• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 21

Discussione: L'inizio del mio libro

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di Diadora
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rapallo
    Messaggi
    4.115

    L'inizio del mio libro

    Salve a tutti, ho postato ciò in Agorà perchè Daylarando è ormai una sezione all'insegna solo della pazzia. Questo è l'inizio di un mio progetto che si è interrotto tempo fa ma che ora ho deciso di riprendere; si tratta della avventura di 2 ragazzi inglesi che sovranno affrontare dei grandi pericoli. Il progetto è lungi dall'essere completato, purtroppo a volte a mi manca il tempo e a volte l'ispirazione. So che è molto, molto poco, ma vi voglio chiedere un parere su come è impostato e se vi piacerebbe vederne gli sviluppi.
    qui il primo corto capitolo e qui l'inizio del secondo. Le critiche sono ben accette, soprattutto quelle costruttive. Grazie.
    (vi ricordo che dovete cliccare con il tasto destro e fare "salva con nome")
    Ultima modifica di Diadora; 19-05-2003 alle 19:31:13
    Con "Diadora" non intendo la marca di scarpe.
    Ovunque tu vada ricorda che la Katana di Diadora sarà sempre al servizio della giustizia.

  2. #2
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335
    mi da' "errore"...-____-'
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

  3. #3
    Utente L'avatar di Diadora
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rapallo
    Messaggi
    4.115
    Inviato da vegeth85
    mi da' "errore"...-____-'
    Salva oggetto con nome...
    Con "Diadora" non intendo la marca di scarpe.
    Ovunque tu vada ricorda che la Katana di Diadora sarà sempre al servizio della giustizia.

  4. #4
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335
    Errore 403


    Non puoi accedere alla pagina o directory desiderata, ecco le possibili ragioni:

    La directory non contiene un file indice, comunemente (index.html).
    Non sei connesso con un numero IP valido (IP: 62.11.10.249, se stai usando un proxy puoi provare a disabilitarlo e riconnetterti.
    Il traffico verso quest'area del sito è bloccato, oppure non hai l'autorizzazione per accedere alla risorsa che hai richiesto
    http://www.altervista.org

    mi da' questo mex...
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

  5. #5
    Utente L'avatar di Diadora
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rapallo
    Messaggi
    4.115
    Inviato da vegeth85
    Errore 403


    Non puoi accedere alla pagina o directory desiderata, ecco le possibili ragioni:

    La directory non contiene un file indice, comunemente (index.html).
    Non sei connesso con un numero IP valido (IP: 62.11.10.249, se stai usando un proxy puoi provare a disabilitarlo e riconnetterti.
    Il traffico verso quest'area del sito è bloccato, oppure non hai l'autorizzazione per accedere alla risorsa che hai richiesto
    http://www.altervista.org

    mi da' questo mex...
    Strano, probabilmente a me non dà questo messaggio per via dei cookie e del mio ip.
    Con "Diadora" non intendo la marca di scarpe.
    Ovunque tu vada ricorda che la Katana di Diadora sarà sempre al servizio della giustizia.

  6. #6
    101 Airborne L'avatar di maverick84
    Registrato il
    12-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    10.571
    Inviato da vegeth85
    Errore 403


    Non puoi accedere alla pagina o directory desiderata, ecco le possibili ragioni:

    La directory non contiene un file indice, comunemente (index.html).
    Non sei connesso con un numero IP valido (IP: 62.11.10.249, se stai usando un proxy puoi provare a disabilitarlo e riconnetterti.
    Il traffico verso quest'area del sito è bloccato, oppure non hai l'autorizzazione per accedere alla risorsa che hai richiesto
    http://www.altervista.org

    mi da' questo mex...
    Vegeth nn devi entrare nel link,devi fare "salva oggetto con nome" tramite il tasto destro.
    Io l'ho scaricato,appena ho un po di tempo libero lo leggo e ti faccio sapere
    "I fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti"
    Ennio Flaiano


  7. #7
    Oh my iPod! L'avatar di er patata
    Registrato il
    11-02
    Località
    Bari Downtown
    Messaggi
    13.136
    scaricato! quando avrò tempo lo leggerò

    A volte credo di essere fin troppo nerd. Naa, never too much.
    Vuoi personalizzare l'aspetto del forum di GamesRadar? Clicca qui!
    Consortium.ru 2004 3D Motion Demo, shocking graphics. (QuickTime 60MB)

    Vuoi guadagnare soldi velocemente? Clicca qui!

  8. #8
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335
    fatto!nn l'avevo capito...
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

  9. #9
    Utente L'avatar di Diadora
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rapallo
    Messaggi
    4.115
    Inviato da vegeth85
    fatto!nn l'avevo capito...
    Lo hai scaricato?
    Con "Diadora" non intendo la marca di scarpe.
    Ovunque tu vada ricorda che la Katana di Diadora sarà sempre al servizio della giustizia.

  10. #10
    Mietitore d'Anime L'avatar di respen
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    676

    allora...

    ecco le mie critiche. non avertene a male.

    1) mi pare piuttosto improbabile che i due ragazzi abbiano solo 15 anni. qualunque genitore con un minimo di buon senso mai lascerebbe partire il proprio/a figlio/a per la scozia così, senza problemi. anche se nella tua storia nasceranno dei problemi coi genitori, dubito comunque che un genitore permetterbbe una cosa simile a soli 15 anni. potresti forse alzare l'età sui 17, così ti rimane la scusa di dover chiedere ai genitori (non essendo essi maggiorenni), anche perchè in Inghilterra non è facile girare da solo se sei un quindicenne...

    2) attenzione all'italiano!! soggetto e verbo non devono MAI essere separati dalla virgola
    Quell’afoso pomeriggio, i due quindicenni, si stavano allegramente rincorrendo, facendosi a vicenda, dolci effusioni.
    troppe virgole, e questo è solo un esempio. potresti cambiarlo cosi:
    Quell’afoso pomeriggio, i due quindicenni si stavano allegramente rincorrendo, facendosi (meglio scambiandosi) a vicenda dolci effusioni.
    3)
    -Jack era sempre più deciso a partire-Ma…- Marta continuava a tentennare- Forza Marta è un’occasione unica, non possiamo perderla… poi ci divertiremo!- Jack era certo che tutto poteva filare liscio e inoltre aveva ormai convinto Marta-O.k. ci sto, ma parlerai tu ai nostri genitori- mercanteggiò sicura la ragazza- Va bene come vuoi tu;
    un consiglio per i dialoghi: vai a capo ogni volta che un personaggio diverso parla; usa le virgolette per cominciare il discorso e le lineette per le interruzioni, una cosa del genere:
    Jack era sempre più deciso a partire.
    "Ma…" Marta continuava a tentennare.
    "Forza Marta è un’occasione unica, non possiamo perderla… poi ci divertiremo!"- Jack era certo che tutto poteva filare liscio e inoltre aveva ormai convinto Marta.
    "O.k. ci sto, ma parlerai tu ai nostri genitori", mercanteggiò sicura la ragazza.
    "Va bene come vuoi tu"
    4) una cosa che puoi fare è delineare i caratteri dei personaggi PRIMA di scrivere i capitoli. un po' come avere delle persone vere che vivono nella tua storia. in questa maniera, se hai costruito bene la loro personalità, non ti imbatterai in contraddizioni nelle reazioni.

    5) la storia si prospetta interessante. tuttavia secondo me devi concedere più attenzione agli stati d'animo dei personaggi, a come reagiscono alle situazioni che gli poni davanti (questo punto è collegato al precedente); per esempio: cosa pensano Jack e Marta quando un emerito sconosciuto porge loro una busta gialla senza dare alcuna spiegazione? perchè non pongono domande al "postino"? perchè non lo rincorrono? ecc.

    6) altra cosa a cui dare maggiore attenzione è l'ambiente.
    Era un caldo e assolato giorno d’agosto; un giorno che Jack e Marta non avrebbero dimenticato mai più.
    d'accordo, era caldo e assolato, e poi? puoi di sicuro fare di meglio. se non se lo dimenticheranno mai più, di sicuro i tuoi due personaggi ricorderanno anche altre cose, oltre al fatto che era caldo e assolato. per esempio se nel cielo c'erano nuvole, che forma avevano, se c'erano grilli e cicale che facevano casino...
    tra l'altro, introdurre subito
    un giorno che Jack e Marta non avrebbero dimenticato mai più.
    ha un buon impatto, ma ti rovina la sorpresa. se lo fai invece cominciare come un giorno normale, darai più importanza all'arrivo del postino (magari modificando anche il loro incontro...).


    ecco, mi sono spiegato, credo. se hai domande sono qui. scusa se sono stato un po' brutale e distruttivo.

    Respen
    Mentalista supremo

  11. #11
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335
    Inviato da Diadora
    Lo hai scaricato?
    si',pero' scusa ma in questo periodo nn ho molto tempo...|)

    quando lo leggero' ti faro' sapere...
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

  12. #12
    Utente L'avatar di Diadora
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rapallo
    Messaggi
    4.115

    Re: allora...

    Inviato da respen
    ecco le mie critiche. non avertene a male.

    1) mi pare piuttosto improbabile che i due ragazzi abbiano solo 15 anni. qualunque genitore con un minimo di buon senso mai lascerebbe partire il proprio/a figlio/a per la scozia così, senza problemi. anche se nella tua storia nasceranno dei problemi coi genitori, dubito comunque che un genitore permetterbbe una cosa simile a soli 15 anni. potresti forse alzare l'età sui 17, così ti rimane la scusa di dover chiedere ai genitori (non essendo essi maggiorenni), anche perchè in Inghilterra non è facile girare da solo se sei un quindicenne...

    2) attenzione all'italiano!! soggetto e verbo non devono MAI essere separati dalla virgola troppe virgole, e questo è solo un esempio. potresti cambiarlo cosi:

    3) un consiglio per i dialoghi: vai a capo ogni volta che un personaggio diverso parla; usa le virgolette per cominciare il discorso e le lineette per le interruzioni, una cosa del genere:


    4) una cosa che puoi fare è delineare i caratteri dei personaggi PRIMA di scrivere i capitoli. un po' come avere delle persone vere che vivono nella tua storia. in questa maniera, se hai costruito bene la loro personalità, non ti imbatterai in contraddizioni nelle reazioni.

    5) la storia si prospetta interessante. tuttavia secondo me devi concedere più attenzione agli stati d'animo dei personaggi, a come reagiscono alle situazioni che gli poni davanti (questo punto è collegato al precedente); per esempio: cosa pensano Jack e Marta quando un emerito sconosciuto porge loro una busta gialla senza dare alcuna spiegazione? perchè non pongono domande al "postino"? perchè non lo rincorrono? ecc.

    6) altra cosa a cui dare maggiore attenzione è l'ambiente.
    d'accordo, era caldo e assolato, e poi? puoi di sicuro fare di meglio. se non se lo dimenticheranno mai più, di sicuro i tuoi due personaggi ricorderanno anche altre cose, oltre al fatto che era caldo e assolato. per esempio se nel cielo c'erano nuvole, che forma avevano, se c'erano grilli e cicale che facevano casino...
    tra l'altro, introdurre subito ha un buon impatto, ma ti rovina la sorpresa. se lo fai invece cominciare come un giorno normale, darai più importanza all'arrivo del postino (magari modificando anche il loro incontro...).


    ecco, mi sono spiegato, credo. se hai domande sono qui. scusa se sono stato un po' brutale e distruttivo.

    Respen
    Raspen, ti dico una cosa... Non avrei potuto chiedere di meglio!!!
    Sono felicissimo che tu abbia avuto tutto questo occhio critico, mi è piaciuto davvero tantissimo.
    L'unico punto a cui non sono d'accordo è l'ultimo: il fatto che inizio dicendo che non dimenticheranno mai più quel giorno ha lo scopo di sucitare la curiosità del lettore "perchè non dimenticheranno mai più questa giornata? Cosa succederà a questi due ragazzi così giovani e così "normali"?" Queste domande verranno spiegate durante il corso della storia, atte a tenere viva l'attenzione. Ti ringrazio moltissimo per queste tue critiche che ritengo di grande importanza, purtroppo in questo ultimo periodo ho molto da fare e di conseguenza non potrò modificarlo a breve; quet'estate però mi applicherò per correggere ed ampliare i punti che mi hai descritto e per andare avanti nella storia. L'inizio comunque è stato scritto tempo fa, forse infatti ti sarai accorto come più o meno dal secondo capitolo è tutto scritto con più dettagli e più fluidamente (o sbaglio).
    Ti ringrazio ancora
    Invito anche tutti gli utenti del forum a rispondere: voglio sapere cosa ne pensate!!! Ditemi, criticatemi, (lodatemi) se ce ne è bisogno... Aspetto le vostre risposte!
    Con "Diadora" non intendo la marca di scarpe.
    Ovunque tu vada ricorda che la Katana di Diadora sarà sempre al servizio della giustizia.

  13. #13
    Utente L'avatar di vegeth85
    Registrato il
    11-02
    Località
    Roma
    Messaggi
    6.335
    diadora per adesso ho letto questoscusa nn avevo molto tempo per cui le osservazioni l'ho messe tra parentesi... )

    Era un caldo e assolato giorno d’agosto; un giorno che Jack e Marta non avrebbero dimenticato mai più.
    Quell’afoso pomeriggio, i due quindicenni, si stavano allegramente rincorrendo, facendosi a vicenda, dolci effusioni.
    Jack e Marta non erano fidanzati, ma davano tutta l’impressione di esserlo. Dicevano di essere solamente buoni amici e negavano ogni voce che diceva il contrario.
    Jack era veramente un bel ragazzo: aveva capelli neri e lisci di media lunghezza, occhi dello stesso colore e un fisico perfetto; caratterialmente era attivo e intelligente, sapeva usare molto abilmente il computer ed era molto(ripetizione) romantico. Frequentava la Knowfly, la più prestigiosa scuola nel raggio di 300 miglia; tutte le mattine partiva di buonora dalla sua cittadina, Chentre(virgola) in Inghilterra, per andare in città. Egli(togliere il soggetto) aveva fatto molti sacrifici per entrare in quell’istituto, ma alla fine ci era riuscito; otteneva inoltre ottimi risultati.
    Anche Marta era una bellissima(togliere ragazza) ragazza: aveva lunghi capelli biondi e dei grandi occhi castani(approfondire la descrizione del viso); il suo carattere era vivace ma contenuto; gli piaceva proprio tutto della vita e spesso faceva apprezzamenti su stagioni, cibi e su tutto quello a cui poteva riconoscere dei lati positivi. Anche lei frequentava la Knowfly e seppur non ottenesse i risultati di Jack, era molto brava, soprattutto nei temi, dove con la sua gioia di vivere, riusiva sempre a infondere nel lettore una certa serenità.
    Comunque, ritorniamo alla nostra giornata estiva.Come già citato(detto), i due giovani, stavano rincorrendosi allegramente(usare dei sinonimi), nel giardino posteriore della(villetta?) unifamiliare di Jack. Fino a quel momento tutto era tranquillo e filava come al solito, almeno fino all’insolito arrivo (di pomeriggio)(pomeridiano) del postino. Per strano caso(o forse no), non era il solito postino che consegnava ogni mattino(metti giorno,altrimenti fa rima con postino) la corrispondenza, ma una persona dal macabro aspetto e strano modo di fare: era molto agitato, spaventato, sembrava quasi pazzo. A questa insolita visita,(togliere le due virgole) i ragazzi, reagirono in maniera spaventata e Marta per sentirsi forse più al sicuro, si nascose istintivamente(il comportamente stride col suocarattere allegro), dietro Jack, che sembrava più sicuro di sé. Il postino, sempre con sospetta frenesia, gli consegnò una busta sgualcita, giallastra, che dava l’impressione di essere molto vecchia; dopodiché sparì senza lasciare traccia, come dileguatosi nel nulla(meglio:dileguandosi nel nulla).
    Jack l’aprì: al suo interno c’era un bianco foglio(bianco mettilo qui) abbondantemente decorato, che sembrava provenisse da un lussuoso albergo. Jack passò la lettera a Marta, che dopo averla osservata per qualche secondo, cominciò a leggere.La lettera recitava così(quest’ultima frase nn e’ necessaria):
    “Gentili Signori Jack Callaw e Marta Fancy, siete stati sorteggiati per passare una settimana a Madtown, in Scozia.
    Sarà tutto compreso, vitto, alloggio, e qualche servizio veramente Particolare.
    Per la risposta aspettate il nostro postino speciale, che verrà(meglio:che tornera’ tra…), tra non più di tre giorni, nei quali potrete prepararvi, se decidete di accettare.
    Distinti ossequ(forse e’ un po’ ridondante,gli ossequi sono gia’ di per se’ distinti)i.


    nn ti offendere,eh!
    |)
    “Dunque, la vera e perfetta comprensione del bello nell'arte non può ottenersi se non attraverso la visione degli originali stessi e, più che altrove, a Roma. A tutti quelli che dalla natura sono stati dotati della capacità di comprendere il bello e che a ciò sono stati sufficientemente istruiti, è da augurarsi che facciano un viaggio in Italia. Fuori di Roma bisogna, come molti amanti, contentarsi d'uno sguardo e d'un sospiro, cioè apprezzare il poco e il mediocre.”[J.J.Winckelmann];

  14. #14
    Utente L'avatar di Diadora
    Registrato il
    10-02
    Località
    Rapallo
    Messaggi
    4.115
    Inviato da vegeth85
    diadora per adesso ho letto questoscusa nn avevo molto tempo per cui le osservazioni l'ho messe tra parentesi... )

    Era un caldo e assolato giorno d’agosto; un giorno che Jack e Marta non avrebbero dimenticato mai più.
    Quell’afoso pomeriggio, i due quindicenni, si stavano allegramente rincorrendo, facendosi a vicenda, dolci effusioni.
    Jack e Marta non erano fidanzati, ma davano tutta l’impressione di esserlo. Dicevano di essere solamente buoni amici e negavano ogni voce che diceva il contrario.
    Jack era veramente un bel ragazzo: aveva capelli neri e lisci di media lunghezza, occhi dello stesso colore e un fisico perfetto; caratterialmente era attivo e intelligente, sapeva usare molto abilmente il computer ed era molto(ripetizione) romantico. Frequentava la Knowfly, la più prestigiosa scuola nel raggio di 300 miglia; tutte le mattine partiva di buonora dalla sua cittadina, Chentre(virgola) in Inghilterra, per andare in città. Egli(togliere il soggetto) aveva fatto molti sacrifici per entrare in quell’istituto, ma alla fine ci era riuscito; otteneva inoltre ottimi risultati.
    Anche Marta era una bellissima(togliere ragazza) ragazza: aveva lunghi capelli biondi e dei grandi occhi castani(approfondire la descrizione del viso); il suo carattere era vivace ma contenuto; gli piaceva proprio tutto della vita e spesso faceva apprezzamenti su stagioni, cibi e su tutto quello a cui poteva riconoscere dei lati positivi. Anche lei frequentava la Knowfly e seppur non ottenesse i risultati di Jack, era molto brava, soprattutto nei temi, dove con la sua gioia di vivere, riusiva sempre a infondere nel lettore una certa serenità.
    Comunque, ritorniamo alla nostra giornata estiva.Come già citato(detto), i due giovani, stavano rincorrendosi allegramente(usare dei sinonimi), nel giardino posteriore della(villetta?) unifamiliare di Jack. Fino a quel momento tutto era tranquillo e filava come al solito, almeno fino all’insolito arrivo (di pomeriggio)(pomeridiano) del postino. Per strano caso(o forse no), non era il solito postino che consegnava ogni mattino(metti giorno,altrimenti fa rima con postino) la corrispondenza, ma una persona dal macabro aspetto e strano modo di fare: era molto agitato, spaventato, sembrava quasi pazzo. A questa insolita visita,(togliere le due virgole) i ragazzi, reagirono in maniera spaventata e Marta per sentirsi forse più al sicuro, si nascose istintivamente(il comportamente stride col suocarattere allegro), dietro Jack, che sembrava più sicuro di sé. Il postino, sempre con sospetta frenesia, gli consegnò una busta sgualcita, giallastra, che dava l’impressione di essere molto vecchia; dopodiché sparì senza lasciare traccia, come dileguatosi nel nulla(meglio:dileguandosi nel nulla).
    Jack l’aprì: al suo interno c’era un bianco foglio(bianco mettilo qui) abbondantemente decorato, che sembrava provenisse da un lussuoso albergo. Jack passò la lettera a Marta, che dopo averla osservata per qualche secondo, cominciò a leggere.La lettera recitava così(quest’ultima frase nn e’ necessaria):
    “Gentili Signori Jack Callaw e Marta Fancy, siete stati sorteggiati per passare una settimana a Madtown, in Scozia.
    Sarà tutto compreso, vitto, alloggio, e qualche servizio veramente Particolare.
    Per la risposta aspettate il nostro postino speciale, che verrà(meglio:che tornera’ tra…), tra non più di tre giorni, nei quali potrete prepararvi, se decidete di accettare.
    Distinti ossequ(forse e’ un po’ ridondante,gli ossequi sono gia’ di per se’ distinti)i.


    nn ti offendere,eh!
    |)
    Le tue osservazioni sono forse un po' meno approfondite di quelle di Respen, ma comunque da tenere in considerazione (anche se alcune cose non le toglierò perchè danno un po' della mia personalità al libro) aggiungerò sicuramente una descrizione più accurata della ragazza (brutto arrapato:9 ) ma specifico che se la ragazza si nasconde dietro Jack non stride con il suo comportamento perchè allegria non è uguale a sicurezza: una persona può essere felice e spensierata nei momenti belli, ma può anche essere spaventata da qualcosa di improvviso (non è mia intenzione fare di Marta una ragazza troppo decisa, la preferisco dolce ed emozionale (forse perchè mi piacerebbe avere una ragazza così?)). Ti ringrazio comunque molto di avere letto il testo e di avere mosso le tue critiche.
    Con "Diadora" non intendo la marca di scarpe.
    Ovunque tu vada ricorda che la Katana di Diadora sarà sempre al servizio della giustizia.

  15. #15
    Io SO! Tu impara, quindi L'avatar di iamalfaandomega
    Registrato il
    10-02
    Località
    Varese
    Messaggi
    14.008
    Mi associo alle critiche di Respen, chiedendo però una delucidazione: che vorresti fare con questo libro? Se la tua intenzione é vederlo pubblicato seriamente da qualche parte, penso sinceramente tu debba ricominciare daccapo, riscrivendo tutto in una forma decisamente più sciolta e soprattutto con una maggior profondità d'analisi; la descrizione dei personaggi, dei luoghi, la successione d'eventi, le azioni dei protagonisti sono appena accennate, demotivate ed assolutamente fuori luogo. Se invece vuoi metterlo da qualche parte sul web o farlo leggere a degli amici, dopo le correzioni suggeriteti dovrebbe essere a posto.
    I am Alpha and Omega, the Beginning and the End, the First and the Last

    Né dei, né giganti

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •