• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 14 123411 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 206

Discussione: Sala dei Sensates

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di Roy
    Registrato il
    10-02
    Località
    Limbo
    Messaggi
    5.225

    Sala dei Sensates

    Sala dei Sensates.

    Ovvero coloro che (Torment) raccolgono le loro esperienze in "pietre sensoriali", focalizzando la loro mente sui sentimenti, sugli odori, esperienze adulte, fatte di "sensazioni", emozioni, dove la vita é vista con la mente o con il cuore, non con gli occhi, ma con l'istinto.
    Vorrei che ognuno di voi proponesse una o più esperienze, dando un nome alla propria opera. Non devono essere troppo lunghe, ma si devono concetrare sul titolo dato.
    Provateci e date sfogo al vostro tocco sensoriale. Ho postato in Agorà, perché si tratterà di esperienze adulte.
    Comincio io.


    "Cruda sincerità".

    Il tuo cuore batte all'impazzata. Senti brulicare qualcosa sotto la tua pelle. Sarai chiamato, questo é certo. Sai di non saper rispondere, eppure ti fai sotto, sfidi la sorte.
    Il tuo nome é sulle sue labbra, ma senti una crudele perfidia velare il tuo cuore, ti ottenebra la mente, ti stuzzica l'istinto animale. Chiamato. Ti alzi, muovi passi lenti verso di lei, che ti sembra gongolare dall'averti chiamata. Rispondi discretamente alle sue domande, ma lei non é soddisfatta di te. Vuole qualcosa che tu non puoi darle, vuole qualcosa che nessuno può darle, vuole qualcosa che solo lei può darsi, ma che non vuole darsi.
    Prendi la parola interrompendola. Spregevole donna, i tuoi figli non saranno mai estrosi uomini, valorosi intellettuali, giovani di talento, saranno solo gusci vuoti, la cui normalità imperverserà nei loro intelletti. Rassegnati, sei segnata, un giorno il tuo giudizio non varrà più, bensì sarai giudicata. Muovi passi lenti verso il tuo posto, e ti risiedi con gli occhi stralunati e un sorriso innaturale sul tuo volto. I tuoi occhi sono come ghiaccio nel deserto, brillano eppure non vogliono altro che colpire, non di bellezza, ma di cattiveria. L'ultima cosa che senti sono le sue lacrime e i suoi lamenti. E nel tuo cuore striscia un sentimento che sa di rimpianto.


    Ti riscuoti dall'esperienza.



    E ora, dateci dentro...

  2. #2
    Vecchio utente L'avatar di Rei
    Registrato il
    10-02
    Località
    inferi
    Messaggi
    8.045
    "Spirito guida"

    Un bosco con alberi altissimi, ma non fitti, tutti verdi, di un verde intenso e rilassante, cespugli e muschio ovunque, una vegetazione piena di vita e di energia.Ti ci addentri nel silenzio e senti............senti l'aria che passa tra gli alberi,senti il sole che filtra tra le foglie, senti la calma e la tranquillità, senti l'energia della natura quasi incontaminata.Ti fermi, ti togli le scarpe e a piedi nudi senti la terra sotto di te,chiudi gli occhi e cerchi di usare i sensi ed aspetti che si risveglino x poi avvicinarti ad un albero.............sempre ad occhi chiusi lo abbracci e ti rendi conto della linfa che scorre e della vita che c'è dentro.................poi improvvisamente senti una presenza.Rimani stordito, meravigliato, annichilito.............un bambino............un bambino che t'invita a giocare a divertirti con lui nel bosco .............un bambino che risveglia in te un altro bambino sopito da troppo tempo,un bambino che è stato schiacciato dal tempo che è passato , un bambino che non è vissuto pienamente, un bambino che ha voglia di uscire e correre e divertirsi.Sempre ad occhi chiusi cerchi di capire che cosa cerca di dirti, che cosa vorrebbe tu facessi e pian piano capisci.....................quanta gioia, quanta serenità scoprire di avere accanto qualcuno e sapere che è contento xchè finalmente ti sei accorto di lui!Improvvisamente ti spaventi della cosa, il cuore ti va a 100,la testa in tilt , apri gli occhi x distanziarti dalla scoperta................esci correndo dal bosco, ben sapendo che ci ritornerai.


    Non so se era ciò che intendevi Roy, ma ...................questo è il mio contributo al topic ed alla sala delle sensazioni.

  3. #3
    Utente L'avatar di Roy
    Registrato il
    10-02
    Località
    Limbo
    Messaggi
    5.225
    Inviato da Rei
    "Spirito guida"

    Un bosco con alberi altissimi, ma non fitti, tutti verdi, di un verde intenso e rilassante, cespugli e muschio ovunque, una vegetazione piena di vita e di energia.Ti ci addentri nel silenzio e senti............senti l'aria che passa tra gli alberi,senti il sole che filtra tra le foglie, senti la calma e la tranquillità, senti l'energia della natura quasi incontaminata.Ti fermi, ti togli le scarpe e a piedi nudi senti la terra sotto di te,chiudi gli occhi e cerchi di usare i sensi ed aspetti che si risveglino x poi avvicinarti ad un albero.............sempre ad occhi chiusi lo abbracci e ti rendi conto della linfa che scorre e della vita che c'è dentro.................poi improvvisamente senti una presenza.Rimani stordito, meravigliato, annichilito.............un bambino............un bambino che t'invita a giocare a divertirti con lui nel bosco .............un bambino che risveglia in te un altro bambino sopito da troppo tempo,un bambino che è stato schiacciato dal tempo che è passato , un bambino che non è vissuto pienamente, un bambino che ha voglia di uscire e correre e divertirsi.Sempre ad occhi chiusi cerchi di capire che cosa cerca di dirti, che cosa vorrebbe tu facessi e pian piano capisci.....................quanta gioia, quanta serenità scoprire di avere accanto qualcuno e sapere che è contento xchè finalmente ti sei accorto di lui!Improvvisamente ti spaventi della cosa, il cuore ti va a 100,la testa in tilt , apri gli occhi x distanziarti dalla scoperta................esci correndo dal bosco, ben sapendo che ci ritornerai.


    Non so se era ciò che intendevi Roy, ma ...................questo è il mio contributo al topic ed alla sala delle sensazioni.

    Rei, era proprio questo che intendevo, non avrei saputo "spiegarmi meglio". Ah, fantastica esperienza la tua. Tutti possiamo imparare qualcosa attraverso le emozioni di qualcun altro. Era proprio questo il messaggio.
    Dai, date libero sfogo ai vostri sensi.

  4. #4
    Old Member L'avatar di Nagdorf
    Registrato il
    10-02
    Località
    Padova
    Messaggi
    922
    sinceramente non ho capito...
    spiegate emglio per favore?

    Quit Msg: Sono fin troppo consapevole del fatto che si vive in un'epoca in cui solo gli ottusi sono presi sul serio, e io vivo nel terrore di non essere frainteso

  5. #5
    Pirla.Cinico e Pirla. L'avatar di Mulder
    Registrato il
    10-02
    Località
    Lunigiana
    Messaggi
    3.544
    wow...deve essere forte sto topic.....lasciatemi il tempo di pensare ad una particolare esperienza, perchè nn so se ho qualcosa da raccontare, e la scriverò! Cmq ho già una mezza idea....
    "Quando ti vien voglia di criticare qualcuno" mi disse "ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi che hai avuto tu." (Il Grande Gatsby)

  6. #6
    Pirla.Cinico e Pirla. L'avatar di Mulder
    Registrato il
    10-02
    Località
    Lunigiana
    Messaggi
    3.544
    Vabbeh ci provo ora, ma so che verrà fuori un pastrocchio.


    "Confuso"

    "la testa mi sta girando a mille, nn so più a cosa credere. Mi sento smarrito perduto, in cerca di una guida. Sono perso fra i labirintici meandri della mia schizzata personalità. ma cosa sono io? poso lo sguardo sui i miei compagni, e mi si scatenano vari reazioni emotive. A :sento lealtà, amicizia, senso di libertà, sfogo; di lui mi posso fidare. B: sento bugie, diffidenza, una doppia faccia, si comporta con me come se fosse un coglio*e. ma allora mi ritrovo nella sensazione di confusione, penso di nn essere completamente ok sul profilo psicologico.....Ma poi mi risveglio, torno in me e penso che nn me ne può fregare niente di come la pensa di me. Fiducia in se stesso. credo che faro sempre come la penso. Liberazione di complessi d'inferiorità.
    ma poiu mi risveglio, e + confuso di prima mi ritrovo nella situzione di prima....ma quanto mi libererò di questi complessi? Prigionia. "


    Ehi, preciso che normalmente penso che me ne sbatterò di come la pensano gli altri e agirò come credo. solo che ogni tanto ripenso se sto facendo la cosa giusta, se nn sono veramente un pirla.ma per foruna passa. Vorei solo che la smettesse. Voglio essere libero.
    "Quando ti vien voglia di criticare qualcuno" mi disse "ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi che hai avuto tu." (Il Grande Gatsby)

  7. #7
    Pirla.Cinico e Pirla. L'avatar di Mulder
    Registrato il
    10-02
    Località
    Lunigiana
    Messaggi
    3.544
    cmq, aldilà della skifezza del contenuto del mio racconto, va bene la tecnica?
    "Quando ti vien voglia di criticare qualcuno" mi disse "ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi che hai avuto tu." (Il Grande Gatsby)

  8. #8
    Utente L'avatar di Roy
    Registrato il
    10-02
    Località
    Limbo
    Messaggi
    5.225
    No, no, Mulder, non é una schifezza, é tua. Capisci? Hai appena dato forma ad una tua esperienza e ora la puoi analizzare, la puoi capire e se vuoi la puoi correggere e intanto avrai imparato qualcosa. Domani la mia prossima esperienza.

  9. #9
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    1.634
    "Indipendenza"

    Ti siedi... un tonfo alla tua sinistra ti scaraventa in quel limbo di inconsapevole lucidità in cui brancolerai per i prossimi trenta minuti. Allo stasso tempo sai che quel tonfo segna il passaggio di una parte della tua vita, chiude alla tua sinistra la tua infanzia.
    Il seggio che avevi trovato comodo e morbido quasi non lo senti più, perché i tuoi sensi ti sembrano gia annebbiati. Eppure senti di non riuscire a trovare una posizione comoda, lo temi, perché in cuor tuo credi di sapere che tutto dipenda da questo.
    Atti meccanici che non riuscivi a memorizzare, abbassi un braccio a sinistra, uno a desrta, poi alzi le braccia, sempre a sinistra poi a destra, non te ne accorgi.
    Giri la chiave, quel rumore ti crea un nodo alla gola, tenti invano di scacciare l'unico pensiero che nel deserto della tua mente non appassisce: "E se non ce la faccio?".
    Una voce aliena da dietro, ti svegli di soprassalto, parti, "Ecco ho gia sbagliato".
    I tuoi occhi vedono ovunque, davanti, a destra, a sinistra, in basso a desrta si appellano disperatamente ad un aiuto che tarda ad arrivare. Quell'aiuto ancora non è necessario ma tu purtroppo non lo sai non lo sai.
    La tua mano si abbassa, altro gesto meccanico che fino a ieri non riuscivi a compiere, il contatto inaspettato, il polso gira, una dolce spinta.
    Tutto è Ok ma nella tua mente ancora quel pensiero.
    I tuoi occhi girano, le tue mani girano, la voce aliena dietro.
    "Gia finito???" "Lo sapevo, non ce lo fatta."
    Tra le tue mani il più bel pezzo di plastica che tu abbia mai visto.



    Ho scritto dell'esame della patente, primo grande esame che ti da l'indipendenza, ma macchina vista come indipendenza.
    Poi scriverò anche dell'orale all'esame di stato, seconda soglia dell'indipendenza, e termine effettivo dell'infanzia.
    La terza tapa per l'indipendenza, primo giorno di lavoro, non l'ho ancora provato, se qualcun altro vuole cimentarsi?

  10. #10
    Utente L'avatar di eliminato
    Registrato il
    10-02
    Località
    Napoli
    Messaggi
    8.264

    Re: Sala dei Sensates

    Inviato da Roy
    Sala dei Sensates.

    Ovvero coloro che (Torment) raccolgono le loro esperienze in "pietre sensoriali", focalizzando la loro mente sui sentimenti, sugli odori, esperienze adulte, fatte di "sensazioni", emozioni, dove la vita é vista con la mente o con il cuore, non con gli occhi, ma con l'istinto.
    Vorrei che ognuno di voi proponesse una o più esperienze, dando un nome alla propria opera. Non devono essere troppo lunghe, ma si devono concetrare sul titolo dato.
    Provateci e date sfogo al vostro tocco sensoriale. Ho postato in Agorà, perché si tratterà di esperienze adulte.
    Comincio io.


    "Cruda sincerità".

    Il tuo cuore batte all'impazzata. Senti brulicare qualcosa sotto la tua pelle. Sarai chiamato, questo é certo. Sai di non saper rispondere, eppure ti fai sotto, sfidi la sorte.
    Il tuo nome é sulle sue labbra, ma senti una crudele perfidia velare il tuo cuore, ti ottenebra la mente, ti stuzzica l'istinto animale. Chiamato. Ti alzi, muovi passi lenti verso di lei, che ti sembra gongolare dall'averti chiamata. Rispondi discretamente alle sue domande, ma lei non é soddisfatta di te. Vuole qualcosa che tu non puoi darle, vuole qualcosa che nessuno può darle, vuole qualcosa che solo lei può darsi, ma che non vuole darsi.
    Prendi la parola interrompendola. Spregevole donna, i tuoi figli non saranno mai estrosi uomini, valorosi intellettuali, giovani di talento, saranno solo gusci vuoti, la cui normalità imperverserà nei loro intelletti. Rassegnati, sei segnata, un giorno il tuo giudizio non varrà più, bensì sarai giudicata. Muovi passi lenti verso il tuo posto, e ti risiedi con gli occhi stralunati e un sorriso innaturale sul tuo volto. I tuoi occhi sono come ghiaccio nel deserto, brillano eppure non vogliono altro che colpire, non di bellezza, ma di cattiveria. L'ultima cosa che senti sono le sue lacrime e i suoi lamenti. E nel tuo cuore striscia un sentimento che sa di rimpianto.


    Ti riscuoti dall'esperienza.



    E ora, dateci dentro...
    Vuole qualcosa che tu non puoi darle, vuole qualcosa che nessuno può darle, vuole qualcosa che solo lei può darsi

    E'un transessuale????

  11. #11
    Utente L'avatar di Roy
    Registrato il
    10-02
    Località
    Limbo
    Messaggi
    5.225

    Re: Re: Sala dei Sensates

    Inviato da eliminato
    Vuole qualcosa che tu non puoi darle, vuole qualcosa che nessuno può darle, vuole qualcosa che solo lei può darsi

    E'un transessuale????

    Spiritoso, molto spiritoso

  12. #12
    Utente L'avatar di eliminato
    Registrato il
    10-02
    Località
    Napoli
    Messaggi
    8.264
    Anke nei topic seri bisogna scherzare!!

  13. #13
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Località
    Lodi
    Messaggi
    1.171

    "Quiete"

    Hai fatto molta strada, da quando hai mosso il primo passo...
    Ed è passato molto tempo da quando hai iniziato a farne da solo.
    Ma di strada, da quel momento, ne hai fatta poca.
    Eppure è tutto lì, tutto ad un passo da te, decine di porte spalancate, luminose: muovi un passo verso una di esse, e questa si chiude schiantandosi con un boato. Guardandoti attorno, decine di nuove porte sembrano convergere verso di te.
    Ogni passo mosso verso una di queste, riecheggia come se ci fosse solo il vuoto attorno. Eppure sai che, oltre quelle porte, si trovano realtà che ti appartengono. Ti appartengono, anche se non le conoscerai tutte.
    Vuoi conoscerle, vuoi viverle. Vuoi vivere.
    Un altro passo... Un'altro schianto. Tutto inizia a sembrare uno specchietto per le allodole... Una carota che ondeggia davanti al muso di un mulo. C'è uno specchio, un grande specchio tra tutte quelle porte senza pareti. Ti avvicini allo specchio... E scopri di avere le orecchie lunghe, ed un oggetto lungo e arancione che ondeggia davanti al tuo volto. Rideresti, se non fosse che di divertente non ci fosse nemmeno la tua faccia da beota davani a quello specchio, con una carota ondeggiante sopra la tua testa.
    Ti siedi, spalle allo specchio, e osservi in silenzio le porte che sembrano chiamarti. Ammiccano, si piegano leggermente dando l'impressione di avvolgerti.
    Si offrono a te, ti sorridono.
    Ma tu non sorridi più. Non sei più felice di tutte quelle porte.
    Non c'è la realtà in cui speri, dietro quelle porte. Ma solo la realtà di qualcun'altro, che ti apre la porta, solo perchè così facendo, lui avrà la chiave per la sua porta successiva. E sai che ti ritroveresti in una realtà non differente alla precedente. Forse è una fortuna che si siano chiuse tutte, fin'ora.
    Le porte si avvicinano, ti invitano nuovamente ad entrare.
    Ti alzi.
    Lo fai con rabbia, con rassegnazione, con tristezza...
    Ora le porte sono così vicine che potresti toccarle tutte semplicemente allungando il braccio. Ma tu ora riesci a sentire il Gatto e la Volpe sghignazzare dall'altra parte.
    Allunghi una mano verso una delle porte... E la chiudi violentemente, con tutta la forza che hai.
    E così fai con quella dopo, e quella dopo ancora...
    Una ragazza compare davanti a te, sorride. Lei è arrivata in quella stanza passando da una sua porta, che non tu non vedi. Però te ne parla molto. E scopri che lei è già passata qui, lei sa cosa stai provando. Ti racconta delle sue stanze passate, ti racconta della sua vita.
    Ti mostra una porta.
    Una porta che non si offriva a te, una porta dalla quale non esce luce, ne rumore alcuno.
    E' chiusa, non inviterebbe nessuno ad entrarci.
    Eppure, quella porta che non si offre a te, ha un qualcosa di "vero". La tua mano ora sfiora la maniglia. E' fredda. Freddo metallo.
    Sorridi. Capisci che è fredda perchè nessun altro l'ha mai aperta. Quella maniglia non ha mai sentito il calore di una mano.
    E capisci che quella è la porta che ti appartiene. Nessuno ti invita, entri senza bussare, come fosse casa tua.
    Ti chiudi dolcemente la porta alle spalle...
    *Clack*
    Lei è ancora con te, sorride. Ha sofferto molto, ma ora sorride per te.
    La guardi. Le parli di te, ma quasi non ascolti le tue stesse parole. Non hanno importanza per te.
    Dentro di te governa il silenzio. La quiete.
    Ti accorgi che solo ora hai un respiro regolare.
    E pensi, sorridendo, che la prossima porta la aprirai con lei. Ora hai la chiave per tutte le tue porte, ora hai ritrovato le motivazioni perdute.

    Non vuoi uscire da questa esperienza... La prossima porta già vi attende...



    Questo vuole essere uno specchio di questi ultimi mesi, un pensiero dedicato alla cosa più bella e concreta che abbia mai attraversato la mia vita.


    p.s.: Roy, ti rinnovo i miei complimenti (hai un MP)
    Ultima modifica di Acoustique; 6-11-2002 alle 05:00:49
    "Lo stile è l'abito dei pensieri, e un pensiero ben vestito è come un uomo ben vestito, si presenta molto meglio."
    Impiccheranno Gabry Ponte che nel cervello ha un foro, è un godimento raro, rubò una canzone del grande De Andrè, storpiandola per denaro© 2002, Evil Theater 27"de andre' e' un morto di fame e se non fosse stato per PONTE Geordie sarebbe rimasta a marcire nei magazzini di industrie musicali di 3^ classe."© 2002, DJF MCCARTER(vincitore dell'oscar intergalattico delle kazzate supreme -© 2002, M.Uollas)"ho solleticato i piedi di Tiziano Ferro"© 2002, solletikinaPlatone non merita lo sforzo necessario per essere compreso, il peggior filosofo di sempre© 2005, Devil 87

  14. #14
    None so vile L'avatar di Ghiwo
    Registrato il
    10-02
    Località
    Milano provincia
    Messaggi
    13.565
    Io forse ho capito il senso di questo topic, ma non mi voglio addentrare...

  15. #15
    Pirla.Cinico e Pirla. L'avatar di Mulder
    Registrato il
    10-02
    Località
    Lunigiana
    Messaggi
    3.544
    "Sollievo"


    Tu tu....tu tu....tu tu.....inizia una nuova connessione. Inizia un nuovo viaggio via di qua, via da questo posto, verso un posto enorme. Internet. mi lascio alle spalle la fatica della giornata passata, mi lascio alle spalle le umiliazioni, soddisfazioni, problemi. Per un ora al giorno sono libero. senza le catene di questo mondo.

    Nel mondo di Internet sono veramente libero; posso fare quello ke voglio, nessuno mi conosce, nessuno mi può schernire, nessuno può pensare niente di me. vado spesso su un forum di un sito kiamato gamesradar. Libertà, sicurezza. sono libero di dire quello ke voglio, di dire quello che penso, visto ke nn conosco i pregiudizi dela persona ke ho davanti. Sollievo. La gente è amichevole, mi rispetta. Dubbio. ma se mi conoscesse di persona, sarebbe la stessa cosa? Timore. e se cominciasse a trattarmi in modo diverso? A sapere come sono fatto veramente io? paura. e questo giudizio come sarebbe? Negativo?Positivo? dubbio atroce. Comincerebbe a trattarmi come un cretino, pur sapendo che c'è qualcosa di buono dentro me? Incertezza.

    ma per fortuna sono libero di non pensarci. sollievo. sono libero di fare quello ke voglio. sollievo.


    P.s: con questo nn voglio che si pensi che sono un tipo solo e cerca rifugio nel computer, io ho buoni rapporti con molte persone, ma cmq volevo valorizzare il piacere che mi da questo forum, grazie di esserci
    Ultima modifica di Mulder; 6-11-2002 alle 16:03:00
    "Quando ti vien voglia di criticare qualcuno" mi disse "ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi che hai avuto tu." (Il Grande Gatsby)

Pag 1 di 14 123411 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •