• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: rece Economic war (PC)

Cambio titolo
  1. #1
    vuole solo la juveh!1!1!! L'avatar di Vulcan Raven
    Registrato il
    03-03
    Località
    un puntino in prov. NA
    Messaggi
    31.891

    rece Economic war (PC)

    Recensione: Economic War
    Casa: microids
    Sviluppatori: Montecristo
    Anno: ?
    Traduzione: Gioco, manuale e scatola
    Genere: strategico\gestionale
    Requisiti minimi. Pentium 2, 350 MHz, 64Mb RAM, scheda grafica 3D da 16Mb
    Requisiti Consigliati: Pentium 3, 128Mb RAM e scheda video 3D da 32Mb


    Uno dei generi più apprezzati dagli utenti Pc, è senza ombra di dubbio quello dei gestionali, in particolare quelli che vi pongono al comando di una nazione, curandone l’aspetto finanziario, sociale e militare. Se siete dei fan di questo tipo di giochi, e non vedete l’ora di cimentarvi nel ruolo di presidente, allora dovreste dare un’occhiata a questo gioco. Economic War, titolo di casa Microids, propone un modo alternativo di interpretare lo schema di gioco di questo genere. La struttura di base è sempre la stessa, ma a questa va ad aggiungersi un aspetto quasi mai preso in considerazione: il divertimento. Vi ritroverete a ridere a crepapelle leggendo le notizie dei vostri quotidiani, scoprendo magari che il vostro ministro degli esteri è finito all’ospedale per autocombustione o che magari sia stato condannato per corruzione. Vi divertirete a quadrare come le facce degli altri presidenti si deformino in una smorfia d’odio dopo che avrete loro proposto una trattativa particolarmente svantaggiosa. Il tutto però, mentre tenete d’occhio il vostro stato. Dovrete infatti tenere sotto controllo la produzione interna dei prodotti agricoli, industriali e militari. E spesso questo si dimostrerà di vitale importanza, dato che in alcuni scenari (in cui il gioco è diviso) l’obiettivo sarà quello di raggiungere un determinato livello nell’esportazione di prodotti di vario genere (pomodori, satelliti, petrolio eccetera). Vi ritroverete a dover controllare un’improvvisa perdita interna, col fiato degli oppositori sul collo, sempre pronti a scatenare una rivolta, spesso implacabile. Cosa molto frustrante…….
    La grafica del gioco è bidimensionale ( esattamente in falso 3D), simile per certi versi, a quella del primo command and conquer per psone(solo un po’ più gradevole), questo per quanto riguarda la rappresentazione delle strutture statali, le altre schermate presentano un’interfaccia grafica molto gradevole e pulita, a tratti esilarante. Tuttavia, alle persone innamorate delle tre dimensioni, questo aspetto potrebbe non andar giù e dirottarli verso un altro titolo. La giocabilità è una delle più elementari viste in questo genere di giochi, forse è anche “troppo” elementare ( e ciò potrebbe scontentare i puristi del genere). Con pochi clic del mouse scaricherete tutto il vostro arsenale nucleare sui malcapitati nemici, venderete televisori, importerete pomodori, proporrete embarghi e via discorrendo. Per proporre mozioni ai congressi internazionali, dovrete avere dei punti diplomatici, che vi verranno assegnati quando costruirete ambasciate nei vari stati alleati, di cui avrete attirato l’attenzione grazie a partnership militari e\o scientifiche. Ogni scenario di gioco dura relativamente poco, se riuscirete a non farvi spodestare da rivolte popolari, in un’oretta di gioco riuscirete a portare a termine gli obietti prefissati dalla Cpu. E questo è inevitabilmente un difetto piuttosto grave, se lo si paragona con la profondità di titoli come Sim City 4. Il sonoro è buono, ma non eccezionale, limitandosi a tratti ad alcuni semplici “bip” o “boom”, con la voce che vi informa sulle situazioni diplomatiche internazionali, aggiornandovi su embarghi, azioni militari e partnership accettate o rifiutate.
    Traendo le somme, si tratta di un gioco che non è certo un capolavoro del suo genere, ma che non è certo da buttar via. Certo, vedere con quale disarmante facilità si possa far cader il governo a stelle e strisce può risultare poco credibile, e in effetti è così. Ma volete mettere il divertimento e la soddisfazione? Ed ora scusatemi devo lasciarvi, ho un embargo da proporre…..

    Grafica 6 mediocre quella delle mappe, discreta quella delle schermate di gestione
    Giocabilità 7 molto semplificata, forse anche troppo
    Sonoro 6 molto elementare, senza fronzoli
    Longevità 6 i pochi scenari e la loro breve durata la penalizzano non poco
    Trama 7 le situazioni proposte nei vari scenari sono ben fatte, meriterebbero un voto in più se fossero state approfondite maggiormente
    Traduzione 6 non ha difetti gravi, ma le frasi e le espressioni sono piuttosto limitate e semplificate
    Globale 6 un buon titolo, che pur non arrivando a livelli eccelsi riesce a divertire, almeno finchè dura.

    + esilarante
    + un buon ingresso nel genere dei gestionali
    + è nella fascia economica

    - ai giocatori più abili non piacerà
    - dura poco
    - grafica non sempre eccelsa


    consigliato a ….. i novellini del genere e a chi vuole divertirsi con poco

    sconsigliato a……. i giocatori più smaliziati e esigenti

  2. #2
    Moderatore Avvocato L'avatar di Sah
    Registrato il
    10-02
    Messaggi
    9.375
    buona recensione di un titolo quasi sconosciuto

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •