• In diretta da GamesVillage.it
    • News
    • -
    • In Evidenza
    • -
    • Recensioni
    • -
    • RetroGaming
    • -
    • Anteprime
    • -
    • Video
    • -
    • Cinema

Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati da 1 a 15 di 36

Discussione: L'altro terrorismo

Cambio titolo
  1. #1
    Rivoluzionario L'avatar di Gendo Ikari
    Registrato il
    03-03
    Località
    Neo Tokyo 3
    Messaggi
    6.197

    L'altro terrorismo

    AUTORE
    D - Mr Mac Michael, i governi americani sono mai stati terroristi? Hanno mai sostenuto il terrorismo?

    DAVID MAC MICHAEL - ex agente della CIA, zona operativa Centro America.
    Si, lo sono stati e lo hanno fatto.

    D - La sua risposta è sì?

    DAVID MAC MICHAEL - ex agente della CIA, zona operativa Centro America.
    Sì, lo hanno fatto.

    D - Possiamo dunque dedurne che questa nazione possa essere chiamata uno stato canaglia?

    DAVID MAC MICHAEL - ex agente della CIA, zona operativa Centro America.
    Secondo la definizione che ne dà la presente amministrazione americana, penso che sì, gli Stati Uniti possano essere definiti uno Stato Canaglia.

    IN STUDIO MILENA GABANELLI
    Un’affermazione grave, a carico del Paese che, insieme a Gran Bretagna e Russia oggi guida la guerra al terrorismo, una guerra giusta. Per vincerla occorrerebbe l’autorevolezza morale di riconoscere e perseguire tutti i terrorismi. Ora, questi Paesi lo fanno? Un argomento difficile che affronteremo solo sulla base di documenti ufficiali che abbiamo cercato e trovato negli archivi di Stato. Prima però entriamo nell’incidente di Bhopal, in India, cosa è successo dentro la fabbrica di pesticidi la notte del 2 dicembre del 1984? La parola a Marco Paolini.

    Monologo con Marco Paolini dal titolo: “Bhopal 2 dic. ‘84”

    IN STUDIO MILENA GABANELLI
    Grazie a Marco Paolini per il drammatico e preciso resoconto di un incidente e di un’ingiustizia. Ma gli orrori che avvengono o si compiono lontano da noi non esistono. Gli Stati Uniti. Non esiste un paese al mondo nel quale la libertà sia applicata in modo così esteso e la parola “legge” abbia un valore così profondo.
    Un paese credibile, così è e così appare e poi…c’è anche quello che non appare.
    Paolo Barnard e Giorgio Fornoni

    Immagini di repertorio: discorso del presidente Bush allo State of the Union del 2002:

    “Finché le nazioni ospiteranno i terroristi, la libertà sarà in pericolo.”

    AUTORE
    Bush dice: Finché le nazioni ospiteranno i terroristi, la libertà sarà in pericolo. Gli Stati Uniti ospitano e proteggono terroristi. Questa è Miami, questa è New York.
    (L’autore si avvicina a una casa di Miami in piena notte)
    Forse questa è la casa di Orlando Bosch.
    A Miami mi ero messo alla caccia di Orlando Bosch, uno spietato terrorista, almeno secondo l'FBI. Le sue vittime furono cittadini americani o cubani accusati di sostenere l'odiato Fidel Castro. Il Dipartimento di Giustizia americano sostiene che Bosch fu implicato in attentati dinamitardi contro uffici e ambasciate, sequestri di persona, tentativi di omicidio, nell'affondamento di navi e nell'abbattimento di aerei. E' il principale indiziato per l'abbattimento nel 1976 di un aereo civile cubano con la morte di tutti i passeggeri a bordo e fu persino indagato per l'assassinio del presidente Kennedy. Dai documenti del Dipartimento di Giustizia e dell'FBI:

    Documento:
    "Per trent'anni Bosch ha propugnato la violenza terrorista in modo risoluto e senza cedimenti. Ha minacciato e portato a termine attacchi terroristici contro numerosi bersagli...Le sua azioni sono state quelle di un terrorista indifferente alle leggi e alla decenza umana, che ha inflitto violenza senza considerazione alcuna per l'identità delle sue vittime."

    AUTORE
    Trovarlo è stata un'impresa non facile, in una ridda di contatti e indirizzi andati a vuoto, ma poi alla fine…

    (Autore suona alla porta di casa di Bosh)

    Autore: Hallo.. (Salve)
    (Senza aprire la porta) moglie di Bosh: Who is it..? (Chi è?)

    Autore: My name is Paolo Barnard, I'm looking for Mr Orlando Bosch.. (Mi chiamo Paolo Barnard, sto cercando Orlando Bosch)

    AUTORE
    E' la moglie che risponde ma non apre la porta. Dice che Bosch non c'è, poi dice che è all'ospedale, poi che non sa se torna.... Bosch mi sfugge, non aprirà più la porta di casa nonostante i miei ripetuti appostamenti, poi una mattina sparisce, i vicini di casa lo hanno visto partire all'alba.

    Vicini di casa: Lei è un investigatore privato?

    Autore: No, no, sono un giornalista.

    AUTORE
    Max Lesnik vive, o meglio è ancora vivo per miracolo, a Miami. Bosch e compagni hanno tentato di ammazzarlo 12 volte, con 12 bombe. Perché?

    MAX LESNIK – Giornalista Miami
    Perché sono stato direttore della rivista Replica che invocava la riconciliazione fra Cuba e Washington. I terroristi del clan di Bosch nel periodo compreso fra il 1984 e il 1987 piazzarono 12 bombe nei miei uffici, nel tentativo di uccidere me e la mia pubblicazione.

    AUTORE
    Torniamo ai documenti. Nel 1989 il Dipartimento di Giustizia aveva deciso con chiarezza: Orlando Bosch andava espulso dall'America. Ma allora perché un terrorista così pericoloso è ancora libero e tranquillo nella sua casa di Miami?

    MAX LESNIK – Giornalista Miami
    E' risaputo che questi terroristi avevano mire collimanti con quelle di diversi governi americani, e infatti furono usati nelle operazioni sporche che Washington portava avanti in Nicaragua, Salvador o Cuba. Si può dire che costoro erano l'espressione del terrorismo coperto delle amministrazioni americane.

    AUTORE
    Orlando Bosch e il suo terrore vengono ufficialmente perdonati dal Presidente Bush senior nel 1991, e lo scandalo non sfugge alla stampa americana.

    Immagini articolo sul New York times titolato “Il caso Bosch violenta la giustizia”

    AUTORE
    New York. Sono sulle tracce di Emmanuel Constant, ex leader delle squadre della morte di Haiti, chiamate FRAPH, responsabili di crimini che collimano con la definizione di terrorismo dell'FBI. Constant, fuggito da Haiti, vive oggi libero a New York, nel quartiere di Queens, ma si muove perennemente da casa a casa per timore dei giornalisti e di chi lo vorrebbe processato. Gli indirizzi che ottengo sono tutti obsoleti, e alla fine trovo solo il suo numero di cellulare, sempre inattivo.
    Amnesty International lo ha incluso nel suo rapporto intitolato "Stati Uniti d'America, il rifugio dei torturatori", e questo dissero di lui le massime autorità di Washington.

    Documento del Dipartimento Immigrazione USA:
    "Il Segretario di Stato americano ha decretato che la presenza del signor Constant negli Stati Uniti è gravemente contraria ad essenziali obiettivi di politica estera. Il governo americano ha concluso che il FRAPH è una organizzazione illegittima i cui membri furono responsabili di molte violazioni dei diritti umani ad Haiti. Come loro leader, il signor Constant è stato accusato di condotta abominevole e notoria. Egli dovrebbe rispondere di queste accuse di fronte al governo democratico di Haiti."

    AUTORE
    Un tribunale haitiano lo aveva infatti condannato all'ergastolo in contumacia, ma nonostante questo e l'ordine di espulsione che abbiamo visto, Emmanuel Constant rimane libero a New York. Amensty International avanza una ipotesi sui motivi: che Constant mentre ammazzava e mutilava persone ad Haiti fosse sul libro paga della CIA. Ma la cosa che più colpisce è questa: (immagini attentato Torri Gemmelle di New York). E' la fine di settembre del 2001, l'America aggredita dal terrorista Bin Laden ne chiede l'estradizione dall'Afghanistan. L'Afghanistan tergiversa, Washington lo bombarda a tappeto. Ma negli stessi giorni sul New York Times appariva questa notizia:

    DA UN ARTICOLO DEL NEW YORK TIMES:
    "Il presidente di Haiti, Jean Bertrand Aristide, chiede con urgenza agli Stati Uniti l'estradizione di Emmanuel Constant, che vive a New York."

    AUTORE
    Gli Stati Uniti ignorarono la richiesta e il terrorista di Haiti rimane impunito e protetto.

    NOAM CHOMSKY - Prof. MIT - Boston
    Se vogliamo essere minimamente onesti, se vogliamo avere almeno uno straccio di moralità, dobbiamo applicare a noi stessi la legge che pretendiamo venga applicata agli altri. Se non siamo disposti a fare questo tanto vale che abbandoniamo ogni pretesa di distinguere il bene dal male.

    IN STUDIO MILENA GABANELLI
    Non è mai esistito un Paese, nemmeno il più liberale e democratico che non abbia intrattenuto, per convenienza o necessità, rapporti, diciamo, “amichevoli” con terroristi o Paesi governati da feroci dittature. Qui però, dobbiamo ribadire, stiamo parlando del Paese che ha dichiarato guerra al terrorismo su cui grava l’accusa di essere lui stesso un paese terrorista. E’ un’accusa fondata?
    Agli Stati Uniti è stato accordato davanti al mondo un ruolo sovrano fra Stati sovrani. Sono di fatto i garanti e tutori dell’ordine mondiale . Un credito di cui tutto il mondo sente il bisogno. E’ dal dopoguerra che gli Stati Uniti sono i più accesi difensori dei principi di democrazia e dei diritti fondamentali dell’uomo, ed è anche il motivo per il quale oggi guidano la guerra al terrorismo, e in questa chiave va letto tutto quello che questa sera vi proponiamo.

    AUTORE
    Anno 1986, Corte Internazionale di Giustizia all'Aia. Dopo due anni di dibattimenti, i giudici del cosiddetto tribunale mondiale emettono una sentenza storica: gli Stati Uniti d'America sono colpevoli di terrorismo ai danni del piccolo stato del Nicaragua. Nella sentenza si accusa Washington di "uso - illegale - della forza", e non solo, che nella terminologia giuridico internazionale significa terrorismo. Fra l'altro anche l' FBI americana impiega le stesse parole nella sua definizione ufficiale di terrorismo : "uso - illegale - della forza".
    Ma cosa era accaduto in Nicaragua?

    NOAM CHOMSKY – Prof. MIT - Boston
    Nel 1981 gli Stati Uniti lanciarono contro i civili del Nicaragua degli attacchi terroristici sia diretti che indiretti, spedendo laggiù le squadre della morte chiamate Contras. Il Nicaragua non reagì come fa oggi l'America, non bombardò Washington. Al contrario, denunciò gli Stati Uniti presso la Corte Internazionale di Giustizia dell'Aia.

    AUTORE
    Gli attacchi terroristici contro il Nicaragua, ordinati dall'amministrazione dell'allora presidente Reagan, miravano a rovesciare il governo nicaraguense accusato di essere un pericoloso bastione del comunismo. Messa di fronte al giudizio della più alta corte mondiale, Washington si rifiutò di presentare la propria difesa.

    NOAM CHOMSKY – Prof. MIT - Boston
    Gli Stati Uniti reagirono alla sentenza ignorandola, e non solo, il Congresso aumentò i finanziamenti alle squadre della morte dei Contras e il generale Galwin gli diede l'ordine di attaccare i target cosiddetti "soffici" del Nicaragua, e cioè uccidere giudici e amministratori.

    AUTORE
    Ecco le prove. Questo è il manuale operativo americano per i Contras, le squadre della morte finanziate da Washington e spedite in Nicaragua. Vi si insegnano tecniche di terrore implicito ed esplicito, e nel paragrafo sull'uso selettivo della violenza si contempla l'assassinio di giudici, piccoli allevatori, poliziotti e amministratori statali.

    DAVID MAC MICHAEL - ex agente della CIA, zona operativa Centro America.
    Gli atti più noti di terrorismo americano in Nicaragua, furono il bombardamento del deposito petrolifero di Corinto nel 1983, poi minammo diversi porti civili nel tentativo di mettere in ginocchio il paese economicamente, e infine ci infiltrammo lungo la frontiera con l'Honduras e assassinammo diversi funzionari civili del governo nicaraguense, fra cui medici, insegnanti, sindacalisti. Per queste ultime azioni ci servimmo di agenti addestrati e pagati da noi che erano noti col nome di Contras.

    IN STUDIO MILENA GABANELLI
    E’ un pugno nello stomaco, perché conosciamo bene il terrorismo dei nostri nemici, lo condanniamo e lo combattiamo, mentre il nostro non lo conosciamo. Ma cosa intendiamo noi per terrorismo? La definizione che ne dà l’FBI è la seguente: “il terrorismo è l’uso illegale della forza e della violenza contro persone o proprietà a fini intimidatori o coercitivi nei confronti di un governo, della popolazione civile o di ogni loro parte per l’ottenimento di obiettivi politici o sociali.”
    E allora proviamo a ripassare un po’ di storia, quella che non è ancora arrivata sui libri di scuola.

    AUTORE
    E' l'autunno del 1965, in Indonesia un colpo di stato militare porta al potere il genenerale Suharto. A quel tempo la forza politica maggiore nel paese era il PKI, Partito Comunista d'Indonesa, con un sostegno di massa fra i contadini di quell'immenso arcipelago. Stati Uniti e Gran Bretagna temevano che il PKI si potesse imporre trasformando l'Indonesia e le sue ricche risorse in un bastione anti occidentale. Suharto si fece subito carico dell'abolizione del partito comunista, un'abolizione non politica, fisica.
    Nello spazio di pochi mesi l'esercito di Suharto, affiancato da bande di estremisti musulmani, massacrò da un milione a due milioni di esseri umani, nessuno sa con precisione, un olocausto della cui brutalità sia gli americani che gli inglesi furono prontamente informati. Nei documenti segreti delle ambasciate di Londra e Washington a Jakarta si legge:

    Documento di Stato:
    "Gli uomini e le donne del PKI vengono giustiziati in grandi numeri. Sembra che dapprima gli offrano un coltello per uccidersi, al rifiuto vengono ammazzati con un colpo alla schiena. La gente che viene così trattata sono persone comuni, spesso nulla più che contadini spaventati che non sanno come rispondere alle bande di assassini assetati di violenza."

    AUTORE
    L'ambasciata americana scrive:
    Documento di Stato:
    "Si stimano a Bali già 80.000 morti.... le stragi continuano e non se ne vede la fine."

    NOAM CHOMSKY – Prof. MIT - Boston
    Gli americani sapevano e applaudirono! La stampa si profuse in lodi sperticate. Il New York Times scrisse di Suharto " è un raggio di luce in Asia", News Week dichiarò "è la speranza là dove non ve n'era", l'Economist lo descrisse come "un moderato dal cuore benevolo". E' ovvio, per noi stava facendo cose meravigliose, stava massacrando un oceano di persone e distruggendo l'unico partito con sostegno di massa nel paese per aprire i mercati indonesiani agli investimenti occidentali.

    AUTORE
    Il governo di Londra non fu da meno, come testimonia lo storico londinese Mark Curtis, autore di un noto e controverso volume sul terrorismo di stato britannico.

    MARK CURTIS – Storico Royal Institute of International Affairs - Londra
    La verità su quella pagina orrenda di storia è tenuta ben nascosta: l'Inghilterra appoggiò con entusiasmo il massacro di più di un milione di persone in Indonesia. In particolare Londra e Washington si fecero in quattro per condurre operazioni coperte di sostegno militare e per rassicurare l'esercito di Jakarta che non sarebbero intervenuti in alcun modo.

    AUTORE
    Nei documenti riservati americani e inglesi dell'epoca si legge:

    Documento di Stato:
    "Il Comandante in Capo britannico pensa che l'idea sia meritevole e che potrà assicurare che l'esercito indonesiano non venga distratto da quello che noi consideriamo un compito necessario."

    Documento di Stato:
    "E' stato detto chiaramente che sia l'ambasciata americana che il governo degli Stati Uniti condividono e ammirano, quello che l'esercito sta facendo."

    Documento di Stato:
    "Ci sembra da qui che la campagna militare indonesiana per distruggere il PKI proceda veloce e liscia come l'olio!.... Potrebbe essere che le cose si sviluppino con tale rapidità che fra poche settimane ci potremmo ritrovare con la situazione che abbiamo sperato."

    AUTORE
    L'ambasciatore inglese Sir Andrew Gilchrist commentò:

    Documento di Stato:
    "Non vi ho mai nascosto la mia convinzione che "qualche fucilata" in Indonesia fosse la condizione essenziale per un cambiamento effettivo."

    AUTORE
    Washington andò oltre: organizzò operazioni segrete per armare Suharto.

    Documento di Stato:
    "Nel frattempo potremmo considerare la disponibilità di armi leggere, meglio se non americane, che loro possono ottenere senza l'aperto coinvolgimento del governo americano. Potremo fornire assistenza segreta all'esercito per l'acquisto di armi."

    AUTORE
    E tutto questo perché?

    MARK PHYTHIAN – Relazioni Internazionali Univ. Wolverhampton, GB
    La Gran Bretagna aveva gli occhi puntati sui commerci con l'Indonesia e sugli investimenti, al punto che l'allora ministro degli Esteri Sir Michael Stewart scrisse parole chiare sul grande potenziale da sfruttare per gli esportatori inglesi una volta che la situazione politica si fosse stabilizzata.
    Viva l'Itaglia!

  2. #2
    Rivoluzionario L'avatar di Gendo Ikari
    Registrato il
    03-03
    Località
    Neo Tokyo 3
    Messaggi
    6.197
    Documento di Stato:
    "Se un giorno ci sarà un accordo con l'Indonesia, cosa che spero, credo che noi dovremo prendere parte attiva e assicurarci una fetta della torta da spartire."

    IN STUDIO MILENA GABANELLI
    Ma gli interessi inglesi e americani dove cominciano e dove finiscono? Andiamo dall’altra parte del mondo, in centro America, dove le dittature militari sono state protagoniste per 30 anni di una complicata storia del terrore su larga scala, appoggiata e finanziata dagli Stati Uniti.
    Anche qui la ragione che ufficialmente legittimava Washington era il pericolo per l’avanzata comunista. L’alto funzionario David McMichael era responsabile delle stime politiche della CIA per l’emisfero occidentale.

    DAVID MAC MICHAEL - ex agente della CIA, zona operativa Centro America.
    Alla CIA non abbiamo mai creduto che l'America latina potesse divenire un blocco comunista in stile est europeo. Quello che si temeva era che le nazioni latino americane potessero usare l'appoggio dell'URSS per portare avanti programmi politici e sociali che erano contrari agli interessi di Washington.

    AUTORE
    Peter Kornbluh è uno dei più stimati politologi d'America, e lavora presso la George Washington University. E' esperto dell’America latina e nel suo ultimo libro, Il dossier Pinochet, approfondisce, fra l'altro, proprio il tema della presunta minaccia comunista in quell'area.

    PETER KORNBLUH - Politologo george Washington Univ. Washington
    Lasci che le racconti la storia di come Nixon convinse la CIA a fomentare i disordini in Cile dopo la vittoria del socialista Allende. Pubblicamente dichiarò di voler fermare l'infezione comunista, ma i documenti di stato riportano che in privato Nixon dichiarò al Consiglio di Sicurezza Nazionale che Allende avrebbe portato nel mondo un modello politico di successo, un modello antagonista agli interessi americani e dunque da distruggere.

    AUTORE
    Dal 1962, Cuba e la sua popolazione civile entrano nel mirino di Washington. Negli archivi segreti americani si legge:

    Documento di Stato:
    "Top secret. I Capi di Stato Maggiore dell'esercito:

    Potremmo fare esplodere una nave americana a Guantanamo e incolpare Cuba. Si potrebbe organizzare una falsa campagna terroristica comunista a Miami o persino a Washington, che deve colpire i rifugiati cubani . Potremmo affondare una barca piena di rifugiati cubani, oppure incoraggiare i tentativi di omicidio contro i rifugiati cubani negli Stati Uniti."

    Documento di Stato:
    "Operazione Mongoose... abbiamo discusso se minare le acque cubane.... E' stato detto che sono disponibili mine americane non riconoscibili.... potremmo farle piazzare da Cubani.

    Documento di Stato:
    "Operazione Break up: causare incidenti a navi, aerei o veicoli cubani usando sostanze corrosive."

    AUTORE
    La contro-insurrezione divenne la parola d'ordine sia per l'America che per le dittature da lei appoggiate, o meglio, divenne un passpartout che giustificava qualsiasi efferatezza. Dal Guatemala, all'Honduras, dal Cile al Paraguay il terrorismo di stato non ebbe limiti. E dal Guatemala arriva un documento di straordinario valore storico: è il disperato appello che il diplomatico americano Viron Vaky spedisce ai suoi superiori nel marzo del 1968, un atto di accusa contro la complicità del suo paese col terrorismo di quegli anni.

    Documento di Stato:
    "La gente viene uccisa o scompare sulle basi di semplici accuse.... gli interrogatori sono brutali, usano la tortura e mutilano i corpi.... Noi abbiamo tollerato la contro insurrezione, l'abbiamo incoraggiata e benedetta.... Siamo talmente ossessionati dalla paura delle insurrezioni che ci siamo sbarazzati di ogni remora.... E così l'omicidio, la tortura e le mutilazioni sono giusti se sono i nostri alleati a farlo e se le vittime sono comunisti....Ma è possibile che una nazione così fedele alla legalità possa così facilmente acconsentire a queste tattiche terroriste?"

    AUTORE
    Nel nome della contro-insurrezione Washington impiegò i seguenti strumenti: passarono alla giunta militare del Guatemala una lista di persone da assassinare , dove si legge:

    Documento di Stato:
    "Selezione di individui per l'eliminazione da parte della Giunta militare"
    "Categoria 1 - Persone da eliminare attraverso azione esecutiva."

    AUTORE
    Queste pagine, oggi cancellate dai servizi americani, contenevano i nomi dei condannati.
    Pubblicarono un manuale per assassini, che dichiara:

    Documento di Stato:
    "E' raro che si possa mantenere una coscienza pulita nell'assassinare qualcuno. Chi è deboluccio di coscienza è meglio che neppure ci provi."
    "Fra le tecniche: un incendio può causare la morte del soggetto, se lo si droga e lo si lascia a bruciare nella casa. Ma non è un metodo affidabile, a meno che la casa non sia isolata e altamente infiammabile."

    AUTORE
    E il manuale per interrogatori Kubark, che sarà usato per decenni, e dove gli Stati Uniti insegnano apertamente la tortura:

    Documento di Stato:
    "Per gli interrogatori coercitivi, va richiesta approvazione da parte del Quartiere Generale nelle seguenti circostanze: 1) Se si deve infliggere dolore fisico; 2) se strumenti medici, chimici o elettrici devono essere usati per indurre obbedienza."
    "Le principali tecniche coercitive sono: l'arresto, la detenzione, la deprivazione sensoriale, le minacce, la paura, la debilitazione, il dolore, la suggestione, l'ipnosi e le droghe."

    AUTORE
    Il Salvador ha vissuto episodi di terrorismo di stato di una crudeltà particolare, e anche qui si parlò molto dell'America.

    SUOR TERESA ALEXANDER - Ordine Sorelle Maryknoll, San Salvador
    Qui è dove trovammo i corpi delle quattro sorelle, presente era anche l'ambasciatore americano White. Allora c'erano solo dei cespugli e del filo spinato aggrovigliati, e loro erano state scaricate lì.

    AUTORE
    Due Dicembre 1980, quattro suore americane missionarie in Salvador vengono rapite dall'esercito della giunta militare e trucidate. Suor Teresa Alexander era con loro quel giorno, si salvò solo perché arrivò in ritardo all'appuntamento con le altre. Il ritrovamento dei corpi malcelati fece scalpore e ci si chiese il perché di tale atrocità. Suor Teresa mi porta oggi sul luogo del delitto e risponde a quella domanda.

    SUOR TERESA ALEXANDER - Ordine Sorelle Maryknoll, San Salvador
    Noi portavamo un messaggio di libertà, ma soprattutto eravamo le uniche a portare negli Stati Uniti le notizie di quello che veramente stava accadendo in Salvador. La verità non veniva raccontata agli americani, noi denunciavamo in particolare le sparizioni, i massacri di preti, di uomini e di donne.

    AUTORE
    All'arrivo della notizia, l'amministrazione Reagan finge di indignarsi, e sospende gli aiuti al Salvador. Ma questo documento del Congresso dimostra al contrario che gli aiuti economici ai terroristi di stato salvadoregni, agli assassini delle quattro suore, verranno ristabiliti dopo 12 giorni, quelli militari dopo appena un mese.

    SUOR TERESA ALEXANDER - Ordine Sorelle Maryknoll, San Salvador
    Una delle sorelle massacrate mi disse che suo padre negli Stati Uniti fabbricava gli elicotteri militari che poi lei stessa vedeva volare qui. Andò persino dall'Ambasciatore Wright a denunciare questa cosa, ma lui stentava a crederle.

    AUTORE
    Undici dicembre 1981, villaggio di El Mozote, provincia di Morazàn, El Salvador. Un corpo d'elite dell'esercito salvadoregno, il battaglione Atlacatl, circonda le abitazioni. Gli abitanti sono separati in gruppi, uomini, donne e bambini. Lo sterminio inizia dagli uomini, poi le donne e poi i bambini, questi ultimi uccisi dentro la chiesa a fucilate e coltellate come agnelli in gabbia. Alla fine la strage conterà quasi 1.200 morti, tutti civili inermi. Il battaglione Atlacatl lascerà la sua firma.

    CARTELLO LASCIATO SU UN MURO DAL BATTAGLIONE ATLACATL:
    "Qui è stato il battaglione Atlacatl, il padre dei sovversivi, seconda compagnia. Avete fatto una cagata, figli di puttana. Se avete bisogno di palle chiedetele per corrispondenza al battaglione Atlacatl.”

    AUTORE
    Santiago Consalvi, giornalista dell'allora clandestina radio Venceremos, ha memoria di come la scena si presentò ai primi testimoni alcune settimane dopo.

    SANTIAGO CONSALVI – Giornalista San Salvador
    Fui uno di primi ad arrivare a El Mozote pochi giorni dopo l'eccidio, quando se ne rumoreggiava ma si stentava a crederci. Quello che vidi fu una scena dantesca. Contammo i corpi di 400 bambini massacrati, cadaveri ovunque, braccia mozzate, un odore rivoltante. Alcuni resti umani erano anche bruciati, perché l'esercito diede fuoco alle case prima di lasciare il posto.

    AUTORE
    La gente che vive qui oggi a El Mozote ovviamente non ha ricordi del massacro, perché ha ripopolato il villaggio solo molti anni dopo, nel 1993, eccetto una persona, che ricorda tutto perché vide tutto.
    Si chiama Rufina Amaya, è l'unico essere umano sopravvissuto all'eccidio, e oggi vive a pochi chilometri da El Mozote. Rufina perse tre figli nel massacro, di cui il più piccolo ancora lattante. Ci riporta a El Mozote, ma non senza difficoltà, perché di mezzo ci si mette una frana e pure un acquazzone tropicale. Ma alla fine ci arriviamo.

    RUFINA AMAYA – Sopravvissuta a El Mozote
    I militari arrivarono alle 6 del pomeriggio. Le donne furono subito portate in due case diverse, quella di Alfredo Marques e quella di Benita Dias, mentre gli uomini furono portati in chiesa. Poi la mattina seguente arrivò un elicottero e iniziarono a torturare gli uomini. A mezzogiorno cominciarono con le donne e lì iniziò la strage.
    Le donne venivano uccise a gruppi. Io avevo i miei tre figli intorno, tra cui una bimba che ancora allattavo, mi strapparono i figli, e così alle altre. Nella confusione mi nascosi fra i cespugli, ma sentivo i bambini urlare e anche i miei bambini mi chiamavano.... i bambini chiamavano le madri...i miei figli mi urlavano "mammina difendici…ci uccidono con dei coltelli e con le pallottole", ma non potevo fare nulla. Mi inginocchiai e chiesi aiuto a Dio, che mi perdonasse o mi salvasse.
    Non resistetti alle urla dei bambini e all'una di notte uscii, mentre nel frattempo i soldati avevano dato fuoco alle case. Mi trovai fra il bestiame e i cani che si erano rifugiati di fianco a un fuoco, e mi nascosi fra di loro a gattoni, mentre continuavo a sentire gli urli dei bambini.
    Io pregavo continuamente proprio per non piangere perché mi avrebbero sentita e allora feci un buco nella terra.... ci ficcai la testa e scoppiai a piangere.

    AUTORE
    I terroristi del battaglione Atlacatl, gli uomini capaci di fare questo a 400 bambini e a 800 civili inermi, ebbero un sostegno diretto, ripetuto e consapevole proprio dalla nazione che oggi si è posta alla guida della guerra al terrorismo. Le prove nei documenti di stato americani. L'eccidio, lo ricordiamo, avveniva nel dicembre del 1981.

    Documento di Stato:
    "Dal Sotto Segretario alla Difesa, all'Onorevole John Joseph Moakley"
    "Il battaglione Atlacatl fu in effetti addestrato dai militari degli Stati Uniti nel 1981. Furono addestrati un totale di 1383 soldati. L'addestramento fu condotto nel Salvador."
    Viva l'Itaglia!

  3. #3
    Rivoluzionario L'avatar di Gendo Ikari
    Registrato il
    03-03
    Località
    Neo Tokyo 3
    Messaggi
    6.197
    AUTORE
    La strage di El Mozote divenne di dominio pubblico nel giro di pochi mesi, ma nonostante ciò l'appoggio americano ai terroristi dell'Atlacatl non cesserà e durerà per altri 8 anni, fino al 1989 quando l'Atlacatl firmerà un'altra strage, quella dei 6 gesuiti e delle due perpetue.

    Documento di Stato:
    "All'interno della valutazione del distaccamento, abbiamo addestrato 150 soldati del battaglione Atlacatl. L'addestramento fu interrotto il 13 novembre del 1989."

    AUTORE
    E mentre le autorità salvadoregne mentivano su El Mozote, i diplomatici statunitensi le rassicuravano e garantivano aiuti militari ribadendo comunità di interessi con la giunta. In questo documento riservato del febbraio 1982 un diplomatico americano in Salvador scrive:

    Documento di Stato:
    "Oggi di fronte al Congresso Tom Enders ha difeso lo stanziamento di altri 55 milioni di dollari in armamenti al Salvador."

    AUTORE
    E poi.
    Documento di Stato:
    "Il generale Garcia, ministro della Difesa salvadoregno, mi ha detto che la storia di Morazàn e di El Mozote è una favoletta, è pura propaganda marxista senza fondamento. Gli ho risposto che è chiaramente propaganda, sapientemente costruita. E come zuccherino finale, gli ho ricordato che il Washington Post sostiene le nostre politiche comuni."

    Immagini di repertorio: discorso del presidente Bush allo State of the Union del 2002:
    “Lo riaffermiamo oggi. Noi scegliamo la libertà e la dignità di ogni vita.”

    IN STUDIO MILENA GABANELLI
    In più occasioni George Bush ha detto che la sua lettura preferita sono i Vangeli. Nei vangeli c’è una famosa definizione dell’ipocrita: ipocrita è chi rifiuta di applicare a se stesso il metro di giudizio che applica agli altri. Ma torniamo in Salvador.

    AUTORE
    Terroristi furono gli assassini del cosiddetto santo protettore dei poveri salvadoregni, il Monsignor Oscar Romero, ucciso in questa chiesa nel marzo del 1980, ma anche questi godettero della protezione americana, a partire dal maggiore Roberto D'Aubuisson, il mandante dell'omicidio.

    Documento di Stato:
    "L'ex Ambasciatore americano in Salvador Robert White ha dichiarato che l'amministrazione statunitense sapeva da tre anni che Roberto D'Aubuisson aveva pianificato e ordinato l'assassinio di Monsignor Romero, e che per tre anni l'amministrazione Reagan aveva soppresso quei fatti."

    AUTORE
    D'Aubuisson era un terrorista, e a Washington non potevano dire di non saperlo. Infatti lo scrisse lo stesso Elliot Abrahams al segretario di Stato americano, nero su bianco.

    Documento di Stato:
    "Nel tabulato 2 si trova un memorandum del novembre 1984 che riassume informazioni segrete sui collegamenti di D'Aubuisson col terrorismo."

    AUTORE
    Gli occhi di un altro testimone. Capo di Stato Maggiore della Difesa del Salvador negli anni del terrore, il generale Blandon ci rivela cose gravi: secondo lui i soldati americani parteciparono ad azioni con le truppe salvadoregne e agirono nella totale illegalità.

    GEN. ONECIFERO BLANDON – Ex Capo di Stato Maggiore esercito del Salvador
    Erano consiglieri militari americani inviati qui e che con il consenso dei nostri vertici, parteciparono a diverse operazioni sul campo. Questo è certo, lo confermo personalmente. E' stata una vera fortuna che nessuno di questi militari americani fosse mai ucciso né ferito in combattimento.

    DAVID MAC MICHAEL - ex agente della CIA, zona operativa Centro America.
    Il numero di consiglieri militari americani in Salvador, se ricordo bene, non avrebbe dovuto superare i 60, secondo quanto stabilito dal Congresso, ma segretamente mi risulta che fossimo più di 500 laggiù.

    GEN. ONECIFERO BLANDON – Ex Capo di Stato Maggiore esercito del Salvador
    Io non so se si rendevano conto di violare i diritti umani, ma sono certo che loro agivano senza il consenso dell'ambasciata americana. Erano iniziative personali di soldati statunitensi, puro volontariato militare.
    Erano affezionati alla guerra e non perdevano l'opportunità di combattere; per loro combattere era una specie di sport.

    AUTORE
    Difficile credere che 500 soldati dell'esercito americano combattessero senza direttive dall'alto. In ogni caso perché non furono mai indagati?
    D - Ma voi vedevate la presenza degli americani qui?

    RUFINA AMAYA – Sopravvissuta a El Mozote
    Sì, io li vedevo, e soprattutto durante la mia fuga, dopo la strage, mentre vivevo nella boscaglia, vidi due cadaveri; erano soldati americani, erano grandi e alti, diversi dai salvadoregni, ed è per questo che li riconobbi.

    AUTORE
    Oggi il Salvador appare come un Paese pacificato, ma il lascito degli anni del terrorismo di Stato è come un velo che opacizza la vita di tutti qui. Il paesaggio poi inquieta. Queste città sono la brutta copia dell'America di provincia, costellate di fast food e ipermercati in puro stile USA sullo sfondo della solita povertà estrema e tutto qui sembra essere stato prodotto negli Stati Uniti e importato da là. E allora viene spontanea una domanda: il nostro terrorismo, quello voluto o appoggiato dai paesi democratici, è servito davvero a garantire i nostri investimenti nel sud del mondo? E' una domanda che rivolgo a chi ha i titoli per rispondere, poiché è professore emerito di finanza alla prestigiosa Warton School della Pennsylvania University, ed è inoltre l'autore di questo libro, "Il vero network del terrore".

    EDWARD HERMAN - Pennsylvania University
    Tutte le ragioni politiche che si sono date per l'egemonia occidentale nel mondo sono il corollario di quelle economiche. L'occidente è business e il business deve espandersi. Per espandersi in condizioni favorevoli richiede accettazione del libero mercato, soppressione dei sindacati e liberi investimenti, e li pretende dalla classe politica. Fu così dal Cile di Pinochet all'Indonesia di Suharto o nelle Filippine del dittatore Marcos, che appena giunto al potere disse pubblicamente agli americani: "Ditemi che leggi volete e io ve le farò". Ecco la ragione dell'appoggio al terrore militare, perché solo col terrorismo su scala globale si potevano tacitare milioni di persone contrarie a queste politiche.

    D - Ma se lei dicesse all'americano medio che il suo paese ha praticato e sostenuto il terrorismo, lei pensa che verrebbe creduta?

    SUOR TERESA ALEXANDER - Ordine Sorelle Maryknoll, San Salvador
    No, non mi crederebbero, loro non riescono a credere alle cose che abbiamo fatto ad altri paesi.

    AUTORE
    Il presidente George W. Bush e il premier Britannico Blair hanno più volte tuonato contro i Paesi che forniscono sostegno ai terroristi. Ma America e Inghilterra sono accusati di aver armato e sostenuto il terrore che ha devastato e ancora devasta il sud est turco.

    AUTORE
    Negli anni novanta il governo turco scatenò una campagna di terrore contro la minoranza curda nel sud est del paese. Il pretesto era sempre lo stesso, la contro-insurrezione per eliminare il PKK, un gruppo di guerriglieri e talvolta terroristi curdi noti per i loro violenti metodi. Ma cosa c'entravano i civili, le donne e i bambini? Due milioni di civili curdi furono cacciati dalle loro case, furono torturati, ammazzati, incarcerati. L'efferatezza di Ankara giunse al punto che nel 1994 lo stesso ministro turco Azimet Koyluoglu dichiarò che quei metodi equivalevano a terrorismo di stato. Human Rights Watch di Londra, fra le più rispettate organizzazioni per i diritti umani del mondo, denuncia.

    JONATHAN SUGDEN - Human Rights Watch - Londra
    Le forze speciali dell'esercito bruciarono e distrussero 3.600 villaggi, con un esodo di rifugiati drammatico, dopo avergli sterminato il bestiame su cui dipendevano per sopravvivere. Quello che accadde nel Curdistan turco negli anni novanta fu senza dubbio voluto da Ankara. Va aggiunto che quella repressione si assommava alla ordinaria brutalità inflitta ai civili curdi dal governo, fra cui le torture dei carcerati. Fra il 1990 e il 1995 la tortura fu usata sistematicamente, e sappiamo di almeno 90 persone torturate a morte laggiù.

    AUTORE
    Due milioni di rifugiati, villaggi distrutti, manifestanti selvaggiamente picchiati e arrestati, torture, sparizioni.

    NOAM CHOMSKY - MIT Boston
    Nel solo anno 1997, sotto l'amministrazione del presidente Clinton, Washington vendette più armi alla Turchia di quanto abbia mai fatto nell'intero periodo della guerra fredda. E questo non è chiudere un occhio di fronte alle atrocità, questa è partecipazione entusiasta in alcuni dei peggiori atti di terrorismo contro civili di tutti gli anni novanta.

    AUTORE
    Nel 1995 Human Rights Watch pubblicava e inviava ai nostri governi il seguente rapporto, dove si legge:
    Documento di Stato:
    "Gli Stati Uniti hanno riversato armi potenti nell'arsenale turco per anni, divenendo complici in una campagna di terra bruciata che viola le norme più fondamentali della legge internazionale."
    "Human Rights Watch è arrivato alla conclusione che gli Stati Uniti d'America sono profondamente implicati nelle azioni di contro insurrezione del governo turco attraverso la fornitura di armi e il sostegno politico, pur essendo consapevoli degli abusi che vengono commessi."

    AUTORE
    Oltre agli americani, il sostegno principale viene dalla Germania e dall'Inghilterra: ecco la lista di armi vendute ad Ankara dal governo laburista di Tony Blair.
    E questo è il rapporto del Dipartimento di Stato Americano sulla Turchia, che contiene chiare ammissioni.
    Documento di Stato:
    "Armi americane sono state usate nelle operazioni contro il PKK, durante le quali sono stati commessi abusi dei diritti umani. E' molto probabile che quelle armi furono usate durante l'evacuazione e distruzione dei villaggi."

    AUTORE
    Ma alla fine del rapporto, ecco perché quel terrorismo non viene chiamato terrorismo, perché quelle torture non sono torture, perché quei morti contano di meno.

    Documento di Stato:
    "La Turchia continua a essere di grande importanza strategica per gli Stati Uniti. Il suo orientamento pro occidentale è essenziale per le nostre mire politiche in Medio Oriente e in Asia Centrale.”

    D - Ma questa non è connivenza col terrorismo?

    JONATHAN SUGDEN - Human Rights Watch - Londra
    Penso che fornire armi che saranno usate per crimini contro l'umanità a tutti gli effetti è connivenza in quei crimini.
    Immagini di repertorio tratte da servizi giornalisti su Timore Est di vari telegiornali

    AUTORE
    Alcuni ricorderanno che alla fine dell'estate del 1999 i nostri telegiornali parlarono della piccola isola indonesiana di Timor Est, che proprio in quei giorni votava in un referendum per staccarsi dall'Indonesia, che l'aveva invasa e occupata nel 1975. Poche notizie, un nome ignoto ai più, Timor Est.

    AUTORE
    Le squadre della morte anti indipendentiste, con l'appoggio dell'esercito di Jakarta, scatenarono un regno di terrore prima e dopo il referendum, dove il 78% dei timoresi dell'est diranno sì all'indipendenza dall'Indonesia. Furono sterminati 4.000 civili e mezzo milione di timoresi fuggì sulle montagne. E mentre laggiù scorreva sangue, Londra faceva affari.
    Immagini documenti su vendita armi inglesi agli indonesiani:
    esportazioni inglesi di armi all’indonesia, 1997-2002, totale 390 milioni di sterline. ditte coinvolte: heckler, alvis, land rover, gkn, coultards.

    AUTORE
    Come si è detto, era dal 1975 che Timor est era stata illegalmente occupata dall'Indonesia del generale Suharto, quello che aveva sterminato più di un milione di civili dieci anni prima. Nel 1975 a Timor est Suharto si accontentò e ne ammazzò 200.000.

    MARK CURTIS – Storico Royal Institute of International Affairs - Londra
    Negli anni successivi all'invasione di Timor Est, mentre le stragi stavano causando le migliaia di morti che oggi sappiamo, Londra aumentò vertiginosamente il suo sostegno militare al regime, arrivando cinque anni dopo a essere il secondo fornitore mondiale di armi a Jakarta.

    AUTORE
    L'America, come nel 1965, partecipò a quella sanguinosa pagina di storia. Ma soprattutto, prima di invadere illegalmente Timor Est, Suharto chiese il permesso al presidente americano Ford e al suo segretario di Stato Kissinger, che acconsentirono apertamente.

    Documento di Stato:
    "Consiglio Per La Sicurezza Nazionale, Washington, Armi americane usate durante l'invasione: due fregate coinvolte nei bombardamenti su Timor Est, cinque mezzi da sbarco US511, cinque aerei da trasporto truppe C47, 8 Hercules C130. Sia la diciassettesima che la diciottesima brigata aerotrasportata indonesiane sono totalmente sostenute e addestrate dai nostri militari."

    Documento di Stato:
    Suharto: "Noi desideriamo la vostra comprensione se dovessimo decidere di agire rapidamente e drasticamente."
    Ford: "Noi comprenderemo e non le faremo pressioni su questo. Capiamo il suo problema e le sue intenzioni."

    AUTORE
    Kissinger aggiunse:

    Documento di Stato:
    Kissinger: "E' importante che qualsiasi cosa lei faccia abbia un rapido successo. Potremo influenzare le reazioni in America se qualsiasi cosa succeda accada dopo il nostro ritorno. Il presidente arriverà lunedì alle
    due del pomeriggio ora di Jakarta."

    AUTORE
    Al decollo dell'aereo presidenziale americano scattò l'invasione e il seguente massacro di 200.000 esseri umani. Questo fu Suharto, ma ancora nel 1995 il governo del presidente Clinton lodava questo terrorista definendolo "un tipo che fa per noi", lo scrisse il New York Times.

    IN STUDIO MILENA GABANELLI
    Ritorniamo ai nostri giorni, con la Scuola della Americhe, che vedremo più avanti e con il conflitto in Cecenia, un conflitto fra Stato Russo e terroristi ceceni che dura da 8 anni. Non entriamo nel merito di chi ha torto o ragione, il punto sono i crimini contro la popolazione civile ad opera dei militari russi, crimini condannati dall’occidente per loro brutalità fino al 2001, anno in cui la Russia si è alleata con Stati Uniti e Gran Bretagna nella lotta mondiale al terrorismo. Da Ottobre del 2001 quei crimini non esistono più.

    DONNA CECENA
    Avevo una nipote che era incinta, aveva altri 5 figli con sé e partì da Grozny il giorno prima di me. Era su un pulmino con tanti altri, i soldati russi hanno circondato e fermato il mezzo e tirato fuori tutti i passeggeri, compresa mia nipote. Tutti i soldati l’hanno violentata uno per uno, poi hanno fatto risalire tutti a bordo e poi gli hanno dato fuoco.

    AUTORE
    Questa storia è solo un accenno di quanto è accaduto e accade nella Repubblica Autonoma Cecena che da dieci anni cerca l’indipendenza da Mosca. Dopo i fallimentari interventi armati di Eltsin, dal 1999 Putin decide di reprimere le mire indipendentiste della Cecenia usando i mezzi del terrore su larga scala e facendo terra bruciata. Da qui nascono i gruppi terroristici kamikaze che la Russia cerca disperatamente di eliminare. Le vittime come vedremo sono i civili.

    DONNA CECENA
    I russi ci chiamano terroristi, assassini, per loro tutti i Ce-ceni sono kamikaze sanguinari. Eccoli qui, li vedete, questi sono i terroristi che i russi vogliono sterminare. Siamo noi, donne e bambini, le vittime di questa sporca guerra.

    VIACHESLAV IZMAILOV – Ufficiale Armata Russa
    Circa ogni 3 mesi giungevano dalla Russia nuovi poliziotti e nuovi ufficiali che facevano quello che volevano, torturavano, uccidevano e poi facevano sparire le prove dei loro delitti in fosse comuni.”

    AUTORE
    Il terrorismo delle forze russe contro i civili ceceni è documentato per la prima volta in questo rapporto del governo ceceno filorusso e ottenuto dal quotidiano francese Le Monde. Riporta 1314 civili assassinati, si parla
    di esecuzioni sommarie con i segni della tortura, 49 fosse comuni per un totale di 2.879, decessi avvenuti al di fuori di ogni scontro armato o bombardamento nel solo anno 2002.

    DONNA CECENA
    Ditelo nei vostri paesi, raccontate come vivono i nostri bambi-ni, come si vive qui. Prima le bombe, ora soldati dappertutto, sempre pronti a sparare e a uccidere. Non finirà mai, non finirà più.

    UOMO CECENO
    Erano vera-mente momenti tragici. Case squarciate, macchine in fiamme, cada-veri bruciati. Tutto era sottosopra, un mare di sangue. Erano co-sì quei momenti, i cani mangiavano i cadaveri. Ho visto tutto questo. Ma la cosa più difficile da sopportare era la crudeltà dei soldati russi.

    AUTORE
    Quest'uomo ha trovato un rifugio precario oltre il confine con la Georgia. Con lui sono rimasti soltanto una sorella e un nipo-tino orfano dei genitori.

    UOMO CECENO
    Ho accettato questa intervista perché conoscevo Antonio Russo. In questo villaggio lo conoscevamo molto bene. Soggiornava spesso qui con noi e una volta si è fermato addirittura due mesi. Gli volevamo bene perché davvero quest'uomo aveva preso a cuore le nostre sciagure. Non aveva paura dei russi, anche se poi proprio loro lo hanno ammazzato.

    AUTORE
    Antonio Russo, 40 an-ni, giornalista di Radio Radicale, venne barbaramente ucciso in Georgia, con il torace sfondato. Per rapina si disse subito. Ma in realtà la tecnica usata è quella tipica dei killer del KGB. E molti sono oggi convinti che Russo avesse le prove dell'uso di armi non convenzionali contro i civili ceceni da par-te dei russi. Sarebbe stata questa la ragione della sua condanna a morte.

    MILITARE RUSSO IMPEGNATO IN CECECNIA
    La guerra si potrebbe concludere in pochi mesi. E' chi sta in alto che non ha interesse a finirla. Per continuare a fare soldi, a riciclare denaro sporco su armi, droghe e altre schifezze.

    AUTORE
    Non ci sono cifre né forse mai ci saranno sulle vittime civili dei mesi di assedio, né su quelle delle rappresaglie tuttora in corso che ha coinvolto l’intera popolazione maschile e i giovani sospettati di collaborare con il partito armato. Prima della guerra, Grozny contava mezzo milione di abitanti. Dopo il 1996, tra nuove speranze di rinascita, ne rimanevano 100mila. Sotto le bombe del 1999 e del 2000 sono sopravvissuti in poche migliaia e ancora oggi la città è chiusa alle agenzie umanitarie e agli osservatori in-ternazionali.

    ANNA POLITKOVSKAJA – Novaja gazeta – Russia
    Anch’io ho visto al bordo dei villaggi pezzi di corpo di persone che erano state fatte saltare in aria. Poi i militari raccontavano che quelli erano guerriglieri che avevano tentato la fuga e che si erano fatti saltare in aria. Questo è falso, perché erano persone imbottite di esplosivo dai militari e che loro facevano esplodere.

    AUTORE
    E questo con il plauso di gran parte dell’occidente democratico.

    VALENTINA MELNIKOVA – Associazione madri militari russi - Cordinator Council
    La guerra in Cecenia non è un servizio reso alla patria. I sol-dati e gli ufficiali che uccidono i ceceni non sono eroi ma cri-minali. Non dobbiamo permettere che i nostri figli diventino anch'essi responsabili di veri e propri crimini di guerra.

    MARK CURTIS – Storico Royal Institute of International Affairs - Londra
    Il primo ministro inglese è arrivato al punto di vantarsi in pubblico di guidare il Governo che maggiormente sostiene le politiche di Putin in Cecenia. Eppure se volesse Blair potrebbe esercitare pressioni su Mosca essendo noi inglesi fra i 5 più ricchi investitori in Russia.

    AUTORE
    La base americana di Fort Benning è stata la sede della Scuola delle Americhe, che avrebbe dovuto essere un normale centro di addestramento dedicato alle leve militari dell'America latina. In realtà dentro la base accadde ben altro. Ne parlo con padre Roy Bourgeois, un veterano del Vietnam che ha conosciuto gli orrori della guerra. Convertitosi al sacerdozio, padre Roy denuncia da anni la Scuola delle Americhe.
    Viva l'Itaglia!

  4. #4
    Rivoluzionario L'avatar di Gendo Ikari
    Registrato il
    03-03
    Località
    Neo Tokyo 3
    Messaggi
    6.197
    Documento di Stato:
    "Consiglio Per La Sicurezza Nazionale, Washington, Armi americane usate durante l'invasione: due fregate coinvolte nei bombardamenti su Timor Est, cinque mezzi da sbarco US511, cinque aerei da trasporto truppe C47, 8 Hercules C130. Sia la diciassettesima che la diciottesima brigata aerotrasportata indonesiane sono totalmente sostenute e addestrate dai nostri militari."

    Documento di Stato:
    Suharto: "Noi desideriamo la vostra comprensione se dovessimo decidere di agire rapidamente e drasticamente."
    Ford: "Noi comprenderemo e non le faremo pressioni su questo. Capiamo il suo problema e le sue intenzioni."

    AUTORE
    Kissinger aggiunse:

    Documento di Stato:
    Kissinger: "E' importante che qualsiasi cosa lei faccia abbia un rapido successo. Potremo influenzare le reazioni in America se qualsiasi cosa succeda accada dopo il nostro ritorno. Il presidente arriverà lunedì alle
    due del pomeriggio ora di Jakarta."

    AUTORE
    Al decollo dell'aereo presidenziale americano scattò l'invasione e il seguente massacro di 200.000 esseri umani. Questo fu Suharto, ma ancora nel 1995 il governo del presidente Clinton lodava questo terrorista definendolo "un tipo che fa per noi", lo scrisse il New York Times.
    Viva l'Itaglia!

  5. #5
    CodeRed
    Ospite
    ok, ho letto fino alla fine su Bosh, poi sono dovuto andare a studiare, ora leggerò meglio. Cmq è spaventoso, fa venire in mente i "Patriots" di Metal Gear Solid II

  6. #6
    Bannato L'avatar di moka
    Registrato il
    04-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    19.630
    milena gabanelli non è mica quella che fa report su rai tre?

  7. #7
    Rivoluzionario L'avatar di Gendo Ikari
    Registrato il
    03-03
    Località
    Neo Tokyo 3
    Messaggi
    6.197
    Inviato da moka
    milena gabanelli non è mica quella che fa report su rai tre?
    Infatti questa è la trasmissione del 20, mi sembra.
    Viva l'Itaglia!

  8. #8
    Capellone Generation '60 L'avatar di Faasi
    Registrato il
    02-03
    Località
    Terra, Italia, Roma
    Messaggi
    1.250
    Sorprendente!

    ----------------------------
    Libero Pensatore
    Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo. (Voltaire)

  9. #9
    (un po' meno) cattivo L'avatar di L33T
    Registrato il
    10-02
    Località
    Ovunque e in nessun luogo
    Messaggi
    3.908
    http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=169

    Niente di strano comunque: nella politica internazionale non ci sono agnelli; sono tutti lupi.
    Es ist nichts schrecklicher als eine tätige Unwissenheit.

  10. #10
    Rivoluzionario L'avatar di Gendo Ikari
    Registrato il
    03-03
    Località
    Neo Tokyo 3
    Messaggi
    6.197
    Inviato da L33T
    http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=169

    Niente di strano comunque: nella politica internazionale non ci sono agnelli; sono tutti lupi.
    Niente di strano allora se dirò che gli USA sono l'ultimo paese del mondo che ci deve venire a fare quegli ignobili sermoni su come combattere il terrorismo, vero?
    Viva l'Itaglia!

  11. #11
    (un po' meno) cattivo L'avatar di L33T
    Registrato il
    10-02
    Località
    Ovunque e in nessun luogo
    Messaggi
    3.908
    Certo, hai perfettamente ragione.
    Ma d'altra parte se qualcuno ha mai creduto alla santità degli Usa tanto sbandierata da Bush deve solo far penitenza per essere stato un ingenuo.
    Es ist nichts schrecklicher als eine tätige Unwissenheit.

  12. #12
    Utente L'avatar di cerberus
    Registrato il
    01-03
    Località
    Salaria Sport Village
    Messaggi
    18.301
    Ora sono un pò stanchino quindi l'ho letto solo in parte ma mi sembra interessante...
    Engineers do it better
    "Lo scienziato non studia la natura perché è utile, ma perché ne prova piacere e ne prova piacere perché è bella. Se la natura non fosse bella, non varrebbe la pena studiarla e la vita non varrebbe la pena di essere vissuta”.( Henri Poincaré )
    "Scientists discover the world that exists; engineers create the world that never was."

  13. #13
    Old times rock and roll! L'avatar di dirkpitt
    Registrato il
    04-03
    Località
    Gilead, Medio-Mondo.
    Messaggi
    9.998
    Inviato da L33T
    Certo, hai perfettamente ragione.
    Ma d'altra parte se qualcuno ha mai creduto alla santità degli Usa tanto sbandierata da Bush deve solo far penitenza per essere stato un ingenuo.
    Si va bene,non commento nemmeno perchè se sei antiUSA puoi postare quello che vuoi,se sei filoUSA sei ignorante e non vieni nemmeno considerato.
    Sono tutti lupi,sono tutti terroristi,eppure date addosso solo agli USA!Anche gli altri Stati nascondono i loro scheletri,ma non dite niente.
    Cacchio,ho commentato...sono un ingenuo...non potevo...
    "Il pistolero si destò da un sogno confuso dominato da un'unica immagine, quella del Mazzo di Tarocchi con il quale l'uomo in nero gli aveva predetto (non si sa quanto onestamente) l'amaro destino. Affoga, pistolero, gli diceva l'uomo in nero, e nessuno gli getta una cima. Il giovane Jake. Ma non era un incubo. Era un bel sogno. Era bello perché era lui ad annegare, quindi non era affatto Roland, bensì Jake e questo gli era di consolazione perché sarebbe stato mille volte meglio annegare come Jake che vivere nei panni di se stesso uomo che, nel nome di un gelido sogno, aveva tradito un bambino che in lui aveva riposto tutta la sua fiducia."

  14. #14
    Rivoluzionario L'avatar di Gendo Ikari
    Registrato il
    03-03
    Località
    Neo Tokyo 3
    Messaggi
    6.197
    Inviato da dirkpitt
    Si va bene,non commento nemmeno perchè se sei antiUSA puoi postare quello che vuoi,se sei filoUSA sei ignorante e non vieni nemmeno considerato.
    Sono tutti lupi,sono tutti terroristi,eppure date addosso solo agli USA!Anche gli altri Stati nascondono i loro scheletri,ma non dite niente.
    Cacchio,ho commentato...sono un ingenuo...non potevo...
    Ti faccio notare che stai dicendo che critichiamo solo gli usa, a persone che sono appena uscite da discussioni contro il comunismo, il fascismo, cuba, e migliaia di altri paesi, compreso iraq e afghanistan.
    Le tue accuse sono ridicole.
    Ogni volta che tocchiamo un qualsiasi argomento arrivano le classiche persone favorevoli a quell'argomento che dicono regolarmente che si parla solo di quello.
    Tutto ciò è ridicolo.
    Viva l'Itaglia!

  15. #15
    (un po' meno) cattivo L'avatar di L33T
    Registrato il
    10-02
    Località
    Ovunque e in nessun luogo
    Messaggi
    3.908
    Si va bene,non commento nemmeno perchè se sei antiUSA puoi postare quello che vuoi,se sei filoUSA sei ignorante e non vieni nemmeno considerato.
    Sono tutti lupi,sono tutti terroristi,eppure date addosso solo agli USA!Anche gli altri Stati nascondono i loro scheletri,ma non dite niente.
    Cacchio,ho commentato...sono un ingenuo...non potevo...
    Pochi minuti fa Gendo mi ha detto che sono palesemente di destra, e tempo fa mi ha pure dato del fascista (o comunque sembrava -_-)
    Che strana la vita.

    Ti faccio comunque notare che il thread si intitola "l'altro terrorismo". Già in questo si presuppone l'esistenza di un terrorismo "normale", quello che ci accusi di ignorare.
    Es ist nichts schrecklicher als eine tätige Unwissenheit.

Pag 1 di 3 123 UltimoUltimo

Regole di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •