• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Visualizzazione risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Trecate Tra Il1535 E Il 1800

Cambio titolo
  1. #1
    Utente L'avatar di federico
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    Trecate
    Messaggi
    16.057

    Trecate Tra Il1535 E Il 1800

    La dominazione spagnola si protrasse fino al 1706 e in questo periodo Trecate continu˛ ad essere feudo dei Lampugnano. Con i trattati di pace di Utrecht e Rastadt il Novarese - e quindi anche Trecate - pass˛ dagli Spagnoli agli Austriaci e, durante questo periodo, nel borgo si assistette anche all'arrivo di un nuovo feudatario. Infatti nel 1700 era morto il conte Carlo Francesco Maria Lampugnano lasciando in ereditÓ la signoria di Trecate all'Ospedale Maggiore di Milano. L'Ospedale, nel 1732, pose in vendita la signoria, che venne acquistata dal marchese Giorgio Clerici per 175.000 ducati. In occasione dell'ingresso del nuovo feudatario nel borgo vennero organizzate feste grandiose che durarono cinque giorni.

    Il marchese Clerici trasform˛ il castello di Trecate in una "casa da nobile", dove trascorreva le vacanze e soggiornava durante le battute di caccia, organizzate nei suoi vasti possedimenti al Ticino. Alla sua morte Trecate e i suoi territori passarono in ereditÓ al pronipote Antonio Giorgio, generale dell'esercito austriaco. Dopo la pace di Vienna il Novarese fu annesso al Piemonte e il generale dovette chiedere al governo sabaudo la convalida del suo feudo. Il Duca di Savoia Carlo Emanuele III accolse la richiesta e, con una patente del 1756, concesse al generale l'investitura del feudo, con l'obbligo di versare 8.000 lire. Il feudo pass˛ poi alla figlia Claudia Caterina, sposa del conte Biglia di Milano. La contessa aveva infatti ottenuto, nel 1778, dal Duca di Savoia Vittorio Amedeo, l'investitura della signoria di Trecate e la corona baronale di Sozzago.

    Con la rivoluzione francese e la successiva calata di Napoleone in Italia venne a cessare la signoria di Claudia Caterina: pressata dalle gravose tasse, imposte dalle nuove autoritÓ, vendette il feudo al conte Annoni per 40.000 lire in oro. Il conte lasci˛ il castello e i terreni ai nipoti conti Cicogna. Il castello Ŕ attualmente proprietÓ del Comune, che lo ricevette in donazione nel 1975.

  2. #2
    GrBnBtB L'avatar di cloud125
    Registrato il
    11-02
    LocalitÓ
    Torino
    Messaggi
    11.344
    si bella relazione ma cosa centra con hardware

  3. #3
    Utente
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    Binago(Co)
    Messaggi
    17.738
    Bannatelo...cioe' Floodi??

  4. #4
    Utente L'avatar di federico
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    Trecate
    Messaggi
    16.057
    nn ho scritto io... ( (
    un mio amico idiota...che Ŕ a casa mia..
    nn mi fanno nemmeno cancellare...
    mod cancellata please

  5. #5
    Contegno, suvvia! L'avatar di Prometeo
    Registrato il
    10-02
    LocalitÓ
    New York
    Messaggi
    7.890
    Per questa volta chiudo due occhi
    the e.caffeinomane Xperience
    <Drg`uff> rinoa non sono romantico, sono un semi-isolato che fantastica su cose che non potranno mai accadere
    <Drg`uff> ma no
    <Drg`uff> che m3rda isolato
    <Drg`uff> mettici nerd
    <prm\\> drag, siamo in due
    <Ed\\> anche 3 dai

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •