• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 16

Discussione: Fmi. Pil -0,3% nel 2005

Cambio titolo
  1. #1
    Neo-Atlantideo L'avatar di Marcus85
    Registrato il
    12-02
    Località
    Toronto (ON) - Canada
    Messaggi
    8.360

    Fmi. Pil -0,3% nel 2005

    Roma, 20 agosto 2005

    Il Fondo Monetario Internazionale ha drasticamente rivisto al ribasso le stime di crescita economica dell'Italia. Per il 2005 la stima passa dall'1,2% dell'Outlook di primavera a -0,3% mentre per il 2006 la stima viene tagliata di sei decimi di punto dal 2,1% all'1,5%. Lo riporta il sito internet del Financial Times Deutschland in un'anticipazione del World Economic Outlook che verra' pubblicato a Washington a fine settembre.

    La revisione al ribasso delle previsioni per l'Italia era stata anticipata, lo scorso 7 giugno, dal direttore esecutico uscente del Fondo per l'Italia, Pier Carlo Padoan che, pur non fornendo cifre, aveva aggiunto che le stime sul Pil italiano sarebbero state "sicuramente abbassate.
    "Bisogna vedere - aveva detto in quell'occasione - se il trend sarà invertito ma la crescita oscilla intorno allo zero. Questo non è la previsione del Fondo ma è un fatto. E' chiaro che con una crescita più bassa anche la previsione di deficit sarà abbassata".

    La reazione del governo
    Pronta la presa di posizione di fonti del governo: "Il Fondo Monetario Internazionale arriva tardi: il governo ha già rivisto al ribasso le stime per la crescita nel 2005 nel Dpef pubblicato due mesi fa, fissando una previsione di crescita zero. E' vero che la revisione del Fmi è più bassa di quella del governo, ma - sottolineano le stesse fonti - evidentemente non tiene conto del +0,7% registrato nel secondo trimestre del 2005". Tanto più, fanno osservare le fonti, che "a Washington in questi giorni non c'è nessuno del Board".
    Quanto alla previsione per il 2006, che il nuovo outlook del Fmi fisserebbe all'1,5% rispetto alla precedente stima del 2%, le fonti del governo fanno notare che "anche il governo ha fissato, nel Dpef, una crescita dell'1,5% per il 2006 e gli anni successivi: siamo esattamente in linea".

    L'opposizione
    Preoccupato il commento dell'ex ministro del Tesoro e deputato Ds Vincenzo che comunque condivide parte dell'analisi delle fonti di governo: "forse nel 2005 si arriverà ad una crescita zero, ad un -0,1%, ma cambia poco: sono a rischio tutti gli obiettivi di finanza pubblica per il 2006, dal deficit al debito". Vincenzo Visco non dà molto peso alle revisioni al ribasso sul Pil italiano nel nuovo outlook del Fmi: "Probabilmente non tengono conto del +0,7% registrato nel secondo trimestre, tanto è vero che anche noi al Nens, a luglio, stimavamo un -0,3% per il 2005", spiega l'esponente diessino. Per Visco, insomma, nel 2005 "si può arrivare ad una crescita zero, ad un -0,1%. Ma non è che cambi molto".
    Il quadro resta infatti negativo, per l'ex ministro dell'Economia: "Con il rimbalzo tecnico del Pil nel secondo trimestre forse si centrano gli obiettivi posti dal governo, ma restano a rischio tutti gli obiettivi per il 2006, dal deficit al debito. Non è che basti un piccolo rimbalzo, questi obiettivi restano incerti".

    Le anticipazioni della stampa tedesca
    Sempre oggi anche il quotidiano tedesco Handelsblatt ha anticipato altre parti del documento Fmi. L'istituzione di Washington ha infatti rivisto anche le stime di crescita del Pil per il 2005 della zona euro tagliandole dall'1,6% contenuto nel rapporto di primavera all'1,3% mentre per il 2006 la revisione e'
    dal 2,3% al 2%.
    Un peggioramento, quello stimato per il Vecchio Continente, che per ora non trova riscontro ne' nelle previsioni degli Stati Uniti, con la conferma del +3,6% per il 2005 e una marginale revisione per il 2006 al +3,5% (3,6%), ne' tantomento per la crescita globale nel suo complesso, con le previsioni di primavera confermate rispettivamente al 4,3% e al 4,4%.
    Restano invece - secondo la bozza del Weo anticipata da Handelsbatt - valutazioni piu' pessimiste sull'impatto del rincaro dei prezzi del greggio. "In generale i pericoli sono cresciuti", si legge nel documento che punta soprattutto alle carenze nella capacita' di raffinazione globale del greggio che si sono accumulate nel tempo e che hanno portato a un vero e proprio "collo di bottiglia" produttivo che si raffronta a una forte crescita dei consumi. Di qui la revisione al rialzo da parte del Fmi delle previsioni sul prezzo del greggio che per quest'anno salgono a 51 dollari al barile dai precedenti 46,5 stimati in primavera eper il 2006 a 53 dollari (43,75).

    Il Fmi reitera, infine l'allarme sui "deficit gemelli" degli Stati Uniti - i colossali disavandi di bilancio e delle partite correnti - che vengono ancora una volta identificati come uno dei maggiori rischi per la crescita globale.


    http://www.rai.it/news/articolornews...175178,00.html
    Repubblica della nuova Atlantide 1,2,3

    GLI DEI TORNERANNO (?)

    Moderazione in rosso e grassetto.Chiarimenti ne Il forum del forum o in privato.

  2. #2
    MISERY L'avatar di KidOfTheBlackHole
    Registrato il
    05-05
    Località
    Vinnybeach
    Messaggi
    9.732
    Citazione Marcus85
    Roma, 20 agosto 2005

    Il Fondo Monetario Internazionale ha drasticamente rivisto al ribasso le stime di crescita economica dell'Italia. Per il 2005 la stima passa dall'1,2% dell'Outlook di primavera a -0,3% mentre per il 2006 la stima viene tagliata di sei decimi di punto dal 2,1% all'1,5%. Lo riporta il sito internet del Financial Times Deutschland in un'anticipazione del World Economic Outlook che verra' pubblicato a Washington a fine settembre.

    La revisione al ribasso delle previsioni per l'Italia era stata anticipata, lo scorso 7 giugno, dal direttore esecutico uscente del Fondo per l'Italia, Pier Carlo Padoan che, pur non fornendo cifre, aveva aggiunto che le stime sul Pil italiano sarebbero state "sicuramente abbassate.
    "Bisogna vedere - aveva detto in quell'occasione - se il trend sarà invertito ma la crescita oscilla intorno allo zero. Questo non è la previsione del Fondo ma è un fatto. E' chiaro che con una crescita più bassa anche la previsione di deficit sarà abbassata".

    La reazione del governo
    Pronta la presa di posizione di fonti del governo: "Il Fondo Monetario Internazionale arriva tardi: il governo ha già rivisto al ribasso le stime per la crescita nel 2005 nel Dpef pubblicato due mesi fa, fissando una previsione di crescita zero. E' vero che la revisione del Fmi è più bassa di quella del governo, ma - sottolineano le stesse fonti - evidentemente non tiene conto del +0,7% registrato nel secondo trimestre del 2005". Tanto più, fanno osservare le fonti, che "a Washington in questi giorni non c'è nessuno del Board".
    Quanto alla previsione per il 2006, che il nuovo outlook del Fmi fisserebbe all'1,5% rispetto alla precedente stima del 2%, le fonti del governo fanno notare che "anche il governo ha fissato, nel Dpef, una crescita dell'1,5% per il 2006 e gli anni successivi: siamo esattamente in linea".

    L'opposizione
    Preoccupato il commento dell'ex ministro del Tesoro e deputato Ds Vincenzo che comunque condivide parte dell'analisi delle fonti di governo: "forse nel 2005 si arriverà ad una crescita zero, ad un -0,1%, ma cambia poco: sono a rischio tutti gli obiettivi di finanza pubblica per il 2006, dal deficit al debito". Vincenzo Visco non dà molto peso alle revisioni al ribasso sul Pil italiano nel nuovo outlook del Fmi: "Probabilmente non tengono conto del +0,7% registrato nel secondo trimestre, tanto è vero che anche noi al Nens, a luglio, stimavamo un -0,3% per il 2005", spiega l'esponente diessino. Per Visco, insomma, nel 2005 "si può arrivare ad una crescita zero, ad un -0,1%. Ma non è che cambi molto".
    Il quadro resta infatti negativo, per l'ex ministro dell'Economia: "Con il rimbalzo tecnico del Pil nel secondo trimestre forse si centrano gli obiettivi posti dal governo, ma restano a rischio tutti gli obiettivi per il 2006, dal deficit al debito. Non è che basti un piccolo rimbalzo, questi obiettivi restano incerti".

    Le anticipazioni della stampa tedesca
    Sempre oggi anche il quotidiano tedesco Handelsblatt ha anticipato altre parti del documento Fmi. L'istituzione di Washington ha infatti rivisto anche le stime di crescita del Pil per il 2005 della zona euro tagliandole dall'1,6% contenuto nel rapporto di primavera all'1,3% mentre per il 2006 la revisione e'
    dal 2,3% al 2%.
    Un peggioramento, quello stimato per il Vecchio Continente, che per ora non trova riscontro ne' nelle previsioni degli Stati Uniti, con la conferma del +3,6% per il 2005 e una marginale revisione per il 2006 al +3,5% (3,6%), ne' tantomento per la crescita globale nel suo complesso, con le previsioni di primavera confermate rispettivamente al 4,3% e al 4,4%.
    Restano invece - secondo la bozza del Weo anticipata da Handelsbatt - valutazioni piu' pessimiste sull'impatto del rincaro dei prezzi del greggio. "In generale i pericoli sono cresciuti", si legge nel documento che punta soprattutto alle carenze nella capacita' di raffinazione globale del greggio che si sono accumulate nel tempo e che hanno portato a un vero e proprio "collo di bottiglia" produttivo che si raffronta a una forte crescita dei consumi. Di qui la revisione al rialzo da parte del Fmi delle previsioni sul prezzo del greggio che per quest'anno salgono a 51 dollari al barile dai precedenti 46,5 stimati in primavera eper il 2006 a 53 dollari (43,75).

    Il Fmi reitera, infine l'allarme sui "deficit gemelli" degli Stati Uniti - i colossali disavandi di bilancio e delle partite correnti - che vengono ancora una volta identificati come uno dei maggiori rischi per la crescita globale.


    http://www.rai.it/news/articolornews...175178,00.html
    quoto




    non ho la piu pallida idea di cosa parli

  3. #3
    Citazione KidOfTheBlackHole
    non ho la piu pallida idea di cosa parli
    L'economia italiana va male e il governo fa poco, in sintesi.
    "Il sonno della ragione genera mostri"

  4. #4
    megaman
    Ospite
    l'economia gira con me, e con lei anche le mie palle.

  5. #5
    Daimadoshi L'avatar di matoriv
    Registrato il
    11-03
    Località
    praticamente Genova
    Messaggi
    1.644
    Citazione Marcus85
    [I]


    La reazione del governo
    Pronta la presa di posizione di fonti del governo: "Il Fondo Monetario Internazionale arriva tardi: il governo ha già rivisto al ribasso le stime per la crescita nel 2005 nel Dpef pubblicato due mesi fa, fissando una previsione di crescita zero. E' vero che la revisione del Fmi è più bassa di quella del governo, ma - sottolineano le stesse fonti - evidentemente non tiene conto del +0,7% registrato nel secondo trimestre del 2005". Tanto più, fanno osservare le fonti, che "a Washington in questi giorni non c'è nessuno del Board".
    Quanto alla previsione per il 2006, che il nuovo outlook del Fmi fisserebbe all'1,5% rispetto alla precedente stima del 2%, le fonti del governo fanno notare che "anche il governo ha fissato, nel Dpef, una crescita dell'1,5% per il 2006 e gli anni successivi: siamo esattamente in linea".
    che razza di difesa è? avessero smentito (come fanno sempre) se sono in linea con quelle pessime previsioni non c'è molto da vantarsi, forse si vantano di essere bravi a prevedere le catastrofi?

  6. #6
    Citazione matoriv
    che razza di difesa è? avessero smentito (come fanno sempre) se sono in linea con quelle pessime previsioni non c'è molto da vantarsi, forse si vantano di essere bravi a prevedere le catastrofi?
    Del resto nel passato non sono riusciti a fare nemmeno quello.
    "Il sonno della ragione genera mostri"

  7. #7
    Utente Tostapane L'avatar di WarriorXP
    Registrato il
    10-02
    Località
    MI C.le - LE
    Messaggi
    23.429
    Marcus, dovresti dare anche un taglio personale al thread: di cosa si dovrebbe cominciare a parlare di preciso? Delle cause? Delle conseguenze? Delle responsabilità?
    Ultima modifica di WarriorXP; 20-08-2005 alle 13:26:17

  8. #8
    Neo-Atlantideo L'avatar di Marcus85
    Registrato il
    12-02
    Località
    Toronto (ON) - Canada
    Messaggi
    8.360
    Citazione WarriorXP
    Marcus, dovresti dare anche un taglio personale al thread: con cosa si dovrebbe cominciare a parlare di preciso? Delle cause? Delle conseguenze? Delle responsabilità?
    In primo luogo è interessante sottolineare come alla notizia non sia stato dato il minimo rilievo da parte dei mezzi televisivi, se non un limitato accenno. Certamente non è una notizia nuova che l'economia italiana arranchi, ma questa, e altre notizie continuano a dipingere un quadro sempre più preoccupante della situazione. Non è tanto un discorso di identificare le responsabilità, che sono abbastanza palesi, quanto di prendere atto della situazione, ed adottare le necessarie contromisure.
    E non posso che provare pena per un governo che proclami trionfalmente questi dati essere tendenziosi, come a volere invitare i cittadini a rallegrarsi di una situazione di crescita zero, come se questo fosse l'attuale obiettivo.
    Repubblica della nuova Atlantide 1,2,3

    GLI DEI TORNERANNO (?)

    Moderazione in rosso e grassetto.Chiarimenti ne Il forum del forum o in privato.

  9. #9
    Supremo Comandante Asgard L'avatar di Vorador
    Registrato il
    01-04
    Messaggi
    3.667
    Citazione Marcus85
    In primo luogo è interessante sottolineare come alla notizia non sia stato dato il minimo rilievo da parte dei mezzi televisivi, se non un limitato accenno. Certamente non è una notizia nuova che l'economia italiana arranchi, ma questa, e altre notizie continuano a dipingere un quadro sempre più preoccupante della situazione. Non è tanto un discorso di identificare le responsabilità, che sono abbastanza palesi, quanto di prendere atto della situazione, ed adottare le necessarie contromisure.
    E non posso che provare pena per un governo che proclami trionfalmente questi dati essere tendenziosi, come a volere invitare i cittadini a rallegrarsi di una situazione di crescita zero, come se questo fosse l'attuale obiettivo.
    Marcus in questa simil-dittatura dove gli Italiani sono degli sbandati e quei pochi che cercano la verità, rischiano, te lo dico perchè è così, di essere minacciati o uccisi.... da nn meglio identificati personaggi occulti...
    Tu sai cosa potrebe succederebbe se la notizia si diffondesse? IL caos più totale e per prima cosa i consumatori andrebbero a prelevare i soldi dalle banche, e come ben sappiamo, la banca nn ha abbastanza soldi per soddisfare tutti... sarebbe l'inizio della fine... Nn un crack come l'argentia, ben intesi, dato che se crolla il sistema economico italiano crolla il sistema economico europeo, almeno la penso così...
    Winston Churchill ha detto:
    Bizzarro popolo gli italiani. Un giorno 45 milioni di fascisti. Il giorno successivo 45 milioni tra antifascisti e partigiani. Eppure questi 90 milioni di italiani non risultano dai censimenti.

  10. #10
    Neo-Atlantideo L'avatar di Marcus85
    Registrato il
    12-02
    Località
    Toronto (ON) - Canada
    Messaggi
    8.360
    Citazione Vorador
    Marcus in questa simil-dittatura dove gli Italiani sono degli sbandati e quei pochi che cercano la verità, rischiano, te lo dico perchè è così, di essere minacciati o uccisi.... da nn meglio identificati personaggi occulti...
    Tu sai cosa potrebe succederebbe se la notizia si diffondesse? IL caos più totale e per prima cosa i consumatori andrebbero a prelevare i soldi dalle banche, e come ben sappiamo, la banca nn ha abbastanza soldi per soddisfare tutti... sarebbe l'inizio della fine... Nn un crack come l'argentia, ben intesi, dato che se crolla il sistema economico italiano crolla il sistema economico europeo, almeno la penso così...
    Suvvia, non è che ci siano cospiratori dietro ogni angolo. Sono solo dietro ogni telefono. Per ora. Comunque, non è propriamente attinente, ma a quali "personaggi occulti" ti riferisci, con esattezza?
    Tornando alla questione iniziale, e chiudendo questa parentesi, non credo tuttavia si debba eccedere nella direzione opposta. Un eccessivo allarmismo non è giustificato. Attualmente, è difficile credere in un collasso dell'economia italiana. Tuttavia, non si devono sottovalutare i rischi della stagnazione. Gli effetti, chiaramente, trattandosi di fenomeni di ampia portata ed inseriti in un contesto prima europeo, e quindi globale, tenderanno piuttosto a manifestarsi gradualmente. Ciò non significa tuttavia che debbano essere sottovalutati. In primo luogo, a livello di perdita di competitività delle imprese italiane, sulla quale incide significativamente l'imposizione fiscale ed una legislazione tuttora carente. A ciò chiaramente si accompagnano fenomeni connessi, con particolare riferimento ad incremento del tasso di disoccupazione, minore gettito fiscale e dunque crescita del debito pubblico.
    Quello che temo, è che, se misure urgenti non sono adottate, l'Italia possa incrementare ulteriormente il proprio distacco dai principali paesi europei, con il rischio di ulteriori misure sanzionatorie, il cui epilogo ultimo potrebbe essere l'uscita dell'Italia dall'Unione Europea, quest'ultima unica ancora di stabilità del sistema italiano.
    Repubblica della nuova Atlantide 1,2,3

    GLI DEI TORNERANNO (?)

    Moderazione in rosso e grassetto.Chiarimenti ne Il forum del forum o in privato.

  11. #11
    boh L'avatar di Jack89
    Registrato il
    11-03
    Località
    Bolzano (Alto Adige)
    Messaggi
    13.884
    Citazione Melchior
    L'economia italiana va male e il governo fa poco, in sintesi.
    Più o meno...


  12. #12
    Fiero di essere TERRONE L'avatar di Peppigno
    Registrato il
    10-02
    Località
    Nel paese delle puttanone
    Messaggi
    39.071
    C'è la recessione economica... e i politici se lo grattano

  13. #13
    Distruggi Community L'avatar di fulminato
    Registrato il
    02-04
    Località
    Maestro errante deL'OTU
    Messaggi
    26.244
    ma tutto va bene no?

    una crescita allo 0% avrebbe fatto saltare più di un governo del *carrozone sinistroide*, mentre la casa (abusiva * ) delle libertà ne fa quasi un obbiettivo raggiuto.



    *abusiva perchè se no a che scopo fare un condono edilizio, e in aree protette pure.
    "Per il resto la serie TES cesserà di interessare quando Fulminato smetterà di fare errori di battitura nei suoi post"
    Dark_Angel83
    "Physics is like sex: sure, it may give some practical results, but that's not why we do it."
    Richard P. Feynman
    "A mathematician is a blind man in a dark room looking for a black cat which isn't there."
    Charles R Darwin
    "Una nuova verità scientifica non si impone perché i suoi detrattori via via l'accettano, ma perché questi mano mano muoiono, e nel contempo sorge una nuova generazione in grado di accettarla."
    Max Planck

  14. #14
    Fiero di essere TERRONE L'avatar di Peppigno
    Registrato il
    10-02
    Località
    Nel paese delle puttanone
    Messaggi
    39.071
    Citazione fulminato
    ma tutto va bene no?

    una crescita allo 0% avrebbe fatto saltare più di un governo del *carrozone sinistroide*, mentre la casa (abusiva * ) delle libertà ne fa quasi un obbiettivo raggiuto.



    *abusiva perchè se no a che scopo fare un condono edilizio, e in aree protette pure.
    dimmi un po' in Italia cosa non c'è di irregolare

  15. #15
    Neo-Atlantideo L'avatar di Marcus85
    Registrato il
    12-02
    Località
    Toronto (ON) - Canada
    Messaggi
    8.360
    Citazione fulminato
    ma tutto va bene no?
    una crescita allo 0% avrebbe fatto saltare più di un governo del *carrozone sinistroide*, mentre la casa (abusiva * ) delle libertà ne fa quasi un obbiettivo raggiuto.
    *abusiva perchè se no a che scopo fare un condono edilizio, e in aree protette pure.
    La situazione è veramente preoccupante. Ed ancora più preoccupante è il rilievo, pressochè nullo dato dai media, cui si accompagna, del resto, un generale disinteresse dell'elettorato veros queste tematiche, tanto essenziali per il futuro del paese. E non si può non citare anche il declassamento, pochi giorni fa, operato dall'agenzia di rating Standard & Poors del debito italiano, da AA ad A, un declassamento che inciderà sul costo del debito e sulle connesse possibilità di ripresa a breve termine.
    Repubblica della nuova Atlantide 1,2,3

    GLI DEI TORNERANNO (?)

    Moderazione in rosso e grassetto.Chiarimenti ne Il forum del forum o in privato.

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •