• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: [PS2] Enter The Matrix

Cambio titolo
  1. #1

    [PS2] Enter The Matrix

    Enter The Matrix

    Produttore: Atari
    Sviluppatore: Shiny Entertainment
    Genere: Azione multievento
    Formato: PAL (manuale e testo a schermo in italiano, dialoghi e hacking system in inglese)
    Giocatori: 1 (modalità multiplayer disponibile)
    Supporto: DVD-Rom


    PHS – T1 Personal Computer [1] 1999
    ROM BIOS LOADED v 8.19 – rav 3
    RAM CRC check: [000000h]
    Drive – Serial: D45855 – DETECTED
    INPUT SYSTEM – DETECTED
    Rooting
    Ports SECURE: [TAPS: 00]
    Encryption: [ENABLED – 256 BIT]
    Virus Scan - *CHECKED*
    SCAN
    _
    [...................]

    Scan PASSED
    WARNING – Virus Definition Database: ERROR 421
    - Update needed
    < Press Any Key >

    System clean.
    Type HELP for help
    Logging into Drive A:
    A:/>
    A:/> DIR

    A:/> SYSTEM/LOGIN.EXE


    LOGIN:

    Pillola azzurra: fine della storia. Domani ti sveglierai in camera tua e crederai a quello che vorrai. Pillola rossa: resti nel paese delle meraviglie e vedrai quanto è profonda la tana del bianconiglio.

    Una pillola rossa. Una mera pillola rossa. La sola possibilità di addentrarsi nella tana del bianconiglio. La sola possibilità di carpire la verità... per entrare nella matrice. Questo finché Shiny Entertainment ed i fratelli Wachowsky non si sono adoperati per sostituire a quella insulsa pillola un agevole supporto siliceo da inserire comodamente nella piattaforma casalinga ed accedere, in questo modo, alla matrice. Preparatevi a ruzzolare nella tana del bianconiglio e scoprire se magari era meglio svaligiare una farmacia ed ingollare quella maledetta pillola...

    *ENTERING THE MATRIX*

    Niobe, capitano della Logos (hovercraft della flotta di Zion), nonché abile combattente e pilota, e Ghost, esperto nell’uso delle armi da fuoco e componente dell’equipaggio della Logos, sono i 2 personaggi che potrete interpretare in Enter The Matrix per immergervi nella 3rd Person Stylish Action del summenzionato titolo. Enter The Matrix si compone di 4 fasi: esplorazione, combattimento (fulcro del gioco), guida (nel caso interpretiate Niobe) o 1st Person Shooter (se interpretate Ghost). Ma ora bando alle (debite) premesse and get ready to enter the Matrix…



    B:/> ANALYSYS.EXE
    B:/> ANALYSIS/Enter The Matrix


    *ANALYZING*

    Per quanto consapevoli che nella matrice la percezione consiste in impulsi bioelettrici inviati da una macchina al cervello umano, non pensate di ritrovare in Enter The Matrix quella razionalità e perfezione formale cui la matrice, tra The Matrix e The Matrix: Reloaded, vi ha oramai avvezzati... Coerentemente alla logica della matrice potreste anche pensare che questi impulsi siano stati in qualche modo alterati, ma se volete un tangibile responsabile dovreste indubbiamente rivolgervi a Dave Perry della Shiny Entertainment e alla scarsa cura impiegata nella realizzazione tecnica di questo gioco. Ambientazioni mediocri e generalmente scialbe. Sistema di collisione ed inquadrature automatiche deficitari. Qualità dell’illuminazione e dettaglio delle texture bassi. Frame rate instabile e animazioni legate e complessivamente irrealistiche. Difficoltà connesse alla gestione di ingenti quantità di poligoni su schermo. Realizzazione delle sequenze cinematiche in hardware e dei modelli poligonali dei personaggi secondari assolutamente biasimevole. Se non fosse per le sequenze recitate in Full Motion Video e per la discreta cura nella realizzazione dei modelli poligonali di Niobe e Ghost e di alcune suggestive ambientazioni (la Chateau del Merovingio ad esempio), il comparto grafico avrebbe demoralizzato anche i maggiori estimatori della creatura dei fratelli Wachowsky, ai quali Enter The Matrix potrebbe interessare solamente come mero frammento dello sconfinato universo partorito dalle geniali menti dei suddetti. Per quanto ancora riguarda la cosmesi di Enter The Matrix, a meritare un plauso particolare sono le musiche che accompagnano le scene recitate e le entusiasmanti fasi d’azione. Ma, per quanto eccelso come accompagnamento musicale, questo comparto falla a causa di effetti sonori che, pur non tradendo oltremisura le aspettative in quanto a qualità e quantità, reagiscono in modo piuttosto inopportuno ai movimenti dei personaggi (ad esempio vi capiterà di sentire il suono generato dal movimento del personaggio perpetuarsi anche a movimento concluso).

    B:/> READ.EXE
    [B:/> READ/Enter The Matrix


    *READING*

    Fulcro di Enter The Matrix, come accennato in precedenza, è l’azione pura ed immediata. E per quanto riguarda questo aspetto il gioco non delude. La varietà delle azioni eseguibili, per quanto esigua (un tasto per il salto, uno per eludere gli attacchi avversari, uno per estrarre ed usufruire delle armi da fuoco, e due tasti dedicati al combattimento corpo a corpo), viene ampliata notevolmente dalla possibilità di focalizzare la propria mente per piegare la matrice al proprio volere ed eseguire le spettacolari acrobazie che hanno reso, a suo tempo famoso, il film. Questa possibilità (denominata Focus) non è chiaramente illimitata, ma il problema di esaurirla non sussiste, in quanto questa si ricarica automaticamente, come l’energia vitale, nel corso dei combattimenti e degli sporadici momenti di pausa.

    Nonostante un gameplay alla base valido, Enter The Matrix falla anche sul piano ludico per vari motivi. Innanzitutto la ripetitività dell’azione: per quanto varie, le possibilità sono limitate dal fatto che, in quanto fulcro del gameplay, devono essere reiterate passivamente per tutta la durata del gioco. Questo problema avrebbe dovuto essere risolto per mezzo delle sezioni a bordo dei veicoli, ma la mediocre realizzazione di quest’ultime (in particolar modo quelle a bordo della Logos) le relega a mero ed inappagante riempitivo. Oltre ad essere insoddisfacenti sul piano tecnico, queste fasi risultano assolutamente deprecabili a livello di gameplay. Se interpretate Niobe nelle sezioni a bordo della Logos, dato che l’obiettivo è raggiungibile per mezzo della mera pressione di un tasto e la casuale rotazione della leva analogica sinistra, sono, oltre che inutili, deprimenti. Se interpretate Ghost, causa un approssimativo sistema di collisione, risultano generalmente frustranti.

    Altro problema da segnalare, la facilità eccessiva di un gioco che, per fattori di diversa natura (quali la ricarica automatica del Focus e dell’energia vitale e l’IA degli avversari manifestamente limitata), non riesce ad offrire un livello di sfida soddisfacente, se non a modalità Hard. La longevità inadeguata (in parte conseguenza di questa facilità eccessiva la durata si attesta sulle 6 ore approssimative di gioco) ed uno scarso replay value (motivo la succitata ripetitività dell’azione) inficiano notevolmente un gameplay potenzialmente valido.

    Uno degli aspetti all’apparenza più interessanti di Enter The Matrix sembrava quello di sviscerare i reconditi segreti della matrice mediante una rudimentale interfaccia testuale, simile a quella di DOS denominata Hacking System. Ma concretamente questa modalità si riduce ad una processione lineare di comandi al fine di sbloccare,oltre che amenità di varia natura, extra pertinenti l’universo di The Matrix. Breve e semplicistico non credo si possa definire una parte integrante dell’esperienza di gioco, ma piuttosto un interessante diversivo

    A:/> SYSTEM/LOGOUT.EXE

    LOGOUT: Nonostante i notevoli difetti che affliggono il comparto tecnico ed il gameplay di Enter The Matrix, il titolo riesce, senza eccellere, a soddisfare le basilari prerogative che si era preposto e, in particolar modo, le esigenze di chi intende questo titolo come un semplice tassello nella narrazione di The Matrix. Potete considerarne l’acquisto se confidate nel valore di un’esperienza che soddisfa tali prerogative, ma il valore ludico del gioco rimane piuttosto scarso... Dimenticate il silicio. Shiny Entertainment avrebbe fatto meglio ad indorare la pillola.

    Voto: 5.5 su 10
    Ultima modifica di inutileid; 5-08-2003 alle 16:07:28

  2. #2
    So di essere nuovo e quindi il mio parere non sarà magari autorevole o particolarmente rilevante, ma dato che nessuno ha commentato questa recensione voglio dire la mia: ottimo lavoro sul serio. La tua recensione è davvero bella. Al contrario del gioco, purtroppo. Purtroppo è troppo lunga per una lettura online. Il miei unici appunti sono questi: prima cosa sii più sintetico o la gente non se la prenderà la briga di leggere le tue recensioni, seconda cosa perchè non metti il voto per le varie voci?

    Figata, comunque! Complimentoni

    Ma per caso scrivi per qualche sito o giornale?
    Perchè ha del professionale il tuo lavoro...

  3. #3
    Inzallanuto innamorato L'avatar di Rafael
    Registrato il
    10-02
    Località
    Da nessuna parte
    Messaggi
    18.236
    Perchè non la spedisci a qualche rivista?
    Preferisco il silenzio ora, sono stanco di questo mondo, di questa gente, di essere invischiato nel groviglio delle loro vite. Dicono di aver lavorato tanto per aver costruito il paradiso per poi scoprire che è popolato di orrori. Forse il mondo non viene creato, forse niente viene creato. Un orologio senza orologiaio. E' troppo tardi. E' sempre stato e sarà sempre troppo tardi.

  4. #4
    Grazie del feedback. Anch'io sono nuovo da queste parti ma non penso che la presenza sia indice di autorevolezza (dopotutto non è la quantità degli interventi che conta, ma la qualità).

    Rispondo brevemente alle domande ed alle critiche (giustamente) mossomi: riguardo la sintesi ho usato lo spazio che reputavo necessario, purtroppo sono ben cosciente del fatto che non è agevole per una lettura online, però non volevo omettere particolari importanti. Comunque ne terrò conto per (possibili) prossimi lavori.

    Non metto il voto alle varie voci in giudizio (grafica, sonoro, longevità etc...) perchè lo ritengo futile. Gli aspetti succitati li analizzo in sede di recensione quindi sarebbe una ripetizione. Poi non penso che si possa giudicare in modo univoco i vari aspetti che compongono un gioco e all'ambiguità dei numeri preferisco le parole. Non partecipo a nessuna iniziativa editoriale in ambito "professionale". Scrivo per una e-zine amatoriale (che evito di pubblicizzare poichè non so se è lecito farlo in questo forum, anche se ho notato che nella sign non è proibito... anzi se a riguardo qualcuno potesse darmi delucidazione gliene sarei grato)

    Per rispondere a Rafael: perchè la recensione è un mio vecchio lavoro (preso dalla summenzionata e-zine) modificato, corretto e rifinito. Grazie comunque del feedback...

  5. #5
    Bannato L'avatar di davez
    Registrato il
    07-03
    Località
    Formello
    Messaggi
    14
    Ottima recensione non c'è che dire...

  6. #6
    Bananocrate L'avatar di giobbe
    Registrato il
    03-03
    Località
    Ankhmorpork
    Messaggi
    12.037
    Inviato da inutileid
    Grazie del feedback. Anch'io sono nuovo da queste parti ma non penso che la presenza sia indice di autorevolezza (dopotutto non è la quantità degli interventi che conta, ma la qualità).

    Rispondo brevemente alle domande ed alle critiche (giustamente) mossomi: riguardo la sintesi ho usato lo spazio che reputavo necessario, purtroppo sono ben cosciente del fatto che non è agevole per una lettura online, però non volevo omettere particolari importanti. Comunque ne terrò conto per (possibili) prossimi lavori.

    Non metto il voto alle varie voci in giudizio (grafica, sonoro, longevità etc...) perchè lo ritengo futile. Gli aspetti succitati li analizzo in sede di recensione quindi sarebbe una ripetizione. Poi non penso che si possa giudicare in modo univoco i vari aspetti che compongono un gioco e all'ambiguità dei numeri preferisco le parole. Non partecipo a nessuna iniziativa editoriale in ambito "professionale". Scrivo per una e-zine amatoriale (che evito di pubblicizzare poichè non so se è lecito farlo in questo forum, anche se ho notato che nella sign non è proibito... anzi se a riguardo qualcuno potesse darmi delucidazione gliene sarei grato)

    Per rispondere a Rafael: perchè la recensione è un mio vecchio lavoro (preso dalla summenzionata e-zine) modificato, corretto e rifinito. Grazie comunque del feedback...
    Consiglio... continua a scrivere post lunghi... la recensione valeva il numero di parole spese... se una cosa vale la pena di essere letta, allora si legge, no?... sebbene io sia uno dei pochi esseri viventi che si sia divertito a giocare a Enter The Matrix, e sebbene sia uno dei pochi che lo stia rigiocando con Niobe, dopo averlo finito con Ghost, per sfizio...

  7. #7
    Utentente
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    21.598
    Niente da dire: davvero un ottima recensione. Complimenti

    E non preoccuparti della lunghezza, scrivi quanto ti senti di scrivere, tanto io le leggerò comunque

  8. #8
    Utente L'avatar di teokrazia
    Registrato il
    07-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    178
    Che bella questa review di Enter the Matrix!
    Bravo Inutiled !
    Però mi sembra di averla già letta da qualche altra parte...


    Teo.
    Ultima modifica di teokrazia; 20-08-2003 alle 15:07:56
    Uno che ne capisce veramente qualcosa [o forse no]. Meglio: uno che vorrebbe capirne qualcosa.

    Figlio degenere di TheFirstPlace.it - Redattore indisciplinato di Nextgame.it

  9. #9
    Testa di Pene L'avatar di darkside82
    Registrato il
    07-03
    Località
    RE/MO
    Messaggi
    114
    Tiratela meno
    Daniele Gazzotti
    Collaboratore di TheZeroPlace

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •