• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Racconti di guerra dei nonni

Cambio titolo
  1. #1
    Bannato L'avatar di Serial Experiment
    Registrato il
    05-03
    Località
    la mitica Genova
    Messaggi
    625

    Racconti di guerra dei nonni

    vorrei raccogliere in questo post i racconti degli anziani che hanno vissuto la II Guerra mondiale (possibilmente finiti bene per nn intistrire troppo il post), ecco il mio raccontatomi da mio nonno un paio di settimane fa:
    verso la fine della guerra ad Arenzano GE, lui e 2 suoi amici hanno sentito dei forti rumori , un sacco di carri armati e camion spostarsi e tedeschi urlare e suonare le sirene, sono scesi in strada e la citta' era completamente vuota, nn volava una mosca, ad un certo punto vedono 3 carri armati in fila e si nascondono dentro una specie di bunker usato dai tedeschi per pattugliare la spiaggia, il carrista esce dal carro e si guarda intorno , li vede e gli dice di venire da lui, loro spaventati si avvicinano ,il carrista tira fuori della cioccolata e gliela da' , mio nonno guarda verso il fondo della strada e vede un centinaio di soldati e carriarmati che avanzano di corsa, la gente esce dalle case e si riversa in strada a vedere la situazione , quando hanno capito bene cosa stava accadendo hanno cominciato a festeggiare e la polizia italiana gli ha accolti nella caserma.

  2. #2
    GRIM & FROSTBITTEN L'avatar di Wrathchild
    Registrato il
    11-02
    Località
    Tra il Tirolo e l'Artide
    Messaggi
    2.321
    Io ne conosco tante di queste storie, ma ora devo andare, magari tra un'oretta te le scrivo.
    Den norrøne rasen må slakte de andre når blåmennene dunker for tungt på vår dør.

  3. #3
    Utente L'avatar di Rendar2003
    Registrato il
    07-03
    Località
    Perugia
    Messaggi
    235
    Beh, serial, io ne so uno, ma non ha un bel finale: mia nonna che abita a Spoleto (io sto a Perugia) che quando le SS arrivarono a Spoleto, iniziarono a sfilare lungo il v.le della stazione (in cui alla fine c'era, appunto, una stazione), e distruggevano tutto ciò che trovavano sul loro cammino (negozi, oggetti e persone). Riuscirono pure a distruggere la centrale elettrica della zona e rimaserò senza luce per una settimana. Poi tedeschi, riuscirono a sorpassare le difese alleate, e bombardarono un treno che trasportava armi agli inglesi. Nonna raconta che vicino a lei gli cadde un pezzo di binario, e da là alla stazione ci saranno stati 700m (che volo!!!!).
    La tua firma è stata cancellata perché superiore al limite di 158 pixel dettato dal regolamento.

  4. #4
    Utente L'avatar di Sababa
    Registrato il
    10-02
    Località
    Imola
    Messaggi
    5.158
    mio nonno (ormai parecchio vecchio, 89 anni), a vissuto parecchie storie in guerra, ho saputo da mio padre che è stato anche prigioniero alle hawaii, purtroppo lui è così anziano da nn essere riuscito a raccontarmi nemmeno una storia, quel poco ke so me l'hanno detto padre e zii


  5. #5
    Momentaneamente assente L'avatar di roland
    Registrato il
    12-02
    Località
    22 Acacia Avenue
    Messaggi
    5.281
    Mah... Mio nonno partecipò alla prima guerra mondiale, e tornò dalle montagne del nord fino in basilicata con una bicicletta senza copertoni.

    Diceva che Cadorna li mandò al macello: se avanzavano venivano fatti fuori dalle raffiche di mitragliatrice.
    Se indietreggiavano, c'erano dei Graduati che li uccidevano a rivoltellate.

    solo un grande macello.

  6. #6
    GRIM & FROSTBITTEN L'avatar di Wrathchild
    Registrato il
    11-02
    Località
    Tra il Tirolo e l'Artide
    Messaggi
    2.321
    Ok: cominciamo con quella del nonno di un mio amico:

    Il nonno di questo qua e un suo amico erano partigiani e ogni tanto ammazzavano un Tedesco. Un giorno si erano incamminati da soli nella zona dell'ITIS, che era una base operativa dei tedeschi, ed era piena di soldati nazisti. L'amico di questo qua aveva appesa alla cintura una stielgranate che aveva fregato a un crucco morto. L'idea non si rivelò molto intelligente: un cecchino tedesco puntò e sparò sulla granata: quello che la portava appesa rimase letteralmente tranciato in due dall'esplosione, e una scheggia colpì il nonno del mio amico, che si trovava a breve distanza, staccandogli quasi il pollice. Per la paura questo si passò tutta la notte nascosto con un'emorragia e solo il giorno dopo uscì allo scoperto e scappò via.

    Spero che vi sia piaciuta, magari poi ve ne racconto un'altra.
    Den norrøne rasen må slakte de andre når blåmennene dunker for tungt på vår dør.

  7. #7
    Bannato L'avatar di Serial Experiment
    Registrato il
    05-03
    Località
    la mitica Genova
    Messaggi
    625
    Inviato da roland
    Mah... Mio nonno partecipò alla prima guerra mondiale, e tornò dalle montagne del nord fino in basilicata con una bicicletta senza copertoni.

    Diceva che Cadorna li mandò al macello: se avanzavano venivano fatti fuori dalle raffiche di mitragliatrice.
    Se indietreggiavano, c'erano dei Graduati che li uccidevano a rivoltellate.

    solo un grande macello.
    anche il mio bisnonno era li, mio nonno me lo racconta sempre, e' sopravissuto e gli hanno dato "cavalliere di vittorio veneto"

  8. #8
    Momentaneamente assente L'avatar di roland
    Registrato il
    12-02
    Località
    22 Acacia Avenue
    Messaggi
    5.281
    Inviato da Serial Experiment
    anche il mio bisnonno era li, mio nonno me lo racconta sempre, e' sopravissuto e gli hanno dato "cavalliere di vittorio veneto"
    Idem mio nonno.

    Ma penso che avrebbe preferito non andare lì...

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •