• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 17

Discussione: Il crollo del Made In Italy

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di Rendar2003
    Registrato il
    07-03
    Località
    Perugia
    Messaggi
    235

    Il crollo del Made In Italy

    Premetto che dalla data questo articolo può sembrarvi vecchio, invece è molto attuale.



    Italia, Paese
    che non produce più

    Dietro il crollo della produzione, dice il banchiere Gianni Tamburi, c'è un profondo malessere del tessuto industriale del Paese e soprattutto le inedite difficoltà dell'export.
    di Giuseppe Turani



    Da Affari & Finanza (Repubblica) di lunedì 17 febbraio 2003

    Milano. "Fra le imprese italiane la crisi c'è ed è terribile. Spesso si tratta anche di crisi senza via di ritorno: le aziende hanno la sola possibilità di uscire dal mercato. E non si tratta di casi isolati, è un fenomeno molto diffuso e generalizzato. I pochi imprenditori che stanno bene, con i conti in ordine, sono assediati da quelli a cui è andata male e che vogliono vendere, naturalmente a prezzi abbastanza stracciati". Gianni Tamburi, banchiere d'affari milanese molto attivo nel campo delle fusioni e acquisizioni, squarcia il velo che copre la crisi delle imprese italiane e rivela una situazione che di rassicurante non ha proprio niente.

    Che tipo di cliente bussa alla sua porta di questi tempi?
    "Sostanzialmente abbiamo tre categorie: quelli in difficoltà, le multinazionali e i fondi di private equity".
    Possiamo cominciare con i clienti del primo tipo, quelli in difficoltà?
    "In genere si tratta di piccole e medie aziende. Arrivano e spiegano che hanno accumulato troppi debiti e che quindi non ce la fanno più a tirare avanti. Hanno troppi debiti o perché si sono espansi troppo o perché gli affari vanno male. Tenga conto che in molti settori i fatturati sono scesi in modo drammatico, anche del 20-30 per cento. E, dove il lavoro non è diminuito, spesso hanno dovuto praticare prezzi più bassi. Morale: l'azienda non sta più in piedi. E allora vengono a bussare alla mia porta o a quella di miei colleghi".
    E che cosa cercano?
    "Qualcuno che li compri. Quasi sempre sono consapevoli di essere in ritardo. Sanno cioè che il momento non è buono. "Abbiamo perso un'occasione anni fa dicono. Ma veda se riusciamo a fare comunque qualcosa". Insomma, cercano qualcuno più forte, più prudente, disposto a rilevarli".
    E si trova?
    "Non sempre. Anzi, è molto difficile. C'è qualche caso. Magari un altro imprenditore dello stesso settore, che ha soldi di famiglia o la moglie ricca, e che vuole tentare la sorte. Ma è difficile trovare gente disposta a comprare un'altra azienda".
    E allora che cosa fate?
    "Poiché sono tanti a trovarsi nella stessa situazione, molte volte proponiamo e organizziamo delle fusioni, delle concentrazioni. Creiamo delle aziende più grandi. E questo non è male. Quello che non si è riusciti a fare anni per decisione spontanea, adesso si fa per necessità".
    Quali sono i settori che vanno male?
    "I tradizionali pilastri della piccola e media industria italiana: meccanica e elettromeccanica. Qui ci sono difficoltà nell'esportazione verso Stati Uniti, Germania e Giappone. Inoltre, più nessuno investe e quindi chi fa macchine utensili e altre apparecchiature si trova davvero messo male".
    Altri settori che stanno pagando questa crisi?
    "Tutto il settore tessile-abbigliamento, lusso, made in Italy, design. Qui sono due anni di fila che i consumi sono in contrazione. E quindi si può immaginare in che stato sono i conti di queste aziende. Ci sono casi drammatici. Piccole e medie aziende di design o di abbigliamento che fino a due anni fa erano corteggiate da mezzo mondo e che adesso, invece, letteralmente non vuole più nessuno, quasi avessero la peste".
    E che cosa fate in questi casi?
    "La solita cosa: cerchiamo di organizzare delle fusioni. Cerchiamo di tirare fuori delle aziende che abbiano un senso. In qualche caso, fortunato, si riesce ancora a trovare un compratore".
    Che però pagherà poco [85]
    "Certo. Se un paio di anni fa un'azienda poteva essere venduta per 100 milioni di euro, oggi ne porta a casa con molte difficoltà 60. Diciamo che i prezzi sono scesi del 40 per cento. In questi periodi di crisi, peraltro, va giù un po' tutto. Anche gli immobili per uffici stanno precipitando, come era logico attendersi".
    Poi c'è il secondo tipo di cliente: le multinazionali. Sono in crisi anche loro?
    "In un certo senso sì. I conti non sono più quelli di una volta, e allora decidono di dimagrire e di concentrarsi sul core business. E allora vengono da me e dai miei colleghi per piazzare sul mercato l'aziendina che magari avevano comprato qualche anno fa e che contavano di sviluppare, ma che oggi non interessa più. Insomma, tirano i remi in barca e ci sono tante cose che rimangono fuori dalla barca".
    E voi a chi le date queste aziendine dimesse dalle multinazionali?
    "Ci sono due strade. Prima di tutto cerchiamo qualche imprenditore del ramo, dello stesso settore, che abbia i conti in ordine e che abbia ancora voglia di scommettere e di crescere. Non sempre, ma qualche volta questa ricerca riesce e allora si costruisce un'azienda più grande, che poi potrà affrontare la ripresa da posizioni migliori".
    E quando la ricerca fallisce?
    "C'è l'ultima possibilità, e riguarda i clienti del terzo tipo: i fondi di private equity. Questi sono fondi che hanno dei capitali e investono nella maggioranza delle imprese. Acquistano cioè la maggioranza di aziende, le fanno funzionare (magari le fondono c on altre aziende dello stesso settore) e dopo qualche anno, se le cose sono andate bene, le rivendono, con un certo guadagno ovviamente. In pratica si sostituiscono all'imprenditore che ormai è troppo indebitato e che non ha i mezzi finanziari per risollevarsi da solo".
    In Italia ci sono tanti fondi di private equity?
    "Tantissimi e con montagne di denaro a disposizione: almeno dieci mila miliardi di euro, in questo momento. Però non sono molto coraggiosi".
    In che senso?
    "Comprano poco, tengono i soldi in cassa. Potrebbero fare molto di più".
    Mi tolga una curiosità. Se non si trova un compratore e se non c'è un fondo di private equity disposto a intervenire, ma l'azienda è soffocata dai debiti, che cosa si fa?
    "Un classico del nostro mestiere: una bella riunione per la ristrutturazione del debito. Si mettono intorno a un tavolo le banche creditrici e l'imprenditore in difficoltà. Le banche possono farlo morire subito, ancora prima di bere il caffè che di solito si offre in queste riunioni, oppure possono accettare di discutere un piano di ristrutturazione del debito".
    In che cosa consiste? I debiti sono debiti, se uno non ce la fa a pagare, non ce la fa, che altro si può inventare? Anche perché la strada della quotazione in Borsa mi sembra che non esista più.
    "Con il tempo siamo diventati tutti molto creativi. E si possono fare molte cose. Il concetto di base è uno, però. Poiché questo imprenditore non riesce a pagare gli interessi sui suoi debiti, facciamo in modo che adesso non debba pagarli (o debba pagarli in misura minore), pagherà di più fra qualche anno quando, si spera, le cose andranno meglio. Questo comporta dure contrattazioni fra le parti, garanzie, ecc., ma a volte funziona. In sostanza, le banche si accontentano per un po' di incassare meno interessi con la speranza di farsi ripagare dopo".
    In tutta questa crisi la new economy come è messa?
    "Malissimo, salvo qualche rara eccezione. Sta andando un po' tutto a rotoli".

    E che cosa si fa?
    "Vedo che poco a poco le aziende di new economy che hanno un senso finiscono integrate dentro aziende di old economy più solide. Questo, d'altra parte, mi sembra essere il loro destino".
    Quale è l'aspetto più negativo di questa situazione?
    "Non vedo più compratori strategici. Salvo qualche eccezione, chi ha un'impresa fa già fatica a tirare avanti da solo e quindi non è molto interessato a comprarsi quelle confinanti per crescere. A comprare sono, soprattutto, i fondi di private equity, quando pensano che dalla cosa si possa ricavare un guadagno. Insomma, vedo solo operazioni finanziarie o difensive. Salvo qualche buona fusione che si riesce, di quando in quando, a combinare".
    Lei vede tutti i giorni aziende piccole e medie, legge i loro conti, parla con i loro managers e proprietari, ci sono segni, anche deboli, di ripresa, di un'inversione di tendenza?
    "No, zero".

    (17 febbraio 2003)

    Ho evidenziato le cose che rispecchiano il mio parere.
    La tua firma è stata cancellata perché superiore al limite di 158 pixel dettato dal regolamento.

  2. #2
    Nullafacente L'avatar di YOSHI2003
    Registrato il
    05-03
    Messaggi
    209
    Mamma mia! Che bordello!

    Approvo quanto scritto da Giuseppe Turani

    Cmq se il made in Italy sta subendo un crollo è colpa, in parte, della destra, che finora ha fatto solo i suoi interessi invece di incentivare la ricerca tecnologica, e della sinistra, che come al solito, invece ndi fare qualcosa, si è lamentata dell'operato del governo.

    Mia madre e mio padre fanno gli impiegati per delle holding e per ragioni di lavoro, si spostano da un posto all'altro e lo scenario, mi raccontano quando tornano a casa è sempre lo stesso: impiegati fannulloni e incompetenti che dicono di non capirci una mazza e vanno a lavorare solo per essere pagati a non far niente, assunti per raccomandazione: ma daltronde è lo spirito degli italiani, che ci vogliamo fare? E poi dicono che le industrie non vanno avanti SOLO per gli investimenti. Se non vanno avanti è colpa anche del personale. Bisognerebbe migliorare il personale aziendale e investire di piu in tecnologia.

    Ecco degli esempi di industrie italiane inglobate da quelle straniere:

    - Infostrada comprata da Wind (Olivetti kaput)
    -Perugina comprata da Nestlé
    -Omnitel inglobata con la Vodafone
    -Tele + e Stream comprate da Sky

    Alla faccia dell'ottimismo.
    yOShI 2003 and his dj's:

    Giorgio Prezioso - Maurizio Molella - Mauro Picotto - Sister Bliss - Mario Fargetta
    [MOVE]Alan Palmieri & Hit Channel the best! [/MOVE] [MOVE]Meglio star zitti e far la figura degli imbecilli piuttosto che aprir bocca e togliere ogni dubbio![/MOVE]

  3. #3
    Playyan user L'avatar di Spectrator
    Registrato il
    10-02
    Località
    Caltagirone.
    Messaggi
    2.311
    Manca la voglia di lavorare e di investire.



  4. #4
    Nullafacente L'avatar di YOSHI2003
    Registrato il
    05-03
    Messaggi
    209
    Inbiato da Spectrator
    Manca la voglia di lavorare e di investire.
    Quoto.
    Nel nostro paese vanno sempre piu di moda metodi disonesti per guadagnare, che spiega la mancanza di voglia di lavorare.
    yOShI 2003 and his dj's:

    Giorgio Prezioso - Maurizio Molella - Mauro Picotto - Sister Bliss - Mario Fargetta
    [MOVE]Alan Palmieri & Hit Channel the best! [/MOVE] [MOVE]Meglio star zitti e far la figura degli imbecilli piuttosto che aprir bocca e togliere ogni dubbio![/MOVE]

  5. #5
    Io SO! Tu impara, quindi L'avatar di iamalfaandomega
    Registrato il
    10-02
    Località
    Varese
    Messaggi
    14.008
    Colpa dei pirati
    I am Alpha and Omega, the Beginning and the End, the First and the Last

    Né dei, né giganti

  6. #6
    Bannato
    Registrato il
    06-03
    Località
    stanza imbottita
    Messaggi
    5.545
    Inviato da iamalfaandomega
    Colpa dei pirati
    Sei per caso Bill Gates?

  7. #7
    Rivoluzionario L'avatar di Gendo Ikari
    Registrato il
    03-03
    Località
    Neo Tokyo 3
    Messaggi
    6.197
    La colpa è imputabile in parte anche alla globalizzazione. I prodotti esteri sono più competitivi e meno costosi, poichè l'Italia è priva di materie prime importanti, quindi per produrre qualcosa dobbiamo importarle, e quindi i prezzi aumentano.
    Viva l'Itaglia!

  8. #8
    Nothing to no one L'avatar di Toad
    Registrato il
    07-03
    Località
    Vigevano
    Messaggi
    12.470
    In Italia manca la ricerca scientifica!
    Dalle università escono ogni anno ricercatori trai i migliori d'Europa e del Mondo,spesso per lavorare devono andare all'estero(Stati Uniti per esempio).La colpa è sia del governo,non solo dell'attuale ma anche degli anni passati,circa 30 anni,e degli industriali che investono poco.La colpa è anche che noi in Italia abbiamo per la maggior parte piccole o medie imprese e non sono in grado di investire adeguatamente nella ricerca.

    Questa è la mia opinione.

  9. #9
    Utente L'avatar di Rendar2003
    Registrato il
    07-03
    Località
    Perugia
    Messaggi
    235
    Inviato da Toad
    In Italia manca la ricerca scientifica!
    Dalle università escono ogni anno ricercatori trai i migliori d'Europa e del Mondo,spesso per lavorare devono andare all'estero(Stati Uniti per esempio).La colpa è sia del governo,non solo dell'attuale ma anche degli anni passati,circa 30 anni,e degli industriali che investono poco.La colpa è anche che noi in Italia abbiamo per la maggior parte piccole o medie imprese e non sono in grado di investire adeguatamente nella ricerca.

    Questa è la mia opinione.

    E io quoto: senza la ricerca l'Italia non può raggiungere i livelli tecnologici che hanno raggiunto tanti altri paesi europei. Perché non ci pensano al governo piuttosto che litigare in continuo? Per iniziare, ad esempio, sarebbe una grande idea iniziare a sostituire le forme energetiche attuali magari con dei pannelli solari o cos'aòtro non inquinante. Peccato che un pò di tempo fa il governo aveva fatto degli incentivi su chi acquistava i pannelli solari, ma ora......puf!......se ne sono scordati!
    La tua firma è stata cancellata perché superiore al limite di 158 pixel dettato dal regolamento.

  10. #10
    Playyan user L'avatar di Spectrator
    Registrato il
    10-02
    Località
    Caltagirone.
    Messaggi
    2.311
    L'italia ha subito perdite di mercato mostruose dopo il boom degli 60 70 moltissimi prodotti sono stati inglobati da altre industrie esere vedi la Peroni che se la sono accaparati in sud'africa se non sbaglio,cmq il governo dovrebbe dare una bella spinta invece di perdere tempo occorrono riforme e incentivi di qualsiasi tipo,ma è anche vero che la colpa nonè solo del governo molti padri di famiglia che mollarono la scuola al terzo media si ritrovano a piangere davanti a mia madre per avere un posto di lavoro ma ditemi chi si prende uno che ha la licenzia media?



  11. #11
    Nullafacente L'avatar di YOSHI2003
    Registrato il
    05-03
    Messaggi
    209
    Inviato da Spectrator
    L'italia ha subito perdite di mercato mostruose dopo il boom degli 60 70 moltissimi prodotti sono stati inglobati da altre industrie esere vedi la Peroni che se la sono accaparati in sud'africa se non sbaglio,cmq il governo dovrebbe dare una bella spinta invece di perdere tempo occorrono riforme e incentivi di qualsiasi tipo,ma è anche vero che la colpa nonè solo del governo molti padri di famiglia che mollarono la scuola al terzo media si ritrovano a piangere davanti a mia madre per avere un posto di lavoro ma ditemi chi si prende uno che ha la licenzia media?
    Tanto ormai va di moda farsi assumere per raccomandazione!
    yOShI 2003 and his dj's:

    Giorgio Prezioso - Maurizio Molella - Mauro Picotto - Sister Bliss - Mario Fargetta
    [MOVE]Alan Palmieri & Hit Channel the best! [/MOVE] [MOVE]Meglio star zitti e far la figura degli imbecilli piuttosto che aprir bocca e togliere ogni dubbio![/MOVE]

  12. #12
    °°Troppo il Migliore°° L'avatar di Raistlin²
    Registrato il
    10-02
    Località
    Hell
    Messaggi
    618
    Mah leggo la colpa è del governo, non si investe abbastanza nella ricerca, è colpa della globalizzazione.....

    Mah secondo me è colpa un po dell' 11 settembre (che oramai è quasi finito come effetto) ed è un po una di quelle crisi cicliche che avvengono ogni 10 anni circa (ed è molto meno grave di quella del 93 dove il lavoro manco di colpo, mentre in questi 2 anni il lavoro è andato calando progressivamente)....
    La gente non compra, le aziende tendono a non espandersi o chi si è espanso non ha più fondi per la mancanza di lavoro...

    Il governo ha fatto quello ke ha potuto, ma ovviamente non è facile porre gli argini a queste crisi, lo dimostra il fatto ke tutti i paesi industrializzati sono sulla stessa barca....
    Non si è mai investito nella ricerca in Italia, ma ciò non ha mai determinato una crisi.....
    Il discorso sulla globalizzazione è un po strano: direi ke dipende di + dalla moneta: infatti per chi compra da noi costa di +, ma noi per comprare da altri paesi siamo avvantaggiati....è un discorso sbagliato dare la colpa alla globalizzazione....Casomai la colpa è della moneta....Come ho già scritto paradossalmente si stava meglio con la lira.....

    Inoltre, più nessuno investe e quindi chi fa macchine utensili e altre apparecchiature si trova davvero messo male".
    e capperi voglio vedere le macchine utensili arrivano a costare anche mezzo miliardo se non di + (lo so perkè mio padre lavora nel campo). Oggi ki è che rischia di comprare un makkina se non è sicuro di pagarla....Daccordo ke la makkina si paga da sola se lavora, ma di lavoro non ce ne po tanto...

    Cmq aspetto fiducioso il 2004....non può piovere per sempre no?
    Raistlin² ®

    Basta non faccio + firme ke tanto me le cancellano.

  13. #13
    Nullafacente L'avatar di YOSHI2003
    Registrato il
    05-03
    Messaggi
    209
    Inviato da Raistlin²
    Il governo ha fatto quello ke ha potuto.


    Buona questa!

    Si sono piu impegnati sulle leggi "ad hoc", per la verità!

    Dai, non nascondiamo le cose!
    yOShI 2003 and his dj's:

    Giorgio Prezioso - Maurizio Molella - Mauro Picotto - Sister Bliss - Mario Fargetta
    [MOVE]Alan Palmieri & Hit Channel the best! [/MOVE] [MOVE]Meglio star zitti e far la figura degli imbecilli piuttosto che aprir bocca e togliere ogni dubbio![/MOVE]

  14. #14
    °°Troppo il Migliore°° L'avatar di Raistlin²
    Registrato il
    10-02
    Località
    Hell
    Messaggi
    618
    Bhe cosa poteva fare?
    Protezionismo?
    Dogane?
    Tasse per ki importa in italia?

    Siamo in Europa ricordiamocelo.....

    Il governo qualcosa lo ha fatto per incentivare il prodotto italiano, su tutte la tremonti Bis (dove se tu compri makkinari o investi sulla tua azienda paghi meno tasse)....
    Ha abbassato le tasse...
    Ha incentivato le industrie con fondi speciali (soprattutto al sud)
    Ora ci sono anche i fondi europei (avete visto lo spot no?)

    Cosa si avrebbe dovuto fare? A me non viene in mente qualcosa di alternativo....


    Dai, non nascondiamo le cose!
    Raistlin² ®

    Basta non faccio + firme ke tanto me le cancellano.

  15. #15
    Nullafacente L'avatar di YOSHI2003
    Registrato il
    05-03
    Messaggi
    209
    Inviato da Raistlin²

    Cosa si avrebbe dovuto fare?
    Incentivare la ricerca.
    Ne stiamo parlando da qualche post, non so se te ne sei accorto.
    yOShI 2003 and his dj's:

    Giorgio Prezioso - Maurizio Molella - Mauro Picotto - Sister Bliss - Mario Fargetta
    [MOVE]Alan Palmieri & Hit Channel the best! [/MOVE] [MOVE]Meglio star zitti e far la figura degli imbecilli piuttosto che aprir bocca e togliere ogni dubbio![/MOVE]

Pag 1 di 2 12 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •