzibar Land, si ritirò a vivere in Alaska. Ma una nuova crisi mondiale non attendeva nient’ altro, e Snake è costretto stretto ad accettare una disperata missione: un gruppo militare chiamato Fox - Hound ha subito una rivoluzione terroristica e, dopo essersi impadronito del centro di stoccaggio nucleare sull’ isola di Shadow Moses, in Alaska, minaccia di lanciare un missile se le sue richieste non verranno accolte dalla Casa Bianca. Ma cosa vogliono i terroristi? Questi richiedono 1 miliardo di dollari e il DNA di Big Boss, il più grande soldato del XX Secolo. Inoltrate le richieste, i terroristi concedono un ultimatum di 24 ore alle autorità Statunitensi, o colpiranno, attraverso il carro armato bipede con capacità nucleare chiamato Metal Gear REX, un missile atomico in un punto non meglio precisato del pianeta. I tempi sono disperati e Snake deve compiere della azioni disperate: il suo compito è quello di penetrare nella base, liberare i due ostaggi dei terroristi, Donald Anderson e Kenneth Baker, e, una volta verificate le reali capacità di lancio dei nemici, dovrà fermarli. In più, il suo comandante, il Colonnello Roy Campbell, chiede a Snake un favore personale: salvare sua nipote Meryl Silverburgh, prigioniera dei terroristi e recluta del corpo speciale Next Generation. Tutto qui? Assolutamente no: quanto appena detto è solamente la punta dell’ iceberg che costituisce la trama di Metal Gear Solid. Chi si aggira per la base passando da parte con una spada il torace dei terroristi? E perché i personaggi di lusso vengono stroncati proprio davanti a Snake da un apparente infarto? E com’è possibile che il capo dei terroristi, Liquid Snake, sia assolutamente identico a Solid? Mentre il mistero s’ infittisce e la trama prosegue all’ ombra di tradimenti e di colpi di scena a dir poco drammatici, il giocatore rimane commosso dalla bellezza e dallo spessore di ogni singolo personaggio. Perché Metal Gear ha un enorme pregio: nessun personaggio fa parte del cast per caso. L’ intreccio delle storie dei protagonisti è tanto profondo da mettere i brividi. Personaggi del genere non possono non restare nel cuore di ogni singolo videogiocatore. Solid Snake, l’ eroe solitario e risoluto che porta dentro sé un rimorso incredibile; Meryl Silverburgh, figlia di un soldato morto sul campo di battaglia, disposta a tutto pur di capire suo padre; Hal Emmerich, ingegnere capo del progetto REX, costretto a lavorare sul terribile carro armato bipede e dalla famiglia distrutta proprio dalle armi nucleari. Per quanto riguarda, invece, il gameplay, la natura di gioco principale è, ovviamente, quella che tende più al pensiero che all’ agire. Metal Gear Solid, infatti, non è uno spara - tutto, ma un Tactical Espionage Action, come dice il titolo stesso, cioè un videogame che in sé comprende la tattica, lo spionaggio e l’ azione. Di conseguenza, la natura di gioco predilige che Solid Snake eviti il contatto diretto con i nemici che, una volta individuato il nostro soldato, faranno scattare l’ allarme e convocheranno rinforzi. L’ allerta dura poche decine di secondi nel caso riusciate a nascondervi a dovere dopo esservi fatti scoprire, mentre perdurerà fino a quando non ucciderete tutti i nemici se rimarrete in bella vista innanzi agli occhi dei terroristi. Tuttavia, nonostante, come detto, la natura di gioco prediliga lo stealth, il giocatore è totalmente libero di scegliere secondo quale istinto agire, andando anche a cercare il contatto diretto col nemico per poi infiltrarsi solo dopo aver eliminato tutti i terroristi di pattuglia. La libertà che in MGS vige nella scelta dell’ agire perdura anche durante gli scontri con i boss, vale a dire gli elementi più importanti dei terroristi, anche questi, così come gli alleati, caratterizzati ottimamente: Liquid Snake, spietato comandante assetato di vendetta contro Solid; Revolver Ocelot, terribile pistolero russo dalle spiccate capacità di tortura; Vulcan Raven, enorme sciamano dall’ animo ironico e dall’ intaccabile codice d’ onore; Sniper Wolf, mortale e bellissima tiratrice scelta di nazionalità curda; Psycho Mantis, russo sfigurato in volto dai poteri psico - cinetici. Ogni avversario ha la sua strategia di battaglia che può essere piegata secondo quella che noi prediligiamo: parlando dell’ ultimo scontro con Vulcan Raven, per esempio, si può scegliere tra diverse strategie: possiamo minare i corridoio con delle Claymore o con del C4 sperando che il gigante caschi nella trappola, possiamo lanciargli contro dei missili Nikita teleguidati in maniera tale da sorprenderlo alle spalle oppure colpirlo, come fosse un aereo, con i missili Stinger. La giocabilità, quindi, lascia una libertà prima d’ allora mai vista nel mondo dei videogames. Inoltre, come se tutto questo non bastasse, il gioco offre anche due finali alternativi, visualizzabili a seconda di una scelta del giocatore in una scena all’ esatta metà della storia. Una volta terminato il gioco, sarà possibile salvare la partita per poi iniziarne un’ altra con, nell’ equipaggiamento, i bonus appena ottenuti. Ovviamente, finali differenti uguali a bonus differenti. Con una storia unica nel mondo dei videogames, dei personaggi capaci di divenire indiscussi idoli di ispirazione, delle esperienze di gioco a dir poco irripetibili, un sonoro eccellente, un doppiaggio in italiano (esatto, proprio come un film, senza il bisogno di dover sempre leggere i fastidiosi sottotitoli) non sempre ottimo ma comunque prevalentemente di buon livello, un’ ambientazione unica disegnata dal maestro Shinkawa, un’ intreccio coi precedenti capitoli, non conosciutissimi, che Kojima è riuscito ugualmente a far comprendere, un finale eccezionale, una modalità di addestramento mai vista prima e un sistema di contatto coi superiori a dir poco originale, MGS rimane ancora, dopo tanti anni, sulla cima dell’ Olimpo dei videogames. Metal Gear Solid non è un videogame: è un sogno eterno.



    GRAFICA 8
    LONGEVITA' 8
    GIOCABILITA' 9
    SONORO 10
    STORIA 10
    GLOBALE 10+

    Il miglior gioco mai creato. Nemmeno il rinnovo di TTS è riuscito a replicarne l’ unicità. Un mito che rimane nella storia e nell’ anima.



    Meryl
    bravissima ma.......
    preferisco il the twin snake,l'unica cosa che rimpiango del 1 è lo splendido doppiaggio in italiano

  3. #3
    Utente L'avatar di Eddy'90
    Registrato il
    05-05
    Località
    a Dreamland
    Messaggi
    12.864
    sul "miglior gioco mai creato" ci sarebbe da discutere
    [...] perché quando quando l'interesse personale di un individuo viene anteposto a quello di un'intera nazione, prima o poi giunge il momento dei rendiconti.

  4. #4
    MGS Lover L'avatar di Meryl89
    Registrato il
    03-03
    Località
    Villacidro (CA)
    Messaggi
    689
    Anch' io impazzivo per il doppiaggio in ITA (Campbell a parte )! Credo che a Twin Snakes manchi un pizzicco di forza di coinvolgimento in più, in alcuni tratti sa proprio di lavoro estrappolato dal primo e riproposto (non mi è piaciuta per nulla, ad esempio, la scena di morte di Wolf) e anche le ambientazioni, per quanto assolutamente magnifiche , mi sembrano un po' più fredde. Non lo so, è comunque sempre un' impressione personale.

  5. #5
    Bannato L'avatar di Broly Ssj
    Registrato il
    06-05
    Località
    Rimini
    Messaggi
    457
    Citazione Meryl89
    Anch' io impazzivo per il doppiaggio in ITA (Campbell a parte )! Credo che a Twin Snakes manchi un pizzicco di forza di coinvolgimento in più, in alcuni tratti sa proprio di lavoro estrappolato dal primo e riproposto (non mi è piaciuta per nulla, ad esempio, la scena di morte di Wolf) e anche le ambientazioni, per quanto assolutamente magnifiche , mi sembrano un po' più fredde. Non lo so, è comunque sempre un' impressione personale.
    le ambientazioni ora sono più reali e più si avvicinano a quelle di una base sperduta in alaska,alcune scene sono immutate ma alcune sogno magnifiche.

  6. #6
    ...
    Registrato il
    09-03
    Messaggi
    1.177
    Citazione Meryl89
    By Meryl
    GRAFICA 8
    LONGEVITA' 8
    GIOCABILITA' 9
    SONORO 10
    STORIA 10
    GLOBALE 10+

    Il miglior gioco mai creato. Nemmeno il rinnovo di TTS è riuscito a replicarne l’ unicità. Un mito che rimane nella storia e nell’ anima.



    Meryl
    Sono d'accordo, però Grafica 8 mi pare troppo per un gioco del 1997 e con le faccie squadrate...per carità, per il resto è un capolavoro.
    That information is not available.

  7. #7
    MGS Lover L'avatar di Meryl89
    Registrato il
    03-03
    Località
    Villacidro (CA)
    Messaggi
    689
    Sì, guardandolo ora sarebbe da 6.5, però ho cercato di valutare in base all' epoca e, in quel periodo, la grafica era più che buona.

  8. #8
    Bannato L'avatar di Broly Ssj
    Registrato il
    06-05
    Località
    Rimini
    Messaggi
    457
    Citazione Meryl89
    Sì, guardandolo ora sarebbe da 6.5, però ho cercato di valutare in base all' epoca e, in quel periodo, la grafica era più che buona.
    e invece no piccola,anche le la grafica è datata mgs rimane un capolavoro e il miglior gioco mai creato(ancora oggi mi regala forti emozioni come nessun altro gioco)

  9. #9
    ...
    Registrato il
    09-03
    Messaggi
    1.177
    Citazione Meryl89
    Sì, guardandolo ora sarebbe da 6.5, però ho cercato di valutare in base all' epoca e, in quel periodo, la grafica era più che buona.
    Forse hai ragione...anche Doom quando uscì dissero che la grafica era una delle migliori in assoluto...adesso se uno vede un mostro di Doom 1...
    That information is not available.

  10. #10
    MGS Lover L'avatar di Meryl89
    Registrato il
    03-03
    Località
    Villacidro (CA)
    Messaggi
    689
    Pareri personali! Quoto con quello che hai scritto Broly, le emozioni che MGS1 sa regalare non le trasmette nessun' altro gioco al mondo.

  11. #11
    Citazione Meryl89
    Sì, guardandolo ora sarebbe da 6.5, però ho cercato di valutare in base all' epoca e, in quel periodo, la grafica era più che buona.
    Bah....sicuramente non è sufficente ora...ma se fossimo nel 97, si meriterebbe un bel 9
    enhanced by sony_acer_sandisk_nintendo_kindle_iphone_akg_pioneer

    "Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me"

    _mixcloud _soulrape _giulioc

  12. #12
    Utente L'avatar di Skyline85
    Registrato il
    03-05
    Località
    Vice(nza)
    Messaggi
    11.586
    avrei una piccola abbiozzione se possibile...
    i terroristi minacciano mi lanciare un attacco nucleare ma non si sa' con quale mezzo, infatti solid snake capisce dopo che all'interno della base vi e' il rex.....glielo dice donald anderson in prigione (decoy octopus).....


    tu sei come me affascinata da questo mondo creato da hideo, dai sentimanti dei personaggio, da tutte le cose che nei 3 capitoli sono uguali ma cnhe diverse....cio' che sta' alla base di mgs e' una filosofia e' "l'eterno ritorno de''uguale".3 storie , 3 episodi diversi ma anche uguali in certi aspetti, 3 protagonisti con idee e modi di agire diversi , ma comandati sempre dalla stessa persona(i patriots)........
    live mgs signifaca entrare nel gioco , nella storia di mgs, esser e fare parte di essa.......solid , riden , bb.....son 3 pedine che vengono prese in giro da chi li comanda......."l'eterno ritorno dell'uguale"
    questo sta' a significare che tutto primo o poi torna.........

    live mgs
    brava meryl


  13. #13
    Per Big Fire!
    Registrato il
    03-04
    Località
    calabria. età:??
    Messaggi
    6.874
    longevità 3, dai - d 10 ore per finirlo....
    poi 10+ beh,è un tuo paragone...
    peroi c'hai messo l'anima 4/5
    In (ri)gioco: troppa roba .-.
    Raptr, My Anime List - cantaperme.net

    Magnus april fool Bakemonogatari=mecha

    Io e Zart [1][2] [3] [4][5] noclip D00M

    Intel Core I5 3570k, 8 gb RAM 1600mhz, Ati Sapphire Radeon HD7950OC

  14. #14
    Utente pigro L'avatar di Italiano medio
    Registrato il
    07-04
    Messaggi
    6.011
    avresti potuto mettere qualche riferimento al passato di Snake, giusto per far capire chi è ma cmq 4/5....


  15. #15
    NARP? L'avatar di nobu
    Registrato il
    06-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    28.196
    miglior gioco mai creato? nah, non sono d' accordo. Però la recensione è ben fatta

Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •