• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 16

Discussione: Il problema della fantasy

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di Ziguli'
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    109

    Il problema della fantasy

    Dunque, io sono un appassionato di letteratura fantastica(fantascienza, fantasy e soprattutto horror), ma il mio primo amore, cioè la fantasy in questo momento mi da ben poche soddisfazioni, nel senso che secondo me manca completamente l'originalità, insomma i romanzi fantasy sono quasi tutti una copia del signore degli anelli... un gruppetto di poveracci parte per una missione disperata, contro un nemico potentissimo e poi si parte con le loro peripezie in giro per il mondo immaginario di turno.
    La trilogia sella spada nera è uno dei pochi esempi di originalità nel mondo fantasy che mi ricordi.
    Se volete dire la vostra a riguardo e soprattutto se conoscete autori e romanzi fantasy ke considerate belli ed originali fatemi sapere!
    Ciao ciao...
    ----------------------------------------
    Avrò La Mia Vendetta In Questa Vita o Nell' Altra

  2. #2
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    226

    Hem hem

    Ok, dimostrerò tutta la mia ignoranza. Tu che te ne intendi, mi saprest spiegare che differenza c'è tra genere fantasy e fantascienza?

  3. #3
    Utente L'avatar di Toshiro
    Registrato il
    11-02
    Messaggi
    2

    Sorrisone

    te la posso spiegare io la differenza:

    La Fantascienza riguarda tutto ciò ke è il futuro:le astronavi, gli alieni, i mondi skonosciuti, la Marini ke fà 1 diskorso inteligente ...........

    mentre nel Fantasy rientrano tutte quelle kose tipo draghi, elfi, Hobbit, Troll, Orchi, ecc. ecc.

    Spero di essermi spiegato bene




  4. #4
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    226
    Quindi è normale che il genere fantascentifico sia più prolifico, dato che di cose ipotizzabili sul futuro ce ne sono tante, mentre se ci pensi, alla fine, gira e rigira, con elfi, maghi e troll nen puoi avere una produzione infinita. Questo per dire la mia opinione sul dibattito "il fantasy non è originale". Pur non essendo io un'amante di questo genere, sul piano sia letterario che videoludico, mi pare che questa sia la risposta più adeguata al problema: se in un genere che non può offrire milioni di differenti trame, emerge una storia che tutti conoscono ("signore degli anelli" docet), per forza tutte le altre ci parranno rimescolature di un capolavoro. Senza togliere nulla a Tolkien, che non conosco particolarmente bene.
    Questa è almeno la mia opinione...

  5. #5
    Utente L'avatar di Toshiro
    Registrato il
    11-02
    Messaggi
    2

    Infelice

    in effetti nel Fantasy, di veramente interessante, ci sono Tolklien e poki altri ke skrivono libri stupendi mentre il resto nn sono altro ke "kopiature o rimeskolature" di kose già viste.Cmq anke la fantascienza kredo nn abbia + molto da mostrare visto ke ormai, grazie alla tecnologia, ci si rimasto ben poko da immaginare sul futuro eccezion fatta x qualke saga sui soliti Alieni invasori

    Io vago per i confini dello spazio....la gente mi chiama Capitan Harlok......il BlackJak è issato sulla mia nave, e con questa bandiera che sventola tra le stelle io vivo in libertà.

  6. #6
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    1.634
    Solo per portare avanti la mia crociata volta a spiegare al mondo che Tolkien non scrive fantasy ma bensi mitologia bretone.

  7. #7
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    226
    Chiedo scusa. Capisco che può essere irritante, per uno che lo conosce bene, sentire idiozie sul proprio scrittore preferito. Ma abbi pazienza, spiegami che differenza c'è!

  8. #8
    LiMiT bReAk L'avatar di Luke Skywalker
    Registrato il
    10-02
    Località
    Como
    Messaggi
    6.492
    Inviato da Belzebu
    Solo per portare avanti la mia crociata volta a spiegare al mondo che Tolkien non scrive fantasy ma bensi mitologia bretone.
    No, calmi:
    Tolkien SI RIFA' alla mitologia Bretone, non la scrive.
    La mitologia bretone parla di re Artù, Lancillotto, Ginevra e così via, e aggiunge all'epopea cavalleresca l'elemento FANTASTICO come i maghi ( Merlino, a cui Tolkien SI RIFA' per la figura di Gandalf), i draghi e così via...
    Di fatto il fantasy come lo intendiamo è cominciato con il ciclo bretone.
    Perciò sono d'accordo con te nel dire che le opere di Tolkien possono essere paragonate alla mitologia bretone per certi elementi che contengono, ma non lo è, perchè comunque il Signore degli Anelli è un romanzo fantasy moderno.
    Ultima modifica di Luke Skywalker; 9-11-2002 alle 20:31:31

  9. #9
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    226
    Guardate, non ne ho idea. Però è da notare che tutti i pù grandi capolavori dell'uomo non sono mai qualcosa di puro ma spesso sono la combinazione di diversi generi...

  10. #10
    Old Member L'avatar di Nagdorf
    Registrato il
    10-02
    Località
    Padova
    Messaggi
    922
    terry brooks sembra copiatura ma non è, è tutt'altra cosa...

    Quit Msg: Sono fin troppo consapevole del fatto che si vive in un'epoca in cui solo gli ottusi sono presi sul serio, e io vivo nel terrore di non essere frainteso

  11. #11
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    1.634
    Inviato da Luke Skywalker
    No, calmi:
    Tolkien SI RIFA' alla mitologia Bretone, non la scrive.
    La mitologia bretone parla di re Artù, Lancillotto, Ginevra e così via, e aggiunge all'epopea cavalleresca l'elemento FANTASTICO come i maghi ( Merlino, a cui Tolkien SI RIFA' per la figura di Gandalf), i draghi e così via...
    Di fatto il fantasy come lo intendiamo è cominciato con il ciclo bretone.
    Perciò sono d'accordo con te nel dire che le opere di Tolkien possono essere paragonate alla mitologia bretone per certi elementi che contengono, ma non lo è, perchè comunque il Signore degli Anelli è un romanzo fantasy moderno.
    Tolkien non rifa proprio a un bel nulla, si prende in prestito figure gia esistenti, come elfi o nani ma non si rifa a un tubero.
    Gandalf non è isipirato a Merlino ma ad un'altro mago che ora non ricordo con precisione.
    L'opera di Tolkien nasce prima di tutto dalla sua ricerca e invenzione letteraria.
    Tolkien prima che essere romanziere infatti è un linguista. Studia le antiche lingue anglosassoni, e comincia ad inventare il Quenya, la lingua degli elfi.
    Il Quenya si differenzia poi in varie lingue e genera vari alfabeti.
    Ad un certo punto della sua invenzione linguistica Tolkien sente il bisogno di mettere in bocca a qualche personaggio le sue lingue.
    Inoltre lui avaeva una seconda esigenza. Tolkien si rammaricava che la mitologia propria della Gran Bretagna fosse povera, al confronto dell'antica mitologia della Bretagna.
    L'obbiettivo di Tolkien quindi è scrivere mitologia propria della Gran Bretagna.
    E questo risulta evidente nei suoi scritti pubblicati postumi dal figlio Christopher.
    Il Signore Degli Anelli infatti è il romanzo conclusivo, scritto dopo una continua lavorazione di un intero mondo mitologico durata una vita intera. Nei scritti sopra citati si vede chiaramente che il lavoro di Tolkien sia il frutto di una continua riscrittura ed evoluzione di un intero mondo tramite canti leggendari.
    In questi scritti si vede come Tolkien volesse spiegare in modo leggendario le origini stesse della Gran Bretagna, e questa è mitologia non fantasy.
    Il Signore Degli Anelli può essere visto come un fantasy da chi vuole limitarsi a leggerlo come tale, ma non è un fantasy.

  12. #12
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    1.634
    Inviato da parole_alate
    Chiedo scusa. Capisco che può essere irritante, per uno che lo conosce bene, sentire idiozie sul proprio scrittore preferito. Ma abbi pazienza, spiegami che differenza c'è!
    Il fantasy è una genere che si rifà ai miti antichi, e ne ripropone i temi e gli schemi stilistici, raccontando storie di invenzione, lo scopo ultimo è la semplice stesura di un romanzo.

    La mitologia invece è una componente letteraria propira della stragrande maggioranza delle varie culture del mondo.
    I testi mitologici raccontano storie in cui sono condensati i valori e i principi della cultura stessa del paese a cui appartiene la mitologia.

    Nella mitologia greca ad esempio, Ulisse compie il suo lungo viaggio, i greci erano grandi navigatori; viene ospitato quando è ormai un derelitto naufrago nudo, la sacralità dell'ospitalità presso i greci; uccide i proci, il valore dell'onore;ecc...
    Nella laggenda di re Artù ci sono le lotte per il potere, età feudale; c'è il mago Merlino, casta dei druidi e diffusione della superstizione; la tavola rotonda, ancora l'onore.
    Insomma in un testo mitologico tutto prende una dimensione simbolica.

  13. #13
    LiMiT bReAk L'avatar di Luke Skywalker
    Registrato il
    10-02
    Località
    Como
    Messaggi
    6.492
    Inviato da Belzebu
    Tolkien non rifa proprio a un bel nulla, si prende in prestito figure gia esistenti, come elfi o nani ma non si rifa a un tubero.
    Gandalf non è isipirato a Merlino ma ad un'altro mago che ora non ricordo con precisione.
    L'opera di Tolkien nasce prima di tutto dalla sua ricerca e invenzione letteraria.
    Tolkien prima che essere romanziere infatti è un linguista. Studia le antiche lingue anglosassoni, e comincia ad inventare il Quenya, la lingua degli elfi.
    Il Quenya si differenzia poi in varie lingue e genera vari alfabeti.
    Ad un certo punto della sua invenzione linguistica Tolkien sente il bisogno di mettere in bocca a qualche personaggio le sue lingue.
    Inoltre lui avaeva una seconda esigenza. Tolkien si rammaricava che la mitologia propria della Gran Bretagna fosse povera, al confronto dell'antica mitologia della Bretagna.
    L'obbiettivo di Tolkien quindi è scrivere mitologia propria della Gran Bretagna.
    E questo risulta evidente nei suoi scritti pubblicati postumi dal figlio Christopher.
    Il Signore Degli Anelli infatti è il romanzo conclusivo, scritto dopo una continua lavorazione di un intero mondo mitologico durata una vita intera. Nei scritti sopra citati si vede chiaramente che il lavoro di Tolkien sia il frutto di una continua riscrittura ed evoluzione di un intero mondo tramite canti leggendari.
    In questi scritti si vede come Tolkien volesse spiegare in modo leggendario le origini stesse della Gran Bretagna, e questa è mitologia non fantasy.
    Il Signore Degli Anelli può essere visto come un fantasy da chi vuole limitarsi a leggerlo come tale, ma non è un fantasy.
    Quoto tutto quello che hai detto. E' evidente che su Tolkien ne sai più di me e non mi vergogno ad ammetterlo.
    Francamente poi, (al di là di fantasy o altre cose) io direi che il Signore degli Anelli, insieme ad altre opere, rappresenti una sorta di epica moderna (come disse abietto su un topic del vecchio forum).

  14. #14
    Utente
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    1.634
    come disse abietto su un topic del vecchio forum
    Partecipasti anche tu a quella discussione?
    Perché ne feci gia una simile con abietto.

  15. #15
    LiMiT bReAk L'avatar di Luke Skywalker
    Registrato il
    10-02
    Località
    Como
    Messaggi
    6.492
    Inviato da Belzebu
    Partecipasti anche tu a quella discussione?
    Perché ne feci gia una simile con abietto.
    No, non postai mai su quel topic.
    Lessi qualcosa qua e là però, e sono completamente d'accordo con quella definizione di Epica moderna

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •