• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 76

Discussione: La via Positiva

Cambio titolo
  1. #1
    Vecchio utente L'avatar di Rei
    Registrato il
    10-02
    Località
    inferi
    Messaggi
    8.045

    La via Positiva

    Ultimamente sto leggendo una serie di libri da cui ho pensato di predere vari spunti per discutere in questo topic. Giorno per giorno aggiungerò dei pensieri e delle riflessioni.



    L'uomo malato nel corpo o nell'anima, insoddisfatto di se, dei traguardi che ha raggiunto, dei rapporti con gli altri, da sempre s'interroga sulle ragioni della propria infelicità.
    Lo studio di facoltà inesplorate della mente, l'analisi delle paure e delle tensioni che compromettono la nostra serenità spiegano come una migliore conoscenza di noi stessi e delle nostre risorse mentali e un più armonioso equilibrio interiore possono liberarci dagli stress emotivi che ci rendono vulnerabili alle malattie, dai condizionamenti negativi che ci ostacolano nel perseguimento dei nostri obiettivi, dall'egoismo che ci isola e ci corrode.




    Rsponsabilità e colpa

    Con i pensieri e i sentimenti contribuiamo a determinare tutte le situazioni , buone o cattive, che caratterizzano la nostra esistenza; i pensieri generano le sensazioni in base a cui impostiamo la vita. Ciò non significa darci la colpa per gli sbagli compiuti: vi è infatti una differenza notevole fra essere responsabili e incolpare se stessi o altri.
    Essere responsabili significa possedere l'energia , incolpare implica gettarla.
    La responsabilità ci consente di operare dei cambiamenti nella vita; se , viceversa, ci assumiamo il ruolo di vittime, sprechiamo l'energia.

    Louse L.Hay IL potere è in te

  2. #2
    io
    Registrato il
    04-03
    Messaggi
    4.097

    Re: La via Positiva

    Inviato da Rei
    Ultimamente sto leggendo una serie di libri da cui ho pensato di predere vari spunti per discutere in questo topic. Giorno per giorno aggiungerò dei pensieri e delle riflessioni.



    L'uomo malato nel corpo o nell'anima, insoddisfatto di se, dei traguardi che ha raggiunto, dei rapporti con gli altri, da sempre s'interroga sulle ragioni della propria infelicità.
    Lo studio di facoltà inesplorate della mente, l'analisi delle paure e delle tensioni che compromettono la nostra serenità spiegano come una migliore conoscenza di noi stessi e delle nostre risorse mentali e un più armonioso equilibrio interiore possono liberarci dagli stress emotivi che ci rendono vulnerabili alle malattie, dai condizionamenti negativi che ci ostacolano nel perseguimento dei nostri obiettivi, dall'egoismo che ci isola e ci corrode.


    Rsponsabilità e colpa

    Con i pensieri e i sentimenti contribuiamo a determinare tutte le situazioni , buone o cattive, che caratterizzano la nostra esistenza; i pensieri generano le sensazioni in base a cui impostiamo la vita. Ciò non significa darci la colpa per gli sbagli compiuti: vi è infatti una differenza notevole fra essere responsabili e incolpare se stessi o altri.
    Essere responsabili significa possedere l'energia , incolpare implica gettarla.
    La responsabilità ci consente di operare dei cambiamenti nella vita; se , viceversa, ci assumiamo il ruolo di vittime, sprechiamo l'energia.

    Louse L.Hay IL potere è in te
    bella idea...ora leggo
    Se io potessi vivere nuovamente la mia vita, nella prossima cercherei di commettere più errori.
    Non tenterei di essere tanto perfetto, mi rilasserei di più, sarei più stolto di quello che sono stato, in verità prenderei poche cose sul serio.
    Correrei più rischi, viaggerei di più, scalerei più montagne, contemplerei più tramonti e attraverserei più fiumi, andrei in posti dove mai sono stato, avrei più problemi reali e meno problemi immaginari.
    Io sono stato una di quelle persone che vivono sensatamente, producendo ogni minuto della vita.
    E' chiaro che ho avuto momenti di allegria.
    Ma, se potessi tornare a vivere, cercherei di avere solamente dei momenti buoni.
    Perché di questo è fatta la vita, solo da momenti da non perdere.
    Io ero una di quelle persone che mai andava da qualche parte senza un termometro, una borsa d'acqua calda, un ombrello e un paracadute: se tornassi a vivere, viaggerei più leggero.
    Se io potessi tornare a vivere, comincerei ad andare scalzo all'inizio della primavera e continuerei così fino alla fine dell'autunno.
    Girerei più volte nella mia strada, contemplerei più aurore e giocherei di più con i bambini.
    Se avessi un'altra volta la vita davanti ......... ma, vedete, ho ottantacinque anni e non ho un'altra possibilità.
    (Jorge Luis Borges)

  3. #3
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    Località
    New York
    Messaggi
    7.890
    Leggo abbastanza durante l'anno scolastico e devo leggere durante le vacanze dei libri di scuola. Libri e sempre libri, penso che non li leggerò, però forse per curiosità più avanti
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

  4. #4
    Vecchio utente L'avatar di Rei
    Registrato il
    10-02
    Località
    inferi
    Messaggi
    8.045
    Il mio non è un suggerimento a leggere quel libro ma a discutere delle frasi che posterò

  5. #5
    j-addicted guardian L'avatar di flepa
    Registrato il
    10-02
    Località
    Carpi
    Messaggi
    23.888

    Re: La via Positiva

    Inviato da Rei
    Responsabilità e colpa

    Con i pensieri e i sentimenti contribuiamo a determinare tutte le situazioni , buone o cattive, che caratterizzano la nostra esistenza; i pensieri generano le sensazioni in base a cui impostiamo la vita. Ciò non significa darci la colpa per gli sbagli compiuti: vi è infatti una differenza notevole fra essere responsabili e incolpare se stessi o altri.
    Essere responsabili significa possedere l'energia , incolpare implica gettarla.
    La responsabilità ci consente di operare dei cambiamenti nella vita; se , viceversa, ci assumiamo il ruolo di vittime, sprechiamo l'energia.
    Sono d'accordo in parte, dopo tutto posso incolpare me stesso (o gli altri) per le mie sofferenze, ma nonostante tutto posso non fermarmi lì a piangere e cercare di imparare dalle mie colpe per il futuro (e in effetti questo è essere responsabili, quindi la frase è abbastanza sensata...).
    Non so, l'orario di pranzo si avvicina troppo.

  6. #6
    Vecchio utente L'avatar di Rei
    Registrato il
    10-02
    Località
    inferi
    Messaggi
    8.045

    Re: Re: La via Positiva

    Inviato da flepa
    Non so, l'orario di pranzo si avvicina troppo.
    E ti crea scompensi mentali non di stomaco?

  7. #7
    Oggettivista L'avatar di space king
    Registrato il
    10-02
    Località
    Palermo
    Messaggi
    10.359

    Re: La via Positiva

    Inviato da Rei
    Lo studio di facoltà inesplorate della mente, l'analisi delle paure e delle tensioni che compromettono la nostra serenità spiegano come una migliore conoscenza di noi stessi e delle nostre risorse mentali e un più armonioso equilibrio interiore possono liberarci dagli stress emotivi che ci rendono vulnerabili alle malattie, dai condizionamenti negativi che ci ostacolano nel perseguimento dei nostri obiettivi, dall'egoismo che ci isola e ci corrode.
    Credo però che sia necessario trovare un equilibrio anche in questo. Da una parte quella forma d'egoismo che ci permette d'estraniarci in qualche modo da molte sofferenze (a volte fregarsene di una determinata situazione, ovviamente entro i limiti del buon senso, ci risparmia molto dolore); dall'altra la forma d'egoismo portata all'eccesso, "che ci isola e ci corrode", e che sicuramente fa del male a noi stessi e agli altri. Per ogni cosa 'in medio stat virtus'.
    Ahi serva Italia di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta,
    non donna di provincie ma bordello! (VI Purgatorio)

    Di rider finirai pria dell'aurora!


  8. #8
    Vecchio utente L'avatar di Rei
    Registrato il
    10-02
    Località
    inferi
    Messaggi
    8.045
    L'energia della parola


    Ogni giorno dichiara a te stesso che cosa vuoi nella vita. Dichiaralo come se già lo avessi.


    Secondo me il pensiero positivo e la convinzione di poter e voler raggiungere qualcosa sono essenziali nella nostra vita.

  9. #9
    TheCalsipher L'avatar di Kalozzo
    Registrato il
    10-02
    Località
    Su e giù
    Messaggi
    4.601
    Inviato da Rei
    L'energia della parola


    Ogni giorno dichiara a te stesso che cosa vuoi nella vita. Dichiaralo come se già lo avessi.


    Secondo me il pensiero positivo e la convinzione di poter e voler raggiungere qualcosa sono essenziali nella nostra vita.
    Devo impegnarmi a fondo per riavere indietro la libertà che mi è stata portata via un anno fa.
    Ancora un mese, la otterrò, ...la sto già ottenendo!

  10. #10
    Utente L'avatar di Vash
    Registrato il
    10-02
    Località
    Milano
    Messaggi
    84
    Incolpare se stessi e la via migliore per reagire; se non ci si da delle colpe nn si possono prendere responsabilità, ma cio nn vuol dire darsele sempre.

    L'isolamento è la soluzione degli eccentrici. Quale sono io stesso.

  11. #11
    Vecchio utente L'avatar di Rei
    Registrato il
    10-02
    Località
    inferi
    Messaggi
    8.045
    Inviato da Kalozzo
    Devo impegnarmi a fondo per riavere indietro la libertà che mi è stata portata via un anno fa.
    Ancora un mese, la otterrò, ...la sto già ottenendo!
    Pensaci...................ce l'hai già la libertà.

  12. #12
    Vecchio utente L'avatar di Rei
    Registrato il
    10-02
    Località
    inferi
    Messaggi
    8.045
    Inviato da Vash
    Incolpare se stessi e la via migliore per reagire; se non ci si da delle colpe nn si possono prendere responsabilità, ma cio nn vuol dire darsele sempre.

    L'isolamento è la soluzione degli eccentrici. Quale sono io stesso.
    Incolparsi è un autopunizione che può portare all'utocommiserazione.
    Ultima modifica di Rei; 5-06-2003 alle 19:18:37

  13. #13
    (un po' meno) cattivo L'avatar di L33T
    Registrato il
    10-02
    Località
    Ovunque e in nessun luogo
    Messaggi
    3.908
    Inviato da Rei
    L'energia della parola


    Ogni giorno dichiara a te stesso che cosa vuoi nella vita. Dichiaralo come se già lo avessi.


    Secondo me il pensiero positivo e la convinzione di poter e voler raggiungere qualcosa sono essenziali nella nostra vita.
    Perchè dichiarare ciò che non si conosce a fondo?
    Gli obiettivi sono spesso solo tendenze del nostro animo, e perciò fluidi, mutevoli, sfumati.
    Tradurli nel linguaggio li banalizza, riduce ad una parte infinitesima la loro ricchezza di significato.

    A volte è necessario fare questa "traduzione", e fino a che rimane un caso isolato è mal di poco; se però diventa un'abitudine, e si configura come un condizionamento continuo, la "traduzione" si rivela per quel che è davvero: una prigione per il nostro io.
    Ultima modifica di L33T; 5-06-2003 alle 18:52:15
    Es ist nichts schrecklicher als eine tätige Unwissenheit.

  14. #14
    Vecchio utente L'avatar di Rei
    Registrato il
    10-02
    Località
    inferi
    Messaggi
    8.045
    Se nella vita non ti prefiggi qualcosa secondo me ti limiti ad esistere e non vivi. Certo se gli obiettivi sono troppo vincolanti e se non sono un vero desiderio diventano una gabbia , ma sta a noi dimensionarli e non farne questione di vita o di morte.

  15. #15
    Ballerino latino L'avatar di Nio
    Registrato il
    10-02
    Località
    paesino di campagna
    Messaggi
    2.435
    Essere responsabili significa avere l'energia, incolpare implica gettarla....si è vero, incolpare la prendo anche come una forma di scansare il problema, dandolo ad altri; nel caso dell'incolpare sè stessi, lo vedo coem non prendere neanche in cosndierazione il problema, e quindi a volte non capire.
    La convicnzione del voler qualcosa si è essenziale....essere convinti è uan cosa base per riuscire ad ottenere le cose.
    Però non sono d'accordo sul fatto che nella vita devi avere degli obbiettivi....prima lo pensavo anche io, però credo che la nostra vita sia fatta di tante piccole cose che si uniscono insieme, una catena di piccole cose, tipo un puzzle...sta a noi decidere come metterle insieme.....l'unico obbiettivo che abbiamo è quello di vivere, e non PER qualcosa(come il denaro, il voler a tutti i costi essere superiori, l'uccidere)ma PER sè stessi.
    -Nio,portatore dell'iNioranza.
    -Quello che è giusto è sbagliato, quello che è arrivato se nè andato, quello che è chiaro e luminoso non è così sicuro. Tutte le promesse diventano menzogna. Tutto ciò che è benevolo si corrompe nel tempo(Graffin, Bad Religion)
    -Gli uomini non impareranno mai dai loro sbagli, finchè non si faranno del male da soli.
    - "L'uomo non crede più in Dio. Perchè l'uomo si sente sicuro, nel suo cuore ci sono altri valori che non sono quelli dell'amore, della giustizia e della fraternità. L'uomo pensa di essere Dio stesso".
    avrai un mondo bellissimo, in cui potrai fare tutto ciò che vuoi, perchè tu sei libero, come un passerrotto. ma quando ti sveglierai dal sonno, vedrai un contorno atroce e violento in quella cornice che sembrava tanto bella e perfetta.
    "Dio offre il destino, ma è l'Uomo a sceglierlo"(Miura, Berserk)
    Punk nella TESTA, non nella CRESTA

Pag 1 di 6 1234 ... UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •