• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 36

Discussione: Mostra del Cinema di Venezia

Cambio titolo
  1. #1
    Utente
    Registrato il
    06-03
    Messaggi
    1.787

    Mostra del Cinema di Venezia

    a quasi 24 ore dalla conclusione di questa mostra del cinema mi piacerebbe commentare alcune cose.
    Per esempio credo sappiate tutti che il Leone d'oro lo ha vinto "Il Ritorno" di Zvyaginstev in barba a Bellocchio e al suo "Buongiorno Notte" . Adesso non mi pronuncio sulla decisione della giuria o sulla effettiva qualit dei titoli da me citati(in quanto non li ho visti). Quello di cui voglio parlare l'atteggiamento alquanto infantile adottato da Bellocchio stesso, in quanto non si presentato alla consegna del Leone d'oro e ha adottato un comportamento spocchioso davvero irritante. Il massimo lo ha raggiunto con questa sua frase
    "Il leone D'oro della Mostra del Cinema di Venezia un premio dignitosissimo che per in qualche modo non mi e non ci rappresenta". Ma stiamo scherzando? Ma chi Bellocchio per definire il Leone d'oro premio dignitosissimo? Volevo vedere se vinceva lui cosa diceva. Anche il direttore della mostra De Hadeln ha tentato inutilmente di riparare questa frattura dicendo "Capisco il dispiacere di Bellocchio. Le giurie sono indipendenti" e altre frasuccole simili che hanno solo il merito di rendere ancora pi ridicola la faccenda. Adesso mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi. Naturalmente se c' qualcuno che ha partecipato di persona a Venezia 60 sarebbe molto gradito un suo intervento (Atlas per esempio)

    Discorso pi generale. In cuor mio speravo in un trionfo di Kitano(che col suo Zatoichi si aggiudicato "solo" il Leone d'argento) anche per diffondere 1po di pi il cinema giapponese da noi ancora poco conosciuto e bistrattato. Tra gli altri film che mi ispirano ci sono "The Dreamers" di Bertolucci e "21 Grams" di Inarritu con Sean Penn, Benicio Del toro e Naomi Watts(me lo hanno definito moooolto particolare.
    Per ultimo l'organizzazione di questa mostra. Da quello che ho letto il povero spettatore(o il povero critico) era costretto ad un tour de force incredibile per riuscire a seguire tutti i film. Spero che il prossimo anno organizzino meglio perch ci andr anchio
    IT'S NICE TO BE IMPORTANT BUT
    IT'S MORE IMPORTANT TO BE NICE

  2. #2
    Utente L'avatar di Atlas
    Registrato il
    03-03
    Messaggi
    2.232
    La Mostra del Cinema qualcosa che deve essere vissuto, che fa bene allo spettatore perch riappacifica con il cinema. Come una grande festa in cui si veramente vicini ai film, ai registi, agli attori. Un luogo magico in cui il tempo si ferma, in un certo senso si fa parte del cinema stesso. E l'entusiasmo per le proiezioni, momento in cui le produzioni si sottopongono al giudizio di pubblico e critica, cosa irripetibile e meravigliosa.

    Molti sbagliano ad avere una visione lontana di questa Mostra che pare essere evento mondano al di fuori della portata del normale spettatore. Non cos, ho visto comitive di ragazzini che anelavano solo un autografo di Cage o Clooney, gruppi di anziani che fra un bagno in mare e l'altro si godevano film di qualit.

    Andateci, vi divertirete sicuramente.

    Bellocchio una persona estremamente sicura e tronfia di se, andato al Lido sicuro di vincere e alla fine gli stato dato il benservito (per lui solo il leoncino d'oro e il premio per le opere dal particolare rilievo). Si quindi giustamente incacchiato, conoscendo Bellocchio mi sarei aspettato affermazioni ben pi impietose nei confronti della giuria.
    No Tears Please, It's a Waste of Good Suffering..

  3. #3
    Utente
    Registrato il
    06-03
    Messaggi
    1.787
    P.S: mi sono scordato tanti di quei film da meritare la fucilazione seduta stante. Di altri film "sfiziosi" c'erano
    Once Upon a Time in Mexico (mi piacciono troppo le atmosfere e ambientazioni, mi piace troppo Depp e mi ispira un sacco questo film),
    Intolerable Cruelty dei fratelli Coen (non il mio genere ma lo avrei visto con piacere)
    The Human Stain con la Kidman e Hopkins che non sono ancora riuscito a classificarlo in un genere ben preciso
    e per ultimo The Matchstick Man, il ritorno alla commedia di Ridley Scott non pu che non impirarmi. Possibile che nessuno ne abbia parlato
    ?
    IT'S NICE TO BE IMPORTANT BUT
    IT'S MORE IMPORTANT TO BE NICE

  4. #4
    Utente L'avatar di Atlas
    Registrato il
    03-03
    Messaggi
    2.232
    Di C'era una volta in Messico ne ho sentito parlare un gran bene, nonostante il film non fosse in linea con l'approccio del pubblico festivaliero e, per questo, caduto in breve tempo nel dimenticatoio. La Macchia Umana m'ha lasciato parecchio perplesso, film freddo incapace di coinvolgere. Molto belli invece Intolerable Cruelty e il film di Scott. Quello dei Coen soprattutto, per me il migliore assieme a Zatoichi, una esilarante commedia con personaggi che pare siano usciti dal Grande Lebowski, veramente imperdibile.

    Fra i flopponi invece impossibile non citare i due film spazzatura della mostra: Twentynine Palms (dove un ragazzo e una ragazza vagano nel deserto e, ogni tanto, si prodigano in furiosi amplessi) e Imagining, Argentina (vero simbolo trash della Mostra il Banderas che corre con fare convulso e sguardo spiritato, interpretando le sue visioni extrasensoriali, per molti gi un cult).
    No Tears Please, It's a Waste of Good Suffering..

  5. #5
    Utente
    Registrato il
    06-03
    Messaggi
    1.787
    Inviato da Atlas
    Di C'era una volta in Messico ne ho sentito parlare un gran bene, nonostante il film non fosse in linea con l'approccio del pubblico festivaliero e, per questo, caduto in breve tempo nel dimenticatoio. La Macchia Umana m'ha lasciato parecchio perplesso, film freddo incapace di coinvolgere. Molto belli invece Intolerable Cruelty e il film di Scott. Quello dei Coen soprattutto, per me il migliore assieme a Zatoichi, una esilarante commedia con personaggi che pare siano usciti dal Grande Lebowski, veramente imperdibile.

    Fra i flopponi invece impossibile non citare i due film spazzatura della mostra: Twentynine Palms (dove un ragazzo e una ragazza vagano nel deserto e, ogni tanto, si prodigano in furiosi amplessi) e Imagining, Argentina (vero simbolo trash della Mostra il Banderas che corre con fare convulso e sguardo spiritato, interpretando le sue visioni extrasensoriali, per molti gi un cult).

    ahahah di Imagining Argentina ne ho sentito parlare malissimo anchio.
    Direi che mi sono gia fatto 1idea dei film da andare a vedere. A parte "The Dreamers" i film italiani li lascio volentieri dove sono, poi mi beccher "Il Ritorno" e tutti quelli nel mio messaggio precedente citati
    IT'S NICE TO BE IMPORTANT BUT
    IT'S MORE IMPORTANT TO BE NICE

  6. #6
    rifondista L'avatar di grullo
    Registrato il
    08-03
    Messaggi
    3.244
    Inviato da Atlas
    La Mostra del Cinema qualcosa che deve essere vissuto, che fa bene allo spettatore perch riappacifica con il cinema. Come una grande festa in cui si veramente vicini ai film, ai registi, agli attori. Un luogo magico in cui il tempo si ferma, in un certo senso si fa parte del cinema stesso. E l'entusiasmo per le proiezioni, momento in cui le produzioni si sottopongono al giudizio di pubblico e critica, cosa irripetibile e meravigliosa.

    Molti sbagliano ad avere una visione lontana di questa Mostra che pare essere evento mondano al di fuori della portata del normale spettatore. Non cos, ho visto comitive di ragazzini che anelavano solo un autografo di Cage o Clooney, gruppi di anziani che fra un bagno in mare e l'altro si godevano film di qualit.

    Andateci, vi divertirete sicuramente.

    Bellocchio una persona estremamente sicura e tronfia di se, andato al Lido sicuro di vincere e alla fine gli stato dato il benservito (per lui solo il leoncino d'oro e il premio per le opere dal particolare rilievo). Si quindi giustamente incacchiato, conoscendo Bellocchio mi sarei aspettato affermazioni ben pi impietose nei confronti della giuria.
    io ci sono stato tre o quattro anni fa e mi ha disgustato completamente, non tanto per i film (anche se alcuni pseudo intelettuali sono delle puttanate tremende) ma soprattutto per la gente. I frequentatori di queste mostre sono dei presuntuosi, arroganti, e molto spesso incopetenti, conoscitori di cinema (un po' come il nostro atlas ). Basta mettere insieme un ragazzo e una ragazza un po' emarginati ma non troppo, farli scopare per 3/4 del film e nel tempo rimasto fare qualche dialogo sul significato della vita: ecco il film tipo delle mostre.....per fortuna quando c'ero io hanno fatto la retrospettiva su Eastwood, il vecchio Clint non delude mai!!!!!




  7. #7
    Utente L'avatar di Atlas
    Registrato il
    03-03
    Messaggi
    2.232
    Certo, alla mostra del cine si va per vedere del buon cinema, tu ci sei andato solo per Clint Eastwood e vabb. Ma da qui a sostenere che le pellicole da festival sono tutti neorealisti non-sense ce ne passa. Ciccio, ti ricordo che negli ultimi anni a Venezia sono passati in larga anteprima cose come Era mio Padre, K-19, Brother, A.I. Intelligenza Artificiale....

    Il genere che tu vorresti inquadrare come "pseudo intellettuale" (ma che brutto termine, sai forse dare una misura all'intellettualit? sai definire cosa lo e cosa invece non pu ritenersi tale?) ci che solitamente viene usato come tiro al bersaglio dalla critica. Ho fatto l'esempio di 29 Palms, ultimo rappresentante della categoria, fischi e corali "buuuu" in sala si sprecavano. Eppure, caspita, i due protagonisti non facevano altro che accoppiarsi fra una duna del deserto e l'altra, non forse questo il genere di film che piace? Oh grullo, capisco la carenza da esplosioni ma il cinema che passa in Laguna ben diverso dalla superficiale visione che ne hai avuto. Ma tu con gli altri spettatori ci hai parlato? Ti metti a giudicarli in base a cosa? In base a quali motivazioni ti metti a reputare degli amanti di cinema come spocchiosi, arroganti e via dicendo?

    Perch ti assicuro, io ho conosciuto persone meravigliose, adulti bambini che ancora si emozionano per un tramonto filmato sottolineato da una partitura minimale, studenti (di cinema e non) che amavano discutere a fine proiezione su quanto visto, ponendosi domande, aprendo anche dibattiti accesi per arrivare ad una analisi profonda e mai banale. E' questa curiosit che mi spinge ad amare il cinema, a stroncare senza piet chi non merita, chi usa lo spettatore come oggetto da botteghino e a riconoscere i dovuti pregi di chi vuole davvero comunicare qualcosa.

    Il messaggio, questo sconosciuto. Oh grullo, tutto cos meraviglioso e nonostante questo non vuoi capire. Ci sar sempre un Emmerich che ti ritiene carne da botteghino ma tu non dargliela vinta, non rinunciare mai alla curiosit e alla sperimentazione.

    Basta ho deciso, per l'anno prossimo si organizza un mini-raduno del forum e si va tutti alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. A Venezia, a Venezia!!!
    Ultima modifica di Atlas; 8-09-2003 alle 21:58:31
    No Tears Please, It's a Waste of Good Suffering..

  8. #8
    Utente
    Registrato il
    06-03
    Messaggi
    1.787
    Inviato da Atlas


    Basta ho deciso, per l'anno prossimo si organizza un mini-raduno del forum e si va tutti alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. A Venezia, a Venezia!!!
    ho il sospetto che sia una frase ironica, tremendamente ironica.
    Se Fosse vero sarei il primo a partecipare. Preferirei comunque Cannes a Venezia ma non si pu pretendere tutto dalla vita
    IT'S NICE TO BE IMPORTANT BUT
    IT'S MORE IMPORTANT TO BE NICE

  9. #9
    rifondista L'avatar di grullo
    Registrato il
    08-03
    Messaggi
    3.244
    caro Atlassino, tu mi chiedi come faccio a giudicare gli spettatori di Venezia: ebbene io ho vissuto quelle due settimane scarse a stretto contatto con centinaia di studenti "amanti del cinema. Ti chiederai come sia possibile tutto ci!!! Devi sapere che il mio ex liceo ci stanzi dei fondi per creare un opera multimediale da presentare agli esami. Parte della mia classe (tra cui io) decise di utilizzare il denaro per realizzare un cortometroggio. Ti risparmio la trama e tutto il resto, fatto sta che il film venne talmente bene che, dopo aver vinto qualche concorso, decidemmo di inviarlo a cinema avvenire, uno sorta di associazione del Lido che premiava vari progetti di studenti in ambito cinematografico. Venimmo inseriti nella cinquina dei favoriti al premio di miglior film, e ci invitarono a passare il periodo del festival in una spece di colonia con una miriade di altri ragazzi.
    Tutta questa premessa per farti capire che quello che ho detto, io l'ho vissuto e non mi piaciuto per niente: vedere una miriade di ragazzotti esaltarsi per papocchi new age insignificanti mi dava il voltastomaco.
    Vedi, io sono un amante di film semplici ma potenti e diretti, senza troppi fronzoli: a piace abbinare ai film che amo un genere musicale e il genere che preferisco e il sano vecchio rock, ma anche il blues, il Jazz. Per questo il mio regista del cuore Carpenter, il cineasta pi rocker che ci sia, ma mi piace anche De Palma e Hitchcock (direi jazz), Eastwood (blues), leone, Raimi. Ogni tanto non disdegno un po' di sana psichedelia, quindi come non citare il visionario Burton. Poi c' uno che questi generi li abbraccia un po' tutti: ci mancherai Stanley.
    Come vedi, anche io sono amante del buon cinema; ma rimango sempre dell' idea che l'80% dei film in concorso a Venezia non meriterebbe di venire preso neanche in cosiderazione. Tieni conto che questa frase abbastabza provocatoria e generalizzata ma rispecchia, in linea di massima, le mie idee




  10. #10
    Bello e dannato L'avatar di El Gugliauser
    Registrato il
    03-03
    Localit
    Torino
    Messaggi
    6.831
    Grullo-Pliskin, ti appoggio al 1000000%

  11. #11
    rifondista L'avatar di grullo
    Registrato il
    08-03
    Messaggi
    3.244
    Inviato da El Gugliauser
    Grullo-Pliskin, ti appoggio al 1000000%
    ma chiamami Jena (o snake)




  12. #12
    Tinuviel L'avatar di -Lthien-
    Registrato il
    08-03
    Messaggi
    516
    [QUOTE]Inviato da grullo

    rimango sempre dell' idea che l'80% dei film in concorso a Venezia non meriterebbe di venire preso neanche in cosiderazione


    Anche se non ho vissuto in prima persona il festival, concordo pienamente!!!!

  13. #13
    Tinuviel L'avatar di -Lthien-
    Registrato il
    08-03
    Messaggi
    516
    [QUOTE]Inviato da grullo

    rimango sempre dell' idea che l'80% dei film in concorso a Venezia non meriterebbe di venire preso neanche in cosiderazione


    Anche se non ho vissuto in prima persona il festival, concordo pienamente!!!!
    vorrei scrivere molto di piu', esprimere con piu' parole la mia idea,...ma hai gia' detto tutto te!
    non so cos'altro aggiungere!

  14. #14
    Utente L'avatar di Atlas
    Registrato il
    03-03
    Messaggi
    2.232
    Inviato da -Lthien-
    Anche se non ho vissuto in prima persona il festival, concordo pienamente!!!! [/B]
    Non avere vissuto la Mostra come non avere vissuto il cinema, ricorda solo che i pregiudizi non aiutano a crescere.

    Al grullo (ed ai pochi che gli danno corda) ricordo invece che questa sua povera idea della Mostra non rispecchia la realt delle cose, ne ho da sempre riscontro con gli appassionati di cinema. Sei spaventato da film che vogliono proporre e mostrare qualcosa in pi, li definisci con astrusi termini quali pseudo-intellettuali quando in realt la maggior parte sono film semplici, capaci di grande poesia. Non capisco questa tua posizione di spettatore "ignorante" (se mi concedi il termine). Potresti scoprire tanta meraviglia e invece ti accontenti dei soliti grezzi spaccamontagne, non metti analisi nella tua valutazione, solo ragionamento di stomaco.

    Contento tu, non mia intenzione ed interesse farti diventare un cinefilo doc ma bene tu sappia che avere una visione a 360 sarebbe il primo passo per poter dare una prima considerazione sul cinema.

    E, fateci caso, tutti i film programmati alla Mostra rappresentano un buon numero di uscite della prima met della stagione cinematografica. Una stupenda vetrina su ci che verr.
    Ultima modifica di Atlas; 9-09-2003 alle 12:32:07
    No Tears Please, It's a Waste of Good Suffering..

  15. #15
    rifondista L'avatar di grullo
    Registrato il
    08-03
    Messaggi
    3.244
    No dico....ma ha letto, signor Atlas, i miei registi favoriti....non sono mica gli ultimi arrivati. E poi sempre questa fissa di voler analizzare ogni cosa di un film...ogni tanto lasciati trasportare dalle emozioni: una coreografica scena d'azione (woo docet) pu essere molto pi evocativa che non un' inquadrature di 20 minuti di una donna che polacca che lava i piatti !!!!!!

    ah...non mi sembrano pochi quelli che mi danno corda....e poi anche se fossero pochi....meglio pochi ma buoni!!!!




Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •