• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 22

Discussione: 28 Giorni dopo

Cambio titolo
  1. #1
    Licenza di uccidere L'avatar di Gallforce007
    Registrato il
    03-05
    Località
    Palemmo
    Messaggi
    23.681

    28 Giorni dopo

    Finalmente ho visto qst film, è il mio giudizio è positivo, anke se ha molti luoghi comuni, ma è un film (per me) ben fatto.

    Gran Bretagna. Un gruppo estremista di ecologisti penetra in un laboratorio dove vengono effettuati sadici esperimenti su delle scimmie.
    laboratorio dove vengono effettuati sadici esperimenti su delle scimmie. Qui trovano degli scimpanzé incatenati davanti ad alcuni schermi che proiettano immagini violente, insieme ad altri invece rinchiusi in minuscole gabbie di vetro. Nonostante uno scienziato intimi loro di non liberare quegli animali, affermando che sono affetti da una forma incontrollabile di rabbia, uno degli ecologisti apre una gabbia ed immediatamente viene assalito da una delle scimmie.
    28 Giorni Dopo.
    Jim si risveglia nudo su un lettino di ospedale con varie flebo nelle braccia. I suoi ultimi, confusi ricordi risalgono a quando, per fare una consegna a domicilio, viene investito da un’automobile, cadendo in coma. Intorno a lui non vede nessuno e alzatosi dal lettino si mette alla ricerca di aiuto, ma nell’ospedale trova solo un grande caos e segni evidenti di grande confusione. Uscito dall'edificio si troverà davanti ad uno spettacolo stupefacente:la usualmente caotica città di Londra è completamente deserta ed ovunque c’è segno di devastazione. Stupito e disorientato si mette in cerca di anima viva fino a raggiungere una chiesa, ma qui, in mezzo ad una massa di corpi ammucchiati, incontrerà alcuni individui, tra cui un prete, che, invece di aiutarlo, lo attaccheranno con una insana ferocia. Durante la fuga incontrerà due ragazzi che lo aiuteranno a mettersi in salvo: i due gli racconteranno in maniera molto spicciola l’intera verità. Un virus letale chiamato Rabbia ha contagiato la stragrande maggioranza della popolazione del Regno Unito e si è propagato per tutto il mondo. Gli abitanti della città e del resto della Gran Bretagna, per quello che ne sanno, sono tutti morti e chi non è morto è forse andato incontro a un destino ancora più terribile. Partiranno alle porte di Manchester, che trovano avvolta completamente dalla devastazione delle fiamme: qui uno sparuto gruppo di soldati si difende con le armi dall’attacco degli infetti...la soluzione alla malattia è la sopravvivenza! Ben presto si renderanno conto che le intenzioni dei soldati sono tutt’altro che solidali e che dovranno difendersi da un altro tipo di pericolo.

    Danny Boyle ha raggiunto il successo con un film controverso come Trainspotting che gli ha donato fama e grandi possibilità, oltre che lanciare Ewan McGregor come star internazionale, dopo alcuni anni di silenzio ha confermato il suo talento registico con questo film coraggioso e al di fuori di ogni aspettativa. Chiunque sia ammiratore delle opere di George Romero, non potrà che apprezzare questa vera e propria dichiarazione d’amore per lui, perchè "28 giorni dopo" è proprio questo: un’immensa citazione da tutti i film apocalittici di Romero. La stessa sinossi della pellicola è praticamente un sequel de “La città verrà distrutta all’alba”, in cui l’umanità viene infettata e la gente impazzisce (The Crazies è il titolo originale del film), che potrebbe essere tranquillamente quello che succede in quei 28 giorni. Per tutto il resto del tempo il film è disseminato di citazioni, partendo dagli zombies all’incursione nel supermercato (Dawn of the Dead) allo zombi/infetto tenuto prigioniero e addestrato (Day of the Dead). Ma "28 giorni dopo" non è solo questo. Riprendendo le visioni di Richard Matheson (il suo romanzo "Io sono Leggenda" è un’altra grande influenza per il film) ci viene mostrata la desolazione di una città completamente evacuata (le scene sono state girate alle prime luci dell’alba). La paura di rimanere soli e di esistere solo per sopravvivere si trasmette nella città come nell’animo di Jim. Il protagonista, l’attore Gillian Murphy, scelto proprio perché si voleva uno sconosciuto, diventa gli occhi stupefatti dello spettatore e la sua estraneità agli eventi occorsi in quei 28 giorni, lo avvicina a noi che osserviamo la pellicola, in quanto non ha assimilato la situazione e quindi non è pervaso dalla rassegnazione che invece c’è nel personaggio di Selena.
    Nel film troviamo spazio per la retorica, forse un po’ troppo sfruttata, della disumanità dell’uomo, della ferocia insita nella natura umana. ”Io vedo solo uomini che uccidono uomini, come un mese fa e il mese prima” dice il maggiore West, un personaggio che incarna la mentalità militare imperante che proprio nel periodo in cui è uscito il film era attualissima, a riguardo della guerra in Iraq in cui il Regno Unito era in prima linea. Come, forse casualmente, era attuale l’argomento principale della pellicola:il terrore delle epidemie. Infatti in tempi di panico da SARS non poteva uscire una visione più apocalittica. E non ultima troviamo la critica al consumismo e alla sua futilità, tanto da vedere in bella mostra innumerevoli prodotti di largo consumo (pare che McDonald non abbia dato il nulla-osta per mostrare il suo marchio ”perché avevano mangiato la foglia”, a quanto dice Boyle). Dal punto di vista puramente tecnico, "28 giorni dopo" è anche superiore alla media del genere. L’uso delle camere digitali che catturano ogni movimento ed espressione degli attori rende ancora meglio l’aria apocalittica del film, anche grazie ad una suggestiva fotografia sgranata. Alcuni virtuosismi e scelte registiche di Boyle valorizzano il tutto. Alcune delle scene tagliate sono stupende e questo dimostra l’esperienza e il coraggio del regista come la novità degli zombi/infetti che corrono, risulta vincente ed impressionante. In definitiva un film raro di questi tempi e una perla rara nella ormai scialba cinematografia britannica. Speriamo che Boyle ci vizi ancora con tali opere d’arte.

    Una visione è consigliata (per chi non l'ha visto)

  2. #2
    Vise
    Ospite
    Concordo con te...anche a me è piaciuto molto

  3. #3
    Utente L'avatar di Alanesh
    Registrato il
    09-04
    Messaggi
    6.411
    Citazione Gallforce007
    Finalmente ho visto qst film, è il mio giudizio è positivo, anke se ha molti luoghi comuni, ma è un film (per me) ben fatto.

    Gran Bretagna. Un gruppo estremista di ecologisti penetra in un laboratorio dove vengono effettuati sadici esperimenti su delle scimmie.
    laboratorio dove vengono effettuati sadici esperimenti su delle scimmie. Qui trovano degli scimpanzé incatenati davanti ad alcuni schermi che proiettano immagini violente, insieme ad altri invece rinchiusi in minuscole gabbie di vetro. Nonostante uno scienziato intimi loro di non liberare quegli animali, affermando che sono affetti da una forma incontrollabile di rabbia, uno degli ecologisti apre una gabbia ed immediatamente viene assalito da una delle scimmie.
    28 Giorni Dopo.
    Jim si risveglia nudo su un lettino di ospedale con varie flebo nelle braccia. I suoi ultimi, confusi ricordi risalgono a quando, per fare una consegna a domicilio, viene investito da un’automobile, cadendo in coma. Intorno a lui non vede nessuno e alzatosi dal lettino si mette alla ricerca di aiuto, ma nell’ospedale trova solo un grande caos e segni evidenti di grande confusione. Uscito dall'edificio si troverà davanti ad uno spettacolo stupefacente:la usualmente caotica città di Londra è completamente deserta ed ovunque c’è segno di devastazione. Stupito e disorientato si mette in cerca di anima viva fino a raggiungere una chiesa, ma qui, in mezzo ad una massa di corpi ammucchiati, incontrerà alcuni individui, tra cui un prete, che, invece di aiutarlo, lo attaccheranno con una insana ferocia. Durante la fuga incontrerà due ragazzi che lo aiuteranno a mettersi in salvo: i due gli racconteranno in maniera molto spicciola l’intera verità. Un virus letale chiamato Rabbia ha contagiato la stragrande maggioranza della popolazione del Regno Unito e si è propagato per tutto il mondo. Gli abitanti della città e del resto della Gran Bretagna, per quello che ne sanno, sono tutti morti e chi non è morto è forse andato incontro a un destino ancora più terribile. Partiranno alle porte di Manchester, che trovano avvolta completamente dalla devastazione delle fiamme: qui uno sparuto gruppo di soldati si difende con le armi dall’attacco degli infetti...la soluzione alla malattia è la sopravvivenza! Ben presto si renderanno conto che le intenzioni dei soldati sono tutt’altro che solidali e che dovranno difendersi da un altro tipo di pericolo.

    Danny Boyle ha raggiunto il successo con un film controverso come Trainspotting che gli ha donato fama e grandi possibilità, oltre che lanciare Ewan McGregor come star internazionale, dopo alcuni anni di silenzio ha confermato il suo talento registico con questo film coraggioso e al di fuori di ogni aspettativa. Chiunque sia ammiratore delle opere di George Romero, non potrà che apprezzare questa vera e propria dichiarazione d’amore per lui, perchè "28 giorni dopo" è proprio questo: un’immensa citazione da tutti i film apocalittici di Romero. La stessa sinossi della pellicola è praticamente un sequel de “La città verrà distrutta all’alba”, in cui l’umanità viene infettata e la gente impazzisce (The Crazies è il titolo originale del film), che potrebbe essere tranquillamente quello che succede in quei 28 giorni. Per tutto il resto del tempo il film è disseminato di citazioni, partendo dagli zombies all’incursione nel supermercato (Dawn of the Dead) allo zombi/infetto tenuto prigioniero e addestrato (Day of the Dead). Ma "28 giorni dopo" non è solo questo. Riprendendo le visioni di Richard Matheson (il suo romanzo "Io sono Leggenda" è un’altra grande influenza per il film) ci viene mostrata la desolazione di una città completamente evacuata (le scene sono state girate alle prime luci dell’alba). La paura di rimanere soli e di esistere solo per sopravvivere si trasmette nella città come nell’animo di Jim. Il protagonista, l’attore Gillian Murphy, scelto proprio perché si voleva uno sconosciuto, diventa gli occhi stupefatti dello spettatore e la sua estraneità agli eventi occorsi in quei 28 giorni, lo avvicina a noi che osserviamo la pellicola, in quanto non ha assimilato la situazione e quindi non è pervaso dalla rassegnazione che invece c’è nel personaggio di Selena.
    Nel film troviamo spazio per la retorica, forse un po’ troppo sfruttata, della disumanità dell’uomo, della ferocia insita nella natura umana. ”Io vedo solo uomini che uccidono uomini, come un mese fa e il mese prima” dice il maggiore West, un personaggio che incarna la mentalità militare imperante che proprio nel periodo in cui è uscito il film era attualissima, a riguardo della guerra in Iraq in cui il Regno Unito era in prima linea. Come, forse casualmente, era attuale l’argomento principale della pellicola:il terrore delle epidemie. Infatti in tempi di panico da SARS non poteva uscire una visione più apocalittica. E non ultima troviamo la critica al consumismo e alla sua futilità, tanto da vedere in bella mostra innumerevoli prodotti di largo consumo (pare che McDonald non abbia dato il nulla-osta per mostrare il suo marchio ”perché avevano mangiato la foglia”, a quanto dice Boyle). Dal punto di vista puramente tecnico, "28 giorni dopo" è anche superiore alla media del genere. L’uso delle camere digitali che catturano ogni movimento ed espressione degli attori rende ancora meglio l’aria apocalittica del film, anche grazie ad una suggestiva fotografia sgranata. Alcuni virtuosismi e scelte registiche di Boyle valorizzano il tutto. Alcune delle scene tagliate sono stupende e questo dimostra l’esperienza e il coraggio del regista come la novità degli zombi/infetti che corrono, risulta vincente ed impressionante. In definitiva un film raro di questi tempi e una perla rara nella ormai scialba cinematografia britannica. Speriamo che Boyle ci vizi ancora con tali opere d’arte.

    Una visione è consigliata (per chi non l'ha visto)
    deve essere carino io di Danny Boyle o visto Trainspotting molto bello &
    A Life Less Ordinary film troppo assurdo con ewan mcgregor e cameron diaz mi pare che in italia è stato tradotto in "una vita al massimo"

    si chiama "una vita esagerata"
    Ultima modifica di Alanesh; 14-08-2005 alle 11:50:46

  4. #4
    The Eternal Instant. L'avatar di explorer
    Registrato il
    11-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    16.511
    Davvero bel film. Forse la fine un po' troppo abborracciata e la parte nella villa dei militari noiosa e banale. Per il resto ottima pelliccola.
    L'unica certezza è il dubbio.

  5. #5
    Ku Nuk Mak Sauro Tuk Tuk L'avatar di chinook
    Registrato il
    11-02
    Località
    Micio Camping!!
    Messaggi
    13.392
    Banale film sui zombie che non introduce niente di nuovo, comunque ben girato ma non si scosta dalla sufficenza...

  6. #6
    KX97 L'avatar di Nook
    Registrato il
    10-04
    Messaggi
    515
    carino...questo film mi è piaciuto al contrario di altri del genere...

  7. #7
    None
    Ospite
    gran film,ben fatto,un tema anche molto bello che porta avanti tutto il film,ovvero quello che uomo e animali sono tutti bestie.

  8. #8
    Bannato L'avatar di genomakiller
    Registrato il
    10-04
    Località
    Pornolandia Palermo
    Messaggi
    19.156
    Forse sono finalmente d'accordo con te, questo film mi è piaciuto molto...

  9. #9
    Licenza di uccidere L'avatar di Gallforce007
    Registrato il
    03-05
    Località
    Palemmo
    Messaggi
    23.681
    Citazione genomakiller
    Forse sono finalmente d'accordo con te, questo film mi è piaciuto molto...
    xkè nn andiamo mai d'accordo? Non ci avevo mai fatto caso

    Cmq la scena della villa è il fulcro della storia

  10. #10
    Utente L'avatar di Devil 87
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    15.530
    Quoto, ottimo film
    Si vive per scoprire nuova bellezza, di solito tanta quanta se ne dimentica.

    - Half Devil -

  11. #11
    Araldo della Dea
    Registrato il
    02-05
    Località
    Il Mondo Perfetto
    Messaggi
    2.976
    Devo ancora guardarlo, ma recupererò...


  12. #12
    Licenza di uccidere L'avatar di Gallforce007
    Registrato il
    03-05
    Località
    Palemmo
    Messaggi
    23.681
    Citazione HkMax
    Devo ancora guardarlo, ma recupererò...
    ci conto eh

  13. #13
    The Eternal Instant. L'avatar di explorer
    Registrato il
    11-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    16.511
    Citazione Gallforce007
    xkè nn andiamo mai d'accordo? Non ci avevo mai fatto caso

    Cmq la scena della villa è il fulcro della storia
    Sarà pure il fulcro della storia, ma io l'ho trovata banale. La prima parte è più avvincente, secondo me.
    L'unica certezza è il dubbio.

  14. #14
    le comiche L'avatar di paura
    Registrato il
    07-04
    Località
    nel cosmo
    Messaggi
    7.228
    me lo consigliate???? visto che lunedi devo riportare, elephant, costantine e million dollar baby
    "Senti me, mia nonna diceva sempre: meglio un fottuto, un bellissimo dove non c'è un cazzo....no anzi: a che serve un bel piatto se non c'è un bel cazzo dentro?". "...Vuol dire?". "Ma che ne so, mia nonna era arteriosclerotica, stava sempre a pisciarsi addosso…..e anche a cacare se per questo”

  15. #15
    Licenza di uccidere L'avatar di Gallforce007
    Registrato il
    03-05
    Località
    Palemmo
    Messaggi
    23.681
    Citazione paura
    me lo consigliate???? visto che lunedi devo riportare, elephant, costantine e million dollar baby
    xkè no, merita una visione

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •